Addestramento piloti

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 21 novembre 2008, 11:05

danyc77 ha scritto: A mio avviso giudicate un mercato con le vostre unità di misura che non rappresentano più la reale situazione sulla formazione piloti!
Lui mi sta sulle balle a prescindere perchè con, fare ignobile, cerca di mangiare sui resti di una compagnia unicamente perchè è stato fortunato ad avere 120.000 euro dal papi.
L'unica cosa che ha dovuto dimostrare il tuo amico per avere il TR e' di avere 40000 euro.
Altro che bravura....

mauritius
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 95
Iscritto il: 25 agosto 2008, 9:33

Re: Addestramento piloti

Messaggio da mauritius » 21 novembre 2008, 11:37

zittozitto ha scritto:la cosa è continuata dopo quegli anni con la SkyMaster
Quale fu il motivo per cui AZ decise di fare pagare ai candidati il corso quando prima per potere accedere alle selezioni era sufficiente il PPL ( II grado) ?

zittozitto

Re: Addestramento piloti

Messaggio da zittozitto » 21 novembre 2008, 11:47

mauritius ha scritto: Quale fu il motivo per cui AZ decise di fare pagare ai candidati il corso quando prima per potere accedere alle selezioni era sufficiente il PPL ( II grado) ?
si avevano diversi livelli di ingresso :
ABINITIO - aspiranti con zero ore ( molti avevano il ppl )
QUICK ENTRY - aspiranti con CPL/IR
esisteva anche la DIRECT ENTRY - piloti esperti ( non facevano nemmeno alghero, solo il corso tecnico a FCO e poi il TR sulla macchina di ingresso )

credo che prima AZ riceveva sovvenzioni per i corsi piloti e quindi non spobrsava nulla di suo.
ad un certo punto queste sovvenzioni ( credo europee ) terminarono ed addestrare costava.
il costo dei corsi era elevato paragonato ad altre scuole di volo.
il costo elevato era dovuto a :
il piper 42 cheyenne è un mostro !!! turboprop con manutenzione paurosa.certificato jar 25 !!!
le missioni erano veri voli ... praticamente di linea ( molto lunghi )
gli istruttori erano comandanti di linea istruttori.
tutta sta roba costava tantissimo !!!
ovviamente il risultato era che usciti dalla formazione AZ non si aveva un ATPL ... ma si era un pilota di linea in tutto e per tutto, con standard di linea ... pronti all'uso.

mauritius
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 95
Iscritto il: 25 agosto 2008, 9:33

Re: Addestramento piloti

Messaggio da mauritius » 21 novembre 2008, 12:02

zittozitto ha scritto:si avevano diversi livelli di ingresso :
ABINITIO - aspiranti con zero ore ( molti avevano il ppl )
QUICK ENTRY - aspiranti con CPL/IR
esisteva anche la DIRECT ENTRY - piloti esperti ( non facevano nemmeno alghero, solo il corso tecnico a FCO e poi il TR sulla macchina di ingresso )

credo che prima AZ riceveva sovvenzioni per i corsi piloti e quindi non spobrsava nulla di suo.
ad un certo punto queste sovvenzioni ( credo europee ) terminarono ed addestrare costava.
il costo dei corsi era elevato paragonato ad altre scuole di volo.
il costo elevato era dovuto a :
il piper 42 cheyenne è un mostro !!! turboprop con manutenzione paurosa.certificato jar 25 !!!
le missioni erano veri voli ... praticamente di linea ( molto lunghi )
gli istruttori erano comandanti di linea istruttori.
tutta sta roba costava tantissimo !!!
ovviamente il risultato era che usciti dalla formazione AZ non si aveva un ATPL ... ma si era un pilota di linea in tutto e per tutto, con standard di linea ... pronti all'uso.
I piloti militari a quale livello di ingresso accedevano? Era semplice per loro diventare piloti di linea oppure incontravano qualche difficoltà? Spero che tra loro non ci sia stato qualche "segato" !

zittozitto

Re: Addestramento piloti

Messaggio da zittozitto » 21 novembre 2008, 12:14

mauritius ha scritto:
zittozitto ha scritto:si avevano diversi livelli di ingresso :
ABINITIO - aspiranti con zero ore ( molti avevano il ppl )
QUICK ENTRY - aspiranti con CPL/IR
esisteva anche la DIRECT ENTRY - piloti esperti ( non facevano nemmeno alghero, solo il corso tecnico a FCO e poi il TR sulla macchina di ingresso )

credo che prima AZ riceveva sovvenzioni per i corsi piloti e quindi non spobrsava nulla di suo.
ad un certo punto queste sovvenzioni ( credo europee ) terminarono ed addestrare costava.
il costo dei corsi era elevato paragonato ad altre scuole di volo.
il costo elevato era dovuto a :
il piper 42 cheyenne è un mostro !!! turboprop con manutenzione paurosa.certificato jar 25 !!!
le missioni erano veri voli ... praticamente di linea ( molto lunghi )
gli istruttori erano comandanti di linea istruttori.
tutta sta roba costava tantissimo !!!
ovviamente il risultato era che usciti dalla formazione AZ non si aveva un ATPL ... ma si era un pilota di linea in tutto e per tutto, con standard di linea ... pronti all'uso.
I piloti militari a quale livello di ingresso accedevano? Era semplice per loro diventare piloti di linea oppure incontravano qualche difficoltà? Spero che tra loro non ci sia stato qualche "segato" !
ovviamente dicrect.
facevano il corso teorico (3/4 mesi ) e il TR
avevano problemi alcuni col multicrew.
altri con le performance.
uno solo rischiò un po'.
il volo militare è diverso e quindi avevano, a volte, qualche problemino.

Avatar utente
danyc77
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 685
Iscritto il: 24 novembre 2005, 14:43
Località: LIPZ

Re: Addestramento piloti

Messaggio da danyc77 » 21 novembre 2008, 12:37

air.surfer ha scritto:
danyc77 ha scritto: A mio avviso giudicate un mercato con le vostre unità di misura che non rappresentano più la reale situazione sulla formazione piloti!
Lui mi sta sulle balle a prescindere perchè con, fare ignobile, cerca di mangiare sui resti di una compagnia unicamente perchè è stato fortunato ad avere 120.000 euro dal papi.
L'unica cosa che ha dovuto dimostrare il tuo amico per avere il TR e' di avere 40000 euro.
Altro che bravura....
Eddaiii, esageri!!
Vabbè lascio stare! non hai risposto alla mia domanda e la tua risposta invece mi suggerisce solo una cosa: che tutti voi cpt vecchio stampo siete luminari dell'aviazione e tutti coloro i quali si pagano il TR sono caccole e non è necessario ne capiscano qualcosa perchè in un modo o nell'altro, pagando, il TR lo si ottiene ugualmente!

Allora facciamo un legge che abolisce le TRTO, no? Così ci presentiamo tutti uguali con Cpl+me+... e nessuna disuguagliana a bussare alle compagnie!
E tu non ti ritieni fortunato che per la tua formazione non hai speso una lira?

La bravura è soggettiva, le capacità di coordinazione e di decisione te le fornisce madre natura e tu le perfezioni durante l'addestramento e il tuo lavoro e con lo studio.
JAA-ATPL(A)
CPL-ME-IR (A)
Citation C510 TR
Citation C560XL TR
Immagine
Immagine

Avatar utente
davymax
B737 Captain
B737 Captain
Messaggi: 6226
Iscritto il: 26 gennaio 2005, 16:34
Località: Bergamo

Re: Addestramento piloti

Messaggio da davymax » 21 novembre 2008, 13:13

Peronalmente credo esistano casi e casi. Ora, non perchè sono io, ma ho speso la stessa cifra di uno skymaster (includendo ATPL e TR), e il TR l'ho fatto 2 anni dopo aver avuto la licenza in mano perchè ho provato in tutti i modi a trovare un lavoro senza TR ma purtroppo anche nelle piccole società di traino striscioni mi veniva chiesto al telefono "conosce qualcuno qui dentro?"....Il fatto poi di abitare in un isola con quasi zero cultura aeronautica, non è stato facile per rimanere in un ambiente aviatorio anzi...

Le scuole che ho fatto, inoltre, non si mettevano problemi a dare extra training a chi ne aveva bisogno. Durante l'ATPL ho visto persone che come me si dedicavano solo a quello e che han finito il tutto (perchè segati all'esame ecc.) quasi 1 anno dopo di me.
Alla Sabena Flight Academy, tu paghi il TR ovviamente, però se vieni segato 2 volte di fila al simulatore finale (skill test) dall'esaminatore della CAA Belga, vai a casa, con 20000 euro in meno e senza il TR. Le 4 di notte si sprecavano durante quel mese, nonchè simulazioni di CRM in macchina tra casa e aeroporto con il mio compagno.

Per questo non bisogna generalizzare, c'è gente che ha speso meno di uno skymaster o uguale a lui e lavora in linea in modo professionale. Altri invece sono dentro per amicizie, altri perchè le scuole che ha fatto lo promuovevano solo perchè pagava.
"They say every man dies twice, once when his body goes and again, when his name is uttered for the last time."

B737 Left seat heater

zittozitto

Re: Addestramento piloti

Messaggio da zittozitto » 21 novembre 2008, 13:21

forse credo di interpretare il discorso di Air.Surfer dicendo :

il fatto che ora si paga per avere un ATPL e una eventuale TR ( non ci sono altre soluzioni ) , permette solo a chi può spendere di fare questo mestiere, bravo o NON.

quando il brevetto e l'addestramento era gratis per tutti, quelli selezionati potevano accedervi, gli altri ( meno bravi ) se lo pagavano altrove.
si lasciava aperta la possibilità a tutti, benestanti e non, purchè portatori sani di capacità di volo.
ora non è così, un mago dell'aria senza un becco di un euro rimarrà un semplice terrestre.

i comandanti AZ sono persone con esperienza di volo e possono giudicare di volo, non li sentirai mai fare diagnosi sulle slerosi multiple :wink:

Avatar utente
danyc77
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 685
Iscritto il: 24 novembre 2005, 14:43
Località: LIPZ

Re: Addestramento piloti

Messaggio da danyc77 » 21 novembre 2008, 13:32

zittozitto ha scritto:
mauritius ha scritto: Quale fu il motivo per cui AZ decise di fare pagare ai candidati il corso quando prima per potere accedere alle selezioni era sufficiente il PPL ( II grado) ?
si avevano diversi livelli di ingresso :
ABINITIO - aspiranti con zero ore ( molti avevano il ppl )
QUICK ENTRY - aspiranti con CPL/IR
esisteva anche la DIRECT ENTRY - piloti esperti ( non facevano nemmeno alghero, solo il corso tecnico a FCO e poi il TR sulla macchina di ingresso )

credo che prima AZ riceveva sovvenzioni per i corsi piloti e quindi non spobrsava nulla di suo.
ad un certo punto queste sovvenzioni ( credo europee ) terminarono ed addestrare costava.
il costo dei corsi era elevato paragonato ad altre scuole di volo.
il costo elevato era dovuto a :
il piper 42 cheyenne è un mostro !!! turboprop con manutenzione paurosa.certificato jar 25 !!!
le missioni erano veri voli ... praticamente di linea ( molto lunghi )
gli istruttori erano comandanti di linea istruttori.
tutta sta roba costava tantissimo !!!
ovviamente il risultato era che usciti dalla formazione AZ non si aveva un ATPL ... ma si era un pilota di linea in tutto e per tutto, con standard di linea ... pronti all'uso.
Le sovvenzioni se non sbaglio erano anche della Regione Sardegna.
Il declino avvene successivamente al '90 quando in seguito ad un accordo nazionale fra Alitalia e sindacato piloti sul prolungamento dell'attività lavorativa, alla fine dei conti non sarebbero serviti più piloti per i futuri 5 anni. Da qual momento la scuola era indirizzata al declino.
Inizialmente c'erano 2 Piaggio P166 e 4 SF260. Nel '87 un sostanzioso finanziamento portò all' appello il simulatore, 3 PA42 e altri 3 SF260. Le cifre parlavano di una sessantina di dipendenti, la struttura era robusta, e circa un centinaio i piloti sfornati all' anno.
JAA-ATPL(A)
CPL-ME-IR (A)
Citation C510 TR
Citation C560XL TR
Immagine
Immagine

Avatar utente
danyc77
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 685
Iscritto il: 24 novembre 2005, 14:43
Località: LIPZ

Re: Addestramento piloti

Messaggio da danyc77 » 21 novembre 2008, 13:39

zittozitto ha scritto:forse credo di interpretare il discorso di Air.Surfer dicendo :

il fatto che ora si paga per avere un ATPL e una eventuale TR ( non ci sono altre soluzioni ) , permette solo a chi può spendere di fare questo mestiere, bravo o NON.

quando il brevetto e l'addestramento era gratis per tutti, quelli selezionati potevano accedervi, gli altri ( meno bravi ) se lo pagavano altrove.
si lasciava aperta la possibilità a tutti, benestanti e non, purchè portatori sani di capacità di volo.
ora non è così, un mago dell'aria senza un becco di un euro rimarrà un semplice terrestre.

i comandanti AZ sono persone con esperienza di volo e possono giudicare di volo, non li sentirai mai fare diagnosi sulle slerosi multiple :wink:
Perfettamente d'accordo! Però allora, come citato da davimax nel caso di Sabena: però se vieni segato 2 volte di fila al simulatore finale (skill test) dall'esaminatore della CAA Belga, vai a casa, con 20000 euro in meno e senza il TR.
Ciò sta a significare che la preparazione di base la devi avere e durante il corso devi dimostrare di saperci fare, di studiare e studiare, studiare, studiare!
Io non credo che ci si possa presentare ad una TRTO, sganciare la pecunia, e dopo 30gg avere il timbretto sulla licenza, indipendentemente dalle capacità! Non sto polemizzando, ma questo è quello che mi ha fatto pensare AS con il suo messaggio.. :wink:


P.S: Grazie david per la testimonianza! :)
JAA-ATPL(A)
CPL-ME-IR (A)
Citation C510 TR
Citation C560XL TR
Immagine
Immagine

zittozitto

Re: Addestramento piloti

Messaggio da zittozitto » 21 novembre 2008, 14:03

danyc77 ha scritto:
zittozitto ha scritto:forse credo di interpretare il discorso di Air.Surfer dicendo :

il fatto che ora si paga per avere un ATPL e una eventuale TR ( non ci sono altre soluzioni ) , permette solo a chi può spendere di fare questo mestiere, bravo o NON.

quando il brevetto e l'addestramento era gratis per tutti, quelli selezionati potevano accedervi, gli altri ( meno bravi ) se lo pagavano altrove.
si lasciava aperta la possibilità a tutti, benestanti e non, purchè portatori sani di capacità di volo.
ora non è così, un mago dell'aria senza un becco di un euro rimarrà un semplice terrestre.

i comandanti AZ sono persone con esperienza di volo e possono giudicare di volo, non li sentirai mai fare diagnosi sulle slerosi multiple :wink:
Perfettamente d'accordo! Però allora, come citato da davimax nel caso di Sabena: però se vieni segato 2 volte di fila al simulatore finale (skill test) dall'esaminatore della CAA Belga, vai a casa, con 20000 euro in meno e senza il TR.
Ciò sta a significare che la preparazione di base la devi avere e durante il corso devi dimostrare di saperci fare, di studiare e studiare, studiare, studiare!
Io non credo che ci si possa presentare ad una TRTO, sganciare la pecunia, e dopo 30gg avere il timbretto sulla licenza, indipendentemente dalle capacità! Non sto polemizzando, ma questo è quello che mi ha fatto pensare AS con il suo messaggio.. :wink:


P.S: Grazie david per la testimonianza! :)
attenzione una scuola può avere le sue politche, ad esempio segarti al TR per proporti qualcosa di più come corso.
in AZ addirittura se vuoi far il TR da privato c'è un assesment test per poter accedere ( anche pagando ).
poi c'è da dire che il TRE che ti certifica il check come positivo non è un c*****e che ti firma un type a occhi chiusi.
quindi se sei un schiappa non lo passi il check, e ti rifai il corso pagando.

AZ non dava molte possibilità, se ti segava non potevi più tornare, nemmeno pagando.

Avatar utente
davymax
B737 Captain
B737 Captain
Messaggi: 6226
Iscritto il: 26 gennaio 2005, 16:34
Località: Bergamo

Re: Addestramento piloti

Messaggio da davymax » 21 novembre 2008, 15:28

zittozitto ha scritto:attenzione una scuola può avere le sue politche, ad esempio segarti al TR per proporti qualcosa di più come corso.
in AZ addirittura se vuoi far il TR da privato c'è un assesment test per poter accedere ( anche pagando ).
poi c'è da dire che il TRE che ti certifica il check come positivo non è un c*****e che ti firma un type a occhi chiusi.
quindi se sei un schiappa non lo passi il check, e ti rifai il corso pagando.

AZ non dava molte possibilità, se ti segava non potevi più tornare, nemmeno pagando.
Alla Sabena, per fare il TR (a pagamento), devi passare un Evaluation Day teorico e pratico; gli esaminatori della scuola sono molto severi e ho visto qualche allievo andarsene dopo l'evaluation.

Certo non tutte sono così però...
"They say every man dies twice, once when his body goes and again, when his name is uttered for the last time."

B737 Left seat heater

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 21 novembre 2008, 16:32

Si e alla WindJet o alla Livingstone? Sono severi come alla Sabena?

Il mio discorso è proprio quello. Nel nostro retrogrado paese, chi non ha i soldi non puo' fare il pilota, almeno professionista. Chi è invece cosi' fortunato da avere il papi con la fabbrichetta che lo sovvenziona, dovrebbe almeno imparare a stare al mondo e certe lettere arrotolarle e infilarsele dove non batte il sole.
I buona parte dei Signori Piloti ai quali fa riferimento il Massimiliano Busatti fanno parte di quel 5% che riuscivano ad arrivare alla fine del trainig ab-initio az, come il sottoscritto.
Buona parte dei restanti, invece, sono persone che hanno fatto esperienza a 500 nodi e a 500 ft.
Il tutto mentre il fighetto Busatti giocava allegramente con il camper di Barbie nel tinello del suo villino.
Se avro' i soldi e mio figlio vorrà, un domani, fare il pilota, io ovviamente glieli darò. Ma quello che gli chiedero' in cambio sarà un po' di umiltà e sopratutto rispetto verso chi non avrà avuto le sue stesse possibilità.

Avatar utente
davymax
B737 Captain
B737 Captain
Messaggi: 6226
Iscritto il: 26 gennaio 2005, 16:34
Località: Bergamo

Re: Addestramento piloti

Messaggio da davymax » 21 novembre 2008, 16:39

air.surfer ha scritto:Si e alla WindJet o alla Livingstone? Sono severi come alla Sabena?

Il mio discorso è proprio quello. Nel nostro retrogrado paese, chi non ha i soldi non puo' fare il pilota, almeno professionista. Chi è invece cosi' fortunato da avere il papi con la fabbrichetta che lo sovvenziona, dovrebbe almeno imparare a stare al mondo e certe lettere arrotolarle e infilarsele dove non batte il sole.
I buona parte dei Signori Piloti ai quali fa riferimento il Massimiliano Busatti fanno parte di quel 5% che riuscivano ad arrivare alla fine del trainig ab-initio az, come il sottoscritto.
Buona parte dei restanti, invece, sono persone che hanno fatto esperienza a 500 nodi e a 500 ft.
Il tutto mentre il fighetto Busatti giocava allegramente con il camper di Barbie nel tinello del suo villino.
Se avro' i soldi e mio figlio vorrà, un domani, fare il pilota, io ovviamente glieli darò. Ma quello che gli chiedero' in cambio sarà un po' di umiltà e sopratutto rispetto verso chi non avrà avuto le sue stesse possibilità.
Io ti quoto al 99%, l'1% lo riservo per qualcosa che ancora (almeno mi pare) non hai detto ma credo che tu sia d'accordo sul fatto che siccome ora è tutto a pagamento (almeno l'ATPL per forza), i piloti di oggi devono pagare e non tutti son figli di papà, oppure ci sono figli di papà che però danno tutto per fare questo lavoro e studiano per farlo bene.

Ah dimenticavo, ovviamente intendo che i TR da 40-50K euro sono fortemente da evitarsi...
Ultima modifica di davymax il 21 novembre 2008, 16:41, modificato 1 volta in totale.
"They say every man dies twice, once when his body goes and again, when his name is uttered for the last time."

B737 Left seat heater

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 21 novembre 2008, 16:41

davymax ha scritto: Io ti quoto al 99%, l'1% lo riservo per qualcosa che ancora (almeno mi pare) non hai detto ma credo che tu sia d'accordo sul fatto che siccome ora è tutto a pagamento (almeno l'ATPL per forza), i piloti di oggi devono pagare e non tutti son figli di papà, oppure ci sono figli di papà che però danno tutto per fare questo lavoro e studiano per farlo bene.
Almeno non scrivano lettere da avvoltoio mangiacarogne come ha fatto il signor Busatti.

Avatar utente
davymax
B737 Captain
B737 Captain
Messaggi: 6226
Iscritto il: 26 gennaio 2005, 16:34
Località: Bergamo

Re: Addestramento piloti

Messaggio da davymax » 21 novembre 2008, 16:43

air.surfer ha scritto:
davymax ha scritto: Io ti quoto al 99%, l'1% lo riservo per qualcosa che ancora (almeno mi pare) non hai detto ma credo che tu sia d'accordo sul fatto che siccome ora è tutto a pagamento (almeno l'ATPL per forza), i piloti di oggi devono pagare e non tutti son figli di papà, oppure ci sono figli di papà che però danno tutto per fare questo lavoro e studiano per farlo bene.
Almeno non scrivano lettere da avvoltoio mangiacarogne come ha fatto il signor Busatti.
Questo Busatti da dove l'avete tirato fuori? Mi son perso qualcosa mi sa :mrgreen:
"They say every man dies twice, once when his body goes and again, when his name is uttered for the last time."

B737 Left seat heater

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 21 novembre 2008, 17:42

davymax ha scritto: Questo Busatti da dove l'avete tirato fuori? Mi son perso qualcosa mi sa :mrgreen:
http://www.repubblica.it/2008/11/sezion ... ref=search

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Addestramento piloti

Messaggio da tartan » 21 novembre 2008, 18:27

Io sono un vecchietto che campa di ricordi e leggendo i vostri post me ne sono venuti in mente due

1) Zitto zitto ha citato il cheyenne come certificato JAR 25. In realtà era certificato FAR 23 e la certificazione secondo le regole FAR 25 per quanto riguarda le performance è stata realizzata dal tecnico operativo AZ, di cui facevo parte, anche con prove in volo effettuate ad alghero insieme a ingegneri dell'allora RAI. La "certificazione" far 25 fu voluta da AZ per poter preparare correttamente gli equipaggi ad una condotta del volo, in particolare al decollo e all'atterraggio, secondo le regole che avrebbero trovato poi in linea, quindi una preparazione di notevole livello.
2) Tanti anni fa, avendo fatto domanda di assunzione presso AZ, fui inviato da quest'ultima, dopo esame psicoattitudinale, ad un corso per programmatori elettronici tenuto dalla IBM esclusivamente per le aziende. Il corso prevedeva esami intermedi il superamento dei quali consentiva il proseguimento del corso stesso. Non era possibile chiedere spiegazioni aggiuntive a quelle che venivano fornite dagli istruttori. Ogni x esami (non ricordo i tempi) l'IBM stilava una classifica fra i partecipanti al corso che avevano superato i test intermedi e la forniva ad AZ che provvedeva a sfoltire ulteriormente la lista dei partecipanti. Io venni eliminato da AZ al terzo o quarto step (anche qui non ricordo bene) e fui quindi rimandato a casa.
Successivamente, in vista di un concorso per programmatori in una azienda statale, mi recai alla IBM per poter avere un attestato di livello raggiunto per poter proseguire il corso in una scuola privata (non IBM) fino alla fine ma partendo da un punto avanzato risparmiando qualcosa. L'IBM si impietosì e mi fornì quanto richiesto. Iniziai quindi il corso privato insieme a molti altri studenti. Alla fine facemmo l'esame di stato e fummo tutti promossi. Risultai il migliore e passai il compito di esame a molti dei miei compagni.
Questo non per dire quanto fossi bravo ma per evidenziare come fossero diversi i requisiti e i controlli nei corsi privati a pagamento rispetto a quelli ufficiali IBM (naturalmente ai miei tempi).
Per info, non sfruttai mai il diploma di programmatore perché il concorso fu annullato per sospetto di combine e perché nel frattempo AZ mi richiamò per un altro colloquio presso il tecnico operativo che superai brillantemente.

Sono solo ricordi riemersi seguendo i vostri ragionamenti.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
dirk
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1424
Iscritto il: 14 luglio 2007, 19:59
Località: DIXER 5000 ft or above

Re: Addestramento piloti

Messaggio da dirk » 21 novembre 2008, 23:31

Una curiosità a proposito di Skymaster.
A Venegono che cosa si faceva esattamente? Mi diceva un istruttore teorico l'altro giorno che sono stati tenuti dei corsi per Skymaster, non so se da AZ direttamente o per suo conto, in quell'aeroporto. Non ho potuto approfondire il discorso, ma vedo che qui ne sapete molto sull'argomento...

mauritius
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 95
Iscritto il: 25 agosto 2008, 9:33

Re: Addestramento piloti

Messaggio da mauritius » 22 novembre 2008, 0:35

tartan ha scritto:perché nel frattempo AZ mi richiamò per un altro colloquio presso il tecnico operativo che superai brillantemente.
Tartan, di che cosa ti occupavi esattamente in AZ? Leggo "Aircraft Performance Supervisor".Che ruolo ha in AZ ?

Avatar utente
danyc77
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 685
Iscritto il: 24 novembre 2005, 14:43
Località: LIPZ

Re: Addestramento piloti

Messaggio da danyc77 » 22 novembre 2008, 9:23

air.surfer ha scritto:Si e alla WindJet o alla Livingstone? Sono severi come alla Sabena?

Il mio discorso è proprio quello. Nel nostro retrogrado paese, chi non ha i soldi non puo' fare il pilota, almeno professionista. Chi è invece cosi' fortunato da avere il papi con la fabbrichetta che lo sovvenziona, dovrebbe almeno imparare a stare al mondo e certe lettere arrotolarle e infilarsele dove non batte il sole.
I buona parte dei Signori Piloti ai quali fa riferimento il Massimiliano Busatti fanno parte di quel 5% che riuscivano ad arrivare alla fine del trainig ab-initio az, come il sottoscritto.
Buona parte dei restanti, invece, sono persone che hanno fatto esperienza a 500 nodi e a 500 ft.
Il tutto mentre il fighetto Busatti giocava allegramente con il camper di Barbie nel tinello del suo villino.
Se avro' i soldi e mio figlio vorrà, un domani, fare il pilota, io ovviamente glieli darò. Ma quello che gli chiedero' in cambio sarà un po' di umiltà e sopratutto rispetto verso chi non avrà avuto le sue stesse possibilità.
Credo di aver capito il tuo messaggio.
Io non condivido per principio il senso di quella lettera, ma non posso che fare un passo indietro e inchinarmi!
La tua ultima frase credo esprima al meglio il tuo essere!

Grazie per questa tua perla di saggezza! :D
JAA-ATPL(A)
CPL-ME-IR (A)
Citation C510 TR
Citation C560XL TR
Immagine
Immagine

Avatar utente
danyc77
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 685
Iscritto il: 24 novembre 2005, 14:43
Località: LIPZ

Re: Addestramento piloti

Messaggio da danyc77 » 22 novembre 2008, 9:26

tartan ha scritto:Io sono un vecchietto che campa di ricordi e leggendo i vostri post me ne sono venuti in mente due

1) Zitto zitto ha citato il cheyenne come certificato JAR 25. In realtà era certificato FAR 23 e la certificazione secondo le regole FAR 25 per quanto riguarda le performance è stata realizzata dal tecnico operativo AZ, di cui facevo parte, anche con prove in volo effettuate ad alghero insieme a ingegneri dell'allora RAI. La "certificazione" far 25 fu voluta da AZ per poter preparare correttamente gli equipaggi ad una condotta del volo, in particolare al decollo e all'atterraggio, secondo le regole che avrebbero trovato poi in linea, quindi una preparazione di notevole livello.
2) Tanti anni fa, avendo fatto domanda di assunzione presso AZ, fui inviato da quest'ultima, dopo esame psicoattitudinale, ad un corso per programmatori elettronici tenuto dalla IBM esclusivamente per le aziende. Il corso prevedeva esami intermedi il superamento dei quali consentiva il proseguimento del corso stesso. Non era possibile chiedere spiegazioni aggiuntive a quelle che venivano fornite dagli istruttori. Ogni x esami (non ricordo i tempi) l'IBM stilava una classifica fra i partecipanti al corso che avevano superato i test intermedi e la forniva ad AZ che provvedeva a sfoltire ulteriormente la lista dei partecipanti. Io venni eliminato da AZ al terzo o quarto step (anche qui non ricordo bene) e fui quindi rimandato a casa.
Successivamente, in vista di un concorso per programmatori in una azienda statale, mi recai alla IBM per poter avere un attestato di livello raggiunto per poter proseguire il corso in una scuola privata (non IBM) fino alla fine ma partendo da un punto avanzato risparmiando qualcosa. L'IBM si impietosì e mi fornì quanto richiesto. Iniziai quindi il corso privato insieme a molti altri studenti. Alla fine facemmo l'esame di stato e fummo tutti promossi. Risultai il migliore e passai il compito di esame a molti dei miei compagni.
Questo non per dire quanto fossi bravo ma per evidenziare come fossero diversi i requisiti e i controlli nei corsi privati a pagamento rispetto a quelli ufficiali IBM (naturalmente ai miei tempi).
Per info, non sfruttai mai il diploma di programmatore perché il concorso fu annullato per sospetto di combine e perché nel frattempo AZ mi richiamò per un altro colloquio presso il tecnico operativo che superai brillantemente.

Sono solo ricordi riemersi seguendo i vostri ragionamenti.
Che bello tartan, ogni volta che ti leggo mi sembra di sfogliare un libro... :D

Posso diventare il tuo sherpa?? :mrgreen:
JAA-ATPL(A)
CPL-ME-IR (A)
Citation C510 TR
Citation C560XL TR
Immagine
Immagine

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11412
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Addestramento piloti

Messaggio da flyingbrandon » 22 novembre 2008, 12:17

Abbastanza disgustoso.... :shock:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Addestramento piloti

Messaggio da tartan » 22 novembre 2008, 18:53

mauritius ha scritto:
tartan ha scritto:perché nel frattempo AZ mi richiamò per un altro colloquio presso il tecnico operativo che superai brillantemente.
Tartan, di che cosa ti occupavi esattamente in AZ? Leggo "Aircraft Performance Supervisor".Che ruolo ha in AZ ?
In Alitalia il servizio tecnico operativo si occupa della realizzazione e pubblicazione di tutti i documenti usati dal pilota, a partire dall’operations manual fino alla performance chart, alle check list, alla balance chart, al takeoff & landing data form, alla MEL ecc. il tutto per ogni tipo di aeromobile in flotta.
Il tecnico operativo è diviso in due grandi unità; una si occupa della spiegazione degli impianti di bordo e delle relative procedure di uso, normali, anormali e di emergenza, l’altra si occupa delle performance dell’aeromobile con studio e realizzazione di: tabelle di pista, procedure di decollo con avaria motore per ogni direttrice di decollo per ogni aeroporto di destinazione o alternato, studio e fornitura di procedure di calcolo delle prestazioni di decollo, crociera e atterraggio per tutte le condizioni anormali previste o no dalla MEL, verifica di tutte le rotte previste per definire eventuali punti di non ritorno, studi particolari in contatto con le case costruttrici per quei casi non coperti dalla documentazione standard, prove in volo per studi di prestazioni particolari non fornite dalle case costruttrici, studi di performance dei nuovi aerei che potrebbero interessare lo sviluppo flotta, interventi nei contratti di acquisto per ottenere garanzie su specifiche prestazioni richieste alle nuove macchine anche con verifiche in volo , interventi in aula in appoggio agli istruttori nel corso di recurrent training richiesti dai settori su argomenti specifici (wind shear, overweight landings, volo in condizioni di formazione di ghiaccio, scelta della V1), procedure di decollo antirumore, studio di procedure di avvicinamento e di atterraggio per aeroporti particolarmente penalizzanti, verifiche di fattibilità di addestramento su aeroporti, cartellini di velocità precalcolati per sveltire le operazioni di transito e tanto altro ancora che non potrà più essere fatto visto lo stato terminale in cui hanno ridotto questo importante settore del trasporto aereo.
Una volta si facevano anche studi e ricostruzioni di mancati incidenti e di anomalie riscontrate in volo su richiesta della sicurezza volo.

La parte performance del tecnico operativo era divisa in sezioni relative ad aeromobili singoli o a gruppi di aeromobili ed io ero uno dei capi sezione. Poi si decise di accorpare nelle sezioni la parte performance e la parte sistemi e impianti. Nel frattempo AZ aveva spedito a casa diversi addetti fra cui anche capi sezione che avevano raggiunto o erano prossimi alla pensione. Rimasi uno dei pochi superstiti, così, poiché in alcune sezioni mancavano esperti di performance, mi misero a capo di un gruppo di lavoro relativo al 747 e al 767 e,in più, nominato Supervisore delle prestazioni di tutti gli aeromobili, in modo da fornire supporto anche a quelle sezioni carenti di ADDETTI ADATTI (mi è venuta così) e fui dichiarato incedibile, infatti, appena maturai i requisiti per il prepensionamento, mi fu tolto il gruppo di lavoro e fui gentilmente invitato a prepensionarmi, cosa che feci tentando uno scambio con un posto per mia figlia con esiti negativi.
Io mi sono occupato di tutto quello che ho indicato sopra e di quello che ho omesso per non esagerare, a partire dal Caravelle fino all’Embraer 170.

Le persone che sono rimaste e che si occupano di performance, sono persone in gamba. Speriamo che il cambiamento in atto sia a loro favorevole.

Per danyc77
Una volta mi è venuta voglia di scrivere un libro; fu quando il mio capo servizio mi presentò ad un alto dirigente indicandomi come “l’uomo delle piste”.
Avevo pensato di intitolarlo proprio così, ma poi ho pensato che non gliene fregava a nessuno dei nostri problemi, così ho desistito.
A proposito di sherpa, hai visto il mio sito per caso?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
danyc77
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 685
Iscritto il: 24 novembre 2005, 14:43
Località: LIPZ

Re: Addestramento piloti

Messaggio da danyc77 » 23 novembre 2008, 12:44

tartan ha scritto: ...
[omiss]
...
Per danyc77
Una volta mi è venuta voglia di scrivere un libro; fu quando il mio capo servizio mi presentò ad un alto dirigente indicandomi come “l’uomo delle piste”.
Avevo pensato di intitolarlo proprio così, ma poi ho pensato che non gliene fregava a nessuno dei nostri problemi, così ho desistito.
A proposito di sherpa, hai visto il mio sito per caso?
Ciao tartan,
certo che ho letto il tuo sito, è stato molto piacevole scoprire tante curiosità di questo piccolo mondo, scritto e vissuto direttamente in prima persona. Me lo sono letto tutto! E non ti nascondo che sono rimasto incollato al display per leggere il tuo post di risposta a mauritius. :downtown: Che belle sensazioni..

Anzi, non gettare quest'occasione!!!
Lasciare il segno dei propri ricordi, di quello che è stata la propria vita il proprio lavoro e le proprie esperienze, dei retroscena e delle difficoltà vissute in prima persona, magari superate assieme ai colleghi, sarebbe quanto di più meraviglioso tu possa lasciare anche ai tuoi figli e nipotini! Sei stato un patrimonio per la tua compagnia, hai svolto un lavoro che esula totalmente dallo standard e probabilmente solo qui in questo forum conosciamo! Non credo esista sul mercato qualcosa così di nicchia che non siano dei racconti di comandanti: mi viene in mente Adalberto Pellegrino, cpt AZ!

A mio giudizio avrebbe successo! Ovviamente sarò l'acquirente della tua tua seconda copia, la prima probabilmente la terrai tu o la regalerai a chi vuoi.... sulla mia voglio solo dedica e autografo! :mrgreen:
Battute a parte sarebbe veramente sensazionale se realizzassi quest'opera, sarei il primo ad aiutarti! :D

daniele
JAA-ATPL(A)
CPL-ME-IR (A)
Citation C510 TR
Citation C560XL TR
Immagine
Immagine

Avatar utente
davymax
B737 Captain
B737 Captain
Messaggi: 6226
Iscritto il: 26 gennaio 2005, 16:34
Località: Bergamo

Re: Addestramento piloti

Messaggio da davymax » 23 novembre 2008, 18:58

Credo anche io che sarebbe veramente un lavoro interessante, spero tu possa trovare il tempo di realizzarlo 8)
"They say every man dies twice, once when his body goes and again, when his name is uttered for the last time."

B737 Left seat heater

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15701
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Addestramento piloti

Messaggio da JT8D » 23 novembre 2008, 19:30

tartan ha scritto:Una volta mi è venuta voglia di scrivere un libro; fu quando il mio capo servizio mi presentò ad un alto dirigente indicandomi come “l’uomo delle piste”.
Avevo pensato di intitolarlo proprio così, ma poi ho pensato che non gliene fregava a nessuno dei nostri problemi, così ho desistito.
A proposito di sherpa, hai visto il mio sito per caso?
Sarebbe veramente una cosa bellissima da tutti i punti di vista, se un giorno scriverai un'opera del genere :wink:

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

mauritius
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 95
Iscritto il: 25 agosto 2008, 9:33

Re: Addestramento piloti

Messaggio da mauritius » 23 novembre 2008, 19:36

flyingbrandon ha scritto:Una volta mi è venuta voglia di scrivere un libro; fu quando il mio capo servizio mi presentò ad un alto dirigente indicandomi come “l’uomo delle piste”.
Avevo pensato di intitolarlo proprio così, ma poi ho pensato che non gliene fregava a nessuno dei nostri problemi, così ho desistito.
Tartan, credo che adesso sia venuto il momento di farti venire nuovamente la voglia di scrivere un libro perchè, a quanto pare ,c'è qualcuno a cui frega dei vostri problemi :mrgreen: :mrgreen:
Anche io, come davymax , danyc77 e JT8D, spero che tu cambi idea !

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 23 novembre 2008, 20:00

JT8D ha scritto: Sarebbe veramente una cosa bellissima da tutti i punti di vista, se un giorno scriverai un'opera del genere :wink:
Paolo
Sicuramente meglio di tanti altri libri scritti da utenti del forum... :mrgreen:

Avatar utente
Slowly
Administrator
Administrator
Messaggi: 26108
Iscritto il: 28 settembre 2004, 12:43
Località: ...nei pensieri di chi mi vuole bene!
Contatta:

Re: Addestramento piloti

Messaggio da Slowly » 23 novembre 2008, 20:17

air.surfer ha scritto:
JT8D ha scritto: Sarebbe veramente una cosa bellissima da tutti i punti di vista, se un giorno scriverai un'opera del genere :wink:
Paolo
Sicuramente meglio di tanti altri libri scritti da utenti del forum... :mrgreen:
DEVI scrivere una cosa del genere.

Se vuoi qualche consiglio, io ormai sono uno scrittore navigato... :mrgreen: :bounce:

Almeno tu che sei in tempo....
SLOWLY
MD80.it Admin

e-mail: slowly@interfree.it
MSN: slowly@md80.it
Skype: slo.ita

Scarica il mio (oh) mamma devo prendere l'aereo!

Avatar utente
voloavista
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 33
Iscritto il: 29 dicembre 2007, 17:07

Re: Addestramento piloti

Messaggio da voloavista » 26 novembre 2008, 14:13

air.surfer ha scritto:Si e alla WindJet o alla Livingstone? Sono severi come alla Sabena?

Il mio discorso è proprio quello. Nel nostro retrogrado paese, chi non ha i soldi non puo' fare il pilota, almeno professionista. Chi è invece cosi' fortunato da avere il papi con la fabbrichetta che lo sovvenziona, dovrebbe almeno imparare a stare al mondo e certe lettere arrotolarle e infilarsele dove non batte il sole.
I buona parte dei Signori Piloti ai quali fa riferimento il Massimiliano Busatti fanno parte di quel 5% che riuscivano ad arrivare alla fine del trainig ab-initio az, come il sottoscritto.
Buona parte dei restanti, invece, sono persone che hanno fatto esperienza a 500 nodi e a 500 ft.
Il tutto mentre il fighetto Busatti giocava allegramente con il camper di Barbie nel tinello del suo villino.
Se avro' i soldi e mio figlio vorrà, un domani, fare il pilota, io ovviamente glieli darò. Ma quello che gli chiedero' in cambio sarà un po' di umiltà e sopratutto rispetto verso chi non avrà avuto le sue stesse possibilità.

Io, sinceramente, nella lettera del pilota non ci trovo nulla di così riprovevole.

Ha scelto una determinata, e soprattutto legittima, via per l'ingresso nel settore, oggi forse rischia di rimanere a terra e quindi lancia un appello che forse potrebbe dargli anche un po' di visibilità, nel caso CAI non assumesse solo ex Az - Ap.
"Può darsi che non vi capiterà mai di avere bisogno di un paio d'ali per sentirvi veramente vivi
ma di una mente da pilota non potete fare a meno"
.
(Giorgio Rizzi, Asso di cuori)

Avatar utente
dirk
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1424
Iscritto il: 14 luglio 2007, 19:59
Località: DIXER 5000 ft or above

Re: Addestramento piloti

Messaggio da dirk » 26 novembre 2008, 14:24

Si senza dubbio, il suo scopo era quello, avere visibilità.
Ma sai quanta visibilità sui denti prenderà dai colleghi se dovesse entrare, dopo quello che ha scritto? :mrgreen:

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 26 novembre 2008, 14:35

voloavista ha scritto: Ha scelto una determinata, e soprattutto legittima, via per l'ingresso nel settore, oggi forse rischia di rimanere a terra e quindi lancia un appello che forse potrebbe dargli anche un po' di visibilità, nel caso CAI non assumesse solo ex Az - Ap.
La visibilità te la crei facendo domanda e dimostrando quanto vali sul "pezzo".
Non scrivendo lettere da leccaculo che cerca di infinocchiare colleghi che stanno battendosi per migliorare la loro, e di riflesso anche la sua, vita.

Avatar utente
voloavista
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 33
Iscritto il: 29 dicembre 2007, 17:07

Re: Addestramento piloti

Messaggio da voloavista » 26 novembre 2008, 19:00

air.surfer ha scritto:La visibilità te la crei facendo domanda e dimostrando quanto vali sul "pezzo".
Non scrivendo lettere da leccaculo che cerca di infinocchiare colleghi che stanno battendosi per migliorare la loro, e di riflesso anche la sua, vita.

La visibilità te la crei con gli strumenti che hai.
Se oggi con la crisi in corso, i posti in cockpit sono sempre meno, penso che la furbizia soccorra alcuni nel cercare strade alternative - ma rispettose - per proporsi in maniera brillante.

Il c..o non penso lo abbia leccato a nessuno, visto che ha solamente dichiarato apertamente che lui sarebbe entusiasta di partecipare al progetto CAI.

Infinocchiare colleghi che lottano anche per lui?! ... Carina questa, mettici però lo smile di fianco, perché molti forse non capiscono che é una battuta....
"Può darsi che non vi capiterà mai di avere bisogno di un paio d'ali per sentirvi veramente vivi
ma di una mente da pilota non potete fare a meno"
.
(Giorgio Rizzi, Asso di cuori)

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9161
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Addestramento piloti

Messaggio da air.surfer » 26 novembre 2008, 20:47

voloavista ha scritto: La visibilità te la crei con gli strumenti che hai.
Se oggi con la crisi in corso, i posti in cockpit sono sempre meno, penso che la furbizia soccorra alcuni nel cercare strade alternative - ma rispettose - per proporsi in maniera brillante.
Per me un pilota brillante è uno che porta giu' l'aereo con 30 nodi al traverso con la centerline in mezzo alle gambe.
Se per te, un pilota brillante è uno che scrive lettere, non so che dirti.. evidentemente non fai il pilota.
voloavista ha scritto: Il c..o non penso lo abbia leccato a nessuno, visto che ha solamente dichiarato apertamente che lui sarebbe entusiasta di partecipare al progetto CAI.
No eh? Ha pure chiamato Colaninno "Dottore" che non è nemmeno laureato.
voloavista ha scritto:Infinocchiare colleghi che lottano anche per lui?! ... Carina questa, mettici però lo smile di fianco, perché molti forse non capiscono che é una battuta....
Rileggiti i miei post sul gioco a ribasso perchè non mi va di parlare sempre delle stesse cose.
Lo sai che a Meridiana gli hanno proposta CAI-10%?

Rispondi