Paura delle low cost

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Bloccato
Avatar utente
IFACN
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 560
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 12:50
Località: Milano

Paura delle low cost

Messaggio da IFACN » 19 dicembre 2007, 0:01

Ho letto altrove la perplessità di amici verso le compagnie low cost.

Un pò sono le nostre abitudini quotidiane e la diffidenza verso quello che costa troppo poco rispetto al "solito".

Le utilitarie costano fra i settemila e i diecimila euro. Voi vi fidereste di un concessionario che vende una nuova utilitaria a quattromila? Sicuramente il primo pensiero sarebbe: dov'è la gabola?

Se il prosciutto costa intorno agli otto euro al chilo, lo andreste a comprare da un salumiere che lo offre a cinquanta centesimi al chilo?

Se un biglietto aereo da Bergamo a Barcellona mi costa trecento euro, mi posso fidare di chi me lo offre a un centesimo più le tasse?

Non voglio entrare nel merito della gestione economica di una compagnia aerea, ma semplicemente spiegare alcune situazioni.

Qualsiasi organizzazione che gestisce trasporto aereo è sottoposta a vigilanza sul rispetto delle norme nazionali ed internazionali; chi sgarra, paga pesantemente. Non solo multe in denaro, ma anche in "fermo" dell'attività.

Per "norme" dobbiamo pensare a tutto, dalla manutenzione degli aeromobili alla certificazione degli equipaggi alla fornitura di caffè per il bar di bordo.

Da un punto di vista regolamentare, una low cost non ha minori obblighi rispetto alle altre compagnie.

Il low cost nasce da un differente modello organizzativo dell'azienda, per esempio applicando le seguenti strategie:
- uso di aeroporti secondari, che applicano tariffe inferiori per i servizi offerti (parcheggio, movimentazione bagagli, assistenza passeggeri, etc.);
- uso di un solo tipo di aereo per la flotta (manutenzione, magazzino ricambi, formazione del personale tecnico, essendo semplificati, costano meno);
- soppressione di costi accessori a bordo (niente pasti, bar ridotto, etc.);
- uso minimo dei servizi aeroportuali (check-in da Internet anzichè emissione della carta d'imbarco, limiti al bagaglio a mano, sovrapprezzi elevati per i bagagli fuori norma);
- marketing e promozione per far viaggiare gli aerei più carichi possibile, in modo da avere il massimo rendimento da ogni volo;

In definitiva: il low cost è una diversa organizzazione del servizio offerto; gli aerei usati dalle compagnie low cost sono gli stessi usati da altre compagnie "tradizionali".
Gli standard di sicurezza e la preparazione degli equipaggi è la stessa (l'abilitazione dei piloti a volare su un certo tipo di aereo non dipende dalla compagnia!).


Pensare che una compagnia aerea sia meno sicura perchè low cost (magari pensando che il "low cost" derivi dal taglio sui costi di manutenzione) è un pensiero lecito; è però privo di fondamento qui in Europa, negli USA e nei paesi più progrediti.

Credo d'esser vicino ai centomila chilometri volati low cost per tutta Europa, il peggio che mi è capitato è stato un ritardo di 1h30 tornando la Liverpool.

Avatar utente
voglioconoscereunpilota
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 55
Iscritto il: 27 dicembre 2007, 16:32
Località: MILANO

Messaggio da voglioconoscereunpilota » 4 gennaio 2008, 16:36

infatti è proprio la mia classica paura: quella che i voli low cost siano meno sicuri.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Paura delle low cost

Messaggio da air.surfer » 4 gennaio 2008, 17:19

IFACN ha scritto: Qualsiasi organizzazione che gestisce trasporto aereo è sottoposta a vigilanza sul rispetto delle norme nazionali ed internazionali; chi sgarra, paga pesantemente. Non solo multe in denaro, ma anche in "fermo" dell'attività.
Fondamentalmente è vero, ma se il paese in questione si trova nel mondo civile. A Bananaland vigono altre regole..

Avatar utente
Bafio
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 850
Iscritto il: 20 febbraio 2007, 11:33
Località: LIDF

Messaggio da Bafio » 4 gennaio 2008, 17:25

marketing e promozione per far viaggiare gli aerei più carichi possibile, in modo da avere il massimo rendimento da ogni volo
Beh, tutte le Compagnie cercano di far volare i proprio aerei più carichi possibili, anche le tradizionali...

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Messaggio da FAS » 4 gennaio 2008, 17:26

Le procedure di manutenzione sono uguali per tutte le compagnie aeree indipendentemente dall’operatore..(normal o low cost che sia).

Per capire la differenza tra le compagnie low cost e le normali, farei un esempio parallelo:

dovete andare in auto dai Parioli (Roma) a Posillipo (Napoli).

potete scegliere tra:


airpurcia (lowcost)
auto mercedes classe S,
interni in stoffa,
bicchiere di prosecco a pagamento,
opera partenze solo da Cento Celle e vi lascia a Caserta (a 40 km dalla destinazione voluta)
servizio disponibile solo il lunedi ed il giovedi


oppure

airclassic (normal)
auto mercedes classe S,
interni in pelle,
bicchiere di prosecco gratis,
parte da dove lo richiedete e vi porta fino alla destinazione che avete scelto,
servizio disponibile 24/7.

capita la morale?
spero di aver trasmesso il messaggio giusto
Ultima modifica di FAS il 4 gennaio 2008, 17:29, modificato 2 volte in totale.
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Paura delle low cost

Messaggio da Fearless flyer » 4 gennaio 2008, 17:26

air.surfer ha scritto:
IFACN ha scritto: Qualsiasi organizzazione che gestisce trasporto aereo è sottoposta a vigilanza sul rispetto delle norme nazionali ed internazionali; chi sgarra, paga pesantemente. Non solo multe in denaro, ma anche in "fermo" dell'attività.
Fondamentalmente è vero, ma se il paese in questione si trova nel mondo civile. A Bananaland vigono altre regole..
L'intervento giusto nel posto giusto :roll:
Boh...

Fearless Flyer
Ultima modifica di Fearless flyer il 5 gennaio 2008, 14:01, modificato 1 volta in totale.
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Avatar utente
Bafio
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 850
Iscritto il: 20 febbraio 2007, 11:33
Località: LIDF

Re: Paura delle low cost

Messaggio da Bafio » 4 gennaio 2008, 17:27

air.surfer ha scritto:
IFACN ha scritto: Qualsiasi organizzazione che gestisce trasporto aereo è sottoposta a vigilanza sul rispetto delle norme nazionali ed internazionali; chi sgarra, paga pesantemente. Non solo multe in denaro, ma anche in "fermo" dell'attività.
Fondamentalmente è vero, ma se il paese in questione si trova nel mondo civile. A Bananaland vigono altre regole..
Mah...

Avatar utente
IFACN
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 560
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 12:50
Località: Milano

Messaggio da IFACN » 5 gennaio 2008, 13:18

voglioconoscereunpilota ha scritto:infatti è proprio la mia classica paura: quella che i voli low cost siano meno sicuri.
Certo, come ho detto in apertura, condivido il pensiero: siamo abituati a considerare il minor costo come una minor qualità del prodotto.

Tuttavia, per poter far volare i propri aeroplani, una compagnia deve dimostrare l'adesione a tutta una serie di standard e procedure.
Il low-cost non deriva quindi da un maggior contenimento dei costi in aree diverse dalla manutenzione delle macchine e dal training dell'equipaggio.

A.

lucax1x

paura delle low cost

Messaggio da lucax1x » 5 gennaio 2008, 14:12

Provate a volare con Easyjet e non vi accorgerete che si tratta di low cost, a parte il fatto che gli A319 di EJ sono nuovissimi :D !!!

ciaooooooo

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 gennaio 2008, 14:31

Ho una modestissima esperienza nel mondo delle low-cost: una decina di voli esclusivamente con GermanWings. Airbus con sedili in pelle, allestimenti interni all'altezza di qualsiasi vettore di linea, equipaggio di bordo parecchio più gentile e disponibile di quello LH (perlomeno, rispetto a quello che ho incontrato io in qualche decina di voli :? )...ok, se vuoi una bibita la paghi, ma quello anche su Iberia.... L'ultimo volo che ho fatto con loro è stato un MUC-SXF... finale in mezzo ad un cumolonembo grosso e cattivo (non si poteva fare altro), condotta impeccabile del cockpit, liscio come l'olio......
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Messaggio da aeb » 5 gennaio 2008, 14:33

FAS ha scritto: capita la morale?
spero di aver trasmesso il messaggio giusto

...ricevuto forte e chiaro.... :D
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
batox5adeparture
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 53
Iscritto il: 4 novembre 2007, 12:33
Località: LIEO

Re: Paura delle low cost

Messaggio da batox5adeparture » 5 gennaio 2008, 14:39

air.surfer ha scritto:
IFACN ha scritto: Qualsiasi organizzazione che gestisce trasporto aereo è sottoposta a vigilanza sul rispetto delle norme nazionali ed internazionali; chi sgarra, paga pesantemente. Non solo multe in denaro, ma anche in "fermo" dell'attività.
Fondamentalmente è vero, ma se il paese in questione si trova nel mondo civile. A Bananaland vigono altre regole..
..scusate.. sapete chi vola a bananaland? ho cercato qualche compagnia che ci vada ma non ho trovato nulla.. 8) 8) 8) :lol:
Daniele

Avatar utente
vichinga
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 845
Iscritto il: 29 ottobre 2006, 15:26

Re: Paura delle low cost

Messaggio da vichinga » 5 gennaio 2008, 14:42

IFACN ha scritto: Il low cost nasce da un differente modello organizzativo dell'azienda, per esempio applicando le seguenti strategie:
- uso di aeroporti secondari, che applicano tariffe inferiori per i servizi offerti (parcheggio, movimentazione bagagli, assistenza passeggeri, etc.);
- uso di un solo tipo di aereo per la flotta (manutenzione, magazzino ricambi, formazione del personale tecnico, essendo semplificati, costano meno);
- soppressione di costi accessori a bordo (niente pasti, bar ridotto, etc.);
- uso minimo dei servizi aeroportuali (check-in da Internet anzichè emissione della carta d'imbarco, limiti al bagaglio a mano, sovrapprezzi elevati per i bagagli fuori norma);
- marketing e promozione per far viaggiare gli aerei più carichi possibile, in modo da avere il massimo rendimento da ogni volo;
creste sui corsi per diventare C.C.....mancato versamento di contributi...stipendi nella media ma con 300h di volo in più all'anno rispetto alle altre Compagnie.....
:ahhhhhhhhhhhhhhhhh: Wild Simo :ahhhhhhhhhhhhhhhhh:

...Non ridete per la mia stranezza perchè io piango per la vostra banalità

peterfly 65

Messaggio da peterfly 65 » 5 gennaio 2008, 14:47

vichinga ha scritto:
IFACN ha scritto: Il low cost nasce da un differente modello organizzativo dell'azienda, per esempio applicando le seguenti strategie:
- uso di aeroporti secondari, che applicano tariffe inferiori per i servizi offerti (parcheggio, movimentazione bagagli, assistenza passeggeri, etc.);
- uso di un solo tipo di aereo per la flotta (manutenzione, magazzino ricambi, formazione del personale tecnico, essendo semplificati, costano meno);
- soppressione di costi accessori a bordo (niente pasti, bar ridotto, etc.);
- uso minimo dei servizi aeroportuali (check-in da Internet anzichè emissione della carta d'imbarco, limiti al bagaglio a mano, sovrapprezzi elevati per i bagagli fuori norma);
- marketing e promozione per far viaggiare gli aerei più carichi possibile, in modo da avere il massimo rendimento da ogni volo;
creste sui corsi per diventare C.C.....mancato versamento di contributi...stipendi nella media ma con 300h di volo in più all'anno rispetto alle altre Compagnie.....
Vichinga sei un mito perchè sai la gente normalmente se ne sbatte se un dipendente è trattato di m.....l'importante è pagare poco. Moralmente ti sono vicino e purtroppo conosco queste cose che tu dici

moretti
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 4
Iscritto il: 30 luglio 2007, 1:57

Messaggio da moretti » 5 gennaio 2008, 14:48

....dio benedica le low-cost, grazie a loro ho girato,... e giro tutta l'europa.



grazie ancora ....Stelios!!!

Avatar utente
vichinga
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 845
Iscritto il: 29 ottobre 2006, 15:26

Messaggio da vichinga » 5 gennaio 2008, 15:01

ci tengo a precisare che avendoci lavorato posso garantire che i controlli vengono fatti sempre..che si vola in sicurezza sempre..altrimenti io non ci avrei messo piede...la mia puntualizzazione sulle condizioni di lavoro deriva da cose vecchie e mai sepolte....:D mi sembra giusto che anche queste cose vengano menzionate in modo tale da dare la possibilità a tutti di scegliere con chi viaggiare.... ma per la sicurezza andate più che tranquilli!
:ahhhhhhhhhhhhhhhhh: Wild Simo :ahhhhhhhhhhhhhhhhh:

...Non ridete per la mia stranezza perchè io piango per la vostra banalità

peterfly 65

Messaggio da peterfly 65 » 5 gennaio 2008, 15:17

vichinga ha scritto:ci tengo a precisare che avendoci lavorato posso garantire che i controlli vengono fatti sempre..che si vola in sicurezza sempre..altrimenti io non ci avrei messo piede...la mia puntualizzazione sulle condizioni di lavoro deriva da cose vecchie e mai sepolte....:D mi sembra giusto che anche queste cose vengano menzionate in modo tale da dare la possibilità a tutti di scegliere con chi viaggiare.... ma per la sicurezza andate più che tranquilli!
Certo che sono sicure. Ma è anche vero che se qualcuno fa qualcosa di non corretto di certo non lo dice a noi .....

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Messaggio da air.surfer » 5 gennaio 2008, 15:28

vichinga ha scritto:ci tengo a precisare che avendoci lavorato posso garantire che i controlli vengono fatti sempre..che si vola in sicurezza sempre..altrimenti io non ci avrei messo piede...
Vichinga, quante ore facevi al mese?

peterfly 65

Messaggio da peterfly 65 » 5 gennaio 2008, 15:31

air.surfer ha scritto:
vichinga ha scritto:ci tengo a precisare che avendoci lavorato posso garantire che i controlli vengono fatti sempre..che si vola in sicurezza sempre..altrimenti io non ci avrei messo piede...
Vichinga, quante ore facevi al mese?
Penso il massimo 900 :D una stupidaggine.....

Avatar utente
vichinga
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 845
Iscritto il: 29 ottobre 2006, 15:26

Messaggio da vichinga » 5 gennaio 2008, 15:35

beh...mi sono sempre rifiutata di contarle. Considera un turno di 6 on 2 off 6 on 3 off...uno standby a settimana da turno, ma chiamavano sempre per farti lavorare, raro rimanere a casa.. mediamente 4 voli al gg..tra le 10 e le 12h di lavoro giornaliere...mensilmente erano tante...ma tante tante
In media si fanno 1200 ore , ma da quest'anno Ryan si dovrà conformare ad un max di 900...

ovvio che per tenerle sulle 1200/1300h poi avevi periodi con 4 standby a settimana!!!!
Ultima modifica di vichinga il 5 gennaio 2008, 15:40, modificato 1 volta in totale.
:ahhhhhhhhhhhhhhhhh: Wild Simo :ahhhhhhhhhhhhhhhhh:

...Non ridete per la mia stranezza perchè io piango per la vostra banalità

peterfly 65

Messaggio da peterfly 65 » 5 gennaio 2008, 15:40

vichinga ha scritto:beh...mi sono sempre rifiutata di contarle. Considera un turno di 6 on 2 off 6 on 3 off...uno standby a settimana da turno, ma chiamavano sempre per farti lavorare, raro rimanere a casa.. mediamente 4 voli al gg..tra le 10 e le 12h di lavoro giornaliere...mensilmente erano tante...ma tante tante
In media si fanno 1200 ore , ma da quest'anno Ryan si dovrà conformare ad un max di 900...
Pero gli aerei sono sicuri.....................................................................................

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Messaggio da air.surfer » 5 gennaio 2008, 15:40

vichinga ha scritto: In media si fanno 1200 ore annue, ma da quest'anno Ryan si dovrà conformare ad un max di 900...
Toh.. che strano. Il limite ministeriale dice che l'anno soìi possono fare al massimo 900 ore dopodichè si diventa pericolosi.
Certo che se nessuno controlla.... ah, il limite non è che c'e' da quest'anno eh? Le nuove FTL esistono da ormai due o tre anni.. forse piu'.

Avatar utente
vichinga
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 845
Iscritto il: 29 ottobre 2006, 15:26

Messaggio da vichinga » 5 gennaio 2008, 15:42

si si siamo d'accordo ma Ryan ha trovato il modo di temporeggiare per 2 anni!!! da questo anno dovrà conformarsi...Airsurfer con me sfondi una porta aperta..lo sai benissimo!
ma sui controlli alle macchine vi assicuro che non si può dire nulla...
:ahhhhhhhhhhhhhhhhh: Wild Simo :ahhhhhhhhhhhhhhhhh:

...Non ridete per la mia stranezza perchè io piango per la vostra banalità

peterfly 65

Messaggio da peterfly 65 » 5 gennaio 2008, 15:45

Ma scusate non avevamo detto che le low cost sono strasicure?????? Far volare una persona 300 ore piu del massimo non mi sembra molto sicuro o sbaglio????? Però qualcuno adesso mi dira che hanno gli aerei nuovi

Avatar utente
IFACN
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 560
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 12:50
Località: Milano

Re: Paura delle low cost

Messaggio da IFACN » 5 gennaio 2008, 15:57

vichinga ha scritto: creste sui corsi per diventare C.C.....mancato versamento di contributi...stipendi nella media ma con 300h di volo in più all'anno rispetto alle altre Compagnie.....
Capisco il grave problema, di cui sono ben a conoscenza tramite amici piloti che lavorano per una LCC.

Ma non riesco a capire che tipo di aiuto può dare a chi ha paura di volare il conoscere le realtà interne a Ryanair...

A.

Avatar utente
air.surfer
FL 500
FL 500
Messaggi: 9212
Iscritto il: 18 aprile 2007, 9:36

Re: Paura delle low cost

Messaggio da air.surfer » 5 gennaio 2008, 15:59

IFACN ha scritto: Ma non riesco a capire che tipo di aiuto può dare a chi ha paura di volare il conoscere le realtà interne a Ryanair...
A.
Magari a scegliere una major?

peterfly 65

Messaggio da peterfly 65 » 5 gennaio 2008, 16:04

E allora perche informarsi è megliuo partire e basta. Mi sembra come gli struzzi che mettono la testa sotto la terra.....Io dico sempre voglio volare e spendere poco? me ne frego di quello che c'è dietro altrimenti sceglierei qualcosa di diverso

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Messaggio da Fearless flyer » 5 gennaio 2008, 16:17

Ma dimmi te se è possibile arrivare ad accapigliarsi anche qui...

Ho sempre cercato di utilizzare (e far utilizzare qui dentro) la regola contesto/testo.
Le stesse discussioni possono essere utilissime in altre sezioni.
Qui non ha veramente senso dissertare sulla mancanza di sicurezza delle low cost, limitandosi a battutine e non portando alcun dato di fatto. Non solo non ha senso, ma è assolutamente controproducente e non capisco come chi scrive certe cose possa non considerare lo stato d'animo delle persone che leggeranno.

Chiudo il thread.


Chi volesse continuare a dissertare sulla cosa, trova in altre sezioni, thread sull'argomento.
Mi auguro che TUTTI, prima di intervenire in Paura di volare, abbiano ben chiari gli obiettivi di questa sezione.

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Bloccato