RED BULL AIR RACE, A CANNES QUALIFICA VA A MIKE GOULIAN, DARIO COSTA SECONDO IN CHALLENGER CLASS

RED BULL AIR RACE, A CANNES QUALIFICA VA A MIKE GOULIAN, DARIO COSTA SECONDO IN CHALLENGER CLASS

Tempo di lettura: 2 minuti

Mike Goulian - qualifiche Cannes 2018E’ reduce da una vittoria negli Emirati Arabi ad inizio stagione, e chi poteva pensare che Michael Goulian avesse placato la propria fame di vittoria ha potuto crederci solo un giorno e mezzo; dopo 3 sessioni di prove libere distante dal vertice il pilota americano ha estratto il classico coniglio dal cappello e conquistato un meritata prima posizione nelle prove di qualificazione, persino bissando il tempo nel secondo tentativo (ad un solo millesimo di distanza dal primo).

In una delle prove di qualificazione più combattute che la storia della Red Bull Air Race abbia mai conosciuto, il ragazzo quasi cinquantenne del Massachusetts ha messo in fila gli altri 13 pretendenti, ad iniziare dal connazionale ed altrettanto esperto Kirby Chambliss - Cannes 2018Kirby Chambliss – foto a dx – e dall’australiano Matt Hall, il primo riemerso dalla palude in cui era sprofondato in FP3 per una squalifica e il secondo che ha saputo confermare dei gt;tempi che in tutte le sessioni di prove libere lo hannovisto sempre nella parte alta della classifica.

Dolderer, partito tra i primi e rimasto a lungo in testa alla classifica provvisoria dei tempi, si è alla fine dovuto accontentare di un dignitoso quarto posto davanti ad un veloce e concreto Mika Brageot. Seguono Muroya, Velarde e Kopfstein. Male soprattutto Sonka, che non ha terminato la prova per aver superato il limite di 12G in virata.



Gradita sorpresa per i colori nostrani nelle qualifiche della Challenger Class, con il nostro Dario Costa – alla propria seconda uscita assoluta – brillantemente in seconda posizione dietro all’esperto Daniel Ryfa (che gareggia da ormai 5 anni, ndr). Dario nella mattinata si era già detto ottimista di poter abbassare i validi tempi delle prove libere – pur senza esagerare nel cercare manovre troppo aggressive sulla vertical turning maneuver – e così è accaduto; il gap rispetto al più esperto Ryfa è estremamente ridotto, solo 4 decimi, ma a ciò ha contribuito una penalità di 1 secondo che lo svedese ha subito per una manovra scorretta sulla VTM.

Domani la lotteria dell’Air Race ci regalerà certamente una domenica di gare piena di emozioni, che non mancheremo di trasmettere in diretta.

(Fabrizio Ripamonti | photo credits: Fabrizio Ripamonti)