Vorrei prendere una licenza di volo, però....

In quest’area si discute di Aeroclub, di brevetti commerciali / ATPL integrato, di ultraleggeri, di scuole e corsi relativi all'aviazione civile

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Pinguino30
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 26
Iscritto il: 11 gennaio 2013, 18:22

Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Pinguino30 » 13 gennaio 2013, 10:07

Buongiorno a tutti,
il volo è sempre stato una delle mie passioni e mi piacerebbe conseguire una licenza di volo, sono indeciso tra il PPL e l'attestato VDS. Qualche settimana fà ho fatto un volo di prova presso un campo vicino casa mia, il pilota mi ha fatto vedere un pò di manovre, oltre alle virate ed al volo livellato abbiamo provato anche degli assetti inusuali. Devo dire che mi sono molto emozionato ma durante questi assetti inusuali devo ammettere che il cuore mi è salito in gola, e devo essere sincero mi sono anche per qualche secondo congelato per via della repentina perdita di quota, per qualche attimo ho temuto che l'aereo si potesse sfasciare, insomma credo che il panico abbia preso il sopravvento su di me, seppur per qualche istante....devo ammettere che non mi sono sentito a mio agio......ho avuto paura.
Mi ha anche lasciato i comandi per fare qualche virata, lui ha detto che me la cavo bene, ma ad essere sincero non credo di essere stato molto coordinato nell'esecuzione di tali manovre. Questo volo mi ha fatto salire dei dubbi, ora come ora il mio principale timore è quello di non essere portato, ne ho anche parlato con lui il quale mi ha detto che è normale provare disorientamento nelle prime missioni, poi grazie all'addestramento continuo i dubbi lasciano il posto alla sicurezza, e volare diventa quasi come guidare un'autovettura.
A me piacerebbe molto conseguire una licenza di volo e quindi volare, ma questo volo mi ha fatto conoscere una parte di me sconosciuta, e non vorrei scoprire poi troppo tardi di non essere all'altezza, anche se con rammarico.
Secondo voi con lo studio intenso e costante,ripetendo fino alla nausea le procedure, immaginando di volta in volta le missioni, posso acquisire sicurezza in questo campo? Sono disposto a dare il massimo, se necessario studiare anche di notte.
Pareri e suggerimenti, grazie.

Nonno Salt
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 14 luglio 2009, 15:07
Contatta:

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Nonno Salt » 14 gennaio 2013, 11:49

Ciao Pinguino,
secondo me la persona che ti ha fatto provare il primo volo ha sbagliato a farti provare "manovre spinte". Sarebbe stato meglio farti apprezzare la bellezza e la dolcezza del volo, giusto con qualche virata rotonda e con un certo grado di bank (inclinazione delel ali per capirci) la prima volta.

Ti consiglio di affidarti ad un buon istruttore che ti faccia assaporare il volo con gradualità: dopo poche lezioni pratiche potrai capire se ti piace, se ti senti portato o se la paura la fa da padrone al minimo sobbalzo.

Lo studio teorico non è difficile, credimi. Ma se scopri di aver paura del minimo sobbalzo durante il volo, non è il caso.

Infine, se pensi di volare solo per divertimento, ti consiglio il VDS: costi generali più che dimezzati e mezzi sicuri e più moderni.

Ciao
Stefano
N-ONNO

http:/www.fiorenzadebernardi.it
Aeralpi 1967, prima donna pilota commerciale in Italia

Avatar utente
noone
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1190
Iscritto il: 18 luglio 2008, 12:46
Località: Leman Lake

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da noone » 14 gennaio 2013, 13:23

Ciao!
mi spiace che la persona che ti ha portato in volo sia riuscito a spaventarti e metterti in dubbio, un buon istruttore non dovrebbe fare così.
In un volo introduttivo solitamente non è l'istruttore che ti fa vedere quanto è bravo, ma anzi la tendenza lasciar pilotare l'allievo fin dal primo volo, dal decollo all'atterraggio.
Essendo il mio mestiere ti assicuro che praticamente chiunque può imparare a pilotare in sicurezza, basta aver voglia.
Essere o meno portati al "pilotaggio" nel senso di tenere i comandi, può essere più che altro un vantaggio iniziale, colmabile e non è sicuramente valutabile in un volo. Inoltre rappresenta uno solo dei vari aspetti che fanno di una persona un pilota.
Sul fatto di aver timore all'inizio, anche al minimo sobbalzo, è più che naturale: non siamo fatti per volare quindi un certo timore a farlo è quasi "sano che ci sia". La migliore arma contro ciò è l'abitudine graduale e un buon briefing iniziale: le persone hanno paura di ciò che non conoscono.
Per la scelta tra VDS e PPL ti suggerisco di fare un volo con entrambi e poi decidere quello che ti attira di più: se da una parte il costo è indubbiamente a favore del VDS, alcune esperienze di volo è facile che tu le possa fare solo con gli aerei di AG.
Sulla "modernità" il discorso lascia il tempo che trova, mentre sulla sicurezza è come sempre molto legata a chi gestisce le macchine...
Sia che tu scelga VDS o PPL spero che continui nel tuo sogno
Just My 2 Cent
Vanni

Maffa
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 82
Iscritto il: 29 aprile 2007, 19:15
Località: Torino

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Maffa » 14 gennaio 2013, 13:34

il fatto che tu non abbia apprezzato le manovre spinte (non richieste) gioca a tuo favore e a quella della tua capacità future di sopravvivenza come ipotetico futuro pilota: vuol dire che non ti piace volare per lo schizzo di adrenalina che dà ad alcuni, e che sarà meno probabile ti possa venire voglia di fare buzzing a far ciao ciao con la manina sopra casa dei tuoi cari per poi piantarti contro un traliccio o un campanile.

Io non credo che imparare a pilotare sia un po' come imparare a guidare l'auto. Io credo sia molto più facile. Pensa a cosa vuol dire veramente guidare un'auto: un volante, un cambio, tre pedali ognuno con una funzione diversa, levette polifunzionali ai lati, due freni, fari e luci varie, specchi a sinistra sopra e destra, condizionatore, radio e cd, cellulare, macchine a 30 cm in senso concorde e contrario davanti e dietro pedoni che ti attraversano la strada guida su asciutto bagnato nebbia notte giorno col sole contro e passeggeri con i quali puoi anche intrattenere discorsi sensati guidando solo con un 20% di cervello.

Lassù sei da solo, non hai gente sopra sotto di fianco pedoni ecc. hai un volante, una manetta, due pedali collegati tra loro, un po' di strumenti da non fissare spasmodicamente, una radio (che in italia per il VFR usiamo troppo e male), e lo scalino peggiore che è quello di pensare tridimensionalmente, ma passato quello hai passato sinceramente tutto.

Com'è che la gente in generale guida "bene" (nel senso che guidare per andare al supermercato o fare torino milano non è considerata un'attività a rischio?): perchè si guida TANTO. Non lo fai una volta ogni 15 giorni, lo fai quasi tutti i giorni, per ore.

VDS o PPL (o PPL per VDS?). Dipende da cosa e come hai intenzione di volare. Volare costa, purtroppo, e senza nessuna ragione apparente. Volare in Aviazione Generale (ossia col PPL) costa uno sproposito, ma è l'unico modo per usare l'aereo come l'automobile e portare -per esempio- la famiglia in gita, e/o atterrare in posti non dispersi nella campagna -ma atterrare in aeroporti costa, così come costa l'avio, i costi fissi delle manutenzioni, il noleggio dell'aereo ecc.

Il VDS va benissimo se non hai le esigenze qui sopra descritte. Se vuoi volare per il piacere di stare per aria, e non ti interessa di decolare e atterrare in posti di cui neanche gli abitanti del paese sono a conoscenza, è il modo per te. Il VDS ha un grave problema, che è la restrizione alle quote di volo. Quando si vola, la quota è letteralmente vita. Se hai un qualsiasi problema -meccanico, meteo, malore, qualsiasi- la quota è il tempo che ti serve a renderti conto del problema e trovare una soluzione. Nel VDS questa quota è limitata a 500 piedi (150 metri) durante la settimana e 1000 piedi (300 metri) nei we, a meno che non si faccia un corso per VDS avanzato che assieme ad un apparecchio VDS avanzato, ti consenta di "volare avanzato", il che comporta poter volare VFR come un AG con radio e trasponder. Sinceramente però se l'intenzione è quella, personalmente ritengo costi meno in termini di soldi e tempo prendere un PPL e usare quello per volare VDS avanzato (perchè col PPL si può volare in VDS). Nel PPL queste limitazioni di quota non ci sono, a meno di non stare in zona di TMA. Conseguire un attestato VDS costa un terzo di un PPL (3500 contro 10000, mille euro più mille euro meno in media) e il corso dura meno di tre mesi (meteo e testa di coccio del pilota permettendo) invece dei 6 del PPL, ma avanzare vuol dire più di un anno e spendere soldi per l'avanzamento proprio e del proprio aereo.

Ultimo, ma non per ultimo: volare VDS costa meno della metà di volare AG. Questo comporta che a parità di budget, nel VDS puoi volare il doppio del tempo. Questo vuol dire divertirsi il doppio, e aumentare al doppio della velocità le tue abilità volatorie, dimezzando il rischio di combinare qualche errore per inesperienza. Se non hai problemi di budget, però, l'AG ha in genere disponibili dei bei corsi mirati alla sicurezza volo, volo strumentale, acro e altre cose del genere.

Nel VDS è molto molto diffuso l'aereo di proprietà (anche se a volte diviso a quote), per cui si parla di aerei o nuovi o comunque recenti e non c'è l'obbigo di manutenzione presso officine specializzate (il che costituisce la prima voce di rispamio importante rispetto all'AG, ma anche di diffidenza in caso di acquistodi usato che comunque è molto vivace), a differenza dell'aviazione generale dove la norma è il noleggio e in genere girano apparecchi che passano anche gli -enta e gli -anta anni che a causa dell'obbligo di manutenzione ufficiale sono tenuti in efficienza per forza di cose (e tengono alti i prezzi del nuovo e sconsigliabile la rottamazione, considerando tutto quello che ci spendi); al contrario, nel VDS noleggiare è molto difficile per mancanza di disponibilità, si può provare con gli aerei scuola, ma va caso per caso e in genere non conosco aerei messi lì solo per essere noleggiati. C'è però da tener conto del fatto che non è improbabile nell'AG di imbattersi in cadenàss di 50 anni fa con costi di noleggio che ti potrebbero far girare in una Ferrari per tutto il pomeriggio.

Poi c'è la soluzione a cui pochi pensano ma che è sempre lì: il volo a vela. Costa molto meno del PPL ma è un brevetto, si fa un'esperienza di volo completa, e se non ricordo male può essere usato come trampolino per conseguire successivamente il PPL. Non ne so molto ma è un'opzione da non scartare a priori.

Spero di non aver scritto scemenze, nel caso mi corigerete :D

Pinguino30
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 26
Iscritto il: 11 gennaio 2013, 18:22

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Pinguino30 » 14 gennaio 2013, 15:29

Grazie a tutti per le risposte, siete stati molti gentili e mi state facendo riflettere.

Sono orientato verso il PPL, purtroppo nella mia zona non ci sono corsi GPL.
L'attestato VDS vorrei richiederlo dopo aver preso il PPL in modo da prendere due piccioni con una fava.

Vorrei aggiungere due piccoli dettagli che a mio parere sono poco trascurabili per me che avrei intenzione di conseguire una licenza di volo:
a) il rumore dell'elica è assordante;
b) ero più tranquillo nel sorvolare la campagna piuttosto che i centri abitati.

Aggiungo anche che ci ho messo molto tempo ad imparare a guidare la macchina, complice anche un papà molto nevrotico e tendente all'incazzatura perenne, infatti posso dire di aver imparato da solo perché facevo su e giù di nascosto con la macchina lungo il vialetto privato dove abitavamo. Questo per dirvi che "soffro" abbastanza l'impazienza e la rabbia altrui, diciamo che incidono sulle mie performances facendomi apparire meccanico ed innaturale, anche se su questo aspetto negli ultimi anni ci ho lavorato molto, imparando a darne il giusto peso, ma di fondo resta ancora un po' di insicurezza, onestamente parlando. Quindi spero anche di trovare istruttori poco aggressivi.

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1983
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da camicius » 14 gennaio 2013, 16:19

Pinguino30 ha scritto: a) il rumore dell'elica è assordante;
Si può volare con le cuffie.
Io preferisco farne a meno (anche perché gli interfono dei nostri aerei fanno un po' c***re), però nulla ti vieta di volare con le cuffie, limitando quindi il rumore.
Pinguino30 ha scritto: b) ero più tranquillo nel sorvolare la campagna piuttosto che i centri abitati.
Questo anche perché non sai le performance in planata dell'aeroplano. Da 2000 piedi a terra fai 6-8 km (in base all'aeroplano), che non sono pochi...
Pinguino30 ha scritto: Aggiungo anche che ci ho messo molto tempo ad imparare a guidare la macchina, complice anche un papà molto nevrotico e tendente all'incazzatura perenne, infatti posso dire di aver imparato da solo perché facevo su e giù di nascosto con la macchina lungo il vialetto privato dove abitavamo. Questo per dirvi che "soffro" abbastanza l'impazienza e la rabbia altrui, diciamo che incidono sulle mie performances facendomi apparire meccanico ed innaturale, anche se su questo aspetto negli ultimi anni ci ho lavorato molto, imparando a darne il giusto peso, ma di fondo resta ancora un po' di insicurezza, onestamente parlando. Quindi spero anche di trovare istruttori poco aggressivi.
Dipende un po' dall'istruttore.
Io non mi sono trovato male, ma comunque penso che chiunque sia in grado di portare una macchina in sicurezza, con un po' di impegno e di dedizione, può riuscire a portare un aeroplano (leggero, PPL o VDS) senza grossi problemi.

E concordo con Maffa su (quasi¹) tutto. Sono pilota PPL, non ho mai volato VDS, ma sento che volerei poco tranquillo a 500 piedi (ma anche 1000) ground, anche perché non è che vai a 30 all'ora...

Ciao
Andrea

¹ non concordo su questo: la radio, che in italia per il VFR usiamo troppo e male. Ma volo su un aeroporto controllato, con controllori in gamba, e sono abituato a usare la radio anche per muovermi a terra...
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Maffa
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 82
Iscritto il: 29 aprile 2007, 19:15
Località: Torino

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Maffa » 14 gennaio 2013, 16:43

beh camicius, se hai il ppl, con la conversione VDS puoi volare un apparecchio recente (ancorchè avanzato) che va a verde. Le quote la radio gli aeroporti e tutto il resto restano uguali. Purtroppo non credo contino come ore -il che ovviamente è una cretinata ma lo sanno anche le pietre che ENAC è nemica del volo privato. Restano i certificati, che costano una schioppettata rispetto al VDS ma sono ancora convenienti (in assoluto o almeno in rapporto qualità/prezzo/età) rispetto ai cadenàss AG che ancora sono in circolazione.

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1983
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da camicius » 15 gennaio 2013, 8:50

Maffa ha scritto:beh camicius, se hai il ppl, con la conversione VDS puoi volare un apparecchio recente (ancorchè avanzato) che va a verde. Le quote la radio gli aeroporti e tutto il resto restano uguali. Purtroppo non credo contino come ore -il che ovviamente è una cretinata ma lo sanno anche le pietre che ENAC è nemica del volo privato. Restano i certificati, che costano una schioppettata rispetto al VDS ma sono ancora convenienti (in assoluto o almeno in rapporto qualità/prezzo/età) rispetto ai cadenàss AG che ancora sono in circolazione.
Però dovrei investire per acquistarlo, oppure conoscere qualcuno con cui acquistarlo in società. E se mi stufassi, mi trasferissi per lavoro da qualche altra parte, dovrei cercare qualcuno a cui vendere l'aeroplano o far entrare qualcuno in società con i miei amici.
Se io decido di smettere di volare, non ho problemi, smetto di pagare la tessera e le ore di volo.
Se mi trasferisco, posso trovare un altro aeroclub o noleggiare un aeroplano e continuare a volare.
E questo credo sia un enorme vantaggio.

ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11685
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da flyingbrandon » 15 gennaio 2013, 9:25

Maffa ha scritto:il fatto che tu non abbia apprezzato le manovre spinte (non richieste) gioca a tuo favore e a quella della tua capacità future di sopravvivenza come ipotetico futuro pilota: vuol dire che non ti piace volare per lo schizzo di adrenalina che dà ad alcuni, e che sarà meno probabile ti possa venire voglia di fare buzzing a far ciao ciao con la manina sopra casa dei tuoi cari per poi piantarti contro un traliccio o un campanile.

Spero di non aver scritto scemenze, nel caso mi corigerete :D
Sono d'accordo su tutto tranne su questo....e sul fatto che le persone, mediamente, sappiano guidare la macchina... :mrgreen: Su quello quotato, in particolare, ho notato spesso proprio il contrario...gente all'inizio intimorita che poi, per qualche strana ma comune ragione, si sente il barone rosso. A me è da sempre piaciuta l'acrobazia, non mi ha dato mai fastidio niente in aereo fin dal primo volo, ma non ho mai ricercato la "popolarità"....e per popolarità intendo proprio il fatto che, spesso, la ricerca dell'adrenalina ti porta , in sicurezza, a spingere te e l'aereo...la ricerca dell'essere "visto" non fa parte della componente adrenalinica ma quella esibizionista.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Maffa
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 82
Iscritto il: 29 aprile 2007, 19:15
Località: Torino

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Maffa » 15 gennaio 2013, 12:50

vero anche questo, ma si può sempre sperare no? ;)

e ad ogni modo, magari tutti gli esibizionisti avessero almeno anche l'umiltà di fare un serio corso acro. essere esibizionisti in se non è una brutta cosa, ma se l'esibizione finisce con un applauso e non con un cartoccio di lamiere fumanti e mazzi di fiori è meglio...

Avatar utente
SaturnV
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 631
Iscritto il: 15 settembre 2008, 14:35
Località: I lost my "M" in Vegas...

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da SaturnV » 15 gennaio 2013, 16:57

Pinguino vai tra ! Nessuno nasce "imparato". Step by step.
Concordo con chi mi ha preceduto che al primo volo non si debbano mostrare al novizio cose "strane".
Tu sei li e paghi. Paghi perche' vuoi volare e trarne piacere, soddisfazione, bei ricordi. Per te il volo e' un sogno, chissa' quanto hai fantasticato sul come possa essere stare li' davanti e guardare giu', provare la sensazione di essere tu a controllare un mezzo tanto distante dalla quotidianita'. Non vedo proprio il motivo ne' tantomeno l'utilita' di mostrare situazioni che prima ancora di essere effettuate dovrebbero essere spiegate e comprese in modo da capire cosa succede e perche'.
Perche' se vuoi star male non c'e' bisogno che tu vada a pagare il noleggio di un aereo e un istruttore fenomeno: dai 20 euro a me che ti do qualche vergata e siamo contenti tutti e due.
Tra l'altro l'istruttore che si comporta cosi' rischia di perdere un bel cliente...
Se poi ti troverai ad avere a che fare con istruttori che non contengono l'aggressivita', parlane e non farti problemi a cambiare.
Ciao.
Piloti gente strana:
Pagano quando vogliono volare e se li paghi non vogliono piu' volare...

JAA FAA FI FII MEI GrAn FiGl d PutT Gran FARab LaDr MaScalz d Gran CroC Duca VisConte... e pure Arch-Ing... Per chi capisce.

Nonno Salt
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 145
Iscritto il: 14 luglio 2009, 15:07
Contatta:

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Nonno Salt » 16 gennaio 2013, 12:40

Maffa ha scritto: ...Il VDS va benissimo se non hai le esigenze qui sopra descritte. Se vuoi volare per il piacere di stare per aria, e non ti interessa di decolare e atterrare in posti di cui neanche gli abitanti del paese sono a conoscenza, è il modo per te. Il VDS ha un grave problema, che è la restrizione alle quote di volo. Quando si vola, la quota è letteralmente vita. Se hai un qualsiasi problema -meccanico, meteo, malore, qualsiasi- la quota è il tempo che ti serve a renderti conto del problema e trovare una soluzione. Nel VDS questa quota è limitata a 500 piedi (150 metri) durante la settimana e 1000 piedi (300 metri) nei we, a meno che non si faccia un corso per VDS avanzato che assieme ad un apparecchio VDS avanzato, ti consenta di "volare avanzato", il che comporta poter volare VFR come un AG con radio e trasponder.
Giusto un paio di cose a completamento del bell'intervento di Maffa:

- problema restrizione quote: all’apparecchio avanzato viene riconosciuta la capacità di operare in spazi aerei non controllati senza limitazioni (anche se il pilota non ha l'attestato "avanzato"), mentre al binomio apparecchio avanzato e pilota avanzato viene consentita un’operatività molto simile all’AG, compreso l'uso di molti aeroporti;

- ancora sulle quote: occorre tenere conto che i limiti di quota sopradescritti devono essere calcolati "dal punto più alto nel raggio di 5 Km dall'aereo" in volo. Per chi come me vola quasi sempre in territorio collinare (con colline che vanno da 300 metri fino a 1500), significa avere qualche turbolenza, ma non avere alcun problema di quote sicurezza potendoo volare tranquillamente 300 metri sopra la quota collinare anche se si è in valle.
Certo, in pianura padana le cose cambiano sensibilmente.

Un saluto
N-ONNO

http:/www.fiorenzadebernardi.it
Aeralpi 1967, prima donna pilota commerciale in Italia

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1983
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da camicius » 18 gennaio 2013, 10:01

Nonno Salt ha scritto: - ancora sulle quote: occorre tenere conto che i limiti di quota sopradescritti devono essere calcolati "dal punto più alto nel raggio di 5 Km dall'aereo" in volo. Per chi come me vola quasi sempre in territorio collinare (con colline che vanno da 300 metri fino a 1500), significa avere qualche turbolenza, ma non avere alcun problema di quote sicurezza potendoo volare tranquillamente 300 metri sopra la quota collinare anche se si è in valle.
Non avendo mai volato VDS domando:

come fai a controllare queste quote?

Ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Maffa
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 82
Iscritto il: 29 aprile 2007, 19:15
Località: Torino

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Maffa » 18 gennaio 2013, 10:27

Se intendi "come fai a sapere le quote delle cime più alte nel raggio di 5 km", ti prepari il volo prima e vedi (tra le altre cose come meteo notam e compagnia) l'orografia della zona e in ogni caso grazie a dio i navigatori GPS li puoi anche scaricare sul cellulare :D

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1983
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da camicius » 18 gennaio 2013, 12:03

Maffa ha scritto:Se intendi "come fai a sapere le quote delle cime più alte nel raggio di 5 km", ti prepari il volo prima e vedi (tra le altre cose come meteo notam e compagnia) l'orografia della zona e in ogni caso grazie a dio i navigatori GPS li puoi anche scaricare sul cellulare :D
Intendo più "come faccio a essere sicuro che sono sotto i 500 gnd". In AG tutte le quote limite (degli spazi aerei vietati o dove devi chiedere prima di entrare) sono riferite al livello del mare (con il QNH che ti dà Padova info o Milano info).
Nelle mie cartine (Jeppesen) non vi sono grossi dati per capire quali sono le quote del terreno, e non c'è un ostacolo/collina/vetta con la quota segnata nel raggio di 5km.

I navigatori da telefono sono principalmente per uso stradale (il mio si lamentava che, sorvolando più o meno in diagonale la A4 andando verso Orio stavo andando un po' fuori dal limite...) c'è qualcosa che ti possa aiutare con le quote (ovvero qualcosa che ha la segnalazione quote tipo il G1000)?

ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Maffa
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 82
Iscritto il: 29 aprile 2007, 19:15
Località: Torino

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Maffa » 18 gennaio 2013, 13:06

camicius ha scritto:
Maffa ha scritto:Se intendi "come fai a sapere le quote delle cime più alte nel raggio di 5 km", ti prepari il volo prima e vedi (tra le altre cose come meteo notam e compagnia) l'orografia della zona e in ogni caso grazie a dio i navigatori GPS li puoi anche scaricare sul cellulare :D
Intendo più "come faccio a essere sicuro che sono sotto i 500 gnd". In AG tutte le quote limite (degli spazi aerei vietati o dove devi chiedere prima di entrare) sono riferite al livello del mare (con il QNH che ti dà Padova info o Milano info).
Nelle mie cartine (Jeppesen) non vi sono grossi dati per capire quali sono le quote del terreno, e non c'è un ostacolo/collina/vetta con la quota segnata nel raggio di 5km.

I navigatori da telefono sono principalmente per uso stradale (il mio si lamentava che, sorvolando più o meno in diagonale la A4 andando verso Orio stavo andando un po' fuori dal limite...) c'è qualcosa che ti possa aiutare con le quote (ovvero qualcosa che ha la segnalazione quote tipo il G1000)?

ciao
Andrea

Si usa uno strumento che predata l'aviazione, quello che gli anglosassoni chiamano il Mark I EyeBall PRO 8) Quando si vola pancia a terra è meglio guardar fuori a scansare campanili e tralicci dell'alta tensione, non a misurare a scandaglio la distanza da terra con precisione al metro :wink:

Detto questo, ci sono degli strumenti come AirNav pro per mac (il primo che mi viene in mente) che misurano QFE e QNH della mappa che importi con una griglia di 25 metri per lato. Il alternativa/concordanda, potresti usare il TAWS del GPS, tenendo ovviamente conto del fatto che ci potrebbero essere delle discordanze.

la quota che ti dà il GPS è il risultato di un calcolo tra le risposte di diversi satelliti e i dati cartgrafici della zona in cui ti trovi. Questa quota è precisa per quanto è preciso il GPS che stai usando in quel momento e per questo motivo può essere sensibilmente diversa dalla quota barometrica che è un dato di area.

Considera ovviamente che se devi volare in zone controllate, la quota GPS non ti serve a nulla perchè all'ATCO serve che tutti i controllati abbiano lo stesso QNH, poco importa che nel posto particolare in cui ti trovi la pressione sia 1025 o 1027, l'importante è che l'ATCO e tutti gli aerei attorno sia 1026.

In ultimis, a dire la verità, a dirla proprio tuttatutta, al di sotto di una certa quota, sei per ragioni di copertura radar praticamente invsibile. Cosa che ha consentito una certa -uh- elasticità alla norma. Diciamo che settando il QNH d'area e con la conoscenza dei rilievi della zona puoi ragionevolmente stare attorno alla quota legale. Non si parla però di quota spaccata.

E -sempre a dirla tutta- non si sa neanche bene a chi serva avere tutti questi traffici pancia a terra; se non ricordo male è per evitare conflitti con traffici militari che potrebbero passare a bassa quota, ma a quel punto avrebbe più senso fare come in francia che sono i militari che volano nap on earth perchè devono avere il manico l'addestramento e l'attrezzatura a bordo per farlo, e non i civili con sei lamiere imbullonate, un motore di un tagliaerba e il cellulare con una app gratuita avventosato al plexi.

Per quanto riguarda le app, ce ne sono a mijaja, sia per Mac che per android. Se vai sulle rispettive app store ne trovi di ogni genere caratteristica e forma, per tab (anche da incassare negli aerei) e cellulari. Se vai sul forum apparentato con Volare c'è una sezione dedicata all'hi tech a bordo e trovi anche parecchie recensioni.

Pinguino30
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 26
Iscritto il: 11 gennaio 2013, 18:22

Re: Vorrei prendere una licenza di volo, però....

Messaggio da Pinguino30 » 5 febbraio 2013, 18:02

Ho deciso di iscrivermi, inizierò a seguire i corsi per la PPL nel mese di marzo.
Poiché ho ancora un mesetto davanti stavo pensando di studiare qualcosa di teoria per conto mio.
Qualcuno saprebbe indicarmi un buon testo o delle dispense/slide da leggere nel frattempo, tipo meteorologia oppure comunicazioni radio, giusto per cominciare a farmi un' idea?
Grazie. Ogni altro eventuale suggerimento sarà gradito.
Ciao.

Rispondi