una domanda...

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
DomenicoRC
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 20 gennaio 2010, 13:08
Località: Reggio Calabria

una domanda...

Messaggio da DomenicoRC » 29 gennaio 2010, 15:17

non so se questa sia la sezione giusta, me ne scuso anticipatamente :wink:

arriviamo al duNque:

- so che i motori degli aerei volano sfruttando l'aria (non so se dice così), quindi per questo quando ci sono i cosidetti vuoti d'aria l'aereo perde quota fino a riaggrapparsi all'aria non appena questa è nuovamente presente.

- ma in fase di atterraggio/decollo, non può accadere la stessa situazione (di mancanza) e quindi comportare un calo per i motori con relativa perdita di quota, oppure a basse quote non esiste questo problema?


grazie mille
:wink: :wink:

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5569
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: una domanda....

Messaggio da Ponch » 29 gennaio 2010, 15:26

I vuoti d'aria non esistono. Sono le correnti ascensionali e discensionali che fanno perdere/aumentare quota all'aereo. Il problema esiste anche a basse quote, ma soltanto se ci sono delle particolari condizioni atmosferiche; ergo, se quelle determinate condizioni atmosferiche sono presenti sul campo, i piloti prenderanno le dovute precauzioni.

L'aria è sempre presente nell'atmosfera, diversamente un motore non potrebbe funzionare.

Parlando di aria, quello che potrebbe capitare è che se per qualsiasi motivo il suo passaggio nei vari stadi del motore, non è "uniforme", il compressore interessato potrebbe stallare. Ma questa è un'altra storia e comunque i motori a jet sono dotati di sistemi anti stallo che fanno bene il proprio lavoro.

P.S.=La sezione è sbagliata.
Is it light where you are yet?

Avatar utente
cabronte
FL 500
FL 500
Messaggi: 9764
Iscritto il: 10 giugno 2008, 21:45
Località: Nelle vicinanze di MXP

Re: una domanda....

Messaggio da cabronte » 29 gennaio 2010, 15:31

Secondo me il termine "vuoto d' aria" andrebbe ridimensionato!
Ale

Avatar utente
araial14
FL 500
FL 500
Messaggi: 11575
Iscritto il: 19 giugno 2007, 15:25
Località: Torino (Italia) Bahia (Brasile)

Re: una domanda....

Messaggio da araial14 » 29 gennaio 2010, 15:32

collaudatore ha scritto: P.S.=La sezione è sbagliata.
P.S. del P.S. = "Sbagliaterrima" :wink:
Immagine
Immagine

DomenicoRC
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 20 gennaio 2010, 13:08
Località: Reggio Calabria

Re: una domanda....

Messaggio da DomenicoRC » 29 gennaio 2010, 15:37

collaudatore ha scritto:I vuoti d'aria non esistono. Sono le correnti ascensionali e discensionali che fanno perdere/aumentare quota all'aereo. Il problema esiste anche a basse quote, ma soltanto se ci sono delle particolari condizioni atmosferiche; ergo, se quelle determinate condizioni atmosferiche sono presenti sul campo, i piloti prenderanno le dovute precauzioni.

L'aria è sempre presente nell'atmosfera, diversamente un motore non potrebbe funzionare.

Parlando di aria, quello che potrebbe capitare è che se per qualsiasi motivo il suo passaggio nei vari stadi del motore, non è "uniforme", il compressore interessato potrebbe stallare. Ma questa è un'altra storia e comunque i motori a jet sono dotati di sistemi anti stallo che fanno bene il proprio lavoro.

P.S.=La sezione è sbagliata.
grazie mille, e perdonatemi l'errore sulla sezione :wink:

Avatar utente
araial14
FL 500
FL 500
Messaggi: 11575
Iscritto il: 19 giugno 2007, 15:25
Località: Torino (Italia) Bahia (Brasile)

Re: una domanda....

Messaggio da araial14 » 29 gennaio 2010, 15:39

DomenicoRC ha scritto:
collaudatore ha scritto:I vuoti d'aria non esistono. Sono le correnti ascensionali e discensionali che fanno perdere/aumentare quota all'aereo. Il problema esiste anche a basse quote, ma soltanto se ci sono delle particolari condizioni atmosferiche; ergo, se quelle determinate condizioni atmosferiche sono presenti sul campo, i piloti prenderanno le dovute precauzioni.

L'aria è sempre presente nell'atmosfera, diversamente un motore non potrebbe funzionare.

Parlando di aria, quello che potrebbe capitare è che se per qualsiasi motivo il suo passaggio nei vari stadi del motore, non è "uniforme", il compressore interessato potrebbe stallare. Ma questa è un'altra storia e comunque i motori a jet sono dotati di sistemi anti stallo che fanno bene il proprio lavoro.

P.S.=La sezione è sbagliata.
grazie mille, e perdonatemi l'errore sulla sezione :wink:
Prova in "generiche" :wink:
P.S.
Temi il volo?
Ciao! :wink:
Immagine
Immagine

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5835
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: una domanda...

Messaggio da albert » 29 gennaio 2010, 16:03

Thread spostato e modificato titolo.... 8)

ciao!
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

DomenicoRC
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 20 gennaio 2010, 13:08
Località: Reggio Calabria

Re: una domanda....

Messaggio da DomenicoRC » 29 gennaio 2010, 16:05

araial14 ha scritto: Prova in "generiche" :wink:
P.S.
Temi il volo?
Ciao! :wink:

a trovarlo sto generiche

temo il volo? be, si (ma per esser più preciso temo più me stesso che il volo)... anche se non ho mai volato e quando ne ho avuto la possibilità (per via del lavoro) ho preferito il treno :|

povvo
FL 200
FL 200
Messaggi: 2080
Iscritto il: 15 gennaio 2009, 19:57

Re: una domanda....

Messaggio da povvo » 29 gennaio 2010, 16:06

DomenicoRC ha scritto: a trovarlo sto generiche
"Discussioni generiche di Aviazione" - Terminal A, comunque ha già provveduto albert a spostare il 3d nella sezione più adatta :mrgreen:
"A Federal Aviation Administration spokeswoman said there was no regulation about leaving someone asleep on a plane."

Avatar utente
albert
md80.it Staff
md80.it Staff
Messaggi: 5835
Iscritto il: 9 ottobre 2007, 2:16
Località: Liguria

Re: una domanda....

Messaggio da albert » 29 gennaio 2010, 16:07

araial14 ha scritto:
DomenicoRC ha scritto: grazie mille, e perdonatemi l'errore sulla sezione :wink:
Prova in "generiche" :wink:
P.S.
Temi il volo?
Ciao! :wink:
Quoto. Se la risposta fosse affermativa, e ne avessi voglia, esponi pure i tuoi timori in PdV, magari con un titolo più appropriato.. :wink:

ciao!
Alberto
MD80 Fan

«Ogni domanda alla quale si possa dare una risposta ragionevole è lecita.» Konrad Lorenz
«Un sogno scaturito da un grande desiderio: la grande voglia di volare e scoprire altri orizzonti verso i quali andare, con la voglia di nuovo. Per me questa è l'avventura.» Angelo D'Arrigo
«Non prendete la vita troppo sul serio, comunque vada non ne uscirete vivi.» Robert Oppenheimer

Avatar utente
Almost Blue
FL 150
FL 150
Messaggi: 1628
Iscritto il: 21 maggio 2008, 14:03

Re: una domanda...

Messaggio da Almost Blue » 29 gennaio 2010, 17:30

DomenicoRC ha scritto:
araial14 ha scritto: Prova in "generiche" :wink:
P.S.
Temi il volo?
Ciao! :wink:

a trovarlo sto generiche

temo il volo? be, si (ma per esser più preciso temo più me stesso che il volo)... anche se non ho mai volato e quando ne ho avuto la possibilità (per via del lavoro) ho preferito il treno :|
Il treno? Cacchio ne hai di coraggio!
"Find a job you like and and you'll not have to work a single day in your life".

DomenicoRC
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 20 gennaio 2010, 13:08
Località: Reggio Calabria

Re: una domanda...

Messaggio da DomenicoRC » 31 gennaio 2010, 23:49

Almost Blue ha scritto:

Il treno? Cacchio ne hai di coraggio!
:|

Avatar utente
redbrain
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 701
Iscritto il: 20 febbraio 2008, 0:15
Località: Milano - Parma - Marsala

Re: una domanda...

Messaggio da redbrain » 1 febbraio 2010, 1:36

Ciao,
in realtà devi sapere che ciò a cui ti rifersici tu, i "vuoti d'aria" e le relative perdite e recuperi di quota, la cosiddetta "turbolenza", sono dovuti non proprio all'effetto di queste masse d'aria turbolente sui motori, bensì sulle ali. Sono loro infatti che generano la "portanza" ovvero quella forza che mantiene in volo l'aereo. Situazioni estreme possono certamente avere effetti anche sul lavoro dei motori, ma non è comune. Se hai un timore al riguardo, sappi che non volerai mai in condizioni particolarmente avverse, perchè i piloti hanno strumentazioni apposite e vengono informati al fine di evitare di entrare in queste zone. Per quanto riguarda invece i decolli e gli atterraggi, vale la stessa regola. La situazione è sempre monitorata al fine di assicurare un decollo o un atterraggio sicuro. Se c'è un fattore di rischio importante, un pilota non decollerà nè atterrerà da/in quell'aeroporto.
Federico

Rispondi