CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SEA: APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO E LA DICHIARAZIONE NON FINANZIARIA 2017

Tempo di lettura: 7 minuti

SEAIl Consiglio di Amministrazione di SEA S.p.A. si è riunito sotto la presidenza di Pietro Modiano e ha esaminato e approvato il progetto di bilancio di SEA S.p.A. e il bilancio consolidato del Gruppo SEA dell’esercizio 2017. Nell’esercizio 2017 il traffico sul sistema aeroportuale gestito da SEA ha raggiunto i 31,6 milioni di passeggeri, con una crescita del 8,9% rispetto al 2016, valore superiore sia alla media nazionale (+6,4%) sia a quella europea (+6,2%). Milano Malpensa supera i 22 milioni di passeggeri con un incremento del 14,1%, recuperando livelli vicini a quelli massimi toccati nel 2007 e superiori del 27% a quelli minimi toccati nel 2009. Tale dinamica è stata determinata da un lato dalla maggiore capacità offerta dai vettori sia in termini di movimenti aerei che di dimensione media degli aeromobili, dall’altro da un maggiore coefficiente di riempimento degli stessi.

Milano Linate, con 9,5 milioni di passeggeri, consolida i propri volumi di traffico con una riduzione dell’1,4% legata al trasferimento a Malpensa di alcune rotte continentali. Anche le merci hanno registrato una performance positiva, con un trasportato complessivo pari a 588,5 mila tonnellate nel 2017 ed un aumento del 7,1% rispetto al 2016. Il traffico di aviazione generale a Milano Linate nel 2017 registra un incremento dei movimenti del 2,7% rispetto all’anno precedente.

I principi contabili applicati per la predisposizione dei dati consolidati dell’esercizio 2017 sono conformi a quelli adottati per la redazione del bilancio consolidato chiuso al 31 dicembre 2016. Il perimetro di consolidamento al 31 dicembre 2017 è variato rispetto al 31 dicembre 2016, a seguito dell’acquisto da parte di SEA Spa di una ulteriore partecipazione in SEA Prime Spa, di cui SEA Spa già deteneva il controllo, pari all’1,57%. La partecipazione totale in SEA Prime è attualmente pari al 99,91%. Conseguentemente a tale acquisto si è modificata anche la percentuale di partecipazione nella collegata Signature Flight Support Italy Srl, passando dal 39,34% al 39,96% che invece nel 2016 era stata consolidata integralmente fino al 31 marzo. Durante l’esercizio 2017 si sono inoltre concluse le procedure di liquidazione di SEA Handling Spa in liquidazione e Consorzio Malpensa Construction in liquidazione, controllate da SEA con percentuali rispettivamente pari al 100% e al 51%.

Nell’esercizio 2017 i ricavi della gestione pari a 697,7 milioni di euro, hanno evidenziato una crescita del 6,8%, prevalentemente per effetto della buona performance del traffico passeggeri e merci e del comparto non aviation, del contributo dell’aviazione generale, che avendo completato il restyling del terminal offre servizi esclusivi e di qualità ai propri clienti, e al comparto energy che ha saputo sfruttare la ripresa dei mercati energetici incrementando le vendite di energia elettrica al mercato, anche grazie ai costi del gas metano contrattualizzato nel corso del 2016 nel momento di massimo ribasso dei prezzi.

Il Risultato Operativo Lordo (EBITDA) è pari a 243 milioni di euro, in crescita del 3,7% rispetto all’esercizio 2016, pur includendo 23,9 milioni di euro di costi non ricorrenti e relativi agli incentivi all’esodo previsti all’Accordo Quadro di Progetto stipulato il 22 luglio 2016 con le Organizzazioni Sindacali. Senza considerare l’impatto di tali costi, e al netto di componenti di ricavo straordinarie e pari a 2,9 milioni di euro, il risultato operativo lordo è pari a 264 milioni di euro, in crescita del 10,1% rispetto all’esercizio 2016 (che a sua volta incorporava componenti di ricavo e costo non ricorrenti il cui valore netto è pari a 5,4 milioni di euro). Tale buona performance è da attribuirsi alla positiva dinamica dei ricavi e all’attenta gestione dei costi.

Il Risultato Operativo, pari a 127,9 milioni di euro, risente della svalutazione, per 25,2 milioni del credito di Alitalia SAI, antecedente la data di ammissione della compagnia all’amministrazione straordinaria (2 maggio 2017).

L’Utile Netto di Gruppo, che beneficia di 1,6 milioni di euro per la liquidazione di SEA Handling e che risente delle poste straordinarie sopra menzionate, è pari a 84,1 milioni di euro, in riduzione di 9,5 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente.

La “Posizione finanziaria netta”, pari a 508,9 milioni di euro, è in miglioramento di 20,5 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2016 (529,4 milioni di euro). La positiva generazione di cassa della gestione corrente ha permesso di finanziare le attività di investimento in immobilizzazioni materiali e immateriali per 85 milioni di euro e il pagamento dei dividendi per 70,3 milioni di euro.

Nell’esercizio 2017 i ricavi di gestione (ricavi al netto della componente relativa ai lavori per beni in concessione), pari a 697,7 milioni di euro includono ricavi dell’attività Aviation per 443,6 milioni di euro (409 milioni di euro nel 2016), ricavi dell’attività Non Aviation per 227,3 milioni di euro (216,9 milioni di euro nel 2016), i ricavi del business General Aviation per 12,1 milioni di euro (11,7 milioni di euro nel 2016), e ricavi del business Energy per 14,7 milioni di euro (15,9 milioni di euro nel 2016).

I ricavi di gestione risultano in aumento di 44,2 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente (+6,8%), beneficiando di ricavi non ricorrenti nel 2017 pari a 2,9 milioni di Euro (2,4 milioni di euro relativi alla revisione da parte dell’ AGCM della sanzione comminata a SEA nel 2015 a seguito dell’acquisizione di SEA Prime e 0,5 milioni di euro dovuti all’incasso di una penale da parte di un fornitore), mentre nel 2016 risultavano inclusi ricavi della società Signature Flight Support Italy S.r.l. e dell’attività refuelling, non più comprese nel perimetro di consolidamento del Gruppo, pari a 1,3 milioni di euro. Al netto di tali poste, i ricavi risultano in crescita di 42,5 milioni di euro (+6,5%). Tale performance è prevalentemente determinata:
– dall’attività Aviation per 32,9 milioni di euro, prevalentemente per effetto dei maggiori volumi di traffico registrati sia nel segmento passeggeri, che ha beneficiato della capacità aggiuntiva offerta dai vettori e della crescita del load factor, sia nel segmento cargo;
– dall’attività Non Aviation, per 9,2 milioni di euro, che ha registrato crescite in tutti i principali segmenti di business, tra cui Shops, Food & Beverage, Car Rental, Parking e Cargo;
– dal business Energy, che ha evidenziato minori ricavi per 1,2 milioni di euro. Nonostante il buon andamento dovuto alla vendita di energia elettrica e termica, sia per i favorevoli prezzi di vendita che per i maggiori volumi venduti, il decremento dei ricavi è dovuto al termine del beneficio dei Certificati Verdi su Milano Linate;
– dal business General Aviation – a pari perimetro – per 1,6 milioni di euro, principalmente grazie alle attività non regolamentate (entrata in esercizio del nuovo Hangar e miglioramento della gestione dei parcheggi), mentre i risultati delle attività regolamentate sono in linea con l’anno precedente.

I costi di gestione sono pari a 457 milioni di euro, in crescita rispetto all’esercizio precedente di 34,4 milioni di euro (+8,1%). Essi incorporano costi non ricorrenti pari a 23,9 milioni di euro per incentivi all’esodo.  Al netto di tali componenti, nel confronto con l’esercizio 2016, che a sua volta incorporava costi non ricorrenti per complessivi 6,7 milioni di euro (di cui 4 milioni di euro di incentivi all’esodo), l’incremento è pari a 17,1 milioni di euro corrispondente al 4,1%. I costi direttamente legati ai ricavi e al traffico passeggeri sono aumentati di 14,5 milioni di euro, il costo del lavoro è in crescita di 8,2 milioni di euro e recepisce lo stanziamento per quota parte del rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro siglato nel 2014 e scaduto a fine 2016 e l’introduzione di un contributo premiale ai lavoratori legato al raggiungimento di performance aziendali. Si riduconoinvece gli altri costi caratteristici per 5,7 milioni di euro, per effetto principalmente dei minori costi energetici, grazie ad un’attenta politica di approvvigionamento, e al contenimento degli altri costi della gestione.

L’EBITDA si è attestato a 243 milioni di euro a fronte di 234,4 milioni di euro al 31 dicembre 2016, in crescita del 3,7% (+8,6 milioni di euro). Al netto delle componenti non ricorrenti sopra evidenziate e a parità di perimetro, l’EBITDA risulta pari a 264 milioni di euro, in crescita del 10,1% (24 milioni di euro).

Il Risultato operativo, pari a 127,9 milioni di euro (150 milioni nel 2016) oltre ad incorporare gli effetti dell’accantonamento per incentivi all’esodo include la svalutazione del credito pregresso (ante 2 maggio 2017) verso Alitalia SAI in Amministrazione Straordinaria, per un importo pari a 25,2 milioni di euro, credito per il quale, al momento non sussiste alcuna garanzia sull’incasso.

Per effetto delle partite non ricorrenti che hanno caratterizzato i risultati del Gruppo SEA nel 2017, nonostante le eccezionali performance della gestione caratteristica, il risultato netto registra un decremento di 9,5 milioni di euro, passando da 93,6 milioni di euro nel 2016 a 84,1 milioni di euro nel 2017.

Gli Investimenti realizzati nel 2017 ammontano a 85,0 milioni di euro e comprendono principalmente:
– A Milano Malpensa la riqualifica funzionale e il restyling del Terminal 1, con la realizzazione delle nuove aree commerciali e l’omogeneizzazione delle finiture esistenti, e l’acquisizione dell’immobile dell’hotel Sheraton. Al Terminal 2 è terminata la progettazione per la realizzazione di nuovi gates alle partenze ed è in corso la progettazione per la realizzazione di un nuovo edificio che accoglierà nuovi negozi e ristoranti.
– A Malpensa sono in corso i lavori per la realizzazione di un secondo magazzino da destinare ad operatori Cargo.
– A Milano Linate l’investimento più significativo riguarda gli interventi di riqualifica funzionale e restyling del Terminal, finalizzato al miglioramento della qualità percepita e dell’immagine architettonica, mentre sono in corso di progettazione le opere di ampliamento degli spazi operativi (gates) e delle aree commerciali destinate al retail ed al food & beverage.

La Capogruppo SEA S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2017 con ricavi pari a 704,4 milioni di euro, in crescita del 3,8% rispetto all’esercizio precedente. L’EBITDA è pari a 229,3 milioni di euro e l’utile netto della società risulta pari a 76,9 milioni di euro.

Il Consiglio di Amministrazione di SEA S.p.A. ha inoltre approvato la Dichiarazione non Finanziaria 2017, al cui obbligo di redazione SEA è assoggettata in conseguenza del D.lgs 254/2016, in quanto Ente di Interesse Pubblico. La metodologia di rendicontazione adottata è compliant al principale standard internazionale (Global Reporting Initiative) e concentra l’analisi delle performance in primo luogo sugli aspetti “materiali”, ovvero quelli che coniugano la business perfomance con il soddisfacimento delle aspettative degli stakeholder. Tra gli highlights riguardanti le performance di sostenibilità relative agli aspetti “materiali”, meritano di essere citati:
– Il valore economico distribuito ai vari stakeholder è aumentato del 6,4% passando da 552,9 a 588,3 milioni di euro. La quota maggiore di valore distribuito è andata al personale (35,8%), seguito dai fornitori (31,3%).
– L’“impronta” socio-economica prodotta nel 2017 dal sistema aeroportuale milanese (Malpensa più Linate), che corrisponde a 35,2 miliardi di euro di valore della produzione e 295 mila posizioni occupazionali attivate per quanto riguarda Malpensa e 4,3 miliardi di valore della produzione e 31 mila posizioni occupazionali attivate per quanto riguarda Linate
– La conferma di Malpensa (unico tra gli aeroporti italiani facente parte della top 10) nel ranking continentale basato sulla quota di PIL europeo raggiungibile in tempi contenuti. Malpensa occupa l’8° posizione, con l’83,5% del PIL europeo raggiungibile entro le 2 ore.

Il Consiglio di Amministrazione di SEA ha deliberato di convocare l’Assemblea della società in sede ordinaria in data 30 aprile 2018, in prima convocazione, e occorrendo in seconda convocazione il 3 maggio 2018.

(Ufficio Sampa SEA)

Articolo scritto da JT8D il 29 Mar 2018 alle 2:37 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni - Tags: , , , ,




Invia un Commento

Devi effettuare il log-in per inviare un commento.