DECOLLA IL PRIMO BIOFUEL FLIGHT TRA US E AUSTRALIA

Tempo di lettura: 2 minuti

Il primo dedicated biofuel flight al mondo tra Stati Uniti e Australia, QF96 da Los Angeles a Melbourne, è previsto in partenza oggi. Lo storico volo trans-Pacifico di 15 ore opererà con circa 24.000 kg di blended biofuel, con un risparmio di 18.000 kg di emissioni di carbonio. Qantas utilizzerà biocarburante elaborato da Brassica Carinata, un tipo industriale di semi di senape non alimentare, sviluppato dalla società di tecnologia agricola canadese Agrisoma Biosciences (Agrisoma). Il volo fa parte della partnership annunciata nel 2017 che vedrà anche le aziende collaborare con gli agricoltori australiani per far crescere la prima coltivazione di semi di biocarburanti per aviazione commerciale del Paese entro il 2020.

Il CEO di Qantas International, Alison Webster, ha affermato che è giusto che il Dreamliner 787-9, rivoluzionario nel settore delle compagnie aeree, mostri il futuro dell’aviazione sostenibile: “Il Qantas Dreamliner segna una nuova entusiasmante era di innovazione e viaggi. Il velivolo è più efficiente nei consumi e genera meno emissioni di gas serra rispetto a velivoli di dimensioni simili e il volo di oggi vedrà un’ulteriore riduzione su questa rotta. La nostra partnership con Agrisoma segna un grande passo nello sviluppo di un’industria del jetfuel rinnovabile in Australia. E’ un progetto di cui siamo davvero orgogliosi di far parte mentre guardiamo ai modi per ridurre le emissioni di carbonio nelle nostre operazioni”.

Nel corso del suo ciclo di vita, l’utilizzo di biocarburanti derivati ​​da Carinata può ridurre le emissioni di carbonio dell’80% rispetto al tradizionale jet fuel.

La miscela di biocarburanti al dieci percento utilizzata nel volo di oggi vedrà quindi una riduzione del sette per cento delle emissioni su questa rotta rispetto alle normali operazioni.

Carinita non richiede tecniche di produzione o di elaborazione specializzate. È efficiente dal punto di vista idrico e le prove sul campo dell’Università del Queensland a Gatton, nel Queensland e a Bordertown, nel sud dell’Australia, hanno dimostrato che dovrebbe fare molto bene nel clima australiano. È seminato in aree a maggese in cui le colture alimentari falliscono o tra un ciclo vegetativo regolare, noto come “ritaglio”. Le colture rotazionali o interrate possono migliorare la qualità del suolo, ridurre l’erosione per le colture alimentari e fornire agli agricoltori un reddito aggiuntivo.

Il CEO di Agrisoma, Steve Fabijanski, ha affermato che i biocarburanti prodotti da Carinata offrono benefici di ampio respiro: “Il Biojet fuel ricavato da Carinata fornisce sia olio per biocarburanti che proteine ​​per la nutrizione animale, ma migliora anche il terreno in cui è cresciuto. Siamo entusiasti del potenziale del raccolto in Australia e non vedo l’ora di lavorare con gli agricoltori locali e Qantas per sviluppare una fonte di energia pulita per l’industria dell’aviazione locale”.

Il primo trans-Pacific biofuel flight di Qantas è stato reso possibile grazie al supporto di AltAir Fuels e World Fuel Services.

(Ufficio Stampa Qantas)

Articolo scritto da JT8D il 29 Gen 2018 alle 5:06 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Industria - Tags: , , , , , , ,




Invia un Commento

Devi effettuare il log-in per inviare un commento.