Caciocavalli e aerei

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Caciocavalli e aerei

Messaggio da Maxx » 19 gennaio 2010, 15:11

Fonte: http://www.primonumero.it

Strade e ferrovie da terzo mondo Ma il Molise vuole l’aeroporto
La provincia di Isernia ha presentato un progetto per la realizzazione di uno scalo aeroportuale fra Cantalupo, San Massimo e Macchiagodena. L’idea verrà lanciata a livello nazionale all’esposizione romana "Gate XXI". «I caciocavalli a fianco alle tecnologie aerospaziali» annuncia entusiasta il presidente Mazzuto. La società è per ora pubblico-privata, con possibilità di nuovi ingressi pubblici. La Regione Molise ha già dato il suo sostegno.

La sai l’ultima? Il Molise vuole costruirsi un aeroporto tutto suo. Fermi tutti, non c’è niente da ridere. E’ tutto vero. La regione più piccola d’Italia dopo la Valle d’Aosta, che ha a malapena i treni per andare e tornare nelle maggiori città dello Stivale, vuole davvero un aeroporto tutto per sé. Per farci cosa? «Collegamenti col Nord Africa e l’est Europa» annunciano entusiasti gli ideatori. Chi sono costoro? Non certo imprenditori alla ricerca di qualche “sola” da tirare al primo che capita. Sono il presidente della provincia di Isernia, il presidente della Camera di Commercio isernina e il presidente della società Avioproject. Per presentare al meglio il progetto, i tre hanno pensato all’esposizione internazionale Gate XXI, che si terrà nell’aeroporto dell’Urbe di Roma dal 21 al 24 gennaio. «I caciocavalli al fianco delle tecniche aerospaziali» sorride il presidente Mazzuto.

Se la ride il presidente provinciale, convinto della bontà di un’idea quantomeno bizzarra. Un aeroporto fra Cantalupo del Sannio, San Massimo e Macchiagodena. Più che mai entusiasta che il progetto appena svelato faccia bella figura all’esposizione internazionale romana.
«È un metodo stravagante e ironico – sostiene il presidente della Provincia, Luigi Mazzuto - per presentare a livello nazionale l’aeroporto del Molise. Il nostro intento è, infatti, quello di accendere la curiosità sui nostri prodotti tipici e sulle bellezze naturali del nostro territorio. Riteniamo che la realizzazione di questa struttura, nella quale saranno previsti collegamenti con l’est Europa e il Nord Africa, ci darà l’opportunità per sviluppare contatti e scambi commerciali e turistici con gli altri Paesi. Per questo crediamo e sosteniamo concretamente l’idea di realizzare l’aeroporto. Anche perché abbiamo al nostro fianco la Regione Molise, i Comuni di Cantalupo, San Massimo e Macchiagodena. In definitiva - conclude Mazzuto- credo che l’idea di mettere i caciocavalli accanto a uno stand un cui ci si occupa di tecniche aerospaziali sia una provocazione che sarà percepita positivamente e contribuirà a farci conoscere».

Nella regione in cui mancano strade e infrastrutture di ogni tipo, con stazioni ferroviarie che cadono a pezzi e frane un giorno sì e l’altro pure, ecco quindi una nuova “stravagante” idea per spendere un bel gruzzolo di soldi dei cittadini.
Il Presidente della Camera di Commercio, Luigi Brasiello è però convinto «che la costruzione dell’aeroporto sia di fondamentale importanza per la nostra Regione. La partecipazione della Camera di commercio è importante anche per il ruolo che svolge, ossia, quello di fare da intermediario tra gli imprenditori e le istituzioni o tra imprenditori di diversi paesi. Penso ad esempio ad eventuali investitori stranieri che vogliono entrare in società presenti sul nostro territorio e che, per motivi di campanilismo, incontrano difficoltà. Con strutture aeroportuali e anche con l’autostrada potremmo essere facilitati anche da questo punto di vista».

«Abbiamo costituito allo stato attuale – rivela Ottavio Balducci, presidente della Avioproject – una società a capitale pubblico-privato con i Comuni di Cantalupo e San Massimo. Il nostro obiettivo è quello di trasformarla in una a capitale pubblico con l’ingresso delle altre istituzioni presenti sul territorio. In questa fase ci stiamo dedicando all’attuazione del progetto della struttura che si estenderà su un’area di circa ottanta ettari». Silenzio di tomba sulle cifre. Quanto dovranno sborsare i contribuenti è ancora top secret.

«L’Enac – prosegue il gran capo dell’Avioproject - che è venuta a fare le ispezioni lo scorso luglio, ci ha dato l’ok per realizzare la struttura anche perché in Molise sarebbe l’unica. Inoltre, si pone in una posizione privilegiata anche nei confronti di Napoli e Roma. Tanto che viene considerata a tutti gli effetti uno scalo alternativo alle due metropoli. Tutto ciò grazie al fatto che abbiamo nelle vicinanze la stazione ferroviaria di Macchiagodena e di Cantalupo che potrà essere utilizzata come navetta di collegamento per le due città. Bisogna, poi, considerare che a poca distanza sorgerà anche l’autostrada. L’aeroporto – ha concluso Balducci - sarà anche l’occasione per poter sviluppare il turismo aeronautico. Questa nostra idea ha già riscosso parecchi consensi a livello europeo».

Poteva mancare il plauso della Lega Sannita? Certo che no. «Del primo aeroporto nel Molisannio se ne parla da decenni – afferma il leader del partito Lorenzo Lommano - quindi prendo atto e ringrazio i promotori di questa bella iniziativa che auspichiamo quanto prima realizzata». Perfetto. D’ora in poi, tutti i molisani, per raggiungere Budapest o Sharm El Sheikh potranno godere di una comodità unica. Prendere l’aereo a Cantalupo invece che a Fiumicino. Com’è che nessuno ci aveva pensato prima?

(Pubblicato il 19/01/2010)

Avatar utente
pasubio
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1017
Iscritto il: 25 novembre 2009, 20:03

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da pasubio » 19 gennaio 2010, 15:19

:D Bellissima, maxx, grazie per averla postata.
Mi ha fatto sbellicare dall'inizio alla fine....

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da Maxx » 19 gennaio 2010, 15:23

Io ho messo solo il titolo eh! :)

Avatar utente
Limosky91
FL 300
FL 300
Messaggi: 3212
Iscritto il: 10 gennaio 2007, 18:40
Località: Ad un passo da LIML

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da Limosky91 » 19 gennaio 2010, 15:47

anche se mi ha indubbiamente strappato un sorriso gigante la cosa un po' mi preoccupa. Non tanto per la possibile costruzione di uno scalo internazionale in Molise (è più probabile che il Papa si converta allo Shintoismo :wink: ) ma più per questa mentalità che c'è in Italia, ovvero quella del favorire il proprio "piccolo" in questo caso la regione Molise.
Costruendo un aeroporto molti passeggeri che prima volavano da Napoli o da Roma (nel caso del Molise) decideranno di volare dal nuovo scalo, togliendo così passeggeri agli altri scali. Questo non può far altro che impoverire i due scali rimasti senza una fetta di passeggeri. Allora non è meglio pensare all'interessa nazionale (perché di questo si tratta) agevolando i collegamenti da/per gli aeroporti e focalizzando il traffico su 4-5 aeroporti sulla Penisola?
Questa cosa non è venuta fuori da una mente superintelligente senior di un supermanager di 70 anni, ma da un ragazzino che studia lingue...quindi deduco che anche i signori citati nell'articolo lo capiscano. Allora è chiaro che vogliono solo arricchire loro stessi e la loro piccola regione, lasciando l'Italia (o in questo caso il Centro Italia) alla gogna senza cercare di aiutarla ma peggio ancora metterle i bastoni fra le ruote.
LINO
Quando uno urla, lo fa soltanto perchè ha paura

Perché gli aerei volano? Perché c'è stato qualcuno che non ha mai detto "è impossibile" far volare un ammasso di ferro con a bordo delle persone.

E se vi è capitato di pensare di essere dei codardi in un mondo di guerrieri, ricordatevi sempre che è successo anche ai vostri nemici. Grazie a questa consapevolezza sarete in grado di nascondere lo smarrimento e di non abbassare mai lo sguardo.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da Maxx » 19 gennaio 2010, 15:50

La cosa che mi fa più ridere è questa:

"Tutto ciò grazie al fatto che abbiamo nelle vicinanze la stazione ferroviaria di Macchiagodena e di Cantalupo che potrà essere utilizzata come navetta di collegamento per le due città".

2.697 abitanti in due.

Avatar utente
pasubio
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1017
Iscritto il: 25 novembre 2009, 20:03

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da pasubio » 19 gennaio 2010, 15:57

Limosky91 ha scritto: Allora è chiaro che vogliono solo arricchire loro stessi e la loro piccola regione,
No, no, tu sei stato troppo buono a metterci pure la regione...
Solo loro stessi, punto. :mrgreen:
Maxx ha scritto:La cosa che mi fa più ridere è questa:

"Tutto ciò grazie al fatto che abbiamo nelle vicinanze la stazione ferroviaria di Macchiagodena e di Cantalupo che potrà essere utilizzata come navetta di collegamento per le due città".

2.697 abitanti in due.
:mrgreen: Una ferrovia, aggiungo, votata all'alta velocità :mrgreen:

....che risate, ragazzi.... :D Mi rotolo sul pavimento, come dice qualcuno (in acronimo inglese) :P

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da Maxx » 19 gennaio 2010, 16:16

Comunque i caciocavalli sono buoni, i migliori del mondo!!

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3988
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da MarcoGT » 19 gennaio 2010, 16:19

Io davvero non ho parole;
credo che l'Italia sia il paese col più alto numero di aeroporti (in relazione al territorio, ma anche agli abitanti).
A cosa serve avere tutti questi aeroporti se non a togliere fette di passeggeri ad altri aeroporti come ha già giustamente detto qualcuno?

Perchè non utilizzare quei soldi per realizzare strutture per il collegamento verso gli altri aeroporti?
A cosa serve un aeroporto internazionale in Molise?

Bah... :? :?

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da Maxx » 19 gennaio 2010, 16:20

MarcoGT ha scritto:credo che l'Italia sia il paese col più alto numero di aeroporti (in relazione al territorio, ma anche agli abitanti).
Forse altri Paesi ne hanno di più, ma come minimo sono utilizzati molto meglio.

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3988
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da MarcoGT » 19 gennaio 2010, 16:34

Maxx ha scritto: Forse altri Paesi ne hanno di più, ma come minimo sono utilizzati molto meglio.
Certamente;
all'interno di "utilizzo" rientrano anche le infrastrutture per i collegamenti da/per l'aeroporto.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9622
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da Maxx » 19 gennaio 2010, 16:40

MarcoGT ha scritto:Certamente;
all'interno di "utilizzo" rientrano anche le infrastrutture per i collegamenti da/per l'aeroporto.
Quelle sono fondamentali!! Vogliamo fare un esempio di un grosso aeroporto lombardo???? :shock:

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3988
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da MarcoGT » 19 gennaio 2010, 16:43

Maxx ha scritto: Quelle sono fondamentali!! Vogliamo fare un esempio di un grosso aeroporto lombardo???? :shock:
Già...e la Lombardia è l'esempio calzante anche per il numero di aeroporti...
MXP
BGY
LIN
VBS

:?

bobgeldof
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 56
Iscritto il: 30 gennaio 2007, 12:23

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da bobgeldof » 21 gennaio 2010, 13:21

MarcoGT ha scritto: credo che l'Italia sia il paese col più alto numero di aeroporti (in relazione al territorio, ma anche agli abitanti).
Forse non hai mai dato un'occhiata ad una mappa degli Stati Uniti. :D

Avatar utente
MarcoGT
Software Integration Engineer
Software Integration Engineer
Messaggi: 3988
Iscritto il: 8 dicembre 2007, 9:28

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da MarcoGT » 21 gennaio 2010, 14:32

bobgeldof ha scritto: Forse non hai mai dato un'occhiata ad una mappa degli Stati Uniti. :D
Ehm...ma loro quanto usano l'aereo rispetto a noi?

bobgeldof
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 56
Iscritto il: 30 gennaio 2007, 12:23

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da bobgeldof » 21 gennaio 2010, 20:08

Ah certamente, e per vari motivi.
Tra questi anche il fatto che hanno un numero di aeroporti per abitante enormemente superiore a noi. :wink:

Avatar utente
b747-8
FL 150
FL 150
Messaggi: 1912
Iscritto il: 24 settembre 2008, 21:25

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da b747-8 » 22 gennaio 2010, 21:57

bobgeldof ha scritto:Ah certamente, e per vari motivi.
Tra questi anche il fatto che hanno un numero di aeroporti per abitante enormemente superiore a noi. :wink:
Hanno anche un numero di abitanti enromemetne superiore al nostro. E non parlo di Densita aerei/persone europea, ma italiana. Riguardo l'idea di mettere un aeroporto in Molise, accanto ai caciocavalli...che c'azzecca?
ROOOOOOOOTTTTTTTTFFFFFFLLLLLL!!!!!! SSSSSBOOONNKKK!!! :mrgreen:
Adesso io ed i_disa ne apriremo uno anche in Val di Sangro, e facciamo concorrenza non solo a quello di Pescara, o peggio, a Malpensa...facciamo concorrenza come minimo ad Amsterda-Schiphol! Ma per favore! :lol:
Acquistiamo il diritto di criticare severamente una persona solo quando siamo riusciti a convincerla del nostro affetto e della lealtà del nostro giudizio, e quando siamo sicuri di non rimanere assolutamente irritati se il nostro giudizio non viene accettato o rispettato. In altre parole, per poter criticare, si dovrebbe avere un'amorevole capacità, una chiara intuizione ed un'assoluta tolleranza. MOHANDAS KARAMCHAND GANDHI

Immagine
BIRRA POINT
Ministro rapporti CULturali

bobgeldof
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 56
Iscritto il: 30 gennaio 2007, 12:23

Re: Caciocavalli e aerei

Messaggio da bobgeldof » 23 gennaio 2010, 12:51

Googlando un po' a proposito di questa buffa vicenda ho trovato qualcosa che in realtà ridimensiona di molto la storia dell'aeroporto.
Leggo infatti (fonte primapaginamolise.com):

... "il gruppo Enac - ha spiegato Vergari - che si occupa dei molteplici aspetti della regolazione dell'aviazione civile, del controllo e vigilanza sull'applicazione delle norme adottate, della disciplina degli aspetti amministrativo-economici del sistema del trasporto aereo, già il 23 luglio 2009 ha effettuato in Molise, sul territorio di Cantalupo nel Sannio, un sopralluogo per una verifica tecnica e per la rilevazione di tutti i parametri indispensabili alla realizzazione di un'aerostazione.
Pochi giorni dopo l'ispezione, l'Enac ha espresso parere positivo sulla compatibilità infrastrutturale per l'aviosuperficie, destinata a diverse attività: trasporto pubblico con velivoli fino a 5.700 chilogrammi e con massimo 9 passeggeri a bordo, scuole di volo, business aviation, per il decollo e la partenza cioè di ‘aerei vip', e così via.
Dopo questa prima attività di verifica, l'Enac affida a società di capitale la concessione per la gestione totale dell'aeroporto: la fase di attuazione del progetto viene, quindi, delegata sul territorio.
Dopo la realizzazione dell'opera - ha spiegato ancora l'esperto Enac - spetta all'Ente dell'Aviazione Civile compiere un'azione di verifica e di regolamentazione delle procedure dei servizi aeroportuali.
La costruzione di un'aviosuperficie a Cantalupo nel Sannio, insomma, è un primo step verso la realizzazione di un aeroporto che comporta uno studio più approfondito, con la valutazione del piano regolatore della zona e dei programmi di interventi, investimenti e sviluppo in ambito aeroportuale.

Si parla quindi di un'aviosuperficie per aerei di piccole dimensioni: che questa possa diventare un aeroporto vero e proprio è un'altra cosa.

Rispondi