AIR EUROPA SCOMMETTE SULL’ITALIA

Air Europa, la compagnia aerea del gruppo Globalia, continua il suo piano di espansione e crescita che, nella prima metà del 2018, vedrà come protagonista l’Italia. Il vettore iberico, infatti, continua a scommettere sul Belpaese annunciando l’implementazione delle frequenze dagli hub di Roma Fiumicino e Milano Malpensa verso l’aeroporto madrileno e il ripristino della rotta Venezia-Madrid. A partire da gennaio 2018, i collegamenti da Roma aumenteranno a tre voli giornalieri operati con Boeing 737-800, velivolo in grado di trasportare 180 passeggeri, 12 dei quali in classe Business, e dotato di servizi Wi-Fi e Streaming. Da marzo 2018, si aggiungerà una frequenza in più anche da Milano Malpensa, arrivando così a tre voli giornalieri. Un’altra grandissima novità è prevista sempre per quello stesso mese: si tratta della riapertura della rotta Venezia-Madrid, con doppia frequenza giornaliera, ripristinata per agevolare il numero sempre più elevato di passeggeri in partenza dall’Italia. I collegamenti tra le due città verranno operati sia con Boeing 737-800 sia con Embraer 190, configurato con 120 sedili. Saranno in tutto otto, quindi, i voli giornalieri che avvicineranno sempre di più l’Italia alla Spagna e che daranno modo di offrire un ampio ventaglio di connessioni verso le destinazioni long haul di America e Caraibi operate da Air Europa. I nuovi voli sono già tutti caricati a sistema e quindi vendibili. Il prossimo anno, inoltre, la divisione aerea di Globalia affronterà la seconda fase di rinnovo della flotta con la consegna di nuovi Boeing 787 Dreamliner, che amplieranno il network di lungo raggio della Compagnia. Alla crescita della flotta transatlantica, si aggiungerà anche il rinnovo di corto e medio raggio con l’arrivo nel 2018 degli ultimi tre Boeing 737-800 NG.

(Ufficio Stampa Air Europa)

Articolo scritto da JT8D il 4 Set 2017 alle 4:31 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze / Operatori - Tags: , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus