Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
redbrain
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 701
Iscritto il: 20 febbraio 2008, 0:15
Località: Milano - Parma - Marsala

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da redbrain » 18 aprile 2010, 0:27

Comunque le previsioni del tempo ci danno cieli tersi per domani (lunedì 19) al nord Italia... Sono proprio curioso di vedere se anche noi avremo questi famosi tramonti rossi alla cenere. :bounce:
Federico

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 0:53

redbrain ha scritto:Comunque le previsioni del tempo ci danno cieli tersi per domani (lunedì 19) al nord Italia... Sono proprio curioso di vedere se anche noi avremo questi famosi tramonti rossi alla cenere. :bounce:
Ciao. :D
Chissà, a Milano le previsioni soni brutte anche domani, migliora forse lunedì, martedì prevedono variabilità, ma tendente al bello.



Ore 22: l’intensità dell’eruzione si è attenuata

Prima buona notizia dall’Islanda. L’intensità dell’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull, le cui ceneri hanno paralizzato i cieli europei, si è ridotta. Lo riferisce la geofisica islandese Sigrun Hreinsdotti secondo cui il flusso di lava ha rallentato e pertanto anche l’attività eruttiva del vulcano potrebbe ridursi. Hreinsdottir riferisce che la lava sta scorrendo da una camera magmatica ad un chilometro di profondità simile ad un palloncino in procinto di scoppiare. Nessuno però al momento è in grado di stabilire quando l’eruzione si fermerà.

Ore 20: il ministero: nessun allarme salute in Italia
Non servono le mascherine: per evitare che l’arrivo della nube del vulcano islandese possa provocare preoccupazioni ingiustificate il ministero della Salute lancia un messaggio chiaro. «Non esistono rischi per la salute» spiega in una nota annunciando l’avvio di un monitoraggio, assieme al ministero dell’Ambiente e agli organismi preposti, per controllare ogni effetto sulla popolazione. Le rassicurazioni si sono susseguite a partire dalla mattina quando, al termine della riunione al dipartimento della Protezione civile, è giunta la notizia che, anche sulla base delle informazioni giunte dagli esperti degli altri paesi europei dove la nube è già passata e dove sono state eseguite analisi sulle ceneri, non esistono motivi di preoccupazione. Circa il 25% delle polveri sprigionate dal vulcano potrebbe essere di dimensioni inferiori a 10 micron, quelle cioè conosciute come pm10 considerate pericolose per la salute perché possono penetrare nei polmoni, secondo una stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. «Le analisi sulle ceneri sono ancora in corso - ha dichiarato Maria Neira, direttrice del dipartimento di salute pubblica e ambiente - ma si stima che il 25% delle ceneri sia più piccolo di 10 micron, la dimensione ritenuta più pericolosa perché può penetrare più profondamente nei polmoni».

«Visto che la concentrazione delle ceneri varia a seconda del vento e della temperatura dell’aria - afferma Neira - il nostro consiglio è di ascoltare le autorità sanitarie locali per avere i migliori suggerimenti. Se le persone sono all’aperto e cominciano a sentire irritazioni alla gola e ai polmoni, naso che cola o bruciore agli occhi devono tornare in casa e rimanere al chiuso».

Secondo l’Oms più a rischio sono i pazienti affetti da patologie respiratorie, come enfisema e asma, che in caso di aumento del tasso di inquinamento devono limitare anche l’esercizio fisico.

Per Achille Marconi, esperto dell’Istituto Superiore di Sanità, i rischi per la salute sono comunque limitati, dato che l’esposizione sarebbe comunque per pochi giorni. «Anche se dovessero arrivare da noi, le polveri del vulcano non costituirebbero un grosso problema - afferma Marconi - perché l’esposizione sarebbe limitata a qualche giorno, e quindi anche in presenza di sostanze chimiche pericolose, come i silicati, queste non avrebbero tempo di provocare danni gravi».

Al momento non c’è un monitoraggio specifico per le polveri del vulcano, ma queste possono essere registrate dalle normali centraline che monitorano l’inquinamento urbano. «La dispersione è amplissima, ad alta quota e non ha ricadute sul terreno significative», ha poi rincarato il direttore di Arpav Veneto, Andrea Drago, una delle regioni che dovrebbe subire maggiormente il passaggio della nube che ora si sta dirigendo appunto verso il sud est.

Ore 19.20: l’Oms: possibili problemi respiratori
L’enorme nuvola di fumo provocata dall’eruzione del vulcano islandese potrebbe avere conseguenze per la salute se la cenere che contiene dovesse depositarsi. È quanto ha dichiarato oggi l’Organizzazione mondiale per la Sanità, precisando, comunque, «di non sapere ancora quale tipo di rischio per la salute potrebbe venire da questa specifica eruzione». «Stiamo seguendo e studiando l’evolversi della situazione» ha dichiarato David Epstein, uno dei funzionario dell’Oms, sottolineando che c’è bisogno ancora di maggiori dati e informazioni. Le particelle di cenere al momento rimangono sospese nell’atmosfera e non hanno ancora iniziato a depositarsi. Nel caso dovessero iniziare a farlo, nei paesi interessati dal passaggio della nuvola, Epstein ha ricordato la raccomandazione a stare a casa per tutte le persone con problemi di asma e respiratori, «come in tutti i casi di emergenza inquinamento». La Protezione civile italiana ha invece escluso possibili problemi, stante la situazione attuale.

Ore 19.10: Alitalia, nuove istruzioni per voli e rimborsi
Alitalia, dopo l’estensione dello stop dei voli sul Nord Italia decisa dall’Enac, comunica pertanto la cancellazione, fino alle ore 08.00 di lunedì 19, dei propri voli da e per Milano Malpensa, Milano Linate, Torino, Genova, Bergamo, Verona, Trieste, Venezia, Bologna, Ancona, Pisa e Firenze. Restano inoltre sospesi i collegamenti Alitalia da e per Londra, Bruxelles, Parigi Amsterdam, Francoforte, Monaco, Vienna, Varsavia, Budapest, Bucarest, Ginevra, Mosca, San Pietroburgo e Kiev. A tutti i passeggeri coinvolti dalle cancellazioni, Alitalia ed Air One garantiscono il rimborso integrale del biglietto in caso di rinuncia a voli alternativi o la possibilità di riprogrammare il volo, senza alcuna penale, entro il 31 maggio. Alitalia invita i propri clienti a controllare lo stato del proprio volo prima di recarsi in aeroporto contattando: il sito Internet http://www.alitalia.it il numero verde 800.650055 Per la richiesta di rimborso, nel caso si rinunci al viaggio, i clienti sono invitati a: nel caso il cui il biglietto sia stato acquistato attraverso sito internet, call center o biglietterie Alitalia, inviare una email a assistenza@alitalia.it, specificando nome e cognome dei passeggeri, recapito telefonico, numero del volo e data del volo di cui si richiede il rimborso; oppure contattare il call center Alitalia al numero 06.2222 a partire da martedì 20 aprile; nel caso in cui il biglietto sia stato acquistato presso agenzia di viaggi, rivolgendosi all’agenzia stessa. Per la richiesta di riprotezione sul primo volo disponibile, i clienti sono invitati a rivolgersi all’agenzia di viaggio presso la quale hanno acquistato il biglietto, all’indirizzo email assistenza@alitalia.it o al call center Alitalia al numero 06.2222. Nonostante sia stato posto in essere il massimo sforzo organizzativo per il potenziamento della struttura di call center, Alitalia informa che a causa dello straordinario flusso di chiamate si potranno verificare lunghi tempi di attesa. Ai passeggeri in transito o con esigenze speciali Alitalia offre inoltre una notte di ospitalità alberghiera o, laddove possibile, instradamento con mezzi alternativi. Negli aeroporti di Roma Fiumicino e di Milano Linate, Alitalia ha allestito nuovi punti di informazione.

Ore 19.00: Scajola in auto ad Hannover
La nube di cenere scaturita dal vulcano islandese costringe i politici di tutta Europa a fare i salti mortali per rispettare gli impegni istituzionali assunti in precedenza. L’ultimo a farne le spese in ordine di tempo è il ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, che utilizzerà l’automobile per coprire i 1.200 chilometri che separano la `sua´ Imperia da Hannover, dove è in programma da lunedì un importante fiera per le tecnologie industriali. Il viaggio sarà intervallato da una sosta notturna in Svizzera, mentre la delegazione del ministro arriverà in pullman direttamente da Roma.

Ore 18.20: il punto
Lo spazio aereo in tutti gli aeroporti del Nord Italia resterà chiuso sino alle 8 di lunedì mattina, dal termine che era già stato fatto slittare alle 20 di oggi, mentre la nube di cenere vulcanica che arriva dall’Islanda ha provocato lo stop a quasi tre voli su quattro in Europa, lasciando a terra migliaia di passeggeri in tutto il mondo. L’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac), nel suo nuovo comunicato, ha attribuito la sua decisione al fatto che non si è verificato alcun miglioramento nelle condizioni negative provocate dalla nube ma ha aggiunto che al momento «non è invece necessario procedere all’allargamento del blocco per ulteriori spazi aerei italiani», come invece paventato da una precedente nota.

Il caos nel trasporto aereo -- il peggiore dagli attentati dell’11 settembre 2001 -- proseguirà per almeno altre 24 ore, secondo quanto comunicato dall’agenzia del controllo aereo europeo Eurocontrol. L’agenzia ha aggiunto che gli aerei restano a terra nella maggior parte degli scali dell’Europa settentrionale e centrale, mentre si continua a volare in Spagna, nell’Italia centro-meridionale, in Bulgaria, Grecia e Turchia. In tutto, ha detto Eurocontrol, ci dovrebbero essere oggi nello spazio aereo europeo solo 6.000 voli sui 22.000 che normalmente vengono effettuati. «Le previsioni suggeriscono che la nube di cenere vulcanica persisterà e che l’impatto proseguirà per almeno 24 ore», si legge in una nota di Eurocontrol.

Gravi disagi si registrano in praticamente tutti gli aeroporti italiani. Dai collegamenti dei tg si vedono persone in attesa negli aeroporti milanesi e in quelli di Torino e di Venezia, mentre una nota di Telenews segnala lunghe file davanti ai check-in anche negli aeroporti romani di Ciampino e Fiumicino dove, oltre a tutti collegamenti con il Nord Europa, sono stati cancellati i voli per Genova, Torino, Milano, Bergamo, Venezia, Bologna. Negli scali romani di Fiumicino e Ciampino sinora sono stati cancellati 198 voli, ma, precisa l’Enac, i due aeroporti resteranno aperti. Il sostanziale blocco del trasporto aereo, ha provocato fortissimi disagi anche a quello ferroviario, con le stazioni prese d’assalto dai passeggeri rimasti a terra negli aeroporti del nord e da quelli che nel nord del Paese si dovevano recare. Particolarmente grave appare la situazione alla stazione centrale di Milano, città presa d’assalto anche da turisti esteri per il Salone del mobile. Immagini tv mostrano lunghissime code di passeggeri in attesa, con la maggior parte dei posti in treno andati ormai esauriti.
CAOS AEREO NEL MONDO E IMPATTO ECONOMICO. La nube, che fluttua nello strato più alto dell’atmosfera, potrebbe causare danni ai motori degli aerei e sta costando centinaia di milioni di dollari alle compagnie aeree. Con la nube che continua ad espandersi, oggi anche la Bielorussia ha annunciato la chiusura dello spazio aereo, mentre l’Ucraina ha chiuso l’aeroporto di Kiev insieme ad altre tre stazioni aeroportuali nazionali. In Gran Bretagna, dove il divieto al volo è stato esteso sino a domattina, il controllo aereo ha dichiarato oggi che «le attuali previsioni mostrano che la situazione è in peggioramento nel corso della giornata». Gli aeroporti restano chiusi in Gran Bretagna, Francia, Germania, Danimarca, Svezia e Olanda e resteranno a terra gli aerei anche in Ungheria e parte della Romania. A Singapore, uno dei principali snodi mondiali per il traffico aereo diretto in Europa, finora sono stati cancellati 22 voli, con i passeggeri che affollano l’aerostazione perché non ci sono più posti in albergo. L’autorità militare Usa ha dovuto cambiare i percorsi di molti voli, fra i quali quelli per l’evacuazione dei feriti in Afghanistan e Iraq, secondo quanto riferito da un portavoce del Pentagono.

Secondo l’associazione che raggruppa le compagnie aeree, la Iata, il caos per la nube sta costando alle compagnie più di 200 milioni di dollari al giorno. I vulcanologi sostengono che, se l’eruzione continuerà, la nube potrà causare problemi al traffico aereo per un periodo fino a sei mesi. Oltre ai problemi al traffico aereo, le autorità sanitarie mondiale hanno detto che la polvere vulcanica potrebbe causare danni alle persone con difficoltà respiratorie.

Ore 17.45: l’eruzione si intensifica
Si intensifica, come previsto dagli esperti, l’attività del vulcano sotto il ghiacciaio Eyjafjallajokull, nel sud dell’Islanda, che sta mettendo in ginocchio il trasporto aereo. Stamani, tra la mezzanotte e le 4, sono stati registrati 22 lampi sopra il cratere, ovvero quanti ne erano stati registrati in tutta la giornata di ieri. L’ente geofisico ha segnalato uno sciame sismico di 14 terremoti minori con magnitudo compresa tra 1.2 e 2.6 Richter. La nube lambisce la stratosfera: esperti britannici stimano si elevi ora per oltre 9 chilometri. L’acqua del ghiacciaio sciolta dall’eruzione continua a perforare la montagna, che si erge per oltre 1.600 metri. Ecco alcune immagini




Ore 17: aeroporti del nord chiusi fino a lunedì
L’Enac ha disposto di estendere l’interdizione al volo in tutto il Nord Italia fino a lunedì 19 alle 8. Questo, informa una nota, in quanto non accennano a diminuire le negative condizioni determinate dalla nube del vulcano islandese Eyjafjallajokull. Attualmente, prosegue l’Enac, non è invece necessario procedere all’allargamento del blocco per ulteriori spazi aerei italiani. L’aeroporto di Fiumicino si conferma quindi aperto al traffico, pur registrando un elevato numero di cancellazioni e ritardi dei voli.

L’Enac aggiornerà le proprie disposizioni con una frequenza di 24 ore, per fornire a passeggeri, operatori del trasporto aereo, tour-operator e tutti gli altri soggetti dell’industria dell’aviazione civile un quadro di riferimento meno precario possibile, nonchè consentire alla Protezione Civile italiana di portare assistenza, ove richiesto, ai molti passeggeri che in scali italiani stanno subendo i disagi per effetto del blocco. L’imponderabilità dell’andamento delle attività effusive del vulcano e la variabilità delle condizioni meteorologiche, conclude l’Ente, imporranno comunque di seguire costantemente l’evolversi della situazione, in modo da poter assumere, se necessario, le dovute decisioni, con la prontezza operativa richiesta in situazioni eccezionali come quella in atto.

La situazione alle 16
L’Enac ha disposto di estendere fino alle 20 di oggi (ora italiana) «l’interdizione al volo strumentale in tutto il nord Italia, per il persistere delle negative condizioni dello spazio aereo interessato dalla nube del vulcano islandese Eyjafjallajokull». L’Enac - spiega una nota - «segue costantemente l’evolversi della situazione e nel corso della giornata, qualora ne ricorressero le condizioni, potrà eventualmente procedere anche ad un allargamento dell’area di spazio aereo interdetto ai voli e ad un’estensione temporale di tali provvedimenti».

Dirottati a Palermo i voli intercontinentali

La società che gestisce lo scalo Falcone Borsellino, comunica che molti voli intercontinentali sono stati dirottati sull’aeroporto di Palermo. In arrivo ci sono due Airbus della Euro Meridiana Fly provenienti da Dakar e Mauritius con a bordo 220 passeggeri ciascuno. Nel corso della giornata sono previsti altri arrivi di voli intercontinentali


Altre 24 ore di disagi

Nella giornata di oggi sono stati annullati 16.000 voli sui 22.000 previsti in Europa. Lo rende noto Eurocontrol, l’organizzazione europea per la sicurezza dei trasporti aerei. Gli effetti della nube di cenere dall’Islanda persisteranno ancora almeno per le prossime 24 ore, impedendo ancora decolli e atterraggi nella maggior parte degli scali del Nord e Centro Europa: lo dice Eurocontrol, l’ente europeo di controllo dell’aviazione civile in un incontro stampa, a Bruxelles

L’Alitalia aveva già cancellato i voli da e per gli aeroporti del nord Italia dalle 6 alle 14 di oggi, dopo la decisione dell’Enac di interdire il traffico aereo nel nord Italia, nella stessa fascia oraria. Chiuso anche l’aeroporto di Genova, aperto invece lo scalo di Nizza. Da Genova cancellati tutti i voli Ryanair per Londra fino a lunedì, quello per Cagliari di stasera e il Genoa-Parigi dell’AirFrance di domani.

Traffico aereo sconvolto quindi anche sulle rotte nazionali. Agli aeroporti di Fiumicino e Ciampino sono sospesi dalle 06:00 di stamane, oltre a quelli sul nord Europa, anche tutti i voli diretti a Genova, Torino, Milano, Bergamo, Venezia, Bologna. Inevitabili i disagi per i passeggeri: lunghe file si sono formate fin dall’alba davanti ai check in e ai punti informazione di tutte le compagnie aeree interessate. Per il nord della penisola resta invece consentito, sempre su disposizione dell’Enac, il sorvolo ad una altitudine superiore ai 35 mila piedi.

In una nota diffusa ieri sera, l’Alitalia spiega che le nuove cancellazioni si aggiungono a quelle già comunicate dei voli da e per Londra, Amsterdam, Bruxelles e Parigi. Resterà attivo il numero verde 800650055 a cui potranno chiamare i passeggeri Alitalia per chiedere informazioni sul proprio volo in caso di destinazione da e per il nord Europa e il Nord Italia. Oggi verranno inoltre allestiti punti di informazione straordinari negli aeroporti di roma Fiumicino e Milano Linate.

Rafforzati i collegamenti ferroviari

Affollate le stazioni delle maggiori città italiane: e Ferrovie hanno aggiunto 6 treni Frecciarossa sulla tratta Roma-Milano e 4 treni in più sulla Roma-Venezia per fronteggiare l’emergenza. Ogni treno Frecciarossa sulla Roma-Milano, spiegano le Ferrovie, può trasportare l’equivalente di 4 aerei, mentre ogni convoglio sulla Roma-Venezia equivale a 3 aerei.

Assistenza ai passeggeri

E scoppiano le polemiche sull’assistenza ai passeggeri: Federviaggio, che riunisce una serie di tour operator, oggi ricorda che il regolamento Ue stabilisce per tutte le compagnie aeree che operano su scali dell’Unione l’obbligo di assistere tutti i loro passeggeri fornendo pasti e pernottamenti fin tanto che non sia loro messa a disposizione una nuova soluzione di viaggio. L’Aduc dal canto suo fa presente che il passeggero ha diritto al rimborso del prezzo del biglietto.

La situazione a Genova

Sono 27 i voli cancellati fino alle 14 all’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova, 16 in partenza e 11 in arrivo. Altri voli saranno cancellati nel pomeriggio. Non si registrano, stamani, particolari disagi nello scalo. Da questa mattina è in corso una riunione per aggiornamenti sulla situazione operativa. Secondo quanto si apprende da fonti aeroportuali, è già stata decisa la cancellazione del volo in arrivo da Monaco alle 14.25 e quindi anche di quello in partenza delle 15, del volo in arrivo da Parigi alle 17.20 e di quello in partenza alle 17.55, del volo in arrivo da Cagliari alle 18.40 e in partenza alle 19.05. Sono stati inoltre soppressi tutti i voli della Air France compreso quello in partenza domani da Genova alle 7.30. Ryanair ha sospeso tutti i voli in provenienza e in partenza per Londra sino alle 15 di lunedì. Cancellato anche il volo Alitalia in arrivo alle 14.35 da Roma e in partenza alle 15.35. Al momento, precisano fonti aeroportuali, l’Enac prevede possibili deroghe per i voli di emergenza (vigili del fuoco e emergenze sanitarie). Stamani in aeroporto vi sono pochi passeggeri e non si registrano situazioni di particolare disagio. Quasi esaurite le auto negli autonoleggi.

La situazione a Malpensa e Linate

A Malpensa sono stati cancellati 95 voli in arrivo e 111 in partenza, a Linate 55 in arrivo e 56 in partenza. Secondo quanto si è appreso dalla Sea-Aeroporti di Milano, stamani sono riusciti a partire solo due voli da Linate per Portogallo e Spagna, mentre a Malpensa ne sono potuti arrivare 2 - da Hong Kong e da New York - e sono partiti tre charter verso Malaga, Sharm El Sheik e Marsa Alam oltre ad un volo per Istanbul. Sempre a Malpensa, infine, ieri, tra pomeriggio e sera, sono atterrati degli aerei che ieri, a causa della chiusura degli spazi aerei nel nord Europa, erano stati dirottati verso sud. Si è trattato di 8 cargo e di 6 velivoli per passeggeri da Francoforte, Parigi ed Amsterdam

Oltre mille passeggeri bloccati in India

Più di mille passeggeri sono rimasti bloccati negli aeroporti indiani di Mumbai e Nuova Delhi a causa della chiusura di gran parte degli scali europei. Almeno 900 persone sono in attesa a Mumbai e centinaia di altri si trovano nella stessa situazione nell’aeroporto della capitale, afferma la rete televisiva Ndtv.

Il governo francese ha deciso, dopo una riunione di emergenza, che gli aeroporti di Parigi e quelli a nord dell’asse Nantes-Lione (che taglia più o meno a metà la Francia) rimarranno chiuso fino a lunedì mattina alle 8.

Chiuso fino a stasera alle 20 anche lo spazio aereo austriaco.

La Gran Bretagna ha prolungato fino alle 20 di oggi la chiusura completa del suo spazio aereo ai voli commerciali e ha esteso le restrizioni alla Scozia, all’Irlanda del nord e al nord dell’Inghilterra, dove erano state revocate. La decisione è stata resa nota dal Nats, l’agenzia per il controllo dei voli britannica, che ha avvertito che la situazione legata alla nube di cenere prodotta da un vulcano islandese sta «peggiorando» a causa delle condizioni atmosferiche.

Il divieto di sorvolare la Svizzera, annunciato ieri e che sarebbe dovuto scadere alle 9 del mattino di oggi, è stato prorogato ancora per gran parte della giornata di oggi fino alle 18 GMT. Saranno tuttavia autorizzati, a partire dalle 7 GMT di questa mattina (le 9 in Italia) tutti quei voli che sorvolano il Paese a oltre 11.000 metri.

Lo spazio aereo belga resterà chiuso fino alle 20 di oggi. Lo ha annunciato oggi il ministero dei trasporti belga.

Lo spazio aereo tedesco resterà chiuso almeno fino alle 14 di oggi. Lo hanno deciso le autorità di Berlino alla luce delle previsioni meteorologiche che non favoriscono la dispersione della nube di cenere causata da un vulcano islandese. Resteranno quindi chiusi i 16 aeroporti internazionali e tutti gli aerodromi. Inizialmente era previsto un ritorno alla normale attività per le 8 di questa mattina

Lo spazio aereo della Repubblica Ceca resterà chiuso fino alle 18 di oggi, a causa della nube di cenere sprigionata dal vulcano islandese. Lo ha reso noto la portavoce dell’aeroporto di Praga-Ruzyne. «L’aeroporto resterà chiuso fino alle 18 almeno - ha detto la portavoce Michaela Lagronova - ma ciò non vuol dire che i voli riprenderanno immediatamente. Le previsioni non sono delle migliori per quanto riguarda la nube». Tutti i 162 voli previsti per oggi in arrivo a Praga e i 156 in partenza potrebbero essere quindi annullati, ha aggiunto.

E LA SAS LICENZIA

La compagnia aerea scandinava Sas ha reso noto che, se il blocco dello spazio aereo nord europeo causato dall’eruzione del vulcano islandese continuerà, dopodomani potrebbe mettere in stato di «disoccupazione funzionale» fino a 2.500 dipendenti in Norvegia. Una decisione su questa sospensione temporanea del rapporto di lavoro verrà presa proprio lunedì, ha detto una portavoce preannunciando misure analoghe anche per Svezia e Danimarca, dove la legge impone una notifica ai lavoratori con minore anticipo rispetto a quanto è imposto in Norvegia. Secondo una rivista specializzata in traffico, Boarding.dk, i costi causati a Sas dal blocco ammontano a 16 milioni di euro. La maggiore compagnia aerea scandinava ieri aveva annunciato di aver soppresso 742 voli e che i collegamenti noi tre principali scali in cui è presente (Copenaghen, Stoccolma e Oslo) non riprenderanno prima di oggi alle 13 ora italiana.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 0:57

Ancora voli in tilt, chiusi gli scali di mezza Europa:

TRASPORTI. Oltre 17mila tratte cancellate, annunciate ieri altre 24 ore di stop. Una paralisi del genere non si vedeva dall’11 settembre 2001. La colpa è delle ceneri vulcaniche che rischiano di spegnere i motori dei velivoli.
Nel giorno in cui mezza Europa è paralizzata per il blocco del traffico aereo, scatta un nuovo possibile allarme. Dopo l’eruzione del vulcano nei pressi del ghiacciaio islandese di Eyjafjallajokull, che ha provocato una colonna di fumo alta decine di chilometri e una spessa coltre di cenere sui cieli d’Europa, la situazione potrebbe ulteriormente aggravarsi. Gli esperti hanno registrato nella giornata di ieri, allarmanti tremori e mini-terremoti nel sottosuolo di Grimsvotn, il vulcano più grande d’Europa, sul ghiacciaio Vatnajokull, sempre in Islanda.

Nel Paese insulare di origine vulcanica (circa 130 quelli attivi) è massima allerta. Per l’Enea (l’Agenzia italiana per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile) l’eruzione potrebbero «generare effetti contrastanti sulla temperatura», nel caso in cui le polveri vulcaniche abbiano una quantità e un’energia termica, tale da finire nella stratosfera. Facendo «aumentare temporaneamente l’intensità dell’effetto serra».

Tanto che un’eruzione del 1815 in Indonesia trasformò il 1816 in «un anno senza estate». Intanto gli aeroporti di mezza Europa, dalla Spagna alla Russia, restano chiusi proprio per le ceneri presenti nell’aria. Microparticelle grandi meno di un micron, che rischiano di bloccare le turbine dei velivoli spegnendo i motori. Totalmente chiuso lo spazio aereo di Islanda, Finlandia, Svezia, Norvegia, Olanda e Danimarca. Secondo l’organismo europeo per la sicurezza aerea (Eurocontrol), il blocco durerà almeno fino a oggi.

Disagi anche negli scali italiani, con le compagnie che hanno dovuto riprogrammare anche i voli che prevedevano uno scalo negli aeroporti bloccati. Come Londra, Francoforte e Amsterdam, i più grandi d’Europa, la cui chiusura ha paralizzato il principale sistema di trasporto internazionale. Almeno 17mila i voli cancellati ieri. Praticamente uno su quattro, compresi la metà di quelli che collegano l’Europa con gli Stati Uniti.

Ora con il cambio del vento, le polveri sono arrivate a Mosca, mentre dovrebbero abbandonare i cieli francesi, permettendo la riapertura dei due aeroporti di Parigi. Sul fronte delle compagnie gli enti per l’aviazione civile si sono attivati per chiedere il rispetto della Carta dei diritti del passeggero che prevede il rimborso del biglietto o lo slittamento della partenza. Ma in quest’ultimo caso le compagnie devono assicurare, ai passeggeri in attesa, vitto e alloggio. Un blocco del genere sui cieli d’Europa non si vedeva dall’11 settembre 2001.

Ma stavolta al-Qaeda non c’entra. Dal vulcano islandese distante 150 chilometri dalla capitale Reykjavík, fuoriesce lava da una bocca lunga 2.000 metri che produce cenere e nubi di fumo. L’attività eruttiva è iniziata il 13 aprile scorso provocando, con l’immediato scioglimento dei ghiacci, delle forti inondazioni e lo straripamento dei fiumi. Con danni solo alle infrastrutture. Anche perché la zona, agricola e poco popolata, è stata evacuata da giorni.

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 0:58

"Da terra i passeggeri guardano attoniti il cielo terso e si pongono proprio questa domanda, non riuscendo a rassegnarsi all’idea che tutti i voli in partenza e in arrivo negli aeroporti britannici, scandinavi e di altri paesi del nord Europa siano stati cancellati per colpa di una nube che in realtà non si vede. Sono stati chiusi a causa della nuvola di cenere anche gli aeroporti di Praga, Cracovia, Sofia, ma il caos ha raggiunto perfino l’Asia coinvolgendo circa 6 milioni di passeggeri nel mondo."

Fonte: Panorama.it extract

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 1:01

Estate/ Caos cenere del vulcano: è allarme. L'ipotesi: ci sarà un'estate fredda
Sabato 17.04.2010 14:50


Non si arresta il cammino della gigantesca nube di cenere provocata dall'eruzione del vulcano islandese, e continua la paralisi dei voli nei cieli del Nord. E l'eruzione del vulcano Eyjafjallajökull in Islanda non è un caso isolato e non sarà nemmeno l’ultima che l’isola offrirà al Pianeta. L’Islanda non è nuova a fenomeni di questo tipo. L’ultima eruzione del Eyjafjallajökull risale a circa 200 anni fa. Vicino ce n’è un altro, che recentemente ha dato segnali di attività, il Katla. Alcuni ricercatori islandesi ritengono che ci potrebbero essere ripercussioni anche su questo secondo vulcano, la cui ultima eruzione risale al 1981, e che stavolta potrebbe anche essere più intensa. Affaritaliani ha intervistato Andrea Giuliacci, metereologo del centro Epson Meteo, per capire che effetti potrebbe avere sulla terra e sull'estate l'eruzione avvenuta in Islanda.

"Tutto dipenderà da quanto materiale in effetti riuscirà a raggiungere la stratosfera. Lo strato più basso dell'atmosfera è la troposfera, tutto ciò che si trova qui ritorna in tempi brevi. Sopra si trova la stratosfera in cui c'è poca turbolenza e se le polveri raggiungono questo strato rimangono anche degli anni. E perchè è importante il materiale vulcanico perchè polveri e ceneri e anidride solforosa possono riflettere parte della luce solare. Quest ultima reagendo con il vaporea acqueo crea l'acido solforico che scherma con grande efficienza la luce solare. Se parte della radiazione solare viene riflessa verso lo spazio invece che raggiungere la terra è chiaro che questa si scaldi di meno.

In realtà i rischi se ci saranno saranno presenti nelle stagioni successive perchè c'è bisogno che questa polvere una volta raggiunta la stratosfera si distribuisca e crei un velo molto grande e uniforme lungo la parte più alta dell'atmosfera. Una sorta di piccola copertina sopra la terra. Ci sarà più rischio per le stagioni successive.
In passato è già successo nel 1816 Tambora indonesia enorme quantità polvere vulcanica nell'atmosfera e avevano fatto in modo che mancasse il riscaldamento.

LA FREDDA ESTATE- Ma non sarà un anno senza estate come quello dell'anno 1816, conosciuto anche come l’anno della povertà, un anno durante il quale gravi anomalie al clima estivo distrussero i raccolti nell’Europa settentrionale, negli stati americani del nord-est e nel Canada orientale. Il fiume Mississipi gelò in pieno agosto. E furono proprio le gelate e i raccolti persi in New England in questa estate anomala portò alla conquista del west. Ma non fu la sola. La prima metà del 1800 fu molto freddo per via delle eruzioni vulcaniche esplosive (l'etna non può far danni perchè non c'è ciò che proietta verso l'atmosfera). L’eruzione del vulcano Tambora fu anche la causa, in Ungheria, della caduta di neve sporca. Qualcosa di simile accadde anche inItalia, che per un anno circa vide cadere della neve rossa, anche in Sicilia in pieno agosto. I raccolti furono tutti distrutti e la carestia interesso tutta la Penisola. Mentre nel recente passato 1991 con il monte Pignatubo nelle Filippine c'è stato un rallentamento del riscaldamento del pianeta".

Insomma come si prospetta questa estate del 2010?
"In generale ci saranno tre aspetti che influenzeranno questa estate. Oltre l'eruzione vulcanica, che fa ipotizzare un clima più freddo ci saranno un sole pigro che emette meno energia. Nulla di preoccupante. Però fa si che riscaldi meno la terra. Ma abbiamo avuto anche il nino (riscaldamento acqua Pacifico). Quando dura fino a inizio privamera in ITalia l'estate è poi solitamente più calda. Facendo il mix avremo quindi un'estate media, non caldissima, ma neanche un'estate fresca. Ma tutto dipende ancora dal materiale vulcanico".

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 1:05

AL NORD CIELI CHIUSI FINO A LUNEDI':

(AGI) - Roma, 17 apr. - L'Enac aggiornera' le proprie disposizioni con una frequenza di 24 ore, per fornire a passeggeri, operatori del trasporto aereo, tour-operator e tutti gli altri soggetti dell'industria dell'aviazione civile un quadro di riferimento meno precario possibile, nonche' consentire alla Protezione Civile italiana di portare assistenza, ove richiesto, ai molti passeggeri che in scali italiani stanno subendo i disagi per effetto del blocco.
L'imponderabilita' dell'andamento delle attivita' effusive del vulcano e la variabilita' delle condizioni meteorologiche, conclude l'Ente, imporranno comunque di seguire costantemente l'evolversi della situazione, in modo da poter assumere, se necessario, le dovute decisioni, con la prontezza operativa richiesta in situazioni eccezionali come quella in atto. L'Enac ha disposto di estendere l'interdizione al volo in tutto il Nord Italia fino a lunedi' 19 alle 8. Questo, informa una nota, in quanto non accennano a diminuire le negative condizioni determinate dalla nube del vulcano islandese Eyjafjallajokull.
Attualmente, prosegue l'Enac, non e' invece necessario procedere all'allargamento del blocco per ulteriori spazi aerei italiani. L'aeroporto di Fiumicino si conferma quindi aperto al traffico, pur registrando un elevato numero di cancellazioni e ritardi dei voli.

http://www.agi.it/news/notizie/20100417 ... _in_europa

ISLANDA: ESPERTI, VENTI PER ALMENO ALTRI 2-4 GIORNI:
AGI/AFP) - Reykjavik, 17 apr. - Dureranno almeno altri due-quattro giorni i venti che stanno trasportando l'enorme nuvola di cenere dall'Islanda all'Europa dopo l'eruzione del vulcano Eyjafjallajokull. Lo hanno riferito gli esperti dell'ufficio meteorologico islandese, secondo i quali la nube "continuera' a dirigersi verso la Gran Bretagna e la Scandinavia". Per i metereologi francesi, la nuvola di cenere arrivera' "ai limiti del Mediterraneo e dei Pirenei" nella serata di oggi. L'agenzia europea di controllo del traffico aereo ha fatto sapere che l'impatto della nube in Europa "continuera' per almeno altre 24 ore".

Avatar utente
Ashaman
FL 400
FL 400
Messaggi: 4199
Iscritto il: 1 agosto 2005, 21:19
Località: N40°54'53.57" E14°49'29.08"

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Ashaman » 18 aprile 2010, 3:14

redbrain ha scritto:Sarebbe curioso sapere come il Falcon di Berlusconi abbia oggi attraversato la nube e che influssi, per quanto minori, questa ha avuto su motori e parti fisse...
Ma sai... pur di fare la sua bella figura, lui è sicuramente pronto a dover fronteggiare l'onere gravoso di far rifare i motori al suo aereo.

Tanto poi secondo te alla fine, la revisione CHI la paga veramente? :|

Non datemi, vi prego, risposte. È una domanda retorica. Lo sappiamo tutti chi paga (e chi non lo sa farebbe meglio a darsi uno sveglione).
Salva una pianta! Mangia un vegano!

"He who sacrifices freedom for security deserves neither."
-Benjamin Franklin

Avatar utente
gattovolante
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1214
Iscritto il: 9 febbraio 2008, 19:46
Località: Roma

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da gattovolante » 18 aprile 2010, 6:54

da ANSA:
Klm e Lufthansa hanno effettuato test di volo senza passeggeri negli spazi aerei europei, portandoli a termine apparentemente senza danni per gli aerei: un risultato che prelude alla riapertura dei cieli del Vecchio continente.
"Avviso per chi crea le pubblicita' degli alberghi: Io odio sentirmi a casa quando sono via!" (George Bernard Shaw)

Edgar
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 92
Iscritto il: 14 dicembre 2008, 18:23

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Edgar » 18 aprile 2010, 8:28

da ANSA:
Klm e Lufthansa hanno effettuato test di volo senza passeggeri negli spazi aerei europei, portandoli a termine apparentemente senza danni per gli aerei: un risultato che prelude alla riapertura dei cieli del Vecchio continente.
Sino a che punto puo' essere considerato attendibile un test del genere visto che si tratta di una nuvola di polvere che sembrerebbe non avere struttura uniforme in quanto generata dai venti che la muovono sull'Europa e che penso cambi spesso ??

MiloR

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da MiloR » 18 aprile 2010, 11:20

Ashaman ha scritto:
redbrain ha scritto:Sarebbe curioso sapere come il Falcon di Berlusconi abbia oggi attraversato la nube e che influssi, per quanto minori, questa ha avuto su motori e parti fisse...
Ma sai... pur di fare la sua bella figura, lui è sicuramente pronto a dover fronteggiare l'onere gravoso di far rifare i motori al suo aereo.

Tanto poi secondo te alla fine, la revisione CHI la paga veramente? :|

Non datemi, vi prego, risposte. È una domanda retorica. Lo sappiamo tutti chi paga (e chi non lo sa farebbe meglio a darsi uno sveglione).
ERRATO.

Ho detto una castroneria, il falcon aveva il compito di portare un cardiopatico dalla sicilia fino a milano per un intervento urgente, è l'a320 quello con berlusca in teoria

Avatar utente
FAS
Technical Airworthiness Authority
Technical Airworthiness Authority
Messaggi: 5855
Iscritto il: 12 maggio 2006, 7:20

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da FAS » 18 aprile 2010, 11:22

LIMM MILANO TIL 1004190600ESTSIGNIFICANT ERUPTION WITH ASH EMISSION IN PROGRESS FM VOLCANOEYJAFJALLAJOKULL 6338N01937W /ICELAND/.MILANO FIR CONTAMINATED FM SFC TO FL350 INCLUDED.ALL FLT OPS SUSPENDED EXC MIL, EMERG, HUMANITARIAN AND RESCUE FLTACCORDING TO CIVIL AVIATION AUTHORITY PROVISION : NOTAM LI/A2111/10
"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto, per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Avatar utente
redbrain
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 701
Iscritto il: 20 febbraio 2008, 0:15
Località: Milano - Parma - Marsala

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da redbrain » 18 aprile 2010, 12:06

E' un mio problema o da quando è iniziata questa storia dell'eruzione vulcanica il sito degli aeroporti di Roma va a rilento, se non addirittura non aprirsi proprio?
Federico

MiloR

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da MiloR » 18 aprile 2010, 12:27

No, anche quello degli scali gestiti dalla SAVE ha avuto problemi per un pò

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 16579
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da JT8D » 18 aprile 2010, 12:42

ENAC ha autorizzato oggi un volo di prova per verificare lo stato delle nostre aerovie:

http://www.md80.it/2010/04/18/nube-vulc ... -italiane/

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano".


Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 12:59

Effetto cenere su Punta Raisi alt a 67 voli, caos in aeroporto
Protestano i passeggeri biglietto garantito solo fino a Roma Call center in tilt
Dirottati due airbus partiti dall'Africa e diretti a Malpensa Oggi stop ad altri sedici collegamenti:
Fonte: La Repubblica.it, Palermo.

di ISABELLA NAPOLI

I display luminosi dell'aeroporto Falcone-Borsellino sono un bollettino di voli cancellati. A mezzogiorno ieri erano già stati cancellati 38 voli, più tardi se ne sono aggiunti altri 29, 54 nazionali da e per Milano Linate, Vicenza, Malpensa, Bologna, Verona e Roma Fiumicino e 13 internazionali da e per Stoccarda, Bruxelles, Colonia, Parigi Charles de Gaulle. Attorno all'una erano già stati dirottati sullo scalo palermitano due airbus della Euro Meridiana Fly per Malpensa provenienti da Dakar e Mauritius. Ma i disagi per la chiusura dello spazio aereo in tutto il Nord Italia a causa della nube provocata dalla eruzione del vulcano del ghiacciaio islandese Eyjafjallajokull continueranno almeno fino a domani alle 8. L'Enac ha infatti disposto di estendere l'interdizione al volo strumentale in tutto il Nord Italia fino a domani.

E oggi non decolleranno neanche 14 voli Wind Jet per Pisa, Parma, Linate, Torino, Forlì. Ieri mattina, l'odissea di molti passeggeri è iniziata alle 6 del mattino ai banchi prenotazioni delle varie compagnie aeree per cambiare i biglietti. "Ho provato a chiamare Alitalia - racconta Elisabetta Galletto, milanese, a Palermo per lavoro - ma il call center non mi ha risposto e così sono venuta in aeroporto". Per cambiare destinazione, bisogna fare una coda lunghissima.

In fila, ci sono tantissimi turisti. "Siamo stati in Sicilia per un periodo di vacanza - racconta una coppia di francesi Marianne e Gerard Milleret - stiamo cercando di rientrare a Dijon in Borgogna. Ci hanno detto che possiamo viaggiare fino a Roma. Ma da lì non sappiamo che fare. Forse prenderemo un treno". Alitalia, dopo ore di coda, rimborsa il biglietto aereo fino a Roma Fiumicino. "Ma il treno fino a Torino - racconta una turista - ce lo dobbiamo pagare noi". C'è chi ha acquistato il biglietto aereo on line ed è rimasto a terra. "Non capisco perché Alitalia abbia accettato la prenotazione su Internet se lo spazio aereo era chiuso - dice Francesco Di Giulio, ingegnere - dovevo andare a Milano per lavoro. Avevo anche prenotato con Easyjet. Ma solo in aeroporto ho avuto la brutta sorpresa. C'è pochissimo personale a gestire questa situazione".

Gaetano Luppino, impiegato, doveva portare lo zio per un accertamento all'ospedale di Pavia. "Doveva essere in ospedale lunedì (domani ndr) - racconta - abbiamo portato con noi le radiografie e la documentazione sanitaria perché speravamo che la compagnia pagasse il treno o ci fornisse un'alternativa. Invece, non abbiamo avuto alcuna assistenza. Ho dovuto comprare un altro biglietto per Roma. Da lì proseguiamo in treno".

Viaggiano regolarmente invece i voli per Roma, Napoli, Cagliari, Lampedusa.
Ieri si sono imbarcati i calciatori della squadra del Palermo e i tifosi al seguito.
Tra i 440 passeggeri dirottati su Palermo, un gruppo di senegalesi che devono rientrare a Milano per lavoro. "Da venerdì questo volo è stato spostato - racconta Aliounke Kandji - sono nella security dovevo essere a Milano domani". Da Palermo, proseguiranno in treno a spese della Meridiana.
Disagi anche al Trapani Birgi, con almeno 24 voli cancellati e a Catania Fontanarossa dove sono saltati 105 passaggi aerei.



(18 aprile 2010)

Avatar utente
Dav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 395
Iscritto il: 19 ottobre 2009, 18:15
Località: LILH

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Dav » 18 aprile 2010, 13:15

redbrain ha scritto:E' un mio problema o da quando è iniziata questa storia dell'eruzione vulcanica il sito degli aeroporti di Roma va a rilento, se non addirittura non aprirsi proprio?
idem per enac-italia.it ed eurocontrol.int
Due to the current European air traffic situation, our website is experiencing heavy traffic.
:lol:
JT8D ha scritto:ENAC ha autorizzato oggi un volo di prova per verificare lo stato delle nostre aerovie
Sarei curioso anche di vedere che tipo di danno può fare su un motore a pistoni (no, non sulla mia pelle :P).

Big_Teo
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1106
Iscritto il: 9 maggio 2008, 18:11

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Big_Teo » 18 aprile 2010, 13:19

JT8D ha scritto:ENAC ha autorizzato oggi un volo di prova per verificare lo stato delle nostre aerovie:

http://www.md80.it/2010/04/18/nube-vulc ... -italiane/

Paolo
il volo è gia stato fatto?
nel caso non sia stato fatto, non è possibile sapere a che ora passa su Linate?
eh lo so... l'astinenza è grande... :oops:

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 13:21

Dav ha scritto:
redbrain ha scritto:E' un mio problema o da quando è iniziata questa storia dell'eruzione vulcanica il sito degli aeroporti di Roma va a rilento, se non addirittura non aprirsi proprio?
idem per enac-italia.it ed eurocontrol.int
Due to the current European air traffic situation, our website is experiencing heavy traffic.
:lol:
JT8D ha scritto:ENAC ha autorizzato oggi un volo di prova per verificare lo stato delle nostre aerovie
Sarei curioso anche di vedere che tipo di danno può fare su un motore a pistoni (no, non sulla mia pelle :P).
Ciao! :D
Temo che un motore a pistoni sia vulnerabile, almeno per quanto riguarda i materiali, tanto quanto gli altri- :wink:

tito
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 147
Iscritto il: 6 novembre 2006, 20:29

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da tito » 18 aprile 2010, 13:34

guardo il cielo, terso, e mi chiedo: "ma veramente è così pericolosa questa nube che non si vede?".

circa tre anni fa l'etna buttò in aria tantissima cenere; all'inizio venne chiuso il solo aeroporto di catania, poi, via cia che la nube si spostava, anche reggio e lamezia. Per molti giorni a seguire poi veniva chiuso lo spazio aereo durante la notte, motivo: la notte una eventuale nube non si vede e quindi non si può sapere se occorre chiudere lo spazio aereo oppure no.

ora mi chiedo ancora, se la nube non si vede nemmeno, perché occorre chiudere tutto?? O sono stati dei folli all'ENAC anni fa a consentire il traffico di giorno attorno all'etna?

dove sbaglio?

Avatar utente
Dav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 395
Iscritto il: 19 ottobre 2009, 18:15
Località: LILH

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Dav » 18 aprile 2010, 13:43

tito ha scritto:ora mi chiedo ancora, se la nube non si vede nemmeno, perché occorre chiudere tutto?? O sono stati dei folli all'ENAC anni fa a consentire il traffico di giorno attorno all'etna?
Guarda che neanche il monossido di carbonio o le polveri sottili si vedono, eppure la gente rimane intossicata lo stesso. ;)

(e comunque stiamo parlando di una "nube" che si estende da terra a 35000 piedi, mica di una nuvoletta che si può vedere alzando la testa :))

Avatar utente
Dav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 395
Iscritto il: 19 ottobre 2009, 18:15
Località: LILH

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Dav » 18 aprile 2010, 13:43

tito ha scritto:motivo: la notte una eventuale nube non si vede e quindi non si può sapere se occorre chiudere lo spazio aereo oppure no.
no, questa mi sembra un po' una - passami il termine - vaccata. :D

Avatar utente
I-AINC
FL 200
FL 200
Messaggi: 2268
Iscritto il: 15 marzo 2007, 20:07
Località: FKK Club - Frankfurt

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da I-AINC » 18 aprile 2010, 13:44

Qui sopra Ravenna c'è qualche cumulo e il cielo limpido di sopra, posso capire che siano particelle particolarmente sottili, ma a sto giro mi sembra che ENAC voglia seguire l'Europa chiudendo mezzo spazio aereo, senza informarsi effettivamente se c'è un reale pericolo.
Ieri dovevo portare un aereo da Rimini a Ravenna ( 10 minuti di volo a 500ft ) e non sono potuto partire, 5 ore di attesa a Rimini finchè non sono tornato in treno a casa, è mai possibile?

Chiaramente la sicurezza viene prima di tutto, senza dubbio, ma qui mi sa che abbian poca voglia di lavorare, ergo chiudiamo tutto che facciamo prima. :|
Immagine

Mattia - Learjet 45 driver

Avatar utente
redbrain
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 701
Iscritto il: 20 febbraio 2008, 0:15
Località: Milano - Parma - Marsala

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da redbrain » 18 aprile 2010, 13:48

I-AINC ha scritto:Qui sopra Ravenna c'è qualche cumulo e il cielo limpido di sopra, posso capire che siano particelle particolarmente sottili, ma a sto giro mi sembra che ENAC voglia seguire l'Europa chiudendo mezzo spazio aereo, senza informarsi effettivamente se c'è un reale pericolo.
Ieri dovevo portare un aereo da Rimini a Ravenna ( 10 minuti di volo a 500ft ) e non sono potuto partire, 5 ore di attesa a Rimini finchè non sono tornato in treno a casa, è mai possibile?

Chiaramente la sicurezza viene prima di tutto, senza dubbio, ma qui mi sa che abbian poca voglia di lavorare, ergo chiudiamo tutto che facciamo prima. :|
No, non mi sembra affatto corretto ciò che dici.
Federico

Bicio
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 579
Iscritto il: 24 giugno 2009, 20:07
Località: LIMB

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Bicio » 18 aprile 2010, 13:50

redbrain ha scritto:
I-AINC ha scritto:Qui sopra Ravenna c'è qualche cumulo e il cielo limpido di sopra, posso capire che siano particelle particolarmente sottili, ma a sto giro mi sembra che ENAC voglia seguire l'Europa chiudendo mezzo spazio aereo, senza informarsi effettivamente se c'è un reale pericolo.
Ieri dovevo portare un aereo da Rimini a Ravenna ( 10 minuti di volo a 500ft ) e non sono potuto partire, 5 ore di attesa a Rimini finchè non sono tornato in treno a casa, è mai possibile?

Chiaramente la sicurezza viene prima di tutto, senza dubbio, ma qui mi sa che abbian poca voglia di lavorare, ergo chiudiamo tutto che facciamo prima. :|
No, non mi sembra affatto corretto ciò che dici.
quoto, aggingedo che aeroporti, compagnie e stato si divertono a perdere palate di € tanto cosi perchè non hanno voglia di lavorare..... :?:

Avatar utente
Dav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 395
Iscritto il: 19 ottobre 2009, 18:15
Località: LILH

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Dav » 18 aprile 2010, 13:51

I-AINC ha scritto:( 10 minuti di volo a 500ft )
No, scusa, è ancora peggio! Se hai un problema a 500ft che fai, ti pianti come un cocomero?

Avatar utente
i-daxi
FL 500
FL 500
Messaggi: 9836
Iscritto il: 26 maggio 2009, 16:24
Località: milano

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da i-daxi » 18 aprile 2010, 13:55

Il problema é che queste particelle, che al momento ci sembreano alte, impercettibili, prima o poi cadranno. :wink:

Big_Teo
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1106
Iscritto il: 9 maggio 2008, 18:11

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Big_Teo » 18 aprile 2010, 13:55

ho trovato questo sigmet:
LIMM SIGMET 02 VALID 180600/181200 LIMM- LIMM MILANO FIR VA CLD OF EYJAFJALLAJOKULL FCST AT 180600Z SFC/FL200 N OF LINE N4419 E01430 - N4111 E00501 FL200/FL350 N OF LINE N4517 E01725 - N4108 E00416 FCST AT 181200Z SFC/FL200 N OF LINE N4444 E01815 - N4017 E00347 FL200/FL350 N OF LINE N4826 E01709 - N4228 E01047=

non ho capito la parte che ho riscritto in grande... ho capito che dà un insieme di coordinate e FL... ma questi sono relativi alla nube di cenere?
"N OF LINE" e "SFC" cosa significano ?

perdonate l'OT ma mi sto avventurando per le prime volte alla decifrazione di sigmet... :oops:

Avatar utente
Tony88
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1250
Iscritto il: 25 febbraio 2009, 11:47
Località: Varedo (MI)

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Tony88 » 18 aprile 2010, 14:01

redbrain ha scritto:
I-AINC ha scritto:Qui sopra Ravenna c'è qualche cumulo e il cielo limpido di sopra, posso capire che siano particelle particolarmente sottili, ma a sto giro mi sembra che ENAC voglia seguire l'Europa chiudendo mezzo spazio aereo, senza informarsi effettivamente se c'è un reale pericolo.
Ieri dovevo portare un aereo da Rimini a Ravenna ( 10 minuti di volo a 500ft ) e non sono potuto partire, 5 ore di attesa a Rimini finchè non sono tornato in treno a casa, è mai possibile?

Chiaramente la sicurezza viene prima di tutto, senza dubbio, ma qui mi sa che abbian poca voglia di lavorare, ergo chiudiamo tutto che facciamo prima. :|
No, non mi sembra affatto corretto ciò che dici.
e invece a me sembra correto, la nube ha un'altezza di circa 8000 m (2000 m sotto l'altezza media della troposfera) e dato che un cessnino come anche numerosi altri aerei dell'AG difficilmente arriva a quella quota mi potete spiegare il motivo di proibire qualsiasi attività di volo a TUTTI e ripeto TUTTI i velivoli??
lo dico così a titolo informativo, sempre che già non lo sappiate, in germania ed in inghilterra è stato vietato il volo SOLO ai velivoli a turbina...
Aeroclub Milano Student
ATPL theorical started!!!
PPL (A) obtained!!!
22/09/09...da oggi si iniza...

Avatar utente
Tony88
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1250
Iscritto il: 25 febbraio 2009, 11:47
Località: Varedo (MI)

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Tony88 » 18 aprile 2010, 14:04

Big_Teo ha scritto:ho trovato questo sigmet:
LIMM SIGMET 02 VALID 180600/181200 LIMM- LIMM MILANO FIR VA CLD OF EYJAFJALLAJOKULL FCST AT 180600Z SFC/FL200 N OF LINE N4419 E01430 - N4111 E00501 FL200/FL350 N OF LINE N4517 E01725 - N4108 E00416 FCST AT 181200Z SFC/FL200 N OF LINE N4444 E01815 - N4017 E00347 FL200/FL350 N OF LINE N4826 E01709 - N4228 E01047=

non ho capito la parte che ho riscritto in grande... ho capito che dà un insieme di coordinate e FL... ma questi sono relativi alla nube di cenere?
"N OF LINE" e "SFC" cosa significano ?

perdonate l'OT ma mi sto avventurando per le prime volte alla decifrazione di sigmet... :oops:
N OF LINE dovrebbe significare a nord della linea, mentre SFC significa SurFaCe (superficie)
Aeroclub Milano Student
ATPL theorical started!!!
PPL (A) obtained!!!
22/09/09...da oggi si iniza...

Avatar utente
Dav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 395
Iscritto il: 19 ottobre 2009, 18:15
Località: LILH

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Dav » 18 aprile 2010, 14:08

Tony88 ha scritto:mi potete spiegare il motivo di proibire qualsiasi attività di volo a TUTTI e ripeto TUTTI i velivoli?
perché non credo che si conoscano tanto bene gli effetti di quelle polveri sugli aa/mm (indipendentemente dal motore, se leggi i post precedenti, si parla anche di problemi al Pitot).

Se si sospetta che non ci siano le condizioni per volare in sicurezza, non si vola. Se si sospetta che, pur essendoci le condizioni per volare in sicurezza, queste condizioni potrebbero peggiorare inaspettatamente, non si vola.

tito
01000 ft
01000 ft
Messaggi: 147
Iscritto il: 6 novembre 2006, 20:29

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da tito » 18 aprile 2010, 14:10

bloccare gli aerei a pistoni è realmente una vaccata.
E' tanto evidente che sia una vaccata che in tutta europa ci sono milioni di autoveicoli che stanno circolando regolarmente, anche a 3000ft di quota!! (il passo del s. Gottardo è aperto ed il traffico è regolare! :))

sui fatti di catania mi ricordavo così, evidentemente mi ricordo male.

Avatar utente
Tony88
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1250
Iscritto il: 25 febbraio 2009, 11:47
Località: Varedo (MI)

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Tony88 » 18 aprile 2010, 14:11

quindi in germania e inghilterra (che tra parentesi sono molto più vicine all'islanda e quindi soggette in maggior modo alle polveri) hanno voluto rischiare così, perchè non avevano niente da fare?
Aeroclub Milano Student
ATPL theorical started!!!
PPL (A) obtained!!!
22/09/09...da oggi si iniza...

Avatar utente
I-AINC
FL 200
FL 200
Messaggi: 2268
Iscritto il: 15 marzo 2007, 20:07
Località: FKK Club - Frankfurt

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da I-AINC » 18 aprile 2010, 14:11

Forse non mi sono spiegato bene, ma vi invito (non me ne vogliano gli admin) a fare un salto su PPRUNE.ORG nella sezione SPOTTER'S BALCONY.

Sono mostrate foto di aeroporti con i liner a terra... foto fatte da aerei di AG (Cessini e Piperozzi vari).

TRADUCO = in UK l'AG sta volando eccome... :evil:
Immagine

Mattia - Learjet 45 driver

Avatar utente
Dav
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 395
Iscritto il: 19 ottobre 2009, 18:15
Località: LILH

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Dav » 18 aprile 2010, 14:12

Big_Teo ha scritto: non ho capito la parte che ho riscritto in grande... ho capito che dà un insieme di coordinate e FL... ma questi sono relativi alla nube di cenere?
esattamente: VA CLD (volcanic ash cloud) FCST AT [*] (previsione per le ore...), poi le varie previsioni scritte come [quota] N OF LINE [coordinate dei due punti per cui far passare la linea separate da -]

se ho scritto una porcata correggetemi :)

Big_Teo
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1106
Iscritto il: 9 maggio 2008, 18:11

Re: Eruzione vulcano, dalle 13 tutti voli sospesi a Heatrow

Messaggio da Big_Teo » 18 aprile 2010, 14:12

Tony88 ha scritto:
Big_Teo ha scritto:ho trovato questo sigmet:
LIMM SIGMET 02 VALID 180600/181200 LIMM- LIMM MILANO FIR VA CLD OF EYJAFJALLAJOKULL FCST AT 180600Z SFC/FL200 N OF LINE N4419 E01430 - N4111 E00501 FL200/FL350 N OF LINE N4517 E01725 - N4108 E00416 FCST AT 181200Z SFC/FL200 N OF LINE N4444 E01815 - N4017 E00347 FL200/FL350 N OF LINE N4826 E01709 - N4228 E01047=

non ho capito la parte che ho riscritto in grande... ho capito che dà un insieme di coordinate e FL... ma questi sono relativi alla nube di cenere?
"N OF LINE" e "SFC" cosa significano ?

perdonate l'OT ma mi sto avventurando per le prime volte alla decifrazione di sigmet... :oops:
N OF LINE dovrebbe significare a nord della linea, mentre SFC significa SurFaCe (superficie)
e per linea cosa si intende? :oops:

Rispondi