Aircraft comms failure

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12049
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Aircraft comms failure

Messaggio da AirGek » 10 gennaio 2010, 18:08

Leggendo quest'argomento ad un punto dice
- "In addition, an aircraft operating within a network shall monitor the appropriate VHF frequency for calls from nearby aricraft".

Successivamente dice
- "In network operation, a message that is transmitted blind should be transmitted twice on both primary and secondary frequencies".

Che sarebbe questa "network operation"?
Quali sarebbero queste "primary" e "secondary" frequencies?

Tenks :)
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Avatar utente
Tony88
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1250
Iscritto il: 25 febbraio 2009, 11:47
Località: Varedo (MI)

Re: Aircraft comms failure

Messaggio da Tony88 » 10 gennaio 2010, 18:50

non potrebbe essere inteso come operazioni in un sistema di reti radiofoniche, dato che comunque si parla di scegliere l'appropriata frequenza VHF?
Aeroclub Milano Student
ATPL theorical started!!!
PPL (A) obtained!!!
22/09/09...da oggi si iniza...

Avatar utente
I-FORD
B777 Captain
B777 Captain
Messaggi: 547
Iscritto il: 11 luglio 2006, 1:43

Re: Aircraft comms failure

Messaggio da I-FORD » 10 gennaio 2010, 19:22

Si tratta delle operazioni in aree remote con la sola copertura radio HF.
Si chiama network perchè c'è una rete di stazioni a terra a cui sono assegnate una serie di frequenze comuni, ad esempio sul Nord Atlantico operano Shannon, Gander, New York e Santa Maria.
Quando si entra in contatto con la prima stazione vengono assegnate una frequenza primaria ed una secondaria da mantenere monitorate, di solito tramite l'apparato SELCAL.
Le frequenze vengono scelte in base alla posizione dell'aereo, alla propagazione del momento ed alla stazione che ha la responsabilità dell'area in cui l'aereo opera.
In aggiunta si usa una frequenza Interpilot sul VHF per comunicare tra aerei, per informazioni quali fenomeni meteorologici significativi, intensità del vento alle varie quote, risultati di calcio, cricket o baseball in base alla nazionalità del velivolo.
Sempre sul Nord Atlantico questa frequenza è 123,45.
Qualche volta le misteriose onde HF riescono a raggiungere perfettamente un aereo e per niente un'altro a poche decine di miglia di distanza, motivo per cui spesso le stazioni radio chiedono ai "nearby aircraft" di contattare il destinatario di una comunicazione tramite il VHF per un relay, ecco spiegato l'obbligo di avere una radio VHF sintonizzata sulla Interpilot.

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12049
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Aircraft comms failure

Messaggio da AirGek » 10 gennaio 2010, 19:27

Grazie I-FORD.
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Rispondi