CATHAY PACIFIC AIRWAYS FINALIZZA ORDINE PER 32 AIRBUS A321NEO

Cathay Pacific Airways ha finalizzato un ordine con Airbus relativo all’acquisto di 32 aeromobili single-aisle A321neo. Gli aeromobili saranno operati da Cathay Dragon, il vettore regionale del Gruppo, sulle rotte che collegano la sua base di Hong Kong con diverse destinazioni in Asia. L’accordo di oggi fa seguito a una Lettera d’Intenti annunciata lo scorso mese di agosto. I nuovi A321neo andranno a sostituire e modernizzare l’attuale flotta di 15 A320 e otto A321 di Cathay Dragon, consentendo al vettore di cogliere le possibilità di crescita offerte dalla regione. Cathay Dragon serve attualmente 56 destinazioni in Asia, di cui 28 nella Cina continentale. Cathay Dragon opera unicamente aeromobili Airbus. La sua flotta attuale conta 23 aeromobili della Famiglia A320 e 24 widebody A330-300. Inoltre, Cathay Pacific opera 37 A330-300, cosa che lo rende il più grande operatore di A330 nella regione Asia-Pacifico. Cathay Pacific opera anche il nuovissimo A350 XWB per il lungo raggio, con 18 A350-900 attualmente in servizio. Il vettore ha anche siglato ordini per 30 A350 XWB, comprendenti sia gli A350-900 che i più grandi A350-1000, che saranno consegnati in futuro. L’A321 è il membro più grande della Famiglia A320 ed è in grado di accogliere fino a 240 passeggeri, a seconda della configurazione della cabina. Dotato delle ultime innovazioni in termini di motorizzazione, aerodinamica e caratteristiche di cabina, l’A321neo offre una riduzione dei consumi di carburante di circa il 20% per posto. La Famiglia A320 è la famiglia di aeromobili a corridoio singolo più venduta al mondo. A oggi sono stati ordinati oltre 13.200 aeromobili di cui oltre 7.700 già consegnati a circa 400 clienti e operatori nel mondo.

Airbus ha inoltre annunciato che ha completato per la prima volta l’installazione di una titanium 3D-printed bracket su un A350 XWB in produzione di serie. La staffa, costruita utilizzando additive-layer manufacturing (ALM) technologies (conosciute anche come 3D-printing), fa parte dell’aircraft pylon, la sezione di unione tra ali e motori. L’Additive-layer manufacturing fa “crescere” i pezzi, da materiali come alluminio, titanio, acciaio inossidabile e plastica, aggiungendo sottili strati di materiale in fasi incrementali, consentendo di produrre componenti complessi direttamente dai dati provenienti dalla progettazione computer-aided design (CAD). Alcune 3D-printed parts stanno già volando su alcuni degli Airbus A320neo e A350 XWB test aircraft. Queste includono metal printed cabin brackets e bleed pipes.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 13 Set 2017 alle 6:07 pm.
Categorie: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Industria - Tags: , , , , , , , ,


I commenti sono chiusi.