aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
viviana
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 2
Iscritto il: 2 agosto 2010, 15:25

aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da viviana » 5 agosto 2010, 1:23

Ho sempre viaggiato in aereo ma, da qualche anno, ho una paura tale che già da settimane prima del viaggio avverto un'ansia terribile. La paura di volare non è legata ad un evento specifico ma da quando l'anno scorso su un volo nazionale mi sono capitati una serie di "vuoti d'aria" abbastanza forti (alcuni passeggeri si sono messi addirittura a gridare) la paura è aumentata così tanto che non sono più riuscita a prendere un aereo.
Ho letto su questo forum che la tecnologia permette di evitare le turbolenze forti ma, a giudicare da quello che è capitato a me e da quello che raccontano in tanti non sembra sia sempre così.

Come spiegate i numerosi feriti di qualche giorno fa in America? Il pilota non sapeva cosa avrebbe incontrato?

Vi prego di rispondermi...sono disperata...mi sa che i piloti danno la priorità al risparmio del carburante ed alla puntualità piuttosto che al comfort/salute dei passeggeri.

Mi hanno invitata a new york a natale.....d'inverno si incontrano più turbolenze su questa tratta?
grazie per l'aiuto che mi darete...

Avatar utente
SaturnV
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 631
Iscritto il: 15 settembre 2008, 14:35
Località: I lost my "M" in Vegas...

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da SaturnV » 5 agosto 2010, 7:27

Ciao e benvenuta.
Io non so quanto possa aiutarti, ma butto li' il mio contributo, vedrai tu quanto ti potra' servire.
Le turbolenze a mio avviso, per quanto siano anche classificate "oggettivamente", hanno una bella componente soggettiva.
Non credo ti conforti piu' di tanto il dire che le zone dove sono presenti turbolenze estreme vengono evitate, e che gli aerei sono costruti e pilotati in modo da poter sopportare delle belle turbolenzone, molto piu' forti di quelle che fanno volare un passeggero senza cintura sul soffitto. E questo spiega i feriti a cui hai accennato, il non mantenere la cintura alacciata durante il volo. Io personalmente piu' di una volta ho sbattuto la testa sul soffitto dei piccoli aerei che volo perche' avevo la cintura allacciata lasca lasca e l'aria si stava rimescolando ben bene. Mea culpa.
Pero' per tornare al soggettivo posso ben dirti che quello che per qualcuno puo' risultare terrorizzante, per qualcun'altro si esaurisce tutto con una parolaccia o due. Le grida di qualche passeggero non sono attivate da sensori dall'arme dell'aereo.
A volte mi capita di portare qualche "turista" fare qualche volo turistico-panoramico e una delle prime cose che spiego oltre alle misure di sicurezza, e' il fatto che loro non sono abituati a stare in aria, che alcune cose che io nemmeno sento, vedi turbolenzine cosi' come anche solo giramenti di testa durante una virata o senso di vuoto per cambiamenti di assetto dell'aeroplano, per loro possono essere fastidose, o addirrittura creare uno stato di apprensione, paura, blocco, che fanno si che non si godano il volo e ancor piu' abbiano un'esperienza negativa dello stesso col rischio di portarsela dietro per parecchio tempo se non una vita. Loro pagano, loro devono provare il massimo piacere e il minimo sconforto. Se devono soffrire per un'ora mentre io faccio vedere loro una citta' o cos'altro, malediranno il volo, me e i soldi spesi. Cosi' gli dico di avvisarmi subito, immediatamente appena sentono qualcosa che non va, di non aspettare di svenire, che li riporto a terra in men che non si dica ! :mrgreen:
In un volo di linea oltre ad evitare le aree di turbolenza note, possono solo ribadire di mantenere le cinture ben allacciate tutto il tempo che si e' seduti.
Vai a New York e divertiti, il nord Atlantico non e' una discoteca: c'e' poco da ballare.
Ciao.
Piloti gente strana:
Pagano quando vogliono volare e se li paghi non vogliono piu' volare...

JAA FAA FI FII MEI GrAn FiGl d PutT Gran FARab LaDr MaScalz d Gran CroC Duca VisConte... e pure Arch-Ing... Per chi capisce.

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1983
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da camicius » 5 agosto 2010, 9:23

viviana ha scritto: Come spiegate i numerosi feriti di qualche giorno fa in America? Il pilota non sapeva cosa avrebbe incontrato?
Può capitare, ma è molto molto raro. Nota però che l'aereo non ha subito nessun danno immediato, e che i 22 feriti sono principalmente le persone che non sono sedute e non sono legate in quel momento.
L'aereo sarà stato controllato nelle sue parti principali, e si è visto che non aveva nessun danno.
viviana ha scritto: Vi prego di rispondermi...sono disperata...mi sa che i piloti danno la priorità al risparmio del carburante ed alla puntualità piuttosto che al comfort/salute dei passeggeri.
Credi che per una compagnia aerea questa sia una buona pubblicità? Credi che se uno viaggia male avendo speso un sacco sia contento e viaggi ancora con la compagnia? Soprattutto sui voli lunghi, o medio-lunghi, la qualità dell'entertainment e del volo è tenuta in grande considerazione, soprattutto per un fattore di immagine e di passaparola.
viviana ha scritto: Mi hanno invitata a new york a natale.....d'inverno si incontrano più turbolenze su questa tratta?
grazie per l'aiuto che mi darete...
Vai senza problemi. L'anno scorso (2008-2009) sono andato a New York all'ultimo. Due viaggi tranquillissimi (l'andata ero sveglio, al ritorno mi sono addormentato prima del decollo...).
New York è bellissima anche se fa un freddo becco e c'è un vento che ti fa sembrare di essere ignudo.
Consiglio la vista di Manhattan da Jersey City. Si prende il PATH da Ground Zero, e si scende a Pavonia/Newport o a Exchange place. È uno spettacolo, soprattutto al tramonto.

Buon viaggio
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

viviana
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 2
Iscritto il: 2 agosto 2010, 15:25

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da viviana » 5 agosto 2010, 10:06

grazie...mi è di conforto parlarne con qualcuno...
vorrei tanto superare questo blocco!

Avatar utente
butterfly
FL 300
FL 300
Messaggi: 3258
Iscritto il: 9 ottobre 2008, 22:59
Località: CVG

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da butterfly » 5 agosto 2010, 14:20

Appena rientrata ieri da una trasferta e ho assistito ad uno spettacolo unico nel suo genere.
Eravamo prossimi all'aeroporto (tra Dayton e Cincinnati) e da lontano comincio a vedere un temporale (meraviglioso!!!!) il pilota ci ricorda di tenere le cinture allacciate e che ci sara' un po di turbolenza.
5 minuti dopo cominciamo ad attraversare la zona turbolenta, l'aereo si muovo giusto un po' (io mi lascio cullare), mi godo lo spettacolo fuori dal finestrino e dopo 5 minuti siamo di nuovo fuori dalla zona temporalesca.
L'aereo (un simpatico CRJ900) ha fatto il suo dovere, il pilota ha fatto il suo dovere, i passeggeri erano rilassatissimi.
Con questo voglio dire che per quanto le situazioni di "mal tempo" possano offrire del "disagio" ai passeggeri sono situazioni sempre ben ponderate dai piloti che mai e poi mai rischierebbero il velivolo e soprattutto la loro pellaccia per imperizia.
Quindi sii tranquilla e goditi i tuoi viaggi.
Riguardo New York, devi assolutamente andare io sono stata li' un mese fa ed e' uno spettacolo, appena ho un week-end libero ci ritorno.....ho proprio voglia di stendermi a prendere il sole a Central Park :drunken: :bounce:
Enjoy.
Daniela
La morte non sta nel non comunicare, ma nel non poter essere più compresi (Pier Paolo Pasolini)

skype id: ladymachbet

http://www.giuda.it

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5578
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da Ponch » 5 agosto 2010, 15:16

Viviana, sinceramente, non c'e' molto da dire. E' inutile anche che ti riempio di nozioni teoriche. Rimani seduta con le cinture allacciate e stai tranquilla. Con le turbolenze l'aereo non "casca", niente, non succede niente, zero, assolutamente nulla. Non preoccuparti.
Is it light where you are yet?

Avatar utente
flyforever85
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1383
Iscritto il: 23 aprile 2006, 5:07
Località: Dayton, OH

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da flyforever85 » 5 agosto 2010, 16:19

Cara Viviana,, mi lego anch'io al discorso fatto da collaudatore. Sapere o non sapere dell'esistenza della turbolena, come si genere e come risponde l'aereo non ti fara' star meglio. Sappi che le forti turbolenze sono rarissime e se qualcuno ne rimane coinvolto e' solo perche' com'e' stato detto non era preparato all'evento e magari era in piedi. Io per sicurezza se mi voglio appisolare mi allaccio sempre la cintura e sto piu' tranquillo.
Inoltre temporale non e' sempre sinonimo di turbolenza come ti ha detto Butterfly. L'anno scorso ho avuto una esperienza analoga. Stavo per decollare da San Francisco direzione Las Vegas e vedo che l'aereo spegne i motori in pista. Il pilota ci dice che c'e' un temporale a Las Vegas e non possiamo decollare. Dopo un po' finalmente decolliamo, e tutto il volo prosegue tranquillo. Nei pressi di Las Vegas l'aereo balla un po' ma credimi niente di eccezzionale ho solo allaciato le cinture e ho schiacciato il naso al finestrino per godermi la perieria di Las Vegas dall'alto. Man mano che l'aereo scendeva la turbolenza aumentava e nei pressi della pista l'aereo ormai in conigurazione di atterraggio ha dovuto riattaccare. Ma tutto nella norma, nessun passeggero che urlava, il pilota ha mantenuto sempre il controllo dell'aereo. Non ho mai preso orti turbolenze lo ammetto ma quando tremola un po' lo sento appena abituato a prendere il treno ho sentito scossoni piu' forti!!
Goditi la migica New Yor se e' la tua prima volta! Quando attererrai capira che un volo di 7-8 ore ne vale la pena!!!!
"Una volta che avrete conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè là siete stati e là desiderate tornare" di Leonardo da Vinci
Immagine

Avatar utente
butterfly
FL 300
FL 300
Messaggi: 3258
Iscritto il: 9 ottobre 2008, 22:59
Località: CVG

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da butterfly » 5 agosto 2010, 16:26

Come detto da flyforever temporale non e' sinonimo di turbolenza e viceversa.
Io stavo solo riportando la mia esperienza di ieri non volevo mica generalizzare.
La morte non sta nel non comunicare, ma nel non poter essere più compresi (Pier Paolo Pasolini)

skype id: ladymachbet

http://www.giuda.it

Avatar utente
AlessandroME
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 144
Iscritto il: 18 luglio 2010, 23:41
Località: Messina

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da AlessandroME » 5 agosto 2010, 17:36

Stai davvero tranquilla, Viviana!
Volo sempre da Reggio Calabria, e ti posso assicurare che ne ho provate di cotte e di crude, essendo connaturata alla pista la presenza di forti venti, cui spesso d'inverno si aggiungono piogge e temporaloni. Praticamente con ogni tempo - sole e pioggia - c'è sempre una buona fase di 5 / 10 minutini in cui "si balla" un po'!
E' solo questione di abitudine, davvero! Più voli, meno te ne accorgi! La soluzione nel tuo caso, se posso permettermi, è di volare ogni qual volta potrai, vedrai che andrà tutto bene!
Pensa solo per un attimo: credi che davvero le compagnie aeree, i piloti e il personale di bordo farebbero partire un aereo carico di passeggeri e facendo loro affrontare le turbolenze, anche forti, senza avere la sicurezza quasi assoluta di poterle affrontare senza conseguenze? I piloti sono bravi e soprattutto... volano assieme a te sul tuo stesso aereo!
:)

Sta' tranquilla! E vai a NY! E' stupenda! E sull'Oceano non cambia per niente rispetto ad un volo interno, figurati! :)

Avatar utente
pasubio
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1017
Iscritto il: 25 novembre 2009, 20:03

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da pasubio » 5 agosto 2010, 18:34

SaturnV ha scritto: .....
Pero' per tornare al soggettivo posso ben dirti che quello che per qualcuno puo' risultare terrorizzante, per qualcun'altro si esaurisce tutto con una parolaccia o due. Le grida di qualche passeggero non sono attivate da sensori dall'arme dell'aereo.

.....
Ciao.
Mi ero fermato al "tornare al soggettivo", e per questo, a momenti, mi perdevo il bellissimo "dall'arme"...(...le dame, i cavalier, l'arme e gli amori....) :mrgreen:

Scherzo, eh ?

Avatar utente
flyforever85
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1383
Iscritto il: 23 aprile 2006, 5:07
Località: Dayton, OH

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da flyforever85 » 6 agosto 2010, 12:17

butterfly ha scritto:Come detto da flyforever temporale non e' sinonimo di turbolenza e viceversa.
Io stavo solo riportando la mia esperienza di ieri non volevo mica generalizzare.
ho riletto la frase che ho scritto e in effetti poteva essere interpretata diversamente da come l'ho pensata e scritta!
Il mio senso era: come ti ha dimostrato anche butterfly, il temporale non e' sinonimo di turbolenza! Eheh piccolo misunderstanding :oops:
"Una volta che avrete conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè là siete stati e là desiderate tornare" di Leonardo da Vinci
Immagine

franklinn
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 30
Iscritto il: 3 agosto 2009, 10:14

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da franklinn » 1 settembre 2010, 10:36

quest'anno le ho provato anche io delle turbolenze moderate ma persistenti su trattaoceanica per sudamerica
in effetti ho impressione che su aerei tipo boeing 737 o airbus 319 si possono avvertire maggiormente rispetto ad un 777 o 340 correggetemi se sbaglio

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4784
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: aiutatemi...se potete...a proposito di turbolenze

Messaggio da sardinian aviator » 1 settembre 2010, 12:02

collaudatore ha scritto:Viviana, sinceramente, non c'e' molto da dire. E' inutile anche che ti riempio di nozioni teoriche. Rimani seduta con le cinture allacciate e stai tranquilla. Con le turbolenze l'aereo non "casca", niente, non succede niente, zero, assolutamente nulla. Non preoccuparti.
Che non succeda nulla non è esatto: dipende cosa c'è nel bicchiere poggiato sul tavolino. personalmente ho sperimentato diverse visite al lavasecco e finanche una nuova camicia comprata urgentemente all'aeroporto di arrivo per imminente riunione.
Consiglio vivamente all'inizio della turbolenza di bere immediatamente il contenuto del bicchiere/tazza, anche perchè c'è un rapporto di causa-effetto, che la scienza ancora non ha spiegato, fra il caffè servito e l'inizio della turbolenza. A meno che il caffè non sia bollente, nel qual caso sconsiglio decisamente l'iniziativa: in tal caso bisogna munirsi di tutti i tovaglioli/salviette possibili. Prevenire è meglio.
Per quanto riguarda l'ansia da turbolenza, la comprendo: non avete idea di quanto costi una camicia in un aeroporto.

Sto scherzando (ma non tanto): vola tranquillo ma allaccia le cinture e tienile allacciate anche durante il volo, tanto hai pagato anche quelle, perchè non approfittarne?
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Rispondi