Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 17:27

Salve a tutti.
Vi leggo da un po' e con particolare attenzione seguo questa sezione del forum.
Ho appreso che Luca a breve lascerà il forum e vorrei, se faccio in tempo, strappargli un prezioso consiglio.
Ebbene diciamo che leggendo gli altri thread, la mia paura è un po' diversa...
Quando ho iniziato a volare ero eccitatissimo, mi piaceva molto e NON avevo paura... Dopo un po' di voli, durante il viaggio non ero più tranquillo...
E' capitato la scorsa estate, durante il ritorno dalla Danimarca, che un signore a bordo ebbe un malore.
Io stavo dormendo e mi svegliai improvvisamente vedendo gente che correva verso la parte di dietro dell'aereo e che urlava: primo pensiero-> stiamo cadendo!!!
Sono stati davvero dei secondi di terrore puro, fino a quando ho capito che si trattava di un malore di un passeggero che per fortuna, grazie ad une mdeico che viaggiva a bordo, si è ripreso subito.
In quel volo anche l'atterraggio fu particolarmente "burrascoso", però oggi, sempre grazie a questo forum leggo che non mi è capitato nulla di strano. Praticamente, in fase di atterraggio, poco prima di toccare, l'aereo iniziò ad oscillare in modo molto evidente (la linea dell'orizzonte ballava su è giù).
In passato sono stato ancora protagonsta di un episodio poco felice (che si è rivelato dopo essere tale). Sono stato infatti passeggero dell'aereo della Tuninter che cadde al largo di Capo Gallo, solo 5 giorni prima dell'incidente (sulla tratta Tunisi-Bari). Incidente nel quale ha perso la vita un mio compaesano che conoscevo abbastanza bene.
Ebbene questi due eventi mi hanno fatto capire, che benchè si faccia riferimento a statistiche, sicurezza etc., potrebbe capitare a tutti di salire su un aereo proprio nel nostro giorno sfortunato.
Fatte queste premesse, la cosa che più mi spaventa dell'aereo è la possibilità di potermi trovare in una situazione di difficoltà (un problema tecnico serio o anche un malore come accadde a quel passeggero) ed il poter vivere momenti di terrore.
Poichè credo che scatti subito la domanda sul mio carattere e la mia vita, anticipo la risposta.
Sono un tipo MOLTO razionale che difficilemte perde il controllo. Il mio maggior bisogno è non aver bisgno degli altri. Diciamo che il mondo dell'aviazione mi affascina molto, tanto che in passato mi ero anche informato su come diventare pilota civile. Inoltre penso che se fossi un pilota, porbabilmente non avrei per nulla paura di volare.
Grazie a tutti coloro che mi saranno di aiuto.
P.S. : spero che l'aver manifestato questa paura, non la rafforzi :(

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9671
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Non ho terrore... ma...

Messaggio da Maxx » 7 marzo 2008, 17:35

Ciao e benvenuto. Penso che il centro del tuo ragionamento sia la seguente frase:

"la cosa che più mi spaventa dell'aereo è la possibilità di potermi trovare in una situazione di difficoltà (un problema tecnico serio o anche un malore come accadde a quel passeggero) ed il poter vivere momenti di terrore.".

Aggiungerei: la paura di ripensarci. Ancora oggi mi vengono i brividi nel ripensare ad una situazione di difficoltà che ho avuto nuotando qualche anno fa: la cosa è durata 30 secondi ma mi ha marchiato a fuoco. Le stesse conseguenze hanno avuto sul mio cervello i 30 minuti passati nell'inferno che in America chiamano Grand Canyon: da allora, come si suol dire, il mio rapporto con il volo non è stato più lo stesso.

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma...

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 17:38

Maxx ha scritto:... da allora, come si suol dire, il mio rapporto con il volo non è stato più lo stesso.
sono invadente se ti chiedo com'è?

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9671
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Maxx » 7 marzo 2008, 17:51

Uh, molto complesso!!! Se ti va di perdere un pò di tempo, cerca un pò di miei post in questa sezione. In due parole, come l'amico Luca sa bene: grande amore per il volo, molta voglia di prendere l'aereo e respirare l'atmosfera dell'aeroporto e dell'aereo; altrettanta paura di farlo e ansia, quella che chi ne capisce chiama anticipatoria. Una volta, due anni fa, quest'ansia mi ha impedito di salire sull'aereo: dovevo andare a Milano dalla fidanzata e attuale moglie, il tempo non era bello e ho rinunciato al volo facendomi riproteggere, grazie ad un miracolo di un'addetta al check in di Fiumicino, su un volo due settimane più tardi.

Avatar utente
evaSart
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 129
Iscritto il: 12 febbraio 2008, 1:19
Località: bcn

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da evaSart » 7 marzo 2008, 18:31

lu.na ha scritto: Ebbene questi due eventi mi hanno fatto capire, che benché si faccia riferimento a statistiche, sicurezza etc., potrebbe capitare a tutti di salire su un aereo proprio nel nostro giorno sfortunato.
su un aereo, in macchina, in casa, per strada... e chi più ne ha più ne metta.. solo che in aereo è meno probabile.
qualche anno fa, un amico mio mentre era su una spiaggia, venne portato via da un'onda anomala. nella via può succedere di tutto e non c'è modo di nascondersi. io continuo ad andare in spiaggia, a sguazzare in mare ed a dormirci (in spiaggia sotto l'ombrellone... non in mare :wink:) con molto gusto :) .
eva

Qual è l'impresa più incredibile che hai mai compiuto? Quale sarà la prossima?
Rob Brezsny

Avatar utente
IFACN
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 560
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 12:50
Località: Milano

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da IFACN » 7 marzo 2008, 18:33

lu.na ha scritto:Inoltre penso che se fossi un pilota, porbabilmente non avrei per nulla paura di volare.
Uhm... non è che non avresti paura, ma impareresti a gestirla.
Il mio istruttore sostiene che non si diventa piloti senza prendersi qualche strizza di quelle belle forti.

A.

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 18:49

evaSart ha scritto: su un aereo, in macchina, in casa, per strada... e chi più ne ha più ne metta.. solo che in aereo è meno probabile.
qualche anno fa, un amico mio mentre era su una spiaggia, venne portato via da un'onda anomala. nella via può succedere di tutto e non c'è modo di nascondersi. io continuo ad andare in spiaggia, a sguazzare in mare ed a dormirci (in spiaggia sotto l'ombrellone... non in mare :wink:) con molto gusto :) .
secondo me, almeno nel mio caso, quello che distingue la paura dell'aereo rispetto alle altre, è la totale assenza di controllo (diciamo che l'unico caso in cui entra in ballo il passeggero è quando deve indossare il giubbetto di salvataggio o tirare con forza la mascherina dell'ossigeno :)). per tutto il resto, ti affidi COMPLETAMENTE ad un'altra persona. le situazioni che tu descrivi, le condivido, ma credo che con l'onda anomala proprio un olio non doveva essere il mare :), se andiamo a 200 km/h per strada qualche problemino potremmo averlo.
però in queste situazioni, ribadisco che parlo per me, ho come la "sensazione" che potrei riuscire a cavarmela ed in ogni caso il problema vado a cercarmelo. in aereo invece l'unica cosa che posso SCEGLIERE è se salire o meno (ma spesso nemmeno questo - vedi chi è costretto per lavoro).
faccio un'ipotesi assurda per rendere meglio l'idea.
supponiamo che esistesse un sistema che in caso di avaria valutasse le probabilità di salvarsi. ebbene se questo sistema desse zero come probabilità di farcela, vorrei che ce ne fosse un altro che stordisse tutti i passegeri senza comunicare nulla.
ripeto, non ho paura di morire in volo (o meglio non è accentuata rispetto alla normale paura di morire :)), ma ho paura di avere paura in volo!
forse può sembrare assurdo, ma è così.

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 19:01

IFACN ha scritto: Uhm... non è che non avresti paura, ma impareresti a gestirla.
Il mio istruttore sostiene che non si diventa piloti senza prendersi qualche strizza di quelle belle forti.
A.
guarda il fatto che ti prendi la strizza, e che poi lo racconti, ti fa sicuramente capire quanto sia importante il ruolo del pilota (tuo).
quando sei "semplice" passeggero, capisci lo stesso quanto è importante il ruolo del pilota (un altro uomo).
ma di quest'uomo non sai NULLA.
cioè il passeggero del pilota non conosce nemmeno il volto; secondo me anche solo una passeggiata nel corridoio prima di un volo, tranquillizzerebbe gli animi (spero :))

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 7 marzo 2008, 19:44

lu.na ha scritto:
IFACN ha scritto: Uhm... non è che non avresti paura, ma impareresti a gestirla.
Il mio istruttore sostiene che non si diventa piloti senza prendersi qualche strizza di quelle belle forti.
A.
guarda il fatto che ti prendi la strizza, e che poi lo racconti, ti fa sicuramente capire quanto sia importante il ruolo del pilota (tuo).
quando sei "semplice" passeggero, capisci lo stesso quanto è importante il ruolo del pilota (un altro uomo).
ma di quest'uomo non sai NULLA.
cioè il passeggero del pilota non conosce nemmeno il volto; secondo me anche solo una passeggiata nel corridoio prima di un volo, tranquillizzerebbe gli animi (spero :))
Ciao lu.na!!

Capisci quanto è creativa la mente nel creare collegamenti tra cose che, nella realtà, non sono in nessun modo collegate? Ti senti più tranquillo e più al sicuro se guardi negli occhi il Comandante e magari lui ti stringe la mano.
Evidentemente il tuo senso di sicurezza si basa sulla solidità dei rapporti interpersonali, sul fatto di poter guardare chi controlla una situazione nella quale sei immerso.
Se ci rifletti bene, però, capisci che il pilota farà ottimamente il suo lavoro a prescindere dalle mani che stringe...o no? :wink:

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 20:03

Fearless flyer ha scritto:
lu.na ha scritto:
IFACN ha scritto: Uhm... non è che non avresti paura, ma impareresti a gestirla.
Il mio istruttore sostiene che non si diventa piloti senza prendersi qualche strizza di quelle belle forti.
A.
guarda il fatto che ti prendi la strizza, e che poi lo racconti, ti fa sicuramente capire quanto sia importante il ruolo del pilota (tuo).
quando sei "semplice" passeggero, capisci lo stesso quanto è importante il ruolo del pilota (un altro uomo).
ma di quest'uomo non sai NULLA.
cioè il passeggero del pilota non conosce nemmeno il volto; secondo me anche solo una passeggiata nel corridoio prima di un volo, tranquillizzerebbe gli animi (spero :))
Ciao lu.na!!

Capisci quanto è creativa la mente nel creare collegamenti tra cose che, nella realtà, non sono in nessun modo collegate? Ti senti più tranquillo e più al sicuro se guardi negli occhi il Comandante e magari lui ti stringe la mano.
Evidentemente il tuo senso di sicurezza si basa sulla solidità dei rapporti interpersonali, sul fatto di poter guardare chi controlla una situazione nella quale sei immerso.
Se ci rifletti bene, però, capisci che il pilota farà ottimamente il suo lavoro a prescindere dalle mani che stringe...o no? :wink:

Fearless Flyer
sai luca, quel che dici è vero, ma a volte una stretta di mano rende più tranquilli (la pacca sulla spalla del superiore :)).
racconto un aneddoto "strano". in uno degli ultimi voli che ho fatto con az, un roma-parigi, c'era a bordo il ministro padoa schioppa. ebbene in quel volo ero tranquillissimo perchè pensavo: "sicuramente non può accadere nulla al volo dove c'è il ministro, saranno attentissimi".
mi rendo conto della stupidità del ragionamento, ma non è facile capire i meccanismi della mente.
c'è però un dato di fatto: se una cosa accade su un aereo, la paura si amplifica!
riguardo a quanto raccontanto prima sul malore del passeggero che era a bordo del mio volo, dopo l'evento si creò un fila lunghissima per il bagno :D ... (e quel poveretto che si sentì male, sicuramente si prese un bel po' di imprecazioni)
non credo che in treno sarebbe accaduta la stessa cosa.
un'ultima cosa: ma perchè la paura è maggiore se volo solo?!


ps. OT: ma non è un po' strano che su un aereo non ci sia nemmeno un defibrillatore?

Avatar utente
IFACN
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 560
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 12:50
Località: Milano

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da IFACN » 7 marzo 2008, 20:47

lu.na ha scritto: guarda il fatto che ti prendi la strizza, e che poi lo racconti, ti fa sicuramente capire quanto sia importante il ruolo del pilota (tuo).
In realtà non penso ad un ruolo preciso ma ad un insieme di fattori: uomo, macchina, missione, meteo.
Quello che volevo dire, comunque, è che essere pilota è un ottimo training, ma non ti isola dalla paura; ti insegna a gestirla.
lu.na ha scritto: quando sei "semplice" passeggero, capisci lo stesso quanto è importante il ruolo del pilota (un altro uomo).
ma di quest'uomo non sai NULLA.
Ti è mai capitato di vedere una persona e, a "pelle", trovarla odiosa e antipatica? Intendo quelle "prime impressioni" in base alle quali al soggetto in questione non daresti nemmeno la mano...

A.

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da aeb » 7 marzo 2008, 20:49

evaSart ha scritto:
lu.na ha scritto: Ebbene questi due eventi mi hanno fatto capire, che benché si faccia riferimento a statistiche, sicurezza etc., potrebbe capitare a tutti di salire su un aereo proprio nel nostro giorno sfortunato.
su un aereo, in macchina, in casa, per strada... e chi più ne ha più ne metta.. solo che in aereo è meno probabile.
qualche anno fa, un amico mio mentre era su una spiaggia, venne portato via da un'onda anomala. nella via può succedere di tutto e non c'è modo di nascondersi. io continuo ad andare in spiaggia, a sguazzare in mare ed a dormirci (in spiaggia sotto l'ombrellone... non in mare :wink:) con molto gusto :) .
(Battuta per "addetti ai lavori" :D ) Eva, quel detersivo ti sta trasformando......... :lol:
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 7 marzo 2008, 21:26

lu.na ha scritto:
Fearless flyer ha scritto:
lu.na ha scritto:
IFACN ha scritto: Uhm... non è che non avresti paura, ma impareresti a gestirla.
Il mio istruttore sostiene che non si diventa piloti senza prendersi qualche strizza di quelle belle forti.
A.
guarda il fatto che ti prendi la strizza, e che poi lo racconti, ti fa sicuramente capire quanto sia importante il ruolo del pilota (tuo).
quando sei "semplice" passeggero, capisci lo stesso quanto è importante il ruolo del pilota (un altro uomo).
ma di quest'uomo non sai NULLA.
cioè il passeggero del pilota non conosce nemmeno il volto; secondo me anche solo una passeggiata nel corridoio prima di un volo, tranquillizzerebbe gli animi (spero :))
Ciao lu.na!!

Capisci quanto è creativa la mente nel creare collegamenti tra cose che, nella realtà, non sono in nessun modo collegate? Ti senti più tranquillo e più al sicuro se guardi negli occhi il Comandante e magari lui ti stringe la mano.
Evidentemente il tuo senso di sicurezza si basa sulla solidità dei rapporti interpersonali, sul fatto di poter guardare chi controlla una situazione nella quale sei immerso.
Se ci rifletti bene, però, capisci che il pilota farà ottimamente il suo lavoro a prescindere dalle mani che stringe...o no? :wink:

Fearless Flyer
sai luca, quel che dici è vero, ma a volte una stretta di mano rende più tranquilli (la pacca sulla spalla del superiore :)).
racconto un aneddoto "strano". in uno degli ultimi voli che ho fatto con az, un roma-parigi, c'era a bordo il ministro padoa schioppa. ebbene in quel volo ero tranquillissimo perchè pensavo: "sicuramente non può accadere nulla al volo dove c'è il ministro, saranno attentissimi".
mi rendo conto della stupidità del ragionamento, ma non è facile capire i meccanismi della mente.
c'è però un dato di fatto: se una cosa accade su un aereo, la paura si amplifica!
riguardo a quanto raccontanto prima sul malore del passeggero che era a bordo del mio volo, dopo l'evento si creò un fila lunghissima per il bagno :D ... (e quel poveretto che si sentì male, sicuramente si prese un bel po' di imprecazioni)
non credo che in treno sarebbe accaduta la stessa cosa.
un'ultima cosa: ma perchè la paura è maggiore se volo solo?!


ps. OT: ma non è un po' strano che su un aereo non ci sia nemmeno un defibrillatore?
Sai la cosa strana qual'è? Sul mio libro ho scritto un paragrafo chiamato "La magia della paura di volare" che è proprio dedicato a questi aspetti un po' magici della paura di volare. Parte dalla paura di una ragazza che aveva partecipato a Voglia di volare un anno fa che diceva una cosa molto simile alla tua: "Se sull'aereo c'è Totti sicuramente non succederà nulla...non potrebbe succedere nulla ad uno come lui..." :lol:

Sul defibrillatore si sono vari progetti e la cosa si sta studiando.

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 22:00

IFACN ha scritto: Ti è mai capitato di vedere una persona e, a "pelle", trovarla odiosa e antipatica? Intendo quelle "prime impressioni" in base alle quali al soggetto in questione non daresti nemmeno la mano...

A.
tu dici che se questa persona è il pilota, scendi immediatamente dall'aereo :D
e le compagnie nn possono permettersi questo lusso :D
ma immagino che tu sia simpaticissimo ;)
per questo tra parentesi avevo scritto forse...

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 7 marzo 2008, 22:01

Fearless flyer ha scritto: Sai la cosa strana qual'è? Sul mio libro ho scritto un paragrafo chiamato "La magia della paura di volare" ...
Fearless Flyer
caspita, quando esce questo libro??? in rete non l'ho trovato... spero a breve :)

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 7 marzo 2008, 22:03

lu.na ha scritto:
Fearless flyer ha scritto: Sai la cosa strana qual'è? Sul mio libro ho scritto un paragrafo chiamato "La magia della paura di volare" ...
Fearless Flyer
caspita, quando esce questo libro??? in rete non l'ho trovato... spero a breve :)
Fine maggio.

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Avatar utente
Borea V
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 9
Iscritto il: 6 marzo 2008, 12:50
Località: Trapani - Tucson - Roma

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Borea V » 8 marzo 2008, 14:07

Ciao a tutti mi chiamo Stefano. Sono un pilota militare e mi piacerebbe scrivere cosa mi è successo qualche mese fa. Ero su un volo da brindisi a roma quando una signora vicino a me comincia a dire (già al parcheggio) che aveva paura e che pensava che stessimo decollando in una zona con troppe auto vicino! Beh fortunatamente il marito la tranquillizzò un poco e le teneva la mano. Ad un certo punto non ho resistito più e ho provato a spiegarle qualcosa. Ho visto che la soluzione è stata semplice semplice...capire come funziona un volo, com'è organizzato (equipaggi, enti di controllo, rampisti....), come vola un aereo e come le condizioni metereologiche possano influenzare un volo e fino a che punto (mia nonna mi dice....c'è vento e ora come fa tuo fratello a tornare???). L'informazione penso sia un buon approccio curativo specialmente se introdotta da personale che ha passione per la materia!

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 8 marzo 2008, 14:09

Borea V ha scritto:Ciao a tutti mi chiamo Stefano. Sono un pilota militare e mi piacerebbe scrivere cosa mi è successo qualche mese fa. Ero su un volo da brindisi a roma quando una signora vicino a me comincia a dire (già al parcheggio) che aveva paura e che pensava che stessimo decollando in una zona con troppe auto vicino! Beh fortunatamente il marito la tranquillizzò un poco e le teneva la mano. Ad un certo punto non ho resistito più e ho provato a spiegarle qualcosa. Ho visto che la soluzione è stata semplice semplice...capire come funziona un volo, com'è organizzato (equipaggi, enti di controllo, rampisti....), come vola un aereo e come le condizioni metereologiche possano influenzare un volo e fino a che punto (mia nonna mi dice....c'è vento e ora come fa tuo fratello a tornare???). L'informazione penso sia un buon approccio curativo specialmente se introdotta da personale che ha passione per la materia!
L'informazione è utile ma...magari fosse così semplice :roll:
Ciao Stefano!

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Avatar utente
IFACN
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 560
Iscritto il: 7 febbraio 2007, 12:50
Località: Milano

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da IFACN » 8 marzo 2008, 20:03

lu.na ha scritto:
IFACN ha scritto: Ti è mai capitato di vedere una persona e, a "pelle", trovarla odiosa e antipatica? Intendo quelle "prime impressioni" in base alle quali al soggetto in questione non daresti nemmeno la mano...

A.
tu dici che se questa persona è il pilota, scendi immediatamente dall'aereo :D
e le compagnie nn possono permettersi questo lusso :D
ma immagino che tu sia simpaticissimo ;)
per questo tra parentesi avevo scritto forse...
No, io no, se dovessi abbandonare il mezzo di trasporto ogni volta che vedo una brutta faccia ai comandi, non riuscirei mai a prendere un bus o un treno della metropolitana... :mrgreen:

Comunque una cosa molto importante da ricordare è che anche i piloti hanno moglie e figli e ci tengono a rivederli dopo il lavoro: per questo determinate condotte di volo che, agli occhi dell'inesperto, possono sembrare azzardi, sono in realtà sempre manovre fatte nei limiti dei regolamenti e delle caratteristiche dell'aeroplano.

A.

Avatar utente
Daniele77
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1160
Iscritto il: 28 febbraio 2007, 12:07
Località: Milano e dintorni

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Daniele77 » 8 marzo 2008, 20:13

Sai la cosa strana qual'è? Sul mio libro ho scritto un paragrafo chiamato "La magia della paura di volare" che è proprio dedicato a questi aspetti un po' magici della paura di volare. Parte dalla paura di una ragazza che aveva partecipato a Voglia di volare un anno fa che diceva una cosa molto simile alla tua: "Se sull'aereo c'è Totti sicuramente non succederà nulla...non potrebbe succedere nulla ad uno come lui..." :lol:

Sul defibrillatore si sono vari progetti e la cosa si sta studiando.

Fearless Flyer[/quote]

Mi ritrovo completamente quando dici che l'essere a consocenza che a bordo del proprio volo c'è un personaggio noto può, per alcuni, tra i quali il sottoscritto, rassicurare, quasi che quel fatto potesse fare scudo ad eventuali disgrazie.
Che macchina affascinante la mente umana. :shock:
Se amiamo tutti gli animali perche' alcuni li chiamiamo 'amoruccio santo' e altri 'cena' ?

Avatar utente
evaSart
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 129
Iscritto il: 12 febbraio 2008, 1:19
Località: bcn

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da evaSart » 8 marzo 2008, 20:54

lu.na ha scritto:
evaSart ha scritto: su un aereo, in macchina, in casa, per strada... e chi più ne ha più ne metta.. solo che in aereo è meno probabile.
qualche anno fa, un amico mio mentre era su una spiaggia, venne portato via da un'onda anomala. nella via può succedere di tutto e non c'è modo di nascondersi. io continuo ad andare in spiaggia, a sguazzare in mare ed a dormirci (in spiaggia sotto l'ombrellone... non in mare :wink:) con molto gusto :) .
secondo me, almeno nel mio caso, quello che distingue la paura dell'aereo rispetto alle altre, è la totale assenza di controllo (diciamo che l'unico caso in cui entra in ballo il passeggero è quando deve indossare il giubbetto di salvataggio o tirare con forza la mascherina dell'ossigeno :)). per tutto il resto, ti affidi COMPLETAMENTE ad un'altra persona.
ad un'altra persona assolutamente preparata ed alla meccanica dell'aereo. se prendi un autobus ti affidi al guidatore. se stai in macchina, a tutte le altre macchine che ti circondano :shock: . se sei sul binario della metro, devi sperare che nessuno ti spinga giù (è successo qui a barcelona...).
nei miei pensieri positivi per i miei futuri voli, nel tentativo di sconfiggere le paranoie della mia stessa mente, penso proprio che mi sto affidando ad un mezzo ed a delle persone quasi perfette!
lu.na ha scritto: le situazioni che tu descrivi, le condivido, ma credo che con l'onda anomala proprio un olio non doveva essere il mare :), se andiamo a 200 km/h per strada qualche problemino potremmo averlo. però in queste situazioni, ribadisco che parlo per me, ho come la "sensazione" che potrei riuscire a cavarmela ed in ogni caso il problema vado a cercarmelo.
un'onda anomala è un'onda di cui ancora non si è in grado di prevederne la formazione. fior fior di studiosi ci si stanno ammattendo. alcune onde "crescono" in acque alte, altre arrivano fino alle coste. non importa quale sia il clima in quel momento. il mare può essere anche calmo. l'onda anomala, generalmente, è un'onda lunga e bassa (tipo tsunami) e non la vedi e non la riconosci fino a che non cresce sotto costa, quando dal niente ti compare un muro d'acqua di 7 metri, come nel caso del mio amico.
molta sfortuna e pochi bagnini preparati.
se sono tranquilla se so che mia mamma si sta crogiolando al sole in qualche spiaggia a rischio onde anomale (l'ho comunque istruita :) ), perché non dovrei stare tranquilla su un aereo?

(aeb: il detersivo sta bene :) )
eva

Qual è l'impresa più incredibile che hai mai compiuto? Quale sarà la prossima?
Rob Brezsny

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da aeb » 8 marzo 2008, 23:06

evaSart ha scritto: (aeb: il detersivo sta bene :) )
..dammi la marca, che la prossima volta che passo in Spagna me ne compro un paio di flaconi...... :D
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 8 marzo 2008, 23:46

cara eva, lo so bene che quando salgo su un aereo mi affido nelle mani di una persona quasi "perfetta" (anche se penso che il pilota sia un essere umano come tutti noi e come tutti noi non è infallibile), che salgo su un mezzo che rappresenta il massimo in termini di teconologia, che per incorrere in un incidente lo devo prendere tutti i giorni per 5000 anni, etc., etc., etc.
ma mi chiedo e ti chiedo, quante cose nella tua vita fai in base al calcolo delle probabilità? (io non gioco nemmeno al lotto, quindi potrei dire quasi niente).
la paura, secondo me, ha un'altissima componente irrazionale che dubito possa trovare la soluzione nelle statistiche e nelle varie teorie legate al mondo dell'aviazione, della scienza e dell'ingengneria, etc..
non a caso, in questo thread siamo in due, e luca ha raccontanto di un'esperienza capitata anche ad una sua corsista, a sentirci più "sicuri" quando a bordo c'è un personaggio famoso.
ti sembra che questa sia una giustificazione razionale? però a quanto pare funziona...
secondo me, le varie teorie e leggi, forse possono aiutare, ma non sconfiggere la paura...
credi che per quelle persone che salgono su un 'aereo che ha un incidente non valgano le statistiche, le leggi della fisica, etc., etc., etc.? anche per loro valgono...
sinceramente sarei più contento se qualcuno mi dicesse: guarda per un incidente aereo la probabilità non c'entra un bel nulla. ed in effetti ne sono abbastanza convinto... perchè credo che l'incidente aereo non è affidato al fato come il lancio della monetina... infatti ritornando alla mia esperienza con tuninter, quando io e gli altri passeggeri vedemmo l'atr 72 su cui dovevamo salire, per poco non ci venne un infarto... non ci fu una sola persona che non si lamentò e a cui quell'aereo ispirava sicurezza! ed immagino che la stessa sensazione di scarsa sicurezza la ebbero i passeggeri che salirono a bordo 5 giorni dopo...
ma quel giorno io e gli altri pensammo: "proprio a noi deve accadere qualcosa..." e salimmo...ed oggi dico che fummo MOLTO fortunati, ma dopo la tragedia mi dissi: "se mi dovesse capitare di nuovo di avere un sensazione del genere, di sicuro non salgo più".
mi rendo conto che nemmeno questo è un valido criterio... perchè se lo seguissimo diventeremmo ancora più schiavi della paura (anche cose insignificanti diventerebbero "indizi" per non salire).
quindi sincermante, io l'unica soluzione che vedo per affrontare la paura, è accettarla...(ma so benissimo che non è semplice ed io sono il primo che non ci riesce)

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da aeb » 8 marzo 2008, 23:50

Credo che la soluzione migliore sia una persona entusiasta del volo che ti tenga la mano per tutta la durata dello stesso, e ti parli delle sue - e delle tue - emozioni, e dello spettacolo di cui si gode guardando fuori dall'oblò.
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 8 marzo 2008, 23:53

aeb ha scritto:Credo che la soluzione migliore sia una persona entusiasta del volo che ti tenga la mano per tutta la durata dello stesso, e ti parli delle sue - e delle tue - emozioni, e dello spettacolo di cui si gode guardando fuori dall'oblò.
eheh condivido :) infatti come dicevo prima, la mia paura si è amplificata nei pochi viaggi che ho fatto da solo :)
la prossima volta dovrò stare attento ad individuare una bella ragazza che mi tenga la mano :D

Avatar utente
aeb
FL 500
FL 500
Messaggi: 5740
Iscritto il: 10 maggio 2006, 18:19
Località: 45°35' N 9°16' E

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da aeb » 8 marzo 2008, 23:55

lu.na ha scritto:
aeb ha scritto:Credo che la soluzione migliore sia una persona entusiasta del volo che ti tenga la mano per tutta la durata dello stesso, e ti parli delle sue - e delle tue - emozioni, e dello spettacolo di cui si gode guardando fuori dall'oblò.
eheh condivido :) infatti come dicevo prima, la mia paura si è amplificata nei pochi viaggi che ho fatto da solo :)
la prossima volta dovrò stare attento ad individuare una bella ragazza che mi tenga la mano :D
..esatto! :D
Andrea

Dilige et quod vis fac
Sant'Agostino


La libertà è una forma di disciplina
C.S.I.


Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti
Nanni Moretti (in Palombella rossa)

Avatar utente
evaSart
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 129
Iscritto il: 12 febbraio 2008, 1:19
Località: bcn

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da evaSart » 10 marzo 2008, 11:44

lu.na ha scritto:cara eva, lo so bene che quando salgo su un aereo mi affido nelle mani di una persona quasi "perfetta" (anche se penso che il pilota sia un essere umano come tutti noi e come tutti noi non è infallibile), che salgo su un mezzo che rappresenta il massimo in termini di teconologia, che per incorrere in un incidente lo devo prendere tutti i giorni per 5000 anni, etc., etc., etc.
ma mi chiedo e ti chiedo, quante cose nella tua vita fai in base al calcolo delle probabilità? (io non gioco nemmeno al lotto, quindi potrei dire quasi niente).
caro lu.na
anche se non viviamo calcolando la probabilità ad ogni passo, facciamo comunque parte di infinite statistiche. se non fosse per la bassissima probabilità di incidente aereo, avrei smesso di volare 13 anni fa. però è anche vero che, nonostante la statistica, ho sempre volato soffrendo tantissimo.
lu.na ha scritto: la paura, secondo me, ha un'altissima componente irrazionale che dubito possa trovare la soluzione nelle statistiche e nelle varie teorie legate al mondo dell'aviazione, della scienza e dell'ingengneria, etc..
non a caso, in questo thread siamo in due, e luca ha raccontanto di un'esperienza capitata anche ad una sua corsista, a sentirci più "sicuri" quando a bordo c'è un personaggio famoso.
ti sembra che questa sia una giustificazione razionale? però a quanto pare funziona...
pensa che invece, quando sono tornata a casa per natale, sull'aereo con me c'era marcello lippi e nella mia follia immaginavo i miei amici raccontare "eva è morta nel disastro aereo di natale in cui morì anche lippi..." ed invece siamo ancora vivi entrambi :D !!
uff... sono così stanca di aver paura di volare.... :wink:
eva

Qual è l'impresa più incredibile che hai mai compiuto? Quale sarà la prossima?
Rob Brezsny

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 10 marzo 2008, 12:00

evaSart ha scritto:
lu.na ha scritto:cara eva, lo so bene che quando salgo su un aereo mi affido nelle mani di una persona quasi "perfetta" (anche se penso che il pilota sia un essere umano come tutti noi e come tutti noi non è infallibile), che salgo su un mezzo che rappresenta il massimo in termini di teconologia, che per incorrere in un incidente lo devo prendere tutti i giorni per 5000 anni, etc., etc., etc.
ma mi chiedo e ti chiedo, quante cose nella tua vita fai in base al calcolo delle probabilità? (io non gioco nemmeno al lotto, quindi potrei dire quasi niente).
caro lu.na
anche se non viviamo calcolando la probabilità ad ogni passo, facciamo comunque parte di infinite statistiche. se non fosse per la bassissima probabilità di incidente aereo, avrei smesso di volare 13 anni fa. però è anche vero che, nonostante la statistica, ho sempre volato soffrendo tantissimo.
lu.na ha scritto: la paura, secondo me, ha un'altissima componente irrazionale che dubito possa trovare la soluzione nelle statistiche e nelle varie teorie legate al mondo dell'aviazione, della scienza e dell'ingengneria, etc..
non a caso, in questo thread siamo in due, e luca ha raccontanto di un'esperienza capitata anche ad una sua corsista, a sentirci più "sicuri" quando a bordo c'è un personaggio famoso.
ti sembra che questa sia una giustificazione razionale? però a quanto pare funziona...
pensa che invece, quando sono tornata a casa per natale, sull'aereo con me c'era marcello lippi e nella mia follia immaginavo i miei amici raccontare "eva è morta nel disastro aereo di natale in cui morì anche lippi..." ed invece siamo ancora vivi entrambi :D !!
uff... sono così stanca di aver paura di volare.... :wink:
Vero! le contaminazioni magiche della paura di volare funzionano anche al contrario. Ed anche a me è successo di un partecipante di Voglia di volare ,per la presenza di un personaggio famoso a bordo, pensava che le percentuali che l'aereo potesse avere un problema erano molto superiori.
Questo ad ulteriore dimostrazione che tutto è molto legato al proprio pensiero, alle proprie fantasie, alle proprie immagini interne.
Eva il tuo percorso FORSE è troppo razionale...è chiaro che se ci si ragiona un po' la fobia del volo (come ogni altra fobia) non ha nulla di razionale nella propria costruzione. E' razionale guardare in tv un documentario sui ragni ed iniziare ad urlare a squarciagola?
Ma sapere che non è razionale non ci aiuta in molto e non porta l'analisi da nessuna parte. Se si vuole comprendere fino in forndo il DNA della propria paura bisogna, come i salmoni, risalire la corrente dei propri timori, indipendetemente dal fatto che siano razionali o meno, ed entrare nella stanza de bottoni. Magari sembrerà una contraddizione (ma credimi non lo è) ma, molte volte, le cose si capiscono più a fondo con la pancia che con la testa. :wink:

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 10 marzo 2008, 12:30

Fearless flyer ha scritto: Ma sapere che non è razionale non ci aiuta in molto e non porta l'analisi da nessuna parte. Se si vuole comprendere fino in forndo il DNA della propria paura bisogna, come i salmoni, risalire la corrente dei propri timori, indipendetemente dal fatto che siano razionali o meno, ed entrare nella stanza de bottoni. Magari sembrerà una contraddizione (ma credimi non lo è) ma, molte volte, le cose si capiscono più a fondo con la pancia che con la testa. :wink:

Fearless Flyer
Luca, mi chiedo, ma come si riesce a fare questo in 2 giorni di corso di Voglia di Volare? E' davvero possibile risalire il fiume in soli due giorni?
volevo inoltre sapere, se (ritornando alle statistiche :D) quando verificate i risultati del corso, chi vola con ansia non eccessiva, ma comunque vola, è ritenunto un risultato positivo o negativo.
vorrei sapere quest'ultima informazione per capire se comunque una sorta di rassegnazione alla paura (come nel mio caso) è ok :).
Grazie per i tuoi preziosissimi suggerimenti.

p.s.: non vedo l'ora che esca il tuo libro, sono curiosissimo di leggerlo (è ansia anticipatoria???) :P

Avatar utente
evaSart
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 129
Iscritto il: 12 febbraio 2008, 1:19
Località: bcn

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da evaSart » 10 marzo 2008, 13:10

Fearless flyer ha scritto: Vero! le contaminazioni magiche della paura di volare funzionano anche al contrario. Ed anche a me è successo di un partecipante di Voglia di volare ,per la presenza di un personaggio famoso a bordo, pensava che le percentuali che l'aereo potesse avere un problema erano molto superiori.
Questo ad ulteriore dimostrazione che tutto è molto legato al proprio pensiero, alle proprie fantasie, alle proprie immagini interne.
Eva il tuo percorso FORSE è troppo razionale...è chiaro che se ci si ragiona un po' la fobia del volo (come ogni altra fobia) non ha nulla di razionale nella propria costruzione. E' razionale guardare in tv un documentario sui ragni ed iniziare ad urlare a squarciagola?
Ma sapere che non è razionale non ci aiuta in molto e non porta l'analisi da nessuna parte. Se si vuole comprendere fino in forndo il DNA della propria paura bisogna, come i salmoni, risalire la corrente dei propri timori, indipendentemente dal fatto che siano razionali o meno, ed entrare nella stanza de bottoni. Magari sembrerà una contraddizione (ma credimi non lo è) ma, molte volte, le cose si capiscono più a fondo con la pancia che con la testa. :wink:

Fearless Flyer
in effetti sono una persona piuttosto razionale e, probabilmente, a causa di questo i miei passati tentativi di superare la paura di volare sono sempre miseramente falliti. l'essere razionale mi aiutava a non rimanere a terra, ma non a volare con tranquillità.
in questo momento mi sento spersa. sapere che le mie crisi ansiose in aereo possono avere altre cause mi mette, come tu dici, all'inizio di un cammino "da salmone" ed è sconcertante pensare di risalire un fiume!!
sinceramente, non credo di potercela fare da sola. forse potrebbe essere una buona idea affrontare un'analisi, perché ho voglia di scoprire che cosa c'è dietro le mie paure, ma non ho idea di come fare. non idea di come dare spazio alla mia pancia... boh! :?
eva

Qual è l'impresa più incredibile che hai mai compiuto? Quale sarà la prossima?
Rob Brezsny

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 10 marzo 2008, 14:34

lu.na ha scritto:
Fearless flyer ha scritto: Ma sapere che non è razionale non ci aiuta in molto e non porta l'analisi da nessuna parte. Se si vuole comprendere fino in forndo il DNA della propria paura bisogna, come i salmoni, risalire la corrente dei propri timori, indipendetemente dal fatto che siano razionali o meno, ed entrare nella stanza de bottoni. Magari sembrerà una contraddizione (ma credimi non lo è) ma, molte volte, le cose si capiscono più a fondo con la pancia che con la testa. :wink:

Fearless Flyer
Luca, mi chiedo, ma come si riesce a fare questo in 2 giorni di corso di Voglia di Volare? E' davvero possibile risalire il fiume in soli due giorni?
volevo inoltre sapere, se (ritornando alle statistiche :D) quando verificate i risultati del corso, chi vola con ansia non eccessiva, ma comunque vola, è ritenunto un risultato positivo o negativo.
vorrei sapere quest'ultima informazione per capire se comunque una sorta di rassegnazione alla paura (come nel mio caso) è ok :).
Grazie per i tuoi preziosissimi suggerimenti.

p.s.: non vedo l'ora che esca il tuo libro, sono curiosissimo di leggerlo (è ansia anticipatoria???) :P
I nostri feedback di efficacia durano un anno. Valutiamo non solo QUANTO si è volato ma soprattutto COME si è volato. Inviamo dei questionari per posta elettronica e sulla base delle risposte valutiamo se si è positivi o negativi.
Se tu continui a volare male probabilmente saresti un negativo. Però il tutto viene fatto in maniera approfondita.

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 12 marzo 2008, 10:22

Fearless flyer ha scritto:

I nostri feedback di efficacia durano un anno. Valutiamo non solo QUANTO si è volato ma soprattutto COME si è volato. Inviamo dei questionari per posta elettronica e sulla base delle risposte valutiamo se si è positivi o negativi.
Se tu continui a volare male probabilmente saresti un negativo. Però il tutto viene fatto in maniera approfondita.

Fearless Flyer
ma ai vostri corsi partecipa solo gente che non mette piede sull'aereo o anche chi vive il volo con ansia?

mi sono ritrovato molto in una tua frase scritta in un altro thread "... forse la componente FIDUCIA, in te stessa/o :) ma soprattutto negli altri, è una variabile che andrebbe ricalibrata..."
in effetti è vero, io spesso ho difficoltà ad avere fiducia nell'altro e questo problema si accentua in situazioni dove non ci sono persone che conosco bene (infatti dicevo che la mia paura dell'aereo si è molto accentuata durante i pochi viaggi che ho fatto da solo)... infatti oltre al volo vivo con disagio anche il viaggiare da solo.

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 12 marzo 2008, 10:38

lu.na ha scritto:
Fearless flyer ha scritto:

I nostri feedback di efficacia durano un anno. Valutiamo non solo QUANTO si è volato ma soprattutto COME si è volato. Inviamo dei questionari per posta elettronica e sulla base delle risposte valutiamo se si è positivi o negativi.
Se tu continui a volare male probabilmente saresti un negativo. Però il tutto viene fatto in maniera approfondita.

Fearless Flyer
ma ai vostri corsi partecipa solo gente che non mette piede sull'aereo o anche chi vive il volo con ansia?

mi sono ritrovato molto in una tua frase scritta in un altro thread "... forse la componente FIDUCIA, in te stessa/o :) ma soprattutto negli altri, è una variabile che andrebbe ricalibrata..."
in effetti è vero, io spesso ho difficoltà ad avere fiducia nell'altro e questo problema si accentua in situazioni dove non ci sono persone che conosco bene (infatti dicevo che la mia paura dell'aereo si è molto accentuata durante i pochi viaggi che ho fatto da solo)... infatti oltre al volo vivo con disagio anche il viaggiare da solo.
Nei seminari le persone che non hanno mai volato sono solo il 10 massimo il 20%; il resto sono persone che hanno volato ed hanno smesso oppure che continuano a volare ma con una qualità del volo molto bassa.

La fiducia è il contrario del controllo, è abbastanza frequente che possano esserci tematiche di sfiducia e disistima nella paura di volare.

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

lu.na
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 38
Iscritto il: 4 marzo 2008, 15:02

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da lu.na » 12 marzo 2008, 11:03

Fearless flyer ha scritto:
La fiducia è il contrario del controllo, è abbastanza frequente che possano esserci tematiche di sfiducia e disistima nella paura di volare.

Fearless Flyer
mi stai dicendo che se avessi maggiore fiducia negli altri, vivrei il volo con maggiore serenità?

Avatar utente
Fearless flyer
FL 400
FL 400
Messaggi: 4026
Iscritto il: 19 maggio 2006, 11:43
Località: Roma - Milano - Catania - Venezia

Re: Non ho terrore... ma qualcosa è andato storto

Messaggio da Fearless flyer » 12 marzo 2008, 11:08

lu.na ha scritto:
Fearless flyer ha scritto:
La fiducia è il contrario del controllo, è abbastanza frequente che possano esserci tematiche di sfiducia e disistima nella paura di volare.

Fearless Flyer
mi stai dicendo che se avessi maggiore fiducia negli altri, vivrei il volo con maggiore serenità?
Questa è una parte, il tema è un po' più articolato. Però chi tende a controllare le situazioni, DI NORMA, sta bene solo se controlla lui stesso, dunque la fiducia verso gli altri non è elevatissima. L'aspetto curioso è che, molto spesso, anche la fiducia verso se stessi non è elevatissima.

Fearless Flyer
Luca Evangelisti
Responsabile "Voglia di Volare"
A L I T A L I A


Sito ufficiale "Voglia di volare".
VADO VIA DAL FORUM

evangelisti.luca@alitalia.it

Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa.
Proverbio africano

Rispondi