PRATT & WHITNEY TURKISH ENGINE CENTER SIGLA MAINTENANCE CONTRACT CON TURKISH AIRLINES

Tempo di lettura: 2 minuti

Pratt & Whitney ha annunciato che il Pratt & Whitney Turkish Engine Center ha firmato uno dei suoi più grandi contratti di manutenzione nella storia recente. Turkish Airlines ha scelto l’engine center, una joint venture tra Pratt & Whitney e Turkish Technic, per un EngineWise service agreement di cinque anni che copre il 100% dei requisiti di revisione dei motori V2500 e CFM56-7B della compagnia aerea. Il Pratt & Whitney Turkish Engine Center ha iniziato la sua attività nel 2010 e si avvale di decenni di esperienza di manutenzione sia da parte di Pratt & Whitney che di Turkish Airlines. L’engine center è dotato di flow lines altamente tecnologiche e innovative e delle ultime macchine per la revisione dei motori, con i più alti standard del settore. Dimostrando un elevato livello di qualità e sicurezza, dal 2010 l’engine center ha consegnato più di 600 motori. “Questo accordo è un’estensione della nostra lunga relazione con Pratt & Whitney attraverso la nostra joint venture”. ha dichiarato Bilâl Ekşi, Deputy Chairman & CEO of Turkish Airlines. “Siamo certi che i nostri clienti trarranno vantaggio dai nostri sforzi collaborativi”. “Non vediamo l’ora di offrire a Turkish Airlines l’elevato livello di servizio che ci si aspetta da Pratt & Whitney sotto il nostro EngineWise service brand”, ha dichiarato Joe Sylvestro, vice president, Aftermarket Operations. “Questo accordo mette in evidenza l’impegno a lungo termine di entrambe le parti riguardo i servizi di manutenzione di alta qualità per Turkish Airlines, rappresentando anche una pietra miliare significativa per Pratt & Whitney, come uno degli aftermarket service agreements più significativi della storia recente. Ringraziamo Turkish Airlines per la loro fiducia nella nostra società”.

(Ufficio Stampa Pratt & Whitney)

Articolo scritto da JT8D il 2 Nov 2017 alle 7:54 pm.
Categorie: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Industria - Tags: , , , ,




    closeReblog this comment
    blog comments powered by Disqus