AIRBUS PRESENTA I RISULTATI FINANZIARI DEL PRIMO SEMESTRE 2017

Airbus SE ha annunciato i risultati finanziari del primo semestre 2017, mantenendo la guidance per l’intero anno. “Il commercial aircraft environment rimane in salute, mentre il robusto order backlog continua a sostenere i nostri piani di production ramp-up. Tuttavia, stiamo affrontando sfide a causa di engine issues in corso, ma abbiamo una chiara road-map in atto e abbiamo mantenuto la nostra guidance per tutto l’anno. Il raggiungimento dell’obiettivo di consegna degli aeromobili dipende dai fornitori dei motori e dal fatto che soddisfino i loro impegni”, ha affermato Tom Enders, Chief Executive Officer di Airbus. “Il nostro focus nella seconda metà rimane esattamente l’esecuzione dei programmi e lo sviluppo del ramp-up. In Helicopterts, risolvere la situazione che riguarda l’H225 supportando i nostri clienti è una priorità assoluta, mentre in Defence & Space continuiamo i nostri sforzi per il de-risk del programma A400M. A lungo termine, Airbus beneficerà del suo forte impegno nell’innovazione e nella struttura più efficiente e integrata”.

L’Order Intake totale è pari a 37,2 miliardi di euro (H1 2016: 39,1 miliardi di euro) con order book pari a 981 miliardi di euro al 30 giugno 2017 (fine 2016: 1.060 miliardi di euro). Sono stati ricevuti complessivamente 203 ordini netti di velivoli commerciali (H1 2016: 183 aeromobili), con un portafoglio ordini di 6.771 aeromobili alla fine di giugno. Durante il Paris Air Show di giugno, sono stati annunciati 144 ordini fermi e 202 impegni. Gli ordini netti per gli elicotteri sono aumentati a 151 (H1 2016: 127 ordini netti), di cui 30 H225M per il Kuwait. L’assunzione di ordini per Defence & Space è stata influenzata dai cambiamenti perimetrali derivanti dalla riorganizzazione del portafoglio e da alcuni rallentamenti nei satelliti di telecomunicazione. Un momento con buoni ordini è stato visto in Military Aircraft, con 19 aeromobili light e medium.

I ricavi sono stabili a 28,7 miliardi di euro (H1 2016: 28,8 miliardi di euro) nonostante i cambiamenti perimetrali in Defence & Space. I ricavi di Commercial Aircraft sono aumentati del tre per cento, con le consegne di 306 aerei (H1 2016: 298 aerei) che comprendono 239 A320 family, 30 A350 XWB, 31 A330 e sei A380. I ricavi di Helicopters sono aumentati del nove per cento con le consegne di 190 unità (H1 2016: 163 unità). I ricavi di Defence & Space riflettono un impatto negativo di circa 1,2 miliardi di euro rispetto ai cambiamenti perimetrali.

L’EBIT Adjusted ammonta complessivamente a 1,099 miliardi di euro (H1 2016: 1,679 miliardi di euro). L’EBIT Adjusted di Commercial Aircraft è pari a 954 milioni di euro (H1 2016: 1,269 miliardi di euro), riflettendo il mix di consegna degli aeromobili, la fase di phasing nonché i prezzi di transizione.

I progressi dell’A350 sono stati realizzati con 30 consegne rispetto alle 12 nella prima metà del 2016. Il programma A350 è nei tempi per soddisfare il target che prevede un rateo di produzione mensile di 10 aeromobili entro la fine del 2018. Nel secondo trimestre, Qatar Airways ha annullato quattro slot di consegna A350. Il focus rimane sulla convergenza dei costi ricorrenti. Per il programma A320neo sono stati consegnati 59 aeromobili rispetto a otto nella prima metà del 2016. Il rilancio dell’A320neo rimane impegnativo e i clienti stanno ancora riscontrando una serie di in-service engine issues. Il fornitore del motore Pratt & Whitney ha introdotto alcune correzioni ma questi miglioramenti non hanno ancora dato una base affidabile in condizioni di servizio normali. Circa 200 consegne A320neo sono previste nel 2017, ma questo obiettivo è più impegnativo per questi problemi del motore. Considerando l’attuale situazione di prenotazione degli ordini A380, le consegne 2019 saranno adeguate a otto aeromobili.

L’EBIT Adjusted di Helicopters ha registrato un totale di 93 milioni di euro (H1 2016: 144 milioni di euro), che rispecchia un mix sfavorevole, principalmente da tempi di volo più bassi in servizio e dall’impatto derivante dalla messa a terra parziale dell’H225. Nel mese di luglio le autorità aeronautiche britanniche e norvegesi hanno revocato il divieto di volo dell’H225. Tuttavia, l’attuazione di misure di sicurezza migliorate richiederà un piano di controlli, modifiche e ispezioni preventive. Airbus continuerà a sostenere i suoi clienti, come e quando necessario, per riportare progressivamente la flotta H225 operativa.

L’EBIT Adjusted di Defence & Space si è ridotto a 248 milioni di euro (H1 2016: 322 milioni di euro), riflettendo il cambiamento perimetrale, ed è stato sostanzialmente stabile su base comparabile.

Otto A400M sono state consegnati rispetto a cinque aeromobili nella prima metà del 2016. Airbus ha continuato con le attività di sviluppo dell’A400M per raggiungere la capacità condivisa con il cliente. Tuttavia, il raggiungimento delle capacità tecniche contrattuali e dei relativi costi rimangono estremamente impegnativi. Le discussioni per il de-risk del programma A400M sono in corso con le Nazioni e l’OCCAR.

L’EBIT (reported) di 1,791 miliardi di euro (H1 2016: 1,851 miliardi di euro) comprende le rettifiche per un valore netto di 692 milioni di euro, rispetto alle rettifiche nette di 172 milioni di euro nel primo semestre del 2016. L’utile netto ammonta a 1,503 miliardi di Euro (H1 2016: 1,761 miliardi di Euro). Il risultato finanziario è stato di € 66 milioni (H1 2016: € -148 milioni).

Come base per la sua guidance del 2017, Airbus prevede che l’economia mondiale e il traffico aereo crescano in linea con le previsioni, in assenza di gravi disturbi. Il costruttore prevede di consegnare più di 700 aeromobili commerciali, che dipendono dagli impegni assunti dai costruttori dei motori. Airbus prevede una crescita percentuale a singola cifra dell’EBIT Adjusted e dell’EPS Adjusted rispetto al 2016.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 27 Lug 2017 alle 4:49 pm.
Categorie: Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus