AIRBUS: I VETTORI DEL MEDIO ORIENTE RADDOPPIERANNO LA LORO FLOTTA NEI PROSSIMI 20 ANNI

Tempo di lettura: 1 minuto

La dimensione della flotta degli operatori in Medio Oriente è previsto che raddoppierà da 1.250 a 3.320 aerei nei prossimi due decenni, secondo l’Airbus Global Market Forecast. Il Medio Oriente avrà bisogno di circa 2.590 nuovi aeromobili entro il 2036, per la sostituzione di 520 aeromobili di vecchia generazione, oltre a 2.070 aerei per la crescita, mentre 730 dovrebbero rimanere in servizio nel periodo. Questa domanda comprende 1.080 aerei twin-aisle, con lo stesso numero di aerei single-aisle (1.080) e 430 very large aircraft. Nel complesso, la domanda futura per la flotta del Medio Oriente è valutata 600 miliardi di dollari. Gli ordini correnti dei vettori basati in Medio Oriente sono pari a 1.319 aeromobili, di cui 687 single-aisle, 409 twin-aisle e 162 very large aircraft. Il traffico passeggeri verso e all’interno del Medio Oriente crescerà del 5,9% ogni anno fino al 2036, ben al di sopra della media globale del 4,4%. “Grazie all’A350, all’A380 e anche alla famiglia A320, la maggior parte delle persone in tutto il mondo possono volare in Medio Oriente. La vicinanza della regione con mercati in crescita è stata una chiave del suo successo nel settore dell’aviazione e Airbus è orgogliosa di essere partner nel suo sviluppo dal primo giorno”, ha dichiarato John Leahy, Chief Operating Officer Customers, Airbus Commercial Aircraft. Oggi, il 30% delle persone nei mercati emergenti come l’India, la Cina e alcuni paesi dell’ASEAN effettuano in media almeno un viaggio in aereo e entro il 2036 questo dato crescerà sopra l’80%.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 16 Ott 2017 alle 8:34 pm.
Categorie: Industria - Tags: , ,




    closeReblog this comment
    blog comments powered by Disqus