Informazioni su Pilota di Linea

In quest’area si discute di Aeroclub, di brevetti commerciali / ATPL integrato, di ultraleggeri, di scuole e corsi relativi all'aviazione civile

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
LeBron_91
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 188
Iscritto il: 30 marzo 2014, 14:29
Località: Napoli

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da LeBron_91 » 8 marzo 2015, 22:47

I-NOEL ha scritto:Giuseppe diamoci del TU, non è l'età anagrafica e non credo che nemmeno essere presenti su di un forum, spinti dalla stessa passione, a farci diventare "formali". La mia risposta è NO. O almeno ci salgo regolarmente per lavoro e tutte le volte entro nel cockpit per qualificarmi e avere "disposizioni" dal comandante 8) Ho appena iniziato e questa avventura non so dove mi porterà. Forse sarà una bolla di sapone, forse rimarrò con il solo PPL (A) o forse su un ipotetico libro della mia vita su qualche foglio ci sarà scritto che lo diventerò. Forse tra 10 anni mi ritroverò a scrivervi da un'isola sperduta dell'Asia del Sud-Est che trasporto polli. "MAI DIRE MAI" :) Di certo quando sentirò il rombo di un altro aeroplano che mi passa sulla testa, non mi morderò la lingua dicendo tra me e me "potevo almeno tentarci". Max
Ti faccio tanti auguri allora, l'età si può essere un ostacolo ma mai dire mai! Il cadet della British era aperto dai 18-55 anni quindi vuol dire che forse l'età, se c'è qualcosa che ti eleva per altre caratteristiche, non debba essere per forza così rilevante! Anche io sono al PPL comunque! :D
Giuseppe Santoro

Avatar utente
I-NOEL
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 36
Iscritto il: 6 marzo 2015, 8:10
Località: Tiriolo
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da I-NOEL » 9 marzo 2015, 6:16

[/quote]

Mi raccomando...presentati come POLPEN INOEL...cosi se c'è qualcuno del forum ti riconosce .... :mrgreen:
Ciao![/quote]

Urca mi hai sgamato subbbbittttissimo.
Mi si legge in faccia??? :evil: ah ah ah.
Scherzo ma in effetti ho dato un indizio troppo facile per chi è nel settore!
Giuseppe l'età è rilevante ne sono consapevole, ma tutto può succedere! Mai disperarsi. Ti faccio i miei migliori auguri.
Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica Aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare.
Igor Sikorsky

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11583
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da flyingbrandon » 9 marzo 2015, 10:18

I-NOEL ha scritto: Urca mi hai sgamato subbbbittttissimo.
Mi si legge in faccia??? :evil: ah ah ah.
Scherzo ma in effetti ho dato un indizio troppo facile per chi è nel settore!
Eh.... :mrgreen: allora ci si vede in aria....sgratttttt....no non in quel senso... :roll: :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

sara98
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 43
Iscritto il: 20 dicembre 2014, 16:26

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da sara98 » 15 marzo 2015, 22:25

Buonasera a tutti!! :D
Qualche giorno fa ho visitato un sito in cui ho letto che diverse compagnie cercano personale con la laurea in ingegneria!! ma quali compiti svolgono gli ingegneri all'interno delle compagnie?? inoltre, che mansioni svolge un ingegnere di volo??
Lampo13 ha scritto:Sara, TU sai quanto forte è la tua passione. Se l'hai provaci, ne vale la pena. Le donne Pilota sono brave quanto gli uomini Piloti ma aspettati un po' di difficoltà in più, c'è un certo maschilismo nell'ambiente, non te li c***re! :wink:
Grazie per gli incoraggiamenti Lampo!! :D
Proprio qualche giorno fa ho affrontato questo argomento con mia madre la quale mi ha detto di aver letto di compagnie che preferiscono assumere uomini piloti anzichè donne pilota!! motivo in più, secondo lei, per non intraprendere una simile carriera!! Per quanto mi riguarda, invece, credo che di sicuro non sarà questo motivo a farmi cambiare idea e confido in tutte quelle persone che, durante le selezioni, non baderanno al genere, bensì alla bravura e alla professionalità!! :)
E' inutile dire che non vedo alcuna logica dietro il ragionamento secondo cui una donna, in quanto tale, potrebbe non essere capace di pilotare un aereo...siamo nel 2015 e cose simili non dovrebbero neanche essere pensate!!!!
77W ha scritto:
Sara98 ha scritto:Ci sono scuole di volo in Italia che, come la Bartolini Air e tanti altri aeroclub all'estero, hanno contratti con le compagnie in modo tale da garantire agli allievi un posto sicuro terminati gli studi??
Di sicuro non esiste nulla a livello di contratti, a livello di contatti invece va meglio. Garanzie di lavorare al termine degli studi non le dà nessuno, giusto i programmi sponsorizzati, e a volte anche finanziati, da alcune compagnie possono darti una certezza in più.
E per il resto quoto Lampo.
Chiedo scusa per l'errore!! :oops: allora riformulo la domanda: in Italia esistono aero club che hanno contatti con le compagnie??
I-NOEL ha scritto:“Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perché là siete stati e là vorrete tornare.”
Ho 44 anni e mi rifaccio a questo scritto di Leonardo Da Vinci. Sono sempre con il naso all'insù quando sento un rombo di un aereo di linea passare sulla mia testa. Ho rimandato e messo da parte la mia passione perché c'era sempre qualcosa che veniva prima. La famiglia, la casa, i figli, tutto! Fino a quando sono arrivato alla conclusione che più io la mettessi da parte più lei si rifaceva viva creandomi disagio, frustrazione. Ho deciso di iscrivermi a Scuola di Volo sfidando tutti e tutto. Chi mi ha sorretto in tutto questo mia moglie e i miei figli. E credetemi è la cosa più bella che io potessi fare. Questo per dirvi che non c'è età per poter inseguire i propri sogni, non c'è età per far "volare i propri sogni". Leggendovi si capisce che per poter diventare piloti oggi o sei il figlio di qualche emiro del Qatar oppure devi vincere al superenalotto. I soldi servono ma serve ancora di più la passione. Se c'è quella tutto prende una dimensione diversa. Ho visto vecchiette a 85 lanciarsi con il paracadute, ho visto vecchietti a 90 anni prendere la seconda o la terza laurea. Credo che l'unica limitazione sta’ nella nostra testa. Non sto dicendo che tutto si risolve con la famosa bacchetta magica..... ma a volte ponendosi in modo positivo la dura strada che si percorre per raggiungere un target, uno scopo, o la realizzazione di un sogno, la si percorre con molta più leggerezza. Viviamo in un periodo assurdo, privi di valori, di certezze, di un lavoro, con gente che fa la morale ogni giorno che non credo si guardi in faccia, altrimenti si vergognerebbe. Quindi se è questo quello che volete non permettete a nulla e a nessuno di farvi demoralizzare.
I-NOEL ha scritto:Giuseppe diamoci del TU, non è l'età anagrafica e non credo che nemmeno essere presenti su di un forum, spinti dalla stessa passione, a farci diventare "formali". La mia risposta è NO. O almeno ci salgo regolarmente per lavoro e tutte le volte entro nel cockpit per qualificarmi e avere "disposizioni" dal comandante 8) Ho appena iniziato e questa avventura non so dove mi porterà. Forse sarà una bolla di sapone, forse rimarrò con il solo PPL (A) o forse su un ipotetico libro della mia vita su qualche foglio ci sarà scritto che lo diventerò. Forse tra 10 anni mi ritroverò a scrivervi da un'isola sperduta dell'Asia del Sud-Est che trasporto polli. "MAI DIRE MAI" :) Di certo quando sentirò il rombo di un altro aeroplano che mi passa sulla testa, non mi morderò la lingua dicendo tra me e me "potevo almeno tentarci". Max
Personalmente queste parole mi hanno colpita profondamente ed ammiro il tuo immenso coraggio di metterti in gioco nonostante le difficoltà, coraggio che non è assolutamente da tutti!!
Auguro di cuore a te e a LeBron_91 un grande in bocca al lupo e di riuscire presto a spiccare il volo!! :D

Avatar utente
paky
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 545
Iscritto il: 17 giugno 2008, 18:46
Località: Alberobello (BA)
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da paky » 16 marzo 2015, 10:19

Tua madre avrà sicuramente letto male o, con tutto il rispetto nei confronti di tua madre, ha detto solo un enorme balla per farti desistere, perché fin ad ora nessuna compagnia ha mai fatto distinzione, anzi, molte, durante i propri recruitment, sostengono delle campagne per incentivare le donne con questa passione a prendere le licenze o presentarsi agli assessment per i loro cadetship, vedi la campagna per le donne fatta durante il British Airways Future Pilot Programme. Quindi rassicura tua madre che le donne hanno opportunitá alla pari di un qualsiasi uomo. Superasse queste credenze che appartengono ad una società passata e di mentalità chiusa e basasse i suoi consigli solo su quello che è più giusto per te. Per quanto riguarda gli ingegneri, sì ci sono posizioni all'interno della compagnia che richiedono tale figura, ma sono lavori d'ufficio o legati alla manutenzione degli aerei, quindi sfortunatamente non c'è la componente volo. Gli ingegneri di volo venivano utilizzati nel passato per la gestione dei sistemi di bordo, come impianto elettrico, idraulico ed ecc, ma purtroppo è una figura ormai scomparsa sostituita dai moderni computer. Dato che sei di Campobasso, convinci i tuoi genitori a raggiungere l'Aeroclub di Foggia o Bari durante un weekend e a farti fare un piccolo volo d'ambientamento magari anche con loro a bordo. Se vieni a Bari fammi sapere così preparo un incontro tra tua madre e una mia amicA pilota, che appena la sente parlare di distinzione tra uomo e donna se la mangia viva. :mrgreen:
Obiettivi:
First Class Medical: Done
PPL(A) JAA: Done
ATPL(A) Theory: Work in progress...

Avatar utente
Candido
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 124
Iscritto il: 18 agosto 2007, 9:55

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Candido » 16 marzo 2015, 11:10

Io penso che la madre di Sara98 non sia spaventata dal fatto che le compagnie preferirebbero assumere piloti uomini ma dal costo che lei dovrà sostenere per finanziare il percorso addestrativo della figlia (come darle torto?).
Preferirebbe spendere 10.000 Euro per far laureare la figlia in ingegneria piuttosto che spendere 10 volte tanto per farle prendere le licenze.

Il ragionamento è semplice: diventare ingegnere costa di meno e forse ci sono maggiori possibilità di trovare lavoro, anche in ambito aeronautico.
Per i piloti invece il rischio di trovarsi disoccupati dopo aver speso un patrimonio è maggiore, soprattutto se non si è disposti ad andare via dall'Italia (anzi dall'Europa).

Se prendere l'ATPL costasse quanto un normale corso universitario molti genitori non si farebbero problemi ad investire sulla passione del proprio figlio, purtroppo non è così almeno in Europa, negli Stati Uniti invece le università sono molto costose al pari delle scuole di volo.

Sara98 mi sembra che tu abbia ricevuto dal forum tutte le informazioni che stavi cercando, adesso la questione è solo tra te e tua madre (mi sembra di capire che tuo padre sia più propenso ad assecondare questo tuo desiderio, ma si sa che il parere dei papà in famiglia conta quanto il due di briscola). :D

Comunque vai a fare un volo di prova, magari potresti scoprire che volare per quanto sia emozionante non rappresenti per te alla fine tutto questo entusiasmo. Volare è bello ma non mitizziamo troppo questa attività, ci sono cose molto più divertenti nella vita ed allo stesso tempo anche molto meno costose.... :mrgreen:
Laurea in Scienze Nautiche ed Aeronautiche.

http://www.scienzeetecnologie.uniparthenope.it/L28.html

Avatar utente
paky
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 545
Iscritto il: 17 giugno 2008, 18:46
Località: Alberobello (BA)
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da paky » 16 marzo 2015, 16:26

Candido io sono il primo a metter la gente di fronte alla reale situazione del settore e far ben chiaro che non è tutto oro quello che luccica, ma sinceramente le stesse difficoltà che incontra un pilota nel trovare un buon lavoro retribuito, le vedo anche per un neo-laureato. Bada bene che la figura più richiesta attualmente in compagnia non è l'ingegnere nel vero senso della parola, ma l'engineer,che molto spesso viene confuso con il nostro equivalente ingegnere, mentre in inglese è un termine utilizzato anche per definire un tecnico specializzato, e andando sui vari siti delle compagnie nella sezione carriere c'è un alta richiesta di engineer con licenza B1 e B2, ovvero tecnici manutentori, no ingegneri. Licenze B1 e B2 non si prendono all'università, ma in scuole autorizzate e non richiedono nessuna laurea come requisito d'accesso e anch'esse costano, eccetto una a Milano ma è a numero chiuso giustamente. Quindi anche per l'alta richiesta di ingegneri o nel trovar lavoro in altri ambiti subito dopo la laurea ci andrei con i piedi di piombo nel clima attuale. Detto questo il costo delle licenze non è detto debba essere di 100.000 Euro, e il costo di un corso universitario quinquennale non è detto debba essere di 10.000 euro. Vero, ci sono tre scuole dove si paga 100.000 euro ma nel 98% dei casi hai lavoro a fine corso, grazie alle loro connessioni con varie compagnie, quindi se spendi una cifra così enorme sei "salvaguardato" e il problema del lavoro non si pone come nei casi invece di gente che non avendo la possibilità si paga le licenze in scuole di volo normali e poi deve darsi da fare per trovare lavoro. Il costo delle licenze in scuole normali con un buon rapporto qualità/prezzo e tanta volontà si può ridurre a molto meno di 100.000 Euro. PPL vicino Napoli o Polonia 7000 Euro. Corso ATPL in Distance Learning tramite CATS 1000 sterline e compri libri usati ATPL a 300 Euro, 1000 sterline per esami in UK, tra viaggio, albergo e costo corso metti totale 5000 euro. Hour Building in Slovenia 9000 euro, CPL IR e MEP Keilar Aviation Academy 18000 euro o Air Bartolini 15000 Euro compreso tasse d'esame e license issue, MCC&JOC 4400 Euro compreso alloggio Simtech Aviation e qui si può ancor di più risparmiare fino a 2.500 Euro. Totale: 40.000 Euro, metti altri e 5.000 per mazzi e azzi vari, e siamo a 45.000 Euro. Dove li vedete sti 100.000 io sinceramente non lo so. Questo è secondo me un buon percorso anche in termini di qualità, e con buone scuole da mettere su CV, se poi si vuol puntare ancor di più al risparmio ci sono anche altre possibilità. Immaginate che due amici hanno pagato 22.000 Euro in Slovenia per CPL/IR/MEP + Flight Instructor Rating. Finito il corso in minimum hours e first pass agli esami. Ora se parliamo di università, il costo dipende dal reddito familiare per la questione tasse, se si ha la fortuna di avere l'università vicino o nel paese dove si abita, e se si scegli o no di fare un eventuale Master. Supponiamo 500 Euro per 10 mesi per 5 anni sono 25000 Euro tra vitto e alloggio (beato a chi ci riesce), a questo si deve aggiungere tasse e libri e credo che un range tra i 5.000 e i 10.000 Euro sia una cifra possibile, se non di più e siamo arrivati a 35.000 Euro. Vuoi fare il Master? Bene non so quanti altri soldi ci vogliano. Uno dice ma puoi lavorare e pagarti parte della somma mentre frequenti l'Uni e io ti rispondo benissimo, stesso discorso può essere applicato per le licenze. Uno potrebbe rispondere vabbè io ce l'ho nel mio stesso paese, beato te ma c'è chi non ha questa fortuna o magari non c'è il corso di laurea che gli interessa e anche per l'università deve trovarli sti soldi per vivere. Perché stesso discorso non può essere applicato alle licenze? Soprattutto poi ora, che con le facoltà a numero chiuso molta gente è costretta a partire perché magari è riuscita ad entrare nel corso a stoccazzemburg, invece che all'università dietro l'angolo. Gli esempi di gente che con sacrificio e dedizione ci sono riusciti ci sono, certo è difficile non lo metto in dubbio, ma lamentarsi non serve a nulla bisogna rimboccarsi le maniche e trovare il modo, qualsiasi cosa nella vita si voglia fare, che sia il dottore, l'avvocato, l'infermiere o il pilota.
Obiettivi:
First Class Medical: Done
PPL(A) JAA: Done
ATPL(A) Theory: Work in progress...

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da bulldog89 » 16 marzo 2015, 16:38

Ma vitto ed alloggio per Napoli, Slovenia e posti vari? Ed il TR? Da 45000 si viene su in fretta...

Avatar utente
paky
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 545
Iscritto il: 17 giugno 2008, 18:46
Località: Alberobello (BA)
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da paky » 16 marzo 2015, 16:42

Il ppl in 3 mesi si prende, hour building in 1 mese si fa, e cpl/ir e Mep in 4 mesi.
Obiettivi:
First Class Medical: Done
PPL(A) JAA: Done
ATPL(A) Theory: Work in progress...

bulldog89
FL 250
FL 250
Messaggi: 2944
Iscritto il: 8 gennaio 2009, 13:04
Località: 16nm NE LIML

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da bulldog89 » 16 marzo 2015, 16:51

Mi sembrano delle tempistiche più minime che normali ma non è questo il punto...

Negli XX mesi che serviranno per passare da 0 ad ATPL non viviamo e non mangiamo? Perché nel conteggio dell'università hai contato 50 mesi di vitto ed alloggio, per le licenze zero...mi sembra un po' "unfair"...anche considerando che quei soldi li spenderai lo stesso per vivere nei (60-XX) mesi che non abbiamo conteggiato...a meno di schiattare subito dopo aver preso i brevetti...ma non mi sembra il caso.

Avatar utente
LeBron_91
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 188
Iscritto il: 30 marzo 2014, 14:29
Località: Napoli

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da LeBron_91 » 16 marzo 2015, 17:10

A Napoli non ti costa 7000 Euro il PPL, e sto facendo io un percorso modulare qua. Però in ogni caso non tocchiamo assolutamente i 100000 Euro. Il type io penso che debba essere l'ultimo dei problemi che bisogna porsi. Vorrei aggiungere oltre comunque a PPL,ATPL,CPL,MEP/IR (Esame TEA) è importante prendere anche MCC e JOC (requisiti oramai richiesti quasi da chiunque). Fatto tutto ciò io credo, come ho già detto in passato, che se uno vuole arrivare al proprio fine, ed ha le abilità giuste (ne limiti su dove e come cominciare), ci arriva. Ma lo stesso discorso vale per chi sceglie ingegneria, giurisprudenza o medicina.
Giuseppe Santoro

Avatar utente
paky
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 545
Iscritto il: 17 giugno 2008, 18:46
Località: Alberobello (BA)
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da paky » 16 marzo 2015, 19:05

bulldog89 ha scritto:Mi sembrano delle tempistiche più minime che normali ma non è questo il punto...

Negli XX mesi che serviranno per passare da 0 ad ATPL non viviamo e non mangiamo? Perché nel conteggio dell'università hai contato 50 mesi di vitto ed alloggio, per le licenze zero...mi sembra un po' "unfair"...anche considerando che quei soldi li spenderai lo stesso per vivere nei (60-XX) mesi che non abbiamo conteggiato...a meno di schiattare subito dopo aver preso i brevetti...ma non mi sembra il caso.
Se lo fai in Distance Learning comodamente seduto al tavolo di casa tua l'atpl non ha costi legati a vitto e alloggio, e nel conteggio dei 5000 euro per l'ATPL ho inserito vitto e alloggio per i brush up. Poi ai 40.000 euro totali ho detto aggiungete altri 5.000 per mazzi e azzi, se fai il conto 8 mesi per la parte pratica a 500 euro, ma mettiamo anche 800 ci stai nei 5000 o no? Sì sono delle tempistiche minime, ma credo che quando sei a corto di soldi cerchi di impegnarti per restare meno tempo fuori, o almeno così faccio io, come nel caso dell'università ho conteggiato i 10 mesi escludendo i mesi estivi, per 5 anni, ma quante persone si laureano fuori corso allungando così i tempi? In entrambi i casi ho conteggiato le tempistiche minime sottintendendo il massimo impegno da parte dell'individuo. E' ovvio che se invece di volare o studiare ci mettiamo a fare altro i tempi si allungano. Il type non l'ho considerato perché si presuppone che lo paghi con un contratto di lavoro sottomano, e quindi con il salario che ne deriva puoi tranquillamente pagartelo accendendo un finanziamento, o se sono stati i tuoi a pagartelo, glielo ripaghi mese per mese, tra virgolette non è un problema.
Obiettivi:
First Class Medical: Done
PPL(A) JAA: Done
ATPL(A) Theory: Work in progress...

vixr
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 154
Iscritto il: 16 aprile 2014, 21:36

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da vixr » 16 marzo 2015, 23:15

bulldog89 ha scritto:Ma vitto ed alloggio per Napoli, Slovenia e posti vari? Ed il TR? Da 45000 si viene su in fretta...
Bull, l'alloggio alla bartolini è incluso nel prezzo. Fanno un fatpl a 45000 con tutto incluso. Devi solo prendere l'mcc poi ma come ha già detto paky alla simtech viene 4400 con alloggio incluso. Con 50000 fai tutto. Poi è ovvio che devi pagarti il cibo ma ,lampo 13 lo saprà meglio di me, in polonia il costo della vita è molto piú basso e anche i supermercati :mrgreen:

Avatar utente
Candido
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 124
Iscritto il: 18 agosto 2007, 9:55

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Candido » 17 marzo 2015, 2:33

Quando ho scritto 100.000 Euro per conseguire le licenze ho compreso anche le spese necessarie per i corsi MCC e Type Rating, oltre che per vitto, alloggio, spese di trasporto, tasse aeroportuali e tasse ENAC per esami.
Mi riferivo essenzialmente all'Italia, forse in Polonia ed in Spagna si riesce a risparmiare qualcosa. In UK non credo.
Negli USA il vantaggio derivante dall'Euro forte ormai è solo un ricordo.

Ad ogni modo quella cifra è mediamente indicativa, ovvio che ci sono persone che sono riuscite a fare tutto spendendo 60.000 Euro (pochi) e chi invece sborserà 140.000 e passa Euro....

Riguardo l'università, considerata una media di 1.500 Euro di tasse universitarie e 500 Euro tra libri ed abbonamenti ai mezzi pubblici nel giro di 5 anni uno studente diligente riesce a laurearsi spendendo circa 10.000 Euro, senza considerare che se è veramente bravo ha la possibilità di vincere delle borse di studio che ammortizzano totalmente la retta universitaria, opportunità questa che non esiste nel mondo aeronautico.
Io pagavo 900 Euro di tasse all'anno, alla fine del percorso universitario avrò speso si e no 8000 Euro, meno di un PPL.

Università (Pubbliche) e Scuole di volo sono due mondi formativi diversi, e mi sembra abbastanza palese che le seconde sia più costose delle prime (logicamente).
Laurea in Scienze Nautiche ed Aeronautiche.

http://www.scienzeetecnologie.uniparthenope.it/L28.html

Avatar utente
I-NOEL
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 36
Iscritto il: 6 marzo 2015, 8:10
Località: Tiriolo
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da I-NOEL » 17 marzo 2015, 9:16

Ciao Sara98 , ciao a tutti.
Sono contento che il mio intervento, se pur con gravi lacune grammaticali che nel rileggere ho individuato e di questo me ne scuso, ti abbia colpito. Credo che in questo forum siamo in pochi a toccare gli "anta" e un pò di esperienza per chi ha raggiunto questo traguardo, c’è l’abbiamo. Mia figlia, la primogenita che ha la tua stessa età è del 98, anche lei tra poco verrà coinvolta in quella che poi è la realtà dei giorni nostri. Continuare gli studi, trovarsi un lavoro (utopia?!?), non sapere cosa fare. Credo che, e scusami se mi permetto, tua madre non condivida la tua scelta perché non ti vede sicura di quello che vuoi. Anche io vivendo la stessa situazione di tua madre,ho vissuto questi momenti. Una volta voleva fare il pilota (chissà perché :shock: ) una volta la stilista etc etc. Questa insicurezza, generata dallo stato di insicurezza generale e di quello che sta accadendo in questi tempi, mi fa destabilizzare, Se vedessi in lei la luce negli occhi, quella luce che solo chi insegue i propri sogni ha, stai ben certa che sarei il primo a spronarla affinché potesse realizzarli e farei di tutto per potergli spianare la strada. Forse ti ha vista poco determinata. Ora ti farò ridere e nello stesso tempo vi svelo un segreto. Io lavoro, sono alle dipendenze del Ministero della Giustizia quale un'appartenente del Corpo della Polizia Penitenziaria. Quindi già effettuo turni di lavoro non da impiegato di banca, mia madre nel vedere i miei continui viaggi a Reggio Calabria (sono iscritto li alla scuola di Volo presso l’aero club dello stretto) ha sospettato che ci fosse qualcosa di insolito. Da li ha iniziato il suo terzo grado con tanto di lampada puntata al viso , chiedendomi, ma cosa stai facendo, vai li per lavoro etc etc. Quando ha scoperto il motivo apriti cielo ah ah ah. Le mamme a qualsiasi età sono sempre un pò chiocce. Quindi non preoccuparti non sei la sola. Ma quando ha visto la mia determinazione nel realizzare il mio sogno non ha più parlato in mia presenza, mentre lo fa con mia figlia con la quale si lamenta e borbotta in continuazione. Questo per farti capire che non sarai mai del tutto svincolata dal cordone ombelicale che ti lega alla tua famiglia e a tua madre. Purtroppo dare un consiglio in questi casi non è sempre facile, perché non sei tu a decidere del tutto sulla strada da intraprendere. Non sei indipendente e di conseguenza dovendo dipendere (perdona il gioco di parole) dalla tua famiglia dovrai sempre e comunque mettere conto sulle decisioni da prendere. Ti faccio un grosso in bocca al lupo. Io ho iniziato il mio training di volo e la sensazione è bellissima, mista a paura di commettere errori irreparabili. Possa tu vivere le mie stesse emozioni, lo auguro a te lo auguro ai miei figli. Max
Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica Aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare.
Igor Sikorsky

Avatar utente
I-NOEL
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 36
Iscritto il: 6 marzo 2015, 8:10
Località: Tiriolo
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da I-NOEL » 17 marzo 2015, 9:17

:evil:
Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica Aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare.
Igor Sikorsky

Avatar utente
Candido
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 124
Iscritto il: 18 agosto 2007, 9:55

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Candido » 17 marzo 2015, 13:28

Condivido in pieno ciò che ha scritto I-NOEL.

I genitori, nel bene e nel male, saranno una presenza costante nella vita di una persona.

Purtroppo, vuoi per cultura, vuoi per ragioni economiche, vuoi per la mancanza di lavoro, i ragazzi italiani sono tra gli ultimi in Europa a lasciare la casa dei genitori, anche superati i 30 anni non sono poche le persone che dipendono quasi totalmente dai propri spesso anziani parenti.

Come è stato fatto notare: la ragazza, qualunque cosa vorrà fare nei prossimi anni, dovrà dipendere comunque dagli investimenti che i suoi genitori vorranno fare su di lei, quindi concordo sul fatto di avere le idee chiare subito, e se non ce le hai se ne accorge anche uno sconosciuto, figuriamoci una madre oppure un padre che sa quasi tutto di te.

Alternative? L'unica è trovarsi subito un lavoro che permetta di affrancarsi dal nucleo familiare. Un lavoro che nel giro di 5-6 anni permetta di mettere da parte i soldi per affrontare percorso ATPL.

Ho suggerito di partecipare alle selezione per hostess oppure CTA Enav, oppure tentare il concorso per marescialli in aeronautica giusto per restare nel settore aviatorio.
Altrimenti l'università, laurearsi in tempo con buoni voti e scappare da questo paese con paghe da terzo mondo.
Laurea in Scienze Nautiche ed Aeronautiche.

http://www.scienzeetecnologie.uniparthenope.it/L28.html

Avatar utente
paky
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 545
Iscritto il: 17 giugno 2008, 18:46
Località: Alberobello (BA)
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da paky » 18 marzo 2015, 7:24

Non sia stava criticando la figura del genitore che ti sprona a ripensarci e a meditare su una decisione abbastanza importante della tua vita, ma sul genitore che non permette alla propria figlia di approfondire questa passione perché il pilota è "solo un lavoro da maschio". Infatti la ragazza sta ancora valutando le varie opzioni, e come qualcuno di noi le ha consigliato, ha semplicemente chiesto di fare un volo d'ambientamento per vedere se le piace o no sentirsi ai comandi di un piccolo aereo, non mi sembra abbia chiesto di farsi iscrivere direttamente ad un corso integrato. Richiesta negatagli dalla madre con la semplice/futile motivazione di aver timore che la figlia possa innamorarsi ancor di più del volo. Beh non mi sembra che la madre stia spronando la figlia a prendere una decisione saggia, a mio avviso gli sta proprio tarpando le ali e non per validi motivi. Purtroppo le selezioni per CTA non riaprono da anni e sembra che rimarranno chiuse per altrettanti. Mentre per quanto riguarda diventare cabin crew può essere un idea. Per esempio entrare in emirates come cabin crew potrebbe essere una soluzione dato che: offrono accomodation gratis, lo stipendio si aggira intorno ai 2000 euro e anche di più se voli molto in alcuni mesi, naturalmente lo stipendio è tax free, quando si rimane in altri paesi emirates ti lascia in albergo una busta di soldi con la valuta locale per vitto, ma mi è stato detto che oltre a mangiare riesci anche a pagarti i vari divertimenti nei luoghi che visiti, l'emirates rilascia una card con la quale si hanno degli alti sconti nei negozi convenzionati con emirates a Dubai. Un mio amico che lavora lì da 6 mesi come cabin crew è riuscito a risparmiare una cifra di 8000 euro, e non è un tipo che si fa mancare nulla, anzi! Naturalmente mi dice che i turni sono stancanti, ma in generale lo stile di vita non è affatto male. Inoltre è un lavoro che non richiede nessun tipo di qualificazione tranne saper parlare fluentemente l'inglese. Potrebbe essere un idea per racimolare soldi per le licenze.
Obiettivi:
First Class Medical: Done
PPL(A) JAA: Done
ATPL(A) Theory: Work in progress...

zodiarkh
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 255
Iscritto il: 17 aprile 2009, 13:28

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da zodiarkh » 18 marzo 2015, 13:43

Ragazzi ma perché continuiamo a suggerire di utilizzare come "trampolino di lancio" CTA in enav e università?

nel primo caso:
1) non si sono selezioni attualmente
2) non si sa quando ci saranno
3) dalla selezione al corso possono passare anche 2 anni (vedasi ultimo corso cta)
4) il corso dura un anno e passa
5) dopo il corso resti a casa qualche mese prima di fare l'abilitazione sull'impianto e per poi essere assunto

dopo questa trafila, in cui la metà dei capelli li hai persi già... hai voglia di metterti di nuovo in gioco e iniziare a studiare per ppl, atpl ecc? secondo me, ti passa la voglia.

università? 20 esami per la triennale.. più qualcosa in meno per la magistrale se vuoi farla. come nel discorso precedente perdi anche li i capelli.. per poi essere assunti nella NO JOB SPA...capisco se fai scienze delle merendine e vivi di rendita dalle superiori.. ma nelle facoltà e corsi di laurea SERI, a volte si suda anche per il 18..

Fabio Airbus
FL 150
FL 150
Messaggi: 1519
Iscritto il: 26 ottobre 2012, 14:36
Località: Genova

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Fabio Airbus » 18 marzo 2015, 15:24

Però dopo cinque pagine di solo questo 3D... non vi siete un pò stufati?
Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia. (Arthur C. Clarke)

sara98
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 43
Iscritto il: 20 dicembre 2014, 16:26

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da sara98 » 28 marzo 2015, 23:05

Prima di tutto vorrei rivolgere un pensiero alle famiglie delle vittime del disastro aereo dell'A320 della Germanwings!! :(

Inoltre voglio ringraziare tutti coloro che continuano a rispondermi e a fornirmi utili informazioni e suggerimenti!! :D Mi scuso anche per aver impiegato così tanto a rispondere!!
Candido ha scritto:Io penso che la madre di Sara98 non sia spaventata dal fatto che le compagnie preferirebbero assumere piloti uomini ma dal costo che lei dovrà sostenere per finanziare il percorso addestrativo della figlia (come darle torto?).
Preferirebbe spendere 10.000 Euro per far laureare la figlia in ingegneria piuttosto che spendere 10 volte tanto per farle prendere le licenze.
Il ragionamento è semplice: diventare ingegnere costa di meno e forse ci sono maggiori possibilità di trovare lavoro, anche in ambito aeronautico.
Per i piloti invece il rischio di trovarsi disoccupati dopo aver speso un patrimonio è maggiore, soprattutto se non si è disposti ad andare via dall'Italia (anzi dall'Europa).
Se prendere l'ATPL costasse quanto un normale corso universitario molti genitori non si farebbero problemi ad investire sulla passione del proprio figlio, purtroppo non è così almeno in Europa, negli Stati Uniti invece le università sono molto costose al pari delle scuole di volo.
Candido ti posso assicurare che mia madre non è spaventata dal costo che dovrebbe affrontare, quello è un problema secondario per lei!! Penso che neanche se avesse un milione di euro mi aiuterebbe economicamente...questo perchè il problema alla base è un altro: lei non vuole che io intraprenda una simile professione in quanto, a suo dire, sarebbe una carriera rischiosa, logorante e che inevitabilmente mi porterebbe lontana da lei!!
I-NOEL ha scritto:Ciao Sara98 , ciao a tutti.
Sono contento che il mio intervento, se pur con gravi lacune grammaticali che nel rileggere ho individuato e di questo me ne scuso, ti abbia colpito. Credo che in questo forum siamo in pochi a toccare gli "anta" e un pò di esperienza per chi ha raggiunto questo traguardo, c’è l’abbiamo. Mia figlia, la primogenita che ha la tua stessa età è del 98, anche lei tra poco verrà coinvolta in quella che poi è la realtà dei giorni nostri. Continuare gli studi, trovarsi un lavoro (utopia?!?), non sapere cosa fare. Credo che, e scusami se mi permetto, tua madre non condivida la tua scelta perché non ti vede sicura di quello che vuoi. Anche io vivendo la stessa situazione di tua madre,ho vissuto questi momenti. Una volta voleva fare il pilota (chissà perché :shock: ) una volta la stilista etc etc. Questa insicurezza, generata dallo stato di insicurezza generale e di quello che sta accadendo in questi tempi, mi fa destabilizzare, Se vedessi in lei la luce negli occhi, quella luce che solo chi insegue i propri sogni ha, stai ben certa che sarei il primo a spronarla affinché potesse realizzarli e farei di tutto per potergli spianare la strada. Forse ti ha vista poco determinata.Ora ti farò ridere e nello stesso tempo vi svelo un segreto. Io lavoro, sono alle dipendenze del Ministero della Giustizia quale un'appartenente del Corpo della Polizia Penitenziaria. Quindi già effettuo turni di lavoro non da impiegato di banca, mia madre nel vedere i miei continui viaggi a Reggio Calabria (sono iscritto li alla scuola di Volo presso l’aero club dello stretto) ha sospettato che ci fosse qualcosa di insolito. Da li ha iniziato il suo terzo grado con tanto di lampada puntata al viso , chiedendomi, ma cosa stai facendo, vai li per lavoro etc etc. Quando ha scoperto il motivo apriti cielo ah ah ah. Le mamme a qualsiasi età sono sempre un pò chiocce.Quindi non preoccuparti non sei la sola. Ma quando ha visto la mia determinazione nel realizzare il mio sogno non ha più parlato in mia presenza, mentre lo fa con mia figlia con la quale si lamenta e borbotta in continuazione. Questo per farti capire che non sarai mai del tutto svincolata dal cordone ombelicale che ti lega alla tua famiglia e a tua madre. Purtroppo dare un consiglio in questi casi non è sempre facile, perché non sei tu a decidere del tutto sulla strada da intraprendere. Non sei indipendente e di conseguenza dovendo dipendere (perdona il gioco di parole) dalla tua famiglia dovrai sempre e comunque mettere conto sulle decisioni da prendere. Ti faccio un grosso in bocca al lupo. Io ho iniziato il mio training di volo e la sensazione è bellissima, mista a paura di commettere errori irreparabili. Possa tu vivere le mie stesse emozioni, lo auguro a te lo auguro ai miei figli. Max
Candido ha scritto:Condivido in pieno ciò che ha scritto I-NOEL.
I genitori, nel bene e nel male, saranno una presenza costante nella vita di una persona.

Come è stato fatto notare: la ragazza, qualunque cosa vorrà fare nei prossimi anni, dovrà dipendere comunque dagli investimenti che i suoi genitori vorranno fare su di lei, quindi concordo sul fatto di avere le idee chiare subito, e se non ce le hai se ne accorge anche uno sconosciuto, figuriamoci una madre oppure un padre che sa quasi tutto di te.

Alternative? L'unica è trovarsi subito un lavoro che permetta di affrancarsi dal nucleo familiare. Un lavoro che nel giro di 5-6 anni permetta di mettere da parte i soldi per affrontare percorso ATPL.
Ho suggerito di partecipare alle selezione per hostess oppure CTA Enav, oppure tentare il concorso per marescialli in aeronautica giusto per restare nel settore aviatorio.
Altrimenti l'università, laurearsi in tempo con buoni voti e scappare da questo paese con paghe da terzo mondo.
paky ha scritto:Non si stava criticando la figura del genitore che ti sprona a ripensarci e a meditare su una decisione abbastanza importante della tua vita, ma sul genitore che non permette alla propria figlia di approfondire questa passione perché il pilota è "solo un lavoro da maschio". Infatti la ragazza sta ancora valutando le varie opzioni, e come qualcuno di noi le ha consigliato, ha semplicemente chiesto di fare un volo d'ambientamento per vedere se le piace o no sentirsi ai comandi di un piccolo aereo, non mi sembra abbia chiesto di farsi iscrivere direttamente ad un corso integrato. Richiesta negatagli dalla madre con la semplice/futile motivazione di aver timore che la figlia possa innamorarsi ancor di più del volo. Beh non mi sembra che la madre stia spronando la figlia a prendere una decisione saggia, a mio avviso gli sta proprio tarpando le ali e non per validi motivi.
Personalmente penso che paky abbia centrato in pieno il discorso!!
Quando ho parlato per la prima volta con i miei riguardo la mia possibile scelta, avrei voluto che avessero reagito in modo diverso, mostrandosi aperti anche a questa possibilità!! Forse li ho colti di sorpresa perchè il percorso che hanno sempre immaginato per me è quello universitario e quella di diventare pilota di linea è una possibilità alla quale non avevano mai pensato...però, perchè non volere neanche valutare quest'alternativa?!?
Di sicuro, penso, pianificare questa scelta sarebbe più difficile (ma non impossibile) rispetto ad iscriversi all'università in quanto vi sarebbero tante valutazioni in più da fare (come ad esempio, informarsi sui vari aeroclub, andarli a visitare, sostenere la visita)!! Infatti, mentre nel secondo caso la "procedura" è standard, ovvero scegliere la città in cui andare a frequentare l'università e fare i test di ammissione alla facoltà (poi ovviamente studiare), nel primo caso non c'è una strada già ben percorribile perchè ognuno deve cercare e trovare la propria!! Probabilmente è anche questo a far paura ai miei, però, ciò che io vorrei è scoprire il mondo dell'aeronautica, un mondo nuovo tanto per me quanto per loro, INSIEME a loro ed intraprendere questo percorso "differente" CON loro!!

Per rispondere a I-NOEL e Candido, mi sento di dire: ma mia madre si è soffermata almeno un attimo a pensare a quello che IO voglio oppure pensa solo ed esclusivamente a quelle che sono le SUE aspirazioni per me?? ha forse parlato con me per cercare di capire fin dove arriva questa mia passione (lasciatemi passare il termine)??si è soffermata, ripeto sempre per un attimo, a vedere se c'è o meno la luce nei miei occhi oppure HA PAURA di vederla?? mi ha forse messo nelle condizioni di poter capire se è davvero questo che voglio per il mio futuro?? Purtroppo per il momento no!! E' contraria anche a farmi fare una semplice prova volo per fare chiarezza con me stessa!! :cry: Io sono la prima a riconoscere che potrei sbagliarmi riguardo quanto dico di volere adesso però, se mi viene negata anche la possibilità di PROVARE, come faccio a capirlo?!? E soprattutto c'è una valida ragione per la quale mi viene negata?? No, se non per la PAURA da parte di mia madre che possa rendermi conto di amare davvero il volo!!!!

Che i genitori sono una presenza costante nella vita dei figli è una cosa bella altrimenti che genitori sarebbero?!! :D Io, infatti, come ho già accennato, vorrei potermi confrontare con entrambi e trovare la giusta soluzione insieme a loro, senza che però venga esclusa alcuna possibilità a priori!!
So di non essere del tutto indipendente nella scelta per il mio futuro e, tanto per dirne una, sono sicura che i miei non mi permetterebbero mai di diventare hostess perchè non mi manderebbero fuori sede per cercare questo lavoro!!
Purtroppo so anche che, qualora i miei dovessero non voler in alcun modo sostenermi in questa "avventura", dovrò farcela con le mie forze...probabilmente passeranno più anni ma, se sarà davvero quello che voglio, forse un giorno riuscirò a centrare l'obbiettivo (incrociando le dita)!! :)
Che tua madre I-NOEL sia ancora la tua chioccia è una bellissima cosa!! :mrgreen: probabilmente si è "arresa" (almeno con te) in quanto, resasi conto della vera passione che hai per il volo, ha capito che non può più in alcun modo farti desistere perchè, da persona adulta quale sei, hai preso la tua decisione!!


Detto questo (spero di non avervi annoiato), avrei delle domande da farvi!! Secondo voi, sarebbe meglio fare prima la visita presso l'IML o la prova volo?? oppure è indifferente?!?
Inoltre, è più formativo condurre tutti gli studi nella stessa scuola di volo oppure in aero club differenti in modo da fare anche più esperienze??
paky ha scritto: ... Ci sono tre scuole dove si paga 100.000 euro ma nel 98% dei casi hai lavoro a fine corso, grazie alle loro connessioni con varie compagnie, quindi se spendi una cifra così enorme sei "salvaguardato" e il problema del lavoro non si pone come nei casi invece di gente che non avendo la possibilità si paga le licenze in scuole di volo normali e poi deve darsi da fare per trovare lavoro.
Però la Bartolini Air, che pure ha un ottimo rapporto qualità-prezzo, ha anche delle connessioni con la Adam Air!! è quindi un'eccezione che conferma la regola??
Ultimissima cosa che vorrei chiedere sempre a te paky: se non ci sono problemi, potremmo scambiarci, tramite MP, gli indirizzi mail in modo tale da mettere in contatto mia madre con la tua amica pilota, ovviamente sempre se lei è d'accordo!!

Grazie in anticipo a tutti!! :D

Avatar utente
Candido
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 124
Iscritto il: 18 agosto 2007, 9:55

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Candido » 29 marzo 2015, 12:36

sara98 ha scritto: Candido ti posso assicurare che mia madre non è spaventata dal costo che dovrebbe affrontare, quello è un problema secondario per lei!! Penso che neanche se avesse un milione di euro mi aiuterebbe economicamente...questo perchè il problema alla base è un altro: lei non vuole che io intraprenda una simile professione in quanto, a suo dire, sarebbe una carriera rischiosa, logorante e che inevitabilmente mi porterebbe lontana da lei!!
Lontano da lei e dall'Italia è molto probabile, sopratutto nei primi 10-15 anni di carriera.
Ormai per trovare lavoro i neo-piloti devono inevitabilmente accettare di fare tanta gavetta a bassa remunerazione (lavoro aereo) soprattutto all'estero (Asia e Africa in primis). Guarda su Youtube la vita che fanno i "Bush Pilot" e quelli che lavorano in posti remoti come i piloti della "Susi Air" in Indonesia.



Detto questo (spero di non avervi annoiato), avrei delle domande da farvi!! Secondo voi, sarebbe meglio fare prima la visita presso l'IML o la prova volo?? oppure è indifferente?!?
Inoltre, è più formativo condurre tutti gli studi nella stessa scuola di volo oppure in aero club differenti in modo da fare anche più esperienze??

Prima fai il volo di prova e poi la visita medica di I classe visto che vuoi fare il pilota di linea.
Durante il volo di prova chiedi all'istruttore di dimostrarti lo stallo dell'aeroplano, una virata a 45 gradi e qualche assetto inusuale. Per quanto riguarda la letteratura al riguardo ti consiglio di iscriverti al sito dell'ENAV e leggerti gli AIP (GEN, ENR e AD) oppure acquistare qualche libro sull'argomento, quelli di Rizzardo Trebbi sono molto validi.

Ciao.
Laurea in Scienze Nautiche ed Aeronautiche.

http://www.scienzeetecnologie.uniparthenope.it/L28.html

Avatar utente
Dark345
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 124
Iscritto il: 29 gennaio 2015, 15:50

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Dark345 » 29 marzo 2015, 18:26

Hai fatto un volo di prova sul simulatore Sara? Molte volte si vede anche dalle piccole cose se uno è portato o meno. (Non che chi non è portato non potrà mai diventare pilota eh) Esempio, un amico di mio padre voleva a tutti i costi volare in deltaplano ma non riusciva a capire le regole base del volo (o non gli interessavano non so...). Risultato è arrivato al primo volo da solo e ha reagito allo stallo cabrando ulteriormente (reazione tipica di chi non è per niente familiare con il volo) Ha fatto un volo di 15 metri e sei mesi di ospedale. Se sul simulatore ti trovi già a tuo agio (volo libero, senza il controllo del traffico aereo) nei primi voli vuol dire che, a parere mio, è gia un buonissimo passo.

Per i libri mi permetto di aggiungere Air Traffic (volumi 1 e 2) di Falzarone. Spiega le regole dell'aria, VFR e IFR. Qualche ascolto di liveatc sottotitolato su youtube invece ti dà l'idea delle comunicazioni tra a/c e controllore.

Per il resto penso anche io che abbiamo parlato veramente tanto di questo argomento e ormai dovresti avere chiare le possibilità di carriera in questo ambito. Ciao :)

Avatar utente
I-NOEL
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 36
Iscritto il: 6 marzo 2015, 8:10
Località: Tiriolo
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da I-NOEL » 31 marzo 2015, 17:01

Sara 98 credo che rileggendo il post potrai avere tutte le info che cerchi. Se puoi fatti un volo di ambientamento per vedere se realmente ti trovi in sintonia con l'aria. Il più delle volte esperti istruttori ti daranno in mano il volantino per farti fare qualche manovra anche a "zero ore" qualche virata con angolo di bank di 30°, cercare di tenere l'aero in assetto livellato, cose semplici insomma. Da li la decisione, che purtroppo non dipende solo ed esclusivamente dalla tua volontà. Il certificato lo puoi richiedere, previo tutte le visite e pagamento degli esami e quota certificato, dopo aver fatto il volo se la tua decisione sarà quella di proseguire per questa strada. Tieni presente che essendo tu minorenne dovrai avere necessariamente l'assenso dei tuoi genitori. Prima o seconda classe in base a ciò che inizierai. Dato che si inizia sempre con il PPL puoi iniziare a richiedere quello di seconda classe per poi, in base agli step, fare quello di prima. Per ciò che i riguarda i miei interventi non ho volutamente giudicato il pensiero di tua madre. Io non ho nessun diritto per giudicare nessuno figurati una mamma che cerca di consigliare, secondo lei, il meglio per la propria figlia. Entrano in gioco tanti fattori ed io non sono nessuno per poterli giudicare. In bocca al lupo. Massimiliano
Secondo alcuni autorevoli testi di tecnica Aeronautica, il calabrone non può volare, a causa della forma e del peso del proprio corpo in rapporto alla superficie alare. Ma il calabrone non lo sa e perciò continua a volare.
Igor Sikorsky

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11583
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da flyingbrandon » 1 aprile 2015, 10:06

sara98 ha scritto: lei non vuole che io intraprenda una simile professione in quanto, a suo dire, sarebbe una carriera rischiosa, logorante e che inevitabilmente mi porterebbe lontana da lei!!
Beh...se queste sono parole sue...io proverei a parlare più di questo piuttosto che della tua passione. La carriera non è rischiosa....non lo è più di altre. Il punto è che sarebbe meglio morire con passione piuttosto che morire sentendosi non appagato. In parole povere...se dovessi morire durante lo svolgimento della tua professione, pilota, quelli che rimangono potrebbero almeno consolarsi parzialmente pensando " Almeno è morto/a facendo ciò che più desiderava". Logorante...è vero. Ma ciò che logora è anche l'insoddisfazione, lo stress, e altri fattori indipendenti dalla professione. A volte fare un lavoro che ti appassiona, seppur logorante dal punto di vista fisico, diventa meno dannoso del logorio "emotivo".
Il terzo punto, invece, non è proprio il massimo. Fa leva su un possibile senso di colpa...su una egoistica concezione del figlio che dovrebbe anteporre la sua realizzazione a discapito del piacere di "mamma" ad averti vicina....salvo poi morire e lasciare al mondo un figlio, dipendente psicologicamente, irrealizzato e "perso" per la scomparsa del genitore. io penso che, al contrario, la funzione del "genitore" sia proprio quella di fornire gli strumenti in modo che il figlio sia indipendente sotto ogni profilo. Capisco che al giorno di oggi si trattano gli animali da compagnia come se fossero persone ( vedi cani con berretti sciarpe e cappotti)...ma non ritengo utile trattare una persona come un animale da compagnia...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

sara98
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 43
Iscritto il: 20 dicembre 2014, 16:26

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da sara98 » 13 aprile 2015, 15:51

Buon pomeriggio a tutti!! :D
Come prima cosa voglio scusarmi per aver impiegato tanto a rispondere ma non ho avuto molto tempo a disposizione!!
Candido ha scritto: Ormai per trovare lavoro i neo-piloti devono inevitabilmente accettare di fare tanta gavetta a bassa remunerazione (lavoro aereo) soprattutto all'estero (Asia e Africa in primis). Guarda su Youtube la vita che fanno i "Bush Pilot" e quelli che lavorano in posti remoti come i piloti della "Susi Air" in Indonesia.
Guardando su youtube, come mi hai consigliato, alcuni video sui Bush Pilot e leggendo qualche articolo a riguardo, ho scoperto che si tratta di piloti disposti a volare in luoghi remoti della terra in condizioni, a volte, anche molto difficili e pericolose!! Ciò che però non mi è molto chiaro è questo: i neo-piloti che decidono di diventare Bush Pilot lo fanno per una scelta personale oppure perchè spinti dalla necessità di accumulare ore di volo ed esperienza in modo da avere più possibilità di essere assunti dalle compagnie?? è, cioè, una "scelta" obbligata un pò per tutti i neo-piloti oppure è un'avventura che scelgono di fare solo coloro che realmente lo desiderano?? Inoltre, quello dei Bush Pilot è un lavoro retribuito??
I-NOEL ha scritto:Per ciò che i riguarda i miei interventi non ho volutamente giudicato il pensiero di tua madre. Io non ho nessun diritto per giudicare nessuno figurati una mamma che cerca di consigliare, secondo lei, il meglio per la propria figlia. Entrano in gioco tanti fattori ed io non sono nessuno per poterli giudicare. In bocca al lupo. Massimiliano
Sono convinta che il tuo intento non era affatto quello di giudicare il pensiero di mia madre in quanto hai semplicemente espresso una tua opinione, come è giusto che sia in un forum!! :wink:
Un grande in bocca al lupo anche a te!! :D
flyingbrandon ha scritto:
sara98 ha scritto: lei non vuole che io intraprenda una simile professione in quanto, a suo dire, sarebbe una carriera rischiosa, logorante e che inevitabilmente mi porterebbe lontana da lei!!
Il terzo punto, invece, non è proprio il massimo. Fa leva su un possibile senso di colpa...su una egoistica concezione del figlio che dovrebbe anteporre la sua realizzazione a discapito del piacere di "mamma" ad averti vicina....salvo poi morire e lasciare al mondo un figlio, dipendente psicologicamente, irrealizzato e "perso" per la scomparsa del genitore. io penso che, al contrario, la funzione del "genitore" sia proprio quella di fornire gli strumenti in modo che il figlio sia indipendente sotto ogni profilo. Capisco che al giorno di oggi si trattano gli animali da compagnia come se fossero persone ( vedi cani con berretti sciarpe e cappotti)...ma non ritengo utile trattare una persona come un animale da compagnia...
Sono pienamente d'accordo con te!!
Da un lato, calandomi nei panni di mia madre, capisco che possa essere spaventata pensando alla possibilità di non avermi vicina in futuro (che poi, questa possibilità potrebbe esserci anche se intraprendessi un'altra carriera e fossi costretta ad andare a lavorare all'estero...), dall'altro, però, penso anche che sarebbe ingiusto se io non avessi modo di realizzarmi pienamente perchè trattenuta dal senso di colpa!! :(


La scorsa sera ho letto un articolo abbastanza allarmante circa il "PAY TO FLY" (http://www.manualedivolo.it/index.php?o ... &Itemid=74) che mi ha lasciato molta confusione!! :roll:
Dalla traduzione dell'espressione "PAY TO FLY" ho capito (e almeno su questo non ho dubbi :lol: ) che si tratta di "pagare per volare", ma, più precisamente, il PAY TO FLY consiste nell'autofinanziarsi il Type Rating oppure si tratta di ore extra che i neo-piloti pagano oltre ad aver già pagato il TR??

Nell'articolo viene detto:
I più sprovveduti o male informati pensano che a questo punto qualsiasi compagnia aerea farebbe a gara per di assumere il novello pilota e assegnarlo ad uno dei propri velivoli... purtroppo non funziona così. Se non si hanno almeno cinquecento ore di volo sull'aereo specifico in uso nella compagnia, è impossibile che il proprio curriculum possa essere anche solo visionato.
Una volta conseguito il CPL, le varie abilitazioni e l'ATPL frozen, per raggiungere le 1500 ore di volo necessarie per sostenere l'esame pratico, il neo-pilota deve iniziare a volare su aerei commerciali!! La domanda che mi sorge spontanea, allora, è: Il problema del "PAY TO FLY" inizia da questo momento, in quanto nessuna compagnia aerea cargo vuole assumere un pilota con 0 ore di volo sul suo aeromobile??
Mi è parso di capire, però, che le compagnie approfittano di questa situazione permettendo al neo-pilota di sostenere il TR per mantenere la licenza (domanda nella domanda, di solito quante ore di addestramento prevede un TR?) senza però dargli alcuna garanzia di un'assunzione futura!!è così??
Da qui, allora, mi scaturisce un altro dubbio: ma non dovrebbe accadere che il TR si sostiene solo dopo una regolare assunzione?? e il suo costo, se non sostenuto dalla compagnia, non dovrebbe essere detratto da un regolare stipendio?? Si torna, però, sempre al problema iniziale ovvero quello che le compagnie non assumono piloti con 0 ore...come si fa allora se da un lato non è moralmente giusto (oltre ad essere economicamente rischioso) pagare per un TR prima di essere assunti ma dall'altro le compagnie non assumono se non si ha un tot numero di ore all'attivo?? :?

Grazie infinite delle informazioni,
Sara!!

PS: Per curiosità, domanda che rivolgo principalmente ai piloti, com'è la vostra giornata lavorativa tipo (se vi va di parlarne naturalmente)?? :mrgreen:

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11583
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da flyingbrandon » 13 aprile 2015, 16:47

sara98 ha scritto:
PS: Per curiosità, domanda che rivolgo principalmente ai piloti, com'è la vostra giornata lavorativa tipo (se vi va di parlarne naturalmente)?? :mrgreen:
Tipo? Ti svegli ad un'ora indefinita per andare da qualche parte, mangiando qualcosa di indefinito, ad un orario indefinito, se va male oppure mangiando qualcosa di definito in un luogo indefinito, se va bene. Poi dormi un quantitativo di ore indefinito, per riprendere un aereo indefinito ed andare altrove rimbalzando 2 o 3 volte da qualche parte...cosi per un numero indefinito di giorni fino a quando tutto non diventa piu chiaro e torni al tuo luogo definito...che si chiama base. Poi dipende dove si trova il luogo definito casa...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7054
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Lampo 13 » 13 aprile 2015, 18:06

sara98 ha scritto:
PS: Per curiosità, domanda che rivolgo principalmente ai piloti, com'è la vostra giornata lavorativa tipo (se vi va di parlarne naturalmente)?? :mrgreen:
Alitalia CAI. Lungo raggio.

Turni di 3 giorni:
Presentazione in aeroporto nel pomeriggio due ore prima del volo.
Preparazione del volo.
Partenza da FCO per NRT (Tokyo)
12/13 ore di volo con crew di 1 Cpt e 2 1Uff.
Durante il volo turno di riposo di circa 3 ore a testa.
Arrivo a NRT quella che è la tua alba e sono circa le 11 di mattina locale.
Pullman per l'albergo in centro (ora vogliono utilizzare un albergo in aeroporto nel centro del nulla)
il tragitto varia tra 1h e 15" in condizioni ideali e le 3h in caso di neve e traffico.
Arrivo in albergo, assegnazione della camera, doccia, e massimo due ore di sonno per poi dormire la notte.
Nel pomeriggio, passeggiatina, ristorante, e albergo per andare a dormire.
La mattina dopo pullman alle 11.00 (alba italiana)
Arrivo in aeroporto, preparazione del volo
Partenza per FCO con durata di circa 1/2 ora in più per i venti ed arrivo a Roma la sera del terzo giorno.

Turni di 4 giorni:
Presentazione in aeroporto la sera due ore prima del volo.
Preparazione del volo.
Partenza da FCO per BEU (Buenos Aires)
14/15 ore di volo con 1 Cpt e 3 1Uff
Durante il volo turno di riposo, due per volta, di circa 6 ore.
Arrivo a BUE in quello che è il tuo mezzogiorno e l'alba di BUE.
Pullman per l'albergo in centro, il percorso prende circa 1h, 1h30".
Arrivo in albergo, colazione in albergo
Camera, doccia, letto per 2 o 3 ore di sonno.
Pomeriggio di BUE passeggiatina, alle 19.00 incontro con gli altri e cena da qualche parte.
Poi a letto e la mattina dopo colazione e verso le 11 locali pullman per l'aeroporto.
Viaggio di 1h, 1h30", preparazione del volo e partenza per FCO nel pomeriggio locale.
14 ore di volo con in genere 4 turni di riposo perché nessuno ha sonno (2h+4h a coppie)
Arrivo a FCO la mattina verso le 08.30.

Questa è la normalità, una media di tre turni al mese più 3 giorni di riserva estendibili,
più almeno una giornata di simulatore, in media 1 giornata di aula per qualche motivo.

Tutti i giorni sono uguali, sono tutti feriali, sabati, domeniche, Natale e Pasqua.
Entro luglio dell'anno prima devi fare le richiesta per le ferie di tutto l'anno dopo
(entro luglio 2014 per tutto il 2015)
D'estate, dal 1 giugno al 30 novembre, massimo 10 giorni di ferie continuative.
30 giorni di ferie totali che "assorbono" 10 giorni di riposo.
D'estate puoi chiedere entro il 10 del mese precedente 2 giorni di riposo specifici per il mese successivo,
per l'inverno sono 3 i giorni richiedibili.
Ovviamente tali richieste - ferie e riposi - sono concesse su decisione della Compagnia.

Il volo sul lungo raggio ti stanca molto per le ore di volo e per i fusi orari.
Nel medio raggio hai giornate un poco più brevi, non hai problemi di fuso orario,
ma lavori più giorni in un mese e ti fai 3 o 4 voli al giorno.
In genere hai poche ore libere quando arrivi in albergo, ci scappa un pasto e quasi nient'altro.

I trasporti da e per l'albergo e la permanenza in albergo sono pagati dall'azienda, tutti pasti li paghi
da solo ed hai una diaria giornaliera, se superi le 12 ore, di 42 euro al giorno totali per i tre pasti.
Il limite di servizio nel medio raggio, dalla presentazione in aeroporto 1 ora prima del volo, al termine
dell'ultimo volo della giornata, 1/2 ora dopo l'arrivo, è di 13 ore.
Il limite di servizio settimanale è di 52 ore, quello mensile di 166 ore.
I giorni di riposo, alcuni dei quali eliminabili e riprogrammabili o rimborsabili sono 134 l'anno
e le ferie sono 30 giorni.

I Piloti sono sottoposti a visita medica 1 volta l'anno fino a 40 anni (?) e ogni 6 mesi successivamente,
durante questi controlli vengono fatti anche dei controlli a campione per l'uso di droghe.
1 volta l'anno, a sorpresa al ritorno da un turno di volo, vieni portato in uno studio medico per l'esame
sull'uso di tutti i tipi di droghe e si può essere in qualsiasi momento controllati per il livello di alcool
nel sangue il cui limite non è di 0,5 come per la patente ma di 0,001.
In un anno si è sottoposti a due esami fiscali al simulatore (6 ore totali), 1 esame in volo (1 turno), 2 simulatori
di addestramento, 1 controllo della conoscenza delle attrezzature di emergenza, 1 esame a quiz sugli impianti,
le procedure e le prestazioni dell'aereo su cui voli, ogni 3 anni c'è un controllo sul livello di inglese se hai il
livello 4, ogni 6 anni se hai il livello 5. In più ci sono i simulatori in cui fai da partner a chi è sotto esame.
2 volte l'anno ci sono aule di aggiornamento della durata di 8 ore e ce ne sono altre a secondo dei programmi
addestrativi decisi dall'azienda. Ogni volta che arrivi in aeroporto devi aggiornare il tuo laptop collegandolo alla rete aziendale e sei tenuto a mantenerti aggiornato su tutte le novità che arrivano. Questo studio va fatto durante i tuoi periodi di riposo e non è conteggiato. Ogni anno devi passare un paio di esami a quiz fatti sul laptop.
Il lavoro di Pilota è considerato usurante per cui si accede alla pensione con 5 anni di anticipo rispetto ai
tempi standard ma, ovviamente, si va in pensione con quanto versato, è tutta contributiva.
La carriera non è più legata completamente alla anzianità, adesso il passaggio a Comandante o ad altra macchina è per il 25% a scelta dell'azienda.

Spero di averti dato una idea di come funziona in AZ che nel panorama generale è nella parte medio alta del
panorama mondiale. Certamente chi lavora in AirFrance, British e Lufthansa sta meglio e chi lavora in Ryanair
o Niki o simili sta peggio.

Brandon può raccontarti meglio le giornate tipo del medio raggio dove, tra l'altro, puoi essere trasferito a tue spese a lavorare da un'altra città.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9873
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da tartan » 13 aprile 2015, 19:49

Non dare retta a Brandon e neanche a Lampo. Loro dicono così solo per giustificare il motivo per cui hanno fatto quella scelta e seguitano a mantenerla. In realtà è molto peggio! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11583
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da flyingbrandon » 13 aprile 2015, 21:39

Lampo 13 ha scritto: In un anno si è sottoposti a due esami fiscali al simulatore (6 ore totali),
Va beh che voi del lungo siete fighi...ma perché 6 e non 8 come noi? Avevate SIM da 3 ore? :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7054
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Lampo 13 » 13 aprile 2015, 21:52

flyingbrandon ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: In un anno si è sottoposti a due esami fiscali al simulatore (6 ore totali),
Va beh che voi del lungo siete fighi...ma perché 6 e non 8 come noi? Avevate SIM da 3 ore? :mrgreen:
Ciao!
anche sull'80, 1h30m di briefing, 4h di simulatore e 30" di debriefing...
ma sai, sull'Airbus "siete de coccio!" :D

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11583
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da flyingbrandon » 14 aprile 2015, 17:26

Lampo 13 ha scritto: anche sull'80, 1h30m di briefing, 4h di simulatore e 30" di debriefing...
ma sai, sull'Airbus "siete de coccio!" :D
Eh...penso di sì... :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

8Ale7
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 57
Iscritto il: 18 febbraio 2014, 9:30

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da 8Ale7 » 14 aprile 2015, 20:51

Buonasera,

Io avrei un'altra domanda, magari anche per qualcuno che lavora in qualche scuola di volo.

Ho girato 3 scuole diverse, tutte e 3 molto belle e sembrano serie... L'unico dubbio che mi viene è che tutte, sottolineo TUTTE, mi hanno detto che c'è lavoro, quando invece sui forum leggo di piloti a casa.

Tutte vantano che 8 su 10 dei loro allievi va a lavorare per Ryanair e che la compagnia irlandese ogni anno assume tanti piloti.

Credete sia possibile quanto detto?

E poi, non da ultimo, i vari prezzi. Giustamente chiedevo i costi e più o meno si tengono tutte sui 60mila Euro (ATPL Frozen). Ho anche chiesto se avevano delle facilitazioni finanziarie con qualche istituto di credito. Tuttavia le banche chiedono sempre una garanzia, il problema è che io non ho NIENTE e la casa dei miei è già ipotecata... :lol:

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7054
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Lampo 13 » 14 aprile 2015, 21:25

"Oste com'è er vino tuo?"
"Bono, bono..."

Avatar utente
Marco92
FL 250
FL 250
Messaggi: 2803
Iscritto il: 26 aprile 2009, 15:16

Re: Informazioni su Pilota di Linea

Messaggio da Marco92 » 14 aprile 2015, 22:31

Io non ipotecherei mai la casa dei miei. Lo farei solo per i 35k euro per Ryanair, in questo caso il salario sarebbe più che sufficiente a sostenere le rate del finanziamento.

Rispondi