una notizia letta che mi ha allarmato

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
chinox
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 59
Iscritto il: 17 luglio 2007, 20:34

una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da chinox » 25 settembre 2012, 15:15

Come ben potete cpiere nonostante i voli ben 9 verso il sud america negli ultimi 8 anni , ho paura, la controllo ferocemente ma a volte e' come una cosa che improvvisamente galleggia e affiora nella tranquillità.

come ieri che ho letto questa notizia ( inserisco il link non so se e' vietato o meno se fosse chiedo scusa e cancellate il mio messaggio)
http://jacopogiliberto.blog.ilsole24ore ... greto.html

ora leggendo questo non si puo stare tranquilli, a meno che esistano dei sistemi per evitare quello che e' descritto, e mi piacerebbe se qualche pilota o qualche tecnico mi potesse illuminare o commentare quando espresso nell'articolo.

Leggendo ricordo che poco dopo la tragedia dell'air france un pilota spagnolo affermava dia vere visto alcuni pezzi in fiamme cadere ma nessono prese o cosi credo in considerazione queste affermazioni.

grazie.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da flyingbrandon » 25 settembre 2012, 15:39

chinox ha scritto:Come ben potete cpiere nonostante i voli ben 9 verso il sud america negli ultimi 8 anni , ho paura, la controllo ferocemente ma a volte e' come una cosa che improvvisamente galleggia e affiora nella tranquillità.

come ieri che ho letto questa notizia ( inserisco il link non so se e' vietato o meno se fosse chiedo scusa e cancellate il mio messaggio)
http://jacopogiliberto.blog.ilsole24ore ... greto.html

ora leggendo questo non si puo stare tranquilli, a meno che esistano dei sistemi per evitare quello che e' descritto, e mi piacerebbe se qualche pilota o qualche tecnico mi potesse illuminare o commentare quando espresso nell'articolo.

Leggendo ricordo che poco dopo la tragedia dell'air france un pilota spagnolo affermava dia vere visto alcuni pezzi in fiamme cadere ma nessono prese o cosi credo in considerazione queste affermazioni.

grazie.
Ho letto l'articolo abbastanza velocemente...in un secondo momento lo farò in modo più approfondito ma...
1) Strano avere una teoria nuova a cui nessuno ha pensato con la relativa soluzione
2) prendere incidenti aerei che hanno avuto una causa ben specificata e dire "balle". Devi dimostrare quello che hai detto, cioè che sono balle, altrimenti ti posso dire che è stato un raggio laser degli alieni e le altre cose sono balle...se tu dovessi dimostrare che non è così vorrei proprio vederti
3) Non ho visto una "nuova teoria"...ha parlato di combustione...e la si conosce bene perché è per quello che vengono utilizzati i combustibili...mi è sfuggita l'idea innovativa forse...
4) se anche fosse corretto , per assurdo,per filo e per segno quello che ha detto volerei tranquillo visto che pare un fenomeno alquanto raro visto che gli aerei che hanno volato fino ad oggi non sono esplosi in volo come fuochi d'artifico
5) L'ipotesi che facciano spallucce è ridicola...il costo di una esplosione in volo non ha paragoni con qualsiasi sistema, dice lui a basso costo, per risolvere questo problema....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

chinox
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 59
Iscritto il: 17 luglio 2007, 20:34

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da chinox » 25 settembre 2012, 15:48

razionalmente ho pensato un po quello che anche tu hai pensato, poi ho considerato il tono allarmistco della notizia, e allora ho pensato ma ci sono migliaia di arerei in volo 24 h su 24 h se fosse ( e non dico che lo sia o meno) vero , credo che in una gionrata dovrebbero verificarsi alcuni incidenti , in una settimana in un mese ecc. ecc.

pero mi e' parso interessante avere un opinione seria da persone competenti.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da flyingbrandon » 25 settembre 2012, 15:57

chinox ha scritto:razionalmente ho pensato un po quello che anche tu hai pensato, poi ho considerato il tono allarmistco della notizia, e allora ho pensato ma ci sono migliaia di arerei in volo 24 h su 24 h se fosse ( e non dico che lo sia o meno) vero , credo che in una gionrata dovrebbero verificarsi alcuni incidenti , in una settimana in un mese ecc. ecc.

pero mi e' parso interessante avere un opinione seria da persone competenti.
Guarda...quando si affronta un problema....e gli incidenti aerei ne sono un esempio...si parte da un dato certo...l'aereo è caduto/esploso/sparito e si cerca la causa e la possibile soluzione. Ora...al signore in questione manca il punto fondamentale....gli aerei che sono esplosi. Io potrei forse trovare una serie di eventi che, concatenandosi contemporaneamente al calar della luna portano un aereo a cadere. Per dimostrartelo dovrebbe proprio accadere altrimenti rimane una teoria. Quindi...per dar valenza a questa teoria dovrebbe mostrare come la causa fosse l'esplosione in volo piuttosto che quella data come causa. Non trovi? Se mi mostri che la tua teoria ha delle possibilità pratiche sarei contento di approfondire...altrimenti...lascia il tempo che trova....soprattutto non c'è , in questo articolo, nessun numero. Scientificamente non ha senso dire carburante freddissimo....che significa? Un rapporto "fortunato" o sfortunato....che significa? Se mi fornisci dei numeri posso sperimentare anche io...altrimenti è solo una tua idea.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4667
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da sardinian aviator » 25 settembre 2012, 16:08

2) prendere incidenti aerei che hanno avuto una causa ben specificata e dire "balle". Devi dimostrare quello che hai detto, cioè che sono balle, altrimenti ti posso dire che è stato un raggio laser degli alieni e le altre cose sono balle...se tu dovessi dimostrare che non è così vorrei proprio vederti

Quoto Brandon e noto che vengono tirati in ballo sia Lockerbie che Verona. Quando ho letto questo mi sono calate le braccia e l'attenzione a ciò che leggevo è scemata. Sono stati individuati responsabili per quegli incidenti, al di là di ogni ragionevole dubbio e qualcuno ha appena finito di pagare (vedi Verona). Quando si spara a casaccio citando eventi reali bisognerebbe almeno aver avuto il buon gusto di documentarsi. Conosco abbastanza bene il processo penale di Verona e se ci fosse stato un minimo, dico un minimo, appiglio che valesse a scagionare quelli che secondo me erano degli innocenti, sarebbe stato utilizzato.
A memoria mi pare che l'unica cosa acclarata che abbia a che fare con questa teoria sia l'incidente TWA del 96, anche questa ben investigato, peraltro.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da flyingbrandon » 25 settembre 2012, 16:18

sardinian aviator ha scritto:
A memoria mi pare che l'unica cosa acclarata che abbia a che fare con questa teoria sia l'incidente TWA del 96, anche questa ben investigato, peraltro.
Sì...e se non ricordo male c'era stata una sostituzione sui 747 dopo quell'incidente...così come per il pitot dopo l'incidente del 330.
Io sono tra i primi ad essere felice se la sicurezza, a livello di macchina, viene implementata. La cosa bella è che sono sicuro che chi vende l'aeroplano tiene molto al fatto che questo stia in aria...quindi ,penso, che per quanto sia possibile verranno fatte sempre modifiche per migliorare la macchina...e non tanto per un discorso di "etica" che dovrebbe essere alla base dell'uomo ma proprio perché la perdita dell'aereo causerebbe gravi danni di immagine e quindi anche economici per le industrie aeree...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1971
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da camicius » 25 settembre 2012, 16:19

è un miscuglio brutale di cose vere e false.

Lockerbie fu effettivamente un attentato, l'Antonov 24 a Verona era fuori peso, probabilmente fuori centraggio, e non aveva fatto il de-ice, sull'Air France 449 è successo un po' di tutto ma l'aereo non è esploso.
L'unico che effettivamente è esploso in volo a causa dei vapori di carburante è il TWA nel 1996, ma la causa fu probabilmente un cortocircuito che scaldò oltre misura uno dei misuratori del carburante, e furono emesse delle circolari (nel 2000) per ovviare al problema e rendere inerte i vapori di carburante.

Guarda questo video. Ogni puntino giallo è un aereo.
Se fosse vero quello che sostiene il tizio, quanti aerei esploderebbero in volo ogni giorno? E quanti ne esplodono?

Ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5830
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da albert » 25 settembre 2012, 16:23

Oltretutto credo che i dati sulle esplosioni di aerei derivino da casi accaduti a jet militari, che usa(va)no peraltro il JP-4 anziché il Jet-A1 come combustibile...... :roll:

chinox, tu continua a volare con fiducia :wink:
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

chinox
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 59
Iscritto il: 17 luglio 2007, 20:34

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da chinox » 25 settembre 2012, 17:16

beh vedo che persone esperte hanno dato delle risposte convincenti e in effetti deve essere cosi altrimenti ci sarebbero decine e piu di incindenti gravi tutti gli anni.

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4667
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da sardinian aviator » 25 settembre 2012, 19:20

Il mondo e le cronache sono piene di geni incompresi che hanno la soluzione per tutto. Qualcuno ricorda la cura Di Bella? Poi la scienza (quella vera) fa giustizia.
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
Tiennetti
A320 Family Captain
A320 Family Captain
Messaggi: 2156
Iscritto il: 24 maggio 2006, 13:04
Località: Hangar89
Contatta:

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da Tiennetti » 25 settembre 2012, 20:02

Come ti hanno giá risposto, l'articolo é un ammasso di bugie... Sarei curioso di vedere la lista dei 50 incidenti relazionati con questi "vapori"...

Visto che lo risposta seria é arrivata, voglio sdrammatizzare un po'
Questo é ció che pensavo mentre leggevo l'articolo
David

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15439
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da JT8D » 25 settembre 2012, 21:24

Articolo assolutamente criticabile, che tira in ballo incidenti di cui si conoscono benissimo le cause (stabilite da inchieste lunghe e approfondite) e che non hanno nessuna attinenza con la "teoria" dell'articolo (a parte, come già detto, il TWA). Il fatto che vengano definite tutte "balle" le conclusioni a cui sono arrivate le inchieste, solo per cercare di avvalorare una "teoria" assolutamente non dimostrata, penso si commenti da solo.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da flyingbrandon » 25 settembre 2012, 23:36

sardinian aviator ha scritto:Il mondo e le cronache sono piene di geni incompresi che hanno la soluzione per tutto. Qualcuno ricorda la cura Di Bella? Poi la scienza (quella vera) fa giustizia.
Quello lo trovo un caso un po' diverso...prima di tutto perché era lui stesso un ricercatore, poi perché in quel caso dietro la scienza ci sono "mobilitazioni economiche" molto forti che non appoggiano molto cure che escano dai parametri "rigidi". Ma giusto per completezza di informazione...la scienza non si arresta e....
Oplà.....http://www.ilgiornale.it/news/salute/me ... edici.html
In questo caso proprio le aziende che producono il prodotto non hanno interesse a farlo saltare in aria.... :D
Ciao!

P.S: se ti interessa, in altra sede, possiamo parlare di come sia stato manipolato il suo metodo per ritenerlo non efficace. Al contrario di come spesso accade, Di Bella aveva documentazioni scientifiche elaborate con parametri scientifici visto che lui stesso era ricercatore. Diciamo che lo hanno liquidiato molto in fretta...non so dirti se per paura o per pigrizia dell'innovazione. Il suo metodo è stato fatto passare come "inutile" contro il cancro ma a differenza della chemioterapia, il suo cocktail non era stato studiato per sconfiggere le cellule tumorali ma rinforzare il sistema immunitario contro il tumore. Diciamo quindi che aveva una cura diversa perché utilizzava un approccio diverso.
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
trottolino
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 368
Iscritto il: 22 novembre 2011, 14:12

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da trottolino » 25 settembre 2012, 23:48

a me interessa....in altra sede che significa? a quattrocchi con il tuo amico o possono partecipare anche gli altri??

crea un 3d...é molto interessante

Avatar utente
flyforever85
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1381
Iscritto il: 23 aprile 2006, 5:07
Località: Dayton, OH

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da flyforever85 » 25 settembre 2012, 23:52

Concordo con quello che è stato detto dai forumisti. L'antonov di verona è caduto per centraggio sbagliato (mi venne fatto da esempio durante una lezione di meccanica del volo in cui si parlava dell'importanza del centraggio nei velivoli). Inoltre un'altra cosa di cui mi sembra nessuno abbia detto niente è il tubo di pitot: l'aria NON entra nel tubo di pitot.

Io personalmente anche se fossi un ignorante totale in materia aeronautica mi sarei posto qualche domanda quando il "giornalista" ha detto che l'aereo di Verona si "piallò"....

Fate bene comunque a pubblicare questi "articoli" perché purtroppo molta gente ci crede ed è giusto poter dare una informazione credibile, basata su fatti, dati, documenti ecc.
"Una volta che avrete conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè là siete stati e là desiderate tornare" di Leonardo da Vinci
Immagine

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1971
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da camicius » 26 settembre 2012, 0:10

trottolino ha scritto:a me interessa....in altra sede che significa? a quattrocchi con il tuo amico o possono partecipare anche gli altri??

crea un 3d...é molto interessante
Continuerei qui, nell'area "Quattro chiacchere"...

ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da FAS » 27 settembre 2012, 8:20

GG ha scritto: espertissimo di esplosivi
un ginecologo non puó prendersi cura di problemi cardiaci
GG ha scritto: questa causa di esplosione finora non è mai stata considerata. se non in modo marginale, e facendo spallucce.
grande falsità
GG ha scritto: non troverai questa spiegazione sui libri tecnici, non sui giornali quando raccontano gli incidenti aerei e elencano le vittime e parlano di scatole nere.
forse ha cercato su "il giornale di Vicenza"
la letteratura scientífica è piena di questi argomenti, ma bisogna cercare in inglese, francese oppure tudesco.
GG ha scritto: dice che non c'è interesse, e c'è pigrizia intellettuale, nella ricerca della verità.
i costruttori di aerei temono di dover spendere spropòsiti per trovare una soluzione.
fandonie i sistemi preposti ad eliminare ogni pericolo che deriva da questo fenomeno esistono e sono implementati su tutti i velivoli aeronavigabili. Le macchine piu vecchie sono state retrofittate.
GG ha scritto: sui "certificati" di morte degli aerei
chi mi spiega cosa sono questi certificati????
GG ha scritto: (il tubo di pitot è una "pipetta" che esce dalla carlinga o dall'ala, rivolta in avanti nel senso di direzione del volo. preleva l'aria esterna e con un manometro misura la pressione dell'aria. serve a dare l'indicazione della velocità e altri dati di volo)
il pitot é un sensore che rileva pressioni
la velocità é calcolata tramite i valori di pressione rilevati
avere la Farina in dispensa non vuol dire avere già del pane a tavola
GG ha scritto: non a caso, dice ghiotto, un anno fa l'ente europeo sulla sicurezza in volo, l'easa
agenzia europea per la sicurezza aerea
AGENZIA non ENTE
GG ha scritto: quando l'aereo decolla e si alza nell'aria, comincia un complicato rapporto di istabilità.
evidentemente non é un tecnico……"rapporto di instabilità" non ha senso in questo caso
GG ha scritto: nel salire, …nel frattempo il carburante del serbatoio cala rapidamente
ma manco…. con 10 cicli da 8 secondi di postbruciatori
GG ha scritto:
"ci sono diverse idee. per esempio, iniettare azoto nei serbatoi.
l'azoto (inerte) occupa il posto dell'aria e non brucia.
ma, dice giannino ghiotto, l'azoto contàmina il carburante, poiché reagisce. e quindi sporca il cherosene con composti non desiderati.
questo vicentino di bréndola ha depositato un brevetto che permette in modo semplice ed economico ai vapori di carburante di espandersi e tagliare fuori dal serbatoio quell'eccesso di aria che facilita l'innesco."
pecccccccccccato, troppo tardi esiste gia dal 1968 sul C5 galaxy



L'articolo va filtrato delle parole di chi lo scrivo e forse dall'entusiasmo del pseudo inventore che evidentemente non conosce bene tutte le tecnologie dei moderni velivoli. Alcune cose scritte hanno un fondo di verità ma non sono piu applicabili ai velivoli commerciali che giornalmente utilizziamo da carico pagante. …superseded by event..Forse il signore GG non ha avuto il tempo di prendere nota della tecnologia esistente e degli inviluppi di volo dei velivoli certificati secondo le CS25. La tecnologia maturata negli ultimi 50 anni é sufficiente a garantire voli sicuri.

Comunque il signore in questione ha cercato di ottenere una patente.....ma non la ha mai ottenuta

qui maggiori dettagli della sua innovativa proposta (scaricatevi il pdf)

http://www.sumobrain.com/patents/wipo/S ... 58603.html

é riportata anche la risposta dell'EPO che giustamente gli consiglia di approfondire le ricerche
Allegati
claims.jpg
claim di GG
epo.jpg
risposta dell'EPO
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da FAS » 27 settembre 2012, 8:30

Alcune precisazioni

per velivoli CS25 -> Liners
Il serbatoio riesce a respirare grazie agli "sfiati" -> VENT.
Questo sistema funziona in tutti gli inviluppi di volo ed aiuta il serbatoio ad adattarsi ai cambi di pressione dovuti alle diverse quote.
Senza questo sistema (presente su tutti gli aerei che giornalmente ci vedono come carico pagante) si svilupperebbero delle forze sulla stuttura del serbatoio molto elevate che non possono essere accomodate in fase di disegno del tank stesso per via del fatto che le strutture devono essere leggere. Qui ci aiuta quindi lo sfiato che protegge il serbatoio da eventuali danni strutturali al suolo ed in volo (in tutto il suo inviluppo).

Le valvole di sfiato devono aiutare a bilanciare la pressione all'interno del serbatoio durante il rifonimento (pressione a 50 psi circa) ed anche in discesa a ratei elevati quando la pressione é contraria.
La vaporizzazione é tipica dei velivoli militari per via delle elevate altitudini di volo ed il particolare inviluppo di volo, in questo caso il sistema deve anche prevenire gli eccesi di vaporizzazione o addirittura l'elevato surriscaldamento del carburante…in questo caso si pressurizzano i tank con area spurgata dai motori…. sono installate le famose valvole di climb and dive…in questo modo si mantiene un valore sicuro di differenza di pressione tra la parte di serbatoio non piu occupato dal carburante e l'ambiente esterno.


ecco i risultati Della pigrizia dell'industria:

FRS Flammability Reduction System che riceve nitrogeno (sorry azoto) dal OBIGS (On Board Inert Gas Generating system)
Ssitemi presenti su f22 e A400M


in piu per l'energia elettrica che può influenzare la normale operazione di un tank mi preme ricordare che esiste un requisito/SPEC al quale tutti (noi che vermante gli aerei li progettiamo e li testiamo per ceritificarli, prima di consegnarli agli esercenti) dobbiamo adheriré; è in riferimento ai valori di corrente indotta e voltaggi dei sistemi di cavi eletrici nell'ambiente serbatoio che possono provocare fiamma ai vapori infiammabili: limite di energia é di 20 Joules, la corrente limite é di 30 mAmps.



Per i CS 25:
A valle dell'evento occorso al TWA volo 800 del luglio 96 sono stati introdotti gli ASMs Air Separation Modules che insieme a sistemi di generazione di gas inerte (si reduce la concentrazione di ossigeno) risolvono ogni problema. Vi ricordo che I tank centrali si trovano in posizioni dove sono presenti anche altri sistemi che lavorano a temperature molto alte (ad esempio AC) e sono questi sono considerati "Hazard" dal punto di vista safety.

Per concludere il C5 Galaxy ha gia un sistema come quello proposto da GG (Stored liquid nitrogen)
quindi niente da fare.....la sua idea non é poi cosi innovativa
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1971
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da camicius » 27 settembre 2012, 8:54

Per la serie, colpito, affondato e distrutto....

Grazie FAS!

ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da FAS » 27 settembre 2012, 8:57

mancava questo...

sopra sono riportati i motivi....

comunque é tutto nel pdf del link che vi ho postato sopra
Allegati
aa.jpg
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 514
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da willy73 » 27 settembre 2012, 12:21

FAS ha scritto:mancava questo...

sopra sono riportati i motivi....

comunque é tutto nel pdf del link che vi ho postato sopra
questo dimostra solo che...
"non c'è interesse, e c'è pigrizia intellettuale, nella ricerca della verità" (cit.)
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

ivanmal
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 19
Iscritto il: 8 settembre 2012, 1:05
Località: Padova

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da ivanmal » 28 settembre 2012, 0:22

solo a me l'intero articolo sembra fatto per "pompare" la sua fantomatica grande scoperta?? :roll:

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da MartaP » 30 settembre 2012, 11:59

JT8D ha scritto:Articolo assolutamente criticabile, che tira in ballo incidenti di cui si conoscono benissimo le cause (stabilite da inchieste lunghe e approfondite) e che non hanno nessuna attinenza con la "teoria" dell'articolo (a parte, come già detto, il TWA). Il fatto che vengano definite tutte "balle" le conclusioni a cui sono arrivate le inchieste,solo per cercare di avvalorare una "teoria" assolutamente non dimostrata, penso si commenti da solo.
Paolo
Quoto Paolo, e Brandon, e FAS, e Tienneti, e Sardinian.....
Quello che mi chiedo è perchè vengono continuamente pubblicate notizie assurdamente e palesemente false, che definiscono appunto tutte "balle le conclusioni a cui sono arrivate le inchieste",screditando migliaia di professionisti seri, che presuppongono scenari inquietanti ...non è reato pubblicare il falso?? :shock:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
AIRGINO
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 28
Iscritto il: 8 novembre 2012, 9:07
Località: venezia

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da AIRGINO » 9 novembre 2012, 12:51

molto incoraggiante,però ricordo la notizia di un volo,che per problemi di pressione ha costretto il pilota a scendere di quota,o meglio,solo perchè era scattato il sistema delle maschere di ossigeno...i giornali scrissero che l'aereo stava perdendo quota...
oddio,di sicuro,se fossi stato su quel volo,avrebbero dovuto raccogliermi col cucchiaino...ma da qui a dire che l'aereo stava cadendo ce ne vuole,almeno spero.......o no!?

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4667
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da sardinian aviator » 9 novembre 2012, 12:59

AIRGINO ha scritto:molto incoraggiante,però ricordo la notizia di un volo,che per problemi di pressione ha costretto il pilota a scendere di quota,o meglio,solo perchè era scattato il sistema delle maschere di ossigeno...i giornali scrissero che l'aereo stava perdendo quota...
oddio,di sicuro,se fossi stato su quel volo,avrebbero dovuto raccogliermi col cucchiaino...ma da qui a dire che l'aereo stava cadendo ce ne vuole,almeno spero.......o no!?

Di casi come questi ce ne sono a dozzine ogni mese; gli aerei sono macchine e come tutte le macchine si guastano, poi vengono riparati e tornano a volare, poi si riguastano e così via. In circa 60 anni da che volo non mi è mai successo di vedere apparire le maschere di ossigeno, però so che può capitare e, nonostante la conosca a memoria, sto attento alla presentazione di sicurezza.
Dovesse succedermi, l'unica cosa di cui mi preoccuperei è che la maschera....funzioni :mrgreen:
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 15439
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da JT8D » 9 novembre 2012, 22:20

AIRGINO ha scritto:molto incoraggiante,però ricordo la notizia di un volo,che per problemi di pressione ha costretto il pilota a scendere di quota,o meglio,solo perchè era scattato il sistema delle maschere di ossigeno...i giornali scrissero che l'aereo stava perdendo quota...
oddio,di sicuro,se fossi stato su quel volo,avrebbero dovuto raccogliermi col cucchiaino...ma da qui a dire che l'aereo stava cadendo ce ne vuole,almeno spero.......o no!?
Quando si ha una depressurizzazione le maschere scendono automaticamente davanti ai passeggeri. In casi come questo i piloti iniziano una discesa, naturalmente rapida, per arrivare ad una quota dove si può respirare senza problemi. La discesa è sì abbastanza ripida, ma assolutamente controllata, ed è una cosa a cui i piloti sono addestratissimi !! Quindi hai perfettamente ragione, l'aereo non stava cadendo, stava solo scendendo rapidamente, ma in maniera assolutamente sicura.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano."

Immagine

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1971
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da camicius » 10 novembre 2012, 9:07

aggiungo una cosa: quando si sorvolano le montagne, ad esempio le alpi, sono studiate delle rotte da seguire in caso di depressurizzazione.
Per ogni rotta c'è un punto che decide se tornare verso la pianura padana o se andare verso la germania o la francia.
Proprio perché improvvisare in quei casi sarebbe pericoloso, si è studiato prima cosa fare.

ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
77W
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 715
Iscritto il: 26 settembre 2011, 17:10

Re: una notizia letta che mi ha allarmato

Messaggio da 77W » 11 novembre 2012, 11:53

camicius ha scritto:aggiungo una cosa: quando si sorvolano le montagne, ad esempio le alpi, sono studiate delle rotte da seguire in caso di depressurizzazione.
Per ogni rotta c'è un punto che decide se tornare verso la pianura padana o se andare verso la germania o la francia.
Proprio perché improvvisare in quei casi sarebbe pericoloso, si è studiato prima cosa fare.
Giustissimo. E per saperne di più (primi tre minuti) --->
I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi.
Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti.
L'insieme dei due costituisce una forza incalcolabile.

If we all worked on the assumption that what is accepted as true is really true, there would be little hope of advance.

Rispondi