Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

educatedguess
Banned user
Banned user
Messaggi: 372
Iscritto il: 13 settembre 2013, 18:31

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da educatedguess » 17 settembre 2015, 13:59

Lampo 13 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:
Lampo 13 ha scritto: Hanno cambiato o mi ricordo male io?
Non so se hanno cambiato....ma 5 sono davvero troppo pochi....manco un coniglio nano ci porti... :mrgreen:
Ciao!
Vado a memoria del MD80, ma sono passati 7 anni! Infatti si portava un gatto o uno Yorkshire, ma probabilmente ricordo male.
Confermo. Il mio gatto trovato a lecce si fece un bel volo sull ultima fila di un md80 alitalia fino a Roma. Era piccolo ma solo la gabbietta sarà pesata 3 kili di suo. Non era vaccinato ma tutti hanno chiuso un occhio.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5803
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da sigmet » 17 settembre 2015, 14:07

Qualcun altro ha fatto un atterraggio di emergenza per un cane:

http://www.foxnews.com/travel/2014/06/0 ... y-landing/

:roll:
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

tiziano79
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1466
Iscritto il: 14 maggio 2012, 10:10
Località: Roma

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da tiziano79 » 17 settembre 2015, 16:55

Solo 10000 dollari di carburante??? Mi pare pochino..
E lo scalo in un aeroporto non previsto non e' soggetto ad ulteriori tasse che so aeroportuali o simili?(parlo da ignorante ovviamente) e la compagnia nom e' passibile di ricorsi ?per chi magari con quel ritardo ha perso coincidenze/riunioni e dir si voglia?
Occhio...

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4627
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da SuperMau » 17 settembre 2015, 17:07

FAS ha scritto:
sigmet ha scritto:Secondo me e' atterrato per un altro motivo... :roll:
Infatti
Sigmet, ti risulta che era la cargo bay forward?
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 5803
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da sigmet » 17 settembre 2015, 21:06

SuperMau ha scritto:
FAS ha scritto:
sigmet ha scritto:Secondo me e' atterrato per un altro motivo... :roll:
Infatti
Sigmet, ti risulta che era la cargo bay forward?
Non lo so ufficialmente ma la tua domanda mi fa capire che hai capito... :wink:
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da Lampo 13 » 17 settembre 2015, 21:14

tiziano79 ha scritto:Solo 10000 dollari di carburante??? Mi pare pochino..
E lo scalo in un aeroporto non previsto non e' soggetto ad ulteriori tasse che so aeroportuali o simili?(parlo da ignorante ovviamente) e la compagnia nom e' passibile di ricorsi ?per chi magari con quel ritardo ha perso coincidenze/riunioni e dir si voglia?
Una volta il biglietto aereo era un librettino da cui si staccavano delle cedole per le varie tratte a fronte delle quali ti veniva consegnata una carta d'imbarco. Nel librettino c'erano anche alcune pagine in cui erano scritti i termini principale di quello che è un vero e proprio contratto tra la Compagnia ed il viaggiatore.
Ora le regole sei tenuto a leggertele in rete e quando compri il tuo biglietto devi cliccare, spesso più di una volta, sulla casella dove confermi di avere letto attentamente ed accettato i termini del contratto che stai stipulando con la Compagnia aerea.
Se vai a leggerti tutte le pagine delle regole troveri che il tuo solo diritto è, in pratica, di essere portato da "A" a "B"; giorno, ora, orario, mezzo di trasporto possono essere variati dalla Compagnia in dipendenza di situazioni contingenti. Un ritardo NON causato da negligenza della Compagnia non ti da diritto ad avere un rimborso, se devi andare al tuo matrimonio... arriverai in ritardo. Con molte Compagnie non hai diritto nemmeno ad essere ospitato in albergo e simili. Per questo il legislatore ha dovuto creare una sorta di regolamento di protezione dei passeggeri dalle troppe libertà altrimenti concesse alle Compagnie. Se ti vai a leggere quanto riceveranno i tuoi eredi in caso di incidente aereo, ti metterai a piangere, o ridere, sono quattro soldi con le Low Cost, per questo ti propongono le assicurazioni aggiuntive. Il minimo ammontare pro capite stabilito dalle norme internazionali sono davvero quattro soldi. Figuriamoci se ti pagano per un ritardo causato da un malfunzionamento di un impianto dell'aeromobile che, cane o non cane, ha causato una diversione ad un alternato...

Blues77
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 434
Iscritto il: 2 gennaio 2014, 15:36

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da Blues77 » 18 settembre 2015, 7:39

Scusate, ancora non ho capito quale potrebbe essere il motivo recondito alla base dell'atterraggio d'emergenza che qualcuno ha lasciato intendere in uno dei post precedenti. È troppo chiedere maggiore chiarezza?

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da Lampo 13 » 18 settembre 2015, 8:55

Lampo 13 ha scritto:
tiziano79 ha scritto:Solo 10000 dollari di carburante??? Mi pare pochino..
E lo scalo in un aeroporto non previsto non e' soggetto ad ulteriori tasse che so aeroportuali o simili?(parlo da ignorante ovviamente) e la compagnia nom e' passibile di ricorsi ?per chi magari con quel ritardo ha perso coincidenze/riunioni e dir si voglia?
Una volta il biglietto aereo era un librettino da cui si staccavano delle cedole per le varie tratte a fronte delle quali ti veniva consegnata una carta d'imbarco. Nel librettino c'erano anche alcune pagine in cui erano scritti i termini principale di quello che è un vero e proprio contratto tra la Compagnia ed il viaggiatore.
Ora le regole sei tenuto a leggertele in rete e quando compri il tuo biglietto devi cliccare, spesso più di una volta, sulla casella dove confermi di avere letto attentamente ed accettato i termini del contratto che stai stipulando con la Compagnia aerea.
Se vai a leggerti tutte le pagine delle regole troveri che il tuo solo diritto è, in pratica, di essere portato da "A" a "B"; giorno, ora, orario, mezzo di trasporto possono essere variati dalla Compagnia in dipendenza di situazioni contingenti. Un ritardo NON causato da negligenza della Compagnia non ti da diritto ad avere un rimborso, se devi andare al tuo matrimonio... arriverai in ritardo. Con molte Compagnie non hai diritto nemmeno ad essere ospitato in albergo e simili. Per questo il legislatore ha dovuto creare una sorta di regolamento di protezione dei passeggeri dalle troppe libertà altrimenti concesse alle Compagnie. Se ti vai a leggere quanto riceveranno i tuoi eredi in caso di incidente aereo, ti metterai a piangere, o ridere, sono quattro soldi con le Low Cost, per questo ti propongono le assicurazioni aggiuntive. Il minimo ammontare pro capite stabilito dalle norme internazionali sono davvero quattro soldi. Figuriamoci se ti pagano per un ritardo causato da un malfunzionamento di un impianto dell'aeromobile che, cane o non cane, ha causato una diversione ad un alternato...
Mi quoto da solo perché è notizia di ieri che la UE ha condannato la KLM a pagare un rimborso ad una passeggera che aveva fatto ricorso alla Corte Europea per un ritardo di 39 ore causato da una avaria a due componenti dell'aereo. Secondo la sentenza la Compagnia sarebbe esentata dalle responsabilità solo in caso di difetti reconditi dell'aeroplano, neanche dei pezzi di ricambio! Insomma la Compagnia deve pagare tutto a tutti e semmai rifarsi sui produttori... Aumenteranno i prezzi dei biglietti se questa sentenza farà giurisprudenza.
Sembra invece che la politica di Ryanair in caso di contestazioni sia quella di andare comunque a processo.

tiziano79
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1466
Iscritto il: 14 maggio 2012, 10:10
Località: Roma

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da tiziano79 » 18 settembre 2015, 9:10

Sempre da profano...
Se io ti pago un servizio che tu mi dici che si fa in tot ore ma poi queste tot ore diventano TOT +39 credo che tu in qualche modo devi pagare il disservizio..
Se le tot ore diventano TOT +Poco la cosa puo essere normale.
Ovvio che questo ragionamento e' variabile da caso a caso: vedi scioperi ritardi di terra o qualsiasi altro fattore che non dipenda dalla compagnia uno si mette l anima in pace.
Occhio...

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6669
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Atterraggio di emergenza per salvare il cane

Messaggio da Lampo 13 » 18 settembre 2015, 9:25

tiziano79 ha scritto:Sempre da profano...
Se io ti pago un servizio che tu mi dici che si fa in tot ore ma poi queste tot ore diventano TOT +39 credo che tu in qualche modo devi pagare il disservizio..
Se le tot ore diventano TOT +Poco la cosa puo essere normale.
Ovvio che questo ragionamento e' variabile da caso a caso: vedi scioperi ritardi di terra o qualsiasi altro fattore che non dipenda dalla compagnia uno si mette l anima in pace.
In pratica è così... un tempo le Compagnie potevano anche fare over-booking senza pagarne conseguenze, col tempo le Associazioni dei Consumatori hanno creato una reta di protezione per i viaggiatori.
Se questa notizia della KLM fosse confermata, secondo me si comincia ad esagerare.
Nella sentenza sarebbe scritto che per una Compagnia è possibile al 100% prevedere ed evitare le avarie applicando diligentemente le regole di manutenzione! Che perderebbero tempo a fare i Piloti nei simulatori se ciò fosse vero?
Nei casi di forza maggiore, p.e. nevicata epocale, la Compagnia non deve rimborsare nessuno, solo fare del suo meglio per assistere i passeggeri che però non riescono ad accettare che ci sono situazioni non risolvibili, in caso di ritardi di qualche ora per avarie la sentenza non sarebbe applicabile. Il caso in questione ha fatto decidere in questo modo perché l'aereo era fuori sede, credo su una isoletta, e hanno dovuto aspettare un aereo con i due pezzi di ricambio e la squadra di lavoro per risolvere il guasto e ri-certificare l'aereo.
La sentenza è singola, non credo che farà giurisprudenza, è già molto criticata... certo è che se fosse accettata l'idea che la Compagnia deve pagare tutti i pax e poi rivalersi sulla ditta costruttrice, spunterebbero assicurazioni come funghi, salirebbero i costi e quindi i prezzi dei biglietti per tutti.
L'indistria alla fine non ci perde mai!

Rispondi