TURIKISH AIRLINES OFFRE LA CONNESSIONE WI-FI SUI VOLI VERSO GLI STATI UNITI

Turkish Airlines, Miglior Compagnia Aerea d’Europa per sei anni consecutivi secondo i recenti risultati di Skytrax, presenta delle iniziative volte alla continua garanzia di un piacevole viaggio negli Stati Uniti. Il Vettore, infatti, estende il servizio wi-fi gratuito di Business Class anche ai passeggeri dell’economy, a fronte della consegna da parte di questi ultimi dei loro tablet o computer portatili al personale della Compagnia Aerea durante l’imbarco dei voli diretti negli Stati Uniti. Per i passeggeri che preferiscono non riporre i loro dispositivi elettronici nel bagaglio registrato al check-in, Turkish Airlines offre uno speciale servizio che dà ai viaggiatori diretti verso Stati Uniti e Regno Unito un metodo sicuro per portare il proprio equipaggiamento elettronico, in una zona speciale della stiva dell’aereo. I dispositivi possono essere utilizzati al gate fino all’imbarco. Continuando con l’obiettivo di aumentare la soddisfazione dei passeggeri, Turkish Airlines offre inoltre cuffie di alta qualità per chi viaggia in classe economica sui voli a lungo raggio. Questo nuovo servizio sarà immediatamente efficace su tutti i voli per gli Stati Uniti e per tutti gli altri voli a lungo raggio di Turkish Airlines da maggio 2017. I passeggeri si sentiranno più a proprio agio con questi auricolari di alta qualità, appositamente progettati per le lunghe ore di volo. Turkish Airlines migliora continuamente il suo sistema d’intrattenimento in volo, oltre agli altri servizi, al fine di far sentire speciali i propri ospiti per tutta la durata del volo. Le cuffie confortevoli con una maggiore qualità del suono permetteranno ai passeggeri di godere ininterrottamente del sistema pluripremiato di inflight entertainment, Planet, che offre migliaia di ore di musica e cinema.

(Ufficio Stampa Turkish Airlines)

Articolo scritto da JT8D il 10 Apr 2017 alle 2:39 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus