L’E190 RICEVE LA TYPE CERTIFICATION DALLA SOUTH AFRICAN CIVIL AVIATION AUTHORITY

L’E190 ha ricevuto questa settimana la Type Certification dalla South Africa’s Civil Aviation Authority. Airlink, la più grande compagnia aerea regionale privata dell’Africa meridionale, ha recentemente preso in consegna il suo primo E190, che presto entrerà in servizio. L’E190 di Airlink farà il suo debutto pubblico in Sudafrica all’Adrenaline Air Show, Wonderboom National Airport, Pretoria, che si terrà il 10 e l’11 giugno. La certificazione apre nuove opportunità per questi aeromobili in Sudafrica. Embraer vede un mercato di circa 50 aerei nella categoria di prodotti del costruttore nel prossimo decennio. Già  importante cliente Embraer, Airlink ha recentemente deciso di aggiungere altri 11 ERJ 140 alla propria flotta e presto opererà 30 Embraer Regional Jets di tutti e tre i tipi - ERJ 135, ERJ 140 e ERJ 145 - la cui consegna sarà completata entro la metà del 2018. “La nostra partnership con Airlink prosegue con forza. È bello vedere questa eccellente compagnia aerea che modernizza la propria flotta e siamo soddisfatti di far parte della loro storia di crescita”, ha dichiarato Reinaldo Krugner, Vice President for Africa, Latin America & Portugal, Embraer Commercial Aviation. “Questa certificazione apre nuove opportunità per il velivolo, che ha già ottenuto un notevole successo in altre regioni del mondo. Sono fiducioso che molto presto vedremo ancora più E-Jets volare attraverso i pittoreschi cieli del Sud Africa”. Rodger Foster, CEO di Airlink, ha dichiarato: “L’Embraer experience continua ad essere un grande valore per Airlink e i nostri clienti. E’ emozionante vedere questo jet diventare parte della nostra flotta crescente. Non vediamo l’ora di vedere la reazione dei clienti alla nostra nuova aggiunta”.

(Ufficio Stampa Embraer)

Articolo scritto da JT8D il 10 Giu 2017 alle 11:21 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze / Operatori, Enti e Istituzioni, Industria - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus