Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Area dedicata alla discussione di argomenti di aviazione legati alle operazioni di volo. Collaborano: Aurum (Comandante MD-80 Alitalia); Davymax (Comandante B737); Airbusfamilydriver (Primo Ufficiale A320 Family); Tiennetti (Comandante A320 Family); Flyingbrandon (Primo Ufficiale A320 Family); Tartan (Aircraft Performance Supervisor); Ayrton (Primo Ufficiale B747-400 - Ground Instructor); mermaid (Agente di Rampa AUA); Ponch (Primo Ufficiale B767)

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
Marco92
FL 250
FL 250
Messaggi: 2786
Iscritto il: 26 aprile 2009, 15:16

Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da Marco92 » 2 novembre 2019, 11:57

Ho trovato un thread su un altro sito riguardante la seguente normativa e per come è scritta, la parte evidenziata in grassetto è ambigua e sembra lasciare libera interpretazione.
CAT.POL.A.230 Landing — dry runways
a) The landing mass of the aeroplane determined in accordance with CAT.POL.A.105(a) for the estimated time of landing at the destination aerodrome and at any alternate aerodrome shall allow a full stop landing from 50 ft above the threshold:
1) for turbo-jet powered aeroplanes, within 60 % of the landing distance available (LDA); and
2) for turbo-propeller powered aeroplanes, within 70 % of the LDA.

b) For steep approach operations, the operator shall use the landing distance data factored in accordance with (a), based on a screen height of less than 60 ft, but not less than 35 ft, and shall comply with CAT.POL.A.245.

c) For short landing operations, the operator shall use the landing distance data factored in accordance with (a) and shall comply with CAT.POL.A.250.

d) When determining the landing mass, the operator shall take the following into account:
1) the altitude at the aerodrome;
2) not more than 50% of the headwind component or not less than 150 % of the tailwind component; and

3) the runway slope in the direction of landing if greater than ± 2 %.
e) For dispatching the aeroplane it shall be assumed that:
1) the aeroplane will land on the most favourable runway, in still air; and
2) the aeroplane will land on the runway most likely to be assigned, considering the probable wind speed and direction, the ground handling characteristics of the aeroplane and other conditions such as landing aids and terrain.

f) If the operator is unable to comply with (e)(1) for a destination aerodrome having a single runway where a landing depends upon a specified wind component, the aeroplane may be dispatched if two alternate aerodromes are designated that permit full compliance with (a) to (e). Before commencing an approach to land at the destination aerodrome, the commander shall check that a landing can be made in full compliance with (a) to (d) and CAT.POL.A.225.

g) If the operator is unable to comply with (e)(2) for the destination aerodrome, the aeroplane shall be only dispatched if an alternate aerodrome is designated that allows full compliance with (a) to (e).
Per come la vedo io, se l'estimated landing weight è maggiore del landing field length limit weight senza vento, l'aereo può essere dispacciato (si dice così in italiano? :lol: ) ammesso che i due alternati soddisfano i requisiti di dispaccio (60% della LDA) senza vento e che il componente di headwind permetta, in fase di planning, di atterrare entro il 60% della LDA all'aeroporto di destinazione. Ora, quello che davvero mi porta in confusione è la parte in grassetto.
Dopo il decollo, facciamo a meno dei margini maggiori presenti in sede di planning e infatti la normativa fa riferimento a CAT.POL.A.105(a) che dice:
(a)The mass of the aeroplane:
(1)at the start of the take-off; or
(2)in the event of in-flight replanning, at the point from which the revised operational flight plan applies,
shall not be greater than the mass at which the requirements of the appropriate chapter can be complied with for the flight to be undertaken. Allowance may be made for expected reductions in mass as the flight proceeds and for fuel jettisoning.
La mia interpretazione è che il PIC deve controllare di essere in grado di atterrare con il vento presente entro il 60% al momento poco prima di lasciare i blocchi. Una volta dopo il decollo, l'obbligo di applicare il margine del 60% decade e si fa riferimento soltanto ai dati enroute, che nel mio caso applicano anche un margine del 15% per configurazioni normali.

Avatar utente
Ayrton
B747-400 First Officer / Ground Instructor
B747-400 First Officer / Ground Instructor
Messaggi: 3654
Iscritto il: 21 novembre 2007, 21:15
Località: Gni Gni Gni

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da Ayrton » 2 novembre 2019, 13:59

tra poco cambierà, verrà introdotta una nuova norma
Immagine

Avatar utente
Marco92
FL 250
FL 250
Messaggi: 2786
Iscritto il: 26 aprile 2009, 15:16

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da Marco92 » 2 novembre 2019, 14:14

Non ne ero a conoscenza. Quando entrerà in vigore?
E per quella attuale, qual è la tua interpretazione?

Avatar utente
noone
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1161
Iscritto il: 18 luglio 2008, 12:46
Località: Leman Lake

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da noone » 3 novembre 2019, 9:44

Ciao,
Magari non campisco la domanda, ma il grassetto non ti dice che devi comunque rispettare le condizioni da A a D?

Avatar utente
Marco92
FL 250
FL 250
Messaggi: 2786
Iscritto il: 26 aprile 2009, 15:16

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da Marco92 » 3 novembre 2019, 10:27

Esatto, e ad A c'è l'obbligo del 60% della LDA che di solito viene applicato solo in fase di pianificazione. E inoltre la normativa fa riferimento a CAT.POL.A.105 che dice che il peso dell'aereo deve permettere di soddisfare i requisiti al momento del decollo o nel caso di pianificazione in volo.
Ho provato a vedere cosa dice il mio OMA, ma non c'è nulla al riguardo, probabilmente perché non operiamo in nessun aeroporto che possa presentare questi limiti.

Almeno per me, per come è stata scritta questa normativa è molto ambigua. Non capisco perché, dopo qualche diretto in rotta che fa risparmiare un po' di carburante , non si possa atterrare se l'headwind component è diminuito e quindi non si soddisfa il requisito del 60% della LDA, mentre i calcoli con i dati enroute, che includono un 15% di margine, danno una landing distance required minore della LDA.

Secondo la mia interpretazione, che può essere molto sbagliata, una volta eseguito il decollo, quello che contano sono solo i dati enroute.

Spero che la nuova normativa sarà più chiara! :?

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11195
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da flyingbrandon » 4 novembre 2019, 9:33

Marco92 ha scritto:
3 novembre 2019, 10:27


Secondo la mia interpretazione, che può essere molto sbagliata, una volta eseguito il decollo, quello che contano sono solo i dati enroute.

Spero che la nuova normativa sarà più chiara! :?
Sì è così. Fa diversi riferimenti nel documento e non sono stati postati tutti ma quello che fai in fase di dispatch è una cosa che ti permette di pianificare il volo. Non è che se il vento cala o cambiano altre condizioni non puoi atterrare ma devi semplicemente rifare i calcoli della landing distance, quella attuale, quindi non servono più tutti i margini che hai utilizzato in fase di dispatch. Se le condizioni sono le stesse, in termini di vento e peso e tutto il resto, puoi anche non ricalcolare le LD.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Ayrton
B747-400 First Officer / Ground Instructor
B747-400 First Officer / Ground Instructor
Messaggi: 3654
Iscritto il: 21 novembre 2007, 21:15
Località: Gni Gni Gni

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da Ayrton » 4 novembre 2019, 12:31

Marco92 ha scritto:
2 novembre 2019, 14:14
Non ne ero a conoscenza. Quando entrerà in vigore?
E per quella attuale, qual è la tua interpretazione?
cambierà nel prossimo anno e mezzo, sostanzialmente verrà introdotta la normativa del controllo delle prestazioni di atterraggio enroute nelle quali si dovrà garantire l'atterraggio effettivo nel 85% della LDA considerando le condizioni presenti
Immagine

Avatar utente
Marco92
FL 250
FL 250
Messaggi: 2786
Iscritto il: 26 aprile 2009, 15:16

Re: Landing Distances - EASA CAT.POL.A.230

Messaggio da Marco92 » 4 novembre 2019, 17:48

Grazie a entrambi per le risposte, ora ha senso.

Rispondi