touch and go

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
Atr72
FL 400
FL 400
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 maggio 2007, 12:22
Località: 7,69 nm 356° OutBound LIN VOR, Monza

touch and go

Messaggio da Atr72 » 28 giugno 2007, 14:24

sono un po' ignorante in materia..... :oops:
cos' è il touch and go?
BSc in Aerospace Eng. (PoliMi)
Student at MSc in Aeronautical Eng. - Flight Mechanics (PoliMi)
Erasmus+ Experience at ENAC, in Toulouse.


---

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.

(Ernesto Che Guevara)

Avatar utente
taxidriver
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 245
Iscritto il: 1 febbraio 2007, 20:08
Località: Roma(Italy)

Messaggio da taxidriver » 28 giugno 2007, 14:36

Ciao, il touch and go è una manovra praticamente identica all'atterraggio,con la particolarità che,appena le ruote toccano terra si ridà motore ridecollando.... " infatti,in italiano TOCCA E VAI...:thumbright:
TAXIDRIVER
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Avatar utente
Atr72
FL 400
FL 400
Messaggi: 4420
Iscritto il: 25 maggio 2007, 12:22
Località: 7,69 nm 356° OutBound LIN VOR, Monza

Messaggio da Atr72 » 28 giugno 2007, 15:08

ok moltissime grazie
BSc in Aerospace Eng. (PoliMi)
Student at MSc in Aeronautical Eng. - Flight Mechanics (PoliMi)
Erasmus+ Experience at ENAC, in Toulouse.


---

O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.

(Ernesto Che Guevara)

Avatar utente
ale94
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 409
Iscritto il: 15 luglio 2006, 15:51
Località: Pavia

Messaggio da ale94 » 12 luglio 2007, 1:42

ma a cosa serve fare il touch and go???
Cabin Crew ready for Take Off!!

Immagine
Immagine

Avatar utente
pippo682
FL 450
FL 450
Messaggi: 4572
Iscritto il: 21 ottobre 2005, 16:25
Località: Padova (LIPU)
Contatta:

Messaggio da pippo682 » 12 luglio 2007, 10:59

Dire che server per due motivi fondamentali:

- addestramento, per prendere pratica con l'atterraggio senza doversi allineare nuovamente per il decollo. Credo però che sia preferibile non esagerare con questo pratica solo per addestrarsi all'atterraggio. Meglio fare uno stop and go, ovvero terminare l'atterraggio, magari arrivare a fine pista, riallinearsi e decollare (monomotori a pistoni, unica esperienza diretta che ho)

- interrompere l'atterraggio per qualunque motivo di emergenza (pista occupata, aereo che arriva troppo lungo o con parametri comunque sbagliati) tale per cui è meglio ripresentarsi in finale e rifare l'atterraggio. L'unica esperienza di touch and go non programmato che ho avuto è stata durante l'addestramento con un nuovo aeromobile un po' più impegnativo in atterraggio (PA-18 biciclo), quando avevo l'impressione che l'aereo rischiasse di rimbalzare troppo o girarsi in pista, dopo che avevo toccato una prima volta, ed ho preferito dare motore e riprovare un secondo atterraggio.

deltagolf

Messaggio da deltagolf » 12 luglio 2007, 11:05

Meglio fare uno stop and go, ovvero terminare l'atterraggio, magari arrivare a fine pista, riallinearsi e decollare (monomotori a pistoni, unica esperienza diretta che ho)
Addestrativamente parlando (parlo anch'io di monomotori a pistoni) sono due cose abbastanza diverse.
Il touch and go non è considerabile sostitutivo dell'addestramento all'atterraggio, però è interessante per quanto concerne calma, coordinamento dei movimenti e mantenimento della concentrazione.
Lo stop and go, oltre ovviamente a consentire di dimostrare tutte le procedure post atterraggio, consente di verificare se e quanto un allievo si rilassi dopo che la macchina si è posata ed ha decelerato, cosa che non deve assolutamente fare fino a parcheggio raggiunto, motore spento e tutto disinserito.
avevo l'impressione che l'aereo rischiasse di rimbalzare troppo o girarsi in pista, dopo che avevo toccato una prima volta, ed ho preferito dare motore e riprovare un secondo atterraggio.
Ottimissimissima idea ;)
Ultima modifica di deltagolf il 12 luglio 2007, 11:10, modificato 2 volte in totale.

deltagolf

Messaggio da deltagolf » 12 luglio 2007, 11:06

Dire che server per due motivi fondamentali
C'hai il PA18 col server a bordo?

Cavolo, siete messi bene a Padova; noi manco c'abbiamo un semplice PC... :D :D :D

Avatar utente
marcoferrario
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 822
Iscritto il: 29 luglio 2006, 14:59
Località: Near LILN

Messaggio da marcoferrario » 12 luglio 2007, 11:10

ale94 ha scritto:ma a cosa serve fare il touch and go???
Si fa praticamente solo in addestramento, per prepararsi all'eventualità in cui si debba abbandonare la pista (occupata ad esempio)
Marco
Paragliding flyer

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Messaggio da Maxx » 12 luglio 2007, 11:22

Per fare un touch and go si deve atterrare col motore/i più su di giri della norma per averlo più pronto alla riattaccata?

deltagolf

Messaggio da deltagolf » 12 luglio 2007, 11:29

Io preferisco avere la stessa configurazione che per un full stop, perché lo scopo addestrativo è quello di simulare un atterraggio completo.
L'unica cosa da curare, se si opera da piste corte, è di arrivare bene in testata pista, quindi stare attenti con l'aim point, per avere pista sufficiente davanti a ridecollare.
Poi, con la macchina "completamente" al suolo, si riconfigura per il decollo, si dà motore e via.

Qualcuno fa venire in finale con una tacca di flaps in meno per avere più velocità e andare via rapidamente e fa usare meno trim per non avere la macchina che pesa troppo in decollo, ma a me questa pratica non piace.
Infatti, fatto salvo se si fa un touch and go volontariamente, se si deve fare questa manovra come emergenza per vari motivi, tipo il cagnolino ringhioso che attraversa la pista, l'aereo è configurato per full stop e bisogna essere in grado di riconfigurarlo rapidamente per il ridecollo.
Se si ha il trim elettrico magari intanto che si smanetta con i flaps si può anche rimettere a posto il trim, se no si usano i muscoletti e si spinge.

Il touch and go, ripeto, è un bell'esercizio di coordinazione specie se hai 600 metri di pista o meno, cosa che dalle mie parti è piuttosto frequente.

Avatar utente
pippo682
FL 450
FL 450
Messaggi: 4572
Iscritto il: 21 ottobre 2005, 16:25
Località: Padova (LIPU)
Contatta:

Messaggio da pippo682 » 12 luglio 2007, 12:24

deltagolf ha scritto:
Dire che server per due motivi fondamentali
C'hai il PA18 col server a bordo?

Cavolo, siete messi bene a Padova; noi manco c'abbiamo un semplice PC... :D :D :D
Dove pensi che giri il forum?

:lol:

Avatar utente
marcoferrario
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 822
Iscritto il: 29 luglio 2006, 14:59
Località: Near LILN

Messaggio da marcoferrario » 12 luglio 2007, 12:41

deltagolf ha scritto:specie se hai 600 metri di pista o meno, cosa che dalle mie parti è piuttosto frequente.
Di che zona parliamo, se non sono indiscreto?
Marco
Paragliding flyer

deltagolf

Messaggio da deltagolf » 12 luglio 2007, 12:45

Svizzera in generale; è piena di pistine da 500 mt. o meno, magari in erba, magari in quota, di quelle che davvero prima di decollare calcoli la density altitude, l'effetto frenante dell'erba, fai i tuoi conticini per bene e poi vai.
O stai e aspetti un momento densometricamente più favorevole.

Avatar utente
marcoferrario
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 822
Iscritto il: 29 luglio 2006, 14:59
Località: Near LILN

Messaggio da marcoferrario » 12 luglio 2007, 12:48

Avevo inteso che fosse la Svizzera ma.....quale cantone in particolare?
Marco
Paragliding flyer

deltagolf

Messaggio da deltagolf » 12 luglio 2007, 12:58

Io volo in Ticino; essendo italiano e abitando in Italia è la soluzione più comoda per me.
In Ticino non ci sono piste corte; la più corta è Locarno, 3 piste di 700 mt, in asfalto o erba, ingressi "quasi" a zero, quindi straabbondanti.
Appena saltate le Alpi, nel canton Lucerna, ad esempio abbiamo Triengen e Beromuenster, entrambe in erba e sui 400 mt, nei Grigioni, Bad Ragaz è 450 mt, in asfalto ma non con gli ingressi a zero (un castello su una testata pista e tralicci sull'altra) e ce ne sono tante altre del genere sparse qua e là.
Mi pare che in Svizzera ci siano una novantina di piste in tutto aperte al traffico civile, una buona parte delle quali sono di quelle dimensioni.

Rispondi