rieccoci....

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
codice8
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 70
Iscritto il: 1 settembre 2008, 10:49
Località: sesto san giovanni

rieccoci....

Messaggio da codice8 » 14 aprile 2010, 9:35

Salve a tutti!
Mi ritrovo a scrivere su questo fantastico forum fatto di fantastiche persone.
Vado con ordine;
circa un anno fa sotto la scaletta di un 737 della scomparsa SKYEUROPE diretta a Praga, colto da una "Caga atomica" sono rimasto bloccato facendo cosi' saltare un romantico week end che sanciva il traguardo del quinto anno di matrimonio.
Dopo quella tragica esperienza ho deciso di consultare uno specialista per superare queste barriere psicologiche;ebbene a distanza di un anno posso dire che la mia vita e' effettivamente piu' serena e riesco a godermi tutte le sfumature di tutti i giorni.
Con mia moglie stiamo organizzando una settimana a Lisbona a cavallo tra giugno e luglio, sono TERRORIZZATO!! tutte le mie sicurezze si stanno sgretolando di fronte all'idea di salire su quella scaletta e di rimanere chiuso a unicimila metri per almeno due ore!!!!!!!!
Mi potete dire quanto dura effettivamente ( e non da orario di compagnia) il volo???
Io sarei orientato a prendere la Tap contro quella che a rigor di logica economica sarebbe migliore cioe' Easyjet...voi cosa mi consigliate??
ringraziandovi anticipatamente per la pazienza e le eventuali risposte vi saluto augurandovi una buona giornata.

Luca
"... mi scusi avrei bisogno di un piatto doccia quadrato 70x90.."

Avatar utente
araial14
FL 500
FL 500
Messaggi: 11575
Iscritto il: 19 giugno 2007, 15:25
Località: Torino (Italia) Bahia (Brasile)

Re: rieccoci....

Messaggio da araial14 » 14 aprile 2010, 12:22

codice8 ha scritto:tutte le mie sicurezze si stanno sgretolando
Mi potresti dire quali sono le sicurezze che si stanno sgretolando? Se sono sicurezze è impossibile che si deteriorino, se lo fanno, tali non sono. In quanto alla compagnia l'imbarazzo della scelta deve trovare ragione solo nel tipo di servizio. Easy è ottima ma una low cost, quindi non ti aspettare abbeveraggi o snack se non a pagamento.Partiresti da MXP immagino.... Ti consiglio vivamente LHI, io farò la tua stessa tratta a luglio :wink:
Immagine
Immagine

Avatar utente
codice8
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 70
Iscritto il: 1 settembre 2008, 10:49
Località: sesto san giovanni

Re: rieccoci....

Messaggio da codice8 » 14 aprile 2010, 20:24

le mie sicurezze sono dettate dal fatto che ho la consapevolezza che razionalmente riesco adesso a gestire le paure che mi condizionavano. Il fatto e' che pensare di prendere un aereo anche a distanza di 2 mesi ( partirei il 27 giugno ) e' come se mi facesse tornare indietro, come se tutto un tratto non fossi piu' in grado di gestirle e controllarle...lo so e' complicato da spiegare ma non vorrei che si ripetesse la scena di un anno fa, su quella scaletta io vorrei salire!! :wink:
"... mi scusi avrei bisogno di un piatto doccia quadrato 70x90.."

Avatar utente
lunaotrantina
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 367
Iscritto il: 16 dicembre 2007, 21:52
Località: salento

Re: rieccoci....

Messaggio da lunaotrantina » 15 aprile 2010, 19:21

codice8 ha scritto:le mie sicurezze sono dettate dal fatto che ho la consapevolezza che razionalmente riesco adesso a gestire le paure che mi condizionavano. Il fatto e' che pensare di prendere un aereo anche a distanza di 2 mesi ( partirei il 27 giugno ) e' come se mi facesse tornare indietro, come se tutto un tratto non fossi piu' in grado di gestirle e controllarle...lo so e' complicato da spiegare ma non vorrei che si ripetesse la scena di un anno fa, su quella scaletta io vorrei salire!! :wink:
scusami, non capisco.
Tu parli di tue sicurezze... ma cosa c'entrano con la sicurezza aerea?
Cos'è che temi esattamente?
se n'è fujut' 'o capitone
e mo stá comm nu pappice'....

Avatar utente
codice8
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 70
Iscritto il: 1 settembre 2008, 10:49
Località: sesto san giovanni

Re: rieccoci....

Messaggio da codice8 » 15 aprile 2010, 21:23

dunque...all'eta' di 9 anni ho fatto il primo volo con un md80 dell'alitalia destinazione napoli ( da milano )..esperienza bellissima ed eccitante!!! Al ritorno ho visitato la cabina di pilotaggio ( all'epoca si poteva fare senza problemi di..terrorismo :wink: ) innamorandomi degli aereoplani. Circa 5 anni dopo sono andato a londra con un737 della british con la scuola..andata e ritorno tutto ok. Ho preso ancora il volo per napoli sia da milano che da venezia ( militare ) senza problemi. Nel 1994 sono andato con i miei a Lourdes ( esperienza meravigliosa! ) con un md80 della eurofly, andate bene ritorno..UNA TRAGEDIA!! :shock: attacchi di panico per tutta la durata del viaggio con la sensazione addosso di claustrofobia...io vedevo a 10 km di distanza la nostra amata terra e stavo male; mi sentivo in trappola!!!! tutto svanito appena arrivati a bergamo. Vista questa esperienza mi sono rivolto al mio medico curante per avere un "aiutino" :lol: in quanto era prevista 3 mesi dopo una visitina ad alcuni parenti che vivono a ....BUENOS AIRES!!!!! Capite????? 14 ore con un meraviglioso md11 alitalia strafatto di tavor :drunken: piu' tre voli interni con un 737 200 della austral ed un md83 della areolina argentina. Tutti fatti con paura atavica e voglia di arrivare in italia prima possibile per dire STOP AEREI!!!! Se aggiungiamo il viaggio di nozze in messico andato bene il quadro e' completo...fino al fatidico 28 marzo 2009 e alla oramai famosa scaletta.
Le mie paure che pensavo o penso di aver tramuntato in "sicurezze" sono quelle che condizionavano il mio quotidiano: ascensori, luoghi affollati, ecc. posso dire adesso di avere quella forza mentale che mi permette di razionalizzare queste cose; ma l'aereo...l'aereo no. mi viene come un attacco di claustrofobia solo al pensiero e questa sensazione si contrappone a quella di dire f****ck a tutto e a tutti io quell'aereo lo voglio prendere, voglio fare conoscere il mondo alle mie figlie!!! sono veramente in una situazione di sterco di mucca.
Scusate il topic stile muraglia cinese ma tant'e'. un saluto a tutti soprattutto ad arial e un grazie per i suoi topic pieni di saggezza che infondono tranquillita' e...speranza!!! :D
ciao Luca
"... mi scusi avrei bisogno di un piatto doccia quadrato 70x90.."

Avatar utente
Slowly
Administrator
Administrator
Messaggi: 26108
Iscritto il: 28 settembre 2004, 12:43
Località: ...nei pensieri di chi mi vuole bene!
Contatta:

Re: rieccoci....

Messaggio da Slowly » 15 aprile 2010, 22:09

Ciao Codice! Sei mica un programma per digitale terrestre? Il mio decoder ne avrebbe bisogno. Comunque.

Eh eh. Temo che anche i Cinesi lo sapevano benissimo: ogni palizzata e ogni muraglia ha un punto debole. Quello di idealizzare un percorso (e successivamente un'esperienza) è che senza viverli (il percorso e l'esperienza) li si rende talmente "banali" da essere spiazzati quando li si ha di fronte.
Manco a dirlo, non è certo un problema di prassi ma di aspettativa. Un fatto di pelle, quasi.

L'ascensore fa parte del quotidiano, ma non penso tu abbia voglia di sapere i più reconditi e macabri retroscena di questa comoda macchinetta metallica. E anzi, pure se li sapessi, li prenderesti comunque. In quanti anni hai avuto modo di vedere come nessun ascensore ha avuto voglia di farti del male?
Ma questo non toglie i reconditi e macabri retroscena.

Qual'è la differenza?

La differenza è un approccio mentale diverso, più rilassato perchè "abituato".

Ma del rumore dei motori al decollo, dei flap e dei carrelli c'hai rimuginato, li hai idealizzati in un modo, ma non li hai messi nel bagaglio "del quotidiano".

Ciò non toglie, tuttavia e oggettivamente (e persino che tu ci creda o no) che gli aerei sono più sicuri degli ascensori. (No, non è una battuta).

Per cui, visto che certamente se lo meritano, porta le tue figlie a bordo come le porteresti in ascensore.

O quantomeno non fare l'errore di condizionare le loro teste con le ansie tue. Queste ultime sono affaracci tuoi.

:D
SLOWLY
MD80.it Admin

e-mail: slowly@interfree.it
MSN: slowly@md80.it
Skype: slo.ita

Scarica il mio (oh) mamma devo prendere l'aereo!

Avatar utente
araial14
FL 500
FL 500
Messaggi: 11575
Iscritto il: 19 giugno 2007, 15:25
Località: Torino (Italia) Bahia (Brasile)

Re: rieccoci....

Messaggio da araial14 » 15 aprile 2010, 23:10

codice8 ha scritto: Tutti fatti con paura atavica
Carissimo,
hai colto nel segno. Tantissime paure, e quella del volo è tremendamente simbolica ,soffrono anche loro stesse dell'atavismo che si trascinano appresso dai tempi del big bang. Volare non è connaturato nell'uomo come non lo è più stato per specie che pur dotate di ali, con l'evoluzione hanno perso questa facoltà.Non dobbiamo vedere ( almeno non dovremmo)la nostra esistenza come un unicum stabile e granitico, dove il movimento è bandito con leggi non modificabili che ne decretano la staticità e quindi la sua vulnerabilità. Atavica perchè la sua stessa storia ha un pregresso che si perde nella notte dei tempi e che ha visto con essi la continua voglia dell'uomo di volgere lo sguardo verso il cielo con il desiderio di scoprire i segreti del volo legati ad esseri a lui simili, almeno nella struttura della materia. Quasi un atto di rivalsa che ha potuto vedere realizzato questo antichissimo e sognato traguardo nel 1903. Chi lo avrebbe mai detto? Leonardo probabilmente senza riuscirci ( non esiste poi tutta questa sicurezza sul fatto che non sia riuscito a staccar piedi da terra) e tutti coloro che mai avrebbero scommesso un lembo di fazzoletto se avessero detto loro che un giorno una carrozza si sarebbe mossa senza l'ausilio di cavalli. Anche il nostro pensiero è in divenire come lo è la nostra intelligenza, un'evoluzione costante ed impercettibile che nel suo nascondersi crea poi nell'evidenza, nel palesare i suoi cambiamenti, sgomento (non sempre grazie al cielo)e senso di smarrimento. In fondo 107 anni non sono molti da quando i Wright volarono per la prima volta, ma se calcoli quanto in fondo non sia così lunga la vita dell'uomo, questi anni che ci separano dalla "prima volta" non sono neppure pochi.In questi 39.000 giorni però l'uomo non ha mai smesso, e lo ha fatto indefessamente,di assicurarsi che il tesoro trovato avesse la sua ragion d'essere. Una ragione ragionatissima, forse la più ragionata ,perchè desiderata con una forza, con una volontà così grande da abbattere,in parte, la stessa concezione di cielo legata a Dio. Solo chi conosce profondamente questi sforzi, questi studi, queste spasmodiche giornate e notti legate alla ricerca della perfezione dello stare per aria sa quanto la sicurezza gestita senza parsimonia ( proprio perchè legata ad un tesoro inestimabile) abbia legato il concetto del volo stesso all'integrità fisica della persona e della macchina stessa. nulla è perfetto ma nel concetto di perfezione, l'aereo è "l'oggetto" che più ne rende l'idea e questa volta un'idea non atavica ma realizzata, tangibile, meravigliosa e protettiva.
Immagine
Immagine

Rispondi