AIRBUS: L’AMERICA LATINA RADDOPPIERA’ LA PROPRIA FLOTTA NEI PROSSIMI 20 ANNI

Nel periodo 2016-2035, l’America Latina richiederà 2.570 nuovi aerei passeggeri e cargo, tra cui 2.030 a corridoio singolo e 540 widebody, per un valore stimato di US $ 350 miliardi. Secondo il più recente Airbus Global Market Forecast presentato da Rafael Alonso, President of Airbus Latin America and Caribbean, all’International Brazil Air Show, la flotta di aerei passeggeri e cargo dell’America Latina supererà 3.000 macchine nei prossimi 20 anni, più del doppio della flotta attuale. Questa richiesta è alimentata dall’incremento del traffico passeggeri dell’America Latina, che è previsto crescere alla pari con la media mondiale del 4,5 per cento all’anno fino al 2035. Rafael Alonso ha dichiarato: “Non c’è dubbio che è prevista una solida crescita a lungo termine per l’America Latina, con gli aeromobili a corridoio singolo a guidare la domanda. Crediamo che la Famiglia A320neo, già in volo con i migliori vettori dell’America Latina, sia perfettamente adatta per le future esigenze di crescita e di efficienza nella regione, per le sue performance e il comfort superiori”. Alonso ha aggiunto: “Nei prossimi 20 anni l’America Latina sarà inoltre influenzata dalla crescita dei vettori low-cost in mercati chiave come Colombia, Cile e Perù. Questo modello di business avrà un impatto sulle dinamiche di mercato negli anni a venire, soprattutto in viaggi nazionali e intra-regionali. Guardando al futuro, vediamo anche una buona opportunità per i vettori della regione sullo sviluppo di rotte intra-regionali, uno spazio in cui l’America Latina è meno sviluppata rispetto ad altre regioni”. In Brasile, dove l’industria aeronautica contribuisce per oltre US $ 32 miliardi al PIL del paese, le flotte che servono il paese richiederanno oltre 1.400 velivoli entro il 2035, per soddisfare la domanda del mercato.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 30 Mar 2017 alle 3:23 pm.
Categorie: Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus