AIRBUS SVILUPPA UNA NUOVA SAFETY FEATURE PER L’A350 XWB: L’AUTOMATED EMERGENCY DESCENT (AED)

AIRBUS SVILUPPA UNA NUOVA SAFETY FEATURE PER L’A350 XWB: L’AUTOMATED EMERGENCY DESCENT (AED)

Tempo di lettura: 2 minuti

Il primo Airbus A350-1000, consegnato lo scorso mese all’operatore di lancio Qatar Airways, è dotato di una nuova safety feature che sarà ora standard per tutti gli A350-1000. Chiamato automated emergency descent, o AED, questo sistema attiva la aircraft’s autopilot function per portare automaticamente e rapidamente l’aereo ad una quota più bassa e più sicura in caso di depressurizzazione della cabina in volo. “Gli eventi di depressurizzazione sono estremamente rari”, ha dichiarato Yann Besse, autopilot laboratory test team engineer for Airbus. “Il nostro obiettivo era un sistema semplice che fornisse una significativa riduzione del carico di lavoro quando è necessaria una rapida discesa”.

La modalità AED viene attivata quando la pressione della cabina scende al di sotto di un limite prestabilito. Dopo aver allertato il flight crew, il sistema ingaggia l’autopilot per portare l’aereo a una quota più bassa e sicura se non c’è reazione dell’equipaggio entro 15 secondi.

L’utilizzo dell’AED sull’A350-1000 è la prima applicazione del suo genere su un large commercial aircraft e dimostra l’impegno di Airbus nell’assicurare la sicurezza attraverso quello che l’AED project leader Florent Lanterna ha definito “Airbus’ continuous improvement philosophy”.

Lo sviluppo del nuovo sistema ha anche significato per gli ingegneri Airbus l’evoluzione di un modo innovativo di lavorare attraverso le diverse sedi dell’azienda. Il sistema AED richiede un’interfaccia perfetta tra l’aircraft autopilot e il cabin pressurisation systems, ha spiegato Besse, e ha richiesto una stretta collaborazione tra gli ingegneri responsabili di ciascun sistema per integrarli.

“L’autopilot test bench si trova a Tolosa, in Francia, mentre la cabin pressurisation facility è ad Amburgo, in Germania”, ha affermato Besse. L’incapacità di connettere i due siti “avrebbe significato dover eseguire i test del sistema AED su un aereo reale, il che avrebbe richiesto molto più tempo”.

I membri del Toulouse autopilot test team si sono recati ad Amburgo per i meeting con i loro cabin pressurisation system colleagues, discutendo su come funzionano i rispettivi sistemi. Alla fine, ogni sito ha apportato modifiche ai propri bench network, che hanno permesso alle strutture di Tolosa e Amburgo di connettersi in tempo reale, consentendo test pienamente rappresentativi su entrambi i siti. Besse è rimasto impressionato dalla collaborazione transnazionale richiesta dal progetto. “Voglio ringraziare Claas Heidmann, A350 Air Systems test leader, e i suoi colleghi ad Amburgo”, ha affermato. “Questo è stato un progetto difficile, durato un anno, che ha portato molto entusiasmo e conoscenza”.

Con il sistema AED già di serie sulla versione A350-1000, la certificazione per la variante A350-900 è in corso e attesa a breve. “La global pilot community ha chiesto l’AED e gli Airbus test pilots ne sono stati molto contenti”, ha affermato Lanterna. “Continueremo a raccogliere i feedback degli utenti dell’A350 XWB e quindi a esplorare se distribuirlo ulteriormente”.

(Ufficio Stampa Airbus)