Maintenance dei velivoli

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
karmakoma
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 155
Iscritto il: 2 settembre 2008, 0:38
Località: Munich/Mailand

Maintenance dei velivoli

Messaggio da karmakoma » 23 agosto 2012, 13:17

Domanda sempre da Neofita. La manutenzione viene fatta sui motori e sui velivoli, ogni tot ore o ogni to atterraggi??

Mi sorge un dubbio che sembrera' banale ma un aereo che atterra e decolla 12 volte al giorno volando per 10 ore, avra' consumi e usure diverse da un velivolo che vola per 10 ore atterrano e decollando 2 sole volte...o sbaglio?/

Grazie per il chiarimento
Mi scappa uno starnuto: GE90-115B nominale a 115.300 lbf (512,9 kN) !?!?!?!

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3987
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da MarcoGT » 23 agosto 2012, 13:26

Dipende dagli elementi.
Alcuni componenti necessitano manutenzione ogni tot FH (Flight Hours) mentre altri ogni tot FC (Flight Cycles).
1 FC = 1 take-off + 1 landing

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4630
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da SuperMau » 23 agosto 2012, 13:27

Come detto da Marco, la manutenzione tiene conto sia delle ore di volo che dei "cicli" (1 ciclo = 1 atterrraggio e 1 decollo).

Nel caso dei motori, questi vengono revisionati in funzione delle ore di volo (per il CFM56 la prima revisione totale e' a 12.000 ore), mentre per esempio i carrelli di atterraggio e altri particolari strutturali sono in funzione dei cicli (non ti do riferimenti perche' non mi occupo della parte carrelli)

Oltre a cio, ci sono i vari A-B-C check che sono su tutto l'aereo e sono legati alle ore di volo, e che prevedono manutenzioni di routine e di controllo, anche semplici (tipo sui motori, come nelle auto, controllo iniezione, olio, filtri ecc... :mrgreen: )

Ciao
M.
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

karmakoma
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 155
Iscritto il: 2 settembre 2008, 0:38
Località: Munich/Mailand

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da karmakoma » 23 agosto 2012, 15:25

Uhmm...pero' fare una revisione di un motore che funziona:


12000 ore su un velivolo che fa 10 cicli al giorno
12000 ore su un velivolo che fa 1 cliclo al giorno

e' la stessa cosa??? ionestamente mi smebra un po' strano... :?:
Mi scappa uno starnuto: GE90-115B nominale a 115.300 lbf (512,9 kN) !?!?!?!

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3987
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da MarcoGT » 23 agosto 2012, 15:30

karmakoma ha scritto:Uhmm...pero' fare una revisione di un motore che funziona:


12000 ore su un velivolo che fa 10 cicli al giorno
12000 ore su un velivolo che fa 1 cliclo al giorno

e' la stessa cosa??? ionestamente mi smebra un po' strano... :?:
SuperMau ha detto che per i motori contano le FH, non i FC.
12000 FH sono le stesse indipendentemente dal numero di FC

Oppure non ho capito il tuo dubbio

karmakoma
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 155
Iscritto il: 2 settembre 2008, 0:38
Località: Munich/Mailand

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da karmakoma » 23 agosto 2012, 16:28

Il dubbio e' che sulla lunga due motori che fanno el stesse ore, subiscono differenti stress visto che decollo e atterraggio richiedono molto piu' sforzo e per es. richiedono l'utilizzo del power reverse....mi suona strao che vengano considerati alla pari.
Se faccio 10 power reverse al giorno e un altro aereo 2, dopo 12.000 ore di volo per entrambi i motori dubito che l-usura delle aprti sia la stessa...non so se mi spiego....e' lecito il dubbio???
Mi scappa uno starnuto: GE90-115B nominale a 115.300 lbf (512,9 kN) !?!?!?!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da tartan » 23 agosto 2012, 17:07

Certo che è lecito. Saranno diverse le ore a seconda del tipo di impiego che si fa con l'aereo che monta quei motori, ma sempre con le ore si va avanti. Per MD80 nel contratto dei costi di manutenzione c'era incluso il tipo di spinta che si usava e bisognava dimostrare che si faceva almeno un tot di spinta ridotta.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

karmakoma
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 155
Iscritto il: 2 settembre 2008, 0:38
Località: Munich/Mailand

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da karmakoma » 24 agosto 2012, 8:47

Intendi dire che lo stesso motore se soggetto a 10 cicli al giorno, o a 2 cicli al giorno avra' la maintenace dopo diverso numero di ore???
Mi scappa uno starnuto: GE90-115B nominale a 115.300 lbf (512,9 kN) !?!?!?!

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4630
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da SuperMau » 24 agosto 2012, 10:19

karmakoma ha scritto:Intendi dire che lo stesso motore se soggetto a 10 cicli al giorno, o a 2 cicli al giorno avra' la maintenace dopo diverso numero di ore???
Karmakoma, stai facendo un casino pazzesco.....NON MISCHIARE l cicli con le ore!
Un motore viene manutenzionato dopo un certo numero di ore, INDIFFERENTEMENTE dai cicli. PUNTO

E per anticipare la tua domanda, ogni volta che atterri non e' che usi i reverse in full..Molte volte NON li usi, o li usi parzialmente.
L'uso del reverse e in funzione di qualche tonnellata di parametri, quali peso all'atterraggio, lunghezza della pista, fattori limitanti, curfew notturno, condizioni meteo e compagnia cantante.
Per cui non puoi valutare l'uso di un motore dal numero di cicli, solo le ore contano.

Ciao
M.
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15475
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da JT8D » 24 agosto 2012, 15:27

Tieni anche in considerazione che il numero di ore dopo cui il motore (o un suo modulo) vengono revisionati viene deciso dal costruttore anche in base al profilo di missione tipico a cui il motore sarà sottoposto. Si sa benissimo ad esempio che un CFM56-5B o -7B verrà utilizzato tipicamente per voli di corto o medio raggio, e che sarà sottoposto a molti cicli anche ravvicinati, considerati i velivoli su cui vengono montati. Il numero di ore che viene stabilito per la revisione tiene conto anche di questo.

Riguardo i Power Reverse, credo proprio che di questi tempi siano veramente ridottissime le volte in cui si usano: ammesso che te li fanno usare, te li fanno usare in idle o a spinte ridotte (emergenze a parte naturalmente).

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
Zapotec
FL 200
FL 200
Messaggi: 2253
Iscritto il: 18 febbraio 2008, 20:45
Contatta:

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da Zapotec » 24 agosto 2012, 15:38

Per quanto riguarda i decolli non flex ? mi ricordo che bisognava segnare .. da qualche parte... quando si decollava con la max T.O. power. Non sò però se solo per note di compagnia (quindi a fini statistici) o per motivi di manutenzione. Grazie ;)

Ciao !

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da camicius » 25 agosto 2012, 9:01

JT8D ha scritto:Tieni anche in considerazione che il numero di ore dopo cui il motore (o un suo modulo) vengono revisionati viene deciso dal costruttore anche in base al profilo di missione tipico a cui il motore sarà sottoposto. Si sa benissimo ad esempio che un CFM56-5B o -7B verrà utilizzato tipicamente per voli di corto o medio raggio, e che sarà sottoposto a molti cicli anche ravvicinati, considerati i velivoli su cui vengono montati. Il numero di ore che viene stabilito per la revisione tiene conto anche di questo.
Se per caso l'utilizzo di un aereo si discosta molto dal suo profilo tipico possono essere sviluppate versioni particolari di quell'aereo.
Per esempio, Boeing ha sviluppato una verisione del 747 (Boeing 747-400D, domestic) per il mercato giapponese, che usa il 747 su tratte brevi, rinforzando i carrelli e tutte le parti soggette a revisione in base ai cicli, e allungando quindi le manutenzioni basate sui cicli.

ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
butterfly
FL 300
FL 300
Messaggi: 3258
Iscritto il: 9 ottobre 2008, 22:59
Località: CVG

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da butterfly » 25 agosto 2012, 11:22

A progetto per ogni componte o modulo si dá un profilo tipico di missione (ad esempio per un A320 sará di circa un paio d'ore con un tot di minuti in condizione di take-off un tot in climb e via dicendo) ed il numero di ore minime prima della revisione di modulo o a livello di componente.
pertanto la parte viene disegnata, testata e certificata per soddisfare quei requisiti.
Tipicamente le ore divolo tra una revisione e l'altra possono aumentare con l'esperienza maturata sul motore.
By the way, su un motore ci possono essere delle parti con cicli limitati pertanto su libretto motore devono essere registrati per quel componente cosí da assicurarsi della corretta manutenzione.
A livello di manuale di revisione, come scritto da Mau, il requisito é in ore volate.
Qualora per una ragione qualunque in motore non dovesse essere usato (ad esempio gli spare) c'é anche una manutenzione che consente di verificare che la preservazione dei componenti sia corretta (ad esempio o cuscinetti e le linee fluide devono restare ben lubrificate.
Daniela
La morte non sta nel non comunicare, ma nel non poter essere più compresi (Pier Paolo Pasolini)

skype id: ladymachbet

http://www.giuda.it

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da tartan » 25 agosto 2012, 11:24

Zapotec ha scritto:Per quanto riguarda i decolli non flex ? mi ricordo che bisognava segnare .. da qualche parte... quando si decollava con la max T.O. power. Non sò però se solo per note di compagnia (quindi a fini statistici) o per motivi di manutenzione. Grazie ;)

Ciao !
Se parli di AZ era a fini statistici che servivano per giustificare il tipo di manutenzione concordata con DACO.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Zapotec
FL 200
FL 200
Messaggi: 2253
Iscritto il: 18 febbraio 2008, 20:45
Contatta:

Re: Maintenance dei velivoli

Messaggio da Zapotec » 25 agosto 2012, 12:24

tartan ha scritto:
Zapotec ha scritto:Per quanto riguarda i decolli non flex ? mi ricordo che bisognava segnare .. da qualche parte... quando si decollava con la max T.O. power. Non sò però se solo per note di compagnia (quindi a fini statistici) o per motivi di manutenzione. Grazie ;)

Ciao !
Se parli di AZ era a fini statistici che servivano per giustificare il tipo di manutenzione concordata con DACO.
Si, AZ in particolare, ovviamente... sull'80 ;)

Grazie Tartan!

ciao !

Rispondi