Volo con vento in coda sul Pacifico

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
volodinotte1945
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 85
Iscritto il: 28 luglio 2005, 16:14
Località: roma

Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da volodinotte1945 » 20 dicembre 2017, 8:46

Oggi forti venti ad alta quota, spingono gli aerei da Tokio verso la costa occidentale degli Stati Uniti ad una velocità notevole. Mentre un aereo sulla rotta Atlantica vola a 500 nodi (926 km/h), oggi molti aerei decollati dal Giappone, volano a 667 nodi, quindi una velocità supersonica, corrispondente a 1.235 km/h. Si tratta di un errore di Flight radar o veramente questi aerei passeggeri possono volare a velocità oltre il muro del suono? Ottimale anche il risparmio del carburante in volo, visto che un volo di 10 ore con questo vento dura anche 8,5 ore.


Avatar utente
spiridione
FL 350
FL 350
Messaggi: 3584
Iscritto il: 16 aprile 2011, 21:02
Località: Oristano (LIER/FNU)

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da spiridione » 20 dicembre 2017, 8:57

volodinotte1945 ha scritto:Oggi forti venti ad alta quota, spingono gli aerei da Tokio verso la costa occidentale degli Stati Uniti ad una velocità notevole. Mentre un aereo sulla rotta Atlantica vola a 500 nodi (926 km/h), oggi molti aerei decollati dal Giappone, volano a 667 nodi, quindi una velocità supersonica, corrispondente a 1.235 km/h. Si tratta di un errore di Flight radar o veramente questi aerei passeggeri possono volare a velocità oltre il muro del suono? Ottimale anche il risparmio del carburante in volo, visto che un volo di 10 ore con questo vento dura anche 8,5 ore.

Non stanno volando oltre la velocità del suono.

Gli aerei stanno volando alla loro velocità di crociera usuale e ottimale.

La differenza è che l'aria (facciamola semplice... :mrgreen: ) attorno a loro si sposta ( e li sposta...) ad un velocità che si somma a quella propria dell'aereo.

Quindi la velocità rispetto al suolo è maggiore di quanto normalmente dovrebbe essere. :wink:
Spiridione.


Ho volato su un MD80 così vecchio, che sulla porta di una toilette c'era scritto ORVILLE
e sulla porta dell'altra WILBUR....





Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6986
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da Lampo 13 » 20 dicembre 2017, 10:11

volodinotte1945 ha scritto:Oggi forti venti ad alta quota, spingono gli aerei da Tokio verso la costa occidentale degli Stati Uniti ad una velocità notevole. Mentre un aereo sulla rotta Atlantica vola a 500 nodi (926 km/h), oggi molti aerei decollati dal Giappone, volano a 667 nodi, quindi una velocità supersonica, corrispondente a 1.235 km/h. Si tratta di un errore di Flight radar o veramente questi aerei passeggeri possono volare a velocità oltre il muro del suono? Ottimale anche il risparmio del carburante in volo, visto che un volo di 10 ore con questo vento dura anche 8,5 ore.
Immagina un barchino con un piccolo fuoribordo che gli fa mantenere 5 nodi di velocità
Se risale un fiume con una corrente di 2 nodi, rispetto alla riva navigherà a 3 nodi invece di 5;
se discende il fiume con la corrente di 2 nodi, rispetto alla riva navigherà a 7 nodi invece di 5,
ma la sua velocità rispetto all'acqua che gli sta intorno rimane sempre di 5 nodi, le conseguenze
rispetto alle onde che provocano gli spruzzi saranno sempre quelle dei 5 nodi, in entrambe le direzioni.

Quando si parla di supersonico si intende una velocità rispetto all'aria in cui l'aeroplano è "immerso"
così come il barchino è immerso nel fiume, la velocità rispetto a terra non conta se non per il fatto
che si arriva prima o dopo consumando più o meno carburante.

volodinotte1945
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 85
Iscritto il: 28 luglio 2005, 16:14
Località: roma

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da volodinotte1945 » 20 dicembre 2017, 11:06

Grazie per le riposte chiarissime. Il mio dubbio nasceva dal fatto che un giorno tra Edimburgo e Amsterdam, nella cabina di pilotaggio di un BAe 146 Air UK, ho sentito un avviso sonoro e una luce si è accesa nel cockpit. Il comandante, una volta intervenuto, si è girato verso il mio strapuntino e mi ha spiegato che a causa di un forte vento di coda, l'aereo aveva ecceduto la sua velocità massima e lui aveva compensato riducendola.

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12174
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da AirGek » 20 dicembre 2017, 11:14

Un cambio repentino di vento in direzione e/o intensità ha effetto anche sulla velocità all’aria dell’aereo e può portarlo in overspeed se si vola prossimi alla velocità massima all’aria consentita. E’ un po’ come quando fai il primo passo sul nastro mobile che trovi in certe lunghe corsie in aeroporto. Cammini normalmente prima del nastro, appena sali sopra senti un’accelerazione ma poi nonostante tu avanzi a velocità maggiore senti le gambe che camminano come sempre. Al contrario quando scendi dal nastro senti un rallentamento ma le gambe sempre la stesso sforzo fanno. Il nastro rappresenta la corrente di vento, il salirci sù e lo scendere rappresenta il cambio di vento.
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

volodinotte1945
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 85
Iscritto il: 28 luglio 2005, 16:14
Località: roma

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da volodinotte1945 » 20 dicembre 2017, 13:44

Quest'ultimo esempio poi, è favoloso. Grazie per le risposte interessantissime.

giammo82
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 110
Iscritto il: 5 gennaio 2017, 1:29

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da giammo82 » 20 dicembre 2017, 18:24

Dicasi ground speed ‘GS’


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9835
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da tartan » 20 dicembre 2017, 18:52

volodinotte1945 ha scritto:Grazie per le riposte chiarissime. Il mio dubbio nasceva dal fatto che un giorno tra Edimburgo e Amsterdam, nella cabina di pilotaggio di un BAe 146 Air UK, ho sentito un avviso sonoro e una luce si è accesa nel cockpit. Il comandante, una volta intervenuto, si è girato verso il mio strapuntino e mi ha spiegato che a causa di un forte vento di coda, l'aereo aveva ecceduto la sua velocità massima e lui aveva compensato riducendola.
C'è qualche pilota che può chiarire la spiegazione data da quel pilota a quel passeggero? Mi sembra che non sia proprio così. Forse il motivo della riduzione di velocità all'aria deriva da un improvviso forte vento contrario più che da un improvviso forte vento in coda. Sbaglio? Se sbaglio ditemelo che mi ammazzo perchè non ci ho capito una mazza fino ad oggi.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9210
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da air.surfer » 20 dicembre 2017, 19:15

tartan ha scritto: C'è qualche pilota che può chiarire la spiegazione data da quel pilota a quel passeggero? Mi sembra che non sia proprio così. Forse il motivo della riduzione di velocità all'aria deriva da un improvviso forte vento contrario più che da un improvviso forte vento in coda. Sbaglio? Se sbaglio ditemelo che mi ammazzo perchè non ci ho capito una mazza fino ad oggi.
..o dal suo improvviso diminuire. :mrgreen:

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6986
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da Lampo 13 » 20 dicembre 2017, 19:21

tartan ha scritto:
volodinotte1945 ha scritto:Grazie per le riposte chiarissime. Il mio dubbio nasceva dal fatto che un giorno tra Edimburgo e Amsterdam, nella cabina di pilotaggio di un BAe 146 Air UK, ho sentito un avviso sonoro e una luce si è accesa nel cockpit. Il comandante, una volta intervenuto, si è girato verso il mio strapuntino e mi ha spiegato che a causa di un forte vento di coda, l'aereo aveva ecceduto la sua velocità massima e lui aveva compensato riducendola.
C'è qualche pilota che può chiarire la spiegazione data da quel pilota a quel passeggero? Mi sembra che non sia proprio così. Forse il motivo della riduzione di velocità all'aria deriva da un improvviso forte vento contrario più che da un improvviso forte vento in coda. Sbaglio? Se sbaglio ditemelo che mi ammazzo perchè non ci ho capito una mazza fino ad oggi.
Beh, per esempio durante la virata base in una condizione di vento allineato con la pista si passa dal vento in coda nel sottovento, al vento laterale in base, al vento frontale in finale ma in questo caso la condizione è migliorativa, a parità di IAS diminuisce man mano la GS; in una holding invece si ha sia questa situazione, che poi quella opposta... secondo me non succede nulla, o almeno io non ho mai riscontrato problemi, ma mi ricordo che c'era chi affermava che passando dalla fase con vento frontale a quella con vento in coda si potevano riscontrare dei problemi di variazione repentina di IAS.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9835
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da tartan » 20 dicembre 2017, 19:37

air.surfer ha scritto:
tartan ha scritto: C'è qualche pilota che può chiarire la spiegazione data da quel pilota a quel passeggero? Mi sembra che non sia proprio così. Forse il motivo della riduzione di velocità all'aria deriva da un improvviso forte vento contrario più che da un improvviso forte vento in coda. Sbaglio? Se sbaglio ditemelo che mi ammazzo perchè non ci ho capito una mazza fino ad oggi.
..o dal suo improvviso diminuire. :mrgreen:
Grazie, non mi ammazzo più, anche perché la spiegazione non era dalla diminuzione di un forte vento in coda ma la causa era un improvviso forte vento in coda, almeno questo è stato riportato e, secondo me, un improvviso forte vento in coda è un vento che prima non c'era e quindi non può diminuire improvvisamente un vento che non c'è.
A quel signore che stava sullo strapuntino non è stato spiegato bene il fenomeno.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9210
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da air.surfer » 20 dicembre 2017, 19:39

Beh, per esempio durante la virata base in una condizione di vento allineato con la pista si passa dal vento in coda nel sottovento, al vento laterale in base, al vento frontale in finale ma in questo caso la condizione è migliorativa, a parità di IAS diminuisce man mano la GS; in una holding invece si ha sia questa situazione, che poi quella opposta... secondo me non succede nulla, o almeno io non ho mai riscontrato problemi, ma mi ricordo che c'era chi affermava che passando dalla fase con vento frontale a quella con vento in coda si potevano riscontrare dei problemi di variazione repentina di IAS.
Guarda che quelli hanno fatto overspeed in crociera, mica in holding o in sottovento, indicando la causa come un forte vento in coda. E Tartan, che è sveglio, ha chiesto lumi anche se secondo me, conosce benissimo la risposta.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6986
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da Lampo 13 » 20 dicembre 2017, 19:51

air.surfer ha scritto:
Beh, per esempio durante la virata base in una condizione di vento allineato con la pista si passa dal vento in coda nel sottovento, al vento laterale in base, al vento frontale in finale ma in questo caso la condizione è migliorativa, a parità di IAS diminuisce man mano la GS; in una holding invece si ha sia questa situazione, che poi quella opposta... secondo me non succede nulla, o almeno io non ho mai riscontrato problemi, ma mi ricordo che c'era chi affermava che passando dalla fase con vento frontale a quella con vento in coda si potevano riscontrare dei problemi di variazione repentina di IAS.
Guarda che quelli hanno fatto overspeed in crociera, mica in holding o in sottovento, indicando la causa come un forte vento in coda. E Tartan, che è sveglio, ha chiesto lumi anche se secondo me, conosce benissimo la risposta.
Era pour parler... immagino che si siano distratti, hanno fatto overspeed
e si sono inventati la prima cosa che gli passava per la mente con il "testimone"...

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9835
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da tartan » 20 dicembre 2017, 20:03

air.surfer ha scritto:
Beh, per esempio durante la virata base in una condizione di vento allineato con la pista si passa dal vento in coda nel sottovento, al vento laterale in base, al vento frontale in finale ma in questo caso la condizione è migliorativa, a parità di IAS diminuisce man mano la GS; in una holding invece si ha sia questa situazione, che poi quella opposta... secondo me non succede nulla, o almeno io non ho mai riscontrato problemi, ma mi ricordo che c'era chi affermava che passando dalla fase con vento frontale a quella con vento in coda si potevano riscontrare dei problemi di variazione repentina di IAS.
Guarda che quelli hanno fatto overspeed in crociera, mica in holding o in sottovento, indicando la causa come un forte vento in coda. E Tartan, che è sveglio, ha chiesto lumi anche se secondo me, conosce benissimo la risposta.
Ti ringrazio per complimento, alla mia età fa veramente bene! :D Qualche anno fa in AZ si stava costruendo una ITO sul wind shear, allora di moda, ed io ero stato incaricato di produrla. Il mio interlocutore volatorio era un pilota toscanaccio di cui avrete sicuramente sentito parlare. Ebbene, mentre studiavo 'sto cavolo di wind shear, chiesi al detto pilota se secondo lui in un decollo con forte (già presente, non improvviso) vento teso al traverso nel caso di virata si poteva presupporre il fenomeno di wind shear. La sua risposta fu che in quel caso si consigliava sempre una virata verso il vento.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

volodinotte1945
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 85
Iscritto il: 28 luglio 2005, 16:14
Località: roma

Re: Volo con vento in coda sul Pacifico

Messaggio da volodinotte1945 » 22 dicembre 2017, 12:58

Eravamo in crociera da Edimburgo ad Amsterdam e quindi vento forte da ovest verso est, aereo un BAe146. Luce accesa sul pannello e avvisatore acustico.

Rispondi