Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
alb1982
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 262
Iscritto il: 11 febbraio 2014, 14:17

Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da alb1982 » 18 gennaio 2016, 14:24

http://video.corriere.it/sopravvivere-u ... 41fae93341

dall'alto della mia ignoranza in materia, me pare na strunzat .. :lol: :lol: :lol:

Ammesso che una soluzione del genere sia effettivamente realizzabile nella realtà, ma statistiche alla mano, visto che la maggior parte degli incidenti avviene in fase di atterraggio o decollo, e che buona parte di quelli che avvengono in fase di crociera avvengono per esplosione/decompressione, cioè tutti casi in cui questo "stratagemma" sarebbe inutile, e visti i costi ingegneristici ed economici per sperimentare una tale soluzione, ne varrebbe davvero la pena?

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4734
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da Valerio Ricciardi » 18 gennaio 2016, 16:16

E' solo un concetto, nulla di più.

- Porrebbe problemi di carico utile (pensa al peso connesso all'irrobustimento della struttura residua, della quale il compartimento passeggeri non costituirebbe più efficacemente parte integrante)
- prevede l'inutile "salvataggio" anche del compartimento bagagli (questa poi... ma che ce ne importa?) :roll:
- nella simulazione, i due paracadute sono ridicolmente piccoli in rapporto alle dimensioni del "container" di cui assicurare un relativamente soffice atterraggio/ammaraggio, quindi non fanno testo
- i "retrorazzi" - o quel che sembrano essere - per ridurre la velocità finale di impatto per essere efficaci dovrebbero essere "pirotecnici", certo non getti freddi come quelli che sembra di vedere; come la mettiamo con il rischio di incendio o perforazione del container sottostante?

- come dici tu, difficilmente potrebbero essere dei sistemi zero-zero, e in decollo o all'atterraggio la probabilità di trovarsi al di sotto della quota in cui potrebbero avere efficacia è altissima
- come dici tu, contro la decompressione esplosiva li vedo assai poco utili

§ 1) aggiungerei che già dai tempi dell'aerorazzo Heinkel HE 176 era stato previsto da Von Braun che in caso di imminente catastrofe tutta la parte anteriore della fusoliera col pilota si staccasse dal resto scendendo appesa a un paracadute;
§ 2) sul Convair B58 Hustler era prevista una capsuila individuale eiettabile per ciascuno dei tre membri dell'equipaggio, realizzata dalla Stanley Aviation Company, che fu anche testata sostituendo al pilota... una femmina di orso bruno di taglia analoga;
§ 3) sull' XB70 "Valkyrie" parimenti era presente, ma nell'incidente celebre col F104 solo uno dei due piloti riuscì ad azionarlo, e sia pure ferito portò la pelle a casa; l'altro precipitò mortalmente in vite col velivolo;
§ 4) Il General Dynamics F111 aveva invece l'intera cabina di pilotaggio separabile ed eiettabile;
§ 5) Anche i primi tre prototipi del Rockwell B1-A Lancer lo avevano, un sistema del genere (più grande visto che era previsto un equipaggio sino a sei persone); l'unica volta che lo si dovette utilizzare il copilota peraltro morì e altri due membri rimasero gravemente feriti perché la cabina atterrò con l'assetto sbagliato (quadro strumenti e comandi verso il basso) e furono proiettati malamente sul cockpit.

Quindi l'idea di massima, esistente dai tempi della WWII, ha funzionato alla bisogna con molta difficoltà e in alcuni casi gravi inconvenienti... quando si trattava di portare a terra due persone o poco più. Immaginiamo i costi ed il tempo necessario per sviluppare qualcosa di decentemente affidabile per 80-200 persone... la vedo dura.
Non è una fesseria in se' e per se', ma allo stato direi un concetto molto ipotetico.

E comunque nemmeno pensato, in tre anni, troppo accuratamente sul piano teorico, se prevede di salvare anche i pallet con le valigie... figuriamoci.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
the driving dutch
00500 ft
00500 ft
Messaggi: 74
Iscritto il: 23 ottobre 2011, 17:12
Località: Milano

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da the driving dutch » 18 gennaio 2016, 16:20

E il resto dell'aereo dovrebbe proseguire lungo la sua traiettoria? :lol:

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da willy73 » 18 gennaio 2016, 16:21

ma poi atterra in acqua o sul mare, e se invece atterrasse su un centro abitato??

Avatar utente
Vultur
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1377
Iscritto il: 16 ottobre 2011, 13:28

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da Vultur » 18 gennaio 2016, 19:41

Però è meglio di niente. Invece di pensare alla fusoliera staccabile, perché non l'ala staccabile? Una paratia piatta frontale su un jet non si beccherebbe un vento a novecento all'ora?
Se l'ala salta, non è meglio?
Per i grattacieli non penso ci sia molto da fare.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4734
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da Valerio Ricciardi » 18 gennaio 2016, 22:18

Penso che sarebbe molto più utile pensare a dei sistemi per migliorare la sicurezza passiva a bordo, al momento incentrata troppo solo sulla possibilità e tempistica di evacuazione.

i livelli di infiammabilità sono assolutamente eccessivi; immagino ci siano immani margini di miglioramento su questo. Inoltre sarebbe tanto ma tanto utile se si riuscisse a render reale l'idea prevista per l'Avro Atlantic, mai nata versione civile del fantastico Vulcan: i sedili dei passeggeri rivolti all'indietro. Capisco che l'accelerazione di decollo sarebbe percepita molto peggio dai passeggeri più sensibili, e che anche in fase di touchdown sentirsi "girati" dev'essere sgradevole, ma la protezione sarebbe tanto più efficace.

In assenza di cinture di sicurezza a tre punti integrate nel sedile (possibilissime ma che comporterebbero aggravio di costi e di pesi) sarebbero MOLTO più sicuri in caso di incidente connesso ad RTO, overrun e in generale atterraggio. la cintura addominale è stata abbandonata da Volvo alla fine degli anni '50, riconoscendone i gravissimi limiti, per i pax degli aerei è ancora quel che passa il convento.
Allegati
6954346b.jpg
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Guren
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 704
Iscritto il: 25 luglio 2011, 0:03
Località: Dongguan, Guangdong, R.P.C.

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da Guren » 19 gennaio 2016, 11:32

la mia prima domanda è stata "e i piloti?"

perché lasciare i piloti a bordo di quel che rimane dell'aereo significa ucciderli... dove sta scritto che la vita di due piloti vale meno di quella di x passeggeri?
Ciao, Marco
_____________________________
In tutta la sua vita,
quante volte puo' riuscire un uomo
a fermare le lacrime di una donna?

Avatar utente
MartaP
FL 250
FL 250
Messaggi: 2551
Iscritto il: 17 luglio 2012, 12:30
Località: Vicenza

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da MartaP » 19 gennaio 2016, 11:45

Guren ha scritto:la mia prima domanda è stata "e i piloti?"
perché lasciare i piloti a bordo di quel che rimane dell'aereo significa ucciderli... dove sta scritto che la vita di due piloti vale meno di quella di x passeggeri?
...a rigor di logica, i piloti e tutto il crew dovrebbero passare nella fusoliera prima della separazione..ma a prescindere, comunque, è tutto il resto che non è fattibile... :roll:

chi lo governa, quel coso, e come ?? Non può mica atterrare a caso, ammesso e concesso che riesca ad atterrare invece di schiantarsi su un qualsivoglia ostacolo, montagne in primis.... :roll:
ImmagineImmagine
"Spock?" "Sì?" "A proposito delle colorite metafore di cui abbiamo parlato, penso che tu non debba più cercare di farne uso." .."m***a, non lo farò più."

edivad77
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 34
Iscritto il: 27 marzo 2015, 11:26

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da edivad77 » 19 gennaio 2016, 12:00

Guren ha scritto:la mia prima domanda è stata "e i piloti?"

perché lasciare i piloti a bordo di quel che rimane dell'aereo significa ucciderli... dove sta scritto che la vita di due piloti vale meno di quella di x passeggeri?
I piloti si sacrificano, anzi no, gli mettono dei sedili eiettabili dedicati

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9607
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da tartan » 19 gennaio 2016, 12:24

1. I piloti sono pagati, i passeggeri pagano anche se poco, quindi hanno più diritti dei piloti e si ncazzano anche di più di loro specialmente se gli perdi un bagaglio scamuffo, figurati se salvi i piloti e non loro.
2. Adesso le assicurazioni ti assicurano anche per la caduta di aerei sulla tua testa, quindi chissenefrega di chi sta a terra.
3. I passeggeri hanno paura di volare, quindi se gli dici (se dici loro) che hanno il paracadute volano più tranquilli e magari pagano pure di più. Se poi il tutto è una cagata, machissenefrega!
Questo ragionando come al grande fratello, che è il meglio del meglio!
E vaffanculo!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6737
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da Lampo 13 » 19 gennaio 2016, 13:38

Valerio Ricciardi ha scritto:Penso che sarebbe molto più utile pensare a dei sistemi per migliorare la sicurezza passiva a bordo, al momento incentrata troppo solo sulla possibilità e tempistica di evacuazione.

i livelli di infiammabilità sono assolutamente eccessivi; immagino ci siano immani margini di miglioramento su questo. Inoltre sarebbe tanto ma tanto utile se si riuscisse a render reale l'idea prevista per l'Avro Atlantic, mai nata versione civile del fantastico Vulcan: i sedili dei passeggeri rivolti all'indietro. Capisco che l'accelerazione di decollo sarebbe percepita molto peggio dai passeggeri più sensibili, e che anche in fase di touchdown sentirsi "girati" dev'essere sgradevole, ma la protezione sarebbe tanto più efficace.

In assenza di cinture di sicurezza a tre punti integrate nel sedile (possibilissime ma che comporterebbero aggravio di costi e di pesi) sarebbero MOLTO più sicuri in caso di incidente connesso ad RTO, overrun e in generale atterraggio. la cintura addominale è stata abbandonata da Volvo alla fine degli anni '50, riconoscendone i gravissimi limiti, per i pax degli aerei è ancora quel che passa il convento.
Le Compagnie rifiutarono questa soluzione decenni fa perché non accettabile dai passeggeri...

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4734
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Fanta-aviazione: fusoliera staccabile con paracadute

Messaggio da Valerio Ricciardi » 19 gennaio 2016, 15:04

Molto può dipendere anche da come viene comunicata l'innovazione.

Son convinto peraltro che oggettivamente sopratutto durante l'accelerazione di decollo la sensazione di essere "risucchiato all'indietro" e di avere la "discesa ripida davanti" come nel gioco del galeone dondolante al Luna Park debba essere molto poco naturale ed ancor meno rassicurante.
Il problema c'è, e non da poco.

In crociera in compenso cambierebbe nulla o quasi: quante volte ci capita nello scompartimento del treno di viaggiare rivolti all'indietro? E poi non è che se quello passa il convento, la gente non volerebbe più.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Rispondi