VOLOTEA, PROSEGUE L’ESPANSIONE. E VERONA SARA’ LA PRIMA BASE ITALIANA AD AVERE GLI A319

L’appuntamento annuale con TTG Incontri di Rimini è stato l’occasione per tirare le fila sulle novità di Volotea, vettore spagnolo in costante espansione sul mercato italiano.

E’ Valeria Rebasti (foto accanto), Commercial Country Manager per l’Italia, a fornire con dovizia di particolari tutti i dettagli in merito: tra le novità più importanti nel network risultano esserci destinazioni che andranno ad alimentare il traffico di due tra gli scali più importanti del vettore sul nostro territorio:
- Genova, divenuta base di Volotea lo scorso aprile, a poco meno di un anno da quell’evento – e precisamente il prossimo 30 marzo – vedrà l’inaugurazione di un collegamento stagionale su Madrid, con operativo bisettimanale; il GOA-MAD, operato con B717, sarà inizialmente stagionale in attesa di avere dei riscontri sulla risposta della clientela; ulteriori novità da Genova saranno Vienna (collegamento domenicale a partire dall’8 aprile 2018), Lampedusa e Mykonos (ogni sabato da fine maggio ad inizio ottobre il primo, stesso periodo ma il martedì il secondo).
- Verona, già oggi punto di forza nel network della compagnia, beneficerà dell’apertura di collegamenti verso Atene e Faro; per quest’ultimo va rimarcato come si tratti dell’unico diretto tra l’Italia e la città all’estremo sud del Portogallo.

Non mancano chiaramente novità anche dagli altri scali nostrani, cui abbiamo dato visibilità in precedenti news. In totale, il 2018 vedrà ben 58 rotte in più!

Ritornando a Verona, va aggiunto come lo scalo veneto diverrà il primo su suolo italiano ad ospitare stabilmente gli A319-100 che in prospettiva – si parla di 3/4 anni – andranno a rimpiazzare i 17 esemplari di B717 che attualmente compongono lo zoccolo duro della flotta (in leasing sia i Boeing che gli entranti – una decina già entrati – A319). Al momento gli Airbus erano stati dedicati al mercato francese, prevalentemente su Nantes, base principale della compagnia, ma anche a Bordeaux, Tolosa (casa Airbus) e Marsiglia. Pur non essendo il modello più recente ed efficiente, l’A319-100 incrementerà l’offerta di posti del 20% e tendenzialmente la redditività.

Per quanto riguarda la flotta è interessante evidenziare come Volotea disponga anche di un singolo esemplare di B737 (-500 BBJ, di proprietà di Air X Charter), utilizzato nel periodo di maggior picco di traffico come rinforzo,da quanto si apprende da Valeria Rebasti, sarebbe operativo in livrea Volotea e nella configurazione originaria (un vero aereo VIP da 56 posti, con persino un sito dedicato: http://9h-aha.com/)

In tema di Airbus e Volotea, la compagnia spagnola e CAE (società leader nella formazione aeronautica sia civile che militare) hanno siglato un accordo per un cadet program finalizzato a portare in azienda dei primi ufficiali; il corso per ottenere l’ATPL su A320 Family, denominato “Volotea First Officer Programme”, ha una durata di 72 settimane e un costo di poco superiore a 130.000€. Info su http://www.caeoaa.com/

(Fabrizio Ripamonti – MD80.IT)

Articolo scritto da mcgyver79 il 19 Ott 2017 alle 10:53 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Opp. lavoro / Scioperi / Sindacale - Tags: , , , , , , , , , ,


Invia un Commento

Devi effettuare il log-in per inviare un commento.