Bambino urla durante tutto il volo

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2299
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da la franci » 19 febbraio 2018, 21:27

tartan ha scritto:I concordo con il modo di affrontare il problema che ha usato la Franci. Da una parte vedo una persona che prima di arrivare ad una conclusione cerca di capire, ed è quello che di norma si fa nell'analisi degli incidenti aerei, dall'altra noto l'atteggiamento sia dei giornalisti che del pubblico navigato, ma non esperto, che reagisce pensando al fastidio che avrebbe avuto lui nelle stesse condizioni.
GRAZIE Tartan :D .... ovviamente passare 8 ore così non è facile per nessuno.... pensate quella mamma.... dopo 8 ore non metterà a riposo le orecchie... ne avrà altre 8... e poi ancora 8... e così via....
danko156 ha scritto:in casi di autismo, come ci si comporta a bordo di un aereo? Va segnalato alla compagnia quando si acquista un biglietto?
Il tema è molto serio e forse sto andando off topic, un tema del genere meriterebbe un topic dedicato.
è la stessa domanda che ho fatto io... sopra qualcuno mi ha detto che chi non sta bene necessita di assistenza medica per tutto il volo... ok, dove il limite???? quando devo chiedere assistenza? immagino che debba rispondere ad alcune domande tipo "il pz è a rischio di vita?" "c'è possibilità chenecessiti di cure urgenti?" "necessiterà di essere stabilizzato?" "può avere bisogno di assumere farmaci?" "necessità di aiuto per gli spostamenti?" "non può stare seduto autonomamente sul sedile con la cintura allacciata?" "è cieco o ipovedente ?" .... e se le risposte fossero tutte "NO" che faccio?
la possibilità che un bambino autistico (o che altro) faccia atterrare un aereo per "disturbo alla quiete in cabina" è la stessa di un soggetto adulto che si ubriaca o di un attacco di panico..... ma con qualche scusante in più......

Avatar utente
JT8D
Administrator
Administrator
Messaggi: 16421
Iscritto il: 2 agosto 2005, 20:38
Località: Limbiate (MB)
Contatta:

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da JT8D » 19 febbraio 2018, 21:38

danko156 ha scritto:L'ipotesi della Franci è molto interessante (nella mia analisi delle immagini non l'avevo presa in considerazione) e mi sorge una domanda: in casi di autismo, come ci si comporta a bordo di un aereo? Va segnalato alla compagnia quando si acquista un biglietto?
Il tema è molto serio e forse sto andando off topic, un tema del genere meriterebbe un topic dedicato.
A livello di compagnie aeree non so, a livello di aeroporti il problema è attualmente molto sentito. ENAC ha promosso il progetto "Autismo - In viaggio attraverso l'Aeroporto", partito come progetto pilota nell'Aeroporto di Bari nel 2015 e ora notevolmente esteso nei maggiori aeroporti italiani. Si propone di aiutare i passeggeri con questa problematica e le loro famiglie, in modo da avere un approccio il meno traumatico possibile durante la loro permanenza nella realtà aeroportuale.

Questo a livello di Aeroporti e loro gestori, non so a livello di compagnie.

Paolo
"La corsa di decollo è una metamorfosi, una quantità di metallo che si trasforma in aeroplano per mezzo dell'aria. Ogni corsa di decollo è la nascita di un aeroplano".


Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2299
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da la franci » 19 febbraio 2018, 21:39

PS... mi è capitato che i genitori chiedessero un certificato per poter volare anche per viaggi intercontinentali... ricevo io le richieste ed inoltro i certificati in pdf.... quindi li leggo... vengono redatti in 2 lingue (italiano e inglese) ma non ho mai visto scritto nulla rispetto al comportamento....

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da fabrizio66 » 19 febbraio 2018, 22:02

Scusate se rimango perplesso. la teoria del bambino autistico vale quanto quella di una cattiva e educazione.
Ho visto bambini "normali" arrampicarsi in posti incredibili, non interagire con nessuno intorno.
Ripeto, il mio dubbio nasce dalla richieste del Wii fii da parte della madre.
Se sai che il tuo bambino ha bisogno di un tablet per star calmo, ti organizzi per far in modo di avere sul device tutto quello che ti serve, senza aver bisogno del Wii fii.
Capisco che otto ore siano tante, ma ne sono tante altrettante 16 con tre figli sulla Roma Buenos Aires. E anche lì non mi muovevo

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2299
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da la franci » 19 febbraio 2018, 22:13

fabrizio66 ha scritto:Scusate se rimango perplesso. la teoria del bambino autistico vale quanto quella di una cattiva e educazione.
potrebbe anche essere... mi baso sulla mia esperienza... forse la mamma non si è preparata correttamente al viaggio (o forse non si aspettava questa reazione)... non lo so! io ho cercato di guardare la scena da un'altra prospettiva... esente da giudizio...
tra l'altro ho riguardato il video... continuo ad avere la stessa opinione... anche se... anche se.... credo l'autore l'abbia montato ad hoc.... le urla sono così continue e chiare... l'immagine cambia, eppure sembra che le urla del bambino siano registrate una volta sola... compreso il momento in cui filma lo sbarco...

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11750
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da flyingbrandon » 19 febbraio 2018, 22:34

la franci ha scritto: ... i "disturbi dello spettro autistico" sono molti e molto diversi tra loro... a volte l'autismo è la prima diagnosi, a volte è in concomitanza di altre diagnosi, a volte è uno tra i sintomi di una sindrome (e, quindi, non è diagnosi) ...
...a volte si associa a ritardo mentale/ritardo dello sviluppo... a volte lo sviluppo cognitivo è nella norma... a volte addirittura lo sviluppo mentale è superiore (autismo ad alto funzionamento) ....
Si anche l’asperger...e altri tipi di disturbi ma concordo con la tua definizione di autismo...ma non vedo come tu possa farla dal video così...

la franci ha scritto: ... detto questo non mi.permetterei di fare diagnosi a questo bambino, ma il modo di urlare, il modo con cui ad un certo punto tocca la cappelliera... la non capacità di entrare in relazione né con la mamma né con gli AAVV.... insomma... ha sicuramente qualcosa... che poi sia autismo puro, sindrome di PincoPallino.. che abbia una PANDAS... un disturbo dell'affettività, della sfera emozionale o di personalità non mi è dato saperlo!!!!
...se ascolto tossire qualcuno non posso fare diagnosi della malattia, ma posso dire con certezza che "ha la tosse!" ... lo stesso vale per questo video!
No l’esempio non calza. Allora qualsiasi disagio espresso in un una determinata maniera, è secondo te, un chiaro “disturbo comportamentale” tale da bla bla. Non sono d’accordo...anche un bambino fortemente viziato ed urlante può serenamente avere le sue ragioni per esserlo...e la manifestazione “simile a”...e quindi la posso rappresentare come sindrome ...ma nella realtà dei fatti non è così. Invece proprio la reazione della madre mi farebbe propendere più a “nessun disturbo mentale tale da”....

la franci ha scritto: ... ripropongo la mia domanda a chi è del mestiere: quali sono i limiti per un viaggio assistito dai medici?
Non capisco la domanda...sei tu che conosci il disturbo e devi premurarti di avere l’assistenza che ti serve per il viaggio. Se “biologicamente” puoi sostenere il volo e non crei problemi alla sicurezza del volo...e non sei neanche un potenziale problema per la sicurezza stessa....paghi e voli. Se tu non sai gestire la cosa è vuoi pagarti qualcuno per il tuo viaggio...lo fai. Non è un problema della compagnia e non ci sono limiti se non sfori in quei “campi” elencati sopra.
...
la franci ha scritto: detto ciò concordo con chi ha notato come sia cambiata l'educazione nel tempo! mi sconvolgono quei genitori "lassisti" che crescono scimmie e non bambini... ma mi sconvge di più il sistema educativo attuale in cui facilmente si trovano scuole (costosissime) che educano l'anarchia... ma questo è un altro discorso
Quindi siamo tutti d’accordo che il “problema” qua...è la mamma... :mrgreen: perché non è colpa neanche del bambino viziato e “str**zo”...se la sua esperienza lo porta ad essere così...
Comunque...non penso sia possibile fare alcuna diagnosi...e il discorso cambia parecchio in base ad una diagnosi. Magari ti becchi un bambino urlante per tutto un volo perché ha una colica...e da rompi palle diventa “poveretto”...però senza saperlo è difficile dire se “palesemente” stesse male...e chiunque viva un disagio sta male...anche quello viziato...
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2299
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da la franci » 20 febbraio 2018, 18:09

flyingbrandon ha scritto: No l’esempio non calza. Allora qualsiasi disagio espresso in un una determinata maniera, è secondo te, un chiaro “disturbo comportamentale” tale da bla bla. Non sono d’accordo...anche un bambino fortemente viziato ed urlante può serenamente avere le sue ragioni per esserlo...e la manifestazione “simile a”...e quindi la posso rappresentare come sindrome ...ma nella realtà dei fatti non è così. Invece proprio la reazione della madre mi farebbe propendere più a “nessun disturbo mentale tale da”....
Giro la situazione chiedendoti come fai a pensare che questo bambino sia soltanto viziato? Quali sono gli elementi che ti portano a pensare ciò? Da un bambino viziato mi aspetto una serie di capricci infiniti anche molto disturbanti finalizzati ad ottenere quello che vuole. Poniamo lo fosse... come mai non ha smesso di urlare quando è stato attivato il wifi? Come mai non ha smesso di urlare quando è stato libero di correre per l'aereo? Inoltre: un bambino viziato è abituato ad ottenere tutto ciò che vuole, solitamente la mamma si prodiga a soddisfare tutte le sue richieste... come mai la mamma non era preparata per un viaggio con caramelle, cioccolatini, tablet carico di tutto etc etc etc??? Un bambino piazzato davanti al tablet tutto il giorno non è viziato ma lobotomizzato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Un bambino viziato i capricci li fa con la mamma, ma davanti ad un estraneo ha soggezione, soprattutto se l'estraneo porta una divisa! Magari non placa la sua indole casinista, ma per lo meno sospende la sua scenata per un attimo mentre studia "l'avversario" per capire come fare per ottenere il suo obiettivo... un bambino viziato, infatti, ha un obiettivo... fosse anche solo lo sguardo dell'adulto tutto per lui....
.... un bambino viziato fa dei suoi capricci l'esternazione di un disagio... perchè, nonostante sembri più difficile per la persona che gli sta vicino, il bambino viziato vive questa sua condizione con infelicità.... ma non possiamo definirlo un disturbo comportamentale (forse della mamma!!!!!!!!)...
... quando ho detto che l'atteggiamento del bambino esterna un disagio in modo così scombinato è perchè vedo in lui la non capacità di esprimere ciò che vuole! Probabilmente non voleva il tablet... probabilmente non voleva passeggiare per l'aereo n mezzo a gente sconosciuta... probabilmente non voleva il cibo nè le caramelle.... magari il colore dei sedili gli suscitava paura, o le luci lasciavano spazi bui, o l'aria condizionata scombinava i capelli alla signora davanti e il semplice muoversi della chioma lo terrorizzava! Chi lo sa... se l'avesse espresso la mamma avrebbe fatto di tutto per rimuovere la causa del suo fastidio!
La mamma di un bambino viziato sa sempre come fare per accontentare i suoi bisogni... la risposta della mamma, infatti, a me ha dato esattamente l'impressione contraria...cioè di impotenza... un tentativo di calmarlo.
Tutto senza giudicare il comportamento della mamma... se fosse vero quello che sto dicendo mi resterebbe il dubbio del perchè questa mamma non avesse preparato il viaggio nel modo corretto!
flyingbrandon ha scritto: Non capisco la domanda...sei tu che conosci il disturbo e devi premurarti di avere l’assistenza che ti serve per il viaggio. Se “biologicamente” puoi sostenere il volo e non crei problemi alla sicurezza del volo...e non sei neanche un potenziale problema per la sicurezza stessa....paghi e voli. Se tu non sai gestire la cosa è vuoi pagarti qualcuno per il tuo viaggio...lo fai. Non è un problema della compagnia e non ci sono limiti se non sfori in quei “campi” elencati sopra.
Bhe, detto questo allora la mamma ha fatto bene a pagare il biglietto e a volare.... senza assistenza... senza precauzioni e senza preparazione... affermazione discutibile!

flyingbrandon ha scritto: Quindi siamo tutti d’accordo che il “problema” qua...è la mamma... :mrgreen: perché non è colpa neanche del bambino viziato e “str**zo”...se la sua esperienza lo porta ad essere così...
Comunque...non penso sia possibile fare alcuna diagnosi...e il discorso cambia parecchio in base ad una diagnosi. Magari ti becchi un bambino urlante per tutto un volo perché ha una colica...e da rompi palle diventa “poveretto”...però senza saperlo è difficile dire se “palesemente” stesse male...e chiunque viva un disagio sta male...anche quello viziato...
... forse... non lo possiamo sapere... della mamma sappiamo solo un paio di cose, non sappiamo nemmen ose abbia segnalato alla compagnia di viaggiare con un bambino difficile... magari l'ha fatto...
... i bambini sono lo specchio dei genitori... e i genitori di oggi spesso creano problemi (volete leggere un paio di conversazioni della chat dell'asilo di mia figlia??????????????????????????????????)....
ma son oconvinta che non sia questo il caso... non posso fare diagnosi da un video, non posso fare diagnosi nemmeno dal vivo visto che il mio percorso di studi e il mio lavoro mi portano a fare altro! Ma vivo in mezzo ai genitori che viziano i figli e ai genitori che vorrebbero farlo... ma che riescono nemmeno a parlare con i loro figli...
... quindi, non credo che la mia opinione rispetto ad una prima occhiata nei confronti di un bambino possa essere paragonabile alla tua, nè a quella di nessun altro su questo forum... e, ripeto, questo bambino a me ha fatto pena... e, purtroppo, me ne ha fatta ancor di più leggere alcuni commenti mentre scorreva il video....
un bambino che piange tutto il volo resta un elemento di disturbo anche se con le coliche... la differenza è che, nel momento in cui piange, io mi pongo la domanda "sta bene?" prima di puntare il dito... ed è quello che ho fatto anche con questo video....
Ciao!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11750
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da flyingbrandon » 20 febbraio 2018, 21:16

la franci ha scritto: Giro la situazione chiedendoti come fai a pensare che questo bambino sia soltanto viziato? Quali sono gli elementi che ti portano a pensare ciò? Da un bambino viziato mi aspetto una serie di capricci infiniti anche molto disturbanti finalizzati ad ottenere quello che vuole. Poniamo lo fosse... come mai non ha smesso di urlare quando è stato attivato il wifi? Come mai non ha smesso di urlare quando è stato libero di correre per l'aereo? Inoltre: un bambino viziato è abituato ad ottenere tutto ciò che vuole, solitamente la mamma si prodiga a soddisfare tutte le sue richieste... come mai la mamma non era preparata per un viaggio con caramelle, cioccolatini, tablet carico di tutto etc etc etc??? Un bambino piazzato davanti al tablet tutto il giorno non è viziato ma lobotomizzato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Al contrario tuo io non ho detto che è PALESEMENTE VIZIATO. Se lo fosse...ovviamente non ha ottenuto ciò che voleva...che non era il Wi-Fi o il correre. Magari non voleva proprio trovarsi sull’aereo. Infatti, quello viziato, è abituato ad ottenere ciò che vuole...e se non riesce ad ottenerlo prosegue per la strada, che a livello comportamentale, ha visto funzionare SEMPRE. Non sa che l’aereo non torna indietro perché urla o che non sarebbero andati dove dovevano andare.
la franci ha scritto: Un bambino viziato i capricci li fa con la mamma, ma davanti ad un estraneo ha soggezione, soprattutto se l'estraneo porta una divisa! Magari non placa la sua indole casinista, ma per lo meno sospende la sua scenata per un attimo mentre studia "l'avversario" per capire come fare per ottenere il suo obiettivo... un bambino viziato, infatti, ha un obiettivo... fosse anche solo lo sguardo dell'adulto tutto per lui....
.... un bambino viziato fa dei suoi capricci l'esternazione di un disagio... perchè, nonostante sembri più difficile per la persona che gli sta vicino, il bambino viziato vive questa sua condizione con infelicità.... ma non possiamo definirlo un disturbo comportamentale (forse della mamma!!!!!!!!)...

Qualcuno avrà soggezione...altri no. Non era solo con un estraneo , dove ti do ragione...c’era la mamma è nessuno particolarmente “ostile”. È un disturbo comportamentale ad ampio spettro. Anche il deficit dell’attenzione, si è visto, non è detto che sia un disturbo...al giorno di oggi sì vuole catalogare TUTTO....e, tu stessa, hai parlato di sindrome...che rappresenta solo un agglomerato di “sintomi” che non sfociano necessariamente in un disturbo conclamato.
la franci ha scritto: ... quando ho detto che l'atteggiamento del bambino esterna un disagio in modo così scombinato è perchè vedo in lui la non capacità di esprimere ciò che vuole! Probabilmente non voleva il tablet... probabilmente non voleva passeggiare per l'aereo n mezzo a gente sconosciuta... probabilmente non voleva il cibo nè le caramelle.... magari il colore dei sedili gli suscitava paura, o le luci lasciavano spazi bui, o l'aria condizionata scombinava i capelli alla signora davanti e il semplice muoversi della chioma lo terrorizzava! Chi lo sa... se l'avesse espresso la mamma avrebbe fatto di tutto per rimuovere la causa del suo fastidio!
La mamma di un bambino viziato sa sempre come fare per accontentare i suoi bisogni... la risposta della mamma, infatti, a me ha dato esattamente l'impressione contraria...cioè di impotenza... un tentativo di calmarlo.
Tutto senza giudicare il comportamento della mamma... se fosse vero quello che sto dicendo mi resterebbe il dubbio del perchè questa mamma non avesse preparato il viaggio nel modo corretto!
Da un video non emerge come si comporta la madre nella sua quotidianità e neanche cosa volesse il bambino. Ma ci sono genitori serenamente “tranquilli” mentre i loro figlio spacca i co****ni in giro o fa scene. Ho visto più attenzione alle necessità di un bambino , da parte dei genitori, quando questo ha un problema. Vedere un genitore che sostanzialmente non fa niente, sapendo che il figlio ha un problema , è più raro rispetto al genitore che se ne frega con il figlio in ottima salute. Anche solo un accenno al fatto che, poveretto, ha un problema...viene tendenzialmente più spontaneo piuttosto che far passare tuo figlio per uno str**zo. La madre impotente , nei confronti di una malattia, non lo è nei confronti del figlio. La donna impotente nei confronti di un figlio che non sa gestire...è più facile che abbia un comportamento indifferente.
la franci ha scritto:
Bhe, detto questo allora la mamma ha fatto bene a pagare il biglietto e a volare.... senza assistenza... senza precauzioni e senza preparazione... affermazione discutibile!
Non ho parlato né di bene né di male...la mia affermazione non ha alcun carattere su cosa sia bene fare...tu hai chiesto cosa DEVE fare...ed è un discorso diverso.

la franci ha scritto:
... forse... non lo possiamo sapere... della mamma sappiamo solo un paio di cose, non sappiamo nemmen ose abbia segnalato alla compagnia di viaggiare con un bambino difficile... magari l'ha fatto...

Mi ripeto...non ho dato alcuna certezza...tu hai detto che era palesemente malato. Io non avevo neanche commentato...non ho elementi per dire perché abbia fatto quel casino. Tanto meno, dal video, diagnosticare un disturbo che richiede, solitamente, analisi ben più approfondite che un video di spalle.
la franci ha scritto: ma son oconvinta che non sia questo il caso... non posso fare diagnosi da un video, non posso fare diagnosi nemmeno dal vivo visto che il mio percorso di studi e il mio lavoro mi portano a fare altro! Ma vivo in mezzo ai genitori che viziano i figli e ai genitori che vorrebbero farlo... ma che riescono nemmeno a parlare con i loro figli...
... quindi, non credo che la mia opinione rispetto ad una prima occhiata nei confronti di un bambino possa essere paragonabile alla tua, nè a quella di nessun altro su questo forum... e, ripeto, questo bambino a me ha fatto pena... e, purtroppo, me ne ha fatta ancor di più leggere alcuni commenti mentre scorreva il video....
Va bene...è una tua opinione. Io ho espresso dei dubbi sulla tua opinione perché , tu stessa, non puoi avere gli elementi che hai nel tuo lavoro quotidiano, in un video così breve e di spalle.
la franci ha scritto: un bambino che piange tutto il volo resta un elemento di disturbo anche se con le coliche... la differenza è che, nel momento in cui piange, io mi pongo la domanda "sta bene?" prima di puntare il dito... ed è quello che ho fatto anche con questo video....
Ciao!
Io non ho puntato nessun dito. Tu, però, non ti sei chiesta se stesse bene...tu hai detto che palesemente era malato...tanto è vero che la mia domanda, se vai a rileggere, è stata proprio come tu potessi dedurlo da ciò che si vede nel filmato...tutto qual
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9888
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da tartan » 20 febbraio 2018, 21:39

Da quello che vi siete scambiati, punto per punto, secondo me risulta la conferma che non si sa come e perchè il bambino si sia comportato in quel modo. Però c'è anche la conferma che il caso andrebbe esaminato in modo approfondito da chi gestisce il trasporto aereo, in generale e non solo nel caso specifico. Come è proseguito il caso dopo? Chi si è interessato alla ricerca dei motivi, delle probabili anticipazioni dei problemi, dei sintomi preliminari, ammesso che ce ne fossero stati e, sopratutto, cosa si è deciso di modificare o approfondire nella fase di vendita/accettazione dei pax di quel tipo?
E' un caso isolato di cui non vale la pena di interessarsi oppure è un acuto di casi analoghi? Chi è preposto alla verifica? Solo le compagnie aeree oppure anche qualche autorità interessata alla sicurezza del volo? Quanto può incidere lo stress o il disagio pesante dei pax nella condotta degli assistenti volo e financo dei piloti ai quali potrebbe arrivare il disagio nella gestione della cabina?
Vi sembra che stia esagerando nelle mie preoccupazioni?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7270
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Lampo 13 » 21 febbraio 2018, 13:31

tartan ha scritto:Da quello che vi siete scambiati, punto per punto, secondo me risulta la conferma che non si sa come e perchè il bambino si sia comportato in quel modo. Però c'è anche la conferma che il caso andrebbe esaminato in modo approfondito da chi gestisce il trasporto aereo, in generale e non solo nel caso specifico. Come è proseguito il caso dopo? Chi si è interessato alla ricerca dei motivi, delle probabili anticipazioni dei problemi, dei sintomi preliminari, ammesso che ce ne fossero stati e, sopratutto, cosa si è deciso di modificare o approfondire nella fase di vendita/accettazione dei pax di quel tipo?
E' un caso isolato di cui non vale la pena di interessarsi oppure è un acuto di casi analoghi? Chi è preposto alla verifica? Solo le compagnie aeree oppure anche qualche autorità interessata alla sicurezza del volo? Quanto può incidere lo stress o il disagio pesante dei pax nella condotta degli assistenti volo e financo dei piloti ai quali potrebbe arrivare il disagio nella gestione della cabina?
Vi sembra che stia esagerando nelle mie preoccupazioni?
Le condizioni di un passeggero, a meno di quasi inesistenti casi eclatanti, sono sconosciute al personale tranne che in caso di presenza di documenti medici, teoricamente obbligatori, presentati dai passeggeri stessi.
Ho avuto a bordo un passeggero italo argentino da Roma a Buenos Aires che è salito a bordo 4 giorni dopo aver fatto un quadruplo bypass cardiaco... a metà della traversata atlantica si è sentito male ed abbiamo scoperto il fatto. Fortunatamente avevamo a bordo un Primario dell'ospedale di Civitavecchia che si è preso carico del malato a cui ha diagnosticato un versamento polmonare, ha prestato le cure adeguate con medicinali, flebo ed ossigeno e si è preso la responsabilità di decidere che il passeggero non era in imminente pericolo di vita affermando che il volo poteva non essere dirottato all'alternato ma andare a destinazione... Il tizio, a mio avviso uno scriteriato, non aveva nessun documento medico, non ha detto nulla a nessuno, altrimenti non sarebbe stato accettato a bordo, e la facenda si è risolta senza problemi più seri grazie solo alla sua e nostra fortuna. La Compagnia, per quanto mi risulta, si è limitata a mandare una lettera di ringraziamento al medico intervenuto...

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9888
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da tartan » 21 febbraio 2018, 13:55

Quindi nessuno a seguito dell'avvenimento si è preoccupato di richiamare pesantemente il passeggero oppure di richiedere (faccio un esempio del cavolo visto che non sono dele mestiere :mrgreen: ) sia un inserimento di un avviso nei files delle prenotazioni sia il richiamo all'obbligo di denunciare eventuali problematiche (fra cui ecc ecc) e specificare le sanzioni a cui si va incontro nel caso che non vengano comunicate.
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7270
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Lampo 13 » 21 febbraio 2018, 14:03

tartan ha scritto:Quindi nessuno a seguito dell'avvenimento si è preoccupato di richiamare pesantemente il passeggero oppure di richiedere (faccio un esempio del cavolo visto che non sono dele mestiere :mrgreen: ) sia un inserimento di un avviso nei files delle prenotazioni sia il richiamo all'obbligo di denunciare eventuali problematiche (fra cui ecc ecc) e specificare le sanzioni a cui si va incontro nel caso che non vengano comunicate.
Che mi risulti, no.

Avatar utente
Alberto.c
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 380
Iscritto il: 28 maggio 2012, 10:22

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Alberto.c » 27 febbraio 2018, 13:20

la franci ha scritto: in che modo può essere fatto un viaggio assistito per un bambino che non ha malattie fisiche, non ha problemi respiratori,non ha virus né infezioni in atto.... cammina, parla,mangia, beve, non ha carrozzina,non usa ossigeno e non ha crisi epilettiche.... in che forma di assistenza rientrano questi bambini speciali???????? la mamma affitta un volo privato?
Semplicemente sì ... doveva prendere un volo privato se poteva permetterselo
o più semplicemente non andare in volo !

Sfido i genitori non si aspettassero qualcosa del genere ..
E visto che se malattia esiste, malattia mentale è, si trovavano un luminare a portata di auto !
perché nemmeno in treno o autobus lo vorrei ! (capirei per operazioni urgenti, trapianti o comunque qualcosa
che richiederebbe l'assistenza in volo)

Io avrei fatto causa alla compagnia con tanto di richiesta di risarcimento ...

Personalmente (potrei sbagliarmi) credo si tratti di un bambino che avrà forse dei problemi, ma è anche molto
molto viziato, la frase dell'ipad la dice lunga !!! Per questo forse la colpa non è del tutto sua .....

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7270
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Lampo 13 » 27 febbraio 2018, 13:50

Alberto.c ha scritto: Io avrei fatto causa alla compagnia con tanto di richiesta di risarcimento ...
E l'avresti persa.
L'acquisto del biglietto equivale a tutti gli effetti alla firma di un contratto con la Compagnia e che dichiari di aver letto, dimmi dove sta scritto che hai il diritto di non essere disturbato da altri passeggeri durante il tuo volo.
Puoi solo decidere di non volare più in futuro con quella Compagnia, ma tanto tutte hanno più o meno la stessa politica a proposito...

Avatar utente
Alberto.c
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 380
Iscritto il: 28 maggio 2012, 10:22

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Alberto.c » 27 febbraio 2018, 14:07

Lampo 13 ha scritto:
Alberto.c ha scritto: Io avrei fatto causa alla compagnia con tanto di richiesta di risarcimento ...
E l'avresti persa.
L'acquisto del biglietto equivale a tutti gli effetti alla firma di un contratto con la Compagnia e che dichiari di aver letto, dimmi dove sta scritto che hai il diritto di non essere disturbato da altri passeggeri durante il tuo volo.
Puoi solo decidere di non volare più in futuro con quella Compagnia, ma tanto tutte hanno più o meno la stessa politica a proposito...
Quasi certamente hai ragione, ma credo che qualcosa si potrebbe fare lo stesso !
Il disturbo alla quiete pubblica (almeno in Italia) è un reato, come tale credo
che qualche margine di manovra ad un buon avvocato ed un rom***lle con soldi da buttare lo lasci !

PS : Non farei realmente causa anche perché ritengo che la compagnia almeno in questo caso sia
il soggetto più penalizzato, la causa andrebbe fatta alla madre.
Sempre che la compagnia non fosse al corrente della situazione, in questo caso credo ci sarebbe altro margine
per la famosa denuncia !

Avatar utente
la franci
FL 200
FL 200
Messaggi: 2299
Iscritto il: 9 maggio 2006, 20:26

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da la franci » 27 febbraio 2018, 21:33

...scusate.... io in questa discussione mi fermo qui dopo l'intervento di Alberto.
...per fortuna la quasi maggioranza delle persone, tra cui te, ignora la fatica delle persone che crescono bambini problematici... la vostra fortuna,anche se ignorate pure quella, è proprio quella di non sapere.... e il mio augurio è quello di continuare a vivere nella più totale ignoranza... tra sani.... ma se tu, Alberto, volessi conoscere il mondo attuale... ti invito a passare con me una mattina qualunque dove lavoro... di certo non raccoglierai monete né ti rimborseranno "la causa" ... ma ti assicuro che ne uscirai più ricco...
... per fortuna come dice Lampo, la legge non ammette ignoranti.... sceglierò LH....
CIAO

Avatar utente
Alberto.c
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 380
Iscritto il: 28 maggio 2012, 10:22

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Alberto.c » 28 febbraio 2018, 7:55

la franci ha scritto:...scusate.... io in questa discussione mi fermo qui dopo l'intervento di Alberto.
...per fortuna la quasi maggioranza delle persone, tra cui te, ignora la fatica delle persone che crescono bambini problematici... la vostra fortuna,anche se ignorate pure quella, è proprio quella di non sapere.... e il mio augurio è quello di continuare a vivere nella più totale ignoranza... tra sani.... ma se tu, Alberto, volessi conoscere il mondo attuale... ti invito a passare con me una mattina qualunque dove lavoro... di certo non raccoglierai monete né ti rimborseranno "la causa" ... ma ti assicuro che ne uscirai più ricco...
... per fortuna come dice Lampo, la legge non ammette ignoranti.... sceglierò LH....
CIAO
Ti garantisco che queste situazioni le conosco molto e dico molto meglio di quanto tu possa immaginare .....

MA conosco anche tanti genitori che ok sono stati "sfortunati" ma con la scusa che loro sono stati
sfortunati se ne sbattono di tutto e di tutti e pensano anche gli atri meritano di sopportare
un po' di quello che sopportano loro ... Scusami tanto ma per mè il mondo non funziona così !!!!!
Se io dovessi avere "uso il condizionale di proposito" un bambino problematico NON prederei un aerero
se non per motivi di vita o di morte .......
Poi se tu fai parte della categoria che difende i bambini ad ogni costo (sapessi quante mamme ho conosciuto così)
anche quando sono in palese errore, allora sono io che smetto di discutere perché perdiamo tempo in 2 ....

Ciao

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7270
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Lampo 13 » 28 febbraio 2018, 9:42

Mi sembra che stiate parlando di una cosa che non è stata risolta negli ultimi 5.000 anni di civiltà,
si è andati dalla scelta spartana di eliminare fisicamente i soggetti malati, cosa poi ripresa dal nazismo
nei confronti dei bambini "ariani" ma non "perfetti", ne eliminarono più di 300.000, alle teorie che
vedono nel sostegno e nella accettazione di una "particolarità" invece che di una "diversità" un modo
di arricchire la Società, passando per il menefreghismo, la vergogna, il disinteresse, il fastidio, la pena,
la tenerezza, la protezione, il lassismo...
insomma, l'atteggiamento da assumere nei confronti di chi ha delle esigenze diverse e pone delle
problematiche più accentuate dipende quasi esclusivamente (ci sono anche le leggi) dal proprio
personalissimo modo di essere e di guardare alla vita.
Se si parte da posizioni diverse è praticamente impossibile capirsi, e va bene così perché da un certo
punto in poi interviene appunto la Legge a dirimere i contrasti:
la mamma ed il suo bambino disturbante hanno il diritto di viaggiare nonostante in molti possono
sentirsi infastiditi (quando a me capita un neonato seduto vicino a me, alzo gli occhi al cielo: non
potrò dormire...) e questo resta indiscutibile, poi ognuno si tiene le sue convinzioni governate
dal proprio modo di guardare alla Vita.

Avatar utente
andwork
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 696
Iscritto il: 26 dicembre 2006, 19:14
Località: Rosà (VI)

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da andwork » 28 febbraio 2018, 20:56

mi aggiungo alla discussione:
scusate, ma possibile che non esista nessuna tutela per i passeggeri che non vogliono sorbirsi i problemi degli altri ?
Uno magari ha necessitò di dormire perché quando arriva a destinazione deve mettersi subito al lavoro, senza possibilità di passare dall'hotel. E' giusto che questo arrivi distrutto, magari anche impossibilitato a fare il lavoro per cui è stato chiamato, a causa di negligenze di altri passeggeri ?
cioè perché bisogna difendere la mamma sempre e a spada tratta, mentre alberto.c dice ca**ate ?
qualcuno mi può spiegare perché certe persone hanno meno diritti di altre? perché alla fine di questo si parla.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 790
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Exence » 28 febbraio 2018, 21:41

andwork ha scritto:mi aggiungo alla discussione:
scusate, ma possibile che non esista nessuna tutela per i passeggeri che non vogliono sorbirsi i problemi degli altri ?
Uno magari ha necessitò di dormire perché quando arriva a destinazione deve mettersi subito al lavoro, senza possibilità di passare dall'hotel. E' giusto che questo arrivi distrutto, magari anche impossibilitato a fare il lavoro per cui è stato chiamato, a causa di negligenze di altri passeggeri ?
cioè perché bisogna difendere la mamma sempre e a spada tratta, mentre alberto.c dice ca**ate ?
qualcuno mi può spiegare perché certe persone hanno meno diritti di altre? perché alla fine di questo si parla.
Ciao : ) non penso che qui si tratti di diritti e doveri .. io sono la prima a infastidirmi se in viaggio ho a fianco adulti o bambini che fanno casino...
nel caso siano persone con problemi , però , per quanto la situazione possa essere pesante , sono solo poche ore della mia vita che subiscono un “disturbo”, mentre quelle persone purtroppo , non per colpa loro, hanno una vita che non potranno viversi al 100% e non potranno magari gioire nemmeno delle cose più semplici.. così come i loro genitori, nel caso di bambini malati, che sacrificano la loro vita per rendere migliore quella dei loro figli nati con problematiche ..
Quindi il mio livello di tolleranza in quei casi sale ai massimi livelli...
nel caso di persone semplicemente maleducate, invece , mi è capitato proprio in aereo di girarmi con sguardo truce e dire che mi stavano disturbando e hanno smesso ...
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
flyingbrandon
A320 Family First Officer
A320 Family First Officer
Messaggi: 11750
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 9:40

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da flyingbrandon » 28 febbraio 2018, 22:52

andwork ha scritto:mi aggiungo alla discussione:
scusate, ma possibile che non esista nessuna tutela per i passeggeri che non vogliono sorbirsi i problemi degli altri ?
Uno magari ha necessitò di dormire perché quando arriva a destinazione deve mettersi subito al lavoro, senza possibilità di passare dall'hotel. E' giusto che questo arrivi distrutto, magari anche impossibilitato a fare il lavoro per cui è stato chiamato, a causa di negligenze di altri passeggeri ?
cioè perché bisogna difendere la mamma sempre e a spada tratta, mentre alberto.c dice ca**ate ?
qualcuno mi può spiegare perché certe persone hanno meno diritti di altre? perché alla fine di questo si parla.
No no ...hai diritto....se paghi ti puoi prendere un jet che viene all’ora che decidi tu , con i passeggeri che vuoi tu e, se preferisci, anche nessuno. Come l’autobus e il taxi.
Ciao!
The ONLY time you have too much fuel is when you're on fire.
Immagine


(È!)
(יוני)

O t'elevi o te levi

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7270
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Lampo 13 » 28 febbraio 2018, 23:05

andwork ha scritto:mi aggiungo alla discussione:
scusate, ma possibile che non esista nessuna tutela per i passeggeri che non vogliono sorbirsi i problemi degli altri ?
Uno magari ha necessitò di dormire perché quando arriva a destinazione deve mettersi subito al lavoro, senza possibilità di passare dall'hotel. E' giusto che questo arrivi distrutto, magari anche impossibilitato a fare il lavoro per cui è stato chiamato, a causa di negligenze di altri passeggeri ?
cioè perché bisogna difendere la mamma sempre e a spada tratta, mentre alberto.c dice ca**ate ?
qualcuno mi può spiegare perché certe persone hanno meno diritti di altre? perché alla fine di questo si parla.
Ma il tuo ipotetico passeggero ha una alternativa... si compra tutti i biglietti e viaggia da solo!
Scherzi a parte, e te lo dice un tifoso di Erode Antipa, stiamo parlando di trasporto PUBBLICO, cioè aperto a tutti,
se in metropolitana qualcuno fa una scoreggia pestilenziale pensi di poterlo far scendere appellandoti all società di gestione? Se un adulto si mettesse a fare un gran bordello sul volo, e ce ne sono, certamente il crew interverrebbe per farlo comportare meglio, ma con un bambino come fai? Ci provi, cerchi di risolvere, ma poi? Poi può essere che il bambino sia malato o che sia maleducato (che per me è anche una malattia), o viziato da una madre incapace... e allora? Dammi una soluzione pratica, realizzabile, tu cosa faresti? Torneresti indietro per sbarcarli? Faresti degli esami attitudinali prima dell'imbarco?
Se il passeggero vuole dormire e per lui è importante farlo, che si compri una cuffia Bose a soppressione di rumore e non rompa troppo gli zebedei!

Avatar utente
Misha
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 540
Iscritto il: 13 novembre 2016, 22:25
Località: Milano

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Misha » 1 marzo 2018, 7:10

Secondo me questo thread sta degenerando, un conto è scherzare fra amici un altro è dire che persone con disabilità non dovrebbero prendere i mezzi pubblici per non infastidire gli altri, il che fa abbastanza paura!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
E guarda che in fondo non conta dov'è che tira il vento, ma ciò che porta.
Che se porta bene, ti porta lontano, come una canzone, lontano come un aeroplano.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 790
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Exence » 1 marzo 2018, 10:11

Misha ha scritto:Secondo me questo thread sta degenerando, un conto è scherzare fra amici un altro è dire che persone con disabilità non dovrebbero prendere i mezzi pubblici per non infastidire gli altri, il che fa abbastanza paura!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Io trovo interessante questo thread... è curioso come ci siano punti di vista così contrastanti... è una bella fotografia della diversità di pensiero davanti a una stessa situazione
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
andwork
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 696
Iscritto il: 26 dicembre 2006, 19:14
Località: Rosà (VI)

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da andwork » 1 marzo 2018, 20:12

Lampo 13 ha scritto:
andwork ha scritto:mi aggiungo alla discussione:
scusate, ma possibile che non esista nessuna tutela per i passeggeri che non vogliono sorbirsi i problemi degli altri ?
Uno magari ha necessitò di dormire perché quando arriva a destinazione deve mettersi subito al lavoro, senza possibilità di passare dall'hotel. E' giusto che questo arrivi distrutto, magari anche impossibilitato a fare il lavoro per cui è stato chiamato, a causa di negligenze di altri passeggeri ?
cioè perché bisogna difendere la mamma sempre e a spada tratta, mentre alberto.c dice ca**ate ?
qualcuno mi può spiegare perché certe persone hanno meno diritti di altre? perché alla fine di questo si parla.
Ma il tuo ipotetico passeggero ha una alternativa... si compra tutti i biglietti e viaggia da solo!
Scherzi a parte, e te lo dice un tifoso di Erode Antipa, stiamo parlando di trasporto PUBBLICO, cioè aperto a tutti,
se in metropolitana qualcuno fa una scoreggia pestilenziale pensi di poterlo far scendere appellandoti all società di gestione? Se un adulto si mettesse a fare un gran bordello sul volo, e ce ne sono, certamente il crew interverrebbe per farlo comportare meglio, ma con un bambino come fai? Ci provi, cerchi di risolvere, ma poi? Poi può essere che il bambino sia malato o che sia maleducato (che per me è anche una malattia), o viziato da una madre incapace... e allora? Dammi una soluzione pratica, realizzabile, tu cosa faresti? Torneresti indietro per sbarcarli? Faresti degli esami attitudinali prima dell'imbarco?
Se il passeggero vuole dormire e per lui è importante farlo, che si compri una cuffia Bose a soppressione di rumore e non rompa troppo gli zebedei!
premesso che l'alternativa, come dice anche flyingbrandon è quella di andar via per conto proprio, a volte non sempre è praticabile, e allora ti tocca stare in mezzo ad altri.
Fermo restando che ci vuole anche rispetto e sopportazione verso le persone con problemi, tuttavia queste persone con problemi e/o i loro accompagnatori, dovrebbero quantomeno adoperarsi per dare il minore fastidio possibile. Non ci credo che uno possa piangere per 8 ore senza mai smettere (o smettere per 10 minuti per poi ricominciare, ma tanto è lo stesso). Se proprio ha male, credo che chi lo accompagna debba portarsi via qualche tranquillante, qualche diversivo, qualcosa per rendere minore il dolore e farlo stare tranquillo.
Questo si chiama rispetto per gli altri, cosa che al giorno d'oggi manchi. Ecco, questo è il succo del discorso, non c'è più rispetto per nessuno. Da bambino, se ero in un luogo pubblico e mi comportavo male urlando o facendo altro, i miei genitori mi davano una sberla che me la ricordavo per un bel po'. Serve anche questo per educare la gente, quando diventano grandi si passa dalle sberle alle multe. Vedrai che poi quelli che disturbano solo per il gusto di farlo o per maleducazione, spariscono. E chi sta male veramente, avrà la comprensione di tutti.

Avatar utente
Exence
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 790
Iscritto il: 18 ottobre 2017, 22:01

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Exence » 1 marzo 2018, 20:52

andwork ha scritto:Se proprio ha male, credo che chi lo accompagna debba portarsi via qualche tranquillante, qualche diversivo, qualcosa per rendere minore il dolore e farlo stare tranquillo.
Questo si chiama rispetto per gli altri, cosa che al giorno d'oggi manchi. Ecco, questo è il succo del discorso, non c'è più rispetto per nessuno. Da bambino, se ero in un luogo pubblico e mi comportavo male urlando o facendo altro, i miei genitori mi davano una sberla che me la ricordavo per un bel po'. Serve anche questo per educare la gente, quando diventano grandi si passa dalle sberle alle multe. Vedrai che poi quelli che disturbano solo per il gusto di farlo o per maleducazione, spariscono. E chi sta male veramente, avrà la comprensione di tutti.
Non credo si possano dare i tranquillanti ai bambini :shock: ...
per le sberle beh ne ho prese pure io da mia mamma... ma detto tra noi... non so se mi hanno fatto bene o male :lol:
Educare un figlio penso sia difficile .. soprattutto al giorno d’oggi... in cui ci sono più possibilità e opportunità ma anche più pericoli e fonti di distrazione ... non voglio essere scortese ma trovo semplicistico il tuo discorso sulla modalità educativa “due sberle e via “... anzi imporre di fare una cosa a un figlio credo sia il modo migliore per indurlo a non farla .. magari ci vorrebbe più dialogo tra i genitori dei bambini che appaiono maleducati, e i loro bambini.. forse i capricci sono solo una richiesta di attenzione, in fin dei conti.. ma non avendone, posso solo parlare a livello ipotetico per quella che è la mia concezione “ideale” di genitorialità
it's only rock'n roll but I like it!

Avatar utente
Lampo 13
FL 500
FL 500
Messaggi: 7270
Iscritto il: 21 agosto 2014, 23:44
Località: Lodz - Polonia

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Lampo 13 » 2 marzo 2018, 0:04

andwork ha scritto:premesso che l'alternativa, come dice anche flyingbrandon è quella di andar via per conto proprio, a volte non sempre è praticabile, e allora ti tocca stare in mezzo ad altri.
Fermo restando che ci vuole anche rispetto e sopportazione verso le persone con problemi, tuttavia queste persone con problemi e/o i loro accompagnatori, dovrebbero quantomeno adoperarsi per dare il minore fastidio possibile. Non ci credo che uno possa piangere per 8 ore senza mai smettere (o smettere per 10 minuti per poi ricominciare, ma tanto è lo stesso). Se proprio ha male, credo che chi lo accompagna debba portarsi via qualche tranquillante, qualche diversivo, qualcosa per rendere minore il dolore e farlo stare tranquillo.
Questo si chiama rispetto per gli altri, cosa che al giorno d'oggi manchi. Ecco, questo è il succo del discorso, non c'è più rispetto per nessuno. Da bambino, se ero in un luogo pubblico e mi comportavo male urlando o facendo altro, i miei genitori mi davano una sberla che me la ricordavo per un bel po'. Serve anche questo per educare la gente, quando diventano grandi si passa dalle sberle alle multe. Vedrai che poi quelli che disturbano solo per il gusto di farlo o per maleducazione, spariscono. E chi sta male veramente, avrà la comprensione di tutti.
Ribadendo che sono un fan di Erode Antipa e che mia madre mi ha "corcato" di botte quando ero ragazzino, a me quello che interessa sono le soluzioni, non le chiacchiere...
Dammi una soluzione pratica, legale ed applicabile per situazioni come questa,
se poi fosse anche "umana" sarebbe molto meglio!

Avatar utente
Ayrton
B747 Senior First Officer / Instructor
B747 Senior First Officer / Instructor
Messaggi: 3673
Iscritto il: 21 novembre 2007, 21:15
Località: Gni Gni Gni

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Ayrton » 2 marzo 2018, 10:14

sapete qual è il vostro problema? che riducete il vostro pensiero all'aereo (biglietto/contratto...devo dormire...devo andare al lavoro subito dopo...) e non agli altri mezzi.

avete questa idea anche genericamente parlando di autobus, tram, ecc ecc? o è solo un discorso di durata del viaggio?
non potete mica cambiare la vostra idea in base alla vostra convenienza...non funziona così...sareste ipocriti, e l'ipocrisia è una delle rovine della società.

io a volte faccio 15/16 ore a pirlare in giro con l'aereo seduto davanti, poi scendo, salgo su un altro per altrettante ore seduto dietro da passeggero e torno a casa, vorrei dormire, vorrei riposare, vorrei fare quel c***o che voglio, vorrei mettermi in mutande e/o fare una sauna...ma, guarda un pochino, NON POSSO perchè sono su un mezzo PUBBLICO.

Sul mezzo PUBBLICO non son da solo.

Fosse per me vieterei di viaggiare alla gente che puzza, o che ha l'alitosi, perchè questa gente deve avere il diritto di impestarmi della sua puzza per 10 e più ore? mi dà molto più fastidio di un bimbo che piange e grida (soprattutto per una patologia)

E la stessa cosa la applico al pullman o tram, perchè devo sorbirmi il tuo alito che puzza di vacca morta per i 15 minuti fino alla mia fermata?

Via, da domani, chi puzza non viaggia, o viaggia solo su mezzi sui quali può viaggiare da solo....

Regà....siete ridicoli.
Immagine

willy73
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 521
Iscritto il: 10 settembre 2009, 16:00
Località: Milano

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da willy73 » 2 marzo 2018, 12:22

Ayrton ha scritto:sapete qual è il vostro problema? che riducete il vostro pensiero all'aereo (biglietto/contratto...devo dormire...devo andare al lavoro subito dopo...) e non agli altri mezzi.

avete questa idea anche genericamente parlando di autobus, tram, ecc ecc? o è solo un discorso di durata del viaggio?
non potete mica cambiare la vostra idea in base alla vostra convenienza...non funziona così...sareste ipocriti, e l'ipocrisia è una delle rovine della società.

io a volte faccio 15/16 ore a pirlare in giro con l'aereo seduto davanti, poi scendo, salgo su un altro per altrettante ore seduto dietro da passeggero e torno a casa, vorrei dormire, vorrei riposare, vorrei fare quel c***o che voglio, vorrei mettermi in mutande e/o fare una sauna...ma, guarda un pochino, NON POSSO perchè sono su un mezzo PUBBLICO.

Sul mezzo PUBBLICO non son da solo.

Fosse per me vieterei di viaggiare alla gente che puzza, o che ha l'alitosi, perchè questa gente deve avere il diritto di impestarmi della sua puzza per 10 e più ore? mi dà molto più fastidio di un bimbo che piange e grida (soprattutto per una patologia)

E la stessa cosa la applico al pullman o tram, perchè devo sorbirmi il tuo alito che puzza di vacca morta per i 15 minuti fino alla mia fermata?

Via, da domani, chi puzza non viaggia, o viaggia solo su mezzi sui quali può viaggiare da solo....

Regà....siete ridicoli.
Sono d'accordo (soprattutto sul vietare l'utilizzo dei mezzi a chi puzza) ma credo che il problema più che la durata del volo sia l'impossibilità di scendere/andarsene. Mi è capitato su treni o metro di trovare disturbatori (della quiete o dell'olfatto) e ho semplicemente cambiato carrozza.
se il treno era pieno o ero su un tram/autobus a volte ho deciso di scendere ed aspettare il prossimo, barattando un viaggio più sereno con un ritardo di 5/10 minuti.
Sull'aereo non puoi e se è pieno devi pure startene al tuo posto (di fianco al disturbatore/puzzone) non puoi né cambiarlo nè stare in piedi.
Non è colpa della compagnia ma 2/3 volte ho pensato che se l'avessi saputo prima chi avrei avuto vicino quell'aereo non lo avrei preso, altre volte mi è andata meglio e a fianco a me si sono sedute fanciulle che mi hanno fatto sembrare il volo troppo breve :mrgreen:

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9888
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da tartan » 2 marzo 2018, 12:36

Solo per intromettermi ancora. Tanti anni luce fa, avevamo un biglietto gratis all'anno in quanto dipendenti. Era un bonus che non dava diritto a prenotazione, che dava diritto ad essere il primo a sbarcare se necessario e in più, specialmente se andavi in USA, dovevi presentarti a bordo molto ben vestito e con la cravatta.
Spesso in USA molti passeggeri viaggiavano in shorts, pantofole e canottiera. Una volta chiesi perché si era così rigidi con noi. Naturalmente non si trattava di imitarli, però per forza la cravatta ci pareva eccessivo. La risposta fu che loro pagavano. Quindi si tratta solo di soldi e non di rispetto per gli altri. Quando comanda la convenienza economica perché protestare o indignarsi?
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
Ayrton
B747 Senior First Officer / Instructor
B747 Senior First Officer / Instructor
Messaggi: 3673
Iscritto il: 21 novembre 2007, 21:15
Località: Gni Gni Gni

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da Ayrton » 2 marzo 2018, 14:56

tartan ha scritto:Solo per intromettermi ancora. Tanti anni luce fa, avevamo un biglietto gratis all'anno in quanto dipendenti. Era un bonus che non dava diritto a prenotazione, che dava diritto ad essere il primo a sbarcare se necessario e in più, specialmente se andavi in USA, dovevi presentarti a bordo molto ben vestito e con la cravatta.
Spesso in USA molti passeggeri viaggiavano in shorts, pantofole e canottiera. Una volta chiesi perché si era così rigidi con noi. Naturalmente non si trattava di imitarli, però per forza la cravatta ci pareva eccessivo. La risposta fu che loro pagavano. Quindi si tratta solo di soldi e non di rispetto per gli altri. Quando comanda la convenienza economica perché protestare o indignarsi?
in questa discussione la convenienza economica ci sta come la panna nella carbonara.
Immagine

fabrizio66
FL 150
FL 150
Messaggi: 1973
Iscritto il: 9 settembre 2010, 14:11

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da fabrizio66 » 2 marzo 2018, 15:25

premesso che non sappiamo il motivo per cui il bambino si sia comportato così e cosa ha fotto/non ha fatto la mamma per alleviare i suoi problemi.
Da quando è cominciato questo tread ci sono due teorie bambino autistico/malato-bambino maleducato.
in entrambi i casi vi è un disturbo per gli altri passeggeri, disturbo che se puo essere in parte tollerato nel caso del bambino malato, pone difficoltà di accettazione nel secondo caso.
L aereo è un luogo pubblico, cosi come il tram, l autobus il pulman e cosi via.
Come tale prevede delle regole di comportamento volte afa convivere tot persone per il tempo necessario al viaggio.
Son d'accordo che se uno potesse prenderebbe un jet privato, ma non è cosi nella maggior parte dei casi, per cui le regole della buona educazione sono quelle che andrebbero osservate. Le compagnie aeree, le ferrovie e cosi via non hanno grossi mezzi per fermare i casi di non violenza fisica ma di disturbo.
Se uno comincia a scureggiare sull aereo intanto lo devi sgamare e poi una volta sgamato se ci riesci che fai?
Se un bambino che appare maleducato rompe per otto ore, che fai? e cosi via.
se ad uno je puzza il fiato o puzza xche non si lava, che fai? niente....
non ci sono soluzione a queste cose, rimane il fatto che però non è corretto per gli altri dover sopportare i comportamenti maleducati delle altre persone.
Io so solo che da pischello prima di salire a bordo dell aereo, venivo lavato e stirato, redarguito su un eventuale comportamento ineducato che avrei potuto avere.
ecco, oggi quello che vedo è che spesso di fronte a certi comportamenti di alcune persone siamo portati/obbligati a sopportare, mi domando però sempre ma perché io che mi comporto in un certo modo, che mi lavo e cosi via devo sopportare te che puzzi xche magari è na settimana che porti lo stesso vestito???

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9888
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da tartan » 2 marzo 2018, 17:18

Ayrton ha scritto:
tartan ha scritto:Solo per intromettermi ancora. Tanti anni luce fa, avevamo un biglietto gratis all'anno in quanto dipendenti. Era un bonus che non dava diritto a prenotazione, che dava diritto ad essere il primo a sbarcare se necessario e in più, specialmente se andavi in USA, dovevi presentarti a bordo molto ben vestito e con la cravatta.
Spesso in USA molti passeggeri viaggiavano in shorts, pantofole e canottiera. Una volta chiesi perché si era così rigidi con noi. Naturalmente non si trattava di imitarli, però per forza la cravatta ci pareva eccessivo. La risposta fu che loro pagavano. Quindi si tratta solo di soldi e non di rispetto per gli altri. Quando comanda la convenienza economica perché protestare o indignarsi?
in questa discussione la convenienza economica ci sta come la panna nella carbonara.
Secondo me invece ci sta eccome! La convenienza economica è un forte discriminante. Non dico che sia giusto, nel modo più assoluto, però discrimina sia in un senso, cioè nell'accettazione supina dell'ignoranza altrui, come nell'altro senso, cioè nel rifiuto della stessa ignoranza quando si crede di aver raggiunto un livello superiore. Mi spiegherò male, però ci provo! :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
tartan
Aircraft Performance Supervisor
Aircraft Performance Supervisor
Messaggi: 9888
Iscritto il: 13 gennaio 2008, 18:40
Località: Ladispoli (Roma)
Contatta:

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da tartan » 2 marzo 2018, 17:28

Provo a spiegarmi meglio.
Se pago tanto mi sento in diritto di pretendere tanto e di fare il comodo mio vietando agli altri di fare il loro! Se pago poco riesco a fare quello che prima non potevo ma nel momento stesso che accedo ad un ex privilegio, mi sento in dovere di comportarmi come quello che pagava tanto e quindi di poter fare il comodo mio e di non accettare il comodo degli altri. In tutti e due i casi si tratta di convenienza economica, quando non c'è in un caso e quando c'è nell'altro.
Si tratta solo di soldi, non esiste educazione o comprensione nel trasporto aereo. :mrgreen:
La mia vita è dove mi spendo, non dove mi ingrasso!
Prima o poi si muore, non c'è scampo, l'importante è morire da vivi.
http://web.tiscali.it/windrider/
Prima di pretendere un diritto devi assolvere almeno ad un dovere.

Avatar utente
andwork
05000 ft
05000 ft
Messaggi: 696
Iscritto il: 26 dicembre 2006, 19:14
Località: Rosà (VI)

Re: Bambino urla durante tutto il volo

Messaggio da andwork » 4 marzo 2018, 19:19

Lampo 13 ha scritto:
andwork ha scritto:premesso che l'alternativa, come dice anche flyingbrandon è quella di andar via per conto proprio, a volte non sempre è praticabile, e allora ti tocca stare in mezzo ad altri.
Fermo restando che ci vuole anche rispetto e sopportazione verso le persone con problemi, tuttavia queste persone con problemi e/o i loro accompagnatori, dovrebbero quantomeno adoperarsi per dare il minore fastidio possibile. Non ci credo che uno possa piangere per 8 ore senza mai smettere (o smettere per 10 minuti per poi ricominciare, ma tanto è lo stesso). Se proprio ha male, credo che chi lo accompagna debba portarsi via qualche tranquillante, qualche diversivo, qualcosa per rendere minore il dolore e farlo stare tranquillo.
Questo si chiama rispetto per gli altri, cosa che al giorno d'oggi manchi. Ecco, questo è il succo del discorso, non c'è più rispetto per nessuno. Da bambino, se ero in un luogo pubblico e mi comportavo male urlando o facendo altro, i miei genitori mi davano una sberla che me la ricordavo per un bel po'. Serve anche questo per educare la gente, quando diventano grandi si passa dalle sberle alle multe. Vedrai che poi quelli che disturbano solo per il gusto di farlo o per maleducazione, spariscono. E chi sta male veramente, avrà la comprensione di tutti.
Ribadendo che sono un fan di Erode Antipa e che mia madre mi ha "corcato" di botte quando ero ragazzino, a me quello che interessa sono le soluzioni, non le chiacchiere...
Dammi una soluzione pratica, legale ed applicabile per situazioni come questa,
se poi fosse anche "umana" sarebbe molto meglio!
Lampo, abbi pazienza, io stavo solo rimarcando che non è che il bambino ha ragione tout court. Io la soluzione non ce l'ho, di mestiere faccio altro.
Certo è che la maleducazione regna sovrana. Un richiamo al passeggero ci starebbe e magari una penalizzazione a livello economico in qualche modo.
Si potrebbe anche forzare mamma + bambino a visita medica obbligatoria una volta sbarcati, giusto per appurare se ci sia stato un problema serio oppure no. Se era semplice maleducazione, la si fa aspettare un bel po in attesa e alla fine gli si fa la ramanzina. Probabilmente la prossima volta ci pensa a far star tranquillo il pupo, piuttosto di rimanere ferma ore e dare spiegazioni.
Ben inteso, se il bambino ha problemi documentabili, allora ci si passa sopra.

Rispondi