ETHIOPIAN AIRLINES VINCE IL PREMIO COME PRIMA COMPAGNIA AEREA AFRICANA DEL 2017

EthiopianEthiopian Airlines, la linea aerea più grande dell’Africa, è lieta di annunciare che ha vinto per la seconda volta il Premio come Prima Compagnia Aerea Africana del 2017 durante la 26° Conferenza annuale dell’aviazione finanziaria, che si è tenuta a Johannesburg. Il premio è stato consegnato all’Ethiopian Airlines come riconoscimento della sua continua rapida crescita, della maggiore redditività e del suo eccezionale contributo allo sviluppo dell’aviazione in Africa.

Mr Meseret Bitew, Acting Chief Financial Officer, Ethiopian Airlines, ha dichiarato: “siamo molto lieti di ricevere il Premio “African Airline of the Year Award” per la seconda volta di fila; una testimonianza del nostro impegno a servire il nostro amato continente africano. Il lodevole successo di Ethiopian Airlines è generato dalle capacità del management della Compagnia e dal duro lavoro giornaliero di migliaia di etiopi dipendenti. Il collegare più paesi africani con il resto del mondo porta allo crescita e allo sviluppo economico, continuando così l’Africa potrà essere economicamente liberale”.

Mr Nick Fadugba , African Aviation CEO, ha dichiarato: “negli ultimi 12 mesi, Ethiopian Airlines ha ulteriormente ampliato il suo network, modernizzato la sua flotta, inaugurato tre nuovi hangar per la manutenzione degli aerei , una nuova struttura di catering e ha rafforzato joint venture in Africa. Inoltre, ha raggiunto un fatturato record ed è sulla buona strada per superare gli obiettivi strategici prefissati per il 2025.

Ethiopian è una compagnia aerea vincente, ha ricevuto molti premi negli ultimi cinque anni: : “Airline of the Year Award”, “SkyTrax World Airline Award”, per miglior personale , “ Best African Cargo Airline” per il miglio servizio merci anche e il “Best Arline in Africa”.

(Ufficio stampa Ethiopian Airlines)

Articolo scritto da mcgyver79 il 6 Giu 2017 alle 4:05 pm.
Categorie: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Eventi e Manifestazioni - Tags: ,




    closeReblog this comment
    blog comments powered by Disqus