LUFTHANSA GROUP: FORTE INCREMENTO DEI PROFITTI NEL SECONDO TRIMESTRE 2017

Lufthansa Group ha aumentato i suoi ricavi totali del 12,7%, a 17,0 miliardi di euro, nei primi sei mesi del 2017 (periodo precedente: 15,0 miliardi di euro). L’Adjusted EBIT è quasi raddoppiato, attestandosi a oltre 1 miliardo di euro (periodo precedente: 529 milioni di euro), rappresentando per Lufthansa Group il risultato migliore di sempre nel primo semestre. La performance dei ricavi è attribuibile principalmente alla forte domanda e alla riduzione dei costi unitari delle passenger airlines del Gruppo. I costi unitari esclusi fuel e effetto valutario sono diminuiti dell’1,2 per cento nel primo semestre e del 3,4 per cento nel secondo trimestre. I ricavi unitari a valuta costante sono aumentati dello 0,5 per cento nel primo semestre e dell’1,8 per cento nel secondo trimestre. I load factor sono cresciuti sui livelli dell’anno precedente in tutte le regioni di traffico, nonostante la maggiore capacità. Il margine Adjusted EBIT del 6,1 per cento rappresenta un miglioramento di 2,6 punti percentuali rispetto al periodo precedente. I maggiori costi del carburante hanno gravato il risultato con 223 milioni di euro. Tutte le performance del primo semestre del Gruppo e le spese per il fuel comprendono l’impatto del primo consolidamento di Brussels Airlines e del wet leasing da Air Berlin.

“Abbiamo ottenuto il miglior risultato riguardo il primo semestre nella storia della nostra compagnia”, afferma Ulrik Svensson, Chief Financial Officer of Deutsche Lufthansa AG. “Oltre alla forte domanda e ad un solido pricing environment, questo è dovuto al fatto che abbiamo raggiunto un’ulteriore riduzione strutturale dei costi. Il nostro duro lavoro nel taglio dei costi sta raccogliendo i suoi risultati. Ma dobbiamo continuare questi sforzi: questo è il modo più importante per migliorare i nostri margini”.

L’utile netto per la prima metà del 2017 ammonta a 672 milioni di euro, con un miglioramento del 56,6% rispetto al precedente esercizio (anno precedente: 429 milioni di euro). Il flusso di cassa da attività operative è aumentato di oltre 1 miliardo di euro, a 3,2 miliardi di euro. L’incremento è stato determinato dal buon risultato e dalle prenotazioni anticipate per il terzo trimestre.

“I nostri principali indicatori di performance finanziaria sono sulteriormente migliorati”, conferma Ulrik Svensson. “Il nostro free cash flow è quasi raddoppiato e il nostro debito finanziario netto è stato più che dimezzato. I ricavi più elevati e i minori costi hanno permesso di finanziare in modo sano gli investimenti necessari per i nuovi aeromobili e un prodotto attraente. Tutto ciò è di vitale importanza per mantenere la nostra compagnia la numero uno in Europa”.

Le Network Airlines di Lufthansa Group hanno aumentato i loro ricavi nel primo semestre di 700 milioni di euro, a 11,1 miliardi di euro, grazie alla forte domanda in tutte le regioni di traffico. Le Network Airlines hanno registrato un Adjusted EBIT di 757 milioni di euro per il periodo (anno precedente: 487 milioni di euro). Tutte le compagnie hanno abbassato il loro costo unitario rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Lufthansa German Airlines e Austrian Airlines inoltre hanno visto aumentare i loro ricavi unitari.

Lufthansa German Airlines ha conseguito nel primo semestre un Adjusted EBIT di 569 milioni di euro (anno precedente: 361 milioni di euro).

SWISS ha più che compensato un calo delle rendite con un sostanziale aumento delle vendite e ha aumentato il suo Adjusted EBIT per il periodo a 187 milioni di euro (anno precedente: 127 milioni di euro).

Nel dettaglio, SWISS International Air Lines (SWISS) ha generato ricavi totali per 2,36 miliardi di franchi per i primi sei mesi del 2017, con un incremento del 3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (H1 2016: 2,28 miliardi di franchi). I guadagni del primo semestre prima degli interessi e delle imposte ammontano a 200 milioni di CHF, con un miglioramento del 31% rispetto all’esercizio precedente (H1 2016: CHF 153 milioni). L’aumento sostanziale dell’EBIT è attribuibile in particolare agli incrementi di efficienza derivanti dai rinnovi di flotta attuali. I ricavi del primo semestre sono stati ulteriormente accentuati dai maggiori volumi di traffico che hanno determinato maggiori ricavi sia sul fronte passeggeri che sul cargo. L’EBIT del secondo trimestre ammonta a CHF 163 milioni, in miglioramento del 24% rispetto al precedente esercizio (Q2 2016: CHF 131 milioni). Anche i ricavi del secondo trimestre sono aumentati del 4%, a CHF 1,26 miliardi (Q2 2016: CHF 1,21 miliardi). SWISS prevede di segnalare un EBIT per il 2017 in miglioramento rispetto al risultato dell’anno precedente.

Austrian Airlines ha generato maggiori ricavi nella prima metà del 2017. I ricavi operativi complessivi della prima metà del 2017 sono aumentati dell’8 per cento, a 1,149 miliardi di euro (H1 2016: 1,060 miliardi di euro). Le spese operative totali sono aumentate dell’8 per cento (83 milioni di euro) a 1,141 miliardi di euro (H1 2016: 1,058 miliardi di euro), attribuibili ai maggiori costi materiali e tecnici. Tuttavia, in bilancio è rimasto un maggior profitto: l’EBIT ammonta a 8,0 milioni di euro al 30 giugno 2017 (H1 2016: 2 milioni di euro). L’Adjusted EBIT nel primo semestre è pari a 3 milioni di euro (H1 2016: -1 milione di euro). Il secondo trimestre è stato particolarmente favorevole, con un Adjusted EBIT pari a 63 milioni di euro, con un incremento di 34 milioni di euro rispetto all’Adjusted EBIT del secondo trimestre del 2016 pari a 29 milioni di euro.

Le compagnie point-to-point del Gruppo hanno quasi raddoppiato i loro ricavi per il primo semestre, a 1,8 miliardi di euro (anno precedente: 0,9 miliardi). Il loro guadagno totale è migliorato di 58 milioni di euro, a -77 milioni di euro. Sia Eurowings che Brussels Airlines hanno registrato un risultato positivo per il secondo trimestre.

“Tutte le nostre compagnie aeree hanno potuto migliorare i loro load factor, nonostante aumentano le capacità”, aggiunge Svensson. “Ciò dimostra che i nostri prodotti sono ben accolti dai nostri clienti. Di conseguenza, in particolare le nostre Network Airlines hanno contribuito notevolmente ai nostri guadagni complessivi. Siamo anche molto soddisfatti degli sviluppi di Eurowings”.

Lufthansa Cargo ha registrato un Adjusted EBIT positivo sia per il primo che per il secondo trimestre, con conseguenti ricavi nel primo semestre pari a 78 milioni di euro (anno precedente: -45 milioni di euro).

Lufthansa Technik ha migliorato il proprio Adjusted EBIT dell’8,8 per cento, a 222 milioni di euro (anno precedente: 204 milioni di euro).

LSG Group ha raggiunto un Adjusted EBIT di 13 milioni di euro per il primo semestre (anno precedente: 24 milioni di euro). La diminuzione è principalmente riconducibile ai costi di ristrutturazione.

“Vista la nostra crescita nel primo semestre e la migliore visibilità nell’importante periodo del terzo trimestre, abbiamo alzato la nostra previsione per il 2017″, afferma Ulrik Svensson. Riguardo le passenger airlines, la crescita organica della capacità nel secondo semestre dovrebbe essere del 4,7 per cento. Dal punto di vista odierno, i ricavi unitari a valuta costante saranno negativi nel secondo semestre rispetto al precedente esercizio. I costi unitari esclusi il fuel e gli effetti valutari dovrebbero diminuire leggermente nel secondo semestre. Lufthansa Group prevede un Adjusted EBIT per il 2017 superiore rispetto all’anno precedente.

(Ufficio Stampa Deutsche Lufthansa AG, SWISS International Air Lines, Austrian Airlines)

Articolo scritto da JT8D il 2 Ago 2017 alle 5:01 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze / Operatori - Tags: , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus