Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4688
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Valerio Ricciardi » 6 luglio 2017, 15:02

Questi video spuntano periodicamente, e coinvolgono quasi ogni aeroporto.
E' una cosa esagerata, dai.

A parte il fatto che prima o poi qualche passeggero energumeno che in un aeroporto minore - sceso dalla scaletta e procedendo a piedi verso l'aerostazione - veda la propria valigia trattata a quel modo e si periti di prendere sonoramente a pugni l'operatore prima o poi statisticamente ci sarà, ma... che tipo di selezione viene effettuata su quella categoria di personale?

Siccome è un lavoro di fatica e poco qualificato li vanno a prendere nelle comunità di recupero per hooligans?
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

alb1982
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 262
Iscritto il: 11 febbraio 2014, 14:17

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da alb1982 » 6 luglio 2017, 16:13

io capisco che quello non è proprio il lavoro più stimolante ed esaltante del mondo, ma un minimo di serietà e sobrietà che diamine!! Soprattutto in un momento storico in cui non tutti hanno la "fortuna" di poter lavorare, un atteggiamento del genere è anche una mancanza di rispetto per chi è disoccupato (oltre che per il proprietario della valigia).
Niente, a questi li devi prendere solo a calci in c**o!

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6685
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Lampo 13 » 6 luglio 2017, 16:50

A me risulta, ma potrei sbagliare, che a Fco in un periodo c'erano ex carcerati.
Questo potrebbe non significare nulla se non che gli appalti sono fatti al massimo ribasso.

Avatar utente
Maxx
FL 500
FL 500
Messaggi: 9566
Iscritto il: 24 ottobre 2006, 10:12
Località: Arese

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Maxx » 6 luglio 2017, 17:16

E' pura sciatteria italica, indipendentemente dalla provenienza dei soggetti. Certamente, una volta identificati, vanno sollevati dall'incarico.

Avatar utente
mtt199
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 278
Iscritto il: 31 marzo 2015, 8:25
Località: Near to VCE :)

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da mtt199 » 6 luglio 2017, 17:40

Maxx ha scritto:E' pura sciatteria italica, indipendentemente dalla provenienza dei soggetti. Certamente, una volta identificati, vanno sollevati dall'incarico.
A dire il vero pure a Gatwick ho visto professionisti del lancio della valigia con tanto di faccia da c**o sopra...
Immagine

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da tartan » 6 luglio 2017, 20:37

Sono quasi tutti laureati che non trovano lavoro e sfogano così la loro frustrazione. Cerchiamo di capirli!

Seriamente, perchè non ci chiediamo che provenienza hanno quelli che dovrebbero controllare chi carica e soprattutto come carica e come si rispettano le indicazioni date dal piano di carico riguardo al bilanciamento. Forse questa è la domanda giusta! Spesso ci si ferma sulla superficie pronti a dare colpe a chi neanche immagina di averle.
Che non sia questa la vera superficialità italica?
Se alla luce del giorno passano certi comportamenti, come possiamo essere certi che nei meandri delle scartoffie delle manutenzioni non possa succedere qualcosa di analogo? Tanto quello che fa testo è il pezzo di carta firmato e chi è che non ha i pezzi di carta giusti?
Il mio è solo un semplice dubbio, non una affermazione, ci mancherebbe, non è nel mio DNA! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
dream
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 710
Iscritto il: 7 gennaio 2007, 0:51

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da dream » 6 luglio 2017, 21:42

Valerio Ricciardi ha scritto: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?
potrei sbagliarmi ma questi sembrano italianissimi :shock: :shock:

phpBB [video]




http://www.corriereromano.it/cronaca-ro ... porto.html

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da tartan » 6 luglio 2017, 21:56

Visto che nel primo post, e neanche nei successivi, c'erano liks, può darsi che io abbia inteso male il problema. Naturalmente non mi riferivo ai ladri.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
dream
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 710
Iscritto il: 7 gennaio 2007, 0:51

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da dream » 6 luglio 2017, 22:35

tartan ha scritto:Visto che nel primo post, e neanche nei successivi, c'erano liks, può darsi che io abbia inteso male il problema. Naturalmente non mi riferivo ai ladri.
beh, questi sono ladri, vandali e comunque poco professionali ;)
Ho appositamente quotato il titolo, visto che il problema sembrava la provenienza e non il gesto :oops:

ciao

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4688
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Valerio Ricciardi » 6 luglio 2017, 22:53

Valerio Ricciardi ha scritto:Questi video spuntano periodicamente, e coinvolgono quasi ogni aeroporto.
Il link non so perché l'avevo copiato, ma non ... incollato.

sopratutto questo (ingrandite a schermo intero, prego) :shock: elamado....

http://www.gazzettadiparma.it/video/gal ... ibiza.html

ma anche questo non è male nel suo piccolo

http://www.bergamonews.it/2014/07/17/il ... eo/192861/
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
Lampo 13
Warned user
Warned user
Messaggi: 6685
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Lampo 13 » 7 luglio 2017, 0:08

tartan ha scritto:Sono quasi tutti laureati che non trovano lavoro e sfogano così la loro frustrazione. Cerchiamo di capirli!

Seriamente, perchè non ci chiediamo che provenienza hanno quelli che dovrebbero controllare chi carica e soprattutto come carica e come si rispettano le indicazioni date dal piano di carico riguardo al bilanciamento. Forse questa è la domanda giusta! Spesso ci si ferma sulla superficie pronti a dare colpe a chi neanche immagina di averle.
Che non sia questa la vera superficialità italica?
Se alla luce del giorno passano certi comportamenti, come possiamo essere certi che nei meandri delle scartoffie delle manutenzioni non possa succedere qualcosa di analogo? Tanto quello che fa testo è il pezzo di carta firmato e chi è che non ha i pezzi di carta giusti?
Il mio è solo un semplice dubbio, non una affermazione, ci mancherebbe, non è nel mio DNA! :mrgreen:
Qualche volta, quando avevo tempo, facevo il giro e mi fermavo a chiedere alla Rampa e poi al capo squadra il numero dei bagagli e come erano divisi nelle stive del MD80...
Ne ho sentite di tutti i colori...

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da tartan » 7 luglio 2017, 12:24

Lampo 13 ha scritto:
tartan ha scritto:Sono quasi tutti laureati che non trovano lavoro e sfogano così la loro frustrazione. Cerchiamo di capirli!

Seriamente, perchè non ci chiediamo che provenienza hanno quelli che dovrebbero controllare chi carica e soprattutto come carica e come si rispettano le indicazioni date dal piano di carico riguardo al bilanciamento. Forse questa è la domanda giusta! Spesso ci si ferma sulla superficie pronti a dare colpe a chi neanche immagina di averle.
Che non sia questa la vera superficialità italica?
Se alla luce del giorno passano certi comportamenti, come possiamo essere certi che nei meandri delle scartoffie delle manutenzioni non possa succedere qualcosa di analogo? Tanto quello che fa testo è il pezzo di carta firmato e chi è che non ha i pezzi di carta giusti?
Il mio è solo un semplice dubbio, non una affermazione, ci mancherebbe, non è nel mio DNA! :mrgreen:
Qualche volta, quando avevo tempo, facevo il giro e mi fermavo a chiedere alla Rampa e poi al capo squadra il numero dei bagagli e come erano divisi nelle stive del MD80...
Ne ho sentite di tutti i colori...
Già, anche io, però quello che stupisce il volgo è il gesto e non la causa. Dicono che è colpa del fatto che siamo italiani, dimenticando che siamo TUTTI italiani.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da tartan » 7 luglio 2017, 12:31

Ho linkato i links e ho scoperto che il primo si riferisce a IBIZA che mi sembra non sia in Italia (però di sicuro gli scaricatori/caricatori sono italiani, almeno è quello che ci si è affrettai a riconoscere) e il secondo si riferisce a Bergamo dal quale si intravvede che una certa compagnia se ne frega di dove e come vengono imbarcati i bagagli, però la colpa è sempre di noi italiani tutti, e a questo punto mi sento in obbligo di condividere il giudizio finale, la colpa è di noi italiani TUTTI, me compreso.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1808
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da fabrizio66 » 7 luglio 2017, 22:13

Ragazzi quando si parla di qualcosa di negativo noi italiani siamo sempre pronti a giudicare male l'operato dei nostri connazionali.
Siamo sempre pronti a vedere il giardino verde del nostro vicino pensando che sia migliore del nostro, io credo che invece tutta sta bellezza attesa sia esagerata....

non dico che siamo i migliori, ne che siamo perfetti, ma anche all'estero non scherzano, questo mio ragionamento vale per qualsiasi cosa ma nello specifico allego un po di link presi su youtube dove vengono evidenziati comportamenti non proprio esemplari di operatori di aeroporti esteri....






Avatar utente
Leemah
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 315
Iscritto il: 5 marzo 2008, 17:26
Località: Brescia

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Leemah » 8 luglio 2017, 10:41

A mio modo di vedere bisogna fare una netta distinzione tra chi lancia i bagagli per terra e chi invece li apre per rubarne il contenuto, non sono da mettere sullo stesso piano... non che gli uni siano giustificabili e gli altri no, però sono due cose totalmente diverse, accomunate solo dal fatto che la provenienza ha importanza pari a zero.
Chi ruba è un ladro, quindi un delinquente, e per loro non ci sono giustificazioni.
Chi lancia i bagagli anzichè spostarli con calma e attenzione, ha certo la sua parte di colpa, ma è anche "vittima" di un sistema che viaggia con tempi che non sono umani, cioè non sono in linea con il lavoro manuale. Ci sono transiti di 35 minuti durante i quali bisogna prima scaricare e poi ricaricare i bagagli per il volo successivo, dai video che sono stati postati spesso l'addetto è da solo, sicuramente con la paura che se il volo dovesse ritardare per "colpa" sua, magari si becca una lettera di richiamo o il licenziamento (magari è anche un lavoratore precario...).
Ripeto, non voglio assolutamente discolpare chi lavora in quel modo, anche a me certe scene fanno venire il nervoso, ma se si pensa di risolvere il problema incriminando solo chi carica e scarica o pensando che la cosa abbia a che fare con la provenienza, ci si concentra solo su una parte della questione, quella più evidente e facile da leggere, ma non si risolve nulla (a patto che sia risolvibile...).

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da tartan » 8 luglio 2017, 13:23

Rispondo senza quotare. Si, la questione è risolvibile, anzi risolvibilissima. Basta professionalizzare tutti, dall'utlimo al primo e magari dal primo all'ultimo, pagando tutti il giusto e bastonando chi sbaglia volutamente, dal primo all'ultimo, partendo sempre dal primo. Vediamo chi indovina chi sono i primi da bastonare!
Faccio un esempio stupido. A FCO, recentemente, è stato detto a molti degli addetti ai bagagli che sono in lista di partenza. Perchè, direte voi! Perchè AZ è in difficoltà a causa di quei cazzoni che non hanno saputo fare il loro mestiere, perché di mestiere si tratta, ma che non saranno per niente bastonati, anzi, salveranno il c**o (ammesso che sia da salvare) nonostante i danni che hanno fatto.
Ora, dopo questo tipo di annunci ufficiali, come c***o potete pensare che ci sia qualcuno che fa il lavoro come deve essere fatto? A prescindere dal giusto e dall'ingiusto, chi è quel cazzone che ha diffuso la notizia delle partenze future?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
worf359
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1060
Iscritto il: 17 settembre 2007, 20:17
Località: Roma

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da worf359 » 12 luglio 2017, 0:32

Lampo 13 ha scritto:A me risulta, ma potrei sbagliare, che a Fco in un periodo c'erano ex carcerati.
Questo potrebbe non significare nulla se non che gli appalti sono fatti al massimo ribasso.
non sbagli proprio tra il 70 e l'80 chi usciva di galera veniva mandato a fco per riabilitarsi,proprio facendo il carico e scarico capirai era come mandare una volpe a fare da guardia nel pollaio,comunque quel tipo di soggetti si e estinto da almeno 27 anni,girano storie in atp che manco ve lo immaginate ma erano altri tempi quando potevi quasi accompagnare il parente sulla porta dell'aereo.
Seriamente di questi video ne girano a iosa e non solo nei nostri aeroporti signori il trasporto aereo non e solo aerei piloti e tecnici l'atp e sopratutto questo il lavoro manuale di oua,non è molto divertente lavori su turni alzi bagagli per 8 ore al giorno tutti i giorni,feste incluse e we con qualsiasi tempo e spesso,sei precario e part-time,questo se sei al movimento carico se sei ai bagagli li è un ciclo continuo stai alla baia tutto il tempo a smistare bagagli tutto il tempo,oltretutto se sei precario sei sottoposto ricatti e initmidazioni al limite del mobing(della serie se non sei flessibile con gli orari col cavolo che ti richiamo al prossimo contratto),aggiungici pure che per l'italiota sei un privilegiato che guadagna fottio di soldi,non fai niente e rubi pure nelle valigie,voi dopo 5/6/7 anni di sta vita precaria poi se hai la sfortuna di lavorare con un handler che lavora solo con le low cost con giri macchina di 35,40 minuti(se ti va di lusso) ecco spiegati i filmati,e bada bene non parlo per sentito dire ma parlo per esperienza diretta,il mio primo incarico in aereoporto era proprio quello di oua quindi so benissimo cosa vuol dire farlo,certo prima era la qualità della professione era diversa,il corso in adr durava 4 settimane(due in aula e due in pista affiancati),ci insegnavano a distinguere le varie etichette dei bags,a fare legature con le corde e le cinte e sopratutto a usare i mezzi,e sopratutto c'era rispetto nei confronti del ros e della rampa,oggi le cose sono peggiorate pur di mantenere bassi i costi si risparmia su tutto a cominciare dall'addestramento,senza contare tutto quello che ne comporta(incidenti,a volte pure mortali),la motivazione e pari a zero,certo prima il lavoro e piu faticoso ma a fine mese almeno avevi un signor stipendio che compensava i disagi del lavoro,stringevi i denti ma sapevi che alla fine entravi fisso,ora no oltre che resti precario ti pagano un vera miseria(sapete quanto prende un oua con un contratto part-time di 5 ore? se gli va bene arriva a 800 euro ma allungando di straordinari e facendo qualche mancato riposo) questa e la realtà della pista come detto prima l'atp non e solo pilotaggio o tecnici e anche il sudore(sopratutto questi giorni) di ragazzi che sgobbano per far partire i signori pacs che invece di dire grazie manco gli stà bene e ti insultano pure,riguardo il discorso di chi ruba oggi entrare in aereoporto se hai precedenti è impossibile per il semplice fatto,che lavorando in un posto sensibile devi essere pulito altrimenti il tesserino neanche te lo rilasciano,giusto per la cronaca è sufficiente anche un semplice denuncia fuori(tipo guidare da ubriaco o se ti beccano a farti una sigaretta tipo nazionale pachistana,che scatta immediatamente la sospensione del tesserino extradoganale a tempo indeterminato,senza contare la riserva di rilasciartelo di nuovo da parte dell'enac,poi si sa le mele marce sono ovunque,ma se ti vogliono beccare ti beccano fidatevi,a fco gira un detto che recita cosi"qui in aereoporto la privacy non esiste ci sono telecamere ovunque pure nei cessi"

anonymous12345

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da anonymous12345 » 12 luglio 2017, 9:25

Completamente d'accordo con Wolf359 ..

Avatar utente
worf359
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1060
Iscritto il: 17 settembre 2007, 20:17
Località: Roma

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da worf359 » 12 luglio 2017, 13:05

Valerio Ricciardi ha scritto:Questi video spuntano periodicamente, e coinvolgono quasi ogni aeroporto.
E' una cosa esagerata, dai.

A parte il fatto che prima o poi qualche passeggero energumeno che in un aeroporto minore - sceso dalla scaletta e procedendo a piedi verso l'aerostazione - veda la propria valigia trattata a quel modo e si periti di prendere sonoramente a pugni l'operatore prima o poi statisticamente ci sarà, ma... che tipo di selezione viene effettuata su quella categoria di personale?

Siccome è un lavoro di fatica e poco qualificato li vanno a prendere nelle comunità di recupero per hooligans?
No non sono tutti ignoranti certificati(oddio certi soggetti ci sono),ma fidati che molti sono ragazzi onesti e tranquilli quasi tutti diplomati(e anche qualche laureato,ma resta opr per scelta sua),certo il tasso culturale non e il massimo,riguardo il fatto di venire alle mani con i passeggeri è gia successo,durante uno sciopero a venezia il classico fighetto" son tutto io" ha provato a discutere con alcuni degli scioperanti sai come dice swarzy in un film?"pessima idea" oltre che le ha prese si è pure beccato una denuncia per aggressione.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9559
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da tartan » 18 luglio 2017, 22:52

Quello che denuncia worf è solo una piccola parte della realtà reale. E non vale solo per FCO!
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4688
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Valerio Ricciardi » 29 luglio 2017, 14:16

Ok, questa è la n-esima ed è di or ora...

http://notizie.tiscali.it/cronaca/artic ... e-bagagli/

Sarà la cinquantesima volta che leggo cose del genere a FCO?
Trentesima no di certo, è troppo poco.
E' che non le ho contate.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Avatar utente
worf359
10000 ft
10000 ft
Messaggi: 1060
Iscritto il: 17 settembre 2007, 20:17
Località: Roma

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da worf359 » 29 luglio 2017, 15:52

Valerio Ricciardi ha scritto:Ok, questa è la n-esima ed è di or ora...

http://notizie.tiscali.it/cronaca/artic ... e-bagagli/

Sarà la cinquantesima volta che leggo cose del genere a FCO?
Trentesima no di certo, è troppo poco.
E' che non le ho contate.
ok però cerca di non fare tutta di un'erba un fascio non sono az

Avatar utente
Valerio Ricciardi
FL 450
FL 450
Messaggi: 4688
Iscritto il: 22 agosto 2008, 8:33

Re: Seriamente, che provenienza hanno gli addetti ai bagagli?

Messaggio da Valerio Ricciardi » 31 luglio 2017, 11:24

Mai si fa d'ogni erba un fascio, ma se il sistema periodicamente non riesce a filtrare efficacemente problemi di questo tipo prima della mela è marcio il sistema ed i suoi anticorpi non sono efficaci. AZ o non AZ c'entra poco.
Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.
Giovanni Falcone

Rispondi