Voglio vincere la mia paura

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 14 novembre 2016, 22:31

Ciao a tutti, mi sono imbattuta in questo forum per caso e ho passato tipo 48 ore a leggere tutti i vostri post e ho deciso di scrivere anche io la mia esperienza.
Purtroppo ho una folle paura di volare e questa cosa mi provoca moltissima rabbia perché mi piacerebbe tanto poter girare il mondo e soprattutto perché mi rendo conto che è una paura insensata e anzi che è una vera e propria fobia (per definizione insensata).
Premetto che ho sempre avuto paura di volare fin da piccola tanto che appena diventata un po' più grandicella per me è stata una benedizione non dover più andare in vacanza con i miei genitori e non dover più prendere l'aereo.
Da quando ho smesso di andare in vacanza con i miei genitori infatti per otto anni non ho più preso l'aereo. Due anni fa ho però deciso di provare a vincere la mia paura perché davvero vorrei vedere il mondo e perché questa mia paura iniziava a starmi piuttosto stretta... Da quel giorno ho cercato e cerco tutt'ora di viaggiare in aereo (l'ho preso circa 6 volte - quindi 12 volte tra andata e ritorno) e sono molto contenta di esserci riuscita perché ho vissuto esperienze bellissime. Purtroppo dalla mia ho anche che il mio compagno di viaggio ha molta paura come me e quindi mi manca anche avere accanto qualcuno che mi calmi (per esempio, nei viaggi fatti con le amiche ero molto più rilassata perché banalmente anche il solo essere presa in giro da loro mi faceva sentire stupida e aveva un effetto calmante. E infatti mi ricordo che il primo viaggio che ho fatto due anni fa in compagnia di un'amica a parte le tensioni iniziali durante il viaggio ho avuto pochissimi timori - decollo fantastico e nessuna turbolenza - e anzi appena atterrata mi sono sentita stupida per non aver preso l'aereo per ben otto anni tanto che ho pensato che magari in questi otto anni gli aerei erano migliorati, senonché il viaggio successivo in compagnia del fidanzato è stato tragico perché lui essendo terrorizzato ha terrorizzato anche a me).
Resta il fatto che ho ancora paura di volare e non so come vincere la mia paura... già da un paio di settimane prima inizio ad avere pensieri negativi (considerate che è già una vittoria perché anni fa solo a propormi di prenotare un volo mi faceva chiudere lo stomaco e mi provocava ansia e malessere...) che si acuiscono all'avvicinarsi del giorno della partenza tanto che per esempio qualche mese fa mi è venuta anche una crisi di pianto (non mi era mai successo) due giorni prima di prendere l'aereo perché nella mia testa si erano già elaborati gli scenari più tragici... Un'altra volta mi è capitato di dover rinunciare a un viaggio per motivi personali (non legati alla mia paura) e ricordo che quella volta mi sono sentita come se avevo scampato il mio destino (e naturalmente il volo che avrei dovuto prendere è partito e atterrato senza uccidere nessuno!).
I momenti per me più brutti sono il decollo (quando l'aereo balla perché per esempio mi è capitato un decollo fantastico in cui nemmeno mi sono accorta che l'aereo aveva raggiunto la quota e sono stata non bene ma benissimo) e quando l'aereo è in quota. Per farvi un esempio stupido anche guardare un video su internet o vedere un aereo che decolla mi provoca un istantaneo mal di pancia... Quando l'aereo é in quota rimango sempre sull'attenti, pronta a captare il minimo rumore come segnale di morte imminente... se non ci sono turbolenze in linea di massima riesco a stare abbastanza tranquilla (ecco in ogni caso non divento molesta per gli altri passeggeri neanche quando l'aereo balla) certo i miei voli non hanno mai superato le due ore e mezza di durata perché penso che di più non ce la potrei fare (ma piano piano ho allungato sempre più la durata del volo perché vorrei riuscire a arrivare alle quattro ore per raggiungere la meta dei miei sogni).
Invece, cosa assurda perché sono comunque in aereo e l'atterraggio comporta gli stessi rischi di un decollo, inizio a stare benissimo quando so che sta iniziando la fase di discesa, nel senso che non me ne frega niente di come cavolo scendo dall'aereo basta che scendo... appena vedo che la punta si inclina verso il basso avverto davvero una sensazione di sollievo e non ci penso più (ho notato che in generale sto meglio quando durante il viaggio riesco a vedere la terra, difatti mi siedo sempre dal lato del finestrino o al massimo in mezzo in modo da poter sempre guardare fuori). Non ditemi che la fase di atterraggio è la più pericolosa o cose del genere perché fino a che non mi è stata messa la paura del decollo l'unica fase che mi faceva paura era quando l'aereo era in quota e se mi viene la paura anche dell'atterraggio mó è finita hahaha... E, altra assurdità, mente per i voli di andata sto male da un mese prima, appena raggiungo la tanto ambita meta mi rilasso e non vivo nell'ansia del volo di ritorno (almeno mi godo la vacanza) con l'ovvia conseguenza che mentre per i voli di andata mi preparo psicologicamente a partire da un mese prima, per i voli di ritorno l'ansia mi prende proprio appena salgo e quindi sono leggermente più ingestibili dei voli di andata.
Va beh direi che ho scritto un papiro e che sono la prima a rendersi conto che è tutto assurdo... spero mi possiate dare qualche consiglio visto che fra un mese dovrò prendere un aereo...
Preciso che la mia paura non deriva da precedenti esperienze di volo negative (nemmeno quando ero piccola) ma (in passato) dal fatto che mia madre aveva (ora non più a suo dire) paura dell'aereo e al momento del decollo mi prendeva sempre per mano stritolandomi la mano, si terrorizzava alle turbolenze e si metteva a piangere all'atterraggio (cosa che capita anche a me perché mi dico mio Dio sono atterrata viva!) e (ora) anche dai recenti eventi terroristici (nel senso che non ho tantissima paura di un problema tecnico - la stessa che ho prendendo un treno, cioè comunque molto bassa - ma più che altro del gesto di qualche folle e in misura minore di un evento climatico eccezionale tipo che ne so una tempesta di neve e dovendo volare tra un mese verso il nord Europa anche questa paura mi sta dando un po' da pensare... ma se ci fosse la neve si può volare?).
Preciso anche che non ho mai preso farmaci e che l'ultima volta su consiglio di un amico ho preso i fiori di Bach e non so se è una cosa mentale o che ma un po' forse mi hanno calmata...grazie a tutti!
Ah... dimenticavo un'ultima cosa da folli che faccio... Volo solo ed esclusivamente con i tappi nelle orecchie da quando salgo a quando scendo appositamente per cercare di sentire meno rumori possibili e non fomentare il mio terrore... penso che se salissi senza tappi nelle orecchie morirei di infarto :lol:
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da flyingbrandon » 17 novembre 2016, 9:35

Misha ha scritto:E, altra assurdità, mente per i voli di andata sto male da un mese prima, appena raggiungo la tanto ambita meta mi rilasso e non vivo nell'ansia del volo di ritorno (almeno mi godo la vacanza) con l'ovvia conseguenza che mentre per i voli di andata mi preparo psicologicamente a partire da un mese prima, per i voli di ritorno l'ansia mi prende proprio appena salgo e quindi sono leggermente più ingestibili dei voli di andata.
Non è una assurdità...ma te lo spiego dopo......al momento sappi solo che non è affatto vero che la tua "preparazione" in qualche modo possa esserti utile...anzi...è dannosa....
Misha ha scritto: Preciso che la mia paura non deriva da precedenti esperienze di volo negative (nemmeno quando ero piccola) ma (in passato) dal fatto che mia madre aveva (ora non più a suo dire) paura dell'aereo e al momento del decollo mi prendeva sempre per mano stritolandomi la mano, si terrorizzava alle turbolenze e si metteva a piangere all'atterraggio (cosa che capita anche a me perché mi dico mio Dio sono atterrata viva!)
il tuo post è lungo...però penso che il punto da cui partire si trovi proprio qua. Le paure non sono assurde...sono assurdi i conflitti che le generano, spesso, oppure l'ostinato perpetuarsi dei nostri comportamenti che ci fanno sbattere contro le nostre paure. Se il punto di partenza è "folle"...lo è anche il punto di arrivo, molto spesso. Quello su cui di solito ci limitiamo a lavorare è il punto di arrivo...ma senza cambiare il punto di partenza è difficile che se ne esca. Quindi...in riferimento al fatto che la tua folle paura ti generi una tremenda rabbia....no...non deve essere così...la tua folle paura è la tua guida, almeno per certi aspetti della tua vita quindi "ringraziala".
Parlavo di punti che non vengono mai messi in discussione...e qua hai il tuo. Tua mamma non è infallibile! Tuan mamma non ha sempre ragione! Tua mamma non è un ruolo ma una persona con i suoi pregi e suoi difetti. Quando sei in tenera età la famiglia, ma in modo particolare la mamma, sono persone "chiave" per la tua stessa sopravvivenza...quindi , giusto o sbagliato che sia, si aderisce agli schemi e alle volontà di chi ci protegge. Crescendo si ha la propria esperienza...e soprattutto si può, volendo, iniziare a mettere in discussione tutto ciò che ci è stato trasmesso. Ciò che ci sembrava scolpito nella pietra come i comandamenti possono rivelarsi in realtà....non così efficaci...non così giusti....non così scolpiti nella pietra. Se in tenera età , e da lì a seguire, hai sempre associato quell'immagine di dolore, sofferenza e paura in tua mamma...ci sarebbe da stupirsi del contrario e non che tu abbia assimilato e poi, in modo acritico, portata dietro fino ad oggi quella paura. il punto è che nemmeno l'esperienza, cosa più forte in assoluto per "credere" in qualcosa , ti ha portato negli anni a capire che non è l'aereo il prolema....neanche il terrorismo...visto che avevi la stessa paura anche quando non avevi paura dei terroristi. Quindi il primo passo che devi fare è smettere di cercare la causa della tua paura in un qualcosa la fuori quando non è là fuori la causa.
Secondo punto...sono sicuro che tu non abbia paura dell'aereo ma per il resto della tua vita sia una tavola di relax...e già il fatto che tu settimane prima...mesi...possa iniziare a stare male è significativo del fatto che non sia capace di viverti il momento ma tu permetta alla tua testa di girovagare per tempi inesistenti alla ricerca di immagini terrificanti altrettanto fantasiose in modo da continuare a vivere senza mettere in dubbio i dogmi della tua vita, piuttosto che acquisire consapevolezza del presente...che ti permetterebbe anche di buttare al vento tutti gli insegnamenti fino a qua ricevuti e iniziare a vivere un'esistenza molto più serena e meno devota alla sofferenza come fai ad adesso.
detto tutto ciò...l'aereo e i suoi viaggi assumono, proprio per la loro peculiarità emotiva, dei forti connotati simbolici. Più avanti se vuoi ci possiamo tornare ma...e qua trovi la risposta al primo punto in alto che ti avevo quotato...non è la preparazione al volo che ti permette di volare con meno stress all'andata....ma proprio il fatto che te ne vada! il decollo, che tanto temi, e che guarda caso ti è arrivato in età più avanzata come fonte di paura, rappresenta proprio il distacco. Se tu ascoltassi maggiormente le tue sensazioni e la tempistica del loro sopraggiungere...nel tuo caso è abbastanza evidente che riesci a goderti la vacanza perché sei lontana...non utilizzi più i tuoi schemi abituali e ti godi quei momenti senza pensare minimamente al volo di rientro ( cosa rara per chi ha tutta questa paura dell'aereo)...e proprio nel momento in cui "rivesti" i tuoi panni ( schemi) per tornare nel tuo ambiente....soffri...poi è vero che una persona si può' abituare ad indossare anche un maglioncino di chiodi perché pensa che sia "protettivo"...ma sappi che non è necessario e si può stare molto più comodi e rilassati anche con altri abiti....
Misha ha scritto: Preciso anche che non ho mai preso farmaci e che l'ultima volta su consiglio di un amico ho preso i fiori di Bach e non so se è una cosa mentale o che ma un po' forse mi hanno calmata...grazie a tutti!
Rescue Remedy? Anche la tua paura è mentale...tutto già che è mentale è anche fisico e viceversa. Prova a tirarti una martellata sul ginocchio e contemporaneamente continuare , mentalmente, a fare quello che facevi senza aver alcun disagio. Se ci riesci....vai pure da un neurologo.... :mrgreen: Comunque non prendere MAI farmaci per questo tipo di manifestazioni "emotive"....
Misha ha scritto: Ah... dimenticavo un'ultima cosa da folli che faccio... Volo solo ed esclusivamente con i tappi nelle orecchie da quando salgo a quando scendo appositamente per cercare di sentire meno rumori possibili e non fomentare il mio terrore... penso che se salissi senza tappi nelle orecchie morirei di infarto :lol:
Sai che potresti provare anche con un dito nel naso? se continui a muoverlo riuscirai a focalizzare l'attenzione lì e non sentirai particolari rumori.
Comunque...anche questo è significativo. Tu non vuoi sapere...tu vuoi tenerti tutto e buttarti , così come ti hanno insegnato, rimanendo il più possibile inconsapevole di tutto. Non farlo...questa non è spensieratezza...
Ciao....e scusa il ritardo nella risposta...mi era proprio sfuggito il post...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 17 novembre 2016, 14:15

Ciao Brandon,
innanzitutto grazie per avermi risposto, che onore!
Ho letto un sacco di tuoi post e nel leggerli ho iniziato seriamente a domandarmi di cosa avessi davvero paura.
Credo però che il fatto che l'ansia del volo di ritorno non mi divori mentre sono via è forse dovuto all'incredibile euforia con cui vivo tutte le mie "trasferte", e penso che questa sia un'emozione di gran lunga superiore a qualsiasi altra (paura compresa). Ed è la stessa euforia che mi fa comprare un biglietto aereo senza pensare al "Oh mio Dio dovrò prendere l'aereo" (penso piuttosto "chissenefrega, non ci penso adesso, adesso penso a tutto quello che avrò la fortuna di vedere!"). Al contrario, invece, riconosco che molto probabilmente l'ansia che mi prende a un mese prima dalla partenza è dovuta al fatto che in alcun momenti, non avendo altri validi diversivi, permetto alla mia mente di vagabondare e elaborare gli scenari più catastrofici.
Non ti nascondo però che la tua analisi è senza dubbio più affascinante e attraente della mia.
Quanto alla mia paura di folli che possano compiere gesti altrettanto tali è legata al fatto che (nel mio immaginario) gli incidenti aerei sono dovuti più a quello che a altro. E sono ben consapevole che, fosse per questo, allora non dovrei più uscire di casa... Ma ahimè, la mia paura viene indirizzata e personificata proprio nell'aereo (pensa te che sfiga!).
Capisco perfettamente cosa intendi nel dire che la mia "preparazione" è dannosa e non posso che darti ragione perché più che "preparazione" è in effetti una "flagellazione" :-) e se potessi tirarmi con un colpo in testa e svegliarmi direttamente in aereo sono certa del fatto che il mio malessere anziché durare un mese e un'ora e venti durerebbe sicuramente soltanto un'ora e venti (e c'è una gran bella differenza!).
E sì, avevo preso il Rescue Remedy :-) ... il nome mi sembrava in effetti calzante per una che pensava di andare incontro alla morte...!
Lo so che è da folli viaggiare con i tappi nelle orecchie, con il cronometro del telefono in mano fissando spasmodicamente l'incedere dei minuti (eh sì mi ero dimenticata di scrivere anche questo), o evitando di alzarsi per andare in bagno (ma... seriamente... la gente in aereo come fa a alzarsi per andare in bagno? Per non parlare di quelli che si alzano e vanno a fare capannello dove è seduto il loro amico, ma cavolo state seduti al vostro posto) e restando immobilizzata e contratta per tutto il viaggio (tranne il solo fatto che mastico la cicca fino a che non si disintegra in mille pezzi). E tutta questa tensione si scioglie soltanto quando atterro con un fortissimo mal di testa.
E la mia paura mi dà rabbia soprattutto per questo: io che mi reputo una persona più che razionale (e anzi forse troppo razionale) non riesco a sostituire la realtà (e cioè il fatto che sono sempre salita e scesa viva da un aereo) alle mie congetture... Non so per quale motivo sono sempre portata a pensare che la mia è stata solo fortuna è che l'imprevisto è sempre dietro l'angolo.
Una volta, per esempio, mi è capitato che mi venisse sostituito l'aereo prima di partire per un problema tecnico (non so di cosa) e, anche in quel caso, anziché pensare "il fatto che abbiano sostituito il mio aereo è la riprova del fatto che sulla sicurezza non si scherza" ho pensato "col cavolo che prendo l'aereo, vedi che è vero che possono avere mille problemi? E se mi capita mentre son in volo?".
Boh... certe volte mi sconsola proprio essere vittima della mia mente in questo modo...
Continuerò a pensare a quello che hai scritto e a tutto quello che sto leggendo nel forum perché sono determinata a voltare pagina!
Grazie per la pazienza!
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
328gts
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 659
Iscritto il: 1 giugno 2012, 8:41

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da 328gts » 17 novembre 2016, 17:21

Misha ti dico solo che sei nel posto giusto!! :wink:

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da flyingbrandon » 18 novembre 2016, 2:20

Misha ha scritto:Ciao Brandon,
innanzitutto grazie per avermi risposto, che onore!
Misha...mavacagare... :mrgreen:
Misha ha scritto: Ho letto un sacco di tuoi post e nel leggerli ho iniziato seriamente a domandarmi di cosa avessi davvero paura.
Credo però che il fatto che l'ansia del volo di ritorno non mi divori mentre sono via è forse dovuto all'incredibile euforia con cui vivo tutte le mie "trasferte", e penso che questa sia un'emozione di gran lunga superiore a qualsiasi altra (paura compresa). Ed è la stessa euforia che mi fa comprare un biglietto aereo senza pensare al "Oh mio Dio dovrò prendere l'aereo" (penso piuttosto "chissenefrega, non ci penso adesso, adesso penso a tutto quello che avrò la fortuna di vedere!"). Al contrario, invece, riconosco che molto probabilmente l'ansia che mi prende a un mese prima dalla partenza è dovuta al fatto che in alcun momenti, non avendo altri validi diversivi, permetto alla mia mente di vagabondare e elaborare gli scenari più catastrofici.
Credimi...invece in tanti non sono capaci di viversi quei momenti perché sono incapaci di viversi l'euforia e l'emozione del momento. Sai che potresti goderti il viaggio in aereo? Se solo te lo concedessi...senza prendere per "vero" ciò che hai vissuto da bambina.
Misha ha scritto:
E la mia paura mi dà rabbia soprattutto per questo: io che mi reputo una persona più che razionale (e anzi forse troppo razionale) non riesco a sostituire la realtà (e cioè il fatto che sono sempre salita e scesa viva da un aereo) alle mie congetture... Non so per quale motivo sono sempre portata a pensare che la mia è stata solo fortuna è che l'imprevisto è sempre dietro l'angolo.

Per due motivi...legati allo stesso "principio"...il primo è che una esperienza carica dal punto di vista emotivo, anche fisiologicamente, rimane molto più impressa...quindi quella visione di tua mamma così emotivamente provata non poteva che essere "essenziale e vera"...l'aereo è pericoloso....ed è, a tutti gli effetti, una sorta di "programmazione". La seconda è che tra te e tua mamma...anche per il motivo esposto sopra...non può che avere ragione lei. Razionalmente lo puoi capire...come puoi capire tante cose dell'aereo....emotivamente no...forse perché sei ancora "legata" in un modo ....come dire...."diversamente maturo"... :mrgreen:
Misha...è più importante come avrai vissuto e non come o quando morirai. Il primo aspetto dipende da te...il secondo può non dipendere da te. Scegli occuparti di come vivi piuttosto che di come morirai.

Misha ha scritto: Una volta, per esempio, mi è capitato che mi venisse sostituito l'aereo prima di partire per un problema tecnico (non so di cosa) e, anche in quel caso, anziché pensare "il fatto che abbiano sostituito il mio aereo è la riprova del fatto che sulla sicurezza non si scherza" ho pensato "col cavolo che prendo l'aereo, vedi che è vero che possono avere mille problemi? E se mi capita mentre son in volo?".
Embeh?!! Se dovesse avere un problema che significa? Se pagano qualcuno perché vengano risolti significa che è previsto che possano avere dei problemi...a terra come in volo.
Misha ha scritto: Boh... certe volte mi sconsola proprio essere vittima della mia mente in questo modo...
Continuerò a pensare a quello che hai scritto e a tutto quello che sto leggendo nel forum perché sono determinata a voltare pagina!
Grazie per la pazienza!
Misha...più che vittima della tua mente sei carnefice!!! E questo è il punto di partenza...se non riconosci in te stessa la carnefice cercherai sempre delle soluzioni per aiutare la vittima ma, di fatto, aiuterai la carnefice.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 18 novembre 2016, 12:04

A 328gts

Spero proprio di sì! :-)

A flyingbrandon

"Che onore" perché i piloti sono per me creature mitologiche e poter parlare con qualcuno che sale in aereo come io vado in ufficio mi aiuta a ricondurre tutto entro limiti di normalità...
E il bello è che ora mia madre mi prende in giro per il fatto che io abbia paura dell'aereo perché lei sostiene di non averne più... e probabilmente è anche vero perché qualche mese fa è riuscita a farsi sei o sette ore di volo e adesso non fa che ripetermi "quando andiamo a New York?"...
Certo che con una che prima di prendere un aereo mi diceva, passando davanti a una di quelle stanze per il culto che non so perché ci siano in aereoporto (perché le mettono? A questo punto dovrebbero essere anche in ogni stazione è ovvio che poi uno associa all'aereo un maggiore pericolo...), "andiamo a dire una preghiera per arrivare a casa"... al che iniziavo a imprecare... :shock: Oppure prima di partire dovevamo fare il giro a salutare il parentado che sembrava che andavamo incontro a morte sicura per cui meglio salutare tutti prima... Ecco, ovviamente non potevo venire su diversamente e me ne rendo perfettamente conto.
Almeno però sono riuscita a uscire da questo circolo vizioso e ho preso un po' di aerei (probabilmente quelli che tu prendi in due giorni ma va beh...)... a questo punto vorrei solo riuscire non dico a godermi il viaggio (che se ce la faccio al prossimo incontro sulla paura di volare a cui - mi dispiace per voi - prenderò parte sicuramente perché sono troppo contenta di aver trovato questo forum e leggere altre storie di gente che ha paura come me mi fa sentire meno pazza, offro da bere a tutti :lol: ) ma almeno mantenere l'euforia iniziale anche all'avvicinarsi della data di partenza mentre, invece, ogni volta mi sembra che mi stia incamminando verso il patibolo...
Pensa te che sono messa così male da essermi scaricata (tempo fa) un simulatore di volo (lasciamo perdere...)... ci ho perso su pomeriggi interi convincendomi di averci capito qualcosa (e in aereo cercavo di ricondurre tutto quello che succedeva, tipo l'apertura dei flap in fase di atterraggio, a quello che avevo provato a fare io giocando con quel coso)... e la cosa divertente era che comunque non riuscivo mai a fare atterrare l'aereo per cui lo facevo sempre schiantare o andare lungo e dopo un paio di giorni la cosa ha iniziato a darmi sui nervi e ho spento tutto (meno male :lol: )... va beh stendiamo un velo pietoso...
Non so se può avere un significato particolare ma quando ho ripreso l'aereo vivevo in un momento particolarmente bello perché ero riuscita dopo anni di studio, sacrifici e fatiche a raggiungere un obiettivo per me davvero importante e questa cosa per un bel po' di tempo mi ha fatto sentire quasi invincibile e in grado di fare tutto... quindi mi sono detta "è ora di fare anche questa" altrimenti forse non avrei avuto quel coraggio... resta il fatto che non tornerei mai indietro e che anzi vorrei proprio riuscire a fare degli altri piccoli progressi anche perché avrò anche paura di prendere l'aereo ma prenderlo mi ha permesso di fare tutto quello che ho sempre sognato (senza spararmi 15 ore di pullman per arrivare in Spagna, ai tempi d'oro avevo fatto pure questa), il che mi fa stare IMMENSAMENTE BENE e, fidatevi, perché lo dice una persona che organizzava le sue estati cercando soltanto mete raggiungibili in macchina e dopo un po' la sensazione era quella di essere più in trappola di un topo...
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da flyingbrandon » 18 novembre 2016, 12:39

Te lo ripeto...volare è una esperienza bellissima...ma devi viverti il volo esattamente per quello che è...come fai per le intense giornate di vacanza. Non sei invincibile...ma puoi fare tutto lo stesso. Hai il "dovere" di goderti ogni istante della tua vita. Aldilà dell'aereo...è sicuro che prima o poi , almeno fisicamente, tu muoia. Val la Pena decidere di non vivere perché tanto poi si muore? Direi di no. E, dai tuoi stessi racconti, mi sembri della stessa opinione. La prossima volta che volerai non farlo pensando ad altro...non farlo con il cronometro...non farlo mettendo i tappi nelle orecchie. Al contrario...viviti ogni aspetto del volo...durante l'imbarco chiedi di vedere la cabina di pilotaggio...entra in sintonia con il mezzo che ti porterà in vacanza...divertiti. Se fai di tutto per essere in un posto diverso da dove sei è ovvio che sia una sofferenza continua...e ogni sobbalzo che ti ricorda dove sei in realtà è fonte di ansia. Tu sei lì perché vuoi esserci...perché rappresenta una tua evoluzione...perché potrai girare il mondo come vuoi fare...ma fallo immersa totalmente....tua paura compresa se dovesse affacciarsi. Accetta quella come accetti il volo...e sarà tutto diverso...molto diverso....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4615
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da sardinian aviator » 18 novembre 2016, 18:24

Pensa te che sono messa così male da essermi scaricata (tempo fa) un simulatore di volo (lasciamo perdere...)... ci ho perso su pomeriggi interi convincendomi di averci capito qualcosa (e in aereo cercavo di ricondurre tutto quello che succedeva, tipo l'apertura dei flap in fase di atterraggio, a quello che avevo provato a fare io giocando con quel coso)... e la cosa divertente era che comunque non riuscivo mai a fare atterrare l'aereo per cui lo facevo sempre schiantare o andare lungo e dopo un paio di giorni la cosa ha iniziato a darmi sui nervi e ho spento tutto

Ecco, io sono un volatore di lungo corso, dal DC3 in poi, ma anche io col simulatore riesco sempre a schiantarmi, pure col cessnino. Avrò distrutto l'intera produzione del 175 :mrgreen: Mi facevo pure la check list e mi ripetevo OK a ogni item ma mi schiantavo lo stesso :mrgreen: Alla fine ho spento tutto pure io :evil:

Scherzi a parte, cara Misha, quelli come me (e te) alla scuola di volo li buttavano fuori e nemmeno li facevano avvicinare agli aerei di linea, per cui vola tranquilla: chi si siede là davanti sa quello che fa. E non dimenticare che dietro quei bellimbusti gallonati :lol: c'è una caterva di professionisti il cui principale compito è lambiccarsi il cervello per scoprire le eventuali lacune del sistema e predisporre i piani B, C, D......... Quelli sono le vere creature mitologiche :mrgreen: :mrgreen:


Aiuto!
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 19 novembre 2016, 7:21

A sardinian aviator

Ahahaha! Come me! Perché aiuto è scritto in carattere da cecità? :shock:
Sì ma io lo so che sono tutti bravissimi è solo che a volte penso che cavolo la giornata in cui uno ha le palle girate o è stanchissimo e non ha voglia di lavorare capita a tutti... Poi (anche senza il) magari un pilota mi può dire che per lui guidare un aereo è come guidare una macchina e quindi anche se ieri sera ha litigato con la moglie e oggi ha la testa tra le nuvole (tanto per stare in tema) lo guida benissimo lo stesso così come io guiderei la mia macchina... boh, non so se mi sono spiegata!

A flyingbrandon

Si io vorrei anche dirlo agli assistenti di volo che sono un po' agitata solo che poi mi metto nei loro panni e penso che cavolo gli manca proprio la rottura di palle della pazza che sale e gli dice che ha paura... cioè non voglio neanche farmi compatire... poi una volta che glielo volevo dire a metà volo la mia compagna di viaggio me l'ha impedito categoricamente dicendomi "no ti prego mi vergogno"...
Poi sarei anche molto più tranquilla se il pilota parlasse durante il volo (una volta mi è capitato un pilota che ogni tanto parlava e diceva dove eravamo e che manovra avrebbe fatto da lì a poco e la qualità a livello psicologico del mio volo è stata nettamente migliore).

Voglio chiedervi una cosa che proprio non riesco a capire... Quando stilano le liste delle che ne so 30 compagnie aeree più sicure con che criterio ne mettono una al primo posto e una al trentesimo visto che le procedure di sicurezza / i controlli / la manutenzione è standardizzata per tutte? Forse perché la compagnia migliore fa più controlli rispetto a quelli standard? O perché per un caso fortuito quell'anno quella compagnia ha avuto meno incidenti? Ma poi quelle liste tengono conto del fatto che la compagnia A che è al primo posto fa (sparo un numero a caso) 1000 voli all'anno mentre la compagnia Z che è al trentesimo posto (perché ha avuto tipo 10 avarie) ne fa 3000? Cioè quello che io non capisco è con che cavolo di criteri vengono fatte?



The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9452
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da tartan » 19 novembre 2016, 14:16

Ricordati sempre che ogni giorno che passa le probabilità che tu muoia aumentano, quindi se vuoi fare qualcosa che ti piace e per farlo devi prendere l'aereo, prendilo, pensa che è l'ultima cosa che farai e goditela nel farla!
Vedrai che rimarrai delusa perchè dovrai godertela altre volte!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da flyingbrandon » 19 novembre 2016, 20:29

Misha ha scritto: A flyingbrandon

Si io vorrei anche dirlo agli assistenti di volo che sono un po' agitata solo che poi mi metto nei loro panni e penso che cavolo gli manca proprio la rottura di palle della pazza che sale e gli dice che ha paura... cioè non voglio neanche farmi compatire... poi una volta che glielo volevo dire a metà volo la mia compagna di viaggio me l'ha impedito categoricamente dicendomi "no ti prego mi vergogno"...
Dillo pure...non rompi le scatole e avranno un occhio di riguardo in più...non si tratta di compatire. Ah....cambia compagna di viaggio...
Misha ha scritto: Poi sarei anche molto più tranquilla se il pilota parlasse durante il volo (una volta mi è capitato un pilota che ogni tanto parlava e diceva dove eravamo e che manovra avrebbe fatto da lì a poco e la qualità a livello psicologico del mio volo è stata nettamente migliore).
Eh...ma la tua tranquillità non deve dipendere da questo....ma quando visiterai la cabina...dillo...magari ti fanno un annuncio in più.... :mrgreen:
Misha ha scritto:
Voglio chiedervi una cosa che proprio non riesco a capire... Quando stilano le liste delle che ne so 30 compagnie aeree più sicure con che criterio ne mettono una al primo posto e una al trentesimo visto che le procedure di sicurezza / i controlli / la manutenzione è standardizzata per tutte? Forse perché la compagnia migliore fa più controlli rispetto a quelli standard? O perché per un caso fortuito quell'anno quella compagnia ha avuto meno incidenti? Ma poi quelle liste tengono conto del fatto che la compagnia A che è al primo posto fa (sparo un numero a caso) 1000 voli all'anno mentre la compagnia Z che è al trentesimo posto (perché ha avuto tipo 10 avarie) ne fa 3000? Cioè quello che io non capisco è con che cavolo di criteri vengono fatte?
Per sapere il criterio devi sapere chi le fa...ma le statistiche hanno poca importanza...conta se delle compagnie aeree si trovano nelle black list e non hanno il permesso di sorvolare e atterrare in Europa o USA...in quel caso qualche domanda me la farei.... :mrgreen:
Però, Misha, non pensare agli aerei...per risolvere le tue ansie...pensa a te...
Ciao!



The stars are putting on their glittering belts.[/quote]
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 20 novembre 2016, 19:59

tartan ha scritto:Ricordati sempre che ogni giorno che passa le probabilità che tu muoia aumentano, quindi se vuoi fare qualcosa che ti piace e per farlo devi prendere l'aereo, prendilo, pensa che è l'ultima cosa che farai e goditela nel farla!
Vedrai che rimarrai delusa perchè dovrai godertela altre volte!
Spero di sopravvivere... :-) In realtà non ho tanto paura di morire ma più che altro di accorgermi che da lì a 5 minuti morirò (che penso che sia quello che fa paura a tutti)...


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 20 novembre 2016, 20:06

flyingbrandon ha scritto:
Misha ha scritto: A flyingbrandon

Si io vorrei anche dirlo agli assistenti di volo che sono un po' agitata solo che poi mi metto nei loro panni e penso che cavolo gli manca proprio la rottura di palle della pazza che sale e gli dice che ha paura... cioè non voglio neanche farmi compatire... poi una volta che glielo volevo dire a metà volo la mia compagna di viaggio me l'ha impedito categoricamente dicendomi "no ti prego mi vergogno"...
Dillo pure...non rompi le scatole e avranno un occhio di riguardo in più...non si tratta di compatire. Ah....cambia compagna di viaggio...
Misha ha scritto: Poi sarei anche molto più tranquilla se il pilota parlasse durante il volo (una volta mi è capitato un pilota che ogni tanto parlava e diceva dove eravamo e che manovra avrebbe fatto da lì a poco e la qualità a livello psicologico del mio volo è stata nettamente migliore).
Eh...ma la tua tranquillità non deve dipendere da questo....ma quando visiterai la cabina...dillo...magari ti fanno un annuncio in più.... :mrgreen:
Misha ha scritto:
Voglio chiedervi una cosa che proprio non riesco a capire... Quando stilano le liste delle che ne so 30 compagnie aeree più sicure con che criterio ne mettono una al primo posto e una al trentesimo visto che le procedure di sicurezza / i controlli / la manutenzione è standardizzata per tutte? Forse perché la compagnia migliore fa più controlli rispetto a quelli standard? O perché per un caso fortuito quell'anno quella compagnia ha avuto meno incidenti? Ma poi quelle liste tengono conto del fatto che la compagnia A che è al primo posto fa (sparo un numero a caso) 1000 voli all'anno mentre la compagnia Z che è al trentesimo posto (perché ha avuto tipo 10 avarie) ne fa 3000? Cioè quello che io non capisco è con che cavolo di criteri vengono fatte?
Per sapere il criterio devi sapere chi le fa...ma le statistiche hanno poca importanza...conta se delle compagnie aeree si trovano nelle black list e non hanno il permesso di sorvolare e atterrare in Europa o USA...in quel caso qualche domanda me la farei.... :mrgreen:
Però, Misha, non pensare agli aerei...per risolvere le tue ansie...pensa a te...
Ciao!



The stars are putting on their glittering belts.
[/quote]

Grazie della pazienza...
So dell'esistenza della black list e mi terrò ben lungi da quelle compagnie... E questa volta troverò il coraggio di dire a qualcuno che ho una fottutissima paura (che mi costa ammettere :-( )...
A proposito di bravura dei piloti sto giusto guardando "Che tempo che fa" in cui c'è ospite il pilota che ha fatto atterrare l'aereo sull'Hudson................................... che roba.
Il film deve essere bello ma magari lo vado a vedere al mio rientro...


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da flyingbrandon » 20 novembre 2016, 20:25

Misha ha scritto:
Grazie della pazienza...
So dell'esistenza della black list e mi terrò ben lungi da quelle compagnie... E questa volta troverò il coraggio di dire a qualcuno che ho una fottutissima paura (che mi costa ammettere :-( )...
A proposito di bravura dei piloti sto giusto guardando "Che tempo che fa" in cui c'è ospite il pilota che ha fatto atterrare l'aereo sull'Hudson................................... che roba.
Il film deve essere bello ma magari lo vado a vedere al mio rientro...


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
Se continui a chiamarla fottutissima e che ti costa ammetterla significa che non vuoi fare quel "balzo" che ti per,ette di evolvere come persona. Accettala...e vedrai che non avrai più neanche bisogno di lei per viaggiare....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 20 novembre 2016, 21:19

flyingbrandon ha scritto:
Misha ha scritto:
Grazie della pazienza...
So dell'esistenza della black list e mi terrò ben lungi da quelle compagnie... E questa volta troverò il coraggio di dire a qualcuno che ho una fottutissima paura (che mi costa ammettere :-( )...
A proposito di bravura dei piloti sto giusto guardando "Che tempo che fa" in cui c'è ospite il pilota che ha fatto atterrare l'aereo sull'Hudson................................... che roba.
Il film deve essere bello ma magari lo vado a vedere al mio rientro...


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
Se continui a chiamarla fottutissima e che ti costa ammetterla significa che non vuoi fare quel "balzo" che ti per,ette di evolvere come persona. Accettala...e vedrai che non avrai più neanche bisogno di lei per viaggiare....
Ciao!
Eh dico fottutissima perché di tutte le persone con cui parlo nessuno ha paura dell'aereo per cui mi dico con tutte le sfighe del mondo mi doveva capitare proprio questa? Non potevo avere paura dei serpenti o dei ragni? O di andare dal dentista?
Lo so che hai ragione comunque... In questi giorni sto cercando di non pensarci e ci sto anche riuscendo un pochino, sia perché sono impegnata a fare altro sia perché quando mi viene in mente (magari prima di addormentarmi) provo a fare quella cosa di contare i respiri che hai consigliato in molti post e funziona.
Non ci avevo mai pensato e penso lo metterò in atto piuttosto che incrementare la mia ansia continuando a guardare l'orologio... purtroppo non riesco a leggere in aereo, spesso sfoglio il giornalino degli acquisti fino a che non so a memoria tutte le cose che vendono e al ritorno riesco a fare passare un po' di tempo a guardare le foto...
Grazie


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9452
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da tartan » 20 novembre 2016, 22:44

Permettimi di dirti che quell'aereo che così abilmente è stato portato in acqua è stato progettato per poterlo fare altrimenti non sarebbe potuto partire. Non voglio sminuire in alcun modo la capacità e la bravura del pilota, però ritengo giusto e corretto che tu sappia che ogni aereo civile è progettato per poter galleggiare e ogni compagnia aerea deve avere personale di terra e di volo in grado sia di stabilire procedure di scampo che in grado di eseguirle. I primi ad aver paura di volare sono proprio coloro che conoscono csa significa volare, quindi si danno da fare per pararsi il coso, quello li! :D
Anche io non ho paura di morire, sono certissimo che prima o poi, molto poi, morirò, e sempre io ho paura come te di morire sapendo di stare per morire, però credo cha sarà molto difficile morire senza sapere di esserci, quindi cerco di vivere il più possibile, non il più tempo possibile. :D
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11091
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da flyingbrandon » 20 novembre 2016, 23:08

Misha ha scritto:
Eh dico fottutissima perché di tutte le persone con cui parlo nessuno ha paura dell'aereo per cui mi dico con tutte le sfighe del mondo mi doveva capitare proprio questa? Non potevo avere paura dei serpenti o dei ragni? O di andare dal dentista?
Onesto? Fossero queste le sfighe del mondo. La sfiga, se anche dovessi crederci, dovrebbe essere qualcosa che ti è capitata...la paura...non è una sfiga....
Misha ha scritto: Lo so che hai ragione comunque... In questi giorni sto cercando di non pensarci e ci sto anche riuscendo un pochino, sia perché sono impegnata a fare altro sia perché quando mi viene in mente (magari prima di addormentarmi) provo a fare quella cosa di contare i respiri che hai consigliato in molti post e funziona.
Non ci avevo mai pensato e penso lo metterò in atto piuttosto che incrementare la mia ansia continuando a guardare l'orologio... purtroppo non riesco a leggere in aereo, spesso sfoglio il giornalino degli acquisti fino a che non so a memoria tutte le cose che vendono e al ritorno riesco a fare passare un po' di tempo a guardare le foto...
Grazie
Non pensare di fare altro...se ti viene paura...chiudi gli occhi...concentrati sul tuo respiro....com'è? Quanti ne fai in un minuto? Cosa altro senti? Gioca con la tua paura...impara a conoscerti attraverso la tua paura...scrivi dopo che hai fatto tutto questo...e la volta dopo, se dovesse ricapitare....fai la stessa cosa....e scrivi...e poi rileggile...ma solo dopo...
Ciao!


Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk[/quote]
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 21 novembre 2016, 11:31

tartan ha scritto:Permettimi di dirti che quell'aereo che così abilmente è stato portato in acqua è stato progettato per poterlo fare altrimenti non sarebbe potuto partire. Non voglio sminuire in alcun modo la capacità e la bravura del pilota, però ritengo giusto e corretto che tu sappia che ogni aereo civile è progettato per poter galleggiare e ogni compagnia aerea deve avere personale di terra e di volo in grado sia di stabilire procedure di scampo che in grado di eseguirle. I primi ad aver paura di volare sono proprio coloro che conoscono csa significa volare, quindi si danno da fare per pararsi il coso, quello li! :D
Anche io non ho paura di morire, sono certissimo che prima o poi, molto poi, morirò, e sempre io ho paura come te di morire sapendo di stare per morire, però credo cha sarà molto difficile morire senza sapere di esserci, quindi cerco di vivere il più possibile, non il più tempo possibile. :D
Non dirmi che i piloti hanno paura di volare dai... :-)
Però si in effetti non penso siano dei pazzi suicidi (fatte salve le dovute eccezioni...........) e ci tengano a tornare a casa vivi tanto quanto ci tengo io!
Dobbiamo sperare di morire nel sonno allora :-) o così vecchi da non capire più niente... :-/ o sul colpo! Che bei discorsi...



The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9452
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da tartan » 21 novembre 2016, 12:49

Credo proprio che tu non abbia capito quello che volevo dire, anzi, sono io che non mi sono spiegato bene.
Io non volerei mai con un pilota che non ha paure, sono i peggiori! Poi, fai tu, tienti le tue paure e chiedi conforto e carezze!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 21 novembre 2016, 14:38

tartan ha scritto:Credo proprio che tu non abbia capito quello che volevo dire, anzi, sono io che non mi sono spiegato bene.
Io non volerei mai con un pilota che non ha paure, sono i peggiori! Poi, fai tu, tienti le tue paure e chiedi conforto e carezze!
No no avevo capito... Intendevi dire che non prendono sotto gamba quello che fanno e quindi sono sicuramente attentissimi...
Come in tutto è meglio avere qualche timore in più e quindi adottare qualche accortezza in più, sono pienamente d'accordo.
Certo non paura di volare intesa come la intendo io... Non penso che un pilota che sale in aereo prega ogni volta di avere la fortuna di scendere vivo... altrimenti forse non è il mestiere per lui... Ma correggetemi se sbaglio.
È evidente che se sono qui è perché le mie paure non me le voglio tenere e non cerco di certo conforto...



The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 23 novembre 2016, 8:21

Tra una settimana si apre il check-in... Leggendo questo forum e vedendo come siete tutti appassionati mi sta quasi venendo voglia... Poi me la farò addosso comunque di sicuro! :-)
Per deformazione mentale ho controllato il meteo e per fortuna il pericolo neve sembra scampato... danno sole! Che poi il meteo a due settimane di anticipo non ci azzeccherà mai ma almeno mi hanno tolto la nuvoletta con i fiocchi di neve... :-)


The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4615
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da sardinian aviator » 23 novembre 2016, 9:12

Misha ha scritto:Tra una settimana si apre il check-in...
Ma è presto per mettersi in fila :mrgreen:
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 23 novembre 2016, 20:00

sardinian aviator ha scritto:
Misha ha scritto:Tra una settimana si apre il check-in...
Ma è presto per mettersi in fila :mrgreen:
Vero Vero... speriamo però che mi capiti un posto sulle ali o al massimo in coda in modo da riuscire a vedere comunque le ali...
Mi sto leggendo tutti i post della sezione Paura di Volare e davvero siete fantastici... Se non avessi trovato questo sito sarei stata a farmi le paranoie e invece mi leggo i racconti di tutte le altre persone che pur avendo i peggio presagi come me sono atterrate vive... mi date coraggio!


The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9452
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da tartan » 23 novembre 2016, 21:07

I presagi non esistono, sono una nostra invenzione e la coda dell'aereo è il peggior posto per volare senza scossoni.
Mo te l'ho detto! PS è comunque quello più sicuro in caso di incidente! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 23 novembre 2016, 21:33

tartan ha scritto:I presagi non esistono, sono una nostra invenzione e la coda dell'aereo è il peggior posto per volare senza scossoni.
Mo te l'ho detto! PS è comunque quello più sicuro in caso di incidente! :mrgreen:
Il centrale è il migliore per stabilità?
L'ultimo me lo faccio andare bene anche se più movimentato appunto perché ho letto in internet che è il più sicuro ma spero comunque di non capitarci...
Questa estate ero capitata in ultima fila e ho passato due giorni a piangere come una scema fino a che non mi sono convinta che andava bene perché era sicuro... per fortuna non ci sono state turbolenze però...
Le prime file... mi sembra di stare sulla punta di un missile sparato in aria... :-(


The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9452
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da tartan » 23 novembre 2016, 22:00

Si i centrali, quelli vicino al baricentro, sono i più stabili. Potrai andare su e giù ma non fai l'altalena. Comunque in altalena ci si diverte e tu prova comunque a divertirti, tanto è tutto previsto, stimato e marginato, non emarginato ma marginato cioè ci sono apllicati margini di sicurezza. E poi sulle ali non vedi niente di sotto. :D
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2159
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da la franci » 24 novembre 2016, 17:48

Misha ha scritto: Il centrale è il migliore per stabilità?
L'ultimo me lo faccio andare bene anche se più movimentato appunto perché ho letto in internet che è il
Ciao!!! sono stata un po' PRESISSIMA ma per fortuna eccomi qui!!! il centrale è il più stabile... ok... ma non vedi nulla!!! come puoi imparare ad amare il volo se tieni gli occhi chiusi????? :shock:
....il decollo, il rombo dei motori, la sensazione bellissima di aver staccato... insomma... io pagherei per poter fare una sola tratta in cockpit e VEDERE!!!! invece mi tocca pagare per vedere solo di lato... TU HAI PAGATO UN BIGLIETTO E VUOI "NON VEDERE?"

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 24 novembre 2016, 19:23

la franci ha scritto:
Misha ha scritto: Il centrale è il migliore per stabilità?
L'ultimo me lo faccio andare bene anche se più movimentato appunto perché ho letto in internet che è il
Ciao!!! sono stata un po' PRESISSIMA ma per fortuna eccomi qui!!! il centrale è il più stabile... ok... ma non vedi nulla!!! come puoi imparare ad amare il volo se tieni gli occhi chiusi????? :shock:
....il decollo, il rombo dei motori, la sensazione bellissima di aver staccato... insomma... io pagherei per poter fare una sola tratta in cockpit e VEDERE!!!! invece mi tocca pagare per vedere solo di lato... TU HAI PAGATO UN BIGLIETTO E VUOI "NON VEDERE?"
Ciao! Grazie per la tua risposta! :-)
A me fa tantissima paura il rombo dei motori... e quando l'aereo si stacca ho sempre il terrore che all'improvviso non abbia abbastanza spinta per salire... mi fa davvero paura... mi immagino che non abbia forza per finire la salita e piombi giù... in quel momento tengo gli occhi chiusi sperando che faccia il suo dovere... Quando sono in quota ho bisogno di vedere le ali perché quando ci sono turbolenze mi tranquillizza vedere che l'ala nonostante la turbolenza si muova ben poco... mi da idea di stabilità... ma il decollo... quando si stacca... il terrore allo stato puro... di solito dico a chi è con me di darmi un colpo quando l'aereo è dritto è solo allora riapro gli occhi... la vivo davvero male...


The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2159
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da la franci » 24 novembre 2016, 20:38

urca!!!!! non hai mai pensato che il tuo viverla male possa derivare proprio dal tuo rifiuto di viverla????? ad occhi chiusi amplifichi i rumori ed attribuisci ad ogni suono/movimento un significato che non rappresenta la realtà, ma il tuo vissuto! certo.... questo ti aiuta a giustificare la paura, ma non è la realtà, bensì ciò che pensi tu!!!!
ad occhi aperti il rombo dei motori è la musica che accompagna lo scalpitare delle ali che non vedono l'ora di librarsi in aria.... ad occhi aperti il decollo è spinta fino a quando si stacca, poi è un movimento naturale che lo porta su... ad occhi aperti la sensazione che hai nella pancia è emozione durante la virata in decollo quando, se sei fortunata e seduta sul lato giusto, il paesaggio si apre sotto i tuoi occhi quasi a 360 gradi... ad occhi aperti il tremolare improvviso è quel batuffolo di nuvola che vi avvolge fino a quando scompare disegnando un tappeto luminoso sotto di voi!!!
COSA C'È DI MEGLIO????

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 24 novembre 2016, 21:44

la franci ha scritto:urca!!!!! non hai mai pensato che il tuo viverla male possa derivare proprio dal tuo rifiuto di viverla?????
Prima di iniziare a bazzicare su questo sito non ci avevo mai pensato ma ho iniziato a pensarci dopo che me lo ha fatto capire anche flyingbrandon... avete ragione entrambi. Io sono esagerata perché chiudo gli occhi, mi metto i tappi nelle orecchie e mi isolo in un mutismo pre-mortem che interrompo ciclicamente per dire alla persona che è con me: "sono passati 10 minuti!" "sono passati 20 minuti!" "sono passati 30 minuti!" e poi "mancano 30 minuti" o "inizia a scendere guarda! Vedi anche tu la punta che si abbassa vero? vero?"... boh sono davvero un caso senza speranza. Però una cosa l'ho capita ed è che non posso iniziare a stare male un mese prima perché effettivamente sto male soltanto per un'idea che è unicamente nella mia testa. E non ci avevo mai pensato! Ma se mi incupisco da un mese prima sicuramente non posso dar la colpa all'aereo perché non mi ha fatto ancora proprio niente... Almeno sotto questo profilo un progresso l'ho fatto! Voglio prenderlo l'aereo... Mi devo convincere che non devo avere paura come mi sono convinta che è da pazzi star male per un'idea.
Grazie :-)



The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2159
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da la franci » 24 novembre 2016, 22:12

Misha ha scritto:... Mi devo convincere che non devo avere paura come mi sono convinta che è da pazzi star male per un'idea.
Grazie :-)
forse il passaggio è l'opposto! nessuno di noi nasce con la paura... ai bambini il senso del pericolo cresce con l'età! tu ti sei convinta nel tempo ad avere paura... inconsciamente o con mente lucida hai attribuito al volo un significato diverso da quello che è.... non devi fare nessun percorso nè ti devi convincere.... non vuoi avere paura??? NON AVERLA!! non c'è motivo e, come hai giustamente notato, è uno spreco di energie non indifferente!!
occupa il tempo di volo in altro modo... leggi, parla, ascoltati, medita, truccati o lima le unghie! sai quante cose puoi fare oltre a guardare fuori????

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da MartaP » 25 novembre 2016, 9:13

sardinian aviator ha scritto:
Misha ha scritto:Tra una settimana si apre il check-in...
Ma è presto per mettersi in fila :mrgreen:
dipende.... :toothy7:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da MartaP » 25 novembre 2016, 9:35

Cara Misha, :D
vogliamo trasformarle, queste tue convinzioni, che dici? :mrgreen:
Misha ha scritto: A me fa tantissima paura il rombo dei motori... e quando l'aereo si stacca ho sempre il terrore che all'improvviso non abbia abbastanza spinta per salire... mi fa davvero paura... mi immagino che non abbia forza per finire la salita e piombi giù...in quel momento tengo gli occhi chiusi sperando che faccia il suo dovere... Quando sono in quota ho bisogno di vedere le ali perché quando ci sono turbolenze mi tranquillizza vedere che l'ala nonostante la turbolenza si muova ben poco... mi da idea di stabilità... ma il decollo... quando si stacca... il terrore allo stato puro... di solito dico a chi è con me di darmi un colpo quando l'aereo è dritto, è solo allora riapro gli occhi... la vivo davvero male...
:flower: Il rombo dei motori, anzi, il soave rombo dei motori ti dovrebbe rassicurare, è segno che stanno funzionando alla grande....casomai mi preoccuperei se non lo sentissi.... :wink:

:flower: La spinta per salire non è un'entità astratta, decisa a caso: è un calcolo matematico che varia a seconda di tante variabili.. ( indicazioni della casa costruttrice dell'aereo, peso del carico ( passeggeri + bagagli) , meteo, lunghezza della pista, direzione e intensità del vento, pista bagnata e non, ecc...) e viene calcolata ad ogni volo.

:flower: Nel caso di una avaria durante il decollo, i piloti pianificano cosa fare a priori e sanno già in che aeroporti alternati devono andare, se l'aeroporto dal quale sono decollati non può autorizzarli a tornare...

:flower: vedere le ali è un'ottima cosa, con le turbolenze o senza..(.ma l'ala non deve essermi d'intralcio perchè altrimenti non riesco a fotografare.... :mrgreen:)

:flower: se vivi male il decollo è solo perchè hai deciso che deve essere cosi. Devi decidere tu, cosa vuoi essere/fare/sentire. Devi essere consapevole. Devi salire su per le scalette pensando: oggi mi godo il volo ( nel mio caso aggiungo anche: speriamo che gli AAVV passino al più presto con il carrello... :mrgreen: )

:flower: Nella pianificazione di un volo, niente è lasciato al caso. E' tutto studiato e deciso.

Non è il decollo, il tuo problema: è l'essere consapevole , il vivere nel presente,il valutare obiettivamente ciò che stai vivendo in un dato momento. Il qui e ora è l'unica cosa che conta. :wink:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4615
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da sardinian aviator » 25 novembre 2016, 11:46

Marta, ma stai studiando per l'abilitazione al plurimotore? :mrgreen:
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 537
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Voglio vincere la mia paura

Messaggio da Misha » 26 novembre 2016, 8:21

MartaP ha scritto: Il rombo dei motori, anzi, il soave rombo dei motori ti dovrebbe rassicurare, è segno che stanno funzionando alla grande....casomai mi preoccuperei se non lo sentissi.... :wink:
Si in effetti è vero... Mi fa paura perché mi sembra che gli stiano "tirando il collo" quindi penso "ecco ora scoppia tutto"... razionalmente mi dico sono progettati per fare quello e non gli si colerà il motore...
MartaP ha scritto: La spinta per salire non è un'entità astratta, decisa a caso: è un calcolo matematico che varia a seconda di tante variabili.. ( indicazioni della casa costruttrice dell'aereo, peso del carico ( passeggeri + bagagli) , meteo, lunghezza della pista, direzione e intensità del vento, pista bagnata e non, ecc...) e viene calcolata ad ogni volo.
Ecco ora mi sto sentendo massimamente ignorante perché pensavo che l'aereo si "accendesse" e partisse...
Ma quindi - chiedo scusa in partenza per la domanda stupida - se un pilota decolla talmente bene che io non me ne accorgo (nel senso che forse sale con un angolo piccolo, scusate se parlo in maniera così barbara ma non so come si dice) è perché è stato calcolato che salga così e non perché è più bravo lui rispetto a un altro?
E invece magari se è brutto tempo il pilota deve per forza andare su più rapidamente quindi la salita è più verticale (e non è che è lui che ama il volo spericolato per intenderci...)...

Grazie!



The stars are putting on their glittering belts.
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Rispondi