Disturbo da panico

La fobia del volo: dubbi comuni, cause, soluzioni.
Vincere la Paura di Volare con MD80.it

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 21 novembre 2018, 11:36

Marco94 ha scritto:Una domanda da non esperto in materia.. ma in un viaggio più lungo ci sono più probabilità di incontrare turbolenze? Comunque devo dire che va meglio per ora, sto traendo il meglio dei consigli datomi da ognuno di voi.. mi fa piacere ascoltare le vostre esperienze.. buona serata a tutti :)
Dipende come vuoi calcolare la statistica. Di fatto no...i giorni in cui c’è più turbolenza che tu sia in un volo breve o lungo ha effetto solo sul “per quanto tempo”. Da un punto di vista di spazio, coprendo ua maggiore distanza, potresti trovare delle zone in cui c’è turbolenza e altre in cui no se ci fosse una distribuzione disomogenea di moti turbolenti...e, sotto questo punto di vista, avresti una maggiore possibilità di incontrarla. Il punto è che non dovrebbe essere un problema il fatto che tu la possa incontrare o meno. È come se stessi chiedendo quante onde ci sono nel mare...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 21 novembre 2018, 17:11

In questi giorni mi sono immaginato il mio viaggio in aereo, che stavo sopra ed andava tutto bene e che prenotavo per il prossimo viaggio.. non so come interpretare questo segnale, se anch’esso frutto del a mia immaginazione o perché sto iniziando a pensare in maniera positiva cieca il volo.. Ce la metterò tutta !

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 22 novembre 2018, 1:11

Marco94 ha scritto:In questi giorni mi sono immaginato il mio viaggio in aereo, che stavo sopra ed andava tutto bene e che prenotavo per il prossimo viaggio.. non so come interpretare questo segnale, se anch’esso frutto del a mia immaginazione o perché sto iniziando a pensare in maniera positiva cieca il volo.. Ce la metterò tutta !
E perché dovresti interpretarlo? Goditelo semmai...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 22 novembre 2018, 12:57

Flight vorrei farti un’altra domanda stupida ma per capire come funzionano le dinamiche del volo etc.. invece di cercare su internet preferisco chiedere a te che sei sempre preciso nelle spiegazioni e ssuper esperto in materia..
Quindi scusami la mia ignoranza riguarda gli aerei ma ho un dubbio..
Mi hanno sempre detto che l’aereo prende turbolenze quando viaggia nelle nuvole, ma come mai quindi quando si eleva sopra di esse a volte prende turbolenze? Cioè una volta iniziata la fase di crociera l’aereo non viaggia sempre sopra la nuvola? Quindi non dovrebbe prendere turbolenze al massimo solo durante il decollo e l’atterraggio che attraversa le nuvole? Io invece la presi anche in fase di crociera.. scusami la domanda ma per capire il mondo degli aerei :)

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 22 novembre 2018, 15:22

Marchetiello - scusa se ti chiamo così, ma sono di Napoli anche io e da queste parti lo usiamo come vezzeggiativo - sulle turbolenze io sono un maestro, nel senso che di paranoie me ne faccio parecchie prima di salire su un aereo. Ti posso dire con certezza che non ho più paura di questo fenomeno, che in più ho riscontrato essere abbastanza infrequente. Una cosa che ho notato da profano del volo è che una volta decollato l'aereo sembra sospeso in un solido, non in un liquido, per questo motivo le piccole turbolenze che ho riscontrato sembrano più dei movimenti dovuti ad una strada un po' dissestata che altro. Poi c'è una turbolenza di secondo tipo, quella che la gente comune chiama vuoto d'aria, quella si assomiglia ad un'onda del mare. Comunque, niente di pericoloso.

P.s. nessuno è mai morto per colpa di un attacco di panico. L'unica cosa che uccidi è 'a salut 'e chill ca sta assettat vicin a te.. ;)
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 22 novembre 2018, 15:52

Mi fa piacere di aver trovato un mio “compaesano” hahah comunque come hai superato le paranoie del volo? Personalmente non ho paura quando l’aereo trema, ma quando prende appunto quelli che tutti chiamano vuoti d’aria, ma so che non si chiamano così perché leggo il forum da 4 anni, diciamo quando all’improvviso l’aereo scende come se avesse preso un fosso in una strada dissestata.. comunque in questi giorni sono stato bene, vero manca ancora tanto ma non mi sono fatto prendere da brutti pensieri.. anche perché avendo il sogno di andare in America devo per forza superare questo momento di difficoltà ehheehe

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 22 novembre 2018, 16:23

Marco94 ha scritto:Mi fa piacere di aver trovato un mio “compaesano” hahah comunque come hai superato le paranoie del volo? Personalmente non ho paura quando l’aereo trema, ma quando prende appunto quelli che tutti chiamano vuoti d’aria, ma so che non si chiamano così perché leggo il forum da 4 anni, diciamo quando all’improvviso l’aereo scende come se avesse preso un fosso in una strada dissestata.. comunque in questi giorni sono stato bene, vero manca ancora tanto ma non mi sono fatto prendere da brutti pensieri.. anche perché avendo il sogno di andare in America devo per forza superare questo momento di difficoltà ehheehe
Si supera volando, ma forse si supera ancora meglio volando nella maniera giusta come il buon Brandon ti ha spiegato finora. Io ancora non sono arrivato a volare nella maniera giusta perché ancora sono maniaco del controllo a tutti i costi..
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 22 novembre 2018, 19:57

L’unica ansia che ancora ogni tanto tengo e non riesco ad allontanare , da quando mi sono iscritto qui sopra, è la seguente :
A volte nella mente penso che sull’aereo ci salgo ma penso che se il volo di andata mi sento male nel senso mi metto paura, come faccio a tornare al ritorno? Lo so che scherzando potete dire “rimani la” però questo è l’unico pensiero ancora negativo che tengo e che quindi ho paura che un probabile viaggio di andata “non andato bene” possa condizionarmi la settimana che devo stare la .. grazie per l’ascolto :)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 23 novembre 2018, 8:44

Marco94 ha scritto:L’unica ansia che ancora ogni tanto tengo e non riesco ad allontanare , da quando mi sono iscritto qui sopra, è la seguente :
A volte nella mente penso che sull’aereo ci salgo ma penso che se il volo di andata mi sento male nel senso mi metto paura, come faccio a tornare al ritorno? Lo so che scherzando potete dire “rimani la” però questo è l’unico pensiero ancora negativo che tengo e che quindi ho paura che un probabile viaggio di andata “non andato bene” possa condizionarmi la settimana che devo stare la .. grazie per l’ascolto :)
Se per te...non solo pensare da qua a due mesi....ma anche ad un evento che consegue la riuscita del primo, di cui non conosci l’esito, ovvero magari ti diverti, condizionando così anche l’andata significa tenere la mente al presente....beh mi inchino... :mrgreen: però per stare più tranquillo posso anticiparti che....
1) Nave
2) sei un uomo e ti fai coraggio
3) nella pancia di uno squalo perché hai letto male i cartelli
4) ti innamori di una egiziana , fai un colpo di testa, mandi a c***re tutti e ti sposi
5) varie ed eventuali

Comunque....un consiglio per tenere la mente al presente....se il tuo pensiero parte con “e se....” non finire il pensiero...stai già andando fuori strada. Quindi fai il viaggio di andata, con la mente al presente, eventualmente risolverai questo problema quando dovrai tornare.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 24 novembre 2018, 0:39

Hai ragione brandon.. devo affrontare la situazione, devo agire per non avere una vita fatta di rimpianti .. sarà dura, questo lo so, ma posso/devo farcela per me stesso in primis e per le persone che ho accanto. Buonanotte :)

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 24 novembre 2018, 9:18

Marco94 ha scritto:Hai ragione brandon.. devo affrontare la situazione, devo agire per non avere una vita fatta di rimpianti .. sarà dura, questo lo so, ma posso/devo farcela per me stesso in primis e per le persone che ho accanto. Buonanotte :)
È più dura così come vivi tu....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 29 novembre 2018, 16:59

La mia situazione è questa.. io ho sempre volato, e MAI preso turbolenza..
Ultimo volo dalla Spagna passai la notte in bagno, avevo un po’ d’ansia ma non sapevo per cosa, arrivato all’aeroport Tutto ok, decollo ok, e dopo 10’ annuncio del pilota in spagnolo che non capii e si accese il segnale delle cinture e l’aereo entro in un aerea di turbolenza.. io non avendola mai presa, non sapevo cosa stesse accadendo e mi venne un vero attacco di panico, durò si e no un paio di minuti questo mio disagio poi mi passo ma sentivo tremori dappertutto.. e da allora levando un Napoli-Milano di 1h non ho più preso un aereo per paura di risentirmi male li sopra in caso ci fosse una turbolenza.. so che non succede nulla all’aereo, però ho paura di rivivere quelle emozioni provate 4 anni fa. Ecco la mia situazione spiegata in modo chiara.
In questi giorni mi sento sereno, provo a vivere con la mente proiettata al presente come mi avete consigliato e devo cercare di continuare così per prenotare tra un mesetto per Sharm ed arrivare “tranquillo” al giorno del volo.. ce la metterò tutto. Volevo solo rispiegarvi la mia situazione nel caso non fosse chiara.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 30 novembre 2018, 16:11

Marco94 ha scritto:La mia situazione è questa.. io ho sempre volato, e MAI preso turbolenza..
Ultimo volo dalla Spagna passai la notte in bagno, avevo un po’ d’ansia ma non sapevo per cosa, arrivato all’aeroport Tutto ok, decollo ok, e dopo 10’ annuncio del pilota in spagnolo che non capii e si accese il segnale delle cinture e l’aereo entro in un aerea di turbolenza.. io non avendola mai presa, non sapevo cosa stesse accadendo e mi venne un vero attacco di panico, durò si e no un paio di minuti questo mio disagio poi mi passo ma sentivo tremori dappertutto.. e da allora levando un Napoli-Milano di 1h non ho più preso un aereo per paura di risentirmi male li sopra in caso ci fosse una turbolenza.. so che non succede nulla all’aereo, però ho paura di rivivere quelle emozioni provate 4 anni fa. Ecco la mia situazione spiegata in modo chiara.
In questi giorni mi sento sereno, provo a vivere con la mente proiettata al presente come mi avete consigliato e devo cercare di continuare così per prenotare tra un mesetto per Sharm ed arrivare “tranquillo” al giorno del volo.. ce la metterò tutto. Volevo solo rispiegarvi la mia situazione nel caso non fosse chiara.
4 anni fa non sapevi cosa fosse...ora lo sai...quindi non può spaventarti allo stesso modo....soprattutto se , ora, dici di sapere che non è un problema....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 744
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Exence » 30 novembre 2018, 20:42

A me e ‘ successo per la prima volta in un volo Monaco-Malpensa (o Linate? Non mi ricordo..) :) l’aereo ha fatto due balzi verso il basso , ma non mi ero spaventata... avevo pensato “si vede che è questa la famosa turbolenza”... anni dopo in un altro viaggio ci sono stati dei piccoli salti ma molto più lievi eppure mi sembrava di morire dal terrore... tutto dipende da come percepisci le cose e da fattori esterni all’Aereo, come ti hanno già spiegato gli altri...
sono passati 4 anni da quel volo e sicuramente sei una persona diversa rispetto ad allora... e quindi puoi affrontare diversamente quel viaggio : )
it's only rock'n roll but I like it!

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 2 gennaio 2019, 10:56

Ogni volta che qualcuno che conosco parte si riapre una piccola ferita in me, ma non perché sono geloso, ma perché penso “ che scatole partono tutti ed io non ci riesco”.. nonostante in mente mia penso a maggio/giugno di andare a fare un viaggio come regalo di laurea alla mia ragazza, una piccola parte di me ha paura di non riuscirci come ho fatto quest’anno che prenotammo e non ci andai.. cosa sbagliatissima, di cui ho promesso non sarebbe più riaccaduto qualora prenotassi! In questo periodo su facebook vedo tante foto di gente che parte per Capodanno, ed io vorrei stare al posto loro invece di stare qua e soffrirci dentro! Colgo l’occasione per augurare buon anno a tutti!!

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 2 gennaio 2019, 15:11

Ciao Marco, io invece provavo sana invidia nel vedere tanta gente partire in aereo e godersi le vacanze. Mi giravano davvero le palle e questo è stato uno dei motivi che mi ha portato a riprendere a volare.
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 2 gennaio 2019, 16:06

In verità anche io invidio la gente che parte e si gode le
Vacanze ed io che devo stare a casa a causa della mia ansia.. tu come hai ripreso a volare? Il tuo primo volo dopo il periodo di pausa come è stato? Hai più ripreso turbolenze? Come le gestisci?

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 2 gennaio 2019, 16:33

Come primo approccio comprai un libro di quelli specifici per la paura di volare, funzionò per convincermi che l'aereo è il mezzo più sicuro e bla bla bla. Non mi chiedere il titolo perchè non lo ricordo. Già a metà libro prenotai un volo Napoli-Vienna scegliendo i posti tra le prime file perchè il libro sosteneva che in caso di turbolenza se siedi davanti accusi meno fastidio (in realtà è tutto da provare) e scegliendo un posto corridoio per me, perchè mi spaventano un poco le grandi altitudini: con grande disappunto della mia fidanzata, che si trovò seduta al centro, il posto che non vuole mai nessuno. Scelsi anche una buona compagnia, quella di bandiera austriaca per intenderci: all'epoca ero convinto che questo giocasse un ruolo fondamentale sulla qualità del volo. In seguito ho viaggiato esclusivamente con le low cost e a livello di volo le sensazioni sono identiche a prescindere dalla compagnia o dall'aereo utilizzato da essa. Quindi non mi fossilizzerei sulla compagnia se fossi in te. A livello di servizi a bordo, quello si che cambia. Il personale a bordo ci offrì incluso del prezzo una bevanda e qualche snack; questo con le low cost non capita mai.
Il volo fu tranquillo anche se per me l'impatto al decollo fu un po' traumatico perchè ero molto teso. Incontrammo un po' di turbolenza in avvicinamento a Vienna, tanto che un ragazzo dietro di me urlò, ma fu un piccolo scossone di una frazione di secondo, come quando sei in autobus e si incontra una buca sull'asfalto.
Il volo di ritorno, quello si, fu davvero bello. Ricordo bene la virata sul golfo di Napoli, il tempo era ottimo e si distingueva bene il lungomare di via Caracciolo. Comunque parliamo di gennaio dello scorso anno, non una vita fa.
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 2 gennaio 2019, 20:33

Scusa la domanda un po’ personale ma come mai non volavi più? Per vedere se più o meno è simile la situazione.. poi hai fatto altri viaggi da allora? A me ciò che mi fotte è l’ansia anticipatoria più del volo stesso..

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 3 gennaio 2019, 9:55

Marco94 ha scritto:Scusa la domanda un po’ personale ma come mai non volavi più? Per vedere se più o meno è simile la situazione.. poi hai fatto altri viaggi da allora? A me ciò che mi fotte è l’ansia anticipatoria più del volo stesso..
Non cercare nell’esperienza altrui...che sia simile o meno non cambia niente. Proprio perché è l’ansia anticiparoria che ti frega....perché continui a pensare a maggio e , soprattutto, che tu oggi sei a casa tua a causa della tua ansia? Tu sei la causa della tua ansia...se vuoi smettere di generare ansia è su quello che devi lavorare...non sul volo. Le turbolenze non si gestiscono....le turbolenze non rappresentano un problema. Staccati dal fatto di pensare che ciò che credi tu dell’aereo siano cose “esatte”...smetti di pensare che ci sia qualcosa del volo che sia giusto ti preoccupi.
Buon anno anche a te.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 3 gennaio 2019, 10:27

L’unica mia ansia che ancora tengo, e non riesco ad eliminare ancora, è che ho paura che una probabile turbolenza o movimento più accentuato possa farmi riscaturire paura con conseguente attacco di panico in volo.. unica volta che mi è venuto fu mentre l’aereo attraversava un’area turbolenta.. ho paura di non riuscirmi a gestire e riprovare quelle sensazioni che , anche se durarono un paio di minuti massimo, furono bruttissime..

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 3 gennaio 2019, 13:41

Marco94 ha scritto:L’unica mia ansia che ancora tengo, e non riesco ad eliminare ancora, è che ho paura che una probabile turbolenza o movimento più accentuato possa farmi riscaturire paura con conseguente attacco di panico in volo.. unica volta che mi è venuto fu mentre l’aereo attraversava un’area turbolenta.. ho paura di non riuscirmi a gestire e riprovare quelle sensazioni che , anche se durarono un paio di minuti massimo, furono bruttissime..
Vedi? Non è importante l’oggetto dell’ansia...ma il meccanismo che metti in moto e che ti scatena l’ansia.
Non è né necessariamente vero né detto che debba ricapitare. Non sai se cio accadrà...non sai se ci sarà turbolenza...NON sai se arriverai neanche a quel giorno...ma, nonostante tutto, rimani intrappolato in quel pensiero. Accetta la possibilità di avere un attacco di panico in aereo durante una turbolenza...tanto di attacco di panico non muori...e abbandona quell’idea. Oppure continua a vivere con “ansia”....
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 3 gennaio 2019, 22:14

Marco94 ha scritto:Scusa la domanda un po’ personale ma come mai non volavi più? Per vedere se più o meno è simile la situazione.. poi hai fatto altri viaggi da allora? A me ciò che mi fotte è l’ansia anticipatoria più del volo stesso..
Non volavo più perchè non ero convinto come lo sono ora che volare sia sicuro. Per ignoranza non volavo perchè avevo paura di cadere e poi ho paura dell'altitudine.
Dopo il viaggio in Austria ho preso l'aereo un'altra decina di volte. Comunque ognuno di noi è fatto a modo suo, ma le paure che manifestiamo sono le stesse: turbolenze, paura di sentirsi male in volo, paura di guasti ecc.. Ne trovi a bizzeffe di casi simili leggendo qua e la sul forum.
Io non sono nessuno per darti consigli, però io fossi in te proverei a riprendere l'aereo prima della fatidica data del viaggio in Egitto. Magari un volo breve tipo Napoli-Barcellona o Napoli-Zurigo.
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 5 gennaio 2019, 0:49

Grazie per il consiglio.. ci penserò sul serio a fare una Tratta tipo Napoli-Barcellona/Vienna/Parigi per riprendere confidenza..

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Disturbo da panico

Messaggio da tartan » 5 gennaio 2019, 19:06

Siete fortunati a poter decidere di viaggiare solo ed esclusivamente con lo scopo di vincere la paura. Il mio primo viaggio l'ho fatto in treno e non per paura di volare. Sono andato a Parigi con venti ore di viaggio (allora c'era il controllo dei passaporti, già, passaporti) a Modane che rallentava il viaggio. Non mi è passata la paura del treno, anche perchè non ce la avevo, però mi è nata una deviazione mentale che mi ha consentito, in seguito, di sfruttare tutte le difficoltà per imparare a gestire al meglio il tempo che passava e che poteva considerarsi perso, ma così non era.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Disturbo da panico

Messaggio da tartan » 5 gennaio 2019, 19:52

Marco94 ha scritto:Una domanda da non esperto in materia.. ma in un viaggio più lungo ci sono più probabilità di incontrare turbolenze? Comunque devo dire che va meglio per ora, sto traendo il meglio dei consigli datomi da ognuno di voi.. mi fa piacere ascoltare le vostre esperienze.. buona serata a tutti :)
No, più è lungo il viaggio e meno probabilità di incontrare turbolenze ci sono. Praticamente in un viaggio infinito le probabilità di incontrare turbolenze sono zero! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 6 gennaio 2019, 1:52

Grazie tartan i vostri consigli sono preziosi per persone come me che hanno difficoltà nell’approcciarsi con l’aereo.. e pensare che ho sempre viaggiato fino a quella fatidica turbolenza dove mi scaturì un attacco di panico a bordo e da lì ho una paura forte che mi peggiora la mia qualità di vita perché ci soffro molto e vorrei superarla ma a volte mi sento di non potercela fare e ciò mi fa cadere l’autostima sotto i piedi.. quello che mi da più problemi di tutti è l’ansia anticipatoria, il fatto di vedermi già ora a quando sarà calato nella situazione per me percepita di pericolo..

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 6 gennaio 2019, 9:43

Marco94 ha scritto:Grazie tartan i vostri consigli sono preziosi per persone come me che hanno difficoltà nell’approcciarsi con l’aereo.. e pensare che ho sempre viaggiato fino a quella fatidica turbolenza dove mi scaturì un attacco di panico a bordo e da lì ho una paura forte che mi peggiora la mia qualità di vita perché ci soffro molto e vorrei superarla ma a volte mi sento di non potercela fare e ciò mi fa cadere l’autostima sotto i piedi.. quello che mi da più problemi di tutti è l’ansia anticipatoria, il fatto di vedermi già ora a quando sarà calato nella situazione per me percepita di pericolo..
Ribadisco ciò che ti ho scritto pochi post sopra...tu stai puntando al sintomo e non alla causa. La tua qualità di vita non ha niente a che fare con la paura dell’aereo...non è volare o meno che determina la qualità della tua vita. Non hai da superare la paura dell’aereo. Il meccanismo dell’ansia non ce l’hai solo per quello che riguarda il volo...ma finché continui a pensare che il problema risieda lì puoi fare poco. Infatti continui a “programmarti” per fare in modo che tu tra 6 mesi sia in una situazione di pericolo. In questo modo utilizzi, al peggio, le capacità della tua mente. La tua autostima è già ad un basso livello e ti è più facile portarla sotto i piedi piuttosto che elevarla a livelli più alti. È la tua bassa autostima che ti “guida”. Sembra paradossale ma preferisci avere ragione , tenendola bassa, che non sbagliarti e metterla in alto. Purtroppo, e per fortuna, non funziona così. La mente è uno strumento...puoi utilizzarla decisamente meglio...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 6 gennaio 2019, 10:46

tartan ha scritto:
Marco94 ha scritto:Una domanda da non esperto in materia.. ma in un viaggio più lungo ci sono più probabilità di incontrare turbolenze? Comunque devo dire che va meglio per ora, sto traendo il meglio dei consigli datomi da ognuno di voi.. mi fa piacere ascoltare le vostre esperienze.. buona serata a tutti :)
No, più è lungo il viaggio e meno probabilità di incontrare turbolenze ci sono. Praticamente in un viaggio infinito le probabilità di incontrare turbolenze sono zero! :mrgreen:
Sei sarcastico ovviamente.
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Disturbo da panico

Messaggio da tartan » 6 gennaio 2019, 18:07

Più che sarcastico diciamo ironico, c'è bisogno di dirlo? Ho sbagliato faccetta? Mi dispiace che mi abbia ringraziato. Per più tempo stai in una situazione di pericolo e più è probabile che il pericolo possa avverarsi. Se non voli non incontri turbolenza alcuna. Questa è l'unica soluzione che ti salva dall'incontrare turbolenze. Forse è meglio che non intervengo più in paura di volare!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11150
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Disturbo da panico

Messaggio da flyingbrandon » 6 gennaio 2019, 18:36

tartan ha scritto:Più che sarcastico diciamo ironico, c'è bisogno di dirlo? Ho sbagliato faccetta? Mi dispiace che mi abbia ringraziato. Per più tempo stai in una situazione di pericolo e più è probabile che il pericolo possa avverarsi. Se non voli non incontri turbolenza alcuna. Questa è l'unica soluzione che ti salva dall'incontrare turbolenze. Forse è meglio che non intervengo più in paura di volare!
Ma scherzi?
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Giutreas
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 304
Iscritto il: 1 febbraio 2018, 16:11
Località: Roma

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Giutreas » 6 gennaio 2019, 22:11

tartan ha scritto:Più che sarcastico diciamo ironico, c'è bisogno di dirlo? Ho sbagliato faccetta? Mi dispiace che mi abbia ringraziato. Per più tempo stai in una situazione di pericolo e più è probabile che il pericolo possa avverarsi. Se non voli non incontri turbolenza alcuna. Questa è l'unica soluzione che ti salva dall'incontrare turbolenze. Forse è meglio che non intervengo più in paura di volare!
Senza la tua ironia non so cosa sarebbe questi thread :(
Oggi è il domani che tanto ti preoccupava ieri.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 12 gennaio 2019, 12:39

Una domanda agli esperti del sito.. mi hanno detto che andando a Barcellona si prendono al 99% turbolenze, da ignorante in materia volevo sapere era vero oppure si volevano solo prendere gioco della mia fobia.. Grazie mille :)

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9557
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Disturbo da panico

Messaggio da tartan » 12 gennaio 2019, 16:15

Sono stato a Barcellona diverse volte e non ho mai incontrato turbolenze, sia all'andata che al ritorno. E' doveroso, naturalmente, specificare cosa si intenda per turbolenza! Per me turbolenza è quando per non far cadere l'acqua dal bicchiere che hai in mano, devi muovere la mano con il bicchiere come se stessi ballando al ritmo di rock!
Probabilmente per chi ti ha detto quello che hai riportato, per loro turbolenza è quel leggero tremolio ai visceri che ti aiuta ad andare al bagno, quello che noi a roma chiamiamo cagarella! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Marco94
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 49
Iscritto il: 16 novembre 2018, 16:07

Re: Disturbo da panico

Messaggio da Marco94 » 12 gennaio 2019, 17:51

Grazie mille Tartan :)

Rispondi