Riguardo la paura di volare

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Riguardo la paura di volare

Messaggio da Blues77 » 12 agosto 2017, 15:22

Perché, secondo voi, chi ha paura di volare, non teme di spostarsi in macchina?
Recentemente, ho fatto in pullman il tratto da Milano a Brindisi, poi mi sono imbarcato sul traghetto per Valona e da lì ancora in pullman fino a Tirana.
A parte la pesantezza del viaggio, sono abbastanza convinto di aver corso più rischi di quanti ne abbia mai potuto correre nel corso dei miei non pochi viaggi in aereo.
Eppure, con i piedi a terra ( si fa per dire) mi sono sentito meno in ansia

camicius
FL 150
FL 150
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 luglio 2009, 9:20

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da camicius » 12 agosto 2017, 15:45

Credo che il punto sia l'illusione di potersi fermare in ogni momento, cosa che in aereo non si può fare...

Ciao
Andrea
----
Pilotastro della domenica
Il decollo è facoltativo, l'atterraggio, obbligatorio
VBS PPL Achieved! - Le mie Jetphotos- Le mie foto, aerei e non solo...
Immagine

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 12 agosto 2017, 19:55

Blues77 ha scritto:Perché, secondo voi, chi ha paura di volare, non teme di spostarsi in macchina?
Recentemente, ho fatto in pullman il tratto da Milano a Brindisi, poi mi sono imbarcato sul traghetto per Valona e da lì ancora in pullman fino a Tirana.
A parte la pesantezza del viaggio, sono abbastanza convinto di aver corso più rischi di quanti ne abbia mai potuto correre nel corso dei miei non pochi viaggi in aereo.
Eppure, con i piedi a terra ( si fa per dire) mi sono sentito meno in ansia
Perché se avessi paura di spostarti in macchina sarebbe davvero limitante...diventerebbe un qualcosa di evidentemente "patologico" e più difficile da nascondere a se stessi.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2550
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da MartaP » 14 agosto 2017, 12:23

Blues77 ha scritto:Perché, secondo voi, chi ha paura di volare, non teme di spostarsi in macchina?
..con la scusa che l'auto la guidi, hai l'impressione di avere il "controllo " della situazione...cosa ovviamente non vera, perchè non puoi controllare il deficiente che ti taglia la strada, che passa con il rosso, che fa sorpassi con la doppia linea, che ti attraversa la strada all'ultimo momento... senza contare gli autisti dei TIR che non ti vedono....ecc, ecc... :roll:

Infine, chi ha paura di volare spesso teme anche di spostarsi in auto condotte da altri....e ritorniamo al discorso di cui sopra...
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6685
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Lampo 13 » 14 agosto 2017, 13:37

Blues77 ha scritto:Perché, secondo voi, chi ha paura di volare, non teme di spostarsi in macchina?
Recentemente, ho fatto in pullman il tratto da Milano a Brindisi, poi mi sono imbarcato sul traghetto per Valona e da lì ancora in pullman fino a Tirana.
A parte la pesantezza del viaggio, sono abbastanza convinto di aver corso più rischi di quanti ne abbia mai potuto correre nel corso dei miei non pochi viaggi in aereo.
Eppure, con i piedi a terra ( si fa per dire) mi sono sentito meno in ansia
Mio collega di corso in AMI. 1°Uff su B747 AZ, decolla da Malpensa per Milano, avaria motore, procedura standard, scarico di carburante, rientro a Malpensa. Pratiche burocratiche.
Prende l'automobile dal parcheggio per tornare a casa...
mentre viaggia incrocia un camion col rimorchio, il grosso perno che mantiene agganciato il rimorchio si spezza,
il rimorchio si sposta sulla sua corsia e lui ci finisce sotto morendo e lasciando moglie e due figli.
Ovviamente non se n'è neppure accorto, era tutto al di fuori del suo controllo.
L'avaria motore l'ha potuta gestire tranquillamente, senza conseguenze se non una cancellazione del volo,
la rottura del perno del rimorchio no, ed è morto.
Giusto uno stimolo a pensare a cosa è pericoloso e a cosa non lo è.
In 28 anni di volo di linea io non ho mai avuto una avaria ad un motore...

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9560
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da tartan » 14 agosto 2017, 13:45

Lampo 13 ha scritto: In 28 anni di volo di linea io non ho mai avuto una avaria ad un motore...
E io (io vale per tutti quelli come me) le ho previste e calcolate su tutti i voli che ha fatto.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 28 agosto 2017, 21:03

Ciao è il mio primo messaggio qua :)

Per me è esattamente così, l'illusione del controllo. Anche io non amo andare in macchina con altri, solo con mio marito vado tranquilla.
Mi infastidiscono gli ascensori e per esempio, i grattacieli. Le situazioni in cui non posso scendere quando dico io insomma...
Leggendo libri ho finalmente capito che è proprio una illusione questa, la mente che vede cose che non ci sono...

In realtà ho fatto anche più intercontinentali ma mai tranquilla e questo mi scoccia. Voglio andare a breve di nuovo da qualche parte e godermi il volo

A proposito che dite dall'interno, si riprende Alitalia? È la mia compagnia preferita :)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 28 agosto 2017, 23:52

Chiarag ha scritto:Ciao è il mio primo messaggio qua :)

Per me è esattamente così, l'illusione del controllo. Anche io non amo andare in macchina con altri, solo con mio marito vado tranquilla.
Mi infastidiscono gli ascensori e per esempio, i grattacieli. Le situazioni in cui non posso scendere quando dico io insomma...
Leggendo libri ho finalmente capito che è proprio una illusione questa, la mente che vede cose che non ci sono...

In realtà ho fatto anche più intercontinentali ma mai tranquilla e questo mi scoccia. Voglio andare a breve di nuovo da qualche parte e godermi il volo

A proposito che dite dall'interno, si riprende Alitalia? È la mia compagnia preferita :)
Non hai mai il controllo su niente...così come non lo può avere tuo marito in macchina. I grattacieli perché? Puoi scendere dal grattacielo....anche a piedi se ti va...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
sardinian aviator
FL 450
FL 450
Messaggi: 4679
Iscritto il: 20 ottobre 2009, 11:12
Località: Nord Sardegna

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da sardinian aviator » 29 agosto 2017, 15:44

tartan ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: In 28 anni di volo di linea io non ho mai avuto una avaria ad un motore...
E io (io vale per tutti quelli come me) le ho previste e calcolate su tutti i voli che ha fatto.
E io ho cercato di rendere l'aeroporto a prova di idiota per prevenire le cappellate che potrebbero aver fatto i primi due :mrgreen:
È meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli piuttosto che aprire bocca e togliere ogni dubbio

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 5 settembre 2017, 23:28

flyingbrandon ha scritto:
Chiarag ha scritto:Ciao è il mio primo messaggio qua :)

Per me è esattamente così, l'illusione del controllo. Anche io non amo andare in macchina con altri, solo con mio marito vado tranquilla.
Mi infastidiscono gli ascensori e per esempio, i grattacieli. Le situazioni in cui non posso scendere quando dico io insomma...
Leggendo libri ho finalmente capito che è proprio una illusione questa, la mente che vede cose che non ci sono...

In realtà ho fatto anche più intercontinentali ma mai tranquilla e questo mi scoccia. Voglio andare a breve di nuovo da qualche parte e godermi il volo

A proposito che dite dall'interno, si riprende Alitalia? È la mia compagnia preferita :)
Non hai mai il controllo su niente...così come non lo può avere tuo marito in macchina. I grattacieli perché? Puoi scendere dal grattacielo....anche a piedi se ti va...
Ciao!
Ciao! Scusa il ritardo, non trovavo più il post. Hai ragione! È proprio quello il punto...non ho il controllo ma mi illudo di averlo in certe situazioni.
Devo disinnescare questa illusione :)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 5 settembre 2017, 23:37

Chiarag ha scritto:
Ciao! Scusa il ritardo, non trovavo più il post. Hai ragione! È proprio quello il punto...non ho il controllo ma mi illudo di averlo in certe situazioni.
Devo disinnescare questa illusione :)
Il punto è che non devi disinnescare niente...il punto è che dici di aver capito che è una illusione ma continui a crederla reale...continui a credere che tu possa avere un controllo su qualcosa...allora ti chiedo...in cosa credi di averlo? Se non smetti di crederci, semplicemente, nel profondo di te continui a NON voler abbandonare quell'idea. Quando smetterai di crederci...semplicemente non sentirai più la necessità di cercarlo...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 8 ottobre 2017, 13:00

flyingbrandon ha scritto:
Chiarag ha scritto:
Ciao! Scusa il ritardo, non trovavo più il post. Hai ragione! È proprio quello il punto...non ho il controllo ma mi illudo di averlo in certe situazioni.
Devo disinnescare questa illusione :)
Il punto è che non devi disinnescare niente...il punto è che dici di aver capito che è una illusione ma continui a crederla reale...continui a credere che tu possa avere un controllo su qualcosa...allora ti chiedo...in cosa credi di averlo? Se non smetti di crederci, semplicemente, nel profondo di te continui a NON voler abbandonare quell'idea. Quando smetterai di crederci...semplicemente non sentirai più la necessità di cercarlo...
Ciao!
Vero...
Il punto è come smettervi di crederci del tutto...
Sicuramente si può decidere di farlo e basta...ma mi sta aiutando leggervi.
Mi scoccia anche perché sento che è una questione relativa a come si vive la vita è non va bene così.
Comunque voglio riprendere l’aereo a breve per riprovare e anche perché tutti i posti che mi piacciono sono lontani e voglio tornarci.
Ps: scusa per il ritardo, ho scoperto adesso che posso mettere avviso via mail, mi perdevo i post.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 8 ottobre 2017, 18:40

Chiarag ha scritto: Vero...
Il punto è come smettervi di crederci del tutto...
Non c'è un come...ci sono moltissimi modi...ma tutti, per essere efficaci, passano dal farne esperienza...cioè vivere un’esperienza in modo diverso. Non devi necessariamente cambiare il tuo modo di vivere volando...ma in tutto ciò che fai. Avrai sicuramente N cose che fai per tenere sotto controllo la tua vita...ecco smetti di fare quelle N cose...anche partendo da N-1 e vedrai come la tua vita migliorerà...quello che oggi chiami “imprevisto”...domani diventa “opportunità”. Solo quando qualcosa diventa una tua esperienza puoi decidere di “crederci” e abbandonare quello che schema di pensiero che , al momento, ti appare “sicuro” come la coperta di Linus.
Chiarag ha scritto: Sicuramente si può decidere di farlo e basta...ma mi sta aiutando leggervi.
Mi scoccia anche perché sento che è una questione relativa a come si vive la vita è non va bene così.
Invece va proprio bene così....altrimenti come potresti accorgerti di non viverla come potresti? Questo è il tuo segnale...la tua spia...non devi tagliare I’ll filo della tua spia ma capire lo “schema” e toglierlo. Quando ti si accende la spia della benzina in auto cosa fai? Tagli il filo oppure metti la benzina?
Chiarag ha scritto: Comunque voglio riprendere l’aereo a breve per riprovare e anche perché tutti i posti che mi piacciono sono lontani e voglio tornarci.
Ps: scusa per il ritardo, ho scoperto adesso che posso mettere avviso via mail, mi perdevo i post.
Se vuoi prenderlo ti basta comprare un biglietto e prenderlo. Il tempo che intercorre tra l’acquisto e il volo, per te, non ha motivo di essere un periodo di “pensiero”...perché tu sei una passeggera e non devi occuparti di bollettini meteo o altro. È più semplice di quello che hai fatto fino ad adesso....
Figurati. Io non uso quella funzione....ti basta collegarti al sito e vedere se qualcuno ti ha risposto....di solito accade... :mrgreen:
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 8 ottobre 2017, 19:45

flyingbrandon ha scritto: Non c'è un come...ci sono moltissimi modi...ma tutti, per essere efficaci, passano dal farne esperienza...cioè vivere un’esperienza in modo diverso. Non devi necessariamente cambiare il tuo modo di vivere volando...ma in tutto ciò che fai. Avrai sicuramente N cose che fai per tenere sotto controllo la tua vita...ecco smetti di fare quelle N cose...anche partendo da N-1 e vedrai come la tua vita migliorerà...quello che oggi chiami “imprevisto”...domani diventa “opportunità”. Solo quando qualcosa diventa una tua esperienza puoi decidere di “crederci” e abbandonare quello che schema di pensiero che , al momento, ti appare “sicuro” come la coperta di Linus.


Se vuoi prenderlo ti basta comprare un biglietto e prenderlo. Il tempo che intercorre tra l’acquisto e il volo, per te, non ha motivo di essere un periodo di “pensiero”...perché tu sei una passeggera e non devi occuparti di bollettini meteo o altro. È più semplice di quello che hai fatto fino ad adesso....
Figurati. Io non uso quella funzione....ti basta collegarti al sito e vedere se qualcuno ti ha risposto....di solito accade... :mrgreen:
Ciao!

Ad esempio cosa potrebbero essere delle cose che si fanno per tenere sotto controllo la vita?
Io sono buddista e credo nella possibilità di indirizzare positivamente la nostra vita...forse qui c’è un altro punto che però faccio fatica a risolvere...non so. :|

Eh avrei qualche giorno a dicembre a cavallo di natale ma non riesco a decidere la meta e :roll: non mi scatta qualcosa. Accetto suggerimenti :lol:

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 8 ottobre 2017, 20:59

Chiarag ha scritto: Ad esempio cosa potrebbero essere delle cose che si fanno per tenere sotto controllo la vita?
Questo lo puoi sapere senza dubbio meglio tu di chiunque...ma di solito tutto ciò che passa per una programmazione ha quello scopo. Il tentativo di controllo lo applichi ogni qual volta vuoi “sapere” cosa accadrà. Ci sono ambiti della vita che necessariamente passano da una “programmazione”...ma l’errore sta ad estenderlo ad “ogni” aspetto della nostra vita. Può essere di natura pratica ma anche filosofica. Ogni volta che pensi a cosa dovresti o dovrai fare nel tuo futuro applichi un tentativo di controllo
Chiarag ha scritto: Io sono buddista e credo nella possibilità di indirizzare positivamente la nostra vita...forse qui c’è un altro punto che però faccio fatica a risolvere...non so. :|

Dover spiegare ad una buddista l’importanza di vivere il presente mi appare paradossale... :mrgreen:
Ad esempio...cosa intendi tu per indirizzare positivamente la tua vita? È un punto abbastanza fondamentale questo...e può essere una fonte di “controllo” , filosofico, non da poco. Spiegati meglio....
Chiarag ha scritto: Eh avrei qualche giorno a dicembre a cavallo di natale ma non riesco a decidere la meta e :roll: non mi scatta qualcosa. Accetto suggerimenti :lol:
Se vuoi metterti alla prova e volare...la meta non è un problema...va bene qualsiasi posto...ma perché aspettare dicembre? Non hai due giorni liberi prima?

Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 8 ottobre 2017, 21:49

flyingbrandon ha scritto:
Chiarag ha scritto: Ad esempio cosa potrebbero essere delle cose che si fanno per tenere sotto controllo la vita?
Questo lo puoi sapere senza dubbio meglio tu di chiunque...ma di solito tutto ciò che passa per una programmazione ha quello scopo. Il tentativo di controllo lo applichi ogni qual volta vuoi “sapere” cosa accadrà. Ci sono ambiti della vita che necessariamente passano da una “programmazione”...ma l’errore sta ad estenderlo ad “ogni” aspetto della nostra vita. Può essere di natura pratica ma anche filosofica. Ogni volta che pensi a cosa dovresti o dovrai fare nel tuo futuro applichi un tentativo di controllo
Chiarag ha scritto: Io sono buddista e credo nella possibilità di indirizzare positivamente la nostra vita...forse qui c’è un altro punto che però faccio fatica a risolvere...non so. :|

Dover spiegare ad una buddista l’importanza di vivere il presente mi appare paradossale... :mrgreen:
Ad esempio...cosa intendi tu per indirizzare positivamente la tua vita? È un punto abbastanza fondamentale questo...e può essere una fonte di “controllo” , filosofico, non da poco. Spiegati meglio....
Chiarag ha scritto: Eh avrei qualche giorno a dicembre a cavallo di natale ma non riesco a decidere la meta e :roll: non mi scatta qualcosa. Accetto suggerimenti :lol:
Se vuoi metterti alla prova e volare...la meta non è un problema...va bene qualsiasi posto...ma perché aspettare dicembre? Non hai due giorni liberi prima?

Ciao!
Uhm allora, si, tendo a programmare nelle cose importanti (tale obiettivo di lavoro nel 2018 ad esempio)...e si forse troppo. Nella vita di tutti i giorni invece improvviso molto...sono disordinata, mi dimentico le cose :lol: mi scocciano gli impegni fissi...arrivo in ritardo agli appuntamenti :roll:

Indirizzare positivamente significa credere che ogni pensiero, parola, azione pone delle cause e quindi ponendo cause positive avremo effetti positivi (si ottiene karma positivo insomma). Certo, difficile conoscere quale è il nostro karma, ovviamente, succedono cose che magari non ci aspettiamo...ma comunque praticando andiamo verso la purificazione del karma e quindi anche il miglioramento delle condizioni individuali e la felicità personale...è sicuramente un riappropriarsi del controllo sulla propria vita, in un certo senso.
Ogni pensiero riverbera nei tremila mondi (cioè in tutto l’universo) e quindi crea effetti...cambiando questi pensieri possiamo cambiare gli effetti...per farlo recitiamo un mantra (nam myoho renghe kyo) che fa emergere la natura di Buddha. C’è anche il concetto di abbandono ma comunque un abbandono che finisce sempre in positivo una volta che l’abbandono alle proprie paure è stato fatto, perché le paure sono illusioni. Credo forse di non aver ben conciliato questi due aspetti...la trasformazione del karma e l’abbandono...scusami la digressione filosofica :?

Purtroppo per impegni famigliari temo di non riuscire prima, soprattutto di mio marito. Ho un bimbo piccolino e non riesco a svignarmela da sola :bounce: e ancora mi rimane impegnativo, la sensazione del “viaggione” organizzare per un aereo (che scema :roll: ) quindi puntavo a 4-5 giorni...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 8 ottobre 2017, 23:26

Chiarag ha scritto:
Uhm allora, si, tendo a programmare nelle cose importanti (tale obiettivo di lavoro nel 2018 ad esempio)...e si forse troppo. Nella vita di tutti i giorni invece improvviso molto...sono disordinata, mi dimentico le cose :lol: mi scocciano gli impegni fissi...arrivo in ritardo agli appuntamenti :roll:

Anche io sono disordinato...anche a me scocciano gli impegni fissi....anche io “improvviso” le mie giornate...ma non genero alcun tipo di ansie....quindi direi che non sono un ingrediente fondamentale. Io, però, oltre a non arrivare in ritardo, non programmo. Vivo immerso nella programmazione che fanno della mia vita...ma quando stacco dal lavoro , eventualmente, programmo solo gli appuntamenti dove partecipano anche altre persone per ovvi motivi. Ma , se lo faccio, è solo se sono spinto dal piacere di farlo...non perché mi sento in obbligo di farlo (intendo eventi con la partecipazione di altre persone). Tu come ti confronti con ciò? Odiando gli impegni fissi....che fai? Ti senti obbligata a seguirli perché qualcuno ci può rimanere male oppure disdici con serenità?
Chiarag ha scritto: Indirizzare positivamente significa credere che ogni pensiero, parola, azione pone delle cause e quindi ponendo cause positive avremo effetti positivi (si ottiene karma positivo insomma).
È vero...il nostro pensiero , parole e azioni, determinano la nostra realtà...e, banalmente , anche La nostra percezione della realtà. Ci sono anche esperimenti che dimostrano anche una interazione con la materia...ma senza scomodare il fatto di poterla modificare, basta già una diversa percezione per viverla diversamente.

Chiarag ha scritto:
Certo, difficile conoscere quale è il nostro karma, ovviamente, succedono cose che magari non ci aspettiamo...ma comunque praticando andiamo verso la purificazione del karma e quindi anche il miglioramento delle condizioni individuali e la felicità personale...è sicuramente un riappropriarsi del controllo sulla propria vita, in un certo senso.
Ogni pensiero riverbera nei tremila mondi (cioè in tutto l’universo) e quindi crea effetti...cambiando questi pensieri possiamo cambiare gli effetti...per farlo recitiamo un mantra (nam myoho renghe kyo) che fa emergere la natura di Buddha. C’è anche il concetto di abbandono ma comunque un abbandono che finisce sempre in positivo una volta che l’abbandono alle proprie paure è stato fatto, perché le paure sono illusioni. Credo forse di non aver ben conciliato questi due aspetti...la trasformazione del karma e l’abbandono...scusami la digressione filosofica :?
Vorrei farti notare una cosa...nella prima riga c'è il tuo pensiero....in quelle successive un rappresentazione delle teorie della scuola di Firenze sul buddismo. Sono concetti, aldilà del “giusto” o “sbagliato” che sono concetti...e forse la tua difficoltà nel conciliare risiede proprio in ciò che ti dicevo nel post precedente..non fanno parte della tua esperienza ma rappresentano solo una “ricerca”. Ci possiamo quindi soffermare sulla tua prima riga...perché è tua. Dici che succedono cose che , magari, non ci aspettiamo. In realtà tutto accade senza che possiamo aspettarcelo...anche per una semplice questione statistica. Se domani dovessi inciampare e spaccarti una gamba non te lo aspetteresti stasera...trovi che ciò migliori o peggiori la tua felicità? Lo spaccarti una gamba intendo. E, soprattutto, spiegami il perché.
Tu non hai un modo per appropriarti del controllo della tua vita...semplicemente perché non è controllabile. Va da sé che se questo è il tuo credo, ti risulterà estremamente difficile che il controllo non sia un elemento necessario per la tua vita. Non trovi? Dalle tue righe non emerge nessun tipo di “accettazione”....ma sembra che la vita debba confluire in un tuo pensiero un tuo credo, perché torni ad essere una vita felice...
Ora la mia domanda è....che significa per te essere felice?
Chiarag ha scritto: Purtroppo per impegni famigliari temo di non riuscire prima, soprattutto di mio marito. Ho un bimbo piccolino e non riesco a svignarmela da sola :bounce: e ancora mi rimane impegnativo, la sensazione del “viaggione” organizzare per un aereo (che scema :roll: ) quindi puntavo a 4-5 giorni...
L’aereo ti permette di percorrere distanze piuttosto consistenti in un tempo relativamente breve...quindi direi che puoi anche decidere di fare un viaggetto in aereo anche per 2 giorni invece di aspettare che ci siano 4/5 giorni di fila. Ok...con un bambino piccolo viaggiare può sembrare più impegnativo ma questo aspetto, che sia per due o cinque giorni, è abbastanza ininfluente. Se temi di non riuscire vuol dire che se vuoi puoi riuscire. Altrimenti non temi ma sei certa....no?
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 9 ottobre 2017, 9:24

flyingbrandon ha scritto:

Anche io sono disordinato...anche a me scocciano gli impegni fissi....anche io “improvviso” le mie giornate...ma non genero alcun tipo di ansie....quindi direi che non sono un ingrediente fondamentale. Io, però, oltre a non arrivare in ritardo, non programmo. Vivo immerso nella programmazione che fanno della mia vita...ma quando stacco dal lavoro , eventualmente, programmo solo gli appuntamenti dove partecipano anche altre persone per ovvi motivi. Ma , se lo faccio, è solo se sono spinto dal piacere di farlo...non perché mi sento in obbligo di farlo (intendo eventi con la partecipazione di altre persone). Tu come ti confronti con ciò? Odiando gli impegni fissi....che fai? Ti senti obbligata a seguirli perché qualcuno ci può rimanere male oppure disdici con serenità?



Vorrei farti notare una cosa...nella prima riga c'è il tuo pensiero....in quelle successive un rappresentazione delle teorie della scuola di Firenze sul buddismo. Sono concetti, aldilà del “giusto” o “sbagliato” che sono concetti...e forse la tua difficoltà nel conciliare risiede proprio in ciò che ti dicevo nel post precedente..non fanno parte della tua esperienza ma rappresentano solo una “ricerca”. Ci possiamo quindi soffermare sulla tua prima riga...perché è tua. Dici che succedono cose che , magari, non ci aspettiamo. In realtà tutto accade senza che possiamo aspettarcelo...anche per una semplice questione statistica. Se domani dovessi inciampare e spaccarti una gamba non te lo aspetteresti stasera...trovi che ciò migliori o peggiori la tua felicità? Lo spaccarti una gamba intendo. E, soprattutto, spiegami il perché.
Tu non hai un modo per appropriarti del controllo della tua vita...semplicemente perché non è controllabile. Va da sé che se questo è il tuo credo, ti risulterà estremamente difficile che il controllo non sia un elemento necessario per la tua vita. Non trovi? Dalle tue righe non emerge nessun tipo di “accettazione”....ma sembra che la vita debba confluire in un tuo pensiero un tuo credo, perché torni ad essere una vita felice...
Ora la mia domanda è....che significa per te essere felice?
Chiarag ha scritto: Purtroppo per impegni famigliari temo di non riuscire prima, soprattutto di mio marito. Ho un bimbo piccolino e non riesco a svignarmela da sola :bounce: e ancora mi rimane impegnativo, la sensazione del “viaggione” organizzare per un aereo (che scema :roll: ) quindi puntavo a 4-5 giorni...
L’aereo ti permette di percorrere distanze piuttosto consistenti in un tempo relativamente breve...quindi direi che puoi anche decidere di fare un viaggetto in aereo anche per 2 giorni invece di aspettare che ci siano 4/5 giorni di fila. Ok...con un bambino piccolo viaggiare può sembrare più impegnativo ma questo aspetto, che sia per due o cinque giorni, è abbastanza ininfluente. Se temi di non riuscire vuol dire che se vuoi puoi riuscire. Altrimenti non temi ma sei certa....no?
Se ho impegni disdico con serenità anche se ci sono altri si.

Uhm per lo spaccarsi una gamba...credo che sia un fatto neutro in sé. In effetti mi è successa una cosa simile anno fa e da cosa “negativa” che fosse è poi diventata cosa positiva...
Penso che la felicità dipende da come noi prendiamo le cose. Si può essere infelici avendo apparentemente tutto o felici avendo “niente”. Però...penso anche che certe cose potendo vorrei risparmiarmele :roll:
Pensavo giusto stamattina in seguito a queste conversazioni...cosa mi succederebbe se avessi un incidente e come probabile ne uscissi viva? Niente, sarei viva, però vorrei comunque risparmiarmi l’esperienza :lol:
E pensavo anche...in questo periodo sono molto felice in realtà...forse il disagio è la paura che cambi qualcosa? Anche se dovrei sapere bene che la vita è in divenire :roll:
Comunque...si...faccio fatica a conciliare questi due aspetti.
Forse ultimamente è più presente accettazione che controllo e quindi ho paura di non poter controllare...cosa che configge con diverse esperienze che ho avuto però...in cui attraverso anche un cambiamento negativo poi si è risolto tutto meglio di prima. Non so se riesco a spiegarmi perché è un po’confuso e a giro concentrici anche per me attualmente.

Si sul viaggio hai ragione. Più faticoso con un bambino ma per farsi si fa...se per me viaggiare in aereo fosse normale (cosa che voglio diventi perché mi sono rotta!) probabilmente farei due giorni.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 9 ottobre 2017, 10:00

Chiarag ha scritto:
Uhm per lo spaccarsi una gamba...credo che sia un fatto neutro in sé. In effetti mi è successa una cosa simile anno fa e da cosa “negativa” che fosse è poi diventata cosa positiva...
Infatti è neutro...nel senso che non puoi dare una connotazione sulla tua intera esistenza a quell’episodio...magari fastidioso, probabilmente fisicamente doloroso.
Chiarag ha scritto: Penso che la felicità dipende da come noi prendiamo le cose. Si può essere infelici avendo apparentemente tutto o felici avendo “niente”. Però...penso anche che certe cose potendo vorrei risparmiarmele :roll:
Dipende sicuramente da quello...ma da cosa proviene? Cos’è?
Chiarag ha scritto: Pensavo giusto stamattina in seguito a queste conversazioni...cosa mi succederebbe se avessi un incidente e come probabile ne uscissi viva? Niente, sarei viva, però vorrei comunque risparmiarmi l’esperienza :lol:
Certo...nessuno cerca l’esperienza dolorosa anche se, quasi tutti, hanno provato sulla propria pelle che i cambiamenti più significativi sono dovuti ad esperienze “pesanti”.
Chiarag ha scritto:
E pensavo anche...in questo periodo sono molto felice in realtà...forse il disagio è la paura che cambi qualcosa? Anche se dovrei sapere bene che la vita è in divenire :roll:
A cosa è dovuta, e torniamo alla domanda iniziale sulla felicità, la tua felicità di questo periodo? All’assenza di problemi? A cosa secondo te?
Chiarag ha scritto: Comunque...si...faccio fatica a conciliare questi due aspetti.
Forse ultimamente è più presente accettazione che controllo e quindi ho paura di non poter controllare...cosa che configge con diverse esperienze che ho avuto però...in cui attraverso anche un cambiamento negativo poi si è risolto tutto meglio di prima. Non so se riesco a spiegarmi perché è un po’confuso e a giro concentrici anche per me attualmente.
Dunque....ultimamente è più presente accettazione che controllo...ma poco sopra hai detto che questo è un periodo particolarmente felice. Ti sembra che ci sia solo un nesso casuale più che causale?
Riesci a spiegarti...ma forse non riesci ad accettare che come stai affrontando la vita, ora, è di qualità migliore di quando cercavi di controllarla. L’accettazione non è un qualcosa di “passivo”...anzi è perfino più “attiva” del controllo...perché una, l’accettazione, si basa sulla realtà di quel momento, mentre il controllo si basa su un pensiero di cosa potrebbe accadere ma, di fatto, non si basa sul momento presente e su di niente di “reale”....è solo un nostro pensiero.
Chiarag ha scritto: Si sul viaggio hai ragione. Più faticoso con un bambino ma per farsi si fa...se per me viaggiare in aereo fosse normale (cosa che voglio diventi perché mi sono rotta!) probabilmente farei due giorni.
Allora organizzati, felicemente, per un viaggio di due giorni se hai la “spinta” a vivere un cambiamento...il disagio che hai non è una premonizione ma, semplicemente, un attaccamento alle tue vecchie abitudini...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 9 ottobre 2017, 15:57

flyingbrandon ha scritto:
Chiarag ha scritto: Penso che la felicità dipende da come noi prendiamo le cose. Si può essere infelici avendo apparentemente tutto o felici avendo “niente”. Però...penso anche che certe cose potendo vorrei risparmiarmele :roll:
Dipende sicuramente da quello...ma da cosa proviene? Cos’è?


Chiarag ha scritto:
E pensavo anche...in questo periodo sono molto felice in realtà...forse il disagio è la paura che cambi qualcosa? Anche se dovrei sapere bene che la vita è in divenire :roll:
A cosa è dovuta, e torniamo alla domanda iniziale sulla felicità, la tua felicità di questo periodo? All’assenza di problemi? A cosa secondo te?


Dunque....ultimamente è più presente accettazione che controllo...ma poco sopra hai detto che questo è un periodo particolarmente felice. Ti sembra che ci sia solo un nesso casuale più che causale?
Riesci a spiegarti...ma forse non riesci ad accettare che come stai affrontando la vita, ora, è di qualità migliore di quando cercavi di controllarla. L’accettazione non è un qualcosa di “passivo”...anzi è perfino più “attiva” del controllo...perché una, l’accettazione, si basa sulla realtà di quel momento, mentre il controllo si basa su un pensiero di cosa potrebbe accadere ma, di fatto, non si basa sul momento presente e su di niente di “reale”....è solo un nostro pensiero.
Chiarag ha scritto: Si sul viaggio hai ragione. Più faticoso con un bambino ma per farsi si fa...se per me viaggiare in aereo fosse normale (cosa che voglio diventi perché mi sono rotta!) probabilmente farei due giorni.
Allora organizzati, felicemente, per un viaggio di due giorni se hai la “spinta” a vivere un cambiamento...il disagio che hai non è una premonizione ma, semplicemente, un attaccamento alle tue vecchie abitudini...
Ciao!
Cos’e La felicità dici? Forse assaporare e godersi ogni momento, anche solo perché siamo vivi?

In questo momento ho raggiunto tante cose per cui ho lavorato in passato...non devo più rincorrere. Ho una situazione famigliare felice e finalmente sistemato (per lo più) il lavoro.
Ho degli obiettivi che non sento estremamente pressanti...mi andrebbe bene fermarmi così con piccoli aggiustamenti.

Sento però la necessità di sperimentare cose nuove, vivere ...forse sento il tempo che passa :lol:

Assenza di problemi non del tutto...o meglio...non li percepisco come problemi insormontabili (lavoro lontano da casa ma si può fare, forse forse mi fa pure bene). Problemi di salute per l’invecchiamento di alcuni miei famigliari mi mettono ansia per il futuro.

Nesso casuale o causale? Sono più felice se non mi stresso a pensare al futuro. Allo stesso tempo temo di non farlo andare nella direzione giusta se non mi stresso pensando al futuro :bounce:


Stamattina pensavo che vorrei sperimentare il viaggio, i momenti, godermelo...godermi i rumori, le luci e i panorami, proprio come momenti, come quando vado in autostrada (e Guido io :lol: ) e guardo in lontananza.

Basta la decisione di farlo e di sperimentarlo, secondo te?

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 9 ottobre 2017, 17:08

Chiarag ha scritto:
Cos’e La felicità dici? Forse assaporare e godersi ogni momento, anche solo perché siamo vivi?
Bello. Concettualmente...senza dubbio...una gran definizione...però non penso che riusciresti ad assaporare il momento in cui la gamba ti si è rotta e hai un male bestia (giusto per riprendere l’esempio). Questa definizione di felicità è facilmente in contrasto con ciò che è il nostro percepito....e quindi è difficile che possa essere fatta propria. Quando hai un’idea, o una teoria o un credo succede che, inevitabilmente, tutto il tuo “essere” sperimenti con ciò che stai vivendo la bontà della tua teoria, della tua idea e del tuo credo. Se ciò che credi non “fluisce” nella tua esistenza attraverso l’esperienza Inizi a provare un conflitto. Solitamente , invece che mettere subito in dubbio il proprio pensiero, si preferisce rimuovere l'esperienza e trovare una ragionevole causa per cui sia accaduto cio che è accaduto e tenere in piedi la nostra teoria o il nostro credo. a lungo andare ci sgretoliamo restando appesi al nostro credo e alle nostre convinzioni. Quindi se non riesci ad assaporare ogni momento quella definizione di felicità non ti appartiene e non può essere tua.
Chiarag ha scritto: In questo momento ho raggiunto tante cose per cui ho lavorato in passato...non devo più rincorrere. Ho una situazione famigliare felice e finalmente sistemato (per lo più) il lavoro.
Ho degli obiettivi che non sento estremamente pressanti...mi andrebbe bene fermarmi così con piccoli aggiustamenti.

Sento però la necessità di sperimentare cose nuove, vivere ...forse sento il tempo che passa :lol:
fermarsi non si può...accontentarsi sì. Sperimentare e vivere cose nuove non richiedono avere degli obbiettivi...ma possono essere loro stessi semplicemente degli obbiettivi. Più è aperta la tua sperimentazione , cioè meno obbiettivi riesci a programmarti, maggiori saranno le sorprese che ti permetteranno di sperimentare e vivere.
Chiarag ha scritto:
Assenza di problemi non del tutto...o meglio...non li percepisco come problemi insormontabili (lavoro lontano da casa ma si può fare, forse forse mi fa pure bene). Problemi di salute per l’invecchiamento di alcuni miei famigliari mi mettono ansia per il futuro.
infatti non è l'assenza di un problema a determinare la nostra felicità.
essere tristi o soffrire per qualcuno a noi caro che sta male è normale...avere ansie in previsioni future...no...perchè quel futuro rimane un pensiero e, come tale, non reale. Non ha neanche senso essere in ansia per qualcosa che sicuramente è inevitabile. se qualcosa è evitabile si cerca di non farlo accadere...se non lo è si può cercare un modo per viverlo meglio. L'ansia non è di aiuto né in un caso né nell'altro caso....quindi a che pro?
Chiarag ha scritto: Nesso casuale o causale? Sono più felice se non mi stresso a pensare al futuro. Allo stesso tempo temo di non farlo andare nella direzione giusta se non mi stresso pensando al futuro :bounce:
ecco...ma come fai a sapere quale sia la direzione giusta? chi sei per dirlo? che visione puoi avere per definire la direzione giusta? se tu stessa hai vissuto delle esperienze "negative" che ti hanno mostrato "POI" la loro positività...che hanno rappresentato il mezzo attraverso il quale la tua vita è migliorata...e sapendo che ovviamente in quel momento non avresti scelto di vivere quella esperienza...come fai ad essere ancora qua a dire che temi di non andare nella direzione giusta se non ti stressi a pensare all'inutile? come fai a godere ogni momento se ti stressi a pensare a qualcosa che non c'è? se il tuo obbiettivo è vivere bene...se sai che qualsiasi esperienza, anche quella apparentemente negativa, ti puo portare poi più in alto di ciò che potessi immaginare...a cosa serve il tuo stress?
Chiarag ha scritto: Stamattina pensavo che vorrei sperimentare il viaggio, i momenti, godermelo...godermi i rumori, le luci e i panorami, proprio come momenti, come quando vado in autostrada (e Guido io :lol: ) e guardo in lontananza.
È alla tua portata....fallo....sperimenta....godi questa esperienza...anche la tua paura se mai dovesse prenderti. accetta ciò che questa esperienza può darti e falla tua...
Chiarag ha scritto: Basta la decisione di farlo e di sperimentarlo, secondo te?
Sì...e non solo secondo me...
ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9560
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da tartan » 9 ottobre 2017, 22:17

Nel mio sito sul volo in mongolfiera
http://web.tiscali.it/windrider/
ho scritto questo:

IL VIAGGIO DELLA VITA
Sai dove, quando e come comincia,
crei il percorso con le scelte che fai ad ogni bivio,
ma non sai dove, quando e come finirà.

IL VOLO IN MONGOLFIERA
Vedi sopra

Fatti un volo in mongolfiera
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 9 ottobre 2017, 22:30

flyingbrandon ha scritto:
sorprese che ti permetteranno di sperimentare e vivere.



ecco...ma come fai a sapere quale sia la direzione giusta? chi sei per dirlo? che visione puoi avere per definire la direzione giusta? se tu stessa hai vissuto delle esperienze "negative" che ti hanno mostrato "POI" la loro positività...che hanno rappresentato il mezzo attraverso il quale la tua vita è migliorata...e sapendo che ovviamente in quel momento non avresti scelto di vivere quella esperienza...come fai ad essere ancora qua a dire che temi di non andare nella direzione giusta se non ti stressi a pensare all'inutile? come fai a godere ogni momento se ti stressi a pensare a qualcosa che non c'è? se il tuo obbiettivo è vivere bene...se sai che qualsiasi esperienza, anche quella apparentemente negativa, ti puo portare poi più in alto di ciò che potessi immaginare...a cosa serve il tuo stress?
Chiarag ha scritto: Stamattina pensavo che vorrei sperimentare il viaggio, i momenti, godermelo...godermi i rumori, le luci e i panorami, proprio come momenti, come quando vado in autostrada (e Guido io :lol: ) e guardo in lontananza.
È alla tua portata....fallo....sperimenta....godi questa esperienza...anche la tua paura se mai dovesse prenderti. accetta ciò che questa esperienza può darti e falla tua...
Chiarag ha scritto: Basta la decisione di farlo e di sperimentarlo, secondo te?
Sì...e non solo secondo me...
ciao!
Infatti non so quale sia la direzione giusta...questo è il dilemma ultimo.
E lo stress di pensare e ripensare a cose inesistenti è veramente inutile :?


Ora suggeriscimi una metà dai, che voglio davvero prenotare (e devo trascinare marito e figlio) :twisted:

Tartan grazie, voglio proprio farmi un giro
:D
Ps: regge Alitalia secondo voi? È la mia compagnia preferita (non che ne abbia provate tante :mrgreen: )

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 9 ottobre 2017, 22:41

Chiarag ha scritto:
Infatti non so quale sia la direzione giusta...questo è il dilemma ultimo.
E lo stress di pensare e ripensare a cose inesistenti è veramente inutile :?
Non è un dilemma...è la vita. Come puoi conoscere un percorso se non lo percorri? Mi sembra che la vita ti abbia dato l’opportunità di capire che non puoi sapere niente riguardo al tuo futuro...che l’esperienza che vivi, e come la vivi, determina il tuo percorso. Se sbagli lo cambi ...dov’è il problema? Se vivi il momento sei rilassata...se pensi alla direzione vivi meno bene...come puoi dubitare cosa scegliere? Anche perché che tu non possa sapere nulla sulla tua vita futura...non è un mistero. Puoi rimanere in balia del tuo stress per tutta la vita perché una risposta non l’avrai mai o decidere di viverla.
Chiarag ha scritto: Ora suggeriscimi una metà dai, che voglio davvero prenotare (e devo trascinare marito e figlio) :twisted:
Non saprei...ma anche per sparare a caso dovrei almeno sapere di dove sei...
Chiarag ha scritto: Tartan grazie, voglio proprio farmi un giro
:D
Ps: regge Alitalia secondo voi? È la mia compagnia preferita (non che ne abbia provate tante :mrgreen: )
Il tuo viaggio lo regge...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Chiarag
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 10
Iscritto il: 26 luglio 2017, 13:13

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da Chiarag » 9 ottobre 2017, 23:32

flyingbrandon ha scritto:
Chiarag ha scritto:
Infatti non so quale sia la direzione giusta...questo è il dilemma ultimo.
E lo stress di pensare e ripensare a cose inesistenti è veramente inutile :?
Non è un dilemma...è la vita. Come puoi conoscere un percorso se non lo percorri? Mi sembra che la vita ti abbia dato l’opportunità di capire che non puoi sapere niente riguardo al tuo futuro...che l’esperienza che vivi, e come la vivi, determina il tuo percorso. Se sbagli lo cambi ...dov’è il problema? Se vivi il momento sei rilassata...se pensi alla direzione vivi meno bene...come puoi dubitare cosa scegliere? Anche perché che tu non possa sapere nulla sulla tua vita futura...non è un mistero. Puoi rimanere in balia del tuo stress per tutta la vita perché una risposta non l’avrai mai o decidere di viverla.
Chiarag ha scritto: Ora suggeriscimi una metà dai, che voglio davvero prenotare (e devo trascinare marito e figlio) :twisted:
Non saprei...ma anche per sparare a caso dovrei almeno sapere di dove sei...
Chiarag ha scritto: Tartan grazie, voglio proprio farmi un giro
:D
Ps: regge Alitalia secondo voi? È la mia compagnia preferita (non che ne abbia provate tante :mrgreen: )
Il tuo viaggio lo regge...
Viverla, assolutamente...questo è quello che voglio...sperimentare senza paura.

Partirei da Venezia o Treviso, vivo lì vicino :D mi sto guardando Skyscanner da giorni...vediamo se ce la faccio

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Riguardo la paura di volare

Messaggio da flyingbrandon » 10 ottobre 2017, 8:36

Chiarag ha scritto:
Viverla, assolutamente...questo è quello che voglio...sperimentare senza paura.

Partirei da Venezia o Treviso, vivo lì vicino :D mi sto guardando Skyscanner da giorni...vediamo se ce la faccio
No...sperimenta anche con paura. Devi accettare il “pacchetto esperienza” con tutto ciò che contiene. La paura ti insegnerà qualcosa su di te...se tu accetti questo punto , spesso, non avrai neanche paura. Ma l’essenziale non è che non ci sia...ma che tu faccia esperienza di un “nuovo” modo di vivere. La paura , immotivata, non può e non deve rappresentare un ostacolo al tuo cammino.
Vedi se ce la fai a fare cosa? Ad organizzare un we breve?
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Rispondi