AMERICAN AIRLINES ESPANDE LA SUA 787 FLEET

AMERICAN AIRLINES ESPANDE LA SUA 787 FLEET

Tempo di lettura: 2 minuti

American Airlines logoAmerican Airlines ha annunciato oggi un ordine per 47 nuovi velivoli widebody Boeing 787, composto da 22 787-8, previsti in arrivo nel 2020, e 25 787-9, previsti nel 2023. I 787-8 sostituiranno i Boeing 767-300 di American, mentre successivamente le consegne dei 787-9 sostituiranno gli Airbus A330-300 e il velivolo 777-200. L’intero ordine dei nuovi 787 sarà equipaggiato con motori GEnx-1B di General Electric. American attualmente opera una flotta di 35 787 verso destinazioni come Tokyo, San Paolo e Parigi. American opererà 89 787 una volta che tutti gli aeromobili relativi al suo ordine precedente e all’ordine annunciato oggi verranno consegnati. Come parte della strategia per semplificare la propria flotta, American ha concordato con Airbus di terminare il suo ordine per 22 A350, originariamente piazzato da US Airways.

“Abbiamo due partner eccellenti in Boeing e Airbus e il nostro rapporto con entrambi i produttori risale a molti anni fa. Entrambi offrono aerei che ci forniscono la giusta alternativa per missioni specifiche attraverso la nostra rete globale”, ha affermato il presidente Robert Isom. “Questa è stata una decisione difficile, tra il Boeing 787, l’Airbus A350 e l’A330neo e ringraziamo entrambi i produttori per i loro sforzi. Alla fine, il nostro obiettivo di semplificare la flotta ha reso il 787 una scelta più convincente”.

Rispetto ai velivoli che sostituiranno, i 787 forniranno alla compagnia aerea una maggiore efficienza nei consumi, minori costi di manutenzione, un maggior range e una migliore customer experience. In particolare, il 787 guadagna i più alti punteggi complessivi di soddisfazione dei clienti American tra i velivoli widebody nelle aree comfort dei sedili, spazio a bordo e intrattenimento in volo.

“L’annuncio di oggi è influenzato dal nostro obiettivo di semplificare la flotta e ridurre il numero di tipi di aeromobili che operiamo. Il nostro piano precedente ci avrebbe fatto operare cinque tipi di velivoli widebody, con l’annuncio di oggi li ridurremo presto a tre”, ha detto il Chief Financial Officer Derek Kerr. “Questi nuovi aerei sostitutivi sono coerenti con i nostri piani precedenti per le dimensioni della nostra flotta widebody”.

“Vediamo vantaggi significativi nell’operare tipi di flotte comuni, tra cui la creazione di minori attriti nelle operazioni quando sono necessari aircraft swap, riducendo le esigenze di inventario e creando un servizio più coerente per clienti e i membri del team”.

Come parte dell’ordine di oggi, American ha anche raggiunto un accordo con Boeing per posticipare la consegna di 40 aerei 737 MAX precedentemente programmati per l’arrivo tra il 2020 e il 2022. Il programma di consegna rivisto si allineerà meglio con i pensionamenti pianificati di altri velivoli narrowbody.

(Ufficio Stampa American Airlines)