Una domandina su smartwings

Area dedicata alla discussione di qualsiasi argomento riguardante l'aviazione in generale, ma comunque attinente al mondo del volo

Moderatore: Staff md80.it

Rispondi
brigidino
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 302
Iscritto il: 3 ottobre 2011, 21:43

Una domandina su smartwings

Messaggio da brigidino » 29 agosto 2019, 16:59

Ciao , leggendo fra le poche righe che sono riuscito a trovare, ho un dubbio al quale non ho trovato risposta, e non volendo inquinare l'area tecnica scrivo qui.

I fatti narrano che un 737-800 dopo uno spegnimento improvviso di un motore abbia volato per altre 2 ore e passa con un solo.

Quella che non mi torna in questa storia è il fatto che il comandante attenendosi al manualone boeing sia sceso di quota per tentare un doppio riavvio senza riuscirci.

Il controllo del traffico ha autorizzato una discesa fino a 7500 metri, e da quello che dice la cronaca senza motivo.

Ora io mi chiedo come sia possibile che di fronte a tale richiesta il controllo del traffico (di varie nazioni) non abbia mai "ripreso" l'equipaggio per chiedere un ritorno alla quota di crociera prevista.

Spiegatemi allora come questi hanno chiesto di scendere di 4000 mt apparentemente senza motivo , siano stati autorizzati e poi per 2 ore e 20 minuti nessuno in europa si è chiesto come mai il 737 volava a una quota così "particolare" e evidentemente molto discostante dal piano di volo.

Mi sembra che qui ci siano frittate un po' su tutti i fronti, piloti che non parlano e controllori che assecondano.

Qualcuno che ne capisce se mi può dire dove sbaglio, grazie.

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12160
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Una domandina su smartwings

Messaggio da AirGek » 29 agosto 2019, 18:08

Han perso un motore... sono scesi perché alla quota alla quale stavano con un solo motore non ci rimani. Bene.

Han tentato di rimetterlo in moto. Se ti si spegne così, non hai parametri sballati, botti o vibrazioni ci sta. Bene.

Non è ripartito... avran letto che il QRH dice plan to land at the nearest suitable airport ma invece hanno continuato per 2 ore...

L’ATC non ha chiesto? Poteva farlo... così come poteva farsi rifilare qualunque motivazione.

La cosa più eclatante è il palese mancato rispetto di un’istruzione presente nel QRH.
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Gensi
Rullaggio
Rullaggio
Messaggi: 31
Iscritto il: 27 novembre 2017, 4:04

Re: Una domandina su smartwings

Messaggio da Gensi » 29 agosto 2019, 21:37

This evening I had 2 A/C in 20 minutes from this operator on my frequency cruising at 250 so it's not so unusual to see the like that.

Ponch
B767 First Officer
B767 First Officer
Messaggi: 5574
Iscritto il: 30 aprile 2005, 18:48
Località: By the sea

Re: Una domandina su smartwings

Messaggio da Ponch » 29 agosto 2019, 22:12

Se mi si spegne un motore e tutti i parametri sono in ordine, mi preoccuperei ancora di piu’. Ergo, atterro il prima possibile.

Probabilmente non tenterei neanche di riaccenderlo perche’ atterrerei comunque.
AirGek ha scritto:La cosa più eclatante è il palese mancato rispetto di un’istruzione presente nel QRH.
Da pazzi!
brigidino ha scritto:
Ora io mi chiedo come sia possibile che di fronte a tale richiesta il controllo del traffico (di varie nazioni) non abbia mai "ripreso" l'equipaggio per chiedere un ritorno alla quota di crociera prevista.

Spiegatemi allora come questi hanno chiesto di scendere di 4000 mt apparentemente senza motivo , siano stati autorizzati e poi per 2 ore e 20 minuti nessuno in europa si è chiesto come mai il 737 volava a una quota così "particolare" e evidentemente molto discostante dal piano di volo.

Mi sembra che qui ci siano frittate un po' su tutti i fronti, piloti che non parlano e controllori che assecondano..
I controllori non hanno combinato proprio nessuna frittata.
Is it light where you are yet?

brigidino
02000 ft
02000 ft
Messaggi: 302
Iscritto il: 3 ottobre 2011, 21:43

Re: Una domandina su smartwings

Messaggio da brigidino » 30 agosto 2019, 9:54

Ponch ha scritto:Se mi si spegne un motore e tutti i parametri sono in ordine, mi preoccuperei ancora di piu’. Ergo, atterro il prima possibile.

Probabilmente non tenterei neanche di riaccenderlo perche’ atterrerei comunque.
AirGek ha scritto:La cosa più eclatante è il palese mancato rispetto di un’istruzione presente nel QRH.
Da pazzi!
brigidino ha scritto:
Ora io mi chiedo come sia possibile che di fronte a tale richiesta il controllo del traffico (di varie nazioni) non abbia mai "ripreso" l'equipaggio per chiedere un ritorno alla quota di crociera prevista.

Spiegatemi allora come questi hanno chiesto di scendere di 4000 mt apparentemente senza motivo , siano stati autorizzati e poi per 2 ore e 20 minuti nessuno in europa si è chiesto come mai il 737 volava a una quota così "particolare" e evidentemente molto discostante dal piano di volo.

Mi sembra che qui ci siano frittate un po' su tutti i fronti, piloti che non parlano e controllori che assecondano..
I controllori non hanno combinato proprio nessuna frittata.
Non posso che darti ragione Ponch, solo che mi suonava strano che ci fosse in giro per l'europa un 737 a 7500 metri senza un apparente motivo. Per chiedere cambi al piano di volo immaginavo fossero richiesti per motivi di sicurezza o per meteo. Ninete semplicemente mi suonava strano che alla richiesta di scendere di 10.000 piedi fosse stato detto ok senza un minimo di dibattito, in fondo non è una richiestina di 1000 o 2000 piedi.

Avatar utente
AirGek
FL 500
FL 500
Messaggi: 12160
Iscritto il: 7 dicembre 2008, 12:02
Località: 12 o'clock opposite direction

Re: Una domandina su smartwings

Messaggio da AirGek » 30 agosto 2019, 10:46

Qualche domanda in realtà potevano anche farla. E’ vero che potevano anche farsi rifilare qualunque spiegazione...

Specie d’estate è abbastanza difficile ottenere di volare a livelli diversi da quelli pianificati per via dell’intenso traffico... a seconda di dove ti trovi e quando non ti danno neppure 2000ft di differenza. Forse all’aereo in questione non han fatto troppe domande perché a FL250 è una specie di livello di “transizione”, basso per i jet e forse un po’ altino per i turboprop quindi non causava troppe problematiche...

Ad ogni modo ho sempre sostenuto che nonostante piloti e controllori lavorino costantemente a stretto contatto entrambi sanno ben poco di come lavora l’altro... e questo nei migliori dei casi causa bestemmie perché vedi nel modo di lavorare dell’altro semplice pigrizia (vedi, non è detto che sia così) mentre nel peggiore non si ottiene il meglio dalla interazione tra i due sistemi.
Football, basketball, baseball, tennis, golf? No thanks, I fly. Why? Because all that stuff requires one ball only!

Rispondi