Attacchi di panico e moltissima ansia

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4668
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da sardinian aviator » 9 febbraio 2017, 12:49

Lampo 13 ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Io rimpiango di non aver speso un pugno di dollari per decollare su un idrovolante dal porto di Victoria (Canada) con annesso giro dei dintorni. E' un'esperienza che mi manca....
E ci credo! :D
Ma non è detto che non ci ritorni per la... vediamo, quarta volta :D
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 9 febbraio 2017, 20:39

Grazie mille per la spiegazione Lampo riguardo le turbolenze :)

Per quanto riguarda in generale si è vero che c'è stata un'evoluzione generale degli aerei rispetto tanto anni fa... ma ribadisco che secondo me un aereo che ti porta a destinazione in metà del tempo sarebbe la soluzione. Ovviamente i costi non lo permettono per ora.

Un'altra domanda generale che non ricorso se vi ho fatto. In baso a cosa decidono l'altitudine del volo di crociera? Tralasciando il peso che alla partenza è maggiore ma vedo ad esempio i 747 che all'inizio del volo si tengono sui 32.000 ft mentre magari i 330/777/787 vanno già sopra i 36.000, pure i 380 nonostante la mole si piazzano subito dopo la partenza sui 38.000 ft

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 9 febbraio 2017, 20:45

John21 ha scritto:Grazie mille per la spiegazione Lampo riguardo le turbolenze :)

Per quanto riguarda in generale si è vero che c'è stata un'evoluzione generale degli aerei rispetto tanto anni fa... ma ribadisco che secondo me un aereo che ti porta a destinazione in metà del tempo sarebbe la soluzione. Ovviamente i costi non lo permettono per ora.

Un'altra domanda generale che non ricorso se vi ho fatto. In baso a cosa decidono l'altitudine del volo di crociera? Tralasciando il peso che alla partenza è maggiore ma vedo ad esempio i 747 che all'inizio del volo si tengono sui 32.000 ft mentre magari i 330/777/787 vanno già sopra i 36.000, pure i 380 nonostante la mole si piazzano subito dopo la partenza sui 38.000 ft
Per quanto riguarda i supersonici, possono volare a quelle velocità solo sopra il mare, per questioni di rumore al suolo, se ci metti la salita, il raggiungimento della costa, l'accelerazione, il rallentamento prima dell'altra costa, la procedura di avvicinamento che devi volare alla stessa velocità degli altri... alla fine su un Londra New York puoi stare in supersonico per una oretta e mezzo. Sul Pacifico di più. Non ne vale la pena.
Per quanto riguarda le quote di crociera dipende dai livelli liberi dal traffico e dal peso.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 9 febbraio 2017, 20:57

John21 ha scritto:Grazie mille per la spiegazione Lampo riguardo le turbolenze :)

Per quanto riguarda in generale si è vero che c'è stata un'evoluzione generale degli aerei rispetto tanto anni fa... ma ribadisco che secondo me un aereo che ti porta a destinazione in metà del tempo sarebbe la soluzione. Ovviamente i costi non lo permettono per ora.
Andare più veloce di quello che avviene oggi si...è fattibile...e ci sarebbe la tecnologia per far andare più veloce ancora...ma non vale la pena, economicamente parlando. Però, se guardi gli aerei moderni, hanno velocità di avvicinamento ridicole...e questo consente di andare in aeroporti dove era quasi "impensabile" andare. Ritengo improbabile che si spendano soldi per andare più veloci ma semmai verrano spesi per poter andare in piste ancora più corte. Il passeggero preferisce arrivare sotto casa piuttosto che arrivare in un grosso aeroporto e poi perdere tempo per raggiungere il luogo di villeggiatura/casa. Poi visto come si è spostato verso il basso l'unico interesse è il risparmio. Il concorde dava prestigio ma non era economicamente conveniente. Dubito che ci possa essere una inversione.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 514
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da willy73 » 10 febbraio 2017, 14:29

sardinian aviator ha scritto:Io rimpiango di non aver speso un pugno di dollari per decollare su un idrovolante dal porto di Victoria (Canada) con annesso giro dei dintorni. E' un'esperienza che mi manca....
Io di non avere speso 200 euro per fare un giro in mongolfiera in Cappadocia (anche se a dire la verità più che oi soldi mi ha frenato il fatto di dovermi alzare alle 3 e mezza del mattino... :lol: )

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 10 febbraio 2017, 14:50

willy73 ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Io rimpiango di non aver speso un pugno di dollari per decollare su un idrovolante dal porto di Victoria (Canada) con annesso giro dei dintorni. E' un'esperienza che mi manca....
Io di non avere speso 200 euro per fare un giro in mongolfiera in Cappadocia (anche se a dire la verità più che oi soldi mi ha frenato il fatto di dovermi alzare alle 3 e mezza del mattino... :lol: )
Pensa che io mi sono alzato alle 01:30 per andare a camminare in una foresta per vedere i bisonti polacchi...
Allegati
Wisent.jpg

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 514
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da willy73 » 10 febbraio 2017, 14:53

Lampo 13 ha scritto:
willy73 ha scritto:
sardinian aviator ha scritto:Io rimpiango di non aver speso un pugno di dollari per decollare su un idrovolante dal porto di Victoria (Canada) con annesso giro dei dintorni. E' un'esperienza che mi manca....
Io di non avere speso 200 euro per fare un giro in mongolfiera in Cappadocia (anche se a dire la verità più che oi soldi mi ha frenato il fatto di dovermi alzare alle 3 e mezza del mattino... :lol: )
Pensa che io mi sono alzato alle 01:30 per andare a camminare in una foresta per vedere i bisonti polacchi...
beh ma l'1.30 è facile, ti fai una serata con gli amici e l'ottima grappa del bisonte e manco vai a dormire :mrgreen:

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 1 marzo 2017, 9:52

Buongiorno mancano 23 giorni alla partenza, ieri per curiosità sono andato a vedere la "situazione di bordo". In pratica prenotando la tariffa più bassa tramite sito ufficiale Lufthansa tutti gli "extra" sono a pagamento, per extra intento posti in aereo (che diventato gratuitamente disponibili solo 24h prima della partenza con il check in) e assicurazione. In pratica sono andato a vedere appunto i posto liberi per curiosità, nel volo di andata non mi fa vedere perchè è gestito da ANA nel ritorno invece tutte le file laterali sono piene ed è rimasto giusto qualche posto sparso nelle file centrali. Io premetto che viaggio con un amico ma guardando la situazione saremo separati durante il volo e appunto per quanto mi riguarda questa cosa mi dà un po' di ansia.
Di solito guardare fuori dal finestrino mi distrae molto soprattutto durante le turbolenze.... vabbè me lo dovrò per forza far andare bene.
Per il resto tutto bene per ora, cerco di pensarci il meno possibile anche perchè ho altri "pensieri" al momento.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 1 marzo 2017, 10:41

John21 ha scritto: Io premetto che viaggio con un amico ma guardando la situazione saremo separati durante il volo e appunto per quanto mi riguarda questa cosa mi dà un po' di ansia.
Di solito guardare fuori dal finestrino mi distrae molto soprattutto durante le turbolenze.... vabbè me lo dovrò per forza far andare bene.
Per il resto tutto bene per ora, cerco di pensarci il meno possibile anche perchè ho altri "pensieri" al momento.
Ehhhh John....un problemone , a livello di sicurezza, volare lontano dal finestrino... :mrgreen:
Si....fai altri pensieri al momento...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 14 marzo 2017, 16:24

flyingbrandon ha scritto: Ehhhh John....un problemone , a livello di sicurezza, volare lontano dal finestrino... :mrgreen:
Si....fai altri pensieri al momento...
Ciao!
Lo è un pochino... volevo fare foto questa volta durante il volo :(
Ad ogni modo a 10 giorni dalla partenza comincia un pochino a stringermi il sedere.... se penso che mi aspettano 10 e passa ore di volo mi viene male.... come ho fatto l'ultima volta a farmele passare?!
Con la fortuna che ho sicuramente mi capita il posto nella fila centrale al centro visto la configurazione dei sedili (3-3-3) così ogni volta che devo muovermi devo fare alzare qualcuno...

Chiedo in generale se qualcuno per caso mi sa dire.... io partirò da Venezia con Air Dolomiti per arrivare a Monaco e lì mi toccherà aspettare 6 ore circa la partenza con ANA. Volevo sapere i bagagli da stiva non penso che se li tengano loro per 6 ore fino ad imbarcarli sull'ANA vero? Mi toccherà fare 2 volte il check-in?
Due anni fa avevo tutti i voli Lufthansa quindi una volta fatto il check in a Venezia fino a Tokyo ero a posto....

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 14 marzo 2017, 19:58

John21 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto: Ehhhh John....un problemone , a livello di sicurezza, volare lontano dal finestrino... :mrgreen:
Si....fai altri pensieri al momento...
Ciao!
Lo è un pochino... volevo fare foto questa volta durante il volo :(
Ad ogni modo a 10 giorni dalla partenza comincia un pochino a stringermi il sedere.... se penso che mi aspettano 10 e passa ore di volo mi viene male.... come ho fatto l'ultima volta a farmele passare?!
Con la fortuna che ho sicuramente mi capita il posto nella fila centrale al centro visto la configurazione dei sedili (3-3-3) così ogni volta che devo muovermi devo fare alzare qualcuno...

Chiedo in generale se qualcuno per caso mi sa dire.... io partirò da Venezia con Air Dolomiti per arrivare a Monaco e lì mi toccherà aspettare 6 ore circa la partenza con ANA. Volevo sapere i bagagli da stiva non penso che se li tengano loro per 6 ore fino ad imbarcarli sull'ANA vero? Mi toccherà fare 2 volte il check-in?
Due anni fa avevo tutti i voli Lufthansa quindi una volta fatto il check in a Venezia fino a Tokyo ero a posto....
Ma il biglietto è unico o due separati?
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 15 marzo 2017, 7:15

Avevo prenotato tutto sul sito della Lufthansa... sia Air dolomiti che Ana fanno parte della stessa alleanza in teoria o sbaglio? é la prima volta che prendo più compagnie aeree...
Il volo Ana ha il nunero di volo segnato come lufthansa (LH 4mila e qualcosa) ma in realtà è NH218... non so se mi sono fatto capire...

Il ritorno invece è tutto tramite aerei lufthansa

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 15 marzo 2017, 8:10

John21 ha scritto:Avevo prenotato tutto sul sito della Lufthansa... sia Air dolomiti che Ana fanno parte della stessa alleanza in teoria o sbaglio? é la prima volta che prendo più compagnie aeree...
Il volo Ana ha il nunero di volo segnato come lufthansa (LH 4mila e qualcosa) ma in realtà è NH218... non so se mi sono fatto capire...

Il ritorno invece è tutto tramite aerei lufthansa
Allora dovrebbe essere la stessa cosa. Il bagaglio ti arriva a destinazione! Comunque quando farai il primo check in ti toglierai ogni dubbio... :D
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 20 marzo 2017, 9:12

Lo vedrò allora tra 3 giorni come funziona il check in!

Lo so che non c'entra molto con la paura di volare ma volevo un attimo scrivere (un piccolo sfogo personale che magari in futuro rileggerò) "cosa c'è dietro" a questo ritorno in Giappone. Premetto che così "a caso" non ci sarei tornato, avrei optato per altri posti nuovi...
Io sto insieme alla stessa ragazza da più di 4 anni (la stessa quindi del viaggio di 2 anni fa) e più o meno un anno fa eravamo insieme quando ricevette una chiamata dalla sua università dove le dissero che aveva vinto la borsa di studio per la quale si era candidata ovvero per il Giappone. Lì per lì ero contento (anche se a dire la verità ho sempre sperato che qualcosa non la facesse partire) per lei perchè il viaggio di due anni fà l'aveva molto colpita (lo stesso vale per me). A gennaio di quest'anno le hanno fatto sapere le date della permanenza nella scuola e pochi giorni dopo ha prenotato il volo andata e ritorno...
In quel momento io non sapevo cosa fare se aspettare il suo ritorno standomene a casa o affrontare di nuovo un importante viaggio. Dopo aver valutato e visto i prezzi dei voli ero deciso ad accompagnarla all'andata e una sera al bar con degli amici ne avevo parlato di tutta questa storia e coincidenza uno di loro era in attesa del passaporto ordinato. Così da un momento all'altro mi sono trovato un compagno di viaggio e pochi giorni dopo ho prenotato gli aerei.
Quindi venerdì 24 partiamo in 3..... lei con un compagnia (ovviamente perchè le costava meno) e noi con un'altra (per lo stesso motivo) e ci rivediamo (se va tutto bene) sabato 25 a Tokyo.

Per questo motivo avevo detto che questa volta la paura di volare è relativa.... ho molta più paura di tornare a casa e non trovarmi più la mia ragazza nella mia quotidianità. Sto già male adesso al pensiero ma dovrò farmi forza e pensare ad altro. Sono una persona molto emotiva.
Siamo già stati separati in passato anche perchè lei studia in una città diversa dalla mia e io lavorando la vedevo solo nei weekend ( e neanche in ogni weekend). Ma questa volta è diverso... è dall'altra parte del mondo... non posso fare niente. Ad aggravare tutte le mie emozioni è complice il fatto che in questi 2 mesi per motivi famigliari lei ha vissuto a casa mia.... quindi passiamo dal vederci sempre al non vederci più.

Scusate questa piccola uscita ma magari in futuro me la rileggo sperando di sentirmi meglio. Come ho scritto sopra la paura questa volta è totalmente diversa da due anni fa....

Ps. Tra l'altro io vivo a casa con i miei e loro ancora non sanno della mia partenza.... una volta avevo mezzo accennato in tono scherzoso che sarei partito anche io per il Giappone insieme a mia morosa e loro prendendo il tutto in modo serio mi hanno detto che se davvero fossi partito anche di non tornare a casa al ritorno...
Penso che glielo dirò il giorno prima della mia partenza.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 20 marzo 2017, 10:40

John21 ha scritto:
Ps. Tra l'altro io vivo a casa con i miei e loro ancora non sanno della mia partenza.... una volta avevo mezzo accennato in tono scherzoso che sarei partito anche io per il Giappone insieme a mia morosa e loro prendendo il tutto in modo serio mi hanno detto che se davvero fossi partito anche di non tornare a casa al ritorno...
Penso che glielo dirò il giorno prima della mia partenza.
John...tutto ciò che hai scritto sopra quello che ho quotato è "bello"...ma il tuo problema, come spesso accade, risiede in ciò che ho quotato. Se vuoi dopo ne parliamo in modo più approfondito ma non è bello ciò che hanno detto i tuoi...sia che scherzassero sia, a maggior ragione, se erano seri....a prescindere che poi sia solo "una frase" buttata lì. Questo tipo di legame, per niente funzionale alla crescita di un individuo, è molto esplicativo per quanto riguarda il tuo atteggiamento nei confronti della vita. Laddove hai la possibilità di "crescere", come uomo, come esperienza di vita, ti ritrovi il "ricatto" di non aver più l'appoggio della famiglia. Ciò non si manifesta solo ora ma, con tutta probabilità, da tutta la tua esistenza. A prescindere da ciò che accadrà con il viaggio, io , fossi in te, concentrerei da oggi in poi tutt'e le mie forze, e lo sforzo, a sciogliere un legame malsano per formarne uno di natura diversa, e farei di tutto per vivere in modo indipendente...detto questo...comunicherei al più presto la tua intenzione di andare in Giappone...e non aspetterei il giorno prima.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2171
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da la franci » 20 marzo 2017, 20:13

John21 ha scritto: Ps. Tra l'altro io vivo a casa con i miei e loro ancora non sanno della mia partenza.... una volta avevo mezzo accennato in tono scherzoso che sarei partito anche io per il Giappone insieme a mia morosa e loro prendendo il tutto in modo serio mi hanno detto che se davvero fossi partito anche di non tornare a casa al ritorno...
Penso che glielo dirò il giorno prima della mia partenza.
wow! questo è un viaggio bellissimo! e avrai l'opportunità di vivere veramente il Giappone dovendo adattarti subito alla vita dei giapponesi insieme alla tua morosa! BELLISSIMO!
...non ho capito, solo, perché tu ti sia fatto ulteriormente accompagnare da un'altra persona.....
....
solo un appunto: se fino ad oggi non ti sei sentito di comunicare la tua scelta ai genitori e, soprattutto, se i tuoi genitori pensano ancora che tu sia "di loro proprietà" al punto tale da poter decidere per te anziché condividere con te, forse il vostro rapporto non è così "maturo" ... per loro tu sei ancora piccolo e "ricattabile" .... per te loro sono ancora le persone che decidono per te al punto da temere la loro reazione nel comunicare una scelta ponderata....
mha.....

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 20 marzo 2017, 20:42


John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 21 marzo 2017, 18:37

Lampo 13 ha scritto:https://youtu.be/E75fjbTHEOA
Non penso di aver capito il video Lampo... riguarda l'essere "autonomi"?


flyingbrandon ha scritto:
John...tutto ciò che hai scritto sopra quello che ho quotato è "bello"...ma il tuo problema, come spesso accade, risiede in ciò che ho quotato. Se vuoi dopo ne parliamo in modo più approfondito ma non è bello ciò che hanno detto i tuoi...sia che scherzassero sia, a maggior ragione, se erano seri....a prescindere che poi sia solo "una frase" buttata lì. Questo tipo di legame, per niente funzionale alla crescita di un individuo, è molto esplicativo per quanto riguarda il tuo atteggiamento nei confronti della vita. Laddove hai la possibilità di "crescere", come uomo, come esperienza di vita, ti ritrovi il "ricatto" di non aver più l'appoggio della famiglia. Ciò non si manifesta solo ora ma, con tutta probabilità, da tutta la tua esistenza. A prescindere da ciò che accadrà con il viaggio, io , fossi in te, concentrerei da oggi in poi tutt'e le mie forze, e lo sforzo, a sciogliere un legame malsano per formarne uno di natura diversa, e farei di tutto per vivere in modo indipendente...detto questo...comunicherei al più presto la tua intenzione di andare in Giappone...e non aspetterei il giorno prima.
Ciao!
Sicuramente come ho scritto viene interpretato male... è colpa mia.
I miei genitori mi hanno sempre appoggiato nelle mie scelte di vita e mai ostacolato a provare qualcosa di nuovo. Mi sento in debito con loro.
Posso solo ringraziare di averli come genitori.
Purtroppo e questo lo scrivo solo perchè qui nessuno sa chi io sia molte volte li ho delusi.... ma queste sono cose non pertinenti all'argomento principale.

Tornando a noi adesso davvero comincio a sentire la pressione del volo che prenderò tra 3 giorni... io ho praticamente dimenticato i voli di 2 anni fa... ricordo solo dei frammenti di volo...
Come ho fatto a farmi 11 ore in aereo?

Ho riletto poi anche la mia finta euforia al ritorno a casa...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 21 marzo 2017, 18:55

John21 ha scritto:

Sicuramente come ho scritto viene interpretato male... è colpa mia.
Mi sembrava abbastanza semplice e che non richiedesse una particolare interpretazione. Ti hanno detto o non quella frase? Ti hanno o no fatto intendere ciò che tu hai scritto nella frase?

John21 ha scritto: I miei genitori mi hanno sempre appoggiato nelle mie scelte di vita e mai ostacolato a provare qualcosa di nuovo. Mi sento in debito con loro.
Posso solo ringraziare di averli come genitori.
Purtroppo e questo lo scrivo solo perchè qui nessuno sa chi io sia molte volte li ho delusi.... ma queste sono cose non pertinenti all'argomento principale.
Purtroppo sono proprio , molto spesso, le cose pertinenti all'argomento principale...cioè la tua paura di volare. Non è un attacco ai genitori come persone. Non penso si possa deludere un genitore...se così è stato hai deluso delle loro aspettative...ma proprio da genitore non è il figlio che ha deluso...evidentemente le aspettative non erano le stesse del figlio. A te perché viene in mente di aver deluso? In che contesti?

John21 ha scritto: Tornando a noi adesso davvero comincio a sentire la pressione del volo che prenderò tra 3 giorni... io ho praticamente dimenticato i voli di 2 anni fa... ricordo solo dei frammenti di volo...
Come ho fatto a farmi 11 ore in aereo?

Ho riletto poi anche la mia finta euforia al ritorno a casa...
Perché finta?
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 21 marzo 2017, 19:42

flyingbrandon ha scritto: Mi sembrava abbastanza semplice e che non richiedesse una particolare interpretazione. Ti hanno detto o non quella frase? Ti hanno o no fatto intendere ciò che tu hai scritto nella frase?
Detta l'hanno detta ma non lo farebbero mai, ci sono dei motivi personali dietro comunque...


flyingbrandon ha scritto: Purtroppo sono proprio , molto spesso, le cose pertinenti all'argomento principale...cioè la tua paura di volare. Non è un attacco ai genitori come persone. Non penso si possa deludere un genitore...se così è stato hai deluso delle loro aspettative...ma proprio da genitore non è il figlio che ha deluso...evidentemente le aspettative non erano le stesse del figlio. A te perché viene in mente di aver deluso? In che contesti?
Nel contesto universitario per esempio.... e me no pento molto.
Come pure nel lavoro.... a me dispiace ma "l'abitudine ammazza" e finchè ne ho la possibilità voglio provare cose nuove....
flyingbrandon ha scritto: Perché finta?


Finta perchè più o meno sono tornato come 2 anni fa.... non ho la stessa "intensità" di ansia però non scherzo neanche questa volta....

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 21 marzo 2017, 20:38

John21 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto: Mi sembrava abbastanza semplice e che non richiedesse una particolare interpretazione. Ti hanno detto o non quella frase? Ti hanno o no fatto intendere ciò che tu hai scritto nella frase?
Detta l'hanno detta ma non lo farebbero mai, ci sono dei motivi personali dietro comunque...
Non ha importanza che lo facciano...ma te l'hanno detto. E ti hanno detto qualcosa di analogo durante tutta la tua infanzia...la differenza è che ora puoi più o meno dire, con ragionevole certezza, cosa farebbero e cosa no...da piccolo non è così semplice. Quando poni in atto questo tipo di ricatti emotivi, in un bambino, fai casino. Blocchi , di fatto, le sue esperienze e rimane l'imprinting dell'insicurezza...perché hai paura che nel scegliere diversamente e nell' "azzardo", che è un aspetto della vita, rischi di perdere ciò che , al momento, può essere importante quanto la tua vita....e desisti...o vivi in un continuo "conflitto emotivo". Ciò è contrario al fatto che spronassero le tue scelte...a meno che, le tue scelte, non combaciassero con le loro...infatti....


John21 ha scritto: Nel contesto universitario per esempio.... e me no pento molto.
Come pure nel lavoro.... a me dispiace ma "l'abitudine ammazza" e finchè ne ho la possibilità voglio provare cose nuove....

....come vedi scatta l'idea della delusione. È ciò non può poggiare sull'idea che ti spronino nelle tue esperienze. Che un genitore possa dispiacersi , inizialmente, di una scelta di un figlio è un aspetto...che sia deluso no.
John21 ha scritto:
Finta perchè più o meno sono tornato come 2 anni fa.... non ho la stessa "intensità" di ansia però non scherzo neanche questa volta....
Il fatto che tu sia tornato come due anni fa non significa che sia stata finta. Significa che non hai ancora capito ciò che ti spinge e quali siano i tuoi punti sensibili nella vita....non hai lavorato su di te...non ne mai colto l'essenza...e come qualsiasi cosa tu accantoni e non la passi....torna. Si è capito chiaramente che questo argomento, a te, da fastidio...hai cercato di mettere subito in chiaro che i tuoi genitori sono "indiscutibili"...e ogni "credenza" o argomento indiscutibile è spesso il luogo dove si trovano i problemi....problemi che non vengono risolti perché "indiscutibili". Il fatto che tu non riesca a dire per tempo un tuo progetto...che lo dica all'ultimo....che abbia il coraggio di dirlo solo "scherzando"...è significativo John. Però la vita è la tua...le scelte anche...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 21 marzo 2017, 20:40

John21 ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:https://youtu.be/E75fjbTHEOA
Non penso di aver capito il video Lampo... riguarda l'essere "autonomi"?
E' importante come lo interpreti tu...
Una curiosità: saranno i tuoi genitori a vivere la TUA vita?
Se la risposta è no, fregatene delle LORO aspettative, è un LORO problema!
P.S.
Sono genitore, ho una figlia di 27 anni, non ho aspettative,
spero solo che sia felice facendo ciò che LEI vuole e decide.

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 23 marzo 2017, 9:13

Lampo hai ragione e assolutamente no! Sono io che prendo le decisioni per me stesso altrimenti non sarei qui a parlare di questo volo!

Brandon da piccolo non mi hanno mai "ricattato" anzi il contrario spesso ero io quello intrattabile! Loro mi hanno sempre fatto avere tutto il possibile.

Mio padre ora in pensione ha lavorato da quando aveva 15 anni e mia madre da appena finite le scuole. In generale loro vorrebbero che io fossi economicamente indipendente (giustamente anche) mentre vedendo che "uso" i soldi in pratica per andare "in vacanza" (al posto di contribuire alle spese di casa) giustamente si arrabbiano.
Fidati di me se ti dico che qui sono io quello che ha torto.... ma questo è un altro discorso... ormai non posso tornare in dietro.

Tornando al volo ho provato a cercare su google "volare su un b787" cercando i risultati più recenti da un anno a questa parte.... in pratica tutti ma proprio TUTTI i link rimandano a problemi per questo aereo.... l'aereo "di plastica"...... problemi elettrici... problemi ai motori che si spengono in volo ecc....
Io ero tutto contento a provare a volare sul nuovo 787 ma ora come ora me ne sto pentendo.... avrei potuto optare a parità di prezzo con un a340 e forse sarebbe stata la scelta migliore...

Ho paura questa volta oltre questi problemi anche di sentire molto di più le turbolenze su un aereo del genere date le "piccole" dimensioni rispetto al 747 di 2 anni fa.... questa notte infatti dall'ansia ho dormito pochissimo e domani sarà il giorno della partenza...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 23 marzo 2017, 14:44

John21 ha scritto:

Brandon da piccolo non mi hanno mai "ricattato" anzi il contrario spesso ero io quello intrattabile! Loro mi hanno sempre fatto avere tutto il possibile.

Mio padre ora in pensione ha lavorato da quando aveva 15 anni e mia madre da appena finite le scuole. In generale loro vorrebbero che io fossi economicamente indipendente (giustamente anche) mentre vedendo che "uso" i soldi in pratica per andare "in vacanza" (al posto di contribuire alle spese di casa) giustamente si arrabbiano.
Fidati di me se ti dico che qui sono io quello che ha torto.... ma questo è un altro discorso... ormai non posso tornare in dietro.
John...mi Fido del fatto che siano brave persone. Mi fido ancora di più che tu commetta degli errori. Ma fidati, John, che dai tuoi discorsi emerge un altro aspetto....che non ha nulla a che vedere con la riconoscenza...o che loro abbiano fatto, in totale buon Fede tutto ciò che hanno potuto fare. Gli errori sono fondamentali per la crescita e per fare esperienza. Gli errori non devono essere vissuti come una "delusione" nei confronti dei genitori...e gli errori DEVONO scaturire da decisioni personali. È proprio per questo che si trasformano in esperienza. Mi sembra più che normale che dei genitori mettendo al mondo un figlio facciano di tutto perché possa crescere...che dovrebbero fare? È naturale e fisiologico...tanto quanto la possibilità del figlio di sbagliare. Far avere tutto il possibile non significa nulla con la capacità di trasmettere qualcosa...e quando ti parlo di "ricatti", ciò non significa che siano espliciti...o, per meglio dire, lo sono in una forma emotivamente ricattatoria che spesso non si coglie. Un esempio è se ti hanno mai detto frasi tipo "con tutti i sacrifici che abbiamo fatto per te...." o qualsiasi altra formulazione che prevede che tu abbia un senso di colpa nei loro confronti per una tua scelta.
Sono d'accordo che devi renderti economicamente indipendente...soprattutto che tu debba uscire di casa e farti la tua vita. Ma il fatto che tu utilizzi i tuoi soldi per andare in vacanza piuttosto che contribuire alle spese di casa...mah....dipende da diversi fattori ...più che altro dovresti provvedere ad una sistemazione "fuori di casa"...ma non solo per le vacanze. John...quanti anni hai?
Economicamente indipendente non significa contribuire alle spese di famiglia....significa non dipendere dai soldi dei tuoi genitori....no? Credimi tu...dalle tue parole, totalmente inconsapevoli, si evidenzia un quadro che non è quello che racconti...ma non che racconti a me...ma che racconti a te. Comunque rispondi alla domanda che ti ho fatto sui ricatti...e poi ne riparliamo. Ma, credimi, quella frase è la tua difficoltà di dire che vai in Giappone non è indice di una collaborazione affinché tu, sbagliando, cresca "liberamente" ma ha più le connotazioni di un legame genitori/figlio "piccolo"...dove stanno ancora insegnandoti il senso del dovere...e il modo è quello che ti ho , brevemente, sopra.
John21 ha scritto: Tornando al volo ho provato a cercare su google "volare su un b787" cercando i risultati più recenti da un anno a questa parte.... in pratica tutti ma proprio TUTTI i link rimandano a problemi per questo aereo.... l'aereo "di plastica"...... problemi elettrici... problemi ai motori che si spengono in volo ecc....
Io ero tutto contento a provare a volare sul nuovo 787 ma ora come ora me ne sto pentendo.... avrei potuto optare a parità di prezzo con un a340 e forse sarebbe stata la scelta migliore...

Ho paura questa volta oltre questi problemi anche di sentire molto di più le turbolenze su un aereo del genere date le "piccole" dimensioni rispetto al 747 di 2 anni fa.... questa notte infatti dall'ansia ho dormito pochissimo e domani sarà il giorno della partenza...
Ecco...invece parlare di aerei con te non serve a nulla...John...pinta la tua analisi sulle cause e non sugli alibi che ti costruisci....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 23 marzo 2017, 17:23

Frasi del tipo "con tutti i sacrifici che abbiamo fatto per te...." mai mai mai Brandon, assolutamente nessuna frase neanche simile.
Ho 25 anni.... ho davvero un bel rapporto con i miei genitori, da sempre. Io non voglio scrivere le mie cose personali, non è un posto adatto ma, la situazione è che io sono in attesa di cominciare un nuovo lavoro in aprile. Da quando ho prenotato il viaggio sono stato sempre senza lavoro, per mia volontà perchè nessun datore di lavoro mi avrebbe assunto se dopo un paio di mesi sarei partito per circa 2 settimane (giustamente).
I miei non essendo a conoscenza del mio viaggio e vedendomi a casa "senza lavoro" è naturale che una cosa del genere non gli vada molto a genio.
Loro vorrebbero solo che io mettessi da parte i soldi per il mio futuro e le mie future spese.
Ad esempio se avessi un lavoro stabile e mi dessero le ferie in agosto non direbbero nemmeno una parola se volessi andare in America, Australia ecc ecc...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 23 marzo 2017, 17:41

John21 ha scritto:Frasi del tipo "con tutti i sacrifici che abbiamo fatto per te...." mai mai mai Brandon, assolutamente nessuna frase neanche simile.
Ho 25 anni.... ho davvero un bel rapporto con i miei genitori, da sempre. Io non voglio scrivere le mie cose personali, non è un posto adatto ma, la situazione è che io sono in attesa di cominciare un nuovo lavoro in aprile. Da quando ho prenotato il viaggio sono stato sempre senza lavoro, per mia volontà perchè nessun datore di lavoro mi avrebbe assunto se dopo un paio di mesi sarei partito per circa 2 settimane (giustamente).
I miei non essendo a conoscenza del mio viaggio e vedendomi a casa "senza lavoro" è naturale che una cosa del genere non gli vada molto a genio.
Loro vorrebbero solo che io mettessi da parte i soldi per il mio futuro e le mie future spese.
Ad esempio se avessi un lavoro stabile e mi dessero le ferie in agosto non direbbero nemmeno una parola se volessi andare in America, Australia ecc ecc...
John...meglio così....sono contento. Però , se così fosse, non si capisce come mai non sappiano che vuoi fare questo viaggio e che tu sia in attesa di cominciare un lavoro ad aprile...così come abbiano fatto quell'uscita, singolarmente, quando in tutta la tua esistenza no...perché quel tipo di frase si colloca allo stesso livello di quella che ti ho fatto puramente a titolo di esempio. Ma non voglio mica che tiri fuori , qua, qualcosa che non ti va di tirare fuori...ma tieni presente che proprio in quei contesti 'intoccabili" si celano le maggiori insicurezze che portano alla luce dei conflitti emotivi che si traducono nelle tue "ansie"...tutto qua. Poi, del resto, come ho sempre detto...non è necessario conoscere per filo e per segno le genesi degli schemi mentali che generano le ansie...ma è sufficiente non pensare più in modo "ansiogeno". Può solo servire a te...il riconoscere le cause e un modo è rimettere in discussione tutto..soprattutto ciò che è indiscutibile...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 24 marzo 2017, 9:32

L'ho detto ieri sera del mio viaggio e tutto bene, mi hanno pure dato dei soldi in più..... ti ringrazio comunque molto Brandon
Ad ogni modo voglio restare positivo finché è possibile oggi... ho tanta ansia ma voglio provarla a gestire...
Vi farò sapere ( se arrivo ) come é andato il viaggio e vi ringrazio ancora una volta per il supporto, davvero.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 24 marzo 2017, 14:25

John21 ha scritto:L'ho detto ieri sera del mio viaggio e tutto bene, mi hanno pure dato dei soldi in più..... ti ringrazio comunque molto Brandon
Ad ogni modo voglio restare positivo finché è possibile oggi... ho tanta ansia ma voglio provarla a gestire...
Vi farò sapere ( se arrivo ) come é andato il viaggio e vi ringrazio ancora una volta per il supporto, davvero.
Buon divertimento...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

FrancyFR
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 19
Iscritto il: 28 marzo 2017, 23:58

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da FrancyFR » 30 marzo 2017, 19:43

Ciao John, piacere d conoscerti.
Sono Francesca e anche io ho paura di volare.
Anche se, come leggerai nel post che ho lasciato io, con "volare" non intendo più solo il "volare su un aereo".

Attenzione, non fraintendermi: condivido le tue stesse sensazioni negative e i tuoi stessi comportamenti. Però ho imparato a vederli in un altro modo. Le chiamo "manifestazioni".
Sono come la famosa punta dell'iceberg. Non è l'aereo il problema.
L'aereo è solo una grande lente di ingrandimento che fa vedere a grandezza naturale paure che noi abbiamo, nella vita. O della vita. E credo che l'aereo e il volare su di esso rappresentino un simbolo.

E non so perché ma credo che anche per quanto mi riguarda c'entrino in qualche modo i miei genitori.
Sarà un caso? Forse sì.
O forse no.

Se hai voglia di fare due chiacchiere, ci sono anche io. Non ho risposte ma possiamo riflettere insieme.
Francesca

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 1 aprile 2017, 4:17

Ciao a tutti! Sono arrivato in Giappone una settimana fa.
Il volo da Monaco è stato davvero tranquillo a livello di turbolenze, ero seduto sulla fila laterale ma purtroppo non vicino al finestrino. Mi è piaciuto moltissimo il profilo alare del 787 e ad essere sincero lo immaginavo più grande. Il servizio di Ana è davvero straordinario, le hostess sono di una gentilezza assurda.
La mia ragazza che ha volato con Etihad ha detto che le prime 3 ore di volo erano solo di turbolenze e addirittura l'aereo ad un certo punto di colpo è sceso di quota e la gente si è messa ad urlare.

Martedì ho il volo di ritorno con il 748 Lufthansa questa volta.
Non so come andrà ma da un lato mi comincia un pochino di ansia, dall'altro non vedo l'ora di prenderlo.
Se con il 787 avevo sentito di problemi ai motori sul 748 ho letto di strane vibrazioni durante il volo che potrebbero far cedere la struttura... ma è provata questa cosa? In caso di forti turbolenze c'è il rischio che si spezzi qualcosa?

Ti ringrazio Francesca, sicuramente come detto anche da Brandon il problema di fondo non è la paura dell'aereo in sé ma l'ansia.
È incredibile quanto sia complicata la mente umana e di come possa influenzare qualsiasi aspetto della vita.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 1 aprile 2017, 10:39

John21 ha scritto: Martedì ho il volo di ritorno con il 748 Lufthansa questa volta.
Non so come andrà ma da un lato mi comincia un pochino di ansia, dall'altro non vedo l'ora di prenderlo.
Se con il 787 avevo sentito di problemi ai motori sul 748 ho letto di strane vibrazioni durante il volo che potrebbero far cedere la struttura... ma è provata questa cosa? In caso di forti turbolenze c'è il rischio che si spezzi qualcosa?
John...ma perché continui con queste domande del cazz? Non fartele...e se dovessi fartele...non cercare la risposta...fidati...non dare corda alle tue minchiate che cercano di portarti sulla strada della tua assoluzione impedendoti di capire dove siano i problemi...oppure...opportunità.
John21 ha scritto:
È incredibile quanto sia complicata la mente umana e di come possa influenzare qualsiasi aspetto della vita.
Non è complicata...è complicato l'utilizzo che ne fai tu...è spesso una valida alleata...nasce per questo...e non vedo come non potrebbe influenzare ogni aspetto della tua vita...ma faceva effetto la tua frase...se non fosse che è la tua...che non è un problema complesso a farti vivere come vivi....direi quasi che hai provato un'altra volta a trovarti un alibi... :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 5 aprile 2017, 10:24

Strano che tu abbia ragione vero Brandon? Perché continuo a farmi queste domande assurde?! :)

Sono a casa, il volo è andato bene! Qualche sobbalzo ma me lo aspettavo in 12 ore di volo. Il 748 internamente è identico alla sua vecchia versione, mi è piaciuto molto l'implementazione delle telecamere esterne.
Una cosa invece (seppur non interessi a nessuno) che non mi è piaciuta è la troppa semplicità delle info di volo... mancavano l'altitudine, la velocità ecc
Fortunatamente ero seduto anche vicino il finestrino ma Lufthansa ci ha fatto tenere giù gli oscuranti per più di metà volto.
Ovviamente non ho dormito neanche per 1 minuto sebbene in alcuni momenti non riuscissi a tenere gli occhi aperti.... mi sarò visto 5/6 film di fila.
Comunque la rotta di volo che segue lufthansa secondo me è più lunga rispetto quella che seguono altre compagnie come Ana.... molto più al nord...

Detto questo non sono euforico questa volta, mi sento normale.
Due anni fa ricordo che non vedevo l'ora di prendere un altro volo mentre adesso sono tranquillo.

È stata comunque un'esperienza bella prendere 2 aerei nuovi per me (787 e 748), sicuramente il mio intento è di non fermarmi qui e continuare a volare.
Voglio provare assolutamente a prendere quel bestione dell'a380 questo è sicuro!
Ora devo solo concentrarmi su me stesso, io sono la chiave delle mie ansie e paure...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11147
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 5 aprile 2017, 18:41

John21 ha scritto:
Detto questo non sono euforico questa volta, mi sento normale.
Due anni fa ricordo che non vedevo l'ora di prendere un altro volo mentre adesso sono tranquillo.

È stata comunque un'esperienza bella prendere 2 aerei nuovi per me (787 e 748), sicuramente il mio intento è di non fermarmi qui e continuare a volare.
Voglio provare assolutamente a prendere quel bestione dell'a380 questo è sicuro!
Ora devo solo concentrarmi su me stesso, io sono la chiave delle mie ansie e paure...
Non devi necessariamente essere euforico. Sii felice di ciò che hai fatto...dove sei partito e dove sei arrivato...e continua a spingerti sempre più in là.
Si...sei tu la chiave...tu generi il problema e solo tu puoi risolvere il problema...
Quando ti va...e se ti va...vieni qua e fa due chiacchiere...non necessariamente prima di volare... :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Antonio63
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 19
Iscritto il: 19 febbraio 2016, 15:24

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Antonio63 » 1 maggio 2017, 16:42

flyingbrandon ha scritto:
John21 ha scritto: Martedì ho il volo di ritorno con il 748 Lufthansa questa volta.
Non so come andrà ma da un lato mi comincia un pochino di ansia, dall'altro non vedo l'ora di prenderlo.
Se con il 787 avevo sentito di problemi ai motori sul 748 ho letto di strane vibrazioni durante il volo che potrebbero far cedere la struttura... ma è provata questa cosa? In caso di forti turbolenze c'è il rischio che si spezzi qualcosa?
John...ma perché continui con queste domande del cazz? Non fartele...e se dovessi fartele...non cercare la risposta...fidati...non dare corda alle tue minchiate che cercano di portarti sulla strada della tua assoluzione impedendoti di capire dove siano i problemi...oppure...opportunità.
John21 ha scritto:
È incredibile quanto sia complicata la mente umana e di come possa influenzare qualsiasi aspetto della vita.
Non è complicata...è complicato l'utilizzo che ne fai tu...è spesso una valida alleata...nasce per questo...e non vedo come non potrebbe influenzare ogni aspetto della tua vita...ma faceva effetto la tua frase...se non fosse che è la tua...che non è un problema complesso a farti vivere come vivi....direi quasi che hai provato un'altra volta a trovarti un alibi... :mrgreen:
Ciao!
Ti do un consiglio, il prossimo volo cerca di farlo con un A380, è un'esperienza bellissima, dopo qualsiasi aereo ti sembrerà piccolo, anche un 747, l'A380 è incredibile e quando lo vedi parcheggiato di fianco agli altri aerei ti chiedi come farà un gigante simile a sollevarsi in volo.

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 9 maggio 2017, 13:46

John21 ha scritto: Se con il 787 avevo sentito di problemi ai motori sul 748 ho letto di strane vibrazioni durante il volo che potrebbero far cedere la struttura... ma è provata questa cosa? In caso di forti turbolenze c'è il rischio che si spezzi qualcosa?
..e secondo te, gli ingegneri aeronautici sono dei buontemponi? :toothy7:

Certo che è provata, questa cosa, e FORTUNATAMENTE è scritta anche nel manuale.... :mrgreen:

...l'hanno scritto Lampo e anche Tartan, vari post fa... :wink:
Lampo 13 ha scritto: Non c'è nulla da calcolare, quando incontri la turbolenza inserisci la velocità di turbolenza.
tartan ha scritto:Per chiarire, esistono due velocità in aria turbolenta.
1) Vb è la velocità massima che si puo tenere in aria turbolenta senza che si perdano i pezzi per strada. Viene determinata in fase di certificazione e non deve mai essere superata quando c'è turbolenza.
2) Vbo ("o" sta per operativa) è la velocità operativa consigliata dal costruttore che meglio coniuga la resistenza strutturale con la capacità volatoria dell'aereo. E', naturalmente, ovviamente, che te lo dico affà, inferiore alla massima ed è la velocità che imposta il pilota quando si trova in turbolenza, cioè la velocità a cui si riferiva Lampo il tredicesimo.
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Rispondi