Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 15 febbraio 2017, 8:40

ti quoto al 100%, la penso esattamente come te.
Il "problema" è che se si mettono a fuoco i milioni di casi come questi (in tutti i campi, in tutte le discipline), se si traducessero in formule matematiche e statistiche si individuerebbe già da subito una k (costante) che più k non si può: l'human being... 8)
Nel XX sec. il "progresso" è stato esponenziale, in cento anni si sono fatti più passi avanti che in un intero millennio, ma fondamentalmente il da sempre "presuntuoso" essere umano non ha seguito di pari passo l'evoluzione, è rimasto ancora lo stesso degli albori delle civiltà. E' ancora convinto di essere al centro dell'universo, di essere l'unca creatura con un'anima, di essere il prediletto di Dio, di avere tutti i diritti immaginabili e inimmaginabili. Non voglio però toccare il lato religioso per rispetto del libero pensiero di ciascuno, voglio solo far notare che anche Dio è stato da sempre "inquadrato" ed inscatolato ad hoc per le varie esigenze del potere. A Dio l'human being si rivolge ancor oggi quasi esclusivamente per pregarlo (chiedergli "favori") invece che, con grande umiltà, limitarsi a LODARLO per il Suo grande capolavoro: l'Universo intero.
Non voglio di certo impostare qui un discorso filosofico, ci mancherebbe altro (ricadrei anch'io inesorabilmente nella già folta schiera dei diointerra) è solo la sintetica premessa per dire i fatti indicano senza la minima ombra di dubbio che non s'è ancora capito che 7 miliardi di matti non possono ASSOLUTAMENTE, condicio o conditio sine qua non (qui l'ho riletto l'ho scritto esatto :mrgreen: ) continuare ancora col fatto che ci dev'essere la legge, la "pena", il bacchettatore, il dittatore, l'autovelox, l'ENAC etc. ad imporre le cose, ma un "intelligente" e consapevole self-control che solo il sapere (non uso volutamente la parola Cultura) può aiutare ad avere. Alrimenti non'v'è futuro, neppure a breve-medio termine.
Ma risolvendo le varie l'equazioni purtroppo si arriva sempre ad un solo risultato: il limite dell'human being, di fatto una creatura da 4 meno-meno. Ma > qui mi ricollego al discorso fatto più sopra con AirGek < il Sapere COSTA, tanto. E le moderne scuole di Economia e Finanzia insegnano che i costi............. vanno tagliati :roll:
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 15 febbraio 2017, 9:20

EDIT:
aggiungo al volo un "caso emblematico" che da solo la dice lunga
di sicuro vi sarà capitato di vedere in autostrada le corsie di sinistra intasate di auto frenanti (a volte al limite dell'inchiodata) mentre la corsia di destra è COMPLETAMENTE LIBERA PER CHILOMETRI... mmmm mi sà che mi tocca correggere al ribasso il 4 meno-meno. (che pena!!).
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 531
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da willy73 » 15 febbraio 2017, 16:00

aetio57 ha scritto:EDIT:
aggiungo al volo un "caso emblematico" che da solo la dice lunga
di sicuro vi sarà capitato di vedere in autostrada le corsie di sinistra intasate di auto frenanti (a volte al limite dell'inchiodata) mentre la corsia di destra è COMPLETAMENTE LIBERA PER CHILOMETRI... mmmm mi sà che mi tocca correggere al ribasso il 4 meno-meno. (che pena!!).
Certo, perché la maggior parte dei guidatori sono ignoranti (nel senso che ignorano) che non conoscono neppure le più elementari regole della guida. Ad esempio non rispettano le distanze, non usano indicatori di direzione,non sanno a chi spetta la precedenza se non ci sono segnali (una volta uno che usciva sparato da un cancello privato dopo che ho inchiodato e chiesto spiegazioni mi ha detto "ma io venivo da destra!"...)
Ieri ho visto un litigio per strada perché molte auto avevano impegnato un incrocio nonostante le auto al di là di esso fossero ferme, impedendo così che potessero passare (una volta venuto verde per loro) le altre auto che attraversavano l'incrocio perpendicolarmente . Ovvio che sentir urlare "ma io sono passato con il verde" ti fa capire l'ignoranza di chi guida. Anche se hai verde non impegni un incrocio se il traffico al di là di esso è già da un po' fermo se no paralizzi l'incrocio. A mio avviso non è arroganza è proprio IGNORANZA. Il problema è che la patente va data a tutti, quindi anche a chi non sa guidare, perché c'è una sorta di "diritto costituzionale" ad avere la patente e ciò è profondamente sbagliato (i numerosi incidenti lo dimostrano). Credo, ma lui potrà correggermi se sbaglio, che la paura di Sigmet sia proprio questa, ossia che tutti, anche incompetenti ed irresponsabili stiano guadagnando il diritto a mettersi in mano una cloche od un volantino, proprio come oggi succede con il volante. effettivamente c'è da avere molta paura...

Avatar utente
Luke3
FL 500
FL 500
Messaggi: 6795
Iscritto il: 4 febbraio 2005, 20:15
Località: Los Angeles, CA

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da Luke3 » 15 febbraio 2017, 16:46

Manca in Italia la presenza di organizzazioni a scopo formativo, per continuare la formazione dei piloti anche dopo la scuola. Da noi nel mondo FAA, enti come l'AOPA, la EAA, e anche la FAA stessa offrono tantissimo materiale formativo, conferenze, seminari, corsi online per tenersi al corrente e spingere verso una mentalita' orientata verso la sicurezzza. C'e' chi dice che sono un po' dei nazisti sotto certi punti di vista, come il loro famoso "quando entri VFR in IMC hai 178 secondi di vita rimasta", ma in un ambiente che non perdona non la trovo una cosa sbagliata. L'AOPA Italia in confronto non offre opportunita' simili, ed e' difficile per chi non vola per professione avere accesso a eventi e materiale formativo.
Poi certo, tutto il mondo e' paese, anche qui' vai negli aeroporti non controllati nell'entroterra della Florida e ti trovi il C208 dei paracadutisti in discesa a bomba con l'elica in beta direttamente in finale senza manco uno straccio di chiamata radio e ignorando palesemente gli altri 3 aerei nei circuito e facendo il pelo a quello che stava in base. Purtroppo la sola esistenza del materiale non e' abbastanza se la gente non lo legge. Ho notato dalle mie parti che negli spazi aerei piu' complessi l'addestramento in genere e' migliore, negli aeroporti in c**o alla luna se ne vedono delle belle.
De Lorenzo nel lontano 2008 disse al nostro corso dell'AeCR che "non importa se volate su un ultraleggero, un 747, o un F-16, dovete volare come dei professionisti". Spero che quella mentalita' non si sia persa con la sua scomparsa. Una buona relazione fra gli aeroclub, e un ente come l'AOPA per la formazione continua sarebbe gia' un grosso passo avanti, senza neanche coinvolgere la regolamentazione.

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da sigmet » 15 febbraio 2017, 23:15

willy73 ha scritto: Credo, ma lui potrà correggermi se sbaglio, che la paura di Sigmet sia proprio questa, ossia che tutti, anche incompetenti ed irresponsabili stiano guadagnando il diritto a mettersi in mano una cloche od un volantino, proprio come oggi succede con il volante. effettivamente c'è da avere molta paura...
Hai colto il senso del mio discorso. E il mio timore e’ che altrettanti incompetenti stiano prendendo in mano la cloche di aziende ed istituzioni. Ho incontrato pochi giorni fa a Londra uno dei dirigenti della CAA. Nel suo ufficio non aveva aeroplani sul tavolo,ne foto alle sue spalle , ne brevetti o diplomi in bella mostra ma invitandolo poi a pranzo per un mega thali riso al curry da Masala (fortuna che stavo a piedilista...) gli ho chiesto se lui fosse un pilota o uno dei tanti burocrati che siamo abituati a vedere da noi. Mi ha annientato: ex pilota della RAF con 2 stagioni alle Red Arrows, istruttore controllore di Tornado e sperimentatore a Boscomb Down. un paio di comandi di stormo ,2 lauree di cui una in ingegneria aerospaziale e una in storia dell'arte , 3 master , uno in SV, 15 anni in BA dove e’ stato anche training manager 747 e poi in RR come responsabile della airworthiness. Per diletto nel week end fa volare uno Spit ed un Lancaster a Duxford ed e’ uno dei piloti ufficiali del Flypast su Buckingham Palace . Per finire e’ una delle guide ufficiali alla National Gallery (mi ha estasiato con l’esegesi della resurrezione di Piero della Francesca che sta a Sansepolcro e conosce il rinascimento italiano come pochi…)
Il suo collega di ufficio ,non pilota , era ordinario di fluidodinamica a Cambridge , ordinario di calcolo matematico al King’s College, senior lecturer di scienza e tecnologia dei materiali a Cranfield, 30 anni in Hawker Siddeley, Test Flight Engineer, una quindicina di cariche sparse nel mondo tra cui quella di Junior Vice president di Engie UK , due brevetti sulle pale eoliche e sulle turbine idrodinamiche e qualcos’altro che adesso dimentico. Ah, anche lui con la passione dell'arte,da giovane aveva suonato nella banda deila Grenadiers Guard (provate a sentire come suonano...).Andra' in pensione tra un mese e quella sera rimaneva in ufficio fino alle 23.
La sera in albergo su YouTube mi sono visto I vow to thee my country e mi sono messo a piangere…
Ecco, questa e’ la realtà di chi ci sta intorno. Smettiamo di chiederci perché il nostro PIL non cresce e non siamo in grado di gestire un paese.



Luke3 ha scritto: Manca in Italia la presenza di organizzazioni a scopo formativo, per continuare la formazione dei piloti anche dopo la scuola.
Ci sarebbe anche chi lo fa gratis ma l'interesse e' scarso e molte volte e' osteggiato dalle stesse istituzioni.
Luke3 ha scritto:De Lorenzo nel lontano 2008 disse al nostro corso dell'AeCR che "non importa se volate su un ultraleggero, un 747, o un F-16, dovete volare come dei professionisti". Spero che quella mentalita' non si sia persa con la sua scomparsa. Una buona relazione fra gli aeroclub, e un ente come l'AOPA per la formazione continua sarebbe gia' un grosso passo avanti, senza neanche coinvolgere la regolamentazione.
Stai parlando di uno degli ultimi aviatori illuminati.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 7:59

aetio57 ha scritto: Ma > qui mi ricollego al discorso fatto più sopra con AirGek < il Sapere COSTA, tanto. E le moderne scuole di Economia e Finanzia insegnano che i costi............. vanno tagliati :roll:
Dipende dall'ambito...ma io sono d'accordo con Gek....sapere non significa necessariamente avere costi alti...né a se stessi né alla società. Richiede tempo però...e se non te lo prendi tu nessuno te lo da. Anche il sapere di non sapere è un ottimo punto di partenza...cosa che spesso sfugge. Il sapere di non sapere, raramente, ti farà fare delle ca**ate. Però è ,in effetti, un discorso molto lungo.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 16 febbraio 2017, 10:23

flyingbrandon ha scritto:....sapere non significa necessariamente avere costi alti...né a se stessi né alla società.
mah! guarda, se ne siete convinti...
anche solo per riportare "in bolla" il divario che c'è tra l'esistente e il minimo necessario ci vorrebbe un'enorme massa monetaria di investimenti, oggi assai spesso visti come costi.
Bisogna poi fare i conti (determinanti ai fini del realismo) con le strategie di potere che vogliono- anzi impongono- la massa ignorante, marionetta sottomessa.
flyingbrandon ha scritto:Richiede tempo però...e se non te lo prendi tu nessuno te lo da
anche il tempo è denaro, lo cita anche un saggio proverbio... Inoltre dovresti avere la consapevolezza che tuo malgrado te lo devi prendere.
flyingbrandon ha scritto:Anche il sapere di non sapere è un ottimo punto di partenza...cosa che spesso sfugge. Il sapere di non sapere, raramente, ti farà fare delle ca**ate
il sapere di non sapere di fatto è pura utopia. Basta osservare quella moltitudine di laureati che di fatto non sanno 'na mazza, ma sono straconvinti di essere dei saccenti... :roll:

Hai ragione: in effetti, è un discorso molto lungo (...........e si và pure in OT :alien: )
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
SuperMau
FL 450
FL 450
Messaggi: 4653
Iscritto il: 13 agosto 2009, 10:19
Località: Polderbaan, sempre dritto, semaforo, la seconda a destra....

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da SuperMau » 16 febbraio 2017, 10:35

sigmet ha scritto: Hai colto il senso del mio discorso. E il mio timore e’ che altrettanti incompetenti stiano prendendo in mano la cloche di aziende ed istituzioni. Ho incontrato pochi giorni fa a Londra uno dei dirigenti della CAA. Nel suo ufficio non aveva aeroplani sul tavolo,ne foto alle sue spalle , ne brevetti o diplomi in bella mostra ma invitandolo poi a pranzo per un mega thali riso al curry da Masala (fortuna che stavo a piedilista...) gli ho chiesto se lui fosse un pilota o uno dei tanti burocrati che siamo abituati a vedere da noi. Mi ha annientato: ex pilota della RAF con 2 stagioni alle Red Arrows, istruttore controllore di Tornado e sperimentatore a Boscomb Down. un paio di comandi di stormo ,2 lauree di cui una in ingegneria aerospaziale e una in storia dell'arte , 3 master , uno in SV, 15 anni in BA dove e’ stato anche training manager 747 e poi in RR come responsabile della airworthiness. Per diletto nel week end fa volare uno Spit ed un Lancaster a Duxford ed e’ uno dei piloti ufficiali del Flypast su Buckingham Palace . Per finire e’ una delle guide ufficiali alla National Gallery (mi ha estasiato con l’esegesi della resurrezione di Piero della Francesca che sta a Sansepolcro e conosce il rinascimento italiano come pochi…)
Il suo collega di ufficio ,non pilota , era ordinario di fluidodinamica a Cambridge , ordinario di calcolo matematico al King’s College, senior lecturer di scienza e tecnologia dei materiali a Cranfield, 30 anni in Hawker Siddeley, Test Flight Engineer, una quindicina di cariche sparse nel mondo tra cui quella di Junior Vice president di Engie UK , due brevetti sulle pale eoliche e sulle turbine idrodinamiche e qualcos’altro che adesso dimentico. Ah, anche lui con la passione dell'arte,da giovane aveva suonato nella banda deila Grenadiers Guard (provate a sentire come suonano...).Andra' in pensione tra un mese e quella sera rimaneva in ufficio fino alle 23.
La sera in albergo su YouTube mi sono visto I vow to thee my country e mi sono messo a piangere…
Ecco, questa e’ la realtà di chi ci sta intorno. Smettiamo di chiederci perché il nostro PIL non cresce e non siamo in grado di gestire un paese.
la sto scolpendo a mano nella pietra. Marmo bianco di Carrara of course.
Quando ho finito mi dai un passaggio che la appendo all'entrata della sede enac ?
Be'....sono andato un po' in giro...
Immagine

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 16 febbraio 2017, 10:47

SuperMau ha scritto:
sigmet ha scritto: Hai colto il senso del mio discorso. E il mio timore e’ che altrettanti incompetenti stiano prendendo in mano la cloche di aziende ed istituzioni. Ho incontrato pochi giorni fa a Londra uno dei dirigenti della CAA. Nel suo ufficio non aveva aeroplani sul tavolo,ne foto alle sue spalle , ne brevetti o diplomi in bella mostra ma invitandolo poi a pranzo per un mega thali riso al curry da Masala (fortuna che stavo a piedilista...) gli ho chiesto se lui fosse un pilota o uno dei tanti burocrati che siamo abituati a vedere da noi. Mi ha annientato: ex pilota della RAF con 2 stagioni alle Red Arrows, istruttore controllore di Tornado e sperimentatore a Boscomb Down. un paio di comandi di stormo ,2 lauree di cui una in ingegneria aerospaziale e una in storia dell'arte , 3 master , uno in SV, 15 anni in BA dove e’ stato anche training manager 747 e poi in RR come responsabile della airworthiness. Per diletto nel week end fa volare uno Spit ed un Lancaster a Duxford ed e’ uno dei piloti ufficiali del Flypast su Buckingham Palace . Per finire e’ una delle guide ufficiali alla National Gallery (mi ha estasiato con l’esegesi della resurrezione di Piero della Francesca che sta a Sansepolcro e conosce il rinascimento italiano come pochi…)
Il suo collega di ufficio ,non pilota , era ordinario di fluidodinamica a Cambridge , ordinario di calcolo matematico al King’s College, senior lecturer di scienza e tecnologia dei materiali a Cranfield, 30 anni in Hawker Siddeley, Test Flight Engineer, una quindicina di cariche sparse nel mondo tra cui quella di Junior Vice president di Engie UK , due brevetti sulle pale eoliche e sulle turbine idrodinamiche e qualcos’altro che adesso dimentico. Ah, anche lui con la passione dell'arte,da giovane aveva suonato nella banda deila Grenadiers Guard (provate a sentire come suonano...).Andra' in pensione tra un mese e quella sera rimaneva in ufficio fino alle 23.
La sera in albergo su YouTube mi sono visto I vow to thee my country e mi sono messo a piangere…
Ecco, questa e’ la realtà di chi ci sta intorno. Smettiamo di chiederci perché il nostro PIL non cresce e non siamo in grado di gestire un paese.
la sto scolpendo a mano nella pietra. Marmo bianco di Carrara of course.
Quando ho finito mi dai un passaggio che la appendo all'entrata della sede enac ?
sono decenni che me lo sono scolpito nella mente... Giusto per non perderlo MAI di vista. Il rischio di diventare inconsapevolmente una marionetta è altissimo........... 8)
Super, temo che oltre alla sede enac dovrai appenderlo anche all'ingresso di centinaia di altri enti (e aziende)

Sigmet, solo una piccola significativa correzione
sigmet ha scritto:il mio timore e’ che altrettanti incompetenti stiano prendendo in mano la cloche di aziende ed istituzioni
purtroppo lo stanno già facendo da qualche lustro... non siamo all'inizio. SOB!!
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 11:00

aetio57 ha scritto: Bisogna poi fare i conti (determinanti ai fini del realismo) con le strategie di potere che vogliono- anzi impongono- la massa ignorante, marionetta sottomessa.
Questo è un punto infatti. Ma non è questione di denaro. È se fa comodo così è inutile poi stupirsi di certi comportamenti che maturano da quel punto di partenza. Ciò non toglie che nessuno è obbligato a rimanere tale...e ciò non richiede un particolare sforzo economico.
aetio57 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Richiede tempo però...e se non te lo prendi tu nessuno te lo da
anche il tempo è denaro, lo cita anche un saggio proverbio... Inoltre dovresti avere la consapevolezza che tuo malgrado te lo devi prendere.
Questo dipende dalle tue priorità...se vedi nel tempo solo una potenzialità di accumulare denaro è vero...altrimenti no.
aetio57 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Anche il sapere di non sapere è un ottimo punto di partenza...cosa che spesso sfugge. Il sapere di non sapere, raramente, ti farà fare delle ca**ate
il sapere di non sapere di fatto è pura utopia. Basta osservare quella moltitudine di laureati che di fatto non sanno 'na mazza, ma sono straconvinti di essere dei saccenti... :roll:
Non è corretto dire che non sanno una mazza. Così come è pieno di persone che dicono che laurearsi è inutile. Torniamo sempre allo stesso discorso. È un problema individuale dove "la società" non ti aiuta a guardare nella direzione auspicata...una scelta personale poi se farlo o no.

Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 16 febbraio 2017, 11:36

Non ne veniamo fuori... :mrgreen: Forse leggi di fretta per cui non cogli il senso esatto di quello che voglio dire
flyingbrandon ha scritto:...Questo è un punto infatti. Ma non è questione di denaro. È se fa comodo così è inutile poi stupirsi di certi comportamenti che maturano da quel punto di partenza. Ciò non toglie che nessuno è obbligato a rimanere tale...e ciò non richiede un particolare sforzo economico.
- Il potere è anche questione di denaro, eccome. Oserei dire che senza denaro non può esserci potere...
- Nessuno è infatti "obbligato", l'ignoranza fà credere di essere nel giusto nell'adottare determinati comportamenti. Una volta ti obbligavano a fucilate o a olio di ricino, oggi ti lavano a priori il cervello già dall'infanzia. Per fare quello ci vogliono tanti piccioli.
flyingbrandon ha scritto:Questo dipende dalle tue priorità...se vedi nel tempo solo una potenzialità di accumulare denaro è vero...altrimenti no.
in base a cosa stabilisci le tue priorità?
flyingbrandon ha scritto:Non è corretto dire che non sanno una mazza. Così come è pieno di persone che dicono che laurearsi è inutile. Torniamo sempre allo stesso discorso. È un problema individuale dove "la società" non ti aiuta a guardare nella direzione auspicata...una scelta personale poi se farlo o no.
- Se fanno errori macroscopici, tipici di chi non sa 'na mazza, perché non è corretto dire che non sanno una mazza? Forse chi dice che " laurearsi è inutile" dovrebbe precisare che "laurearsi COSI' (di fatto non insegnano in modo sufficiente) è inutile".
- In base a che elementi stabilisci se farlo o no?

Se leggi attentamente il commento di sigmet forse riuscirai a capire bene a cosa mi voglio riferire... secondo te in base a quali valutazioni (che scaturiscono da quali ragionamenti?) l'amico del signore citato da sigmet lavora fino alle 23 nonostante che tra un mese andrà in pensione??
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 12:50

aetio57 ha scritto: Il potere è anche questione di denaro, eccome. Oserei dire che senza denaro non può esserci potere...
- Nessuno è infatti "obbligato", l'ignoranza fà credere di essere nel giusto nell'adottare determinati comportamenti. Una volta ti obbligavano a fucilate o a olio di ricino, oggi ti lavano a priori il cervello già dall'infanzia. Per fare quello ci vogliono tanti piccioli.
E io non ho detto che il potere non È anche questione di denaro. In un mondo basato sul denaro è abbastanza ovvio. Ma a me non interessa essere potente...e, di fatto, non puoi obbligarmi a non usare il cervello. Quello che sto dicendo, che era legato al l'esempio che ti ha fatto anche Gek...è che per uscire , personalmente, da una mentalità non devi necessariamente investire notevoli quantità di denaro.
aetio57 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Questo dipende dalle tue priorità...se vedi nel tempo solo una potenzialità di accumulare denaro è vero...altrimenti no.
in base a cosa stabilisci le tue priorità?
Nello stare bene...sia io che , di riflesso, gli altri che mi stanno intorno.
aetio57 ha scritto:
- Se fanno errori macroscopici, tipici di chi non sa 'na mazza, perché non è corretto dire che non sanno una mazza? Forse chi dice che " laurearsi è inutile" dovrebbe precisare che "laurearsi COSI' (di fatto non insegnano in modo sufficiente) è inutile".
- In base a che elementi stabilisci se farlo o no?
Una persona che sbaglia , anche in modo , macroscopico, in qualcosa non è equivalente al "non sapere una mazza". Studiare non è formativo solo da un punto di vista cognitivo, ma globale. Una persona presuntuosa lo è da laureata come da non laureata...e, onestamente, credo che lo sia ancora di più da non laureata perché ha una convinzione errata in più , e cioè che la lAurea non serve niente.
Farlo o no cosa?

aetio57 ha scritto:


Se leggi attentamente il commento di sigmet forse riuscirai a capire bene a cosa mi voglio riferire... secondo te in base a quali valutazioni (che scaturiscono da quali ragionamenti?) l'amico del signore citato da sigmet lavora fino alle 23 nonostante che tra un mese andrà in pensione??
Condivido in pieno ciò che ha scritto Sigmet.
Non ho capito la domanda...
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9890
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da tartan » 16 febbraio 2017, 13:58

Non sono assolutamente al vostro livello, però posso assicurarvi che quasi tutto quello che avete detto lo condividio. In particolare Sigmet e Aetio. ma non solo, ne ho fatto la base del mio laboratorio che tengo "gratuitamente" anzi a perdere, nell'istituto di Viterbo dove ho trovato accoglienza da parte di un docente "illuminato" come dice Brandon. I ragazzi non sono abituati a riflettere ma solo a ricordare per poi poter rispondere nella maniera giusta. Nella scuola bisogna insegnare a ragionare, a discutere, a confrontarsi con i compagni, a non avere paura di sbagliare e a lavorare aiutandosi e, incredibile ma vero, qualche varco si è aperto. Certo è dura, quando sbaglio io ci rimetto la faccia brutalmente, però, senza falsa modestia, sono bravo a calarmi nei loro panni e a ribaltare l'infortunio senza nascondere che si tratta di un plateale ribaltamento e la cosa sembra che stia funzionando e sembra anche che il gruppo si stia formando. Prima arrivavo a casa esausto e stressato, ora comincio a tornare a casa sorridente. Provateci pure voi per quello che potete.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 14:41

tartan ha scritto: I ragazzi non sono abituati a riflettere ma solo a ricordare per poi poter rispondere nella maniera giusta. Nella scuola bisogna insegnare a ragionare, a discutere, a confrontarsi con i compagni, a non avere paura di sbagliare e a lavorare aiutandosi e, incredibile ma vero, qualche varco si è aperto.
Proprio così! E il "costo" ê analogo...ma il risultato ben diverso...
Grande Pino!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 16 febbraio 2017, 14:45

flyingbrandon ha scritto:Quello che sto dicendo, che era legato al l'esempio che ti ha fatto anche Gek...è che per uscire , personalmente, da una mentalità non devi necessariamente investire notevoli quantità di denaro.
per uscire dall'attuale situazione si. si dovrà pure impiegare minimo una generazione... (tempo, che costa pure esso) :shock:
flyingbrandon ha scritto:...Ma a me non interessa essere potente...e, di fatto, non puoi obbligarmi a non usare il cervello. Quello che sto dicendo, che era legato al l'esempio che ti ha fatto anche Gek...è che per uscire , personalmente, da una mentalità non devi necessariamente investire notevoli quantità di denaro
- "Ma a me non interessa essere potente" attenzione: il mio discorso non è rivolto a te...
- "...e, di fatto, non puoi obbligarmi a non usare il cervello" infatti oggi non ti obbligano affatto, ti lavano il cervello a priori (ti fanno volutamente rimanere sostanzialmente ignorante) così tu vai quasi in automatico dove vogliono loro. Confezionano degli status symbol e le capre gli corrono dietro (vedi ad es. i tatuaggi ahahaha!! che pena)
flyingbrandon ha scritto:Una persona che sbaglia , anche in modo , macroscopico, in qualcosa non è equivalente al "non sapere una mazza".
:roll:
flyingbrandon ha scritto:Studiare non è formativo solo da un punto di vista cognitivo, ma globale.
d'accordissimo. Il punto è che oggi il percorso formativo, a tutti i livelli, è impostato pressoché totalmente a compartimenti stagni; il risultato è una schiera di gente al potere che colleziona Gaffes del calibro di quella dell'ex Ministro Istruzione Gelmini a proposito del tunnel del CERN di Ginevra

@tartan sei un grande... complimenti.
Ultima modifica di aetio57 il 16 febbraio 2017, 14:53, modificato 1 volta in totale.
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
sigmet
FL 500
FL 500
Messaggi: 6210
Iscritto il: 23 dicembre 2008, 12:08

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da sigmet » 16 febbraio 2017, 14:53

tartan ha scritto:Non sono assolutamente al vostro livello,...
Non e’ vero Tartan, tu nel tuo campo di competenza ne hai da vendere ,ce ne fossero come te, tanto e’ vero che sei riuscito ad organizzare un progetto impegnativo quanto utile come quello dell’ITIS di Viterbo. Ma e’ triste vedere che certe lodevoli iniziative siano animate solo dalla buona volontà’ dei singoli e non frutto di una politica di formazione culturale e professionale così’ come accade in tanti altri posti del mondo. Mia figlia studia in Inghilterra e li la scuola e l’università’ ’ richiedono e organizzano percorsi di formazione presso aziende che sono ben felici di attingere ad un potenziale innovativo così’ forte. I giovani oggi hanno le qualità’ per emergere ma non glie ne viene data la possibilità’ , eppure di ragazzi in gamba ne ho conosciuti molti. Non sono guidati ,non vengono motivati anzi vengono lasciati a se stessi, alla disperazione della disoccupazione o quando sono fortunati di lavori precari.La nostra classe dirigente e’ una delle più’ vecchie in assoluto. I posti fissi o con un minino di prestigio sono appannaggio per il 90% di “figli di” . L’emigrazione rimane l’unica via ma non tutti se lo possono permettere.Chi riesce ha quelle soddisfazioni che qui non sarebbe riuscito a trovare. Ma tutti questi ragazzi rimangono alla fine con il rimpianto di un paese meraviglioso finito in rovina per l’incapacità’ dei nostri amministratori .
L’alternanza scuola lavoro costituisce un piccolo punto di partenza ma non basta. Bisogna favorire l’ingresso nel mondo del lavoro,dobbiamo abbattere lo status quo di un sistema clientelare riservato a pochi. Qui i nostri ragazzi stanno perdendo la speranza e un paese senza speranza e’ un paese senza futuro.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 16 febbraio 2017, 14:58

sigmet ha scritto:Qui i nostri ragazzi stanno perdendo la speranza e un paese senza speranza e’ un paese senza futuro.
ok, ma secondo te è giusto illuderli?? Tu che certamente hai già fatto le tue valutazioni sai benissimo che questo paese, a meno di radicali-giusti(=migliorativi)-rapidi cambiamenti NON ha futuro........... 8)
Tra giaguari, smacchiatori di giaguari, fù-fù, rottamatori, rottamatori dei rottamatori, porcellum, mattarellum, sostenuta crescita ( .:mrgreen:. ) del PIL dello 0,.... etc. non ne escono più :drunken:



Mi sa comunque che siamo finiti.... emh.... un tantino OT :blackeye:
(se non replico più... non è per maleducazione)
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 16:13

aetio57 ha scritto:[per uscire dall'attuale situazione si. si dovrà pure impiegare minimo una generazione... (tempo, che costa pure esso) :shock:
Ribadisco...tempo sì...denaro , a mio avviso, non necessariamente.
aetio57 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:...Ma a me non interessa essere potente...e, di fatto, non puoi obbligarmi a non usare il cervello. Quello che sto dicendo, che era legato al l'esempio che ti ha fatto anche Gek...è che per uscire , personalmente, da una mentalità non devi necessariamente investire notevoli quantità di denaro
- "Ma a me non interessa essere potente" attenzione: il mio discorso non è rivolto a te...
Si parla in generale...ma posso rispondere solo per me. Non ho la presunzione di dire cosa vuole il mondo... :mrgreen:

aetio57 ha scritto: - "...e, di fatto, non puoi obbligarmi a non usare il cervello" infatti oggi non ti obbligano affatto, ti lavano il cervello a priori (ti fanno volutamente rimanere sostanzialmente ignorante) così tu vai quasi in automatico dove vogliono loro. Confezionano degli status symbol e le capre gli corrono dietro (vedi ad es. i tatuaggi ahahaha!! che pena)
Appunto...in automatico io lo definisco "non usarlo". Io ho dei tatuaggi e avevo voglia di farli quando ancora non erano così richiesti ma l'ultimo l'ho fatto recentemente. Non mi sento una capra e non mi interessa cosa fanno gli altri...forse perché non temo di essere confuso con un caprone. Se non te ne fossi accorto sono diversi post che concordo con te che la società ti vuole così...non sono d'accordo sul fatto che essere più consapevoli abbia un prezzo troppo elevato e che ormai sia tutto finito.
aetio57 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Una persona che sbaglia , anche in modo , macroscopico, in qualcosa non è equivalente al "non sapere una mazza".
:roll:
Aetio...tu non ignori mai? Sai sempre tutto? Già afferrmare sempre che siamo circondati da una massa di caproni non mi pare il punto di vista che ti piacerebbe gli altri avessero... :mrgreen: difficile aver "capito già tutto" della vita...penso...o forse sei un bel pezzo avanti tu...
aetio57 ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Studiare non è formativo solo da un punto di vista cognitivo, ma globale.
d'accordissimo. Il punto è che oggi il percorso formativo, a tutti i livelli, è impostato pressoché totalmente a compartimenti stagni; il risultato è una schiera di gente al potere che colleziona Gaffes del calibro di quella dell'ex Ministro Istruzione Gelmini a proposito del tunnel del CERN di Ginevra

@tartan sei un grande... complimenti.
Non conosco la gaffe perché non seguo TV da troppi anni ormai...però il percorso formativo è impostato così perché non hai modo di impostarlo diversamente se ciò che interessa sono i numeri...e anche velocemente. Per fortuna arriva Tartan, o come accade a volte , hai la fortuna di trovare una persona, insegnante, che ti mostra le cose diversamente.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Branca
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 16
Iscritto il: 31 ottobre 2006, 9:44
Località: Rimini / Lisboa / München

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da Branca » 16 febbraio 2017, 16:56

flyingbrandon ha scritto:Non conosco la gaffe perché non seguo TV da troppi anni ormai...
La gaffe fu talmente grottesca che vale la pena ricordarla ancora una volta. Si trattava di un commento ad un esperimento con neutrini prodotti al CERN a Ginevra e rivelati al detector del INFM al Gran Sasso; esperimento che aveva dato risultati potenzialmente dirompenti (poi smentiti da successive verifiche). Orbene, la nota del ministero era un vaniloquio circa un tunnel (sic!) che collegava Ginevra con il laboratorio italiano. Non credo sia il caso di aggiungere altro...

PS: Non intervengo mai, ma qui mi sono sentito chiamato in causa in quanto (parzialmente) del mestiere.
Scusate l'OT.
Saluti.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 17:05

Branca ha scritto:
flyingbrandon ha scritto:Non conosco la gaffe perché non seguo TV da troppi anni ormai...
La gaffe fu talmente grottesca che vale la pena ricordarla ancora una volta. Si trattava di un commento ad un esperimento con neutrini prodotti al CERN a Ginevra e rivelati al detector del INFM al Gran Sasso; esperimento che aveva dato risultati potenzialmente dirompenti (poi smentiti da successive verifiche). Orbene, la nota del ministero era un vaniloquio circa un tunnel (sic!) che collegava Ginevra con il laboratorio italiano. Non credo sia il caso di aggiungere altro...

PS: Non intervengo mai, ma qui mi sono sentito chiamato in causa in quanto (parzialmente) del mestiere.
Scusate l'OT.
Saluti.
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 540
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da Misha » 16 febbraio 2017, 18:08

aetio57 ha scritto: ok, ma secondo te è giusto illuderli?? Tu che certamente hai già fatto le tue valutazioni sai benissimo che questo paese, a meno di radicali-giusti(=migliorativi)-rapidi cambiamenti NON ha futuro........... 8)
Tra giaguari, smacchiatori di giaguari, fù-fù, rottamatori, rottamatori dei rottamatori, porcellum, mattarellum, sostenuta crescita ( .:mrgreen:. ) del PIL dello 0,.... etc. non ne escono più :drunken:
A mio modesto parere, è peggio arrendersi piuttosto che illudersi: se mi illudo di poter raggiungere un determinato obiettivo e mi impegno in tal senso è probabile che fallisca ma è anche possibile che riesca nel mio intento; se, invece, mi si insegna che qualsiasi cosa faccia mai riuscirò a raggiungere l'obiettivo desiderato, va da sè che ho già perso in partenza.
In ogni caso, nell'era dell'informazione, dell'accessibilità, e chi più ne ha più ne metta, l'ignoranza è una scelta...
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9890
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da tartan » 16 febbraio 2017, 19:22

Può anche darsi che l'ignoranza sia una scelta, ma non credo che sia una scelta libera e liquidare questa scelta in modo così brutale non è di aiuto. Per me per poter scegliere bisogna essere in grado di poter distinguere, come minimo.
PS Vi ringrazio per i complimenti che mi fanno piacere e mi incoraggiano, come negarlo, però non vi racconto le mie esperienze per avere complimenti, ma per condividere con persone competenti le mie sensazioni, convinto che possono essere capite e soprattutto per avere anche suggerimenti su come procedere e, non ultimo, per avvisare qualcuno che potrebbe perfino essere coinvolto e che si prepari, intanto! :mrgreen: .
Ultima modifica di tartan il 16 febbraio 2017, 19:30, modificato 1 volta in totale.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12369
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da AirGek » 16 febbraio 2017, 19:28

Io ho fatto 5 anni nella pubblica istruzione, scuola media superiore (da lavoratore eh oltre ai 5 da studente)... non per voler fare di tutta l'erba un fascio e senza non volermi assumere alcuna colpa ma la maggior parte dei docenti (non tutti) sono persone a cui non piace il proprio lavoro, molti dei quali lo fanno come secondo lavoro (mentre in realtà e sulla carta dovrebbe essere il contrario), non han soddisfazione nel farlo e potrebbero essere tranquillamente sostituiti da nastri registrati...

I risultati poi si vedono infatti quando si parla di dispersione scolastica e disoccupazione giovanile.
Tempi duri creano uomini forti,
Uomini forti creano tempi tranquilli,
Tempi tranquilli fanno gli uomini deboli,
Uomini deboli creano tempi duri

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9890
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da tartan » 16 febbraio 2017, 19:36

AirGek ha scritto:Io ho fatto 5 anni nella pubblica istruzione, scuola media superiore (da lavoratore eh oltre ai 5 da studente)... non per voler fare di tutta l'erba un fascio e senza non volermi assumere alcuna colpa ma la maggior parte dei docenti (non tutti) sono persone a cui non piace il proprio lavoro, molti dei quali lo fanno come secondo lavoro (mentre in realtà e sulla carta dovrebbe essere il contrario), non han soddisfazione nel farlo e potrebbero essere tranquillamente sostituiti da nastri registrati...

I risultati poi si vedono infatti quando si parla di dispersione scolastica e disoccupazione giovanile.
Purtroppo devo ancora concordare con un pilota Ryanair :mrgreen: , però io non metterei "la maggior parte" da quella parte ma dalla parte contraria, perchè occorre considerare che chi vuole fare, difficilmente è messo in condizioni di fare realmente.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12369
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da AirGek » 16 febbraio 2017, 19:44

Certo perché chi vuol fare se riesce a fare mette in cattiva luce chi non fa e non vuol fare... spesso sono gli stessi colleghi che ostacolano... è più facile trascinare tutto verso il basso che verso l'alto...
Tempi duri creano uomini forti,
Uomini forti creano tempi tranquilli,
Tempi tranquilli fanno gli uomini deboli,
Uomini deboli creano tempi duri

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 531
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da willy73 » 16 febbraio 2017, 20:33

AirGek ha scritto:Certo perché chi vuol fare se riesce a fare mette in cattiva luce chi non fa e non vuol fare... spesso sono gli stessi colleghi che ostacolano... è più facile trascinare tutto verso il basso che verso l'alto...
Questo purtroppo vale dappertutto al punto che chi si sbatte o anzi semplicemente fa quello per cui è pagato si sente accusare di voler mettere i colleghi (quelli che passano il tempo alla macchina del caffè) in cattiva luce!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 21:11

willy73 ha scritto:
AirGek ha scritto:Certo perché chi vuol fare se riesce a fare mette in cattiva luce chi non fa e non vuol fare... spesso sono gli stessi colleghi che ostacolano... è più facile trascinare tutto verso il basso che verso l'alto...
Questo purtroppo vale dappertutto al punto che chi si sbatte o anzi semplicemente fa quello per cui è pagato si sente accusare di voler mettere i colleghi (quelli che passano il tempo alla macchina del caffè) in cattiva luce!
Basta fregarsene... :mrgreen:
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 531
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da willy73 » 16 febbraio 2017, 21:16

flyingbrandon ha scritto:
willy73 ha scritto:
AirGek ha scritto:Certo perché chi vuol fare se riesce a fare mette in cattiva luce chi non fa e non vuol fare... spesso sono gli stessi colleghi che ostacolano... è più facile trascinare tutto verso il basso che verso l'alto...
Questo purtroppo vale dappertutto al punto che chi si sbatte o anzi semplicemente fa quello per cui è pagato si sente accusare di voler mettere i colleghi (quelli che passano il tempo alla macchina del caffè) in cattiva luce!
Basta fregarsene... :mrgreen:
A volte non è così facile, ti isolano e poi parlano male di te e quando tanti dicono la stessa cosa diventa una verità. Non è successo a me, una delle poche cose positive di essere un lavoratore autonomo, ma l'ho visto troppe volte...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 16 febbraio 2017, 22:20

willy73 ha scritto: A volte non è così facile, ti isolano e poi parlano male di te e quando tanti dicono la stessa cosa diventa una verità. Non è successo a me, una delle poche cose positive di essere un lavoratore autonomo, ma l'ho visto troppe volte...
Bah...ma sei hai paura di essere isolato e cerchi di adeguarti non hai speranze...né per te né per gli altri. Io di solito sono andato avanti come un carro armato e, tutto sommato, posso dire che non sono mai stato isolato da nessun "gruppo"...anzi. Dalla mia non ho mai leccato il c**o per andare avanti...non mi sono mai messo in una condizione da dover apparire...ho fatto il mio e basta. Non sono neanche mai stato sulle mie...ma se ritengo un gruppo "di imbecilli" non mi interessa neanche entrare a far parte del gruppo. Se non lo sono ,di solito, mi sono guadagnato la fiducia lo stesso pur continuando a fare il mio. La facilità o la difficoltà sono concetti relativi. Ho visto , in situazioni analoghe alla mia, persone prendersela, offendersi o intimorirsi ... Permettendo in questo modo di "subire" quell'isolamento che ti pone nella condizione "a volte non è così facile". Però , onestamente, io sono un sostenitore del fatto che per fare strada, o stare bene sulla propria, è più utile una buona capacità di relazionarsi rispetto al mero aspetto "tecnico". E non considero la capacità di relazionarsi come il "piacere" agli altri...ma di saper cogliere l'opportunità di legare pur mantenendo e manifestando il proprio modo di essere. Il fine di conoscere una persona non è, per me, piacere a quella persona ma capire quella persona. Questo ti permette anche di non prendere troppo sul personale ciò che ti manifesta inizialmente...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
aetio57
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1202
Iscritto il: 11 settembre 2007, 19:21
Località: nel mulino a vento di "MORE"
Contatta:

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da aetio57 » 17 febbraio 2017, 0:07

flyingbrandon ha scritto:...
Già afferrmare sempre che siamo circondati da una massa di caproni non mi pare il punto di vista che ti piacerebbe gli altri avessero... :mrgreen:
...
potrei farti migliaia di esempi, ma credo che già QUESTO possa bastare... :mrgreen:
:bounce:............ :drunken:

Il fatto di essere il solo veicolo a procedere sulla corsia di destra COMPLETAMENTE LIBERA (a vista d'occhio nessun veicolo davanti, nessun veicolo dietro...per chilometri) superando- bada bene NON sorpassando, ma superando- centinaia e centinaia di auto frenanti in coda... beh, qualche serio dubbio verrebbe pure a te.
Per non dimenticare:

I-REMS - "Falco" [22.08.2009]

Mattia TORRUSIO [14.05.2008]

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7281
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da Lampo 13 » 17 febbraio 2017, 0:36

Il racconto della vittima:
"Lui e l'allievo, in aereo con i controlli fatti e prossimi alla messa in moto per spostarsi da li' a qualche attimo dal parcheggio. Di fronte un hangar con dentro un P64 di un privato che da anni era li perché in disaccordo con il gestore dell'aviosuperficie, con la diffida ad usarlo sebbene dato in gestione al campo. Ma qualcuno, il gestore del campo, era a bordo in quel momento con un'altra persona ed hanno messo in moto il motore che è salito subito di giri facendo muovere il velivolo che uscendo avrebbe anche urtato contro un qualcuno che avrebbe leggermente deviato la traiettoria indirizzandolo contro il velivolo di Carlo (il P64 non ha i freni ai pedali bensì con una leva in piantana da sbloccare e tirare).
L'elica ha falciato la parte Dx del velivolo, dove era seduto Carlo, tranciando anche i tubi della benzina che fortunatamente non ha preso fuoco... (io - un nostro collega - ho un amico che ha parlato con il medico del 118 intervenuto,che raccontava che Carlo già non aveva più la gamba ma gli diceva che aveva dolore al piede e lui non se l'è sentita di dirgli che gli mancavano una decina di centimetri di gamba maciullati dall'elica che gli ha portato via anche circa 1 mm della nocca del medio della mano DX che ora dovranno ricostruirgli per dargli l'uso parziale del dito..)
Quindi Carlo ha detto che nel gran trambusto non sentiva il dolore alla gamba Dx ma si è reso conto della gravità dell'emorragia in atto e con freddezza ha chiesto alle persone intervenute di fargli un laccio emostatico con il filo della cuffia di volo...e così si è salvato la vita evitando il dissanguamento per la rottura dell'arteria femorale.
Questo in buona approssimazione il resoconto dell'evento che, al di là della tragedia, si sta rivelando tragico perché il P64 non era assicurato e con il Certificato di Navigabilità scaduto ed il personaggio che ha messo in moto, già conosciuto come farlocco, sembra non avere né arte, né parte, né soldi.
Ovviamente è già tutto in mano ad un avvocato...
Per ora, come ci ha detto la moglie di Carlo, lui ha la mente che galoppa pensando ad una miriade di cose, non è per niente abbattuto e se va avanti cosi vuol dire che ha esorcizzato la cosa e sta reagendo alla nuova condizione di vita, bisognerà vedere se ci saranno momenti di sconforto più in là".

Avatar utente
musicaldoc
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 918
Iscritto il: 20 settembre 2010, 19:31

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da musicaldoc » 17 febbraio 2017, 1:01

willy73 ha scritto:
aetio57 ha scritto:EDIT:
aggiungo al volo un "caso emblematico" che da solo la dice lunga
di sicuro vi sarà capitato di vedere in autostrada le corsie di sinistra intasate di auto frenanti (a volte al limite dell'inchiodata) mentre la corsia di destra è COMPLETAMENTE LIBERA PER CHILOMETRI... mmmm mi sà che mi tocca correggere al ribasso il 4 meno-meno. (che pena!!).
Certo, perché la maggior parte dei guidatori sono ignoranti (nel senso che ignorano) che non conoscono neppure le più elementari regole della guida. Ad esempio non rispettano le distanze, non usano indicatori di direzione,non sanno a chi spetta la precedenza se non ci sono segnali (una volta uno che usciva sparato da un cancello privato dopo che ho inchiodato e chiesto spiegazioni mi ha detto "ma io venivo da destra!"...)
Ieri ho visto un litigio per strada perché molte auto avevano impegnato un incrocio nonostante le auto al di là di esso fossero ferme, impedendo così che potessero passare (una volta venuto verde per loro) le altre auto che attraversavano l'incrocio perpendicolarmente . Ovvio che sentir urlare "ma io sono passato con il verde" ti fa capire l'ignoranza di chi guida. Anche se hai verde non impegni un incrocio se il traffico al di là di esso è già da un po' fermo se no paralizzi l'incrocio. A mio avviso non è arroganza è proprio IGNORANZA. Il problema è che la patente va data a tutti, quindi anche a chi non sa guidare, perché c'è una sorta di "diritto costituzionale" ad avere la patente e ciò è profondamente sbagliato (i numerosi incidenti lo dimostrano). Credo, ma lui potrà correggermi se sbaglio, che la paura di Sigmet sia proprio questa, ossia che tutti, anche incompetenti ed irresponsabili stiano guadagnando il diritto a mettersi in mano una cloche od un volantino, proprio come oggi succede con il volante. effettivamente c'è da avere molta paura...
Non è ignoranza, è pura mancanza di cultura e di rispetto del prossimo causata da lassismo e permissivismo di presunti genitori.
L'ampiezza di tale problema sociale aumenta inevitabilmente di generazione in generazione.... innumerevoli diritti pretesi a fronte di pochi doveri riconosciuti :cry:
Questa è la mia opinione.

Avatar utente
musicaldoc
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 918
Iscritto il: 20 settembre 2010, 19:31

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da musicaldoc » 17 febbraio 2017, 1:13

Per quel che riguarda la corsia sinistra.... ma volete che uno si abbassi a viaggiare in quella centrale o di destra???

Ma sarebbe troppo uno smacco per l'italico ganzo del volante che ha il radar nel cervello e nel plesso emorroidario e viaggia a 200 attaccato al c**o di quello davanti con visibilità 50 metri!

Mi auguro almeno che al povero vostro collega l'amputazione sia avvenuta alla gamba anatomicamente parlando, cioè sotto al ginocchio.

Che moto di ira generano in me questi fatti!

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 540
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da Misha » 17 febbraio 2017, 7:15

tartan ha scritto:Può anche darsi che l'ignoranza sia una scelta, ma non credo che sia una scelta libera e liquidare questa scelta in modo così brutale non è di aiuto.
Mi riferivo alla gaffe del CERN! :-)
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11758
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Scontro fra due velivoli nell' aretino!

Messaggio da flyingbrandon » 17 febbraio 2017, 8:13

aetio57 ha scritto: potrei farti migliaia di esempi, ma credo che già QUESTO possa bastare... :mrgreen:
:bounce:............ :drunken:

Il fatto di essere il solo veicolo a procedere sulla corsia di destra COMPLETAMENTE LIBERA (a vista d'occhio nessun veicolo davanti, nessun veicolo dietro...per chilometri) superando- bada bene NON sorpassando, ma superando- centinaia e centinaia di auto frenanti in coda... beh, qualche serio dubbio verrebbe pure a te.
Aetio...faccio circa 40.000km l'anno...anche io ho esempi di dove il cervello viene lasciato in naftalina ma ciò non significa necessariamente che siano tutti caproni che non capiscono un c***o. In fila , tra quelle macchine, ci sono persone in gambissima, molto più di me che sto a destra. Ci sono innumerevoli motivi per cui si formano determinate situazioni...non sono da ricondurre al fatto che siano tutti caproni. La maggior parte delle persone, quando guidano, fanno tutto tranne che essere presenti alla guida...come dice musicaldoc c'è un menefreghismo generale, e poiché non hanno voglia di mettere la freccia e spostarsi in caso di sorpasso, stanno lì a formare code. In Italia, poi, abbiamo l'auto che simboleggia l'uccello...e stare tutto a destra pare una dichiarazione di impotenza. Poi ci sono quelli che da 50 anni stanno al centro perché una volta le corsie erano due e continuano a stare lì anche se ce ne sono otto. Nessuno di questi aspetti è ovviamente positivo. Ma non significa , ribadisco, di essere un popolo di deficienti...perché poi li metti lì, dove fanno ricadere la loro attenzione e sono presenti per vedere persone capaci. Se fossero una massa di caproni non avresti modo di agire, con una massa capace ad intermittenza...il discorso cambia.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Rispondi