Attacchi di panico e moltissima ansia

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11409
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 9 maggio 2017, 15:41

MartaP ha scritto:
John21 ha scritto: Se con il 787 avevo sentito di problemi ai motori sul 748 ho letto di strane vibrazioni durante il volo che potrebbero far cedere la struttura... ma è provata questa cosa? In caso di forti turbolenze c'è il rischio che si spezzi qualcosa?
..e secondo te, gli ingegneri aeronautici sono dei buontemponi? :toothy7:

Certo che è provata, questa cosa, e FORTUNATAMENTE è scritta anche nel manuale.... :mrgreen:

...l'hanno scritto Lampo e anche Tartan, vari post fa... :wink:
Lampo 13 ha scritto: Non c'è nulla da calcolare, quando incontri la turbolenza inserisci la velocità di turbolenza.
tartan ha scritto:Per chiarire, esistono due velocità in aria turbolenta.
1) Vb è la velocità massima che si puo tenere in aria turbolenta senza che si perdano i pezzi per strada. Viene determinata in fase di certificazione e non deve mai essere superata quando c'è turbolenza.
2) Vbo ("o" sta per operativa) è la velocità operativa consigliata dal costruttore che meglio coniuga la resistenza strutturale con la capacità volatoria dell'aereo. E', naturalmente, ovviamente, che te lo dico affà, inferiore alla massima ed è la velocità che imposta il pilota quando si trova in turbolenza, cioè la velocità a cui si riferiva Lampo il tredicesimo.

c***o...sei andata un po' lunga nei tempi della risposta...o sei troppo avanti per il suo prossimo volo? :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2551
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da MartaP » 9 maggio 2017, 21:05

flyingbrandon ha scritto: c***o...sei andata un po' lunga nei tempi della risposta...o sei troppo avanti per il suo prossimo volo? :mrgreen:
Ciao!
:lol: ... esatto, è per il prossimo volo... :mrgreen: 8)

ciao Brandon! :D
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 13 giugno 2018, 13:48

Buongiorno amici, spero non vi ricordiate di me (sopratutto Brandon e Lampo) :mrgreen:
Lo so che è passato più di un anno dall'ultima volta che ho scritto nel forum ma non ho più avuto modo di volare (purtroppo o per fortuna :) ).
Questa volta voglio mettere le "mani avanti" per cui sono tornato a scrivervi per chiedere come sempre dei consigli.
Ho l'occasione di poter fare un viaggio in Thailandia dove attualmente abita mia sorella, per cui mi potrebbe ovviamente ospitare.
Detto questo vorrei partire tra circa un mese e stare via almeno il mese del visto turistico.
Penso sia inutile dirvi che ho già "battuto a tappeto" le varie compagnie di volo informandomi oltre al prezzo anche ovviamente al tipo di aeromobile.
La mia scelta ricadrebbe tra la Qatar e la Emirates questa volta, avendo trovato la loro media prezzi più bassa rispetto le altre compagnie aeree.
Vorrei sapere gentilmente per chi ci ha ovviamente volato quale delle due consiglia.... entrambe le compagnie aeree tra l'altro usano gli stessi aerei per la rotta Doha - Bangkok (a380, b777) con la Qatar mentre da Dubai - Bangkok (a380, b777) per Emirates.
Ho guardato anche le rotte dei voli ovviamente... non mi piacciono molto alcuni degli stati sopra cui volano queste compagnie e ho parecchio timore a maggior ragione questa volta di trovare forti turbolenze... vista la zona in cui si trova la Thailandia.....

Piccolo ma grande dettaglio, questa volta viaggerei da solo... e sarebbe la prima volta per me al di fuori dell'europa... (non che ci voglia molto a salire su due aerei) però fa sempre un certo effetto viaggiare da soli.
Anche a Bangkok sarò comunque in ogni caso da solo e vorrei rimanerci un tot di giorni per visitarla...
Non voglio che la paura di essere solo mi fermi.... ma anzi... spero che sia proprio questa a spronarmi e farmi cambiare in generale.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 305
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Giutreas » 14 giugno 2018, 10:22

John21 ha scritto:Buongiorno amici, spero non vi ricordiate di me (sopratutto Brandon e Lampo) :mrgreen:
Lo so che è passato più di un anno dall'ultima volta che ho scritto nel forum ma non ho più avuto modo di volare (purtroppo o per fortuna :) ).
Questa volta voglio mettere le "mani avanti" per cui sono tornato a scrivervi per chiedere come sempre dei consigli.
Ho l'occasione di poter fare un viaggio in Thailandia dove attualmente abita mia sorella, per cui mi potrebbe ovviamente ospitare.
Detto questo vorrei partire tra circa un mese e stare via almeno il mese del visto turistico.
Penso sia inutile dirvi che ho già "battuto a tappeto" le varie compagnie di volo informandomi oltre al prezzo anche ovviamente al tipo di aeromobile.
La mia scelta ricadrebbe tra la Qatar e la Emirates questa volta, avendo trovato la loro media prezzi più bassa rispetto le altre compagnie aeree.
Vorrei sapere gentilmente per chi ci ha ovviamente volato quale delle due consiglia.... entrambe le compagnie aeree tra l'altro usano gli stessi aerei per la rotta Doha - Bangkok (a380, b777) con la Qatar mentre da Dubai - Bangkok (a380, b777) per Emirates.
Ho guardato anche le rotte dei voli ovviamente... non mi piacciono molto alcuni degli stati sopra cui volano queste compagnie e ho parecchio timore a maggior ragione questa volta di trovare forti turbolenze... vista la zona in cui si trova la Thailandia.....

Piccolo ma grande dettaglio, questa volta viaggerei da solo... e sarebbe la prima volta per me al di fuori dell'europa... (non che ci voglia molto a salire su due aerei) però fa sempre un certo effetto viaggiare da soli.
Anche a Bangkok sarò comunque in ogni caso da solo e vorrei rimanerci un tot di giorni per visitarla...
Non voglio che la paura di essere solo mi fermi.... ma anzi... spero che sia proprio questa a spronarmi e farmi cambiare in generale.
Hai solo l’imbarazzo della scelta, sono due tra le migliori compagnie al mondo (Qtar si è classificata prima, Emirates quarta nel 2017). Dopo aver preso le più scrause ultimamente, ti invidio un po’. Ovviamente non ci dovrebbe essere nulla di diverso in termini di sicurezza: perché quest’ultimo è un aspetto standard. Penso che i servizi a bordo per i passeggeri siano il massimo per entrambe le compagnie da te citate. Ma aspettiamo il parere degli esperti..
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6886
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 14 giugno 2018, 11:10

John21 ha scritto:Buongiorno amici, spero non vi ricordiate di me (sopratutto Brandon e Lampo) :mrgreen:
Lo so che è passato più di un anno dall'ultima volta che ho scritto nel forum ma non ho più avuto modo di volare (purtroppo o per fortuna :) ).
Questa volta voglio mettere le "mani avanti" per cui sono tornato a scrivervi per chiedere come sempre dei consigli.
Ho l'occasione di poter fare un viaggio in Thailandia dove attualmente abita mia sorella, per cui mi potrebbe ovviamente ospitare.
Detto questo vorrei partire tra circa un mese e stare via almeno il mese del visto turistico.
Penso sia inutile dirvi che ho già "battuto a tappeto" le varie compagnie di volo informandomi oltre al prezzo anche ovviamente al tipo di aeromobile.
La mia scelta ricadrebbe tra la Qatar e la Emirates questa volta, avendo trovato la loro media prezzi più bassa rispetto le altre compagnie aeree.
Vorrei sapere gentilmente per chi ci ha ovviamente volato quale delle due consiglia.... entrambe le compagnie aeree tra l'altro usano gli stessi aerei per la rotta Doha - Bangkok (a380, b777) con la Qatar mentre da Dubai - Bangkok (a380, b777) per Emirates.
Ho guardato anche le rotte dei voli ovviamente... non mi piacciono molto alcuni degli stati sopra cui volano queste compagnie e ho parecchio timore a maggior ragione questa volta di trovare forti turbolenze... vista la zona in cui si trova la Thailandia.....

Piccolo ma grande dettaglio, questa volta viaggerei da solo... e sarebbe la prima volta per me al di fuori dell'europa... (non che ci voglia molto a salire su due aerei) però fa sempre un certo effetto viaggiare da soli.
Anche a Bangkok sarò comunque in ogni caso da solo e vorrei rimanerci un tot di giorni per visitarla...
Non voglio che la paura di essere solo mi fermi.... ma anzi... spero che sia proprio questa a spronarmi e farmi cambiare in generale.
Sono entrambe ottime compagnie, con standard molto elevati, hostess molto carine :wink: (visto che voli solo…) ed il solo difetto di pasti con quasi sempre il curry dentro! Vai e divertiti, non perdere l'occasione.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 305
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Giutreas » 14 giugno 2018, 11:39

Dopo quest’ultima considerazione di Lampo13 sulle hostess ti invidio un po’ più di prima..
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 14 giugno 2018, 11:59

Giutreas ha scritto: Hai solo l’imbarazzo della scelta, sono due tra le migliori compagnie al mondo (Qtar si è classificata prima, Emirates quarta nel 2017). Dopo aver preso le più scrause ultimamente, ti invidio un po’. Ovviamente non ci dovrebbe essere nulla di diverso in termini di sicurezza: perché quest’ultimo è un aspetto standard. Penso che i servizi a bordo per i passeggeri siano il massimo per entrambe le compagnie da te citate. Ma aspettiamo il parere degli esperti..
In Europa non mi faccio grossi problemi su aerei e compagnie aeree... cerco solitamente la soluzione più economica, ma se devo fare un viaggio "importante" cerco tra la media dei prezzi le soluzioni che mi danno una maggiore "sicurezza" personale.... io lo so che tutti gli aerei e le compagnie aeree sono sicure però sui voli preferisco spendere per dire 50 euro in più e volare su Emirates che su Aeroflot....
Stesso discorso vale per gli aerei... ma in generale su questo discorso accetto tutti i tipi di aeromobili a parte l'a330.... non so perchè ho proprio il rifiuto categorico di volare su questo aereo.... forse perchè ho ancora il vago ricordo del volo 447..... mi rendo conto che sia un problema mio questo... però è più forte di me...
Tra l'altro se dovessi prenotare con Qatar la prima tratta verso Doha è proprio con l'a330.....

Lampo 13 ha scritto: Sono entrambe ottime compagnie, con standard molto elevati, hostess molto carine :wink: (visto che voli solo…) ed il solo difetto di pasti con quasi sempre il curry dentro! Vai e divertiti, non perdere l'occasione.
Lampo scusa la domanda ma verso quei paesi in quella zona mi devo aspettare in media forti turbolenze?
Ricordo (mi sembra fossi tu) che avevi scritto che nelle rotte al nord come quelle che avevo preso per il Giappone le turbolenze sono moderate perchè non ci sono forti correnti... ma qui il discorso sarebbe diverso vista la vicinanza all'equatore....

Comunque vedere qualche hostess carina potrebbe anche tirarmi un po' su di morale :) ...scherzi a parte cercherò di non perdere l'occasione!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 14 giugno 2018, 12:25

Vai in thailandia da tua sorella? Ci stai per un mese? Parti con il primo e torna con l'ultimo. Aspetta, volevo chiarire: parti con quello che arriva prima e torna con quello che ritorna dopo.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6886
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 14 giugno 2018, 12:38

John21 ha scritto:
Stesso discorso vale per gli aerei... ma in generale su questo discorso accetto tutti i tipi di aeromobili a parte l'a330.... non so perchè ho proprio il rifiuto categorico di volare su questo aereo.... forse perchè ho ancora il vago ricordo del volo 447..... mi rendo conto che sia un problema mio questo... però è più forte di me...
Tra l'altro se dovessi prenotare con Qatar la prima tratta verso Doha è proprio con l'a330.....

Lampo scusa la domanda ma verso quei paesi in quella zona mi devo aspettare in media forti turbolenze?
Ricordo (mi sembra fossi tu) che avevi scritto che nelle rotte al nord come quelle che avevo preso per il Giappone le turbolenze sono moderate perchè non ci sono forti correnti... ma qui il discorso sarebbe diverso vista la vicinanza all'equatore....

Comunque vedere qualche hostess carina potrebbe anche tirarmi un po' su di morale :)
Il 330 è un ottimo aeroplano, il problema del volo 447 è stato completamente risolto sostituendo i Pitot.
Volando molto a nord o molto a sud l'energia presente nell'aria è inferiore che all'equatore per vari motivi ma anche volando tra i tropici non ci sono particolari problemi, le perturbazioni si evitano e un po' di turbolenza non è pericolosa, il 447 NON è caduto per la turbolenza.
Le hostess sono belle ma molto distaccate e controllate!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 14 giugno 2018, 12:47

Ma le hostess come le descrivete voi sono robba dei miei tempi, quando pé trovà era una fatica immane! De 'sti tempi ancora co le hostess? Allora stattene a casa.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6886
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 14 giugno 2018, 13:22

tartan ha scritto:Ma le hostess come le descrivete voi sono robba dei miei tempi, quando pé trovà era una fatica immane! De 'sti tempi ancora co le hostess? Allora stattene a casa.
Sui voli Qatar ho visto delle ragazze bellissime e molto eleganti nei modi… che fanno una vita d'inferno,
praticamente segregate e controllate a vista! Basta parlare con chi è scappato via da lì per sentire dei
racconti grotteschi! Comunque durante un lungo volo è certamente piacevole vedere delle belle Donne
sorridenti, eleganti ed estremamente gentili.
Allegati
qatar-airways.jpg

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 14 giugno 2018, 13:29

Lampo 13 ha scritto:
tartan ha scritto:Ma le hostess come le descrivete voi sono robba dei miei tempi, quando pé trovà era una fatica immane! De 'sti tempi ancora co le hostess? Allora stattene a casa.
Sui voli Qatar ho visto delle ragazze bellissime e molto eleganti nei modi… che fanno una vita d'inferno,
praticamente segregate e controllate a vista! Basta parlare con chi è scappato via da lì per sentire dei
racconti grotteschi! Comunque durante un lungo volo è certamente piacevole vedere delle belle Donne
sorridenti, eleganti ed estremamente gentili.
Mica solo quando voli!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 305
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Giutreas » 14 giugno 2018, 15:37

tartan ha scritto:Mica solo quando voli!
:lol:
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 15 giugno 2018, 8:04

tartan ha scritto:Ma le hostess come le descrivete voi sono robba dei miei tempi, quando pé trovà era una fatica immane! De 'sti tempi ancora co le hostess? Allora stattene a casa.
Ahah è partito anche il discorso "hostess" ...a me basta che siano gentili e comprensive di gente come me che durante le turbolenze entra parecchio nel panico :)
Ricordo su un volo Ryanair anni fa' da Barcellona a Londra di aver trovato un'hostess Italiana davvero molto molto gentile che vedendomi parecchio agitato a seguito appunto di alcune turbolenze sopra la Francia ha cercato di distrarmi e tranquillizzarmi :)
Lampo 13 ha scritto: Il 330 è un ottimo aeroplano, il problema del volo 447 è stato completamente risolto sostituendo i Pitot.
Volando molto a nord o molto a sud l'energia presente nell'aria è inferiore che all'equatore per vari motivi ma anche volando tra i tropici non ci sono particolari problemi, le perturbazioni si evitano e un po' di turbolenza non è pericolosa, il 447 NON è caduto per la turbolenza.
Le hostess sono belle ma molto distaccate e controllate!
Lo so Lampo che le turbolenze non hanno mai fatto cadere direttamente un aereo... e che quell'incidente è stato causato da una serie di eventi a catena come molti altri incidenti aerei... però a me è rimasta questa brutta immagine dell'a330 come anche dell'Air France in parte.... con tutto il rispetto... per cui se posso vorrei evitare...

Immagino quindi che nella rotta verso BKK le turbolenze siamo parecchio frequenti durante il volo...
In generale poi non ci sono più problemi a volare sopra il medio oriente vero? immagino che alcune zone continuino ad evitarle.... però in linea di massima non ci dovrebbero essere problemi...

E sempre a proposito di turbolenze... per quanto io "sia un pochino migliorato" rispetto anni fa... se dovessi vedere una cosa del genere fuori dal finestrino penso che mi verrebbe un infarto...
phpBB [video]

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11409
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 15 giugno 2018, 8:09

John21 ha scritto:
Lo so Lampo che le turbolenze non hanno mai fatto cadere direttamente un aereo... e che quell'incidente è stato causato da una serie di eventi a catena come molti altri incidenti aerei... però a me è rimasta questa brutta immagine dell'a330 come anche dell'Air France in parte.... con tutto il rispetto... per cui se posso vorrei evitare...
Potresti anche evitare di farti brutte immagini... :mrgreen:
John21 ha scritto: E sempre a proposito di turbolenze... per quanto io "sia un pochino migliorato" rispetto anni fa... se dovessi vedere una cosa del genere fuori dal finestrino penso che mi verrebbe un infarto...
phpBB [video]
Cioè? Esattamente cosa?
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 15 giugno 2018, 8:51

flyingbrandon ha scritto: Potresti anche evitare di farti brutte immagini... :mrgreen:
Brandon! Hai ragione ma purtroppo la mia indole di malinconico/pessimista/sognatore mi porta ad immaginare cose/situazioni che mi fanno stare ovviamente in ansia :)
Sicuramente sono cambiato da quando (3 anni fa'.... 3 anni ormai... mamma mia :( ) avevo scritto il mio primo messaggio nel forum nel panico più assoluto di dover affrontare il mio primo volo intercontinentale.
Probabilmente lo avrò già scritto ma mi avete aiutato molto sotto ogni aspetto che può avere la paura di volare, dal decollo... alle rotte aeree... dai vari rumori dell'aereo ecc ecc....

Sento di aver superato (io) la paura di volare?
La risposta è probabilmente no perchè è una mia paura irrazionale e ho capito che me la terrò per sempre.. una fobia insomma.

Mi avete aiutato (voi) ad affrontare questa paura?
Assolutamente si! come detto prima mi avete aiutato davvero tanto e vi ringrazio un'altra volta perchè siete subito pronti e comprensivi nei confronti delle domande più assurde delle persone che hanno la paura di volare.

Mi farò fermare da questa paura?
Non più, la affronto sicuramente standoci male (perchè è facile parlare... ma i giorni prima di un volo sono sempre duri) però si vive una volta sola e mi sono stancato di avere rimpianti.

Se riuscirò a fare questo viaggio (fino a quando non prenoto il volo non lo do per scontato) non sarà solo un semplice viaggio per me... ma spero in una "rinascita" personale.
Spero di riuscire a cambiare i miei modi di fare e pensare perchè negli ultimi mesi sono spesso stato male.. ma questo è un altro discorso.
Spero insomma che essere da solo e contare solo su me stesso mi aiuti :)
flyingbrandon ha scritto: Cioè? Esattamente cosa?


Beh quando inizio a vedere l'estremità dell'ala che inizia a flettersi mi partono i sudori freddi.... figuriamoci se dovessi vedere pure il motore rimbalzare :mrgreen:

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11409
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 15 giugno 2018, 9:29

John21 ha scritto: Brandon! Hai ragione ma purtroppo la mia indole di malinconico/pessimista/sognatore mi porta ad immaginare cose/situazioni che mi fanno stare ovviamente in ansia :)
John...l’esperieme e la crescita personale portano a modificare l’appello indirizzare al meglio la propria indole. Tu non sei nato ANSIOSO...e on sei neanche nato pessimista. Nessuno nasce pessimista. Non potrebbe esistere evoluzione se questa non prevedesse di poter “cambiare”. Saremmo tutti così dalla nascita fino alla morte.
John21 ha scritto:
Sento di aver superato (io) la paura di volare?
La risposta è probabilmente no perchè è una mia paura irrazionale e ho capito che me la terrò per sempre.. una fobia insomma.
Questo tuo pensiero, di fatto, chiude ogni possibilità. Lo vuoi capire che se pensi che te la terrai per sempre così sarà? La tua percezione della vita NON può cambiare se , di fatto, pensi che non possa farlo. Qualsiasi esperienza non ti porterà ad evolvere perché ti identifichi la tua persona nello stesso modo in cui è prima dell’esperienza stessa. La fobia non è una caratteristica intrinseca di un individuo...ma dove hai letto che non ci si liberi da una fobia?
John21 ha scritto: Mi farò fermare da questa paura?
Non più, la affronto sicuramente standoci male (perchè è facile parlare... ma i giorni prima di un volo sono sempre duri) però si vive una volta sola e mi sono stancato di avere rimpianti.
Magari un giorno ti stuferai di pensare che si debba vivere nello stesso modo in cui si è vissuto fino ad oggi...e potrai anche goderti il volo....
John21 ha scritto: Se riuscirò a fare questo viaggio (fino a quando non prenoto il volo non lo do per scontato) non sarà solo un semplice viaggio per me... ma spero in una "rinascita" personale.
Non esiste il SE. se prenoti lo fai...se non prenoti non lo fai. È l’unico “SE”. È una scelta...dipende da te.
John21 ha scritto:
Spero di riuscire a cambiare i miei modi di fare e pensare perchè negli ultimi mesi sono spesso stato male.. ma questo è un altro discorso.
Spero insomma che essere da solo e contare solo su me stesso mi aiuti :)
Non è un altro discorso....è lo STESSO discorso. Se sei stato spesso male è dipeso da te...dal tuo modo di pensare. In parte perché cio che pensi te lo porti addosso anche fisicamente (non esiste una separazione corpo/mente), e in parte perché sta a te interpretare gli accadimenti della vita in modo che rappresentino, anche quando sofferta, una crescita.


[ quote="John21"]

Beh quando inizio a vedere l'estremità dell'ala che inizia a flettersi mi partono i sudori freddi.... figuriamoci se dovessi vedere pure il motore rimbalzare :mrgreen:[/quote]

John...se non si flettesse....allora sì sarebbe un casino... :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6886
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 15 giugno 2018, 9:45

Guarda questo di video, invece!
Prova a rottura delle ali del B777, necessario per la certificazione,
a 1:50 si fanno le congratulazioni perché il livello di certificazione è stato superato,
e la prova continua ancora a lungo prima di raggiungere il collasso.
Guarda la posizione della punta dell'ala, dove si trova al momento della rottura,
poi riguardati il video da te postato e ti renderai conto che non c'è nulla da temere!

https://youtu.be/Ai2HmvAXcU0

P.S.
Questo è un video vecchio, roba di 25 anni fa, probabilmente un B787 fa anche di meglio…
e Boeing e Airbus si equivalgono a livello di qualità e sicurezza.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 305
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Giutreas » 15 giugno 2018, 13:48

Ciao John21, anche io sono ansioso però evito di guardarmi i video che girano in rete di turbolenze estreme, incluso quello che hai postato tu. E neanche mi faccio mille pippe mentali sui disastri aerei. Serve solo ad associare mentalmente il volo ad una situazione di pericolo. Questa immagine ci viene già inculcata da alcuni film che abbiamo visto da piccoli. In realtà sono eventi rari, incluse le turbolenze severe. Una volta Lampo 13 scrisse che nella sua lunga carriera questo fenomeno gli fosse capitato solo un paio di volte se non erro. A Brandon, che fa questo lavoro da più di dieci anni (forse quindici) mi ha raccontato che gli è successo si e no una volta. Ti daranno conferma loro se ho scritto ca**ate..ciao
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 15 giugno 2018, 14:00

Già, pero chi lo assicura che su quella unica volta non ci sarà pure lui?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 305
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Giutreas » 15 giugno 2018, 14:13

tartan ha scritto:Già, pero chi lo assicura che su quella unica volta non ci sarà pure lui?
Nessuno. Però potrà (potrei) raccontare di essere stato testimone di un evento raro :D
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 15 giugno 2018, 14:33

Giutreas ha scritto:
tartan ha scritto:Già, pero chi lo assicura che su quella unica volta non ci sarà pure lui?
Nessuno. Però potrà (potrei) raccontare di essere stato testimone di un evento raro :D
Effettivamente bisogna riconoscere che si tratta di una gran bella soddisfazione! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 305
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Giutreas » 15 giugno 2018, 14:47

tartan ha scritto:
Giutreas ha scritto:
tartan ha scritto:Già, pero chi lo assicura che su quella unica volta non ci sarà pure lui?
Nessuno. Però potrà (potrei) raccontare di essere stato testimone di un evento raro :D
Effettivamente bisogna riconoscere che si tratta di una gran bella soddisfazione! :mrgreen:
Ehhh, come no...
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6886
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Lampo 13 » 15 giugno 2018, 16:03

Giutreas ha scritto:Ciao John21, anche io sono ansioso però evito di guardarmi i video che girano in rete di turbolenze estreme, incluso quello che hai postato tu. E neanche mi faccio mille pippe mentali sui disastri aerei. Serve solo ad associare mentalmente il volo ad una situazione di pericolo. Questa immagine ci viene già inculcata da alcuni film che abbiamo visto da piccoli. In realtà sono eventi rari, incluse le turbolenze severe. Una volta Lampo 13 scrisse che nella sua lunga carriera questo fenomeno gli fosse capitato solo un paio di volte se non erro. A Brandon, che fa questo lavoro da più di dieci anni (forse quindici) mi ha raccontato che gli è successo si e no una volta. Ti daranno conferma loro se ho scritto ca**ate..ciao
La turbolenza viene definita, in base agli effetti sull'aereo, con 4 livelli:
- Leggera (Light): momentanee e leggere variazioni di assetto e di quota dell’aereo.
- Moderata (Moderate): variazioni più intense ma aereo sotto controllo.
- Forte (Severe): variazioni ampie e repentine, aereo momentaneamente fuori controllo.
- Estrema (Extreme): aereo violentemente sbattuto e totalmente incontrollabile, possibili danni alla struttura.
Quella del video la porrei tra leggera e moderata, non di più.
Nei quasi 30 anni di carriera in Alitalia ho incontrato 3 o 4 volte turbolenze forti e mai turbolenze estreme.

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 16 giugno 2018, 9:22

flyingbrandon ha scritto: John...l’esperieme e la crescita personale portano a modificare l’appello indirizzare al meglio la propria indole. Tu non sei nato ANSIOSO...e on sei neanche nato pessimista. Nessuno nasce pessimista. Non potrebbe esistere evoluzione se questa non prevedesse di poter “cambiare”. Saremmo tutti così dalla nascita fino alla morte.
flyingbrandon ha scritto:
Questo tuo pensiero, di fatto, chiude ogni possibilità. Lo vuoi capire che se pensi che te la terrai per sempre così sarà? La tua percezione della vita NON può cambiare se , di fatto, pensi che non possa farlo. Qualsiasi esperienza non ti porterà ad evolvere perché ti identifichi la tua persona nello stesso modo in cui è prima dell’esperienza stessa. La fobia non è una caratteristica intrinseca di un individuo...ma dove hai letto che non ci si liberi da una fobia?
flyingbrandon ha scritto:
Magari un giorno ti stuferai di pensare che si debba vivere nello stesso modo in cui si è vissuto fino ad oggi...e potrai anche goderti il volo....
flyingbrandon ha scritto:
Non esiste il SE. se prenoti lo fai...se non prenoti non lo fai. È l’unico “SE”. È una scelta...dipende da te.
flyingbrandon ha scritto:
Non è un altro discorso....è lo STESSO discorso. Se sei stato spesso male è dipeso da te...dal tuo modo di pensare. In parte perché cio che pensi te lo porti addosso anche fisicamente (non esiste una separazione corpo/mente), e in parte perché sta a te interpretare gli accadimenti della vita in modo che rappresentino, anche quando sofferta, una crescita.
Hai ragione Brandon ma io non dico che non si possa cambiare in generale.... ci ho provato spesso a cambiare il mio modo di vedere le cose ma torna a prevalere sempre la mia indole "pessimistica"... parlando dei voli ad esempio sono conscio che siano sicuri e posso "auto-convincermi" e stare sereno fino all'ultimo senza ansie/paure perchè tanto lo so che "l'aereo arriva" ....però quando ci salgo su (in aereo) torna tutto "a galla" e tutta la "positività" di cui mi ero auto-convinto se ne va in un attimo...
Questo io lo accetto e di sicuro non mi fermerà nel mio continuare a viaggiare e volare.

Parlando in generale poi io lo so come sono fatto... ho sempre fatto affidamento a "persone esterne" per le mie ansie e paure... ma da mesi sono "caduto" in una solitudine difficile da spiegare a parole... ho capito però che devo ricominciare da me stesso e come dicevo questo viaggio spero mi possa aiutare, uscire dalla propria "confort zone" anche se certamente non è nulla di "estremo" fare un viaggio da soli..... però per come sono fatto io, trovarmi dall'altra parte del mondo e "cavarmela" da solo la vedo un po' come la luce in fondo al tunnel in questo momento.
Io so già ora che mi verrà l'ansia e il panico però non ci voglio pensare e quando succederà affronterò quei momenti.
flyingbrandon ha scritto: John...se non si flettesse....allora sì sarebbe un casino... :mrgreen:
Ciao!
Beh effettivamente :mrgreen:
Giutreas ha scritto: Ciao John21, anche io sono ansioso però evito di guardarmi i video che girano in rete di turbolenze estreme, incluso quello che hai postato tu. E neanche mi faccio mille pippe mentali sui disastri aerei. Serve solo ad associare mentalmente il volo ad una situazione di pericolo. Questa immagine ci viene già inculcata da alcuni film che abbiamo visto da piccoli. In realtà sono eventi rari, incluse le turbolenze severe. Una volta Lampo 13 scrisse che nella sua lunga carriera questo fenomeno gli fosse capitato solo un paio di volte se non erro. A Brandon, che fa questo lavoro da più di dieci anni (forse quindici) mi ha raccontato che gli è successo si e no una volta. Ti daranno conferma loro se ho scritto ca**ate..ciao
Io invece (ora non più) ma me ne sono guardato una sacco di video sulle turbolente e tantissimi episodi di "disastri aerei" ....tanto per stare più tranquillo ovviamente :roll:
tartan ha scritto: Già, pero chi lo assicura che su quella unica volta non ci sarà pure lui?


Guarda con il "cu*o" che ho avuto su alcuni voli in passato.. sicuramente le probabilità sono parecchio alte :|

Lampo 13 ha scritto: La turbolenza viene definita, in base agli effetti sull'aereo, con 4 livelli:
- Leggera (Light): momentanee e leggere variazioni di assetto e di quota dell’aereo.
- Moderata (Moderate): variazioni più intense ma aereo sotto controllo.
- Forte (Severe): variazioni ampie e repentine, aereo momentaneamente fuori controllo.
- Estrema (Extreme): aereo violentemente sbattuto e totalmente incontrollabile, possibili danni alla struttura.
Quella del video la porrei tra leggera e moderata, non di più.
Nei quasi 30 anni di carriera in Alitalia ho incontrato 3 o 4 volte turbolenze forti e mai turbolenze estreme.


Lampo :shock: :shock:
Quelle severe purtroppo le conoscevo e sono quelle in cui chi non ha la cintura si può fare davvero male.... ma le estreme??? ....devi volare dentro un ciclone spero?!
Se io ti tirassi fuori l'incidente aereo del volo Delta Air Lines 191.... e qui si parla di microburst....

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11409
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyingbrandon » 16 giugno 2018, 9:33

John21 ha scritto:
Hai ragione Brandon ma io non dico che non si possa cambiare in generale.... ci ho provato spesso a cambiare il mio modo di vedere le cose ma torna a prevalere sempre la mia indole "pessimistica"... parlando dei voli ad esempio sono conscio che siano sicuri e posso "auto-convincermi" e stare sereno fino all'ultimo senza ansie/paure perchè tanto lo so che "l'aereo arriva" ....però quando ci salgo su (in aereo) torna tutto "a galla" e tutta la "positività" di cui mi ero auto-convinto se ne va in un attimo...
Questo io lo accetto e di sicuro non mi fermerà nel mio continuare a viaggiare e volare.
Vedi...io NON ho mai parlato di auto convincersi...perché applichi lo stesso tipo di pensiero, solo con connotazione diversa, ad una situazione ancora inesistente. Ciò non rappresenta una modalità “diversa” o un cambiamento...ma significare applicare lo stesso schema di pensiero....che è quello che devi cambiare. Quindi, ciò che hai provato, NON rappresenta un cambiamento....e, infatti, non è cambiato nulla. Comunque sia...è meglio arrivare a quel giorno sereni piuttosto che arrivarci già stressato. Ma, ti assicuro, il fatto di pensare che sai già, che una volta a bordo tutto torna a galla è una sorta di programmazione che, il tuo efficiente cervello, ti proporrà una volta a bordo.
John21 ha scritto: Parlando in generale poi io lo so come sono fatto... ho sempre fatto affidamento a "persone esterne" per le mie ansie e paure... ma da mesi sono "caduto" in una solitudine difficile da spiegare a parole... ho capito però che devo ricominciare da me stesso e come dicevo questo viaggio spero mi possa aiutare, uscire dalla propria "confort zone" anche se certamente non è nulla di "estremo" fare un viaggio da soli..... però per come sono fatto io, trovarmi dall'altra parte del mondo e "cavarmela" da solo la vedo un po' come la luce in fondo al tunnel in questo momento.
Io so già ora che mi verrà l'ansia e il panico però non ci voglio pensare e quando succederà affronterò quei momenti.
Anche qua....in realtà NON devi mai fare affidamento a persone o cose esterne...e, anche qua....tu ORA sai che ti verrà ansia e panico...e quindi verranno. Non puoi dire che non ci vuoi pensare quando, di fatto, non solo ci hai pensato ma “sai già” cosa accadrà... :mrgreen:

Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
flyforever85
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1383
Iscritto il: 23 aprile 2006, 5:07
Località: Dayton, OH

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da flyforever85 » 18 giugno 2018, 11:42

Chissa' quante volte hai visto paperissima, con sciatori che facevano voli di metri, macchine andare a fuoco e tu li' a ridere a crepapelle. Pensa essere l'autista di quell'auto, o il nuotatore che sbatte la testa durante il tuffo. Sono sicuro che continui a sciare, guidare e fare tutte le attivita' che possono avvicinarti alla morte senza che tu nemmeno lo sappia. Lo fai perche' tanto a te non succedera' mai! No?

Ho volato ieri tra Taipei e Singapore. 3 ore e 49 minuti, 2 turbolenze piuttosto fastidiose. Io personalmente le odio come odio le montagne russe. Ma che ci puoi fare? Mi metto musica tranquilla nelle orecchie, cerco di assumere una posizione "sdraiata" e mi distraggo con giochini sul cell ecc. Passano prima o poi. E si, sono sempre turbolenze leggere. Devo fare la rotta simile sabato, verso Tokyo questo giro quindi 7 ore di volo. Prima di un altro volo di 13 ore per l'america. Non penso alle turbolenze o a tutto cio' che puo' andare storto semplicemente perche non ho il controllo di cio' che succedera' e se qualcosa dovesse succedere allora ci pensero' al momento opportuno. Arrivo in aeroporto tranquillo, dormo prima durante e dopo il volo (non sempre perche' la comodita' e' sconosciuta in aereo).

Ho volato piu' di 30 volte sull'atlantico, 3 sul pacifico, sono atterrato a singapore 3 volte, 1 a kuala lumpur (entrambe vicino a BKK). Ho volato sull'Alaska, sulla siberia e sulla groenlandia. Ho attraversato l'Africa per lungo 3 volte e quindi attraversato l'equatore. Ho all'attivo 12 voli sull'A330. Su 367 voli ho avuto forse 4 o 5 turbolenze che mi hanno innvervosito. Ma ho sgranato gli occhi solo due volte, entrambi in atterraggio, 1 a Denver e 1 a Londra. Quindi non sai mai dove e come succedera', puoi solo esser sicuro che saranno brevi e che l'aereo le passera'.

Buon viaggio! E lavora(investi) su ti de giorno dopo giorno non ogni 10 giorni prima del prossimo volo.
"Una volta che avrete conosciuto il volo, camminerete sulla terra guardando il cielo, perchè là siete stati e là desiderate tornare" di Leonardo da Vinci
Immagine

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 18 giugno 2018, 13:58

Secondo me questo è un cazziatone! Migliore di quelli che faccio io ma sempre un cazziatone! Il mio è da vecchio, ma questo, no! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

John21
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 100
Iscritto il: 2 giugno 2015, 8:46

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da John21 » 19 giugno 2018, 10:28

flyingbrandon ha scritto:
Vedi...io NON ho mai parlato di auto convincersi...perché applichi lo stesso tipo di pensiero, solo con connotazione diversa, ad una situazione ancora inesistente. Ciò non rappresenta una modalità “diversa” o un cambiamento...ma significare applicare lo stesso schema di pensiero....che è quello che devi cambiare. Quindi, ciò che hai provato, NON rappresenta un cambiamento....e, infatti, non è cambiato nulla. Comunque sia...è meglio arrivare a quel giorno sereni piuttosto che arrivarci già stressato. Ma, ti assicuro, il fatto di pensare che sai già, che una volta a bordo tutto torna a galla è una sorta di programmazione che, il tuo efficiente cervello, ti proporrà una volta a bordo.


Anche qua....in realtà NON devi mai fare affidamento a persone o cose esterne...e, anche qua....tu ORA sai che ti verrà ansia e panico...e quindi verranno. Non puoi dire che non ci vuoi pensare quando, di fatto, non solo ci hai pensato ma “sai già” cosa accadrà... :mrgreen:

Ciao!
Brandon ma io in generale ho cambiato pensiero e il modo di vedere le cose rispetto alla prima volta che scrissi qui nel forum...
Mi sento migliorato per alcuni aspetti e peggiorato per altri, e qui non sto parlando solo di volare...
L'ansia verrà... anche se ragionassi in maniera diversa rispetto i miei usuali "schemi di pensiero"... sono una persona tanto sensibile per alcune cose...
Per superarla va affrontata... e quindi avendo la certezza che ne soffrirò a prescindere da tutto... devo provare a vedere cosa succede... e qui rientra in gioco il viaggio da solo... mi devo rendere "indipendente" sotto tutti i punti di vista e contare solo su me stesso, solo allora magari riuscirò a vivere la vita meglio di adesso...

flyforever85 ha scritto: Chissa' quante volte hai visto paperissima, con sciatori che facevano voli di metri, macchine andare a fuoco e tu li' a ridere a crepapelle. Pensa essere l'autista di quell'auto, o il nuotatore che sbatte la testa durante il tuffo. Sono sicuro che continui a sciare, guidare e fare tutte le attivita' che possono avvicinarti alla morte senza che tu nemmeno lo sappia. Lo fai perche' tanto a te non succedera' mai! No?

Ho volato ieri tra Taipei e Singapore. 3 ore e 49 minuti, 2 turbolenze piuttosto fastidiose. Io personalmente le odio come odio le montagne russe. Ma che ci puoi fare? Mi metto musica tranquilla nelle orecchie, cerco di assumere una posizione "sdraiata" e mi distraggo con giochini sul cell ecc. Passano prima o poi. E si, sono sempre turbolenze leggere. Devo fare la rotta simile sabato, verso Tokyo questo giro quindi 7 ore di volo. Prima di un altro volo di 13 ore per l'america. Non penso alle turbolenze o a tutto cio' che puo' andare storto semplicemente perche non ho il controllo di cio' che succedera' e se qualcosa dovesse succedere allora ci pensero' al momento opportuno. Arrivo in aeroporto tranquillo, dormo prima durante e dopo il volo (non sempre perche' la comodita' e' sconosciuta in aereo).

Ho volato piu' di 30 volte sull'atlantico, 3 sul pacifico, sono atterrato a singapore 3 volte, 1 a kuala lumpur (entrambe vicino a BKK). Ho volato sull'Alaska, sulla siberia e sulla groenlandia. Ho attraversato l'Africa per lungo 3 volte e quindi attraversato l'equatore. Ho all'attivo 12 voli sull'A330. Su 367 voli ho avuto forse 4 o 5 turbolenze che mi hanno innvervosito. Ma ho sgranato gli occhi solo due volte, entrambi in atterraggio, 1 a Denver e 1 a Londra. Quindi non sai mai dove e come succedera', puoi solo esser sicuro che saranno brevi e che l'aereo le passera'.

Buon viaggio! E lavora(investi) su ti de giorno dopo giorno non ogni 10 giorni prima del prossimo volo.
Non ti chiedo neanche allora i dettagli di quelle volte in cui hai "sgranato gli occhi" dopo tutto quello che hai scritto! Ti ringrazio comunque per aver scritto queste esperienze personali! :)
Bisogna avere la costanza e cercare di migliorarsi sempre... a prescindere da cosa ti dia la vita in generale....

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 19 giugno 2018, 11:52

Quanto vorrei capire cosa si intende per migliorarsi, perchè farlo, rispetto a che cosa farlo, da chi è richiesto e, soprattutto, perché farlo continuamente!
Pare che sia una condanna!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 773
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Exence » 19 giugno 2018, 12:01

tartan ha scritto:Quanto vorrei capire cosa si intende per migliorarsi, perchè farlo, rispetto a che cosa farlo, da chi è richiesto e, soprattutto, perché farlo continuamente!
Pare che sia una condanna!
per me è cercare di vivere al massimo delle proprie potenzialità... perché sarebbe uno spreco, credo, non spremere il massimo da ogni giornata... rispetto a che cosa... io dico rispetto a se stessi... non è richiesto da nessuno se non da una spinta che ci parte da dentro... e che un giorno ti fa dire... "perché non dovrei fare questo , o quello?" ... può essere "migliorante" anche concedersi una giornata sul divano, se questo ci fa stare bene... non so se hai visto il film "l'attimo fuggente"... io non lo vedo da secoli ma mi è venuto in mente ora, mentre sto scrivendo qui... il film trattava di questi argomenti...
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 19 giugno 2018, 12:09

Per migliorarsi bisogna avere un meglio da voler raggiugere e il meglio da chi è deciso?
Stare noi meglio non vuol dire migliorarsi, vuol dire stare meno male e questo lo capisco. Si può stare meglio anche peggiorandosi o accettandosi. Non è indispensabile essere come gli altri per stare meglio.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 773
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Exence » 19 giugno 2018, 13:04

tartan ha scritto:Per migliorarsi bisogna avere un meglio da voler raggiugere e il meglio da chi è deciso?
Stare noi meglio non vuol dire migliorarsi, vuol dire stare meno male e questo lo capisco. Si può stare meglio anche peggiorandosi o accettandosi. Non è indispensabile essere come gli altri per stare meglio.
Lo decido io... nel senso... se ho voglia di fare qualcosa... che sembra magari un'impresa impegnativa... ma che se conseguita mi darebbe soddisfazione personale... provo a farla... : ) è una sfida tra me e le mie potenzialità, credo...
sul voler essere "come gli altri" non mi sono mai posta il problema... non ho mai voluto essere o non essere qualcosa di diverso da quello che sono... nel bene e nel male... anzi è proprio cercare di essere "come vogliono gli altri", che secondo me genera ansia e insoddisfazione : )
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9741
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da tartan » 19 giugno 2018, 13:17

Exence ha scritto: ............anzi è proprio cercare di essere "come vogliono gli altri", che secondo me genera ansia e insoddisfazione : )
E cercare di essere NON come vogliono gli altri ma come tu pensi che siano gli altri?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 773
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Attacchi di panico e moltissima ansia

Messaggio da Exence » 19 giugno 2018, 13:42

tartan ha scritto:
Exence ha scritto: ............anzi è proprio cercare di essere "come vogliono gli altri", che secondo me genera ansia e insoddisfazione : )
E cercare di essere NON come vogliono gli altri ma come tu pensi che siano gli altri?
Stessa cosa. : ) genera ansia anche quello secondo me : ) e in generale tutto ciò che ci spinge a essere qualcosa di diverso da quello che siamo : )
it's only rock'n roll but I like it!

Rispondi