Panico pre viaggio help

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6859
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da **F@b!0** » 8 aprile 2013, 18:56

la franci ha scritto:
**F@b!0** ha scritto:
mermaid ha scritto: sono mamma di tre bambini, ma ora ti scrivo da figlia che per 25 anni è vissuta sotto 7 campane di vetro antiproiettile: che sfrancicamento di co****ni una così! :? lascia che tuo figlio cada, che si ammali, che sudi, che salti giù dai muretti, che prenda l'aereo.. CHE VIVA!!
mi aggancio 1 attimo qui, forse è brutto come lo dico, ma è meglio che i bambini si ammalino, nulla di grave ovvio, ma che si prendano un raffreddore, che si sbuccino un ginocchio, perchè devono fare gli anticorpi, è quello il periodo in cui il sistema immunitario si forma, quando un bambino cade e si sbuccia il ginocchio lo so che fa male, ma sono bambini, piangeranno 5 minuti e poi di nuovo a correre!
conosco bambini (ragazzi) cresciuti con genitori troppo apprensivi che adesso hanno paura di tutto, paura del buio perchè la mamma da bambini gli lasciava la luce accesa per compagnia, paura dell'acqua (del mare si intende) perchè da bambini avevano sempre la loro ciambella e/o stavano sempre e solo dove toccavano!

Mio padre a 2 anni mi prendeva e mi lanciava in acqua, troppo estremo dall'altra parte forse, ma forse avrò avuto "paura" le prime 2 volte, dopodichè riemergevo ridendo che volevo farlo ancora!
i miei raccontano sempre che la mattina mi alzavo per cavoli miei, andavo in cucina, mi scaldavo il latte, facevo colazione e poi mi sedevo sul divano a guardare i cartoni, il tutto a 5/6/7 anni e con loro ancora a letto addormentati, quando si alzavano mi trovavano sul divano guardando Pingu!
pingu!!!!!!!!!! fantastico!!!! lo guardavo prima di andare a scuola mentre facevo colazione! !!!!!!!!!
già. ..facendo i conti lo guardavamo nello stesso momento...ma io andavo già alle superiori..... sigh... o forse anche già l'università. ..
non esageriamo, non sei così vecchia! facendo i conti tu avevi tra i 16 e i 18 anni!
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 8 aprile 2013, 19:39

... già... tra i sedici e i diciotto anni...

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6859
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da **F@b!0** » 8 aprile 2013, 19:41

la franci ha scritto:... già... tra i sedici e i diciotto anni...
lo dici come se fossero passati secoli!

giusto 5/6! sei gggiovanissima! :mrgreen: :mrgreen:
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Laurettaa80
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 88
Iscritto il: 22 ottobre 2011, 11:33

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da Laurettaa80 » 9 aprile 2013, 0:29

Ciao a tuttiiii :-)
Fly brandon in effetti anche a mia mamma non piace molto volare e ha preso per la prima volta l aereo in età adulta! Se può evita...e pure lei soffre tantissimo di vertigini.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 9 aprile 2013, 4:24

Laurettaa80 ha scritto:Ciao a tuttiiii :-)
Fly brandon in effetti anche a mia mamma non piace molto volare e ha preso per la prima volta l aereo in età adulta! Se può evita...e pure lei soffre tantissimo di vertigini.
Quindi...vedi tu se preferisci la tua linea di pensiero...che la tua ansia sia qualcosa di così...campato in aria...che arriva da fuori...più forte di te e tenere in piedi il tuo "castello" e che il resto della vita va a gonfie vele in serenità e "solare"....oppure preferisci approfondire e acquisire la possibilità di goderti la vita un po' di più...come vedi sono scelte anche queste.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Laurettaa80
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 88
Iscritto il: 22 ottobre 2011, 11:33

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da Laurettaa80 » 9 aprile 2013, 18:31

Sicuramente sarà molta ansia allora ... Il cardiologo comunque mi ha dato delle pastiglie per diminuire battito del cuore perche troppo tachicardico.. Le proveremo

Mi

MD82_Lover
FL 500
FL 500
Messaggi: 9538
Iscritto il: 15 novembre 2007, 18:11

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da MD82_Lover » 9 aprile 2013, 18:33

Laurettaa80 ha scritto:Il cardiologo comunque mi ha dato delle pastiglie per diminuire battito del cuore perche troppo tachicardico..
Scusa la domanda...ma è solo una curiosità... :D
Ti ha mica fatto fare prima un Holter?

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 9 aprile 2013, 18:41

Laurettaa80 ha scritto:Sicuramente sarà molta ansia allora ... Il cardiologo comunque mi ha dato delle pastiglie per diminuire battito del cuore perche troppo tachicardico.. Le proveremo

Mi
Va beh...ho capito che non ti va di rispondere...va bene! Solo per concludere i miei interventi...il cardiologo ti ha dato una cura per la tachicardia, necessaria o meno non lo discuto, ma non per ciò che è la causa...quindi sei punto a capo...potrai così continuare ad abbattere i tuoi sintomi.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 9 aprile 2013, 19:15

Non discuto la terapia del cardiologo che sicuramente avrà fatto tutti gli accertamenti del caso e per darti un farmaco che influisce sul battito cardiaco deve aver fatto diagnosi di una patologia ben definita.
Ma tu hai spiegato al cardiologo il perchè delle visite tutte concentrate prima di una partenza e della tua ansia che ti assale?

PS: Per rispondere ad uno dei tuoi dubbi esposti all'inizio: mio papà ha un sacco di problemi fisici (anche cardiologici) che non elenco che lo obbligano ad un sacco di controlli e terapie quotidiane e di terapie al bisogno in caso di fasi acute. Quando pensavamo di fare una gita a Miami con lui ha fatto qualche controllo in più chiedendo se era consigliato volare nelle sue condizioni... Solo uno tra gli specialisti consultati ha storto il naso... dicendo che non amava la costa orientale degli States e che se fosse stato in lui avrebbe scelto la California!

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6859
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da **F@b!0** » 9 aprile 2013, 19:17

la franci ha scritto: PS: Per rispondere ad uno dei tuoi dubbi esposti all'inizio: mio papà ha un sacco di problemi fisici (anche cardiologici) che non elenco che lo obbligano ad un sacco di controlli e terapie quotidiane e di terapie al bisogno in caso di fasi acute. Quando pensavamo di fare una gita a Miami con lui ha fatto qualche controllo in più chiedendo se era consigliato volare nelle sue condizioni... Solo uno tra gli specialisti consultati ha storto il naso... dicendo che non amava la costa orientale degli States e che se fosse stato in lui avrebbe scelto la California!
:lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 9 aprile 2013, 19:19

Inoltre, leggendo tutti i tuoi post precedenti tu riconosci la sicurezza degli aerei, hai soltanto timore di stare male in aereo, giusto? In passato hai volato con altre compagnie che ti garantivano servizi che non sei sicura di ottenere sui voli prenotati... Quindi mi chiedo: se American e Iberia ti garantissero il posto sulle ali; ti mettessero a disposizione lo schermo personale e i film in italiano; se gli assistenti di volo ti coccolassero tutto il tempo... saresti più tranquilla??????????

Laurettaa80
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 88
Iscritto il: 22 ottobre 2011, 11:33

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da Laurettaa80 » 9 aprile 2013, 19:21

Si Francy, ma il cardiologo mi conosce da 4 anni.. È da tanto che ho tachicardia sicuramente ansia ma anche data dal farmaco per la tiroide .. Mi ha dato le pastigliette perché il cuore e' troppo veloce ..
Mi ha detto buon viaggio e stai serena ;-)

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6859
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da **F@b!0** » 9 aprile 2013, 19:23

Laurettaa80 ha scritto:Mi ha detto buon viaggio e stai serena ;-)
e tu dagli retta! stai serena e goditi il viaggio! :) :)
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 9 aprile 2013, 19:30

Laurettaa80 ha scritto: Mi ha detto buon viaggio e stai serena ;-)
Quindi qual è il problema??????? Stare serena e fare buon viaggio è una prescrizione tale quale alle pastigliette!!!!!!!!!!!!!! Non puoi fare mezza cura, se prendi le pastigliette devi fare anche buon viaggio!
Ma non hai risposto all'altra mia domanda

Avatar utente
mermaid
Agente di Rampa AUA
Agente di Rampa AUA
Messaggi: 10384
Iscritto il: 1 aprile 2008, 16:27
Località: mxp

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da mermaid » 9 aprile 2013, 20:42

la franci ha scritto:Quindi mi chiedo: se American e Iberia ti garantissero il posto sulle ali; ti mettessero a disposizione lo schermo personale e i film in italiano; se gli assistenti di volo ti coccolassero tutto il tempo... saresti più tranquilla??????????
è tre pagine che glielo sto chiedendo anch'io! :mrgreen:
Immagine

Ti!

Avatar utente
mermaid
Agente di Rampa AUA
Agente di Rampa AUA
Messaggi: 10384
Iscritto il: 1 aprile 2008, 16:27
Località: mxp

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da mermaid » 9 aprile 2013, 20:45

Laurettaa80 ha scritto:.. È da tanto che ho tachicardia sicuramente ansia ma anche data dal farmaco per la tiroide .. Mi ha dato le pastigliette perché il cuore e' troppo veloce ..
Mi ha detto buon viaggio e stai serena ;-)
prendi un farmaco per la tiroide che ti dà tachicardia, perciò ti ha prescritto un farmaco per la tachicardia, che avrà altri effetti collaterali, per i quali tra un po' ti prescriverà un'altra pastiglietta che però ha delle controindicazioni per le quali ci sarà sicuramente una cura che.... :drunken:

certo che il tuo corpo ha un bel daffare per smaltire tutto il veleno che gli butti dentro! :mrgreen:
Immagine

Ti!

Laurettaa80
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 88
Iscritto il: 22 ottobre 2011, 11:33

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da Laurettaa80 » 9 aprile 2013, 23:57

Va beh meno male che ci sono le medicine .. Per la tiroide e' un ormone che si prende.. Comunque nel cuore ho un leggero prolasso della valvola mitrale che da pure tachicardia .. Mah ..
Ultima modifica di Laurettaa80 il 10 aprile 2013, 0:01, modificato 1 volta in totale.

Laurettaa80
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 88
Iscritto il: 22 ottobre 2011, 11:33

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da Laurettaa80 » 9 aprile 2013, 23:59

Scusateeee avevo ridposto però a sta domanda !! Sarei molto più serena decisamente .. Ma non del tutto ! C'è sempre il decollo e l oceano da superare

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da MartaP » 10 aprile 2013, 9:08

Ipertiroidismo?
Sei in terapia con Tapazole e beta-bloccanti?
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 10 aprile 2013, 9:11

che differenza c'è a volare sopra una città o sopra il mare oltre alla vista dal finestrino?
quindi, come mai non hai scelto compagnie che ti garantivano i comfort che ti rendono più tranquilla? voli diretti per orlando non ci sono, ma AF LH BA hanno voli da scali europei e ti fanno scegliere i posti! !!!

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da MartaP » 10 aprile 2013, 9:27

mermaid ha scritto: prendi un farmaco per la tiroide che ti dà tachicardia, perciò ti ha prescritto un farmaco per la tachicardia, che avrà altri effetti collaterali, per i quali tra un po' ti prescriverà un'altra pastiglietta che però ha delle controindicazioni per le quali ci sarà sicuramente una cura che.... :drunken:
Non è il farmaco che le dà tachicardia, è il problema alla tiroide :wink:
La tachicardia è il classico sintomo dell'ipertiroidismo.
I farmaci li deve prendere obbligatoriamente, per tutta la vita.
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
mermaid
Agente di Rampa AUA
Agente di Rampa AUA
Messaggi: 10384
Iscritto il: 1 aprile 2008, 16:27
Località: mxp

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da mermaid » 10 aprile 2013, 9:38

MartaP ha scritto:
mermaid ha scritto: prendi un farmaco per la tiroide che ti dà tachicardia, perciò ti ha prescritto un farmaco per la tachicardia, che avrà altri effetti collaterali, per i quali tra un po' ti prescriverà un'altra pastiglietta che però ha delle controindicazioni per le quali ci sarà sicuramente una cura che.... :drunken:
Non è il farmaco che le dà tachicardia, è il problema alla tiroide :wink:
La tachicardia è il classico sintomo dell'ipertiroidismo.
I farmaci li deve prendere obbligatoriamente, per tutta la vita.
ah ok.. avevo capito male una frase del suo post...

ad ogni modo il discorso che si tentava di fare era che lei ha tutta una serie di sintomi\patologie fisiche che ritiene slegate dalla sua mente e dal suo modo di vivere, ma solo frutto del caso (o al massimo della genetica, come nel caso delle vertigini che, guarda un po', le ha anche sua mamma). lei ''fuori'' (corpo) ha tutta una serie di sintomi - ipertiroidismo, tachicardia, ansia\crisi di panico, vertigini, se non sbaglio anche qualcosa alla pancia, sangue denso...- ma ''dentro'' è solare. vuole disgiungere completamente quello che, invece, è profondamente connesso: mente-corpo-spirito.
Immagine

Ti!

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 10 aprile 2013, 10:14

mermaid ha scritto:
MartaP ha scritto:
mermaid ha scritto: prendi un farmaco per la tiroide che ti dà tachicardia, perciò ti ha prescritto un farmaco per la tachicardia, che avrà altri effetti collaterali, per i quali tra un po' ti prescriverà un'altra pastiglietta che però ha delle controindicazioni per le quali ci sarà sicuramente una cura che.... :drunken:
Non è il farmaco che le dà tachicardia, è il problema alla tiroide :wink:
La tachicardia è il classico sintomo dell'ipertiroidismo.
I farmaci li deve prendere obbligatoriamente, per tutta la vita.
ah ok.. avevo capito male una frase del suo post...

ad ogni modo il discorso che si tentava di fare era che lei ha tutta una serie di sintomi\patologie fisiche che ritiene slegate dalla sua mente e dal suo modo di vivere, ma solo frutto del caso (o al massimo della genetica, come nel caso delle vertigini che, guarda un po', le ha anche sua mamma). lei ''fuori'' (corpo) ha tutta una serie di sintomi - ipertiroidismo, tachicardia, ansia\crisi di panico, vertigini, se non sbaglio anche qualcosa alla pancia, sangue denso...- ma ''dentro'' è solare. vuole disgiungere completamente quello che, invece, è profondamente connesso: mente-corpo-spirito.
Elena ha perfettamente ragione... tutto è collegato. .. ma caratteristica della malattia è proprio l'incapacità di comprenderlo. ..quando lo capirà e ci crederà veramente potrà iniziare il percorso della guarigione. .. della guarigione vera intendo, per ora sta curando solo i sintomi! ma se riuscisse ad ammetterlo sarebbe guarita!
sono stata troppo cruda? è una realtà difficile da accettare ef un percorso tortuoso da seguire! lo so perché ci sono passata!

Avatar utente
mermaid
Agente di Rampa AUA
Agente di Rampa AUA
Messaggi: 10384
Iscritto il: 1 aprile 2008, 16:27
Località: mxp

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da mermaid » 10 aprile 2013, 10:19

la franci ha scritto:.. ma caratteristica della malattia è proprio l'incapacità di comprenderlo. ..quando lo capirà e ci crederà veramente potrà iniziare il percorso della guarigione. .. !
ecco.. noi stiamo cercando di aiutarla in questo senso, ma ci vuole un'apertura anche da parte sua... :D
Immagine

Ti!

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 10 aprile 2013, 10:24

già! !!! anche un paio di anni fa ha continuato a negare il problema fino a quando non è tornata da new york! credo sia giunto il momento di affrontarlo! !

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2013, 10:41

MartaP ha scritto:
Non è il farmaco che le dà tachicardia, è il problema alla tiroide :wink:
La tachicardia è il classico sintomo dell'ipertiroidismo.
I farmaci li deve prendere obbligatoriamente, per tutta la vita.
Rispondo a te...e non a Lauretta. Quindi sono OT e, semmai, possiamo continuare in separata sede. La tachicardia è un classico perché non è niente. Non è neanche un sintomo "patologico"...è una manifestazione , sensata, del tuo corpo. È un aumento dei battiti cardiaci....punto...in sé non contiene nulla. C'è sempre la volontà di dare un nome a qualcosa, ma mai cercare la causa di quel qualcosa....e questo è buffo. Tante persone vanno dal medico per fare un controllo e, semplicemente perché sono in presenza del medico hanno valori di pressione sballati e tachicardia. Appena vengono monitorati è tutto nella norma. Lei ha sempre tutto in forma lieve...vai a cercare le origini e sono "ignote"...si presume che....forse ereditario...e quasi mai con complicanze eccetto casi rari. Quindi non stiamo parlando neanche di patologie "gravi", che poi dal mio punto di vista il discorso sarebbe esattamente analogo. Veniamo comunque al dunque...il nostro corpo è un perfetto ospedale...tutto il giorno, per tutta la vita, è capace di risistemare tutto...ha in sé la soluzione a quasi tutto....o forse tutto se ci discostiamo da quella che per noi è una soluzione mentre per lui sì. Sei ipertiroideo? Sì...perché? Boh...guardi testi di medicina...ti spiegano la rava e la fava e spesso viene messa in relazione ad altre patologie anche se, per onestà, alcuni testi riportano esplicitamente " si evidenzia una CORRELAZIONE ma è ancora ignoto il meccanismo e neanche certo". Una correlazione, dal punto di vista scientifico, se ignoto il meccanismo, non significa niente. Ti faccio un esempio...tu , ente superiore, studi gli incendi...e ad ogni incendio che vedi...quando tutto è manifesto e c'è casino noti che c'è SEMPRE...e dico SEMPRE...la presenza di una camionetta con delle persone lì intorno che spruzzano qualcosa...tu ente superiore dai loro il nome di POMPIERI...e non POMPINI perché l'avevi già dato questo nome. E occhio...non fare casini...altrimenti poi pubblichi la correlazione tra pompini e incendi. :mrgreen: comunque...non conosci il legame ma dici "ci sono sempre i pompieri"...potresti arrivare a pensare, non conoscendo la valenza e il meccanismo della correlazione, che i pompieri causino gli incendi. Se poi ti passasse per la testa di curare con dei killer anti pompiere questi incendi sarebbe uno spettacolo. Se vuoi, in separata sede, ti faccio un elenco delle malattie e relative cure che sono, al momento INUTILI...la cosa bella è che la medicina tradizionale stessa ti dice che non si è trovata la cura perché la causa è ignota...ma proprio perché l'atteggiamento è "intanto però ti faccio stare meglio ti levo il sintomo...ti curo (e non ti guarisco) arrivano a darti dei farmaci, ormoni "sintetici e via così. Qua può nascere invece il problema che si scontra con il tuo organismo ....che ribadisco...è perfetto nel suo agire. Primo non conosci gli effetti collaterali di ciò che assumi...quelli che vengono riportati sono una lista per pararsi il c**o...abbastanza infinita...e soprattutto di ciò che viene riportato e messo in relazione durante la sperimentazione. Ma se alterano qualche tuo complesso equilibrio, di cui non hai evidenza manifesta so c***i tuoi. Secondo...la tua macchina perfetta non ha più necessità di produrre ciò che fornisci tu dall'esterno...è sempre così. Quindi inibisci ciò che dovrebbe svolgere quel "lavoro". Io sono totalmente favorevole alle cure mediche...ma per eventi "gravi" e soprattutto chiari...quando vai all'origine del problema e non alla manifestazione. Quindi quando mi vuoi curare qualcosa la cui causa è per te ignota e rientra comunque in qualcosa di non effettivamente mortale ci andrei molto cauto. E se vuoi esempi posso riempirti un server! Se a questo poi ci aggiungi che separano quello che è il tuo vissuto, la tua mente, con ciò che il corpo manifesta...il quadro si completa. Ti faccio un esempio, banale, e volutamente non considerando la mente e in totale buona fede del medico...prima della visita mi faccio un bel po' di flessioni...faccio la visita..."figliolo ma sei tachicardico...prendi questa pastiglietta che ti regolo il ritmo cardiaco". Il mio ritmo cardiaco è perfetto...devo essere tachicardico in quel momento...la risposta è corretta. Banale no? Mi dirai che è ovvio...ti sei allenato...io ne sono cosciente e non prendo niente. L'ansia aumenta il battito cardiaco...è giusto! Altrettanta risposta perfetta del mio corpo in risposta al mio pensiero...al mio stato d'animo. Ma io non penso che la cusa sia quella...io sono solare...tranquillo...c'è qualcosa che non va...intanto allora mi regolo la pressione poi vediamo...e così via. Quindi prima di dire che mi serva un farmaco, per tutta la vita, a meno che tu chirurgicamente non mi abbia tolto la possibilità di tornare al mio equilibrio...beh...ce ne passa. E questo è solo l'inizio perché quando ti convinci che qualcosa non vada...e tu stesso non metti in gioco le tue credenze e il tuo effetto....la tua unità...meno trovi risposte più pensi di avere qualcosa e...ohibò...qualcosa ti viene. Prendi anche uno degli ultimi numeri delle scienze...c'è un articolo sull'effetto nocebo...della scienza eh...mica dei maghi. Non trovi paradossale che io mi metta a sviluppare delle patologie alla ricerca di una possibile patologia? Io sì...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2013, 10:43

la franci ha scritto: Elena ha perfettamente ragione... tutto è collegato. .. ma caratteristica della malattia è proprio l'incapacità di comprenderlo. ..quando lo capirà e ci crederà veramente potrà iniziare il percorso della guarigione. .. della guarigione vera intendo, per ora sta curando solo i sintomi! ma se riuscisse ad ammetterlo sarebbe guarita!
sono stata troppo cruda? è una realtà difficile da accettare ef un percorso tortuoso da seguire! lo so perché ci sono passata!
Se curi i sintomi, spesso, ti neghi l'unica possibilità di capire l'origine. Hai voglia poi a mettere in relazione ciò che è un effetto di un farmaco o di una cura con la tua psiche. Quindi che percorso segui poi?
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2013, 10:49

la franci ha scritto:
Elena ha perfettamente ragione... tutto è collegato. .. ma caratteristica della malattia è proprio l'incapacità di comprenderlo. ..
Quasi sempre vero...in realtà spesso è sbagliato associare ad una risposta "sensata" del corpo il nome di malattia. Certi eccessi, che sfociano in una evidenza, sono la fase ricostruttiva di qualcosa che non avevamo colto perché in modo Nonmanifesto. La cosa che comunque è positiva è che sia che la risposta sia sensata sia che rappresenti un degrado, ti permette di raggiungere la causa "prima"...e raggiunta quella sia la risposta che il degrado non hanno più senso di esistere...ed in effetti non esistono più. Ma anche qua intaserei un server quindi lascio perdere... :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da MartaP » 10 aprile 2013, 11:06

mermaid ha scritto: ad ogni modo il discorso che si tentava di fare era che lei ha tutta una serie di sintomi\patologie fisiche che ritiene slegate dalla sua mente e dal suo modo di vivere, ma solo frutto del caso (o al massimo della genetica, come nel caso delle vertigini che, guarda un po', le ha anche sua mamma). lei ''fuori'' (corpo) ha tutta una serie di sintomi - ipertiroidismo, tachicardia, ansia\crisi di panico, vertigini, se non sbaglio anche qualcosa alla pancia, sangue denso...- ma ''dentro'' è solare. vuole disgiungere completamente quello che, invece, è profondamente connesso: mente-corpo-spirito.
Sono d'accordo.
Lei ha "paura di tutto" : paura del viaggio, paura dei valori della pressione durante il viaggio, paura per i problemi circolatori...paura di partire e di stare male lontano da casa ....paura per le persone care...non si fida delle compagnie.. ecc :shock: ( e si che nel forum ci sono un sacco di informazioni, su tutto: basta avere voglia e tempo)
Poi, però, si definisce una persona solare....
Perciò il fatto che non abbia risposto alle domande di Brandon ( e neanche alle tue) mi fa pensare che non voglia mettersi in discussione.
Vuole solo legittimare questa sua paura di volare, cosa che noi non faremo mai....

Brandon, come al solito, ha centrato il problema:
Non hai l'ansia...la crei. Non sei malata...vai in panico. Si va in tilt a leggere i tuoi post, trasudano tensione, figurati il resto della tua persona a convivere 24 ore con i tuoi pensieri... il problema principale non è il volo...ma che prima o poi, con questo tipo di vita...ti ammali davvero

@Tra l'altro: l'ha capito, secondo te, che Brandon è un FO?? Mah..... :scratch:

Cara Lauretta :D
ti consiglio (con il cuore e da ex paurosa del volo) di rileggerti con calma tutto quello che ti abbiamo scritto, soprattutto quello che ti ha scritto Brandon.

:flower:
Ultima modifica di MartaP il 10 aprile 2013, 11:35, modificato 1 volta in totale.
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da MartaP » 10 aprile 2013, 11:34

flyingbrandon ha scritto: La tachicardia è un classico perché non è niente. Non è neanche un sintomo "patologico"...è una manifestazione , sensata, del tuo corpo. È un aumento dei battiti cardiaci....punto...in sé non contiene nulla.
Lei ha sempre tutto in forma lieve...vai a cercare le origini e sono "ignote"...si presume che....forse ereditario...e quasi mai con complicanze eccetto casi rari. Quindi non stiamo parlando neanche di patologie "gravi", che poi dal mio punto di vista il discorso sarebbe esattamente analogo.....
Io sono totalmente favorevole alle cure mediche...ma per eventi "gravi" e soprattutto chiari...quando vai all'origine del problema e non alla manifestazione. Quindi quando mi vuoi curare qualcosa la cui causa è per te ignota e rientra comunque in qualcosa di non effettivamente mortale ci andrei molto cauto....
....Quindi prima di dire che mi serva un farmaco, per tutta la vita, a meno che tu chirurgicamente non mi abbia tolto la possibilità di tornare al mio equilibrio...beh...ce ne passa.
So che la tachicardia è un sintomo, ma un conto è avere 90-100-110 di frequenza, a riposo; un'altro conto è averne 120-130-140 -150-160 ..fino ai 250-300 del flutter. Questi valori sono assolutamente patologici e vanno monitorati, tenendo conto della condizione emodinamica del paziente (tachicardia sinusale? TPSV? QRS stretto o largo? ; segni, o meno, di scompenso cardiaco, di aritmie, di ipotensione; fattori di rischio: pregresse cardiopatie e/o familiarità, tireopatie, terapie farmacologiche in corso, diabete.. ecc), in modo da impostare la terapia adeguata.
Vero è che rimane tuttavia un sintomo e che si deve andare a cercare la causa della tachicardia, attraverso le indagini cliniche :wink:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2013, 11:49

MartaP ha scritto:
So che la tachicardia è un sintomo, ma un conto è avere 90-100-110 di frequenza, a riposo; un'altro conto è averne 120-130-140 -150-160 ..fino ai 250-300 del flutter. Questi valori sono assolutamente patologici e vanno monitorati, tenendo conto della condizione emodinamica del paziente (tachicardia sinusale? TPSV? QRS stretto o largo? ; segni, o meno, di scompenso cardiaco, di aritmie, di ipotensione; fattori di rischio: pregresse cardiopatie e/o familiarità, tireopatie, terapie farmacologiche in corso, diabete.. ecc), in modo da impostare la terapia adeguata.
Vero è che rimane tuttavia un sintomo e che si deve andare a cercare la causa della tachicardia, attraverso le indagini cliniche :wink:
A riposo ha un senso solo dal punto di vista "fisico". In un attacco di panico sei a riposo? Che frequenza hai? Quanto dura? Non so...scommetto che Lauretta non sia da 200 in su (per quanto tempo poi?)...Quando sdraiata sul letto. Tu conosci l'interazione della mente sulla frequenza cardiaca? Sai a che valori, con la meditazione, si può arrivare di tachicardia e bradicardia? (ci sono esperimenti in cui hanno monitorato maestri zen, buddisti, yogi). Perché sai...la capacita attraverso la meditazione è, volendo, di alterare "consapevolmente"...ma se lo fai in modo inconsapevole, la tua mente ha comunque lo stesso "potere".
Ovvio che devi considerare ciò che scrivi...il problema è se ti fermi lì e imposti la terapia adeguata...e poi...adeguata a che? Come mai nelle terapie adeguate non c'è mai qualcosa che preveda un tuo coinvolgimento "psichico"? Il fattore di rischio ti parla di rischio (statistico)...vedi che è tutto concentrato sul tuo corpo e basta? Anzi no...sul corpo dei tuoi parenti pure...tu hai trovato, per lo più, altri sintomi. Ma davvero...mi fermo qua...davvero è un altro argomento... :D
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da MartaP » 10 aprile 2013, 12:04

flyingbrandon ha scritto: A riposo ha un senso solo dal punto di vista "fisico". In un attacco di panico sei a riposo? Che frequenza hai? Quanto dura? Non so...scommetto che Lauretta non sia da 200 in su (per quanto tempo poi?)...Quando sdraiata sul letto. Tu conosci l'interazione della mente sulla frequenza cardiaca? Sai a che valori, con la meditazione, si può arrivare di tachicardia e bradicardia? (ci sono esperimenti in cui hanno monitorato maestri zen, buddisti, yogi). Perché sai...la capacita attraverso la meditazione è, volendo, di alterare "consapevolmente"...ma se lo fai in modo inconsapevole, la tua mente ha comunque lo stesso "potere".
Ovvio che devi considerare ciò che scrivi...il problema è se ti fermi lì e imposti la terapia adeguata...e poi...adeguata a che? Come mai nelle terapie adeguate non c'è mai qualcosa che preveda un tuo coinvolgimento "psichico"? Il fattore di rischio ti parla di rischio (statistico)...vedi che è tutto concentrato sul tuo corpo e basta? Anzi no...sul corpo dei tuoi parenti pure...tu hai trovato, per lo più, altri sintomi. Ma davvero...mi fermo qua...davvero è un altro argomento... :D
Ciao!
Ma si, sono d'accordo! :D
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 10 aprile 2013, 14:34

Sono quasi in totale accordo con FlyingBrandon... quasi perchè il mio pensiero differisce dal tuo per alcuni aspetti legati alle singole patologie... ma sono in perfetto accordo in senso generale. Quello che volevo dire rispetto al fatto che Lauretta stia curando dei sintomi è esattamente quello che hai detto tu... credo che nella popolazione media il concetto di "cura dell'anima" o "persona nella sua globalità" (fisica e mentale) non sia preso in considerazione.
Se mi accorgo che il mio cuore batte a 120 battiti al minuto mentre sono sdraiata penso che il mio malessere e il capogiro siano legati a quello e non al fatto che la mia mente vaga nei meandri dell'oscurità più buia... vado dal medico, gli spiego cosa mi sta succedendo e pretendo che mi dia un farmaco che riduce i sintomi... e lui lo fa... poco professionalmente lo fa... (sempre che il farmaco somministrato agisca realmente sugli impulsi cardiaci e sui GAP e non sia un sedativo... magari il cardiologo di Lauretta l'ha vista molto più lunga di noi)... io torno a casa... il cuore mentre sono sdraiata batte regolarmente... ed ecco che il mio sangue si addensa... non scorre più nelle vene come prima... allora vado da un ematologo e ricomincio da capo... Non vado avanti perchè è quello che hai detto tu!
Giustificare un fallimento (per esempio cedere alla paura) con un'infinità di malesseri fisici permette agli altri di farci compatire... accettare che i malesseri fisici siano causati da qualcosa di più grosso è molto più difficile perchè per la popolazione media sei etichettato come folle!
Purtropo in Italia la cultura di curare l'integrità della persona non esiste perchè se vado dal cardiologo mi vede il cuore, se vado dal chirurgo mi controlla l'intestino e gli annessi... i medici di base non sono ancora preparati ad un approccio globale forse perchè la popolazione se si sente prescrivere delle sedute da uno psicologo o degli incontri di auto aiuto viene classificato come "pazzo incompetente"!!!
Ma curare soltanto i sintomi vuol dire fare cure palliative... ovvero curare i sintomi con la consapevolezza di non voler/poter curare e guarire la causa del male... Ma attenzione: il palliativo ha SEMPRE prognosi infausta...
Questo discorso è molto visibile in pediatria... se un bimbo in età scolare rifiuta qualunque cibo e i genitori faticano a trovare qualcosa che riesca a tenere nello stomaco per la maggior parte delle persone è malato... al massimo qualcuno pensa che sia un problema di crescita e normale fase della vita... un bambino difficile che ha bisogno di integratori, vitamine e forse anche farmaci! Quanti genitori credono che sia una dimostrazione di disagio, una richiesta esplicita di aiuto????? E quanti altri esempi possiamo fare?????
Non credo di essere OT... perchè Lauretta ha proprio bisogno di questo... qualcuno che le spieghi che il corpo non è solo l'insieme degli apparati che funzionano perchè irrorati dalle vene, ma è un sistema più complesso e come tale va trattato!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da flyingbrandon » 10 aprile 2013, 16:17

la franci ha scritto: Non credo di essere OT... perchè Lauretta ha proprio bisogno di questo... qualcuno che le spieghi che il corpo non è solo l'insieme degli apparati che funzionano perchè irrorati dalle vene, ma è un sistema più complesso e come tale va trattato!
Non è OT l'argomento. Io ero OT, in quanto la mia risposta era diretta esclusivamente a Marta. Questo perché, non ho nessun interesse nel far cambiare opinione o mostrare i risvolti delle proprie credenze a chi è convinto di aver trovato il sistema per vivere bene. Io studio....studio e sperimento. Laddove vedo dei benefici, in generale, mi piace condividerli...mi piace discuterne...sono contento se il frutto di queste discussioni pongano dei possibili nuovi sviluppi in me e in altre persone. Non è fonte di guadagno per me, e non voglio neanche essere d'aiuto a nessuno, quindi chi sceglie una strada diversa o decide di continuare a percorrere la sua...di certo non troverà in me un "blocco"...ecco perché dicevo di essere OT...perché era evidente che non fosse interessata a mettere in discussione i suoi credo, i suoi pensieri, le sue convinzioni. Avrei preferito che rispondesse piuttosto che il silenzio ma...se rispondo non penso di perdere tempo...altrimenti non lo farei...a prescindere che mi si risponda o meno. Ovviamente non continuo a rispondere perché non ne vedo il fine...ma il discorso di Marta, a mio avviso, richiedeva una risposta.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Panico pre viaggio help

Messaggio da la franci » 10 aprile 2013, 18:07

flyingbrandon ha scritto: Ovviamente non continuo a rispondere perché non ne vedo il fine...
Per arrivare a capire quello che ho detto (e quello che hai detto tu) ho lavorato molto su me stessa leggendo, mettendomi in discussione, chiedendo e tentando di studiare... il viaggio è ancora lungo perchè non potrà mai finire... dovrò sempre avere gli occhi ben aperti per non tornare indietro!
Certo che quando 8 anni orsono ho chiesto aiuto a voi del forum ho tentato di seguire i vostri consigli anche quando mi sembravano completamente assurdi rispetto alle mie convinzioni... Poi il percorso l'ho continuato anche su altri fronti a adesso volo... adesso ho paura dell'aereo e la supero con la ragione... non ho più fobia incondizionata di un oggetto metallico che non conosco!
Quindi, se Lauretta non ha intenzione di farsi aiutare... perchè per la seconda volta è qui sul forum? Nessuno di noi cederà alla compassione... non è lei che deve convincere noi che volare nelle sue "condizioni" è pericoloso!

Rispondi