Precipita aereo da turismo

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Lelefanton
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 103
Iscritto il: 10 settembre 2011, 17:56

Precipita aereo da turismo

Messaggio da Lelefanton » 16 agosto 2018, 10:48


Avatar utente
mcgyver79
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 8492
Iscritto il: 25 gennaio 2006, 14:04

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da mcgyver79 » 16 agosto 2018, 12:21

McGyver

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da sigmet » 16 agosto 2018, 20:25

Ancora cavi... :(
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

giammo82
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 116
Iscritto il: 5 gennaio 2017, 1:29

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da giammo82 » 16 agosto 2018, 22:53

eh si i cavi elettrici sono una mina vagante io li schivati per poco grazie al mio istruttore in finale mentre approcciavo la pista dall'alto si fa fatica a vederli,adesso è la prima cosa che controllo quando affronto un nuovo aeroporto.

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 16596
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da JT8D » 25 febbraio 2021, 21:50

Rilasciata da ANSV la relazione di inchiesta:

https://ansv.it/cimadolmo-tv-piper-pa-1 ... he-i-nena/

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano".


Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da sigmet » 27 febbraio 2021, 13:07

JT8D ha scritto:
25 febbraio 2021, 21:50
Rilasciata da ANSV la relazione di inchiesta:

https://ansv.it/cimadolmo-tv-piper-pa-1 ... he-i-nena/

Paolo
Rimango stupito dal fatto che non vi sia neanche un accenno alla segnalazione degli elettrodotti e alla relativa normativa.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
noone
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1197
Iscritto il: 18 luglio 2008, 12:46
Località: Leman Lake

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da noone » 1 marzo 2021, 10:15

Ciao!
In realtà c'è un trafiletto che dice che volavano sotto la quota minima e che i cavi non erano segnalati perchè non richiesto, essendo, tuttosommato, bassi....

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da sigmet » 1 marzo 2021, 12:59

noone ha scritto:
1 marzo 2021, 10:15
Ciao!
In realtà c'è un trafiletto che dice che volavano sotto la quota minima e che i cavi non erano segnalati perchè non richiesto, essendo, tuttosommato, bassi....

L'elettrodotto attraversava il Piave ( su fiumi e autostrade i cavi dovrebbero essere segnalati) . Si trova all'interno delle 25NM del sentiero strumentale di LIPH (hanno verificatoil piano ostacoli?) ed e' attiguo ad una aviosuperfcie certificata dove gli aerei per atterrare prima o poi debbono scendere nel circuito a meno che non siano elicotteri.
Va be... volava basso.. :roll:
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
noone
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1197
Iscritto il: 18 luglio 2008, 12:46
Località: Leman Lake

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da noone » 3 marzo 2021, 1:12

Volava o no sotto la quota minima (credo volasse a 11 metri da terra)? L'elettrodotto era in finale per la pista?
Non conosco la normativa a sufficienza da esprimere una opinione, ma questo non è un elisoccorso che piglia un cavo, questo sembra un evento dove un pilota, possibilmente intossicato da alcool, vola a 10 metri da terra sul letto del Piave...

Avatar utente
noone
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1197
Iscritto il: 18 luglio 2008, 12:46
Località: Leman Lake

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da noone » 3 marzo 2021, 16:01

Sia ben chiaro, non voglio levare una croce per nessuno, di errori potenzialmente tragici ne ho fatti nella mia carriera, e mi ha aiutato ammetterli, soprattutto perchè quando sbagli puoi fare male anche a altri.
Che la normativa richieda l'indicazione io non lo so, ma mi pare che sia lontana dalla causa dell'incidente...
Questo è il trafiletto che descrive la quota di impatto
Immagine
La distanza ra il luogo di impatto e la aviosuperfice
Immagine
la distanza tra luogo di impatto e aeroporto
Immagine

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da sigmet » 3 marzo 2021, 19:07

noone ha scritto:
3 marzo 2021, 16:01
Sia ben chiaro, non voglio levare una croce per nessuno, di errori potenzialmente tragici ne ho fatti nella mia carriera, e mi ha aiutato ammetterli, soprattutto perchè quando sbagli puoi fare male anche a altri.
Che la normativa richieda l'indicazione io non lo so, ma mi pare che sia lontana dalla causa dell'incidente...
Questo è il trafiletto che descrive la quota di impatto
Quello che mi stupisce e' il fatto che proprio l'ANSV ritenga "non prevista "la segnalazione del cavo.
La diramazione dell'elettrodotto a 132 Kv di Lamon attraversa con un angolo di circa 70° il fiume Piave in direzione di Cimadolmo
Tale elettrodotto e' segnalato anche su AIP con la nota "Ostacolo lineare sull'acqua" (senza specificare l'attraversamento sul fiume Piave) e come tale ricade nei casi previsti dall'ICAO Ann 14.
La non osservanza delle quote minime non esime l'operatore della linea elettrica dall'obbligo di segnalazione della stessa.
Inoltre mi permetto di farti osservare che , a parte il pilota indisciplinato , ci sono altri utenti dell'aria ( militari, vigili del fuoco, HEMS,e lavoro aereo) che per caratteristiche delle operazioni possono essere costretti a volare a bassa quota.
Proprio in Veneto ricordo due incidenti simili ad un elicottero che faceva irrorazione a Cison di Valmarino e il più' grave occorso ad un elicottero del SUEM a Cortina d'ampezzo dove morì l'intero equipaggio.
La regione Veneto tra le altre cose a seguito di quegli incidenti istituì una commissione di SV (alla quale ho collaborato anche io) con apposita legge regionale del 2012 dove all'art.3 dove tra le atre cose stabilisce che:
La Giunta regionale, a seguito della ricognizione comunicata dai comuni ai sensi del comma 2 e sentita la Commissione, segnala all’ENAC e all’Aeronautica militare, le opere e gli impianti che possono costituire ostacoli al volo, ai fini del collocamento di segnali, ovvero della loro demolizione, ai sensi degli articoli 709, 710, 712 e 714 del Codice della navigazione.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
noone
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1197
Iscritto il: 18 luglio 2008, 12:46
Località: Leman Lake

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da noone » 3 marzo 2021, 19:39

Ciao!
Su questo siamo d'accordissimo, SE andava segnalato sarebbe stato giusto riportarlo nella investigazione.
Ma come abbiamo detto, non era un elisoccorso, un militare o un lavoro aereo, quindi per trovarsi in quel luogo in quel momento la catena degli eventi, i buchi nel formaggio o quello che vuoi è cominciata molto prima della mancanza di un pallone di segnalazione.

I commentini con gli occhi in aria sono più l'ambito di adolescenti viziati che di professionisti.
sigmet ha scritto:
1 marzo 2021, 12:59
Va be... volava basso.. :roll:

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da sigmet » 3 marzo 2021, 19:48

noone ha scritto:
3 marzo 2021, 19:39

I commentini con gli occhi in aria sono più l'ambito di adolescenti viziati che di professionisti.
A me anche questo sembra un commentino superfluo e fuori luogo..
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 500
FL 500
Messaggi: 5182
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Precipita aereo da turismo

Messaggio da Valerio Ricciardi » 5 marzo 2021, 15:27

noone ha scritto:
3 marzo 2021, 19:39
SE andava segnalato sarebbe stato giusto riportarlo nella investigazione.
Ma come abbiamo detto, non era un elisoccorso, un militare o un lavoro aereo, quindi per trovarsi in quel luogo in quel momento la catena degli eventi, i buchi nel formaggio o quello che vuoi è cominciata molto prima della mancanza di un pallone di segnalazione.
Possibilissimo che elemento determinante per il verificarsi di QUELL'incidente sia stata una quota di volo troppo bassa, quale che sia stata la causa di questa traiettoria. Magari il pilota non era in condizioni psicofisiche ideali. Magari era alterato emotivamente per questioni sue personali. Magari ha avuto un comportamento superficiale, fatto sta che potrebbe essere verosimile che comunque il cavo NON lo abbia visto.
Ora, la segnalazione di un cavo si attua con quei vistosi palloni di plastica che si montano a scatto e vengono posizionati a distanza regolare sul tratto di cavo che potrebbe risultare poco visibile, corretto? Quanto costano pochi di quei palloni? Di cosa stiamo parlando? Anche se QUEL volo non era un elisoccorso, se l'incidente è successo vuol dire che un fattore ambientale legato ad una infrastruttura (una EVIDENTEMENTE insufficiente visibilità del cavo) lo ha favorito. Si deve agire e porsi il problema solo dopo che un prossimo eventuale incidente coinvolga stavolta un elisoccorso, un volo militare o un soccorso aereo formalmente giustificati, in caso di necessità, a volare in quella zona e a quote del genere?

Una cosa è la responsabilità legale e i limiti cogenti imposti dalla normativa, che possono nel caso portare a censure o sanzioni più o meno gravi in caso di inadempienza, in quanto sono state prima delineate precise modalità di comportamento e procedure univoche.
Una cosa invece la responsabilità "morale" collettiva, che può esprimersi nella società anche attraverso atti non obbligatori, ma che l'esperienza dimostra essere opportuni per l'ottenimento del bene comune - che dovrebbe essere "naturalmente" perseguito da tutti in funzione di ciò che ciascuno può fare.

Se ciascuno di noi facesse esattamente, rigorosamente solo ciò che il regolamento gli impone di fare non funzionerebbe più nulla. La comunità ha una resilienza che deriva dal fatto che tanti individui ci mettono ciascuno qualcosina di proprio, di non dovuto, di non contrattuale al di là di un dovere formale precisamente definito.
"The curve is flattening: we can start lifting restrictions now" = "The parachute has slowed our rate of descent: we can take it off now!"
Chesley Burnett "Sully" Sullenberger

Rispondi