Come viene decisa la rotta?

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
spaceodissey
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 616
Iscritto il: 17 ottobre 2006, 22:09
Località: Parma

Come viene decisa la rotta?

Messaggio da spaceodissey » 22 aprile 2022, 15:03

Buongiorno a tutti, mi scuso se la domanda è già stata fatta (eventualmente segnalatemi un link).

Tra poco più di due mesi, se tutto va bene (leggi: tampone negativo) andrò a Los Angeles. Per divertirmi e sognare un po' seguo giornalmente il volo che dovrò prendere (MUC-LAX, Lufthansa) e ho notato che la rotta cambia anche di molto a seconda delle giornate. In alcuni giorni passa più a nord sfiorando la Norvegia, sorvolando le Far Oer e poi Islanda, Groenlandia ecc. Mentre altri giorni passa molto più a sud sorvolando la Scozia e toccando appena la Groenladia.
Immagino che i fattori presi in considerazione dai piloti siano diversi: meteo, venti, consumo di carburante...
Ci sono altri fattori? Viene tenuta in considerazione anche la comodità dei passeggeri?

Grazie
Chuck Norris understands the ending of 2001: a space odyssey

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9456
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Come viene decisa la rotta?

Messaggio da air.surfer » 24 aprile 2022, 10:45

spaceodissey ha scritto:
22 aprile 2022, 15:03
Buongiorno a tutti, mi scuso se la domanda è già stata fatta (eventualmente segnalatemi un link).

Tra poco più di due mesi, se tutto va bene (leggi: tampone negativo) andrò a Los Angeles. Per divertirmi e sognare un po' seguo giornalmente il volo che dovrò prendere (MUC-LAX, Lufthansa) e ho notato che la rotta cambia anche di molto a seconda delle giornate. In alcuni giorni passa più a nord sfiorando la Norvegia, sorvolando le Far Oer e poi Islanda, Groenlandia ecc. Mentre altri giorni passa molto più a sud sorvolando la Scozia e toccando appena la Groenladia.
Immagino che i fattori presi in considerazione dai piloti siano diversi: meteo, venti, consumo di carburante...
Ci sono altri fattori? Viene tenuta in considerazione anche la comodità dei passeggeri?

Grazie
Il dispatcher è la persona preposta a scegliere la rotta, non i piloti. Il dispatcher ha a disposizione vari software e sceglie la rotta in base alle esigenze del momento scegliendo fra varie opzioni: Minimum Cost track, Minimum Fuel track, Minimum Time track, Minimum Distance track o Random Track.
Per quanto possibile, ma non è sempre cosi, si cerca di evitare aree perturbate migliorando cosi il comfort dei passeggeri.

Avatar utente
flyforever85
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1392
Iscritto il: 23 aprile 2006, 5:07
Località: Philadelphia, PA

Re: Come viene decisa la rotta?

Messaggio da flyforever85 » 26 aprile 2022, 20:17

Non so chi sia fisicamente la persona preposta al compito ma dai un'occhiata a wind.com. C'e' una funzione per visualizzare le isobare e nelle zone tra bassa pressione (L) e alta (H) si solito si generano turbolenze. Ho notato in passato che questa zone vengono evitate se possibile. Inoltre se visualizzi i venti a 35000 ft noterai che a volte ci sono venti forti che vanno da ovest ad est, e capita che alcune rotte vengano scelte perapprofittare di queste correnti
"Una volta che avrete conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè là siete stati e là desiderate tornare" di Leonardo da Vinci
Immagine

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9456
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Come viene decisa la rotta?

Messaggio da air.surfer » 27 aprile 2022, 16:04

flyforever85 ha scritto:
26 aprile 2022, 20:17
Non so chi sia fisicamente la persona preposta al compito
Cioè vuoi sapere il nome e cognome?
flyforever85 ha scritto:
26 aprile 2022, 20:17

ma dai un'occhiata a wind.com. C'e' una funzione per visualizzare le isobare e nelle zone tra bassa pressione (L) e alta (H) si solito si generano turbolenze. Ho notato in passato che questa zone vengono evitate se possibile.
In genere guardo più queste:
Immagine

flyforever85 ha scritto:
26 aprile 2022, 20:17
Inoltre se visualizzi i venti a 35000 ft noterai che a volte ci sono venti forti che vanno da ovest ad est, e capita che alcune rotte vengano scelte perapprofittare di queste correnti
Non lo avevo mai notato.

Avatar utente
flyforever85
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1392
Iscritto il: 23 aprile 2006, 5:07
Località: Philadelphia, PA

Re: Come viene decisa la rotta?

Messaggio da flyforever85 » 27 aprile 2022, 20:53

air.surfer ha scritto:
27 aprile 2022, 16:04
flyforever85 ha scritto:
26 aprile 2022, 20:17
Non so chi sia fisicamente la persona preposta al compito
Cioè vuoi sapere il nome e cognome?

No, intendevo il ruolo di chi ricopre quell'incarico
"Una volta che avrete conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè là siete stati e là desiderate tornare" di Leonardo da Vinci
Immagine

Avatar utente
Yavapai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 357
Iscritto il: 19 novembre 2008, 21:58

Re: Come viene decisa la rotta?

Messaggio da Yavapai » 28 aprile 2022, 10:42

Ampliando un po' quanto già detto, la pianificazione di volo viene effettuata dall'ufficio che si occupa delle operazioni di volo, che tra le varie cose pianifica i voli tramite addetti denominati "aircraft dispatcher" detti anche fligh operations officer o flight dispatcher, i quali possono avere diversi ruoli più specifici e/o essere coadiuvati anche da altri specialisti importanti per la pianificazione (meteorologia, prestazioni, monitoring ecc) a seconda anche delle dimensioni della compagnia; ci sono anche società in outsourcing che offrono il servizio di flight planning e altro, specialmente per piccole compagnie charter/aerotaxi ad esempio.
Le rotte vengono quindi decise in base a vari criteri (sicurezza, economia/performances, regolamenti...); si evitano il più possibile zone pericolose (ad es, turbolenze eccessive, zone convettive...) e tassativamente quelle vietate e si sceglie la rotta più conveniente tra quelle disponibili. I pacchetti software offrono un supporto alla pianificazione completo, con tanto di calcoli carburante/prestazioni/pesi specifici per la propria flotta, informazioni meteo complete, NOTAM, scelta rotte disponibili e relative procedure, alternati, ETOPS ecc ecc...
Per volare le rotte nord atlantiche di cui si parla in questo thread la questione è piuttosto complicata per gli operatori per tutta una serie di aspetti.
Le North Atlantic Routes (usate dalla maggioranza degli operatori) vengono pubblicate quotidianamente da due enti preposti tenendo conto ovviamente degli aspetti meteo/venti; l'uso di queste è utile per garantire le separazioni degli a/m e meglio gestirne il traffico; le NAT includono quote da rispettare e possono essere più o meno numerose.

La pianificazione di un volo di linea/commerciale è un lavoro più complesso di quanto "un non addetto ai lavori" possa immaginare e sono coinvolte molte figure professionali.
M.C.
FAA Aircraft Dispatcher

Rispondi