LEONARDO: NUOVI ORDINI IN BRASILE PER GLI ELICOTTERI VIP AW169 E GRANDNEW

Leonardo ha annunciato nei giorni scorsi nuovi successi per i propri elicotteri executive in Brasile che rafforzano ulteriormente la leadership dell’Azienda nel Paese e sul mercato mondiale per questa applicazione operativa. Gli ordini riguardano in particolare tre AW169 e un GrandNew per altrettanti clienti VIP brasiliani che espandono ulteriormente la presenza di Leonardo sul mercato elicotteristico del Paese sudamericano dove fino ad oggi sono state vendute quasi 200 macchine di vario tipo per diversi impieghi commerciali, militari e di pubblica utilità. Gli elicotteri leggeri bimotore della serie GrandNew e AW109 vantano un solida presenza in Brasile. La combinazione di avanzate caratteristiche di tipo tecnologico e prestazionale, insieme all’elevato livello di confort e sicurezza, fanno del GrandNew la soluzione ideale per il trasporto VIP/corporate in Brasile e nel mondo. Sono oltre 360 le unità vendute fino ad oggi a più di 220 clienti in quasi 40 Paesi. Il Brasile offre anche grandi opportunità per il più recente AW169. Degli oltre 160 elicotteri di questo tipo venduti fino ad oggi nel mondo infatti, quasi 20 sono destinati al mercato brasiliano. L’elicottero di nuova generazione AW169 si è dimostrato capace di soddisfare appieno le nuove esigenze degli operatori e presenta molteplici innovazioni anche per la sicurezza. Nuove soluzioni tecnologiche sono state adottate per i rotori, i motori, l’avionica, la trasmissione e i sistemi di alimentazione e questo modello è in grado di trasportare nella sua confortevole cabina fino a dieci passeggeri. Grazie alle prossime consegne dei suoi nuovi modelli e alla crescita della presenza in Brasile e in Sud America, Leonardo conferma la sua leadership sul mercato mondiale degli elicotteri VIP bimotore con una quota del 50%.

(Ufficio Stampa Leonardo)

Articolo scritto da JT8D il 21 Ago 2017 alle 9:34 pm.
Categorie: Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus