Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
87Nemesis87
FL 150
FL 150
Messaggi: 1963
Iscritto il: 9 maggio 2008, 14:51
Località: Somewhere over the rainbow...

Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da 87Nemesis87 » 26 settembre 2009, 9:55

http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus ... 87451.html

ma.....è possibile? Come diavolo fanno? :shock:
...finalmente laureato!!!

...ATPL: Completato!!
-- MEP, SEP, IR, CPL, MCC --
-- CRJ-100/900 Type Rated --
-- B737-300/900/MAX Type Rated --

Avatar utente
cabronte
FL 500
FL 500
Messaggi: 9831
Iscritto il: 10 giugno 2008, 21:45
Località: Nelle vicinanze di MXP

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da cabronte » 26 settembre 2009, 9:57

87Nemesis87 ha scritto:http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus ... 87451.html

ma.....è possibile? Come diavolo fanno? :shock:
Oh mio dio! :shock:
Ale

CanarinoMannaro
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 325
Iscritto il: 30 novembre 2008, 9:18

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da CanarinoMannaro » 26 settembre 2009, 10:28

87Nemesis87 ha scritto:http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus ... 87451.html

ma.....è possibile? Come diavolo fanno? :shock:
cloud seeding!
http://it.wikipedia.org/wiki/Cloud_seeding

Avatar utente
87Nemesis87
FL 150
FL 150
Messaggi: 1963
Iscritto il: 9 maggio 2008, 14:51
Località: Somewhere over the rainbow...

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da 87Nemesis87 » 26 settembre 2009, 11:42

CanarinoMannaro ha scritto:
87Nemesis87 ha scritto:http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus ... 87451.html

ma.....è possibile? Come diavolo fanno? :shock:
cloud seeding!
http://it.wikipedia.org/wiki/Cloud_seeding
incredibile... :shock:
....non credevo che la tecnologia fosse arrivata a questo punto...ma che ficata!! :D
...finalmente laureato!!!

...ATPL: Completato!!
-- MEP, SEP, IR, CPL, MCC --
-- CRJ-100/900 Type Rated --
-- B737-300/900/MAX Type Rated --

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 27 settembre 2009, 16:35

L'articolo presenta alcune grosse imprecisioni.
Innanzitutto gli aerei non impediscono la pioggia ("aerei antipioggia"... dice il titolo dell'articolo), bensì favoriscono la pioggia.
E' ben diverso come concetto!
Dire "antipioggia" suppone che con gli aerei sia possibile impedire alle nuvole di piovere, ossia di "cancellare le nuvole", di eliminare un temporale, e robette del genere.
Niente di tutto questo.
La Cloud Seeding serve proprio all'effetto contrario: FAR piovere, non "impedire che piova".
E' dunque sbagliato intitolare un articolo con "aerei ANTI pioggia" dal momento che tale tecnica non serve affatto ad impedire la pioggia, bensì a favorirla.

Seconda imprecisione: l'articolo omette di precisare (forse volontariamente, giusto per ottenere un po' di "suspance") che se NON ci sono le condizioni metereologiche giuste per l'uso di ioduro d'argento (l'elemento tipicamente usato per il cloud seeding) non si ottiene un bel niente.
Zero di zero.
Durante i giochi olimpici 2008 i cinesi, anche in quell'occasione, pensarono di inseminare le nubi allo scopo di farle piovere prima dei giochi, ossia di far sì che i giochi olimpici si svolgessero possibilmente senza mai brutto tempo.
Abbiamo visto tutti come è andata a finire. :mrgreen:
Le gare di ciclismo si sono svolte durante acquazzoni battenti, alla faccia "dell'antipioggia" o del "far piovere prima".
Le stesse gare di tiro al piattello si sono svolte sotto un cielo tetro e scuro, con pioggia (tanto che hanno dovuto persino rinviarle di ore sperando che il padreterno concedesse un po' di bel tempo).
E' la dimostrazione lampante che se le condizioni meteo non sono favorevoli all'uso del cloud seeding, non c'è nulla che noi possiamo fare per impedire al tempo di fare ciò che vuole.
Ma questo l'articolo non lo dice.

Avatar utente
87Nemesis87
FL 150
FL 150
Messaggi: 1963
Iscritto il: 9 maggio 2008, 14:51
Località: Somewhere over the rainbow...

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da 87Nemesis87 » 27 settembre 2009, 17:05

Aldus ha scritto:L'articolo presenta alcune grosse imprecisioni.
Innanzitutto gli aerei non impediscono la pioggia ("aerei antipioggia"... dice il titolo dell'articolo), bensì favoriscono la pioggia.
E' ben diverso come concetto!
Dire "antipioggia" suppone che con gli aerei sia possibile impedire alle nuvole di piovere, ossia di "cancellare le nuvole", di eliminare un temporale, e robette del genere.
Niente di tutto questo.
La Cloud Seeding serve proprio all'effetto contrario: FAR piovere, non "impedire che piova".
E' dunque sbagliato intitolare un articolo con "aerei ANTI pioggia" dal momento che tale tecnica non serve affatto ad impedire la pioggia, bensì a favorirla.

Seconda imprecisione: l'articolo omette di precisare (forse volontariamente, giusto per ottenere un po' di "suspance") che se NON ci sono le condizioni metereologiche giuste per l'uso di ioduro d'argento (l'elemento tipicamente usato per il cloud seeding) non si ottiene un bel niente.
Zero di zero.
Durante i giochi olimpici 2008 i cinesi, anche in quell'occasione, pensarono di inseminare le nubi allo scopo di farle piovere prima dei giochi, ossia di far sì che i giochi olimpici si svolgessero possibilmente senza mai brutto tempo.
Abbiamo visto tutti come è andata a finire. :mrgreen:
Le gare di ciclismo si sono svolte durante acquazzoni battenti, alla faccia "dell'antipioggia" o del "far piovere prima".
Le stesse gare di tiro al piattello si sono svolte sotto un cielo tetro e scuro, con pioggia (tanto che hanno dovuto persino rinviarle di ore sperando che il padreterno concedesse un po' di bel tempo).
E' la dimostrazione lampante che se le condizioni meteo non sono favorevoli all'uso del cloud seeding, non c'è nulla che noi possiamo fare per impedire al tempo di fare ciò che vuole.
Ma questo l'articolo non lo dice.

si infatti è molto impreciso come articolo...però sono imprecisioni che si trovano sempre su un articolo di giornale che prova a parlare di qualcosa di prettamente scientifico :P

piuttosto...quindi in pratica sono delle operazioni che non hanno una buona percentuale di riuscita?
...finalmente laureato!!!

...ATPL: Completato!!
-- MEP, SEP, IR, CPL, MCC --
-- CRJ-100/900 Type Rated --
-- B737-300/900/MAX Type Rated --

Avatar utente
**F@b!0**
FL 500
FL 500
Messaggi: 6896
Iscritto il: 17 aprile 2009, 19:21
Località: Olbia (OT)

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da **F@b!0** » 27 settembre 2009, 17:26

come ha detto aldus ci sono delle condizioni prestabilite per cui "l'iseminazione" vada a buon fine!!!!!
un precedente c'è, MiG Russi impedirono ad un violento aquazzone di abbattersi sul cremlino mentre erano in corso delle cerimonie a cui erano presenti diverse autorità internazionali.
mi sembra che il temporale si sia abbattuto molto violentemente su un paesino fuori Mosca, anche qui quindi hanno fatto anticipare la precipitazione in modo che le novole passassero su Mosca non cariche d'acqua.
Click Here to view my aircraft photos at JetPhotos.Net!

China su fronte, si ses sezzidu pesa! ch'es passende sa Brigata tattaresa boh! boh! E cun sa mannu sinna sa mezzus gioventude de Saldigna

Non bat dinare a pacare
una vida pro miserat chi siat
s' omine
no er de imbolare
pro una gherra chi
est' unu affare


*Virtute Siderum Tenus*

Avatar utente
Almost Blue
FL 150
FL 150
Messaggi: 1628
Iscritto il: 21 maggio 2008, 14:03

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Almost Blue » 27 settembre 2009, 17:50

cabronte ha scritto: Oh mio dio!
Quoto... In Cina ed in Russia evidentemente anche Madre Natura deve richiedere l'autorizzazione. Fossi in loro, visto che tanto anche l'erba la rinverdiscono a spruzzo da parecchio tempo, io darei anche una mano di blù al cielo ed una di giallo al sole.
E' la dimostrazione lampante che se le condizioni meteo non sono favorevoli all'uso del cloud seeding, non c'è nulla che noi possiamo fare per impedire al tempo di fare ciò che vuole.
E meno male!
Il 17 giugno a Mosca l'aviazione militare russa tentò l'inseminazione delle nubi con sacchi di cemento. Uno di questi non si polverizzò e ricadde sopra il tetto di una casa.
Muahahahahhhahahahhaaaaahahhaha! Ma ve l'immaginate voi una pioggia di acqua e cemento? La superano solo il vento e la pioggia di Chernobyl. Mi vengono i brividi.
Se vogliono fare qualcosa di serio perchè non inseminano le nubi con il rosso conero?
"Find a job you like and and you'll not have to work a single day in your life".

Avatar utente
87Nemesis87
FL 150
FL 150
Messaggi: 1963
Iscritto il: 9 maggio 2008, 14:51
Località: Somewhere over the rainbow...

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da 87Nemesis87 » 27 settembre 2009, 20:50

**F@b!0** ha scritto: mi sembra che il temporale si sia abbattuto molto violentemente su un paesino fuori Mosca,.
quindi in pratica hanno sacrificato un paesino per delle celebrazioni....mammamia...pensa se ci sono stati anche dei morti...incredibile...
...finalmente laureato!!!

...ATPL: Completato!!
-- MEP, SEP, IR, CPL, MCC --
-- CRJ-100/900 Type Rated --
-- B737-300/900/MAX Type Rated --

Avatar utente
coach
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 343
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 18:18
Località: firenze

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da coach » 27 settembre 2009, 21:23

oramai siamo arrivati ad un punto che non c'e' piu' alcun rispetto per questa terra.io di fronte a queste notizie non riesco a non rattristarmi
"....non dar retta ai tuoi occhi e non credere a quello che vedi.gli occhi vedono solo cio' che e' limitato.guarda col tuo intelletto e scopri quello che conosci gia'.allora imparerai come si vola".
R.Bach il gabbiano jonathan livingston

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 28 settembre 2009, 0:53

coach ha scritto:oramai siamo arrivati ad un punto che non c'e' piu' alcun rispetto per questa terra.io di fronte a queste notizie non riesco a non rattristarmi
Non devi vederla in questo modo.
L'inseminazione delle nubi è una vecchia pratica che è nata allo scopo di "aiutare la Terra", o per essere più precisi, i suoi abitanti e soprattutto le coltivazioni.
Se la meteorologia in certe località fa i capricci e rischia di rovinare il raccolti per troppa siccità, ecco che la tecnica del Cloud Seeding diviene una manna dal cielo.
E' abbastanza che ci sia qualche cumulo in cielo per trasformarlo in una grossa nube da pioggia.
Le coltivazioni ringraziano.
Questo è il principale scopo per cui è nata la tecnica dell'inseminazioni delle nubi: far piovere nelle zone dove c'è assolutamente bisogno che piova, pena gravi danni alle coltivazioni.
Usare questa tecnica per scopi diversi (vedi il "non rovinare delle manifestazioni sportive") non fa parte del modo convenzionale di usare il Cloud Seeding, ed è per questo che tali eventi sono casi rarissimi.
Il perchè è molto semplice: la percentuale di insuccesso è molto elevata.
Servono condizioni meteo molto particolari per far sì che questa tecnica funzioni, altrimenti non funziona, non c'è mezzo di farla funzionare.
Nei deserti dell'Africa (o altri deserti molto aridi) è rarissimo che funziona perchè non c'è la metereologia giusta per ottenere un risultato positivo.
Se questa tecnica funzionasse sempre, a quest'ora avremo i deserti colmi di verde.
Non è così purtroppo.
Inoltre va tenuto conto che non è possibile prevedere il comportamento nuvoloso "post cloud seeding".
Potrebbe piovere.
Ma potrebbe anche non piovere.
O ancora, potrebbe scatenarsi un bel temporalone imprevisto che, anzichè far piovere, butta giù grandine a dirotto, e rovinerebbe le coltivazioni anzichè aiutarle.
Per tutta questa serie di motivi la tecnica dell'inseminazione nubi è fatta molto di raro, solo quando è veramente necessario (anche perchè funziona di raro, la percentuale di insuccesso è molto superiore alla percentuale di successo!).
Non pensare quindi che, da oggi, tutte le volte che vedi temporali con vento, grandine, pioggia a dirotto, quello è il risultato di un Cloud Seeding!
Assolutamente no.
E' solo madre natura al 100%, tutto naturale e normale, nessuno sta inseminando niente, nessuno sta manipolando niente.
Tieni anche presente che questa tecnica è molto localizzata, ossia funziona (se e quando funziona, cioè raramente) solo su una ritrettissima area.
Puoi giusto far piovere su un paese o una città, ma non certo su un'intera regione.

Avatar utente
coach
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 343
Iscritto il: 19 gennaio 2006, 18:18
Località: firenze

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da coach » 10 ottobre 2009, 14:34

Hai ragione a vederla in questo moda ma il mio problema nasce dalla consapevolezza che l'essere umano ,in nome di una ricerca scientifica volta a "migliorare" alcune condizioni naturali,faccia un uso/abuso scorretto di certe scoperte.purtoppo non riusciremo mai a saper utilizzare solo al meglio tali stratagemmi per ingannare il tempo,o la genetica o qualunque altra cosa che ci sia messa a disposizione dalla natura.Adesso poi che si bombarada pure la luna.......ma questo e' un altro thread!!!!!
"....non dar retta ai tuoi occhi e non credere a quello che vedi.gli occhi vedono solo cio' che e' limitato.guarda col tuo intelletto e scopri quello che conosci gia'.allora imparerai come si vola".
R.Bach il gabbiano jonathan livingston

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9872
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da tartan » 10 ottobre 2009, 15:19

Tanti anni fa (ormai mi sono abituato a cominciare così le mie favolette) venne configurata con serbatoi di non so che cosa, la cabina di un DC3 al quale furono date le marche I-NEBB. Doveva servire a eliminare o ridurre la nebbia sull'aeroporto di Linate, con passaggi irroranti non so bene cosa. In Altalia provvedemmo alla realizazione della balance chart.
Non ricordo che fine abbia fatto.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Slowly
Administrator
Administrator
Messaggi: 26108
Iscritto il: 28 settembre 2004, 12:43
Località: ...nei pensieri di chi mi vuole bene!
Contatta:

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Slowly » 10 ottobre 2009, 15:21

Mai sentito, ma sembra interessante.
Cerco qualcosa in giro, vediamo che ne viene fuori.
SLOWLY
MD80.it Admin

e-mail: slowly@interfree.it
MSN: slowly@md80.it
Skype: slo.ita

Scarica il mio (oh) mamma devo prendere l'aereo!

Avatar utente
87Nemesis87
FL 150
FL 150
Messaggi: 1963
Iscritto il: 9 maggio 2008, 14:51
Località: Somewhere over the rainbow...

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da 87Nemesis87 » 10 ottobre 2009, 15:35

tartan ha scritto:Tanti anni fa (ormai mi sono abituato a cominciare così le mie favolette) venne configurata con serbatoi di non so che cosa, la cabina di un DC3 al quale furono date le marche I-NEBB. Doveva servire a eliminare o ridurre la nebbia sull'aeroporto di Linate, con passaggi irroranti non so bene cosa. In Altalia provvedemmo alla realizazione della balance chart.
Non ricordo che fine abbia fatto.
davvero molto interessante...si risolverebbe un bel problema per gli aerei se ci riuscissero.. :o
...finalmente laureato!!!

...ATPL: Completato!!
-- MEP, SEP, IR, CPL, MCC --
-- CRJ-100/900 Type Rated --
-- B737-300/900/MAX Type Rated --

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 10 ottobre 2009, 16:36

coach ha scritto: Adesso poi che si bombarada pure la luna.......ma questo e' un altro thread!!!!!
Solo un paio di appunti credo siano doverosi.

1- Nessuno ha "bombardato" la Luna, e sinceramente non capisco il senso di continuare a riportare quella assurda parola, "bombardare", (tra l'altro citata anche da articoli come questo http://www.corriere.it/scienze_e_tecnol ... aabc.shtml ) quando in realtà non si è fatto usi di esplosivi.
La parola giusta è "impattato", e c'è una certa differenza tra dire "bombardare" e dire "impattare".

2- L'impattatore cinetico in questione (la sonda) aveva più o meno il peso di un fuoristrada (2300 kg).
Data l'esiguità di tale oggetto in rapporto alle dimensioni della Luna, il nostro "impatto artificiale" gli ha letteralmente fatto il solletico alla Luna.
Per la precisione l'energia sprigionata dall'impattatore è stata di 6 miliardi di joule (fonte NASA http://lcross.arc.nasa.gov/faq.htm#q4 ).
Tale valore, letto così, può sembrare catastrofico, ma invece vien da ridere perchè si colloca addirittura al di sotto all'energia sprigionata da un banalissimo meteorite di soli 10 kg (8 miliardi di joule).
Facendo un rapporto approssimativo "terrestre" sarebbe come prendere un Lockheed SR-71 (circa 70 tonnellate), e farlo schiantare in verticale a tutta velocità contro la Terra.
Oppure prendere una pistola cal 45 magnum e sparare contro il Cervino.
Sai che danno. :lol:

Insomma siamo ben lontani... ma che dico lontani... immensamente lontani da quello che può essere considerato un "bombardamento".
Se la Luna fosse stata un Brontosauro, quello che noi abbiamo fatto è stato prendere una ZANZARA, e avergli detto "ora vai là a pungere il Brontosauro".
Ne più ne meno.
Ecco perchè trovo esagerato titolare articoli di giornale con "La sonda ha BOMBARDATO la Luna".
Noi alla Luna gli abbiamo fatto il solletico, altro che bombardato.
I veri bombardamenti (quelli catastrofici sul serio!) ci ha già pensato madre natura a farglieli nel corso di milioni di anni: crateri enormi provocati da impatti cosmici terrificanti con oggetti di massa e velocità colossali che hanno reso la Luna un vero e proprio colabrodo disseminato di crateri da impatto dappertutto.
Eppure la Luna non ha fatto una piega.
Figuriamoci col nostro "impattatore artificiale" che cosa gli abbiamo fatto.
L'abbiamo fatta sorridere. :D

Immagine

CanarinoMannaro
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 325
Iscritto il: 30 novembre 2008, 9:18

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da CanarinoMannaro » 10 ottobre 2009, 16:40

tartan ha scritto:Tanti anni fa (ormai mi sono abituato a cominciare così le mie favolette) venne configurata con serbatoi di non so che cosa, la cabina di un DC3 al quale furono date le marche I-NEBB. Doveva servire a eliminare o ridurre la nebbia sull'aeroporto di Linate, con passaggi irroranti non so bene cosa. In Altalia provvedemmo alla realizazione della balance chart.
Non ricordo che fine abbia fatto.
questo e' pane per sciachimisti... :lol:

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 10 ottobre 2009, 16:48

tartan ha scritto:Tanti anni fa (ormai mi sono abituato a cominciare così le mie favolette) venne configurata con serbatoi di non so che cosa, la cabina di un DC3 al quale furono date le marche I-NEBB. Doveva servire a eliminare o ridurre la nebbia sull'aeroporto di Linate, con passaggi irroranti non so bene cosa. In Altalia provvedemmo alla realizazione della balance chart.
Non ricordo che fine abbia fatto.
Presumo azoto liquido.
Per dissolvere la nebbia, che io sappia, ci sono solo due modi:
- o riscaldi l'aria facendo in modo che le goccioline d'acqua della nebbia tornino, dallo stato liquido, allo stato gassoso (vapore non condensato)
- oppure raffreddi l'aria costringendo le goccioline d'acqua delle nebbia a "congelarsi", e quindi cadere al suolo come brina.
Se non mi sbaglio l'uso dell'azoto liquido (o elemento simile, ora non ricordo bene) tramite apposito impianto fisso installato a terra era già stato testato ai tempi su qualche aeroporto impestato di nebbia, ma non ha dato risultati soddisfacenti, e questa tecnica è andata in disuso (probabilmente anche per la complessità dell'impianto, sia costruttiva, sia economica).

Ah ovviamente inutile sottolineare che Tartan parlava di UN (ripeto UN) aereo appositamente attrezzato per questo test.
Un aereo noto, con marche nota!
Per cui NIENTE di segreto (altrimenti non ne parlerebbe di certo! :mrgreen: ), ma semplicemente un (ripeto ancora, UN SOLO) aereo fatto per compiere un tipo di esperimento atto a SALVARE delle vite (perchè la nebbia è sempre stata una killer per gli aerei e la sicurezza, basti pensare alla strage di Tenerife e quella di Linate!).
Insomma tutto il contrario di qualunque tesi strampallata potesse venire in mente a qualcuno (e sapete bene a quali fessi mi riferisco!), bensì un innoquo test per la sicurezza dell'aviazione che, nel caso avesse funzionato, avrebbe contribuito a salvare molte vite. :wink:

Ma purtroppo non ha funzionato, altrimenti a quest'ora saremmo in grado di dissolvere la nebbia facilmente su qualunque aeroporto; cosa questa che, ahimè, non avviene (chiedetelo ai parenti delle stragi sopra menzionate). :(

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9872
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da tartan » 10 ottobre 2009, 17:00

Aldus ha scritto:
tartan ha scritto:Tanti anni fa (ormai mi sono abituato a cominciare così le mie favolette) venne configurata con serbatoi di non so che cosa, la cabina di un DC3 al quale furono date le marche I-NEBB. Doveva servire a eliminare o ridurre la nebbia sull'aeroporto di Linate, con passaggi irroranti non so bene cosa. In Altalia provvedemmo alla realizazione della balance chart.
Non ricordo che fine abbia fatto.
Presumo azoto liquido.
Per dissolvere la nebbia, che io sappia, ci sono solo due modi:
- o riscaldi l'aria facendo in modo che le goccioline d'acqua della nebbia tornino, dallo stato liquido, allo stato gassoso (vapore non condensato)
- oppure raffreddi l'aria costringendo le goccioline d'acqua delle nebbia a "congelarsi", e quindi cadere al suolo come brina.
Se non mi sbaglio l'uso dell'azoto liquido (tramite apposito impianto installato a terra) era già stato testato ai tempi su qualche aeroporto impestato di nebbia, ma non ha dato risultati soddisfacenti, e questa tecnica è andata in disuso (probabilmente anche per la complessità dell'impianto, sia costruttiva, sia economica).
Nei miei ricordi visivi è latente l'immagine della cabina modificata con due grandi serbatoi e un corridoio laterale che consentiva il passaggio dei tecnici. Non ricordo molto di più se non che c'erano problemi di sbilanciamento laterale che vennero comunque risolti. Per il resto mi sembra di ricordare che si irrorava con un liquido nebulizzato risultante dalla miscela di due diversi prodotti. L'aereo fu impiegato qualche volta ma i risultati non furono tali da giustificare i costi del mantenimento in linea. Ho fatto una piccola indagine su google e I-NEBB risulta di proprietà dell'aeronautica militare e attualmente è scrapped.
Le marche I-NEBB furono ideate da un dipendente az di cui ricordo perfettamente il nome che però non faccio non sapendo più niente di lui da molto tempo.
Confermo niente di segreto, un solo vecchio DC3 destinato esclusivamente al problema della nebbia a Milano Linate. Per la preparazione dei manuali tecnici di volo fu chiesta la consulenza di AZ, senza alcuna remora o richiesta di segretezza, anzi, a suo tempo il tentativo venne ampiamente pubblicizzato..
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 10 ottobre 2009, 17:32

Ho trovato questo in un archivio storico: http://archiviostorico.corriere.it/1996 ... 6644.shtml
Mi ricordavo bene dunque, la tecnica è quella dell'azoto liquido.
Tuttavia sebbene l'articolo dimostra un certo "ottimismo" riguardo questa tecnica (si dice addirittura che costi poco), personalmente credo che i risultati non siano proprio ottimistici.
La nebbia non è un'entità "babbea" che se ne sta lì a farsi prendere per il naso dai nostri trucchetti.
La nebbia si riforma, e lo fa anche abbastanza velocemente quando le condizioni meteo sono quelle giuste.
Nell'articolo infatti si parla di un "tunnel".
In che consiste?
I furgoni attrezzati di azoto liquido percorrerebbero l'autostrada "dissolvendo" (se così si può dire) la nebbia dietro di loro.
Ma la dissolvenza dura poco, è larga giusto quando l'austrostrada, e lunga circa 200 metri.
DENTRO questo tunnel momentaneo quindi la visibilità è buona, ma solo all'interno di questo stretto spazio.
Nell'articolo non si parla infatti di chilometri di nebbia dissolta, ma solo di pochi metri, quindi tutte le auto che sono al di fuori del tunnel restano comunque dentro la nebbia (che si riforma!) e a visibilità zero.
Servirebbero centinaia, se non migliaia di "furgoncini antinebbia" per garantire la perfetta visibilità su tutto l'arco di un'autostrada.
Una roba improponibile sia per i costi, e (paradosso) anche per il traffico (tanti furgoni contribuiscono ad intasare di più il traffico autostradale).
L'ideale sarebbe disseminare l'intera autostrada di lampioni dotati di bombole di azoto liquido pronte a "sparare" quando c'è nebbia.
Bombole che vanno continuamente cambiate e/o rifornite, con conseguenti costi altissimi e non pochi problemi logistici.

Lo stesso tipo di tecnica però potrebbe essere usata presso gli aeroporti in quanto lì non si tratta di disseminare centinaia di chilometri di strada, bensì solo la lunghezza delle piste.
Teoricamente potrebbe funzionare.
Ma c'è un altro problema.
Innanzitutto a poco serve garantire la visibilità delle PISTE se poi i RACCORDI rimangono nella nebbia. :roll:
La nebbia deve essere sgomberata quindi su TUTTA l'area aeroportuale, altrimenti serve a poco.
In secondo luogo a che serve avere (ipotizziamolo) un aeroporto totalmente sgombro di nebbia se poi la nebbia è presente PRIMA dell'aeroporto, ossia in tutta quella fascia destinata al sentiero di discesa dell'areo?
Comunque vada l'aereo si ritrova dentro la nebbia, a fare un avvicinamento nella nebbia, insomma non va bene, il pericolo c'è ancora.
Forse (è un'ipotesi) è per questo motivo che si è pensato di attrezzare quel DC3 con quel sistema: al fine di tracciare un "sentiero sgombro" privo di nebbia per tutto l'inviluppo di volo di un aereo in avvicinamento, sino alle piste.
In sostanza una sorta di "spazzaneve" (in questo caso "spazzanebbia") che precede un aereo in atterraggio, e gli sgombra per così dire il campo dalla nebbia.
La tecnica in sè potrebbe anche essere buona, ma rimane il fatto che il "tunnel privo di nebbia" non rimane privo di nebbia per sempre: si richiude, e anche abbastanza in fretta, per cui siamo da capo.
E non solo.
Non bisogna dimenticare che l'azoto liquido quando viene sparato fuori si trasforma anch'esso in una "nebbia".
Una nebbia di brevissima durata, ma c'è, è tipo fumo bianco.
Per cui stare troppo a ridosso di un veicolo che spara fuori azoto liquido vuol dire non vedere più il veicolo, si vedrebbe solo una gran fumaria bianca.

In conclusione, per quanto queste tecniche per mettere al riparo le nostre vite dal "killer nebbia" siano lodevoli, credo che poco possiamo fare per averla vinta.
La meteorologia, nebbia compresa, sarà sempre più forte, meschina, subdola, imprevedibile, di qualunque trucchetto noi gli mettiamo contro.
E' come per i terremoti, le eruzioni vulcaniche, gli uragani, etc etc: la natura VINCE sempre! :wink:

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9872
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da tartan » 10 ottobre 2009, 17:37

Aldus ha scritto:E' come per i terremoti, le eruzioni vulcaniche, gli uragani, etc etc: la natura VINCE sempre! :wink:
E' vero, alla fine si muore di morte naturale! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 10 ottobre 2009, 17:38

Più chiaro di così! :D

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9872
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da tartan » 10 ottobre 2009, 17:44

Ho letto l'articolo. E' del 1996. Il DC3 era del 1966, 30 anni prima. Chissà se era tecnologia russa anche allora!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 10 ottobre 2009, 18:25

Ah dimenticavo... come la fisica dice bene (nulla si crea, nulla si distrugge) la tecnica dell'azoto liquido ha anche un altra controindicazione.
Domanda: che fine fa la nebbia "congelata" dall'azoto liquido?
Cade come brina depositandosi a terra.
Per cui su una strada percorsa da automobili.... dissolvi la nebbia prima...dissolvi dopo...dissolvi dissolvi dissolvi... la strada diventa un manto ghiacciato di scivolosa brina!
Se la nebbia viene dissolta da un furgoncino che procede in senso strada creando il famoso "tunnel" per le auto che procedono immediatamente dietro, il problema vien da meno perchè, oltre a sparare azoto per dissolvere la nebbia, deve sparare obbligatoriamente anche del SALE a terra.
Ma se NON c'è un furgone, e tutto l'impianto spara azoto viene reso fisso sui lampioni?
Chi lo spara più il sale sulla strada?
Bel problema, senza sale si rischia di dissolvere la nebbia, certo, ma anche di trasformare un'autostrada in una pista da sci, per cui la sicurezza va a ramengo in ogni modo.

E ancora (dato che nell'articolo che ho citato si parlava di costi molto bassi)... domanda: "ma dove le mettiamo le bombole di azoto e gli ugelli spruzza azoto?"
Sui lampioni dirà qualcuno.
Certo, e io rispondo: "e dove la troviamo un'autostrada che ha i lampioni??" :shock:
Chi l'ha mai vista un'autostrada coi lampioni?
Provate a immaginare il costo necessario ha fabbricare ed installare migliaia e migliaia di lampioni sulle autostrade, portarci lì l'azoto in bombole (o tramite conduttura fissa), costruire il centro di controllo che comanda l'azionamento del sistema, le telecamere di monitoraggio, etc etc, e infine...tutto l'impianto a SALE che tiene pulita la strada dalla brina che si forma quando la nebbia congela e cade al suolo come neve. :shock:
Alla faccia del "costo basso", qui si parla di milioni di euro di investimento per una tecnologia che, diciamocelo francamente, non garantisce una grossa percentuale di successo e non è esente da svariati problemi.
Meglio allora investire su tecnologie diverse tipo "radar di bordo" che aiutano gli automobilisti a "vedere" attraverso la nebbia, o perlomeno a sapere a che distanza procede il veicolo che gli sta davanti (una buona tecnologia sarebbe, a mio umile parere, utilizzare il sistema satellitare "Galileo" - che è estremamente preciso - per dare al conducente la situazione di tutto il traffico intorno a sè, a patto che tutte le auto, camion, e moto, siano dotate di tale sistema). :roll:

Tornando alla nebbia, riflettendoci un po' ho immaginato anche un tipo di situazione meteo dove l'uso dell'azoto liquido "potrebbe" (meglio metterlo tra virgolette) essere anche pericoloso: le giornate uggiose con nebbia.
Avete presente quelle giornate grige dove piove acqua fine fine (ma continua, incessante) e c'è ANCHE la nebbia?
Sparare l'azoto liquido in un tale contesto significherebbe teoricamente creare la neve artificiale! :shock:
Tutta quella pioggerellina congelerebbe divententando fiocchi di neve, ossia noi trasformiamo una giornata invernale (perchè di solito la nebbia si forma in inverno) con pioggia e nebbia, in una giornata invernale fatta di nevischio che cade al suolo.
Che fare?
Lasciamo la nebbia dov'è (e quindi il pericolo n°1 per gli automobilisti), oppure la dissolviamo ad "azotate", ma nello stesso tempo gli trasformiamo la strada in una pista di pattinaggio, ossia trasformiamo l'acqua in neve?
Bohhhhh :D

Avatar utente
87Nemesis87
FL 150
FL 150
Messaggi: 1963
Iscritto il: 9 maggio 2008, 14:51
Località: Somewhere over the rainbow...

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da 87Nemesis87 » 11 ottobre 2009, 12:04

Aldus ha scritto: Lasciamo la nebbia dov'è (e quindi il pericolo n°1 per gli automobilisti), oppure la dissolviamo ad "azotate", ma nello stesso tempo gli trasformiamo la strada in una pista di pattinaggio, ossia trasformiamo l'acqua in neve?
Bohhhhh :D
secondo me è un problema quasi insormontabile...
...dovresti riuscire a modificare in modo permanente e a tuo piacimento una situazione meteorologica di una area abbastanza vasta (un aeroporto, o un percorso autostradale) ...verrebbe a costare una infinità e come hai detto tu sicuramente ci sarebbero effetti collaterali altrettanto pericolosi se non di più da dover considerare...non credo che il problema nebbia si possa risolvere eliminandola...
...finalmente laureato!!!

...ATPL: Completato!!
-- MEP, SEP, IR, CPL, MCC --
-- CRJ-100/900 Type Rated --
-- B737-300/900/MAX Type Rated --

Avatar utente
Aldus
FL 350
FL 350
Messaggi: 3791
Iscritto il: 25 luglio 2005, 22:06
Località: Varese

Re: Aerei che cambiano il tempo./non scie chimiche tranquilli =)

Messaggio da Aldus » 11 ottobre 2009, 18:35

Beh ci sarebbe il sistema opposto: innalzare la temperatura ambientale (sull'aeroporto e su un tratto di autostrada) al fine di far "evaporare la nebbia", ossia riportarla allo stato di vapore gassoso anzichè di vapore condensato.
Ma anche in questo caso ci sarebbero dei limiti tecnici ed economici enormi.
Riascaldare tutta l'aria di un'aerea vasta quanto un aeroporto (pensate chessò a Fiumicino o Malpensa) non è mica uno scherzo.
E' un'impresa colossale.
Ma non solo.
Con cosa si riscalderebbe l'aria?
Bisognerebbe usare dei giganteschi "phon" elettrici.
Perchè elettrici?
Perchè se si usano phon a combustibile (tipo reattori o caldaie) bisogna mettere in conto che lo stesso combustibile contiene idrogeno e che ogni combustione crea vapore acqueo (basti pensare alle scie di condensazione).
Se la temperatura esterna è molto bassa (come avviene in inverno quando c'è nebbia) i "phon a combustibile" possono diventare macchine spara nebbia anch'essi, ossia anzichè riscaldare l'aria possono "saturarla" di vapore acqueo.
Per non parlare dei costi immensi per far funzionare questi "phon" e dell'inquinamento che aggiungono all'aria già inquinata di suo.

Insomma secondo me con la nebbia non si può fare nulla, nè "congelarla", nè "evaporarla".
Bisogna lasciarla lì dov'è, ed eventualmente (questo sì) investire su nuove tecnologia che permettano ai veicoli (siano automobili o aerei) di VEDERE dentro la nebbia, e quindi evitare terribili e potenziali collisioni tra i veicoli stessi.
Questa secondo me è l'unica strada veramente efficace da percorrere per avere la sicurezza.
La nebbia c'è?
Bene c'è, lo sappiamo, esiste da sempre e non possiamo eliminarla, inutile intestardirsi con "phonate" o "azotate".
La nebbia ci sarà sempre, si riformerà sempre, ci fregherà sempre, e causerà altre sciagure, è inevitabile.
Troviamo dunque il sistema di vederci attraverso, come se la nebbia non ci fosse, e avremo risolto il problema in maniera molto più efficace e pressochè sicura rispetto a qualunque altro palliativo. :wink:
Palliativo che se, sino ad oggi, non viene usato, è perchè NON funziona!
Oppure funziona ma costa troppo.
Oppure funziona ma non da garanzie certe.
Insomma comunque sia, non funziona, non va bene, è la strada sbagliata.
Meglio lasciare la nebbia dov'è, e concentrarsi su altre tecnologie nettamente più efficaci, meno dannose per l'ambiente, meno complicate, meno pericolose.

Rispondi