EMIRATES GROUP ANNUNCIA I RISULTATI 2016-17

Emirates Group ha annunciato oggi il suo 29° anno consecutivo di profitto e un’espansione continua del business, nonostante un anno turbolento per l’aviazione e i viaggi. Il Grupo ha registrato un utile di 2,5 miliardi di AED (670 milioni di dollari USA) per l’esercizio chiuso al 31 marzo 2017, in calo del 70% rispetto al profitto record dell’anno scorso. I ricavi del Gruppo hanno raggiunto 94,7 miliardi di AED (25,8 miliardi di dollari USA), in aumento del 2% rispetto ai risultati dell’anno scorso. Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Chairman and Chief Executive, Emirates Airline and Group, ha dichiarato: “Emirates e dnata hanno continuato a produrre profitti e a sviluppare il business, nonostante il 2016-17 è stato uno dei nostri anni più impegnativi ad oggi. Nel corso degli anni abbiamo investito per costruire le nostre capacità commerciali e la reputazione del brand. Ora viviamo i benefici, dato che questi forti fondamentali ci hanno aiutato a combattere gli eventi destabilizzanti che hanno influenzato la domanda di viaggi durante l’anno: dal voto Brexit alle sfide dell’immigrazione europea e degli attacchi terroristici, fino alle nuove politiche che influenzano i viaggi aerei negli Stati Uniti”.

Nel 2016-17, il gruppo ha investito collettivamente 13,7 miliardi di AED in nuovi aeromobili e attrezzature, nell’acquisizione di aziende, in strutture moderne e nelle più recenti tecnologie e iniziative per il personale.

“Questi investimenti rafforzeranno ulteriormente la nostra resilienza, adattando le nostre imprese al clima volatile del business e alle aspettative dei consumatori in rapida evoluzione. Rimaniamo ottimisti per il futuro del nostro settore, anche se ci aspettiamo che l’anno in corso rimanga impegnativo con la forte concorrenza e la volatilità in molti mercati che influenzano i flussi e la domanda di viaggi. Emirates e dnata rimarranno in sintonia con gli eventi e le tendenze che influenzano la nostra attività, affinché possano rispondere rapidamente alle opportunità e alle sfide. Andiamo avanti anche nel nostro percorso di trasformazione digitale. Stiamo ridisegnando ogni aspetto del nostro business, alimentato da una suite completamente nuova di tecnologie. Il nostro obiettivo è quello di offrire esperienze personalizzate ai clienti senza soluzione di continuità e rendere ancora più efficienti le nostre operazioni e le funzioni di back-office”.

Emirates ha ricevuto 35 nuovi aeromobili, il numero più alto durante un esercizio finanziario, composto da 19 A380 e 16 Boeing 777-300ER. Allo stesso tempo, 27 aeromobili più vecchi sono stati eliminati, portando la flotta totale a 259 aerei alla fine di marzo. Questo roll-over di flotta che coinvolge 62 aeromobili è stato il programma più grande mai gestito in un anno e ha portato l’abbassamento dell’età media della flotta Emirates a 63 mesi, rispetto ai 74 mesi dello scorso anno e alla media industriale di 140 mesi. Esso sottolinea la strategia di Emirates di operare una flotta giovane e moderna. La compagnia aerea rimane il più grande operatore al mondo di Boeing 777 e A380. Durante l’anno, Emirates ha lanciato sei nuove destinazioni passeggeri: Fort Lauderdale, Hanoi, Newark, Yangon, Yinchuan e Zhengzhou. Oltre a una nuova destinazione cargo: Phnom Penh. Inoltre ha aggiunto servizi e capacità verso nove città del suo network esistente in Africa, Asia, Europa, Medio Oriente e Nord America, offrendo ai clienti una scelta ancora maggiore.

Nonostante le svalutazioni monetarie significative nei confronti del dollaro USA e le rettifiche tariffarie dovute ad un ambiente imprenditoriale molto competitivo, Emirates è riuscita a mantenere stabile le proprie entrate a 85,1 miliardi di AED (23,2 miliardi di dollari USA). L’aumento del dollaro USA contro le valute nella maggior parte dei mercati chiave di Emirates ha avuto un impatto di AED 2,1 miliardi (572 milioni di dollari USA) sulle entrate della compagnia aerea. I costi operativi totali sono aumentati dell’8% rispetto all’esercizio finanziario 2015-16. La compagnia aerea ha gestito con successo un aumento della pressione concorrenziale in tutti i mercati per rimanere redditizia, con un profitto di 1,3 miliardi di AED (340 milioni di dollari USA), in diminuzione dell’82% rispetto ai risultati record dell’anno scorso.

Emirates ha registrato un record di 56,1 milioni di passeggeri (+8%) e ha raggiunto un load factor del 75,1%. Il calo del load factor rispetto al 76,5% dello scorso anno è relativo al forte aumento del 10% della capacità in Available Seat Kilometers (ASKM) e anche in parte dovuto alla persistente incertezza economica e alla forte concorrenza in molti mercati.

Emirates ha continuato a investire nel rinnovare i propri prodotti e servizi in linea con le mutevoli esigenze dei clienti. La compagnia aerea ha rivelato la sua rinnovata A380 Onboard Lounge che entrerà in servizio nel luglio 2017 e ha annunciato un accordo significativo con Thales per dotare la sua futura flotta di Boeing 777X del sistema di intrattenimento AVANT di Thales.

Altre iniziative chiave nel 2016-17 includono la trasformazione della sua Business Class Lounge presso il Concourse B del Dubai International Airport, l’apertura di una nuova Emirates Lounge a Città del Capo e l’introduzione di nuovi servizi di bordo per i passeggeri in tutte le classi, comprese le coperte sostenibili in Economy Class realizzate con le bottiglie di plastica riciclate al 100%, utilizzando la tecnologia brevettata ecoTHREAD.

Emirates SkyCargo continua a svolgere un ruolo fondamentale nelle operazioni della compagnia, contribuendo al 13% del fatturato totale. La divisione cargo di Emirates ha registrato ricavi pari a 10,6 miliardi di AED (2,9 miliardi di dollari USA), con un calo del 5% rispetto allo scorso anno, mentre il tonnellaggio è aumentato del 3%, raggiungendo 2,6 milioni di tonnellate. La flotta totale di SkyCargo è rimasta invariata, con 15 aeromobili: 13 Boeing 777F e due Boeing 747-400F.

Nei suoi 58 anni di attività, il 2016-17 è stato il più redditizio per dnata, superando per la prima volta il profitto di 1,2 miliardi di AED (US $ 330 milioni). Sulla base dei forti risultati dell’anno precedente, le entrate di dnata sono cresciute a 12,2 miliardi di AED, in crescita del 15%. L’attività internazionale di dnata rappresenta oggi il 66% delle sue entrate. Questo sostanziale aumento dei ricavi è stato raggiunto grazie alla crescita organica sostenuta dalle nuove acquisizioni di dnata Aviation Services negli Stati Uniti nell’aprile del 2016 e Air Dispatch nella Repubblica Ceca nel luglio 2016, oltre ad un aumento della sua quota di partecipazione in Oman United Agencies Travel e all’intero impatto di dnata Brazil acquisita durante l’anno precedente. Le entrate provenienti dalle operazioni aeroportuali nell’UAE di dnata, compresi gli aeromobili e la movimentazione dei carichi, sono aumentate del 6%, raggiungendo 3,0 miliardi di AED (823 milioni di dollari USA). In linea con la crescita dei ricavi, il numero di aerei gestiti da dnata negli Emirati Arabi è aumentato del 2% a 216.000 e la movimentazione del carico del 4% a 714.000 tonnellate. La Divisione Operations International Airport di dnata ha registrato un incremento sostanziale dei ricavi del 59% a 3,3 miliardi di AED (906 milioni di dollari USA), a causa dell’incremento dei volumi di affari e delle nuove acquisizioni negli Stati Uniti, nonché dell’impatto annuale di dnata Brazil e dnata BV Olanda.

Le operazioni aeroportuali internazionali rappresentano oggi il segmento di attività più grande in dnata per il contributo alle entrate. Il numero di aeromobili gestiti dalla divisione è più che raddoppiato in un anno del 129%, a 408.000, e il Cargo ha notato una crescita sostanziale del 56%, a 2.1 milioni di tonnellate di merci trattate. I ricavi della divisione Travel Services di dnata hanno registrato un leggero calo del 5%, a 3,1 miliardi di AED (854 milioni di dollari USA).

(Ufficio Stampa Emirates)

Articolo scritto da JT8D il 11 Mag 2017 alle 9:19 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus