addestramento piloti su nuove rotte?

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
alb1982
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 262
Iscritto il: 11 febbraio 2014, 14:17

addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da alb1982 » 31 ottobre 2017, 10:51

Una curiosità: quando viene aperta da una compagnia aerea una nuova rotta, i piloti devono effettuare un minimo di addestramento relativamente al decollo/atterraggio presso il nuovo aeroporto, oppure chessò a problematiche particolari che si possono incontrare in fase di crociera? Ad esempio, alitalia apre Santiago del Cile servita dal 777; i suoi piloti abilitati al 777 devono fare un piccolo addestramento (al simulatore ? ) o possono tranquillamente trasportare passeggeri già al loro primo viaggio?

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12049
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da AirGek » 31 ottobre 2017, 12:03

Se l’aeroporto ha delle particolarità da richiederlo sì altrimenti no. Non so le altre compagnie ma da noi ci sono i cosiddetti “airfield brief” dove vengono elencate le caratteristiche drll’aeroporto sia fisiche che ATC. Dai una letta a quello e poi all’avventura. :drunken:
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Avatar utente
Yavapai
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 238
Iscritto il: 19 novembre 2008, 21:58

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da Yavapai » 31 ottobre 2017, 12:04

Ciao, in alcuni aeroporti è come dici:
ad esempio FAA (USA) prevede i cosiddetti Special Pilot-In-Command Qualification Airports dove l'equipaggio deve aver effettuato almeno un t/o e Landing negli ultimi 12 mesi, o in certi casi e solo per certi aeroporti, ha almeno ricevuto particolare addestramento in aula con documentazione visiva (foto, video ecc).
In qualche altro caso se la visibilità è sopra certe minime ci si può atterrare anche senza questi prerequisiti.
Questi aeroporti hanno particolari orografie, oppure sono in montagna, hanno avvicinamenti o partenze ostici ecc.

Santiago del Cile (SCEL) comunque non è incluso nella lista FAA:

https://www.faa.gov/documentLibrary/med ... 00.304.pdf


alb1982 ha scritto:Una curiosità: quando viene aperta da una compagnia aerea una nuova rotta, i piloti devono effettuare un minimo di addestramento relativamente al decollo/atterraggio presso il nuovo aeroporto, oppure chessò a problematiche particolari che si possono incontrare in fase di crociera? Ad esempio, alitalia apre Santiago del Cile servita dal 777; i suoi piloti abilitati al 777 devono fare un piccolo addestramento (al simulatore ? ) o possono tranquillamente trasportare passeggeri già al loro primo viaggio?
M.C.
FAA Aircraft Dispatcher

alb1982
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 262
Iscritto il: 11 febbraio 2014, 14:17

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da alb1982 » 31 ottobre 2017, 12:22

Quindi mi par di capire che un addestramento "sul posto" non si fa mai e anche nei casi più difficili simulatori, addestramenti in aula, lettura alle documentazioni ecc.. sono sufficienti?
Più che altro, un addestramento reale mi sembra improponibile da un punto di vista economico per la compagnia!
Far fare un giro ad ogni pilota con l'aeromobile vuoto credo sia follia..

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12049
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da AirGek » 31 ottobre 2017, 12:34

Se secondo la compagnia è proprio necessario può rendere l’atterraggio “captain only” e mandare il cpt a fare un avvicinamento e atterraggio da osservatore mentre ai comandi si trova uno già “abilitato”. Se proprio la compagnia vuole...
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11192
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da flyingbrandon » 31 ottobre 2017, 13:16

alb1982 ha scritto:Quindi mi par di capire che un addestramento "sul posto" non si fa mai e anche nei casi più difficili simulatori, addestramenti in aula, lettura alle documentazioni ecc.. sono sufficienti?
Più che altro, un addestramento reale mi sembra improponibile da un punto di vista economico per la compagnia!
Far fare un giro ad ogni pilota con l'aeromobile vuoto credo sia follia..
Ci sono aeroporti che richiedono degli avvicinamenti e atterraggi reali...ma se è un aeroporto qualsiasi non devi fare niente. Non è fatto di essere sufficiente...non vedo il problema ad andare in un aeroporto nuovo. Ti guardi le cartine, se ci sono particolarità...l’orografia circostante e che tipo di procedure ci sono...per il resto atterri come alo fai altrove.
Ciao!

P.S: per farlo reale non deve essere vuoto l’aereo...vengono fatti con un controllore abilitato e quello che si deve abilitare.
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6734
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da Lampo 13 » 31 ottobre 2017, 13:43

Nella Reggio Calabria "prima versione" c'era bisogno di un atterraggio per 33 ed un decollo per essere abilitati.

alb1982
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 262
Iscritto il: 11 febbraio 2014, 14:17

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da alb1982 » 31 ottobre 2017, 14:27

flyingbrandon ha scritto: ...
Ci sono aeroporti che richiedono degli avvicinamenti e atterraggi reali...ma se è un aeroporto qualsiasi non devi fare niente. Non è fatto di essere sufficiente...non vedo il problema ad andare in un aeroporto nuovo. Ti guardi le cartine, se ci sono particolarità...l’orografia circostante e che tipo di procedure ci sono...per il resto atterri come alo fai altrove.
Ciao!

P.S: per farlo reale non deve essere vuoto l’aereo...vengono fatti con un controllore abilitato e quello che si deve abilitare.
Chiarissimo, grazie! :wink:

Avatar utente
dream
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 710
Iscritto il: 7 gennaio 2007, 0:51

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da dream » 31 ottobre 2017, 15:20

Lampo 13 ha scritto:Nella Reggio Calabria "prima versione" c'era bisogno di un atterraggio per 33 ed un decollo per essere abilitati.
bisognava anche vedere in aula un video tutorial, e fare un un decollo, un avvicinamento e un atterraggio all'anno per mantenere l'abilitazione, è ancora necessario?

Grazie

ciao

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 6734
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: addestramento piloti su nuove rotte?

Messaggio da Lampo 13 » 31 ottobre 2017, 20:07

dream ha scritto:
Lampo 13 ha scritto:Nella Reggio Calabria "prima versione" c'era bisogno di un atterraggio per 33 ed un decollo per essere abilitati.
bisognava anche vedere in aula un video tutorial, e fare un un decollo, un avvicinamento e un atterraggio all'anno per mantenere l'abilitazione, è ancora necessario?

Grazie

ciao
Ai tempi se volavi su DC9 e poi MD80 ci andavi decine di volte in un anno...

Rispondi